Eusébio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando omonimo comune dello stato brasiliano del Ceará, vedi Eusébio (Ceará).
Eusébio
Eusebio Benfica.JPG
Eusébio al Benfica nel 1968
Dati biografici
Nome Eusébio da Silva Ferreira
Nazionalità Portogallo Portogallo
Altezza 177 cm
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Attaccante
Ritirato 1979
Carriera
Giovanili
1957-1960 Sporting L. Marques Sporting L. Marques
Squadre di club1
1957-1960 Sporting L. Marques Sporting L. Marques 42 (77)
1960-1975 Benfica Benfica 301 (317)
1975 Boston Minutemen Boston Minutemen 7 (2)
1975 Monterrey Monterrey 10 (1)
1975-1976 Toronto M.-Croatia Toronto M.-Croatia 25 (18)
1976 Beira-Mar Beira-Mar 12 (3)
1976-1977 L.V. Quicksilver L.V. Quicksilver 17 (2)
1977-1978 Uniao de Tomar União de Tomar 12 (3)
1978-1979 N. J. Americans N. J. Americans 4 (5)
Nazionale
1961-1973 Portogallo Portogallo 64 (41)
Palmarès
Coppa mondiale.svg Mondiali di calcio
Bronzo Inghilterra 1966
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 5 agosto 2013

Eusébio da Silva Ferreira (pronuncia portoghese [ewˈzɛbiu ðɐ ˈsiɫvɐ fɨˈʁɐjɾɐ]; Lourenço Marques, 25 gennaio 1942Lisbona, 5 gennaio 2014) è stato un calciatore portoghese, nato in Mozambico, di ruolo attaccante.

Considerato il giocatore portoghese più forte della storia[1][2] e tra i più forti del mondo[1][2], fu eletto Pallone d'oro nel 1965, arrivando al secondo posto in due occasioni (1962 e nel 1966) e vincendo la Scarpa d'oro per due volte (1968, 1973). Durante la sua carriera ha segnato 733 gol in 745 partite.[2]

È stato fondamentale per la nazionale portoghese ai mondiali del 1966, durante i quali il Portogallo raggiunse il terzo posto: fu il capocannoniere della manifestazione con 9 reti, di cui 4 solamente contro la Corea del Nord.[3]

Trascorse quindici dei suoi ventidue anni di carriera tra le file del Benfica, di cui è il miglior marcatore della storia con 638 gol in 614 partite ufficiali. A Lisbona ha vinto 11 titoli portoghesi, 5 coppe portoghesi, la Coppa dei Campioni 1961-1962 e ha raggiunto in altre tre occasioni la finale della Coppa dei Campioni. È stato il capocannoniere della Coppa Campioni nel 1965, nel 1966 e nel 1968. Ha vinto il titolo di miglior marcatore del campionato portoghese in sette occasioni (1964, 1965, 1966, 1967, 1968, 1970, 1973), record tutt'oggi mantenuto, ed è stato il primo calciatore a vincere la Scarpa d'oro, avendo vinto la prima edizione del trofeo nel 1968.

Soprannominato o Pantera Negra (il Pantera Nera), o Pérola Negra[3] (il Perla Nera) e o Rei (il Re), era noto per la sua velocità, la sua tecnica, la sua atleticità e il suo tiro potente e preciso che fecero di lui uno dei calciatori più prolifici e uno dei migliori tiratori di punizioni della storia. È considerato il calciatore del Benfica e quello portoghese più famoso della storia e anche il primo fuoriclasse di origine africana. Nonostante fosse nato in Mozambico da padre angolano, Eusébio poteva giocare solo per la Nazionale portoghese, essendo all'epoca i due paesi sotto la dipendenza portoghese.

Spesso è inserito tra i migliori calciatori della storia: occupa la nona posizione nella speciale classifica dei migliori calciatori del XX secolo pubblicata da IFFHS e il decimo posto in un sondaggio fatto da World Soccer.[1] Pelé l'ha inserito nel FIFA 100, la lista dei 125 migliori calciatori di ogni epoca ed è risultato settimo in un sondaggio online valido per l'UEFA Golden Jubilee Poll. Nel 2003 per celebrare il cinquantesimo anno dalla nascita della UEFA, questa invitò ogni federazione nazionale a scegliere il proprio miglior calciatore degli ultimi cinquanta anni e la scelta portoghese ricadde su Eusébio.[4] È stato definito come "il primo grande calciatore dell'Africa"[3] e "il più grande calciatore dell'Africa".[3]

Ha subito un ictus nel giugno 2012. È deceduto nel 2014 all'età di 71 anni a seguito di un arresto cardiaco[5].

Biografia[modifica | modifica sorgente]

La statua dedicata a Eusébio davanti l'Estádio da Luz di Lisbona

Nasce a Mafalala, quartiere di Lourenço Marques, oggi Maputo, capitale dell'allora colonia portoghese del Mozambico, dal padre angolano Laurindo António da Silva Ferreira e dalla madre mozambicana Elisa Anissabeni, quarto figlio di quest'ultima. Cresce in un ambiente estremamente povero ed è abituato a saltare le lezioni scolastiche per andare a giocare a calcio a piedi nudi con i suoi amici in campi e con palloni improvvisati. All'età di otto anni perde il padre, morto di tetano, quindi la madre si prende esclusivamente cura di lui.[6]

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica sorgente]

Era un potente attaccante dotato di ottima tecnica e notevoli qualità acrobatiche.[7] Correva i 100 metri in 11 secondi durante l'età adolescenziale.[8]

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Club[modifica | modifica sorgente]

Dagli inizi al contratto col Benfica[modifica | modifica sorgente]

Un giovane Eusébio nel 1963

Inizia a giocare in una squadra amatoriale chiamata Os Brasileiros (I Brasiliani), formata dai suoi amici in onore della Nazionale brasiliana degli anni cinquanta. I palloni da calcio che usavano era fatti con calzini e giornali. In seguito cerca di entrare insieme ad altri suoi amici nel Grupo Desportivo de Lourenço de Marques, società cittadina affiliata a quella portoghese del Benfica, ma viene respinto, senza aver la possibilità di dimostrare il suo potenziale.[9][10] In seguito prova allo Sporting Lourenço Marques che lo accetta. Qui è allenato dall'ex portiere della Nazionale italiana Ugo Amoretti, che lo propose, senza successo, alla Juventus, al Torino, al Genoa e alla Sampdoria. In particolare si propose la Juventus ma la madre di Eusébio non volle sentire alcuna proposta e non lo fece partire.[11] Gioca un paio di stagioni con la formazione giovanile mentre gioca qualche spezzone di partita con la prima squadra.[12] Arrivato in prima squadra vince un campionato provinciale del Mozambico e un campionato distrettuale di Lourenço Marques nel suo ultimo anno, nel 1960. Con la squadra totalizza 42 presenze e 77 gol, alla media di 1,83 reti a partita.

Nel 1960, l'ex centrocampista della nazionale brasiliana Bauer, lo scopre e ne parla al suo ex allenatore del San Paolo Béla Guttmann, allora alla guida del Benfica[13]. Poco prima di parlare con Guttmann, Bauer ne aveva consigliato l'acquisto alla sua ex squadra, il San Paolo, che però declina l'affare.[13] Eusébio, allora diciottenne, si trasferisce a Lisbona in cambio di 350.000 escudi, ed è aggregato in prima squadra. Il trasferimento fu controverso: lo Sporting Lourenço Marques era un società filiale dello Sporting Lisbona e all'inizio le due squadre rivali contestano la legittimità del trasferimento. Secondo lo stesso Eusébio la vicenda andò così: « giocavo in una società mozambicana affiliata allo Sporting Lisbona. Il Benfica voleva pagarmi un contratto per andare [in Portogallo], mentre lo Sporting Lisbona voleva portarmi [in Portogallo] come un giocatore junior per fare esperienza e senza alcuna retribuzione monetaria. Il Benfica ha avuto un migliore approccio: hanno parlato con mia madre e mio fratello, hanno offerto l'equivalente di circa € 1.000 per tre anni, mio fratello ha chiesto il doppio e loro hanno accettato facendo firmare il contratto a mia madre, che ha preso i soldi.[3] »

Dal 17 dicembre del 1960 Eusébio arriva a Lisbona ed è trasferito a Lagos, in Algarve, poiché il Benfica teme un sequestro di persona dei rivali dello Sporting Lisbona. Durante il trasferimento è noto con il nome in codice "Ruth Molosso". Rimane a Lagos per 12 giorni, fino a quando la situazione non si placa. A questo punto il giovane Eusébio prende in considerazione di lasciare il paese ma la madre lo convince a restare.[14]

Benfica[modifica | modifica sorgente]

Eusébio in allenamento nel 1964

Il Benfica lo registra solamente nella stagione seguente e lui esordisce il 23 maggio del 1961, in amichevole, contro l'Atlético Clube de Portugal, sfida conclusasi sul 4-2 con una tripletta di Eusébio.[15] Il suo debutto in una partita ufficiale arriva il primo giugno seguente contro il Vitória Setúbal, partita valida per il ritorno del terzo turno della Coppa del Portogallo 1960-1961. Il giorno precedente i portoghesi avevano appena affrontato il Barcellona nella finale di Coppa Campioni, vinta per 3-2, e ciononostante la federcalcio portoghese decise di non rinviare l'incontro: essendo i titolari ancora a Berna, il Benfica è costretto a schierare la squadra riserve in Coppa e perde 4-1 l'incontro senza passare al turno successivo a causa del risultato complessivo di 5-4. In questa sfida Eusébio segna l'unica rete della squadra e sbaglia anche un rigore (il primo di soli cinque che fallirà durante il corso della propria carriera). Il 10 giugno viene convocato per l'ultima partita di campionato contro il Belenenses, ai quali segna una rete nel 4-0 finale. Il 15 giugno seguente sale agli onori della cronaca: i portoghesi sono invitati al torneo di Parigi contro il Santos di Pelé e all'inizio della ripresa gli iberici si ritrovano sotto di 4-0; Guttmann decide di schierare Eusébio al posto di Joaquim Santana e, poco dopo il 5-0 dei brasiliani, il giovane realizza una tripletta e conquista un calcio di rigore che José Augusto fallisce; nonostante il punteggio finale di 6-3 per gli avversari, Eusébio si conquista la copertina del quotidiano francese L'Équipe. A dicembre viene nominato per il Pallone d'oro, ricevendo un voto.

La stagione seguente lo porta ad ottenere i riconoscimenti mondiali di tifosi e critica. Segna 12 reti in 17 incontri di campionato e nonostante il Benfica conclude il torneo nazionale al terzo posto, vince la Coppa del Portogallo battendo il Vitória Setúbal in finale per 3-0, incontro durante il quale firma una doppietta. Si ritrova protagonista nell'edizione della Coppa dei Campioni: agli ottavi di finale i portoghesi superano l'Austria Vienna con il punteggio di 6-2 ed Eusébio sigla una rete; ai quarti è protagonista della rimonta inflitta al Norimberga, squadra sconfitta per 6-0 a Lisbona grazie ad una sua doppietta dopo aver rimediato un 3-1 in Germania; in semifinale cade anche il Tottenham sul 4-3 e nella finale contro il Real Madrid, sul punteggio parziale di 3-3, Eusébio trasforma il rigore del 4-3 e realizza anche il 5-3, portando il Benfica alla vittoria della sua seconda Coppa Campioni consecutiva. Questi risultati gli consentono di arrivare al secondo posto nella classifica per il Pallone d'oro, dietro solamente a Josef Masopust. Nel 1963 il Benfica vince il campionato, raggiungendo la finale di Coppa Campioni: Eusébio segna quattro reti contro il Norrköping (6-2 complessivo), delle quali tre solamente nella sfida di ritorno, un gol al Feyenoord (3-1) e la rete del parziale vantaggio dei portoghesi nella finale contro gli italiani del Milan; nella ripresa gli avversari rimontano con una doppietta di José Altafini, capocannoniere dell'edizione, e vincono il torneo. A fine stagione è quinto nella classifica per il Pallone d'oro. Nell'ottobre del 1963, è selezionato per rappresentare la squadra della FIFA al "Golden Anniversary" della FA al Wembley Stadium.

Eusébio con la maglia del Benfica raffigurato su un francobollo dell'Ajman nel 1968

Nel 1964 le Aquile conquistano il double ed Eusébio ottiene il titolo di miglior marcatore del campionato con 28 centri. In Europa segna tre reti ai nordirlandesi del Distillery (8-3) prima di uscire dalla competizione per mano del Borussia Dortmund (6-2), squadra alla quale segna un gol nel vittorioso 2-1 di Lisbona prima di subire un netto 5-0 a Dortmund. Per il terzo anno consecutivo rientra nella lista dei candidati al Pallone d'oro, giungendo quarto. L'anno successivo Eusébio trascina i suoi alla vittoria in campionato, vincendo nuovamente il titolo di capocannoniere, e raggiungendo la finale della Coppa nazionale, persa 3-1 contro il Vitória Setúbal. In Coppa Campioni Eusébio forma una prolifica coppia assieme al compagno di reparto José Augusto Torres e dopo aver escluso l'Aris Bonnevoie (10-2, tre gol), La Chaux-de-Fonds (6-1, una rete), Real Madrid (6-3, tre reti) e Vasas Győri ETO (5-0, doppietta), arriva alla finale contro l'Inter e perde 1-0, vincendo il titolo marcatori con 9 reti assieme a José Augusto Torres. Il 28 dicembre del 1965 gli è assegnato il Pallone d'oro con 67 voti. Nel 1966 conquista per il terzo anno consecutivo la classifica marcatori del campionato, segnando 25 reti (a pari merito con Ernesto Figueiredo) e portando il Benfica fino al secondo posto. Nell'edizione della Coppa Campioni i portoghesi travolgono i dilettanti del F91 Dudelange con un 18-0: la Pantera Nera sigla quattro reti nella sfida di ritorno, conclusasi sul 10-0; nel turno successivo segna le due reti delle Aquile a Sofia, contro il Levski Sofia (2-2) e firma una delle reti che consentono ai portoghesi di passare il turno, vincendo 3-2 la gara di ritorno giocata in casa; ai quarti il Manchester United estromette il Benfica con il punteggio complessivo di 8-3. Con 7 marcature vince il titolo di capocannoniere della Coppa Campioni, per la seconda volta nella sua carriera. Nel dicembre del 1966 sfiora la seconda vittoria consecutiva del Pallone d'oro, perdendo il premio per un solo punto nei confronti di Bobby Charlton. Nel 1967 vince nuovamente il titolo nazionale, firmando 31 gol e ottenendo di conseguenza un'altra vittoria nella graduatoria dei marcatori; non potendo giocare la Coppa dei Campioni, il Benfica s'iscrive alla Coppa delle Fiere ma il cammino non è lungo e termina agli ottavi di finale contro il Lokomotive Lipsia (4-3). Eusébio gioca tutti e quattro gli incontri del torneo e sigla quattro gol. Per il settimo anno consecutive è nella lista dei candidati alla vittoria del Pallone d'oro, cogliendo il quinto posto nell'edizione del 1967. La stagione 1967-1968 è la più prolifica, e lo vede protagonista di 42 gol in campionato (quinto titolo di capocannoniere consecutivo), vinto dal Benfica, e di 6 reti in Coppa dei Campioni (terzo titolo di capocannoniere). Nella competizione europea Eusébio segna al primo turno contro il Glentoran, al secondo turno contro il Saint-Étienne, ai quarti di finale contro il Vasas e in semifinale contro la Juventus, società alla quale segna sia all'andata in Portogallo (2-0) sia al ritorno a Torino (0-1), consentendo alle Aquile di approdare alla finale, dove il Manchester United sconfigge per 4-1 i portoghesi. Durante questa partita, dopo una parata del portiere avversario Alex Stepney su un suo tiro, mentre questi si apprestava a rimettere il pallone in gioco, Eusébio si fermò ad applaudire la sua prodezza.[16] Le sue 42 marcature in campionato gli consentono di vincere la prima edizione della Scarpa d'oro nel 1968 ma nonostante ciò, a dicembre è ottavo nella classifica per il Pallone d'oro.

Nel 1969 il Benfica centra una nuova doppietta vincendo campionato e Coppa, ma per la prima volta dopo cinque anni Eusébio non risulta al vertice della classifica marcatori: segna solo 11 gol in 26 giornate, uscendo, dopo otto anni di costante partecipazione, dalla lista dei pretendenti al Pallone d'oro. Nell'anno seguente i Rossi vincono la Taça de Portugal, arrivando al secondo posto in campionato, dove Eusébio ritrova il successo nella classifica marcatori, segnando 20 reti. In Europa i portoghesi escono al secondo turno, nonostante quattro reti di Eusébio. Alla fine dell'anno solare è nominato nella lista dei contendenti al Pallone d'oro, ma non è tra i protagonisti dell'edizione. Nel 1971 il Benfica vince il campionato, giocando la Coppa delle Coppe UEFA: l'attaccante mozambicano firma 7 reti in 3 incontri, sfiorando il titolo di capocannoniere della competizione, ma ciò non basta a far passare il secondo turno ai portoghesi. Le Aquile colgono un altro double nel 1972, uscendo in semifinale nella Coppa Campioni: in questa stagione segna 20 gol, ritornando nella lista del Pallone d'oro. Il Benfica domina il torneo portoghese del 1973, trascinato dalle reti di Eusébio, che mette a segno 40 reti, portandosi a casa il suo settimo ed ultimo titolo di miglior marcatore della prima divisione. In Coppa Campioni la Pantera Nera ritorna alla doppietta nella partita di ritorno contro il Malmö, ma la squadra di Lisbona esce al secondo turno, esclusa dal Derby County. In quest'annata mantiene una media reti/partita superiore all'1, terminando al settimo posto nella lista del Pallone d'oro stilata nel dicembre del 1973, anno durante il quale conquista la sua seconda Scarpa d'oro. Nel 1974, per la prima volta da quando Eusébio è in prima squadra, il Benfica non vince alcun titolo, perdendo la finale della Coppa contro lo Sporting Lisbona (2-1) e terminando il campionato al secondo posto, sempre dietro allo Sporting. Il 24 ottobre 1973 Eusébio realizza il suo ultimo gol in Europa, a Lisbona contro gli ungheresi dell'Újpest (1-1), concludendo la stagione con 17 reti in 25 incontri. Nel giugno del 1975 lascia il Benfica, dopo quindici anni durante i quali ha segnato 638 reti in 614 incontri ufficiali, 317 gol in 301 sfide di campionato, 97 marcature in 60 partite di Coppa nazionale e 46 realizzazioni in 64 presenze nelle competizioni europee.

Gli ultimi anni[modifica | modifica sorgente]

Eusébio (a destra) con Pelé (a sinistra) prima di una partita della NASL nell'aprile del 1977.

Nel 1975 si trasferisce negli Stati Uniti giocando per il Boston Minutemen nella NASL. In seguito gioca anche per il Monterrey, in Messico e per il Toronto Metros-Croatia, squadra canadese che partecipa alla NASL: in questa stagione si rende protagonista giocando 25 partite e siglando 18 reti, rendendosi protagonista della finale contro il Minnesota Kicks, durante la quale segna una delle reti nel 3-0 che consente ai Toronto di vincere il torneo.[17]

Due anni dopo ritorna in Portogallo, vestendo la casacca del Beira-Mar, squadra che a fine stagione retrocede in seconda divisione nonostante le 3 reti in 12 partite di Eusébio. Nello stesso anno ritorna negli USA, rimanendo nella NASL, vestendo i colori dei Las Vegas Quicksilver prima di ritornare in patria per giocare con l'União de Tomar, club di seconda divisione. Nel 1978 fa un nuovo viaggio verso l'America, giocando nell'American Soccer League prima e nella Major Indoor Soccer League dopo, ritirandosi dal calcio giocato nel 1979 e facendo parte del comitato tecnico della Nazionale portoghese.

Nazionale[modifica | modifica sorgente]

Eusébio capitano del Portogallo contro l'Argentina

Con 41 gol in 64 partite è stato il miglior realizzatore del Portogallo fino a quando Pauleta non ha eguagliato e superato il suo record nel 2005.[3] È stato anche il calciatore che ha collezionato più presenze dal 1972 al 1984, quando Tamagnini Nené non l'ha eguagliato e superato nel giugno del 1984.

Fa il suo esordio in Nazionale l'8 ottobre 1961 contro il Lussemburgo, sfida persa 4-2 e durante la quale sigla la sua prima rete in Nazionale. Il 24 gennaio 1965, durante un incontro valido per le qualificazioni al mondiale del 1966 Eusébio realizza una tripletta contro la Turchia (5-1), mettendo a segno anche due reti contro la Romania (2-1) il successivo 2 giugno. Esordisce al mondiale giocando contro l'Ungheria, sfida vinta 3-1. In seguito segna la sua prima rete alla Bulgaria (3-0) e poi firma una doppietta al Brasile di Pelé (3-1); dopo aver passato la fase a gironi il Portogallo estromette la Corea del Nord grazie ad un poker di reti di Eusébio (5-3), accedendo alle semifinali. Prima della sfida contro l'Inghilterra ci fu una controversia: l'incontro si sarebbe dovuto disputare al Goodison Park di Liverpool ma i funzionari inglesi riuscirono a spostare la sede della partita a Wembley[18] e i portoghesi dovettero fare un viaggio in treno da Liverpool per raggiungere Londra. Dopo l'incontro gli iberici escono sconfitti per 2-1, nonostante un gol su rigore della Pantera Nera, che si rifa nella finale per il terzo posto, vinta 2-1 ai danni dell'URSS con un rigore realizzato da Eusébio, che alla fine della manifestazione è il miglior marcatore dell'edizione con 9 centri. Dopo le prestazioni di Eusébio, gli inglesi decidono di farne una raffigurazione in cera da esporre al Madame Tussauds[19]. Il 4 maggio del 1969 indossa per la prima volta la fascia di capitano della Nazionale nella partita contro la Grecia (2-2), durante la quale segna anche un gol. Dal 1971 è ufficialmente il capitano del Portogallo fino al suo ritiro, nel 1973: il 28 marzo 1973 segna la sua ultima rete contro l'Irlanda del Nord (1-1) mentre il 13 ottobre seguente gioca la sua ultima partita contro la Bulgaria (2-2), dopo aver giocato 16 incontri da capitano.

Dopo il ritiro[modifica | modifica sorgente]

Nel 2008, in suo onore, è stata istituita l'Eusébio Cup.

Statistiche[modifica | modifica sorgente]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica sorgente]

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
1957 Mozambico Lourenço Marques M 4 9 - - - - - - - - - 4 9
1958 M 7 11 - - - - - - - - 7 11
1959 M 11 21 - - - - - - - - - 11 21
1960 M 20 36 - - - - - - - - - 20 36
Totale Lourenço Marques 42 77 - - - - - - 42 77
1960-1961 Portogallo Benfica PD 1 1 CP  ?  ? CC 0 0 - - - 1+ 1+
1961-1962 PD 17 12 CP  ?  ? CC 6 5 Cint 1 1 24+ 18+
1962-1963 PD 24 23 CP  ?  ? CC 7 6 Cint 2 1 33+ 30+
1963-1964 PD 19 28 CP  ?  ? CC 3 4 - - - 22+ 32+
1964-1965 PD 20 28 CP  ?  ? CC 9 9 - - - 29+ 37+
1965-1966 PD 23 25 CP  ?  ? CC 5 7 - - - 28+ 32+
1966-1967 PD 26 31 CP  ?  ? CdF 4 4 - - - 30+ 35+
1967-1968 PD 24 42 CP  ?  ? CC 9 6 - - - 33+ 48+
1968-1969 PD 21 10 CP  ?  ? CC 5 1 - - - 26+ 11+
1969-1970 PD 22 21 CP  ?  ? CC 4 4 - - - 26+ 25+
1970-1971 PD 22 19 CP  ?  ? CdC 3 7 - - - 25+ 26+
1971-1972 PD 24 19 CP  ?  ? CC 8 1 - - - 32+ 20+
1972-1973 PD 28 40 CP  ?  ? CC 4 2 - - - 32+ 42+
1973-1974 PD 21 16 CP  ?  ? CC 4 1 - - - 25+ 17+
1974-1975 PD 9 2 CP  ?  ? CC 4 0 - - - 13+ 2+
Totale Benfica 301 317 60 97 75 57 3 2 439 473
1975 Stati Uniti Boston Minutemen NASL 7 2 - - - - - - - - - 7 2
1975-1976 Messico Monterrey PD 10 1 - - - - - - - - - 10 1
1976 Canada Toronto Metros-Croatia NASL 25[20] 18[21] - - - - - - - - - 25 18
1976-1977 Portogallo Beira-Mar PD 12 3 - - - - - - - - - 12 3
1977 Stati Uniti Las Vegas Quicksilver NASL 17 2 - - - - - - - - - 17 2
1977-1978 Portogallo União de Tomar LdH 12 3 - - - - - - - - - 12 3
1978 Stati Uniti New Jersey Americans ASL 4 5 - - - - - - - - - 4 5
1979 Stati Uniti Buffalo Stallions MISL 5 1 - - - - - - - - - 5 1
Totale carriera 435 429 60 97 64 46 3 2 573 585

Cronologia di presenze e reti in Nazionale[modifica | modifica sorgente]

Cronologia completa delle presenze e delle reti in Nazionale - Portogallo Portogallo
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
08-10-1961 Lussemburgo Lussemburgo Lussemburgo 4 – 2 Portogallo Portogallo Qual. Mondiali 1962 1
25-10-1961 Londra Inghilterra Inghilterra 2 – 0 Portogallo Portogallo Qual. Mondiali 1962 -
06-05-1962 San Paolo Brasile Brasile 2 – 1 Portogallo Portogallo Amichevole -
09-05-1962 Rio de Janeiro Brasile Brasile 1 – 0 Portogallo Portogallo Amichevole -
17-05-1962 Lisbona Portogallo Portogallo 1 – 2 Belgio Belgio Amichevole 1
07-11-1962 Sofia Bulgaria Bulgaria 3 – 1 Portogallo Portogallo Qual. Euro 1964 1
16-12-1962 Lisbona Portogallo Portogallo 3 – 1 Bulgaria Bulgaria Qual. Euro 1964 -
21-04-1963 Lisbona Portogallo Portogallo 1 – 0 Brasile Brasile Amichevole -
29-04-1964 Zurigo Svizzera Svizzera 2 – 3 Portogallo Portogallo Amichevole -
03-05-1964 Bruxelles Belgio Belgio 1 – 2 Portogallo Portogallo Amichevole 1
17-05-1964 Lisbona Portogallo Portogallo 3 – 4 Inghilterra Inghilterra Amichevole 1
31-05-1964 Rio de Janeiro Argentina Argentina 2 – 0 Portogallo Portogallo Taça das Nações -
04-06-1964 San Paolo Inghilterra Inghilterra 1 – 1 Portogallo Portogallo Taça das Nações -
15-11-1964 Porto Portogallo Portogallo 2 – 1 Spagna Spagna Amichevole 2
24-01-1965 Lisbona Portogallo Portogallo 5 – 1 Turchia Turchia Qual. Mondiali 1966 3
19-04-1965 Ankara Turchia Turchia 0 – 1 Portogallo Portogallo Qual. Mondiali 1966 1
25-04-1965 Bratislava Cecoslovacchia Cecoslovacchia 0 – 1 Portogallo Portogallo Qual. Mondiali 1966 1
13-06-1965 Lisbona Portogallo Portogallo 2 – 1 Romania Romania Qual. Mondiali 1966 2
24-06-1965 Porto Portogallo Portogallo 0 – 0 Brasile Brasile Amichevole -
31-10-1965 Porto Portogallo Portogallo 0 – 0 Cecoslovacchia Cecoslovacchia Qual. Mondiali 1966 -
21-11-1965 Bucarest Romania Romania 2 – 0 Portogallo Portogallo Qual. Mondiali 1966 -
12-06-1966 Lisbona Portogallo Portogallo 4 – 0 Norvegia Norvegia Amichevole 2
18-06-1966 Glasgow Scozia Scozia 0 – 1 Portogallo Portogallo Amichevole -
21-06-1966 Esbjerg Danimarca Danimarca 1 – 3 Portogallo Portogallo Amichevole 1
26-06-1966 Lisbona Portogallo Portogallo 3 – 0 Uruguay Uruguay Amichevole -
03-07-1966 Porto Portogallo Portogallo 1 – 0 Romania Romania Amichevole -
13-07-1966 Manchester Portogallo Portogallo 3 – 1 Ungheria Ungheria Mondiali 1966 - 1º turno -
16-07-1966 Manchester Portogallo Portogallo 3 – 0 Bulgaria Bulgaria Mondiali 1966 - 1º turno 1
19-07-1966 Liverpool Portogallo Portogallo 3 – 1 Brasile Brasile Mondiali 1966 - 1º turno 2
23-07-1966 Liverpool Portogallo Portogallo 5 – 3 Corea del Nord Corea del Nord Mondiali 1966 - Quarti di finale 4
26-07-1966 Londra Inghilterra Inghilterra 2 – 1 Portogallo Portogallo Mondiali 1966 - Semifinali 1
28-07-1966 Londra Portogallo Portogallo 2 – 1 URSS URSS Mondiali 1966 - Finale 3º posto 1
13-11-1966 Lisbona Portogallo Portogallo 1 – 2 Svezia Svezia Qual. Euro 1968 -
27-03-1967 Roma Italia Italia 1 – 1 Portogallo Portogallo Amichevole 1
01-06-1967 Solna Svezia Svezia 1 – 1 Portogallo Portogallo Qual. Euro 1968 -
08-06-1967 Oslo Norvegia Norvegia 1 – 2 Portogallo Portogallo Qual. Euro 1968 2
12-11-1967 Porto Portogallo Portogallo 2 – 1 Norvegia Norvegia Qual. Euro 1968 -
26-11-1967 Sofia Bulgaria Bulgaria 1 – 0 Portogallo Portogallo Qual. Euro 1968 -
17-12-1967 Lisbona Portogallo Portogallo 0 – 0 Bulgaria Bulgaria Qual. Euro 1968 -
27-10-1968 Lisbona Portogallo Portogallo 3 – 0 Romania Romania Qual. Mondiali 1970 -
11-12-1968 Il Pireo Regno di Grecia Regno di Grecia 4 – 2 Portogallo Portogallo Qual. Mondiali 1970 1
16-04-1969 Lisbona Portogallo Portogallo 0 – 2 Svizzera Svizzera Qual. Mondiali 1970 -
04-05-1969 Porto Portogallo Portogallo 2 – 2 Regno di Grecia Regno di Grecia Qual. Mondiali 1970 1
12-10-1969 Bucarest Romania Romania 1 – 0 Portogallo Portogallo Qual. Mondiali 1970 -
02-11-1969 Berna Svizzera Svizzera 1 – 1 Portogallo Portogallo Qual. Mondiali 1970 1
14-10-1970 Copenhagen Danimarca Danimarca 0 – 1 Portogallo Portogallo Qual. Euro 1972 -
17-02-1971 Bruxelles Belgio Belgio 3 – 0 Portogallo Portogallo Qual. Euro 1972 -
21-04-1971 Lisbona Portogallo Portogallo 2 – 0 Scozia Scozia Qual. Euro 1972 1
12-05-1971 Porto Portogallo Portogallo 5 – 0 Danimarca Danimarca Qual. Euro 1972 1
13-10-1971 Glasgow Scozia Scozia 2 – 1 Portogallo Portogallo Qual. Euro 1972 -
21-11-1971 Lisbona Portogallo Portogallo 1 – 1 Belgio Belgio Qual. Euro 1972 -
29-03-1972 Lisbona Portogallo Portogallo 4 – 0 Cipro Cipro Qual. Mondiali 1974 -
11-06-1972 Natal Ecuador Ecuador 0 – 3 Portogallo Portogallo Coppa d'Indipendenza Brasiliana 1
14-06-1972 Recife Iran Iran 0 – 3 Portogallo Portogallo Coppa d'Indipendenza Brasiliana 1
18-06-1972 Recife Cile Cile 1 – 4 Portogallo Portogallo Coppa d'Indipendenza Brasiliana 1
25-06-1972 Recife Portogallo Portogallo 2 – 1 Irlanda Irlanda Coppa d'Indipendenza Brasiliana -
29-06-1972 Rio de Janeiro Argentina Argentina 1 – 3 Portogallo Portogallo Coppa d'Indipendenza Brasiliana 1
02-07-1972 Rio de Janeiro Uruguay Uruguay 1 – 1 Portogallo Portogallo Coppa d'Indipendenza Brasiliana -
06-07-1972 Belo Horizonte Portogallo Portogallo 1 – 0 URSS URSS Coppa d'Indipendenza Brasiliana -
09-07-1972 Rio de Janeiro Brasile Brasile 1 – 0 Portogallo Portogallo Coppa d'Indipendenza Brasiliana -
03-03-1973 Parigi Francia Francia 1 – 2 Portogallo Portogallo Amichevole 2
28-03-1973 Coventry Irlanda del Nord Irlanda del Nord 1 – 1 Portogallo Portogallo Qual. Mondiali 1974 1
02-05-1973 Sofia Bulgaria Bulgaria 2 – 1 Portogallo Portogallo Qual. Mondiali 1974 -
13-10-1973 Lisbona Portogallo Portogallo 2 – 2 Bulgaria Bulgaria Qual. Mondiali 1974 -
Totale Presenze 64 Reti 41

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

Club[modifica | modifica sorgente]

Competizioni nazionali[modifica | modifica sorgente]

Benfica: 1960-1961, 1962-1963, 1963-1964, 1964-1965, 1966-1967, 1967-1968, 1968-1969, 1970-1971, 1971-1972, 1972-1973, 1973-1974, 1974-1975
Toronto M.-Croatia: 1976
Benfica: 1961-1962, 1963-1964, 1968-1969, 1969-1970, 1971-1972
  • Campeonato Distrital de Lourenço Marques: 1
1960
1960

Competizioni internazionali[modifica | modifica sorgente]

Benfica: 1961-1962

Individuale[modifica | modifica sorgente]

1965
1968, 1973
1970, 1973
1963-1964 (28 gol), 1964-1965 (28 gol), 1965-1966 (25 gol, ex aequo con Ernesto Figueiredo), 1966-1967 (31 gol), 1967-1968 (42 gol), 1969-1970 (20 gol), 1972-1973 (40 gol)
1964-1965 (9 gol), 1965-1966 (7 gol), 1967-1968 (6 gol)
Inghilterra 1966 (9 gol)
  • Inserito nelle "Leggende del calcio" del Golden Foot (2003)

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Medaglia d'Argento dell'Ordine dell'Infante Dom Henrique - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d'Argento dell'Ordine dell'Infante Dom Henrique
— 19 dicembre 1966
Gran Croce dell'Ordine dell'Infante Dom Henrique - nastrino per uniforme ordinaria Gran Croce dell'Ordine dell'Infante Dom Henrique
— 21 gennaio 1992
Gran Croce dell'Ordine al Merito del Portogallo - nastrino per uniforme ordinaria Gran Croce dell'Ordine al Merito del Portogallo
— 5 luglio 2004

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c (EN) Karel Stokkermans, IFFHS' Century Elections, Rec.Sport.Soccer Statistics Foundation, 30 gennaio 2000. URL consultato il 10 marzo 2009.
  2. ^ a b c (EN) Eusebio: Portugal football legend dies aged 71, BBC Sport, 5 gennaio 2014. URL consultato il 5 gennaio 2014.
  3. ^ a b c d e f (EN) From Africa to posterity: How Eusébio lit up the World Cup in The Guardian, 6 giugno 2010. URL consultato il 7 giugno 2013.
  4. ^ (EN) "Golden Players take centre stage" – uefa.com, UEFA, 2003.
  5. ^ (PT) Morreu Eusebio (pt) Abola.pt
  6. ^ (PT) "Eusébio – A minha História", João Malheiro, 2005, QN-Edição e Conteúdos, pág. 14
  7. ^ Eusébio Treccani.it
  8. ^ Luca Pisapia, Portogallo, morto Eusebio. La leggenda del calcio vittima di un arresto cardiaco in Il Fatto Quotidiano, 5 gennaio 2014. URL consultato il 6 gennaio 2014.
  9. ^ (PT) 100 figuras do futebol português, A Bola, 12 dicembre 2007. URL consultato il 10 gennaio 2014.
  10. ^ (PT) Entrevista com Nuno Martins (Parte 1) Retrieved 9 February 2011
  11. ^ (PT) Eusébio. "Em 15 anos que joguei no Benfica, o FC Porto nunca ganhou" Retrieved 27 January 2011
  12. ^ (PT) Memórias do Maxaquene Retrieved 27 January 2011
  13. ^ a b Max Gehringer, Os vice-campeões in 1950 Brasil, pp.46-47, Especial Placar: A Saga da Jules Rimet (4). Editora Abril, dicembre 2005.
  14. ^ (PT) Eusébio chegou há 50 anos Retrieved 26 January 2011.
  15. ^ (PT) As Grandes Figuras do Futebol Português Retrieved 26 January 2011.
  16. ^ (EN) Eusébio to receive UEFA President's Award. Uefa.com. Retrieved on 2011-05-08.
  17. ^ http://news.google.com/newspapers?nid=1314&dat=19760829&id=BCFOAAAAIBAJ&sjid=nO0DAAAAIBAJ&pg=5541,5535255
  18. ^ Mundial de Inglaterra 1966 – Y POR SI TODO ESTO FUERA POCO, Todoslosmundiales.com.ar. URL consultato il 3 giugno 2010. (ES)
  19. ^ Eusebio: Portugal football legend dies aged 71 bbc.com
  20. ^ 21 secondo Nasljerseys.com.
  21. ^ 16 secondo Nasljerseys.com.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 2985300 LCCN: n94058773