Michel Platini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando l'omonimo calciatore brasiliano, vedi Michel Platini Ferreira Mesquita.
Michel Platini
Platini Juventus Pallone d'oro.jpg
Platini con il suo secondo Pallone d'oro consecutivo vinto nel 1984
Dati biografici
Nome Michel François Platini
Nazionalità Francia Francia
Altezza 177 cm
Peso 73 kg
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Allenatore (ex centrocampista)
Ritirato 1987 - giocatore
1992 - allenatore
Carriera
Giovanili
1966-1972 non conosciuta Jœuf
Squadre di club1
1972-1979 Nancy Nancy 172 (102)
1979-1982 Saint-Etienne Saint-Étienne 96 (50)
1982-1987 Juventus Juventus 147 (68)
Nazionale
1976-1987
1988
Francia Francia
Kuwait Kuwait
72 (41)
1 (0)
Carriera da allenatore
1988-1992 Francia Francia
Palmarès
Coppa mondiale.svg Mondiali di calcio
Bronzo Messico 1986
UEFA European Cup.svg Europei di calcio
Oro Francia 1984
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 28 gennaio 2007

Michel François Platini (Jœuf, 21 giugno 1955) è un dirigente sportivo, allenatore di calcio ed ex calciatore francese, presidente dell'UEFA dal 26 gennaio 2007.[1]

Da calciatore legò il suo nome principalmente a quello della Juventus e della Nazionale di calcio francese, di cui è stato tra i principali artefici dei rispettivi successi degli anni ottanta[2] (con i bianconeri giocò dal 1982 al 1987, quando terminò la carriera a 32 anni, dopo aver conquistato numerosi trofei,[3][4] con la Nazionale transalpina ottenne validi piazzamenti nelle competizioni internazionali del decennio 1976-86, tra cui la vittoria del campionato europeo nel 1984; competizione in cui peraltro svettò in classifica marcatori con nove reti, che ne fanno il capocannoniere storico del torneo.

È stato l'unico calciatore della storia ad aver vinto consecutivamente tre Palloni d'oro, premio conferito dalla rivista francese France Football fino al 2009, ed è stato riconosciuto da numerosi addetti ai lavori fra i migliori dieci calciatori del XX secolo nonché il più rappresentativo calciatore francese del Novecento.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Nasce a Jœuf, nella Lorena, il 21 giugno 1955. Suo padre, Aldo Platini, è figlio di immigrati italiani originari di Agrate Conturbia (in provincia di Novara), stabilitisi in Francia al termine della prima guerra mondiale, mentre sua madre, Anna Piccinelli, è di origini bellunesi.[5]

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica sorgente]

Platini salta in dribbling un avversario del Genoa, nell'ultima giornata del torneo 1983-1984.

Era un regista dotato di un notevole bagaglio tecnico, ottima visione del gioco e un innato senso del goal;[6] anche grazie a quest'ultima caratteristica risultò più prolifico di molti attaccanti della sua generazione. Negli anni alla Juventus sviluppò una buona capacità di elevazione, che lo portò a completare il suo repertorio con goal di testa e fu un efficiente rigorista dei bianconeri.[6]

Reputato uno dei migliori calciatori e specialisti del calcio di punizione nella storia (i suoi calci piazzati, che spesso scavalcavano la barriera avversaria, furono soprannominati "alla Platini", a indicare l'unicità che gli era attribuita),[6] era valido nel servire i compagni da diverse posizioni e in varie modalità.[6][7]

La sua capacità tecnica e l'attitudine a essere un leader gli valsero il soprannome di Le Roi (Il Re, in francese).[6][8]

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Giocatore[modifica | modifica sorgente]

Club[modifica | modifica sorgente]

« [Ho giocato nel] Nancy perché era la mia città, Saint-Étienne perché era la migliore in Francia e Juventus perché è la migliore al mondo. »
(Michel Platini in un'intervista alla RAI subito dopo la sua ultima partita in Serie A – Juventus-Brescia 3-2, 17 maggio 1987.[9])
Gli anni in Francia[modifica | modifica sorgente]
Il mancato approdo all'Inter

Sul finire degli anni settanta, Platini era già stato vicino all'approdo nel campionato italiano. Nel febbraio del 1978 il giocatore arriva a Milano, in compagnia del dirigente Sandro Mazzola, per firmare un precontratto della durata di tre anni con l'Inter del presidente Ivanoe Fraizzoli; il francese, tuttavia, non può raggiungere la Serie A nel 1979, come era previsto, per via del blocco agli ingaggi verso gli stranieri – il cui termine viene posposto all'anno successivo. Il calciatore, nel frattempo, si trasferisce al Saint-Étienne, dove rimane fino al 1982 quando, in scadenza di contratto, si accorda con la Juventus; il numero uno nerazzurro Fraizzoli, anche per via di alcune perplessità circa le condizioni fisiche del fantasista, rinunciò infatti a ulteriori tentativi per portare il francese a Milano:[10][11][12] «avevo firmato nel ‘77, ma le frontiere, dopo, sono rimaste chiuse. Quando le hanno riaperte, avevo un contratto con il Saint-Étienne, ma quando ho potuto venire alla Juventus, per onestà ho chiamato l’Inter, dicendo che ero sul punto di firmare con la Juve: "ho dato la mia parola quattro anni fa a voi, se mi volete sono sempre disposto". Mi hanno detto che avevano già preso due giocatori e che, dunque, ero libero di fare quello che volevo».[13]

Fa il suo debutto tra i professionisti in Francia nel 1973, firmando un contratto con il Nancy. Nella prima stagione da titolare, 21 presenze e 2 gol, il Nancy retrocede per differenza reti.[14] L'anno seguente, sempre con la stessa squadra vince il Groupe Sud della Division 2 e la finale di categoria (la Serie B francese) contro il Valenciennes, vincitore del Groupe Nord. Nella stagione 1976-1977 raggiunge il quarto posto in campionato (miglior piazzamento dal passaggio al professionismo del club, avvenuto nel 1967) e nel 1978 la Coppa di Francia segnando, da capitano il gol con cui, nella finale del Parco dei Principi il Nancy batte il Nizza per 1-0.[15]

La stagione 1978-1979 è travagliata: ritenuto responsabile del fallimento ai mondiali d'Argentina 1978 (dove la Francia esce al primo turno, battuta dai padroni di casa e dall'Italia, rispettivamente la vincitrice e la quarta classificata), viene fischiato dal pubblico; inoltre, nella trasferta di Saint-Étienne (quarta di andata) si procura una triplice frattura del malleolo, che lo costringe a un'assenza dai campi di sei mesi.[16] Con 127 gol (in 215 partite, media 0,59 gol a partita), Platini è tuttora il miglior cannoniere della storia del Nancy.

A scadenza del contratto, si trasferisce proprio al Saint-Étienne, la squadra più titolata in patria.[17] Con i verdi di Francia, il fantasista vince il campionato nel 1981.

Gli anni alla Juventus[modifica | modifica sorgente]
« L'abbiamo comprato per un tozzo di pane e lui ci ha messo sopra il foie gras. »
(Gianni Agnelli[18])
1982-1985[modifica | modifica sorgente]
Una famosa immagine di Platini, vanamente contrastato da un difensore dell'Avellino nel corso della stagione 1983-1984.

Viene acquistato dalla vecchia Signora pochi giorni dopo la conclusione dell'acquisto di Zbigniew Boniek: questa scelta personale dell'avvocato Gianni Agnelli obbliga la società a privarsi di Liam Brady, a causa della norma che permetteva la presenza in squadra al massimo di due stranieri.[19] Il cartellino di Platini viene pagato 250 milioni di lire;[19] per il francese il contratto biennale prevede 400 milioni di lire l'anno. Michel non è inizialmente in condizione,[6] ma nel girone di ritorno della stagione 1982-1983 le sue prestazioni vanno in crescendo[6] e si sviluppa l'intesa con Boniek, che il mediano francese serve con aperture, lanci (anche di quaranta metri) e passaggi filtranti.[6]

Platini contribuisce quindi alla positiva seconda parte di stagione della Juventus, che arriva in finale di Coppa dei Campioni (dove viene battuta dall'Amburgo). Realizza due dei tre gol con cui i bianconeri s'impongono 3-0 nella finale di ritorno di Coppa Italia, dopo i tempi supplementari, al Comunale di Torino sull'emergente Hellas Verona, aggiudicandosi il trofeo (la finale di andata, a Verona, si era conclusa 2-0 per i padroni di casa).

Il francese migliora ancora il rendimento nella stagione 1983-1984, segnando un maggior numero di gol: 20 in 28 presenze, cifra con cui vince il duello a distanza per il titolo di capocannoniere con il brasiliano Zico (19 reti), giunto quella stagione in Italia nelle file dell'Udinese. Michel conquista il suo primo Pallone d'oro nel 1983, battendo con 110 preferenze lo scozzese Kenny Dalglish, del Liverpool campione d'Europa, che raccoglie 26 preferenze.

Platini, assieme a Gaetano Scirea, con la Coppa Intercontinentale 1985 conquistata dalla Juventus a Tokyo contro l'Argentinos Juniors.

Nella stagione 1984-1985, terminata dai bianconeri al sesto posto (non viene quindi replicato il successo dell'anno precedente), Platini, con i suoi 18 gol ottiene la sua terza affermazione nella classifica dei marcatori (davanti ad Altobelli e Maradona) e contribuisce alla vittoria della Supercoppa europea. In finale di Coppa Campioni, a Bruxelles contro il Liverpool, disputata per delibera della confederazione europea e del Ministero dell'Interno del Belgio, nonostante gli incidenti accadduti nel prepartita, provocati dagli hooligans inglesi[20] che causano la morte di trentanove persone sulle tribune dello stadio, il centrocampista francese segna su rigore il gol dell'1-0 finale (il penalty fu causato da un fallo su Boniek, imbeccato dallo stesso Platini con un lancio da cinquanta metri). Platini chiude anche l'edizione della Coppa dei Campioni da capocannoniere, con 7 marcature.

1985-1987[modifica | modifica sorgente]

Nell'anno calcistico 1985-1986, a causa delle cessioni di alcuni compagni di squadra (Paolo Rossi, Boniek e Marco Tardelli; Claudio Gentile aveva lasciato la Signora nella stagione precedente) Michel rimane fra i giocatori più "anziani" della rosa bianconera, sempre allenata da Giovanni Trapattoni. Il francese è determinante nella finale di Coppa Intercontinentale, vinta a Tokyo contro l'Argentinos Juniors l'8 dicembre 1985, dove nei tempi regolamentari dapprima mette a segno il penalty dell'1-1, e serve poi a Laudrup l'assist del 2-2; la gara viene vinta dalla Juventus ai rigori, ed è il fantasista bianconero a insaccare il tiro che porta la squadra torinese sul tetto del mondo.

Sul finire del 1985 Platini si aggiudica il terzo Pallone d'oro della sua carriera, quarto consecutivo per un giocatore della Juventus, dopo quello di Paolo Rossi e i primi due dello stesso Platini. Rimasto uno dei tre componenti del vecchio gruppo (gli altri sono Scirea e Cabrini), causa la continuazione del processo di rinnovamento della rosa juventina, Platini realizza due marcature in campionato, nell'annata 1986-1987 (alla seconda giornata contro l'Avellino, e alla sesta contro l'Ascoli).

Platini assieme a Diego Armando Maradona nel campionato 1986-1987, che per il francese fu l'ultimo giocato da calciatore prima del ritiro.

A fine stagione annuncia il suo addio al calcio giocato, all'età di 32 anni, in un'intervista rilasciata allo Stadio Comunale nella quale il giocatore adduce motivazioni fisiche; non riuscendo più a raggiungere la forma necessaria per esprimersi ad alti livelli, rifiuta un arretramento "tattico" e preferisce anticipare il ritiro:[6][21] «quando io ho smesso, non avevo più benzina. Era da tanti anni che giocavo a pallone ed ero veramente stanco, cotto. Ho passato tutto il 1986 infortunato e avevo dei problemi alle caviglie per cui ho deciso di smettere».[13]

Nazionale[modifica | modifica sorgente]

1978-1986[modifica | modifica sorgente]

Nel 1978 Platini disputa il primo dei suoi tre mondiali. Michel mette a segno la rete del momentaneo pareggio, nella seconda partita del girone eliminatorio con l'Argentina padrona di casa, che poi s'impone per 2-1, determinando l'eliminazione della selezione transalpina (che ha perso anche la prima gara, per 1-2, contro l'Italia di Bearzot).

Al Campionato mondiale di calcio 1982 Platini va a segno una volta contro il Kuwait (che viene battuto dalla Francia per 4-1), nella prima fase e una volta in semifinale contro la Germania Ovest, pareggiando su rigore 1-1. Nei supplementari la Francia si porta sul 3-1 ma la squadra tedesca, con una rimonta, giunge al pareggio per poi avere la meglio per 5-4 ai calci di rigore (determinando quindi l'eliminazione dei Bleus dalla competizione). La squadra francese perderà anche la finale per il terzo posto contro la Polonia di Boniek, futuro compagno di squadra di Platini nella Juventus.

Platini e Marco Tardelli durante un'amichevole tra Italia e Francia al San Paolo di Napoli.

Al Campionato europeo del 1984, vinto dalla Francia, paese ospitante, i gol di Michel sono determinanti per battere Danimarca (1-0 nel girone iniziale), Belgio (5-0, con annessa tripletta) e Jugoslavia (la tripletta della rimonta, 3-2 sugli slavi, nell’ultima gara del girone iniziale); in finale segna su punizione la rete dell’1-0 contro la Spagna (poi battuta 2-0). Platini si laurea capocannoniere del torneo con 9 reti, più del doppio rispetto al precedente record di reti (per una singola edizione) per la stessa competizione, fino ad allora detenuto dai tedeschi Gerd Müller (che al Campionato europeo di calcio 1972 ne aveva siglati 4) e Dieter Müller (che ne aveva siglati altrettanti quattro anni dopo, in Jugoslavia 1976, scavalcando il primato dell'omonimo connazionale); nelle edizioni successive nessuno superò le 5 marcature.

1986-1988[modifica | modifica sorgente]

Al mondiale 1986 apre le marcature contro l'Italia campionessa del Mondo in carica (poi battuta dai Bleus per 2-0; realizza la sua rete con un inserimento centrale e pallonetto davanti al portiere in uscita) e pareggiando 1-1 nei quarti di finale contro il Brasile, poi sconfitto dai transalpini ai rigori (di nuovo sconfitta dalla Germania Ovest alle semifinali, la Francia si aggiudica poi il terzo posto battendo il Belgio, contro cui Michel non scende in campo).

In seguito disputa tre gare per le qualificazioni ad Euro '88, prima di lasciare definitivamente la Nazionale del suo Paese. Platini è tuttora il secondo marcatore di sempre con la maglia della Nazionale francese, con 41 gol in 72 presenze, alle spalle di Thierry Henry con 51 gol in 123 presenze.

Dopo l'addio al calcio, su invito dell'emiro Jamir III al-Ahmad del Kuwait, nel 1988 Platini gioca per 21 minuti con la casacca della nazionale kuwaitiana in una partita amichevole contro l'URSS.[22]

Allenatore[modifica | modifica sorgente]

Dopo il suo ritiro dall'agonismo ricopre il ruolo di commissario tecnico della Nazionale francese (dal 1º novembre 1988 al 17 giugno 1992), senza vincere alcuna competizione.

Diviene allenatore dei Galletti dopo la mancata qualificazione al campionato d'Europa 1988 (all'epoca si qualificavano 8 squadre, delle 33 iscritte all'UEFA); con lui alla guida i francesi non si qualificano al campionato del mondo 1990, sopravanzati nelle eliminatorie da Scozia e Jugoslavia.

Dal 29 aprile 1989 al 20 novembre 1991 la sua squadra ricava 19 risultati utili consecutivi, che nel '91 gli valgono il premio di "allenatore dell'anno" da parte del mensile World Soccer. Nonostante il percorso netto (8 vittorie) nelle qualificazioni, al campionato d'Europa 1992 la Francia non vince alcuna partita e viene eliminata nella fase a gruppi dalla Svezia padrona di casa e dalla Danimarca, poi vincitrice del torneo.

In totale ha seduto sulla panchina della Nazionale transalpina per 39 partite, ottenendo 16 vittorie.

Dirigente[modifica | modifica sorgente]

Michel Platini nel 2010

Il 10 novembre 1992 è nominato co-presidente (insieme a Fernand Sastre) del Comité français d'organisation, il comitato organizzatore del Campionato mondiale di calcio 1998.[23][24]

Vicepresidente della Federcalcio francese dal 2001 al 2008,[25] dal 2002 ricopre la medesima carica nell'Esecutivo della FIFA[26] Il 26 gennaio 2007 vince le elezioni per la presidenza della UEFA con 27 voti favorevoli, contro i 23 di Lennart Johansson, il presidente uscente.[27] Il 22 marzo 2011 è rieletto, per acclamazione, presidente dell'organo di governo del calcio europeo.[28]

Riforma delle Coppe europee e dei regolamenti[modifica | modifica sorgente]

Platini basa buona parte della sua campagna elettorale per la presidenza UEFA, sulla riforma delle Coppe europee, in particolar modo della Coppa dei Campioni; secondo lui, anche le squadre campionesse nazionali dei paesi minori devono avere il diritto di giocare, o tentare di giocare, la fase a gironi autunnale.

Michel Platini nel 2009 a Breslavia con Rafał Dutkiewicz e Grzegorz Lato, durante un sopralluogo per verificare lo stato dei lavori agli impianti di Euro 2012.

Dopo l'elezione di Michel alla suddetta presidenza, i suoi intenti sull'organizzazione delle Coppe europee si concretizzano il 30 novembre 2007, quando viene approvato il nuovo format per il triennio 2009-2012: le squadre schierate dai campionati principali, Spagna, Germania e Inghilterra saranno quattro, di cui tre ammesse direttamente al primo turno, mentre la quarta eventualmente dopo aver vinto il turno preliminare; le partecipanti di diritto alla fase a gironi passano da 16 a 22, comprendendo oltre alle terze classificate dei primi tre paesi del Ranking UEFA, le squadre campioni nazionali dei paesi dal 7º al 12º (o 13º) posto. Per i rimanenti dieci posti si qualificheranno i cinque campioni nazionali che avevano superato la fase preliminare e le cinque squadre delle federazioni forti, accontentando sia le federazioni dell'Est (come promesso in campagna elettorale) che quelle ricche (Italia, Germania, Spagna e Inghilterra). La finale, dopo 54 anni, non si disputerà più di mercoledì, ma di sabato.[29]

Platini è inoltre impegnato in un processo di riequilibrio economico del calcio europeo, che aumenti il controllo sulla sostenibilità economica dei bilanci delle squadre impegnate nelle competizioni organizzate dalla UEFA.[30]

In una intervista del febbraio 2009, Platini si è detto contrario all'applicazione della moviola in campo, ma favorevole all'aumento del numero di arbitri schierati nel rettangolo di gioco.[4]

Statistiche[modifica | modifica sorgente]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica sorgente]

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
1972-1973 Francia Nancy D1 5 2 CF 0 0 - - - - - - 5 2
1973-1974 D1 21 2 CF 3 0 - - - - - - 24 2
1974-1975 D2 32+1[31] 17 CF 8 13 - - - - - - 41 30
1975-1976 D1 31 22 CF 5 6 - - - - - - 36 28
1976-1977 D1 38 25 CF 1 0 - - - - - - 39 25
1977-1978 D1 36 18 CF 10 7 - - - - - - 46 25
1978-1979 D1 19 12 CF 5 3 CdC 0 0 - - - 24 15
Totale Nancy 183 98 32 29 0 0 - - 215 127
1979-1980 Francia Saint-Étienne D1 33 16 CF 7 5 CU 7 5 - - - 47 26
1980-1981 D1 35 20 CF 10 5 CU 7 4 - - - 52 29
1981-1982 D1 36 22 CF 8 5 CC 2 0 - - - 46 27
Totale Saint-Étienne 104 58 25 15 16 9 - - 145 82
1982-1983 Italia Juventus A 30 16 CI 13 7 CC 9 5 - - - 52 28
1983-1984 A 28 20 CI 7 3 CdC 8 2 - - - 43 25
1984-1985 A 30 18 CI 7 4 CC 9 7 SU 1 0 47 29
1985-1986 A 30 12 CI 4 1 CC 6 3 CInt 1 1 41 17
1986-1987 A 29 2 CI 8 1 CC 4 2 - - - 40 5
Totale Juventus 147 68 39 16 36 19 2 1 224 104
Totale carriera 434 224 96 60 52 28 2 1 584 313

Cronologia presenze e reti in Nazionale[modifica | modifica sorgente]

Cronologia completa delle presenze e delle reti in Nazionale - Francia Francia
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
27/03/1976 Parigi Francia Francia 2 – 2 Cecoslovacchia Cecoslovacchia Amichevole 1
22/05/1976 Budapest Ungheria Ungheria 1 – 0 Francia Francia Amichevole -
01/09/1976 Copenaghen Danimarca Danimarca 1 – 1 Francia Francia Amichevole 1
09/10/1976 Sofia Bulgaria Bulgaria 2 – 2 Francia Francia Qual. Mondiali 1978 1
17/11/1976 Parigi Francia Francia 2 – 0 Irlanda Irlanda Qual. Mondiali 1978 1
23/02/1977 Parigi Francia Francia 1 – 0 Germania Ovest Germania Ovest Amichevole -
30/03/1977 Dublino Irlanda Irlanda 1 – 0 Francia Francia Qual. Mondiali 1978 -
23/04/1977 Ginevra Svizzera Svizzera 0 – 4 Francia Francia Amichevole 1
26/06/1977 Buenos Aires Argentina Argentina 0 – 0 Francia Francia Amichevole -
30/06/1977 Rio de Janeiro Brasile Brasile 2 – 2 Francia Francia Amichevole -
08/10/1977 Parigi Francia Francia 0 – 0 URSS URSS Amichevole -
16/11/1977 Parigi Francia Francia 3 – 1 Bulgaria Bulgaria Qual. Mondiali 1978 1
08/02/1978 Napoli Italia Italia 2 – 2 Francia Francia Amichevole 1
01/04/1978 Parigi Francia Francia 1 – 0 Brasile Brasile Amichevole 1
19/05/1978 Lilla Francia Francia 2 – 0 Tunisia Tunisia Amichevole 1
02/06/1978 Mar del Plata Italia Italia 2 – 1 Francia Francia Mondiali 1978 - 1º turno -
06/06/1978 Buenos Aires Argentina Argentina 2 – 1 Francia Francia Mondiali 1978 - 1º turno 1
10/06/1978 Mar del Plata Francia Francia 3 – 1 Ungheria Ungheria Mondiali 1978 - 1º turno -
04/04/1979 Bratislava Cecoslovacchia Cecoslovacchia 2 – 0 Francia Francia Qual. Euro 1980 -
02/05/1979 New York Stati Uniti Stati Uniti 0 – 6 Francia Francia Amichevole -
05/09/1979 Stoccolma Svezia Svezia 1 – 3 Francia Francia Qual. Euro 1980 1
10/10/1979 Parigi Francia Francia 3 – 0 Stati Uniti Stati Uniti Amichevole 1
27/02/1980 Parigi Francia Francia 5 – 1 Grecia Grecia Amichevole 2
26/03/1980 Parigi Francia Francia 0 – 0 Paesi Bassi Paesi Bassi Amichevole -
23/05/1980 Mosca URSS URSS 1 – 0 Francia Francia Amichevole -
11/10/1980 Limassol Cipro Cipro 0 – 7 Francia Francia Qual. Mondiali 1982 2
28/10/1980 Parigi Francia Francia 2 – 0 Irlanda Irlanda Qual. Mondiali 1982 1
19/11/1980 Hannover Germania Ovest Germania Ovest 4 – 1 Francia Francia Amichevole -
18/02/1981 Madrid Spagna Spagna 1 – 0 Francia Francia Amichevole -
09/09/1981 Bruxelles Belgio Belgio 2 – 0 Francia Francia Qual. Mondiali 1982 -
14/10/1981 Dublino Irlanda Irlanda 3 – 2 Francia Francia Qual. Mondiali 1982 1
18/11/1981 Parigi Francia Francia 2 – 0 Paesi Bassi Paesi Bassi Qual. Mondiali 1982 1
23/02/1982 Parigi Francia Francia 2 – 0 Italia Italia Amichevole 1
28/04/1982 Parigi Francia Francia 0 – 1 Perù Perù Amichevole -
02/06/1982 Tolosa Francia Francia 0 – 1 Galles Galles Amichevole -
16/06/1982 Bilbao Inghilterra Inghilterra 3 – 1 Francia Francia Mondiali 1982 - 1º turno -
21/06/1982 Valladolid Francia Francia 4 – 1 Kuwait Kuwait Mondiali 1982 - 1º turno 1
24/06/1982 Valladolid Francia Francia 1 – 1 Cecoslovacchia Cecoslovacchia Mondiali 1982 - 1º turno -
04/07/1982 Madrid Francia Francia 4 – 1 Irlanda del Nord Irlanda del Nord Mondiali 1982 - 2º turno -
08/07/1982 Siviglia Germania Ovest Germania Ovest 3 – 3 dts
(5-4 dcr)
Francia Francia Mondiali 1982 - Semifinale 1
06/10/1982 Parigi Francia Francia 1 – 0 Ungheria Ungheria Amichevole -
10/11/1982 Rotterdam Paesi Bassi Paesi Bassi 1 – 2 Francia Francia Amichevole 1
16/02/1983 Guimaraes Portogallo Portogallo 0 – 3 Francia Francia Amichevole -
23/03/1983 Parigi Francia Francia 1 – 1 URSS URSS Amichevole -
07/09/1983 Copenaghen Danimarca Danimarca 3 – 1 Francia Francia Amichevole 1
05/10/1983 Parigi Francia Francia 1 – 1 Spagna Spagna Amichevole -
29/02/1984 Parigi Francia Francia 2 – 0 Inghilterra Inghilterra Amichevole 2
01/06/1984 Marsiglia Francia Francia 2 – 0 Scozia Scozia Amichevole -
12/06/1984 Parigi Francia Francia 1 – 0 Danimarca Danimarca Euro 1984 - 1º turno 1
16/06/1984 Nantes Francia Francia 5 – 0 Belgio Belgio Euro 1984 - 1º turno 3
19/06/1984 Saint-Etienne Francia Francia 3 – 2 Jugoslavia Jugoslavia Euro 1984 - 1º turno 3
23/06/1984 Marsiglia Francia Francia 3 – 2 dts Portogallo Portogallo Euro 1984 - Semifinale 1
27/06/1984 Parigi Francia Francia 2 – 0 Spagna Spagna Euro 1984 - Finale 1
13/10/1984 Lussemburgo Lussemburgo Lussemburgo 0 – 4 Francia Francia Qual. Mondiali 1986 1
21/11/1984 Parigi Francia Francia 1 – 0 Bulgaria Bulgaria Qual. Mondiali 1986 1
08/12/1984 Parigi Francia Francia 2 – 0 Germania Est Germania Est Qual. Mondiali 1986 -
03/04/1985 Sarajevo Jugoslavia Jugoslavia 0 – 0 Francia Francia Qual. Mondiali 1986 -
02/05/1985 Sofia Bulgaria Bulgaria 2 – 0 Francia Francia Qual. Mondiali 1986 -
21/08/1985 Parigi Francia Francia 2 – 0 Uruguay Uruguay Coppa Artemio Franchi -
11/09/1985 Lipsia Germania Est Germania Est 2 – 0 Francia Francia Qual. Mondiali 1986 -
30/10/1985 Parigi Francia Francia 6 – 0 Lussemburgo Lussemburgo Qual. Mondiali 1986 -
16/11/1985 Parigi Francia Francia 2 – 0 Jugoslavia Jugoslavia Qual. Mondiali 1986 2
26/02/1986 Parigi Francia Francia 0 – 0 Irlanda del Nord Irlanda del Nord Amichevole -
01/06/1986 León Canada Canada 0 – 1 Francia Francia Mondiali 1986 - 1º turno -
05/06/1986 León Francia Francia 1 – 1 URSS URSS Mondiali 1986 - 1º turno -
09/06/1986 León Ungheria Ungheria 0 – 3 Francia Francia Mondiali 1986 - 1º turno -
17/06/1986 Città del Messico Italia Italia 0 – 2 Francia Francia Mondiali 1986 - Ottavi 1
21/06/1986 Guadalajara Brasile Brasile 1 – 1 dts
(3-4 dcr)
Francia Francia Mondiali 1986 - Quarti 1
25/06/1986 Guadalajara Francia Francia 0 – 2 Germania Ovest Germania Ovest Mondiali 1986 - Semifinale -
11/10/1986 Parigi Francia Francia 0 – 2 URSS URSS Qual. Euro 1988 -
19/11/1986 Lipsia Germania Est Germania Est 0 – 0 Francia Francia Qual. Euro 1988 -
29/04/1987 Parigi Francia Francia 2 – 0 Islanda Islanda Qual. Euro 1988 -
Totale Presenze (17º posto) 72 Reti (2º posto) 41
Cronologia completa delle presenze e delle reti in Nazionale - Kuwait Kuwait
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
27/11/1988 Kuwait Kuwait Kuwait 0 – 2 URSS URSS Amichevole -
Totale Presenze 1 Reti 0

Cronologia presenze da commissario tecnico della Nazionale[modifica | modifica sorgente]

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

Individuale[modifica | modifica sorgente]

1976, 1977
1983, 1984, 1985
1983, 1984, 1985
1984, 1985
1995
1982-1983 (16 gol), 1983-1984 (20 gol), 1984-1985 (18 gol)
Francia 1984 (9 gol)
1984-1985 (7 gol ex aequo con Torbjorn Nilsson dell'IFK Göteborg)
Spagna 1982; Messico 1986
  • Miglior giocatore dell'Europeo: 1
Francia 1984
Francia 1984
1985

Allenatore[modifica | modifica sorgente]

Individuale[modifica | modifica sorgente]

1991

Riconoscimenti[modifica | modifica sorgente]

La stella celebrativa assegnata a Platini nel Cammino delle stelle attorno lo Juventus Stadium (2013).
1977, 1984
1989
1994
  • Inserito nel FIFA World Team of the 20th Century dalla Fédération Internationale de Football Association[34][35]
1998
2000
  • Inserito nel FIFA Dream Team dalla Fédération Internationale de Football Association[34]
2002
2004
2004
2008
2011
  • Introdotto al Salón de la Fama del Fútbol[38]
2011
2012
  • Premio Nils Liedholm[40]
2013

Nella graduatoria per il Pallone d'oro del 1983 segnò il massimo distacco in percentuale dal secondo classificato nella storia del premio, totalizzando ben 4 volte (110 contro 26) il punteggio di Kenny Dalglish, centrocampista del Liverpool. Platini si piazzò al secondo posto in due occasioni (1977 e 1980) ed una al terzo posto (1986), cosa che nella classifica storica del trofeo lo colloca al secondo posto dietro al tedesco Franz Beckenbauer.

L'Istituto Internazionale di Storia e Statistica del Calcio, organizzazione riconosciuta dalla FIFA, lo ha inserito al 7º posto nella classifica dei migliori calciatori del XX secolo[41] (quinto fra i giocatori europei e primo fra i calciatori francesi[42]). In una lista simile, la rivista di calcio inglese World Soccer lo ha inserito al 5º posto nella classifica dei migliori calciatori del secolo (primo calciatore francese). Ha anche raggiunto la percentuale di voto più alta nella votazione del premio "Calciatore dell'anno" assegnata dalla stessa rivista: nel 1984 ottenne il 54% delle preferenze, risultando tuttora l'unico giocatore ad aver superato la soglia del 50%.

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Cavaliere della Legion d'Onore - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere della Legion d'Onore
— 29 aprile 1985[43]
Ufficiale della Legion d'Onore - nastrino per uniforme ordinaria Ufficiale della Legion d'Onore
— 1988

Pubblicazioni varie[modifica | modifica sorgente]

  • (ES) César Sánchez, Platini, el exquisito tramposo in Don Balón, nº 1683, 14/20 gennaio 2008.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Platini elected UEFA president in FIFA.com, 26 gennaio 2007. URL consultato il 18 giugno 2011.
  2. ^ Gianni Brera, Da Ferrari a Platini: Ecco la Juve più bella in la Repubblica, 14 maggio 2009. URL consultato il 18 giugno 2011.
  3. ^ 109 anni di calcio prima della partita sul prato dell'Olimpico hanno sfilato 26 giocatori che hanno fatto la storia bianconera in La Stampa, 2 novembre 2006. URL consultato il 18 giugno 2011.
  4. ^ a b Fulvio Bianchi, Platini: "No a moviola in campo: Così il calcio non è umano" in la Repubblica, 28 marzo 2008. URL consultato il 18 giugno 2011.
  5. ^ Buon compleanno, Monsieur Calcio, la Repubblica.it, 21 giugno 2005.
  6. ^ a b c d e f g h i DnaMilan Michel Platini (8 agosto 2012, Enrico Bonifazi) - URL consultato il 19 dicembre 2013 -
  7. ^ Sánchez, op. cit., pag. 36
  8. ^ Giampiero Timossi, Tra Hamrin e Batigol Toni per la storia in La Gazzetta dello Sport, 31 marzo 2006. URL consultato il 18 giugno 2011.
  9. ^ L'ultima partita di Platini con la Juventus in YouTube.com, 17 maggio 2011. URL consultato il 17 giugno 2011.
  10. ^ Mazzola, Platini e Fraizzoli: l'affare mancato in storiedicalcio.altervista.org. URL consultato il 12 dicembre 2012.
  11. ^ La tribù del calcio - Puntata del 22 febbraio 2014 in sportmediaset.it. URL consultato il 19 settembre 2014.
  12. ^ Platini-Inter, era fatta in sportmediaset.it. URL consultato il 19 settembre 2014.
  13. ^ a b Platini ricorda il passaggio sfumato all’Inter (“Io avevo dato la mia parola”) e manda un messaggio all’Italia: “Grazie dell’amore e simpatia” in goal.com, 18 novembre 2010.
  14. ^ (FR) Ligue de Football Professionnel - Ligue 1 - Classe in LFP.fr. URL consultato il 18 giugno 2011.
  15. ^ Michel Platini in SoloCalcio.com. URL consultato il 18 giugno 2011.
  16. ^ (FR) Platini de Nancy in L'Équipe, 30 marzo 2011. URL consultato il 18 giugno 2011. [collegamento interrotto]
  17. ^ Genio e Artista: il più grande calciatore francese di tutti i tempi in StoriediCalcio.it. URL consultato il 18 giugno 2011.
  18. ^ Maradona «migliore di qualunque allenatore» in Corriere della Sera, 25 gennaio 2003. URL consultato il 18 giugno 2011.
  19. ^ a b Corriere della Sera (articolo tratto dal libro "Una vita a testa alta" di Giampiero Boniperti) Quella telefonata all' Avvocato: «Platini è nostro» (23 aprile 2003) - URL consultato il 24 dicembre 2014 -
  20. ^ A Bruxelles i teppisti inglesi accusati della strage di Heysel in la Repubblica, 10 settembre 1987. URL consultato il 18 giugno 2011.
  21. ^ «Non sopportava più i problemi alle caviglie e, soprattutto, l'idea di arretrare tecnicamente per prolungarsi la carriera, come facevano tanti. Le Roi Michel voleva lasciare di sé il ricordo migliore...», cfr. Luigi Garlando, La memoria corta di un poeta del calcio in SportWeek, 13 settembre 2014, p. 8.
  22. ^ (FR) Axel Borg, Platini-Koweït, une pige en or in yourzone.beinsports.fr, 21 marzo 2014.
  23. ^ Havelange: "32 squadre ai mondiali" in la Repubblica, 8 aprile 1994. URL consultato il 18 giugno 2011.
  24. ^ (FR) Tout a commencé il y a quatorze ans in Libération, 2 dicembre 1997. URL consultato il 20 novembre 2011.
  25. ^ (FR) MEMBRES conseil federal. URL consultato il 23 ottobre 2011.
  26. ^ Platini lancia gli arbitri di porta in B in la Repubblica, 26 marzo 2009. URL consultato il 18 giugno 2011.
  27. ^ Lara Vecchio, Platini eletto presidente Uefa: «Voglio guarire il mondo del calcio» in Il Sole 24 ORE, 26 gennaio 2007. URL consultato il 18 giugno 2011.
  28. ^ Il ringraziamento del Presidente UEFA alle federazioni in UEFA.com, 22 marzo 2011. URL consultato il 18 giugno 2011.
  29. ^ La febbre Champions del sabato sera in UEFA.com, 22 maggio 2010. URL consultato il 18 giugno 2011.
  30. ^ Intervista esclusiva a Platini: "Più controlli sui bilanci" in Ju29ro.com, 20 giugno 2009. URL consultato il 18 giugno 2011.
  31. ^ (EN) Finale de la Division 2 1975 in FootballDatabase.eu.
  32. ^ (EN) All-Star Team. URL consultato il 17 febbraio 2014.
  33. ^ Sánchez, op. cit., pag. 39
  34. ^ a b c (EN) Marcelo Leme de Arruda, World All-Time Teams in The Record Sport Soccer Statistics Foundation, 15 maggio 2004. URL consultato il 25 febbraio 2010.
  35. ^ (EN) Michel Platini: Elegance and intelligence personified in blue in FIFA.com. URL consultato il 25 febbraio 2010.
  36. ^ (FR) Michel Platini, Joueur français du siècle in France Football, nº 2855, 26 dicembre 2000.
  37. ^ (EN) Latest News - Hall of Fame 2008 in National Football Museum Hall of Fame. URL consultato il 25 febbraio 2010.
  38. ^ (ES) Generación del 2011: Investidos extranjeros – Michel Platini in Salón de la Fama del Fútbol. URL consultato il 15 novembre 2013.
  39. ^ (EN) Globe Soccer Awards 2012 - Michel Platini in globesoccerawards.com, 28 dicembre 2012. URL consultato il 30 dicembre 2012.
  40. ^ «Per le immense capacità tecniche unite alla forte leadership con cui illumina da sempre il mondo del calcio internazionale, ieri sul campo, oggi da dirigente», cfr. Il Premio Liedholm al Presidente UEFA in Union des Associations Européennes de Football, 10 ottobre 2013. URL consultato il 10 novembre 2013.
  41. ^ (EN) The World's best Player of the Century in International Federation of Football History & Statistics. URL consultato il 25 febbraio 2010.
  42. ^ (EN) Europe's best Player of the Century in International Federation of Football History & Statistics. URL consultato il 25 febbraio 2010.
  43. ^ Parigi a Platini la Legion d'Onore in la Repubblica, 22 dicembre 1984. URL consultato il 25 febbraio 2010.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 79033261 LCCN: n89653017