Kaká

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando il calciatore brasiliano con lo stesso pseudonimo nato nel 1981, vedi Claudiano Bezerra da Silva.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando il giocatore di calcio a 5 brasiliano con lo stesso pseudonimo, vedi Kaká (giocatore di calcio a 5).
Kaká
Kaka061115 Crop.jpg
Kaká prima dell'amichevole Svizzera-Brasile del 15 novembre 2006.
Dati biografici
Nome Ricardo Izecson dos Santos Leite
Nazionalità Brasile Brasile
Altezza 186[1] cm
Peso 83[1] kg
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Centrocampista, attaccante
Squadra San Paolo San Paolo
Carriera
Giovanili
1994-2000 San Paolo San Paolo
Squadre di club1
2001-2003 San Paolo San Paolo 59 (23)
2003-2009 Milan Milan 193 (70)
2009-2013 Real Madrid Real Madrid 85 (23)
2013-2014 Milan Milan 30 (7)
2014 Orlando City Orlando City 0 (0)
2014- San Paolo San Paolo 1 (1)
Nazionale
2001
2003
2002-2013
Brasile Brasile U-20
Brasile Brasile U-23
Brasile Brasile
5 (1)
5 (4)[2]
87 (29)[3]
Palmarès
Coppa mondiale.svg Mondiali di calcio
Oro Corea del Sud-Giappone 2002
Transparent.png Confederations Cup
Oro Germania 2005
Oro Sudafrica 2009
CONCACAF - Gold Cup.svg Gold Cup
Argento USA-Messico 2003
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 27 luglio 2014

Ricardo Izecson dos Santos Leite, meglio noto come Kaká (hiˈkaɾdʊ iˈzɛksõⁿ dʊs‿ˈsɐ̃ⁿtʊs ˈleɪ̯t͡ʃɪ; Gama, 22 aprile 1982[4][5]), è un calciatore brasiliano, centrocampista o attaccante del San Paolo, in prestito dall'Orlando City.

Nel novero dei giocatori di calcio più forti del mondo, nel 2007 ha vinto il Pallone d'oro, ambìto premio istituito da France Football, e il FIFA World Player. Con il Milan ha conquistato uno scudetto, due Supercoppe europee, una Supercoppa italiana, una Champions League e una Coppa del mondo per club, mentre con la Nazionale brasiliana ha vinto i Mondiali 2002 e le edizioni della Confederations Cup del 2005 e del 2009. Dal 2007, grazie alle radici italiane della moglie Caroline Celico,[6] è anche cittadino italiano.[7]

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Famiglia[modifica | modifica sorgente]

Kaká con la moglie Caroline Celico

Figlio di un ingegnere civile, Bosco Izecson Pereira Leite, e di una professoressa di matematica,[8] Simone Cristina dos Santos Leite,[9][10] Kaká ha un fratello più giovane, Digão, anch'egli calciatore. Fu proprio grazie a Digão che nacque il nome Kaká, dato che da piccolo non riusciva a pronunciare il nome Ricardo;[11] originariamente il nome veniva storpiato in Cacá,[11] ma poi Ricardo sostituì la lettera "c" con la "k".[12]

Il 23 dicembre 2005, a San Paolo, di fronte a 600 invitati nella chiesa evangelica Renascer em Cristo, Kaká ha sposato Caroline Celico, allora diciottenne, dopo tre anni di fidanzamento.[13] Lei è una cantante con cui Kaká, nel 2010, ha inciso una canzone da inserire nel primo disco della moglie dal titolo Presente de Deus (in italiano Regalo di Dio),[14] il cui testo è stato scritto dal calciatore in occasione del loro matrimonio.[15]

La coppia ha due figli, Luca Celico Leite, nato il 10 giugno 2008,[16][17] e Isabella, nata all'ospedale "Albert Einstein" di San Paolo il 23 aprile 2011.[18][19]

Religione[modifica | modifica sorgente]

In un'intervista per la tv brasiliana O Globo ha dichiarato di seguire un corso di teologia e che aspira a diventare pastore evangelico.[20]

Da cristiano evangelico molto devoto, Kaká si è dichiarato felice di essere vergine al momento del matrimonio.[21][22]

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica sorgente]

Dotato di ottima tecnica e visione di gioco,[23][24][25] tra i suoi punti di forza spiccano la progressione palla al piede,[26] che lo rende un eccellente contropiedista,[25][27][28] e il dribbling,[29] soprattutto in velocità. Giocatore completo,[24][30] abile con entrambi i piedi,[31] può giocare con profitto, oltre che nel ruolo a lui più congeniale di trequartista,[24] anche come seconda punta,[32] ruolo che ha più volte ricoperto nel Milan e in Nazionale, o come esterno destro.[33] Realizza un buon numero di gol, benché non sia una prima punta,[28] inserendosi tra i reparti[34] e sfruttando il suo tiro dalla distanza. È anche un ottimo rigorista e uomo-assist.[29]

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Club[modifica | modifica sorgente]

San Paolo[modifica | modifica sorgente]

Kaká ha iniziato a giocare nel settore giovanile del San Paolo, dove lo hanno fatto allenare per irrobustirne il fisico che, gracile come era inizialmente, avrebbe potuto condizionare negativamente il giocatore e non fargli esprimere tutto il suo talento.[24] Nell'ottobre 2000 è stato vittima di un incidente che ha rischiato di troncare bruscamente la sua carriera: ha sbattuto violentemente la testa sul fondo di una piscina e l'urto ha causato la frattura della sesta vertebra;[24] solo per una circostanza fortunata ha scampato la paralisi. Kaká crede fermamente di essere stato graziato da Dio[35] e per questo è nata la sua esultanza con le braccia tese al cielo e gli occhi rivolti verso l'alto.[36]

Ha debuttato in prima squadra il 1º febbraio 2001, a 18 anni, contro il Botafogo[35] nella terza gara del Torneo Rio-San Paolo.[37] Tre giorni più tardi ha segnato la prima rete con la maglia del Tricolor contro il Santos, partita valida per il Campionato Paulista.[38] Il 7 marzo 2001, in San Paolo-Botafogo 2-1, finale del Torneo Rio-San Paolo, ha segnato una doppietta che ha consentito ai paulisti di vincere il trofeo per la prima volta nella loro storia.[35][39] Nei primi mesi da professionista al San Paolo usava lo pseudonimo Cacá, successivamente divenuto Kaká.[12][35] Sempre nel 2001 ha giocato il suo primo campionato nazionale, totalizzando 27 partite e 12 gol, uno in meno del miglior marcatore del San Paolo, França, ed è stato inserito nella lista dei migliori 100 giovani calciatori stilata da Don Balón.[40]

Nell'anno successivo ha disputato un altro torneo Rio-San Paolo (7 reti e sconfitta in finale contro il Corinthians) e il campionato nazionale (22 partite, 9 gol). Nel 2003 ha disputato il Campionato Paulista (7 presenze e 5 reti) e ha collezionato 10 partite e 2 gol nel campionato nazionale. In tutto con il San Paolo ha giocato 131 partite e segnato 48 gol.[35][41][42]

Milan[modifica | modifica sorgente]

2003-2004[modifica | modifica sorgente]
Kaká durante il riscaldamento prima della partita di campionato Milan-Fiorentina del 6 maggio 2007.

Nell'estate 2003 è stato acquistato dal Milan per 8,5 milioni di euro[43][44] su segnalazione di Leonardo.[45] Pochi giorni dopo i rossoneri hanno vinto la Supercoppa europea. Ha esordito in Serie A nella stagione 2003-2004 con la maglia numero 22, nella partita Ancona-Milan 0-2 del 1º settembre 2003.[46] L'esordio nelle Competizioni UEFA per club è avvenuto, invece, il 16 settembre, nella partita di Champions League contro l'Ajax a San Siro.[47] Il 5 ottobre 2003 ha segnato nel derby il suo primo gol in maglia rossonera, siglando la rete del 2-0.[46] Nel suo primo anno in Italia si è rivelato l'asso nella manica della compagine rossonera, segnando 10 reti in campionato e contribuendo alla vittoria dello scudetto, e 4 in Champions League, dove il Milan è uscito ai quarti di finale contro il Deportivo La Coruña.

2004-2005[modifica | modifica sorgente]

Nella stagione seguente, dopo la vittoria in agosto della Supercoppa Italiana, ha messo a segno 7 reti in campionato e 2 in Champions League, realizzando uno dei cinque rigori calciati dal Milan nella finale di Istanbul persa contro il Liverpool.

2005-2006[modifica | modifica sorgente]

Nella stagione 2005-2006 si è confermato uno dei talenti più limpidi del calcio mondiale. In occasione della partita di esordio dei rossoneri in Champions League, Milan-Fenerbahçe 3-1 del 13 settembre 2005, ha realizzato un gol pregevole, segnato dopo aver vinto un contrasto e superato in velocità tre avversari prima di infilare il portiere con un rasoterra da distanza ravvicinata.[48]

2006-2007[modifica | modifica sorgente]

Nella stagione 2006-2007 Kaká ha continuato a rendersi autore di prestazioni positive. Il 2 novembre ha realizzato la sua seconda tripletta in maglia rossonera (dopo quella al Chievo dell'anno precedente e prima in Champions League), nella vittoria per 4-1 contro l'Anderlecht. Pregevole è stata soprattutto la terza rete, con un tiro scoccato da circa 25 metri a girare sotto l'incrocio. Nelle ultime due partite dell'anno ha realizzato una doppietta nel 3-0 del Milan contro il Catania a San Siro e un gol su rigore nel 3-0 dei rossoneri sul campo dell'Udinese. In Champions League ha continuato a segnare gol importanti: dopo aver contribuito in maniera decisiva alla qualificazione del Milan ai quarti di finale, realizzando nei tempi supplementari il gol del definitivo 1-0 contro il Celtic, si è ripetuto trasformando un calcio di rigore nei quarti di finale di andata contro il Bayern Monaco (2-2 il risultato finale). Nella semifinale di andata contro il Manchester United all'Old Trafford ha segnato una doppietta e si è ripetuto nella gara di ritorno, realizzando il primo gol nel 3-0 dei rossoneri. Il 23 maggio 2007, vincendo la finale di Atene contro il Liverpool, ha conquistato la sua prima Champions League. Pur non essendo stata per lui la prestazione migliore del torneo, è stato Kaká a guadagnare la punizione battuta da Andrea Pirlo sulla quale Filippo Inzaghi ha segnato il gol dell'1-0, ed è stato ancora lui a fornire allo stesso Inzaghi l'assist per il provvisorio 2-0. Alla fine del torneo è risultato capocannoniere della Champions League 2006-2007 con 10 gol.[49][50] Nel giugno 2007 si è operato per eliminare miopia e astigmatismo; in precedenza durante le partite Kaká giocava con le lenti a contatto, avendo due decimi in meno per occhio.[51]

2007-2008[modifica | modifica sorgente]
Kaká in azione contro il PSV Eindhoven durante la Railways Cup del 2007

Il 31 agosto 2007 ha vinto la sua seconda Supercoppa europea, questa volta da titolare, ribadendo in rete di testa il rigore parato da Palop e che lui stesso si era procurato: è stato il gol del definitivo 3-1 contro il Siviglia, dedicato ad Antonio Puerta, giocatore della squadra andalusa scomparso pochi giorni prima.[52] Nell'esordio in campionato al Ferraris di Genova contro il Genoa Kaká ha realizzato una doppietta siglando la seconda e, su rigore, la terza rete, fissando il risultato finale sul 3-0.

Il 2 dicembre 2007 gli è stato consegnato, a Parigi, il Pallone d'oro 2007, vinto con 444 voti precedendo Cristiano Ronaldo (277) e Lionel Messi (255).[53] Il 16 dicembre 2007 ha vinto con il Milan la Coppa del mondo per club, battendo il Boca Juniors per 4-2 in finale, dove Kaká ha siglato la rete del parziale 3-1. Il brasiliano è stato anche eletto miglior giocatore del torneo. Il giorno seguente ha ritirato a Zurigo il FIFA World Player,[54] vinto con 1.047 preferenze precedendo Messi (504) e Cristiano Ronaldo (126).

Il 28 febbraio 2008 Kaká ha rinnovato il suo contratto con la società rossonera fino al 30 giugno 2013.[55] Il 20 aprile 2008 ha segnato la sua seconda tripletta in campionato, terza con il Milan, contribuento al 5-1 finale contro la Reggina, realizzando due rigori e un gol con un tiro di piatto all'interno dell'area da posizione decentrata.[56][57] Il 4 maggio 2008, segnando la seconda rete rossonera nel derby contro l'Inter,[58] ha realizzato il suo 19º gol stagionale, eguagliando il proprio primato di marcature ottenuto nella stagione 2005-2006. Al termine della stagione, il 23 maggio 2008, si è operato al menisco del ginocchio sinistro per risolvere un problema che lo aveva costretto a saltare alcune gare con i rossoneri.[59] Nel corso del 2008, inoltre, Kaká è stato inserito nella classifica delle "cento persone più influenti del 2008" stilata dalla rivista TIME, nella categoria "Eroi e pionieri".[60][61]

2008-2009[modifica | modifica sorgente]

Nel gennaio 2009 il Manchester City ha avanzato un'offerta tra i 100 e 120 milioni di euro per l'acquisto del brasiliano, che è stata presa in considerazione dalla società rossonera,[62] fatto che ha suscitato le proteste dei tifosi milanisti.[63] Il 19 gennaio 2009, però, quando il passaggio di Kaká al club di Manchester sembrava già definito,[64] il giocatore ha rifiutato l'offerta per rimanere in rossonero.[63][65] Con il gol alla Fiorentina durante l'ultima giornata del campionato 2008-2009, ha messo a segno la sedicesima marcatura stagionale in Serie A e ha superato così il record personale dell'anno precedente (15 reti).

Real Madrid[modifica | modifica sorgente]

2009-2010[modifica | modifica sorgente]
Kaká durante Espanyol-Real Madrid del 12 settembre 2009

Nella notte tra l'8 e il 9 giugno 2009 è stato annunciato ufficialmente l'acquisto di Kaká da parte del Real Madrid[66][67] per 67,2 milioni di euro (dei quali 64,5 al Milan e 2,7 al San Paolo per diritti di formazione).[68] Il giocatore brasiliano ha firmato un contratto che lo legherà per 6 anni al club spagnolo, con un guadagno netto di 9 milioni di euro a stagione.[49][69] È stato presentato allo stadio Santiago Bernabéu nella serata del 30 giugno 2009 e ha scelto di indossare la maglia numero 8, già utilizzata ai tempi del San Paolo.[70]

Ha esordito con i Blancos il 29 agosto 2009 in Real Madrid-Deportivo La Coruña 3-2, anticipo della prima giornata della Liga 2009-2010.[71] Il 23 settembre 2009 ha segnato la sua prima rete con il Real Madrid, realizzando il calcio di rigore del definitivo 2-0 contro il Villarreal[72] e il 21 febbraio 2010, sempre contro il Villarreal, ha realizzato la sua prima doppietta con i Blancos.[73] Durante la stagione le presenze in campo e il rendimento di Kaká sono stati condizionati dalla pubalgia,[74][75] a causa della quale il giocatore brasiliano si è dovuto sottoporre a specifiche cure mediche[76] e svolgere un apposito lavoro di poteziamento fisico.[77] Al termine della sua prima stagione in Spagna, il Real Madrid si è classificato al secondo posto nella Liga, alle spalle del Barcellona.[78]

2010-2011[modifica | modifica sorgente]
Esultanza di Kaká dopo aver segnato un gol alla Real Sociedad il 6 febbraio 2011

Il 5 agosto 2010 il Real Madrid ha annunciato che Kaká si è sottoposto ad un intervento al ginocchio sinistro per curare una lesione al menisco e che quindi sarebbe dovuto stare fermo per 4 mesi.[79][80] Il giocatore brasiliano è tornato in campo il 3 gennaio 2011, a 240 giorni di distanza dall'ultima partita disputata con i Real Madrid, in occasione della gara di campionato esterna contro il Getafe, partita nella quale è subentrato a Benzema a 20 minuti dalla fine.[81] Il 9 gennaio 2011, nella successiva gara di campionato contro il Villarreal, Kaká è tornato al gol con la maglia dei Blancos dopo 11 mesi dalla marcatura precedente,[82] realizzando su assist di Cristiano Ronaldo la propria prima rete stagionale che ha fissato il punteggio finale sul 4-2 in favore del Real Madrid.[83] Ha terminato la stagione 2010-2011 con 14 presenze e 7 gol nella Liga, conclusa ancora al secondo posto alle spalle del Barcellona, e vincendo la Coppa del Re dopo aver battuto in finale proprio i catalani.

2011-2012[modifica | modifica sorgente]

Nella stagione successiva Kaká ha continuato a trovare poco spazio tra i titolari, ma nella Liga è riuscito comunque a collezionare 27 presenze e 5 gol, contribuendo alla conquista del titolo da parte del Real. In Champions League, invece, Kaká ha disputato 8 gare segnando 3 gol e la squadra di Mourinho si è fermata alle semifinali contro il Bayern Monaco, dove è stata sconfitta per 3-1 ai rigori con Cristiano Ronaldo, lo stesso Kaká e Sergio Ramos che hanno sbagliato il proprio tiro dal dischetto.[84]

2012-2013[modifica | modifica sorgente]

Nell'annata 2012-2013 ha giocato complessivamente 27 partite, andando in gol in 5 occasioni.

In totale con il Real Madrid in quattro anni ha giocato 120 partite e segnato 29 gol.

Ritorno al Milan[modifica | modifica sorgente]

Nella notte tra il 1º e il 2 settembre 2013 l'amministratore delegato del Milan Adriano Galliani, volato a Madrid, dopo aver trovato l'accordo con i Blancos, è riuscito a trovare anche quello con Kaká che è tornato così dopo quattro anni al Milan a titolo definitivo,[85][86] firmando un contratto biennale fino al 30 giugno 2015.[87] Il giocatore brasiliano ha scelto di riprendere la maglia numero 22 che aveva nella precedente esperienza in rossonero[88] ed è stato nominato vice capitano della squadra.[89]

È tornato in campo con la casacca milanista il 14 settembre seguente, in occasione della gara in trasferta all'Olimpico contro il Torino, pareggiata per 2-2.[90] Dopo la partita gli è stata riscontrata una lesione all'adduttore sinistro a seguito della quale il giocatore ha deciso di rinunciare allo stipendio per tutto il periodo in cui è stato indisponibile.[91] Il 30 ottobre 2013, nel corso della partita casalinga valevole per la 10ª giornata di campionato e pareggiata per 1-1 contro la Lazio, ha segnato il suo primo gol stagionale,[92] mentre il 23 novembre seguente durante la partita contro il Genoa, data la squalifica di Riccardo Montolivo, ha indossato per la prima volta in gare ufficiali la fascia di capitano del Milan.[93] Il 26 novembre 2013 ha segnato il primo gol in Champions League dopo il suo ritorno al Milan, ha infatti siglato la prima rete del 3-0 esterno ai danni del Celtic durante la fase a gironi. Il 6 gennaio 2014 Kaká ha raggiunto quota 100 gol con la maglia del Milan grazie alla prima delle due reti realizzate nella vittoria a San Siro per 3-0 contro l'Atalanta[94] diventando così il decimo giocatore nella storia rossonera a raggiungere (e superare) tale traguardo. Inoltre quella segnata da Kaká è stata anche la prima doppietta siglata dal brasiliano dopo essere tornato a giocare con la squadra milanese. Il 29 marzo 2014, a San Siro contro il Chievo, ha disputato la trecentesima partita con la maglia rossonera; nel corso della gara Kaká è stato schierato come capitano e ha anche segnato una doppietta nella vittoria per 3-0.[95] Ha concluso la stagione 2013-2014 con all'attivo 37 presenze e 9 reti, grazie alle quali è stato il secondo miglior marcatore stagionale dei rossoneri alle spalle di Balotelli.[96]

Il 30 giugno 2014 ha rescisso consensualmente il contratto con il Milan[97] dopo un totale di 307 partite e 104 gol in maglia rossonera.

Orlando City e prestito al San Paolo[modifica | modifica sorgente]

Dopo l'addio al Milan, il 1º luglio 2014 Kakà ha firmato un contratto pluriennale con l'Orlando City, nuova franchigia della MLS.[98] In attesa dell'inizio della stagione di debutto nella MLS 2015 della squadra della Florida, il 4 luglio l'Orlando City ha prestato il brasiliano fino al 31 dicembre al San Paolo.[98]

Nazionale[modifica | modifica sorgente]

Kaká ha esordito con la Nazionale brasiliana il 31 gennaio 2002 in Brasile-Bolivia 6-0. In maglia verdeoro ha disputato 83 partite e segnato 28 reti.[3] A queste se ne aggiungono 5 con 4 gol nell'Under-23[2] e 5 partite con una rete nel Mondiale Under-20 del 2001. Nel 2003 ha partecipato alla Gold Cup, dove è stato capitano della selezione brasiliana[99] e ha disputato 5 partite e segnato 3 reti.[100]

Kaká in allenamento con il Brasile prima dei Mondiali di Germania 2006

Ha vinto i Mondiali 2002, giocando solo uno spezzone di Costa Rica-Brasile 2-5, ultima partita della fase a gironi nella quale ha sostituito Rivaldo al 72º minuto di gicoco.[101] Nella prima partita del Brasile ai Mondiali 2006 Kaká ha segnato un gol con un pregevole tiro dalla distanza, rete che ha permesso ai brasiliani di battere la Croazia.[102] Il Brasile è stato eliminato ai quarti di finale dalla Francia.

Dopo il Mondiale, il 3 settembre 2006, si è esibito in una giocata di alto tasso tecnico: nell'amichevole Argentina-Brasile, partita in cui è stato autore di due assist, ha segnato uno dei gol più belli della propria carriera. Rubata palla a Messi, è partito palla al piede in prossimità del cerchio di centrocampo, si è involato verso l'area argentina, vanamente inseguito dallo stesso Messi, e ha infine depositato il pallone in rete con un preciso rasoterra dopo aver dribblato Gabriel Milito.[103]

Nel giugno 2007 ha inviato una lettera alla Federcalcio brasiliana chiedendo di non essere convocato dal CT Dunga per la Coppa America 2007 svoltasi in Venezuela. Ha giustificato questa richiesta con la necessità di prendere un periodo di riposo, giacché nelle ultime tre stagioni era stato costantemente impegnato con la Nazionale e il Milan.[104]

Kaká in azione durante Brasile-Cile nei Mondiali 2010

Il 17 ottobre 2007, dopo sette anni di assenza, il Brasile è ritornato a giocare al Maracanã battendo per 5-0 l'Ecuador, con Kaká autore di una doppietta. Il 15 ottobre 2008, prima della partita di qualificazione ai Mondiali 2010 Brasile-Colombia, Kaká ha lasciato il calco dei suoi piedi nella Hall of Fame del Maracanã.[105][106]

Nel giugno 2009 ha contribuito al successo della propria Nazionale nella Confederations Cup segnando due gol, entrambi nella prima partita della fase a gironi contro l'Egitto vinta per 4-3.[107] Nella finale del 28 giugno 2009 contro gli Stati Uniti è stato scelto come Man of the Match[108] e al termine di tale competizione è stato premiato dalla FIFA quale miglior giocatore.[109]

Convocato per la fase finale dei Mondiale 2010 in Sudafrica, ha disputato tutte le partite della Seleção, eliminata ai quarti di finale dall'Olanda, eccezion fatta per Brasile-Portogallo, saltata per squalifica[110] a seguito dell'espulsione nella partita precedente contro la Costa d'Avorio.[111] Durante la manifestazione Kaká, per via di un problema al ginocchio per il quale è successivamente stato operato, ha giocato grazie a delle inflitrazioni.[112][113]

Dopo due anni di assenza è stato convocato da Mano Menezes per l'amichevole dell'11 ottobre 2012 a Malmö contro l'Iraq, vinta per 6-0 dal Brasile, nella quale Kaká ha segnato il terzo gol dei verdeoro.[114][115]

Statistiche[modifica | modifica sorgente]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica sorgente]

Statistiche aggiornate al 27 luglio 2014.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
2001 Brasile San Paolo A1/SP+A 11+27 2+12 CB+CC 7+3 1+1 CM 5 0 RSP 5 2 58 18
2002 SCP+A 0+22 0+9 CB+CC 9+2 6+0 - - - RSP 16 7 49 22
gen.-ago. 2003 A1/SP+A 7+10 5+2 CB 5 0 - - - - - - 22 7
2003-2004 Italia Milan A 30 10 CI 4 0 UCL 10 4 SU+CInt 0+1 0 45 14
2004-2005 A 36 7 CI 1 0 UCL 13 2 SI 1 0 51 9
2005-2006 A 35 14 CI 2 0 UCL 12 5 - - - 49 19
2006-2007 A 31 8 CI 2 0 UCL 15 10 - - - 48 18
2007-2008 A 30 15 CI 0 0 UCL 8 2 SU+Cmc 1+2 1+1 41 19
2008-2009 A 31 16 CI 1 0 CU 4 0 - - - 36 16
2009-2010 Spagna Real Madrid PD 25 8 CR 1 0 UCL 7 1 - - - 33 9
2010-2011 PD 14 7 CR 3 0 UCL 3 0 - - - 20 7
2011-2012 PD 27 5 CR 4 0 UCL 8 3 SS 1 0 40 8
2012-2013 PD 19 3 CR 2 1 UCL 6 1 SS 0 0 27 5
ago.-set. 2013 PD 0 0 CR - - UCL - - - - - 0 0
Totale Real Madrid 85 23 10 1 24 5 1 0 120 29
set. 2013-2014 Italia Milan A 30 7 CI 1 0 UCL 6 2 - - - 37 9
Totale Milan 223 77 11 0 68 25 5 2 307 104
lug.-dic. 2014 Brasile San Paolo A 1 1 CB 0 0 - - - - - - 1 1
Totale San Paolo 78 31 26 8 5 0 21 9 130 48
Totale carriera 386 131 47 9 97 30 27 11 557 181

Cronologia presenze e reti in Nazionale[modifica | modifica sorgente]

Cronologia completa delle presenze e delle reti in Nazionale - Brasile Brasile
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
31-1-2002 Goiânia Brasile Brasile 6 – 0 Bolivia Bolivia Amichevole -
7-3-2002 Cuiabá Brasile Brasile 6 – 1 Islanda Islanda Amichevole 1
25-5-2002 Kuala Lumpur Malesia Malesia 0 – 4 Brasile Brasile Amichevole -
13-6-2002 Suwon Costa Rica Costa Rica 2 – 5 Brasile Brasile Mondiali 2002 - 1º turno -
21-8-2002 Fortaleza Brasile Brasile 0 – 1 Paraguay Paraguay Amichevole -
13-7-2003 Città del Messico Messico Messico 1 – 0 Brasile Brasile Gold Cup 2003 - 1º turno - [116]
15-7-2003 Città del Messico Honduras Honduras 1 – 2 Brasile Brasile Gold Cup 2003 - 1º turno - [116]
19-7-2003 Miami Colombia Colombia 0 – 2 Brasile Brasile Gold Cup 2003 - Quarti 2 [116]
23-7-2003 Miami Stati Uniti Stati Uniti 1 – 2 gg Brasile Brasile Gold Cup 2003 - Semifinale 1 [116]
27-7-2003 Città del Messico Brasile Brasile 0 – 1 gg Messico Messico Gold Cup 2003 - Finale - 2º posto[116]
7-9-2003 Barranquilla Colombia Colombia 1 – 2 Brasile Brasile Qual. Mondiali 2006 1
10-9-2003 Manaus Brasile Brasile 1 – 0 Ecuador Ecuador Qual. Mondiali 2006 -
12-10-2003 Leicester Giamaica Giamaica 0 – 1 Brasile Brasile Amichevole -
16-11-2003 Lima Perù Perù 1 – 1 Brasile Brasile Qual. Mondiali 2006 -
19-11-2003 Curitiba Brasile Brasile 3 – 3 Uruguay Uruguay Qual. Mondiali 2006 1
18-2-2004 Dublino Irlanda Irlanda 0 – 0 Brasile Brasile Amichevole -
31-3-2004 Asunción Paraguay Paraguay 0 – 0 Brasile Brasile Qual. Mondiali 2006 -
28-4-2004 Budapest Ungheria Ungheria 1 – 4 Brasile Brasile Amichevole 1
20-5-2004 Saint-Denis Francia Francia 0 – 0 Brasile Brasile Amichevole -
2-6-2004 Belo Horizonte Brasile Brasile 3 – 1 Argentina Argentina Qual. Mondiali 2006 -
6-6-2004 Santiago del Cile Cile Cile 1 – 1 Brasile Brasile Qual. Mondiali 2006 -
9-10-2004 Maracaibo Venezuela Venezuela 2 – 5 Brasile Brasile Qual. Mondiali 2006 2
17-11-2004 Quito Ecuador Ecuador 1 – 0 Brasile Brasile Qual. Mondiali 2006 -
27-3-2005 Goiânia Brasile Brasile 1 – 0 Perù Perù Qual. Mondiali 2006 1
30-3-2005 Montevideo Uruguay Uruguay 1 – 1 Brasile Brasile Qual. Mondiali 2006 -
5-6-2005 Porto Alegre Brasile Brasile 4 – 1 Paraguay Paraguay Qual. Mondiali 2006 -
8-6-2005 Buenos Aires Argentina Argentina 3 – 1 Brasile Brasile Qual. Mondiali 2006 -
16-6-2005 Lipsia Brasile Brasile 3 – 0 Grecia Grecia Conf. Cup 2005 - 1º turno -
19-6-2005 Hannover Messico Messico 1 – 0 Brasile Brasile Conf. Cup 2005 - 1º turno -
22-6-2005 Colonia Giappone Giappone 2 – 2 Brasile Brasile Conf. Cup 2005 - 1º turno -
25-6-2005 Norimberga Germania Germania 2 – 3 Brasile Brasile Conf. Cup 2005 - Semifinale -
29-6-2005 Francoforte sul Meno Brasile Brasile 4 – 1 Argentina Argentina Conf. Cup 2005 - Finale 1 2º titolo
17-8-2005 Spalato Croazia Croazia 1 – 1 Brasile Brasile Amichevole -
4-9-2005 Brasilia Brasile Brasile 5 – 0 Cile Cile Qual. Mondiali 2006 -
12-10-2005 Belém Brasile Brasile 3 – 0 Venezuela Venezuela Qual. Mondiali 2006 -
12-11-2005 Abu Dhabi Emirati Arabi Uniti Emirati Arabi Uniti 0 – 8 Brasile Brasile Amichevole 1
1-3-2006 Mosca Russia Russia 0 – 1 Brasile Brasile Amichevole -
4-6-2006 Ginevra Brasile Brasile 4 – 0 Nuova Zelanda Nuova Zelanda Amichevole 1
13-6-2006 Berlino Brasile Brasile 1 – 0 Croazia Croazia Mondiali 2006 - 1º turno 1
18-6-2006 Monaco di Baviera Brasile Brasile 2 – 0 Australia Australia Mondiali 2006 - 1º turno -
22-6-2006 Dortmund Giappone Giappone 1 – 4 Brasile Brasile Mondiali 2006 - 1º turno -
27-6-2006 Dortmund Brasile Brasile 3 – 0 Ghana Ghana Mondiali 2006 - Ottavi -
1-7-2006 Francoforte sul Meno Brasile Brasile 0 – 1 Francia Francia Mondiali 2006 - Quarti -
3-9-2006 Londra Brasile Brasile 3 – 0 Argentina Argentina Amichevole 1
5-9-2006 Londra Galles Galles 0 – 2 Brasile Brasile Amichevole -
10-10-2006 Stoccolma Brasile Brasile 2 – 1 Ecuador Ecuador Amichevole 1
15-11-2006 Basilea Svizzera Svizzera 1 – 2 Brasile Brasile Amichevole 1
6-2-2007 Londra Brasile Brasile 0 – 2 Portogallo Portogallo Amichevole -
24-3-2007 Göteborg Cile Cile 0 – 4 Brasile Brasile Amichevole 1
27-3-2007 Stoccolma Ghana Ghana 0 – 1 Brasile Brasile Amichevole -
1-6-2007 Londra Inghilterra Inghilterra 1 – 1 Brasile Brasile Amichevole -
5-6-2007 Dortmund Turchia Turchia 0 – 0 Brasile Brasile Amichevole -
22-8-2007 Montpellier Brasile Brasile 2 – 0 Algeria Algeria Amichevole -
9-9-2007 Chicago Stati Uniti Stati Uniti 2 – 4 Brasile Brasile Amichevole -
12-9-2007 Foxborough Messico Messico 1 – 3 Brasile Brasile Amichevole 1
14-10-2007 Bogotá Colombia Colombia 0 – 0 Brasile Brasile Qual. Mondiali 2010 -
17-10-2007 Rio de Janeiro Brasile Brasile 5 – 0 Ecuador Ecuador Qual. Mondiali 2010 2
18-11-2007 Lima Perù Perù 1 – 1 Brasile Brasile Qual. Mondiali 2010 1
21-11-2007 San Paolo Brasile Brasile 2 – 1 Uruguay Uruguay Qual. Mondiali 2010 -
12-10-2008 San Cristóbal Venezuela Venezuela 0 – 4 Brasile Brasile Qual. Mondiali 2010 1
15-10-2008 Rio de Janeiro Brasile Brasile 0 – 0 Colombia Colombia Qual. Mondiali 2010 -
19-11-2008 Brasilia Brasile Brasile 6 – 2 Portogallo Portogallo Amichevole -
1-4-2009 Porto Alegre Brasile Brasile 3 – 0 Perù Perù Qual. Mondiali 2010 -
6-6-2009 Montevideo Uruguay Uruguay 0 – 4 Brasile Brasile Qual. Mondiali 2010 1
10-6-2009 Recife Brasile Brasile 2 – 1 Paraguay Paraguay Qual. Mondiali 2010 -
15-6-2009 Bloemfontein Brasile Brasile 4 – 3 Egitto Egitto Conf. Cup 2009 - 1º turno 2
18-6-2009 Pretoria Stati Uniti Stati Uniti 0 – 3 Brasile Brasile Conf. Cup 2009 - 1º turno -
21-6-2009 Pretoria Italia Italia 0 – 3 Brasile Brasile Conf. Cup 2009 - 1º turno -
25-6-2009 Johannesburg Brasile Brasile 1 – 0 Sudafrica Sudafrica Conf. Cup 2009 - Semifinale -
28-6-2009 Johannesburg Stati Uniti Stati Uniti 2 – 3 Brasile Brasile Conf. Cup 2009 - Finale - 3º titolo
12-8-2009 Tallinn Estonia Estonia 0 – 1 Brasile Brasile Amichevole -
5-9-2009 Rosario Argentina Argentina 1 – 3 Brasile Brasile Qual. Mondiali 2010 -
14-10-2009 Campo Grande Brasile Brasile 0 – 0 Venezuela Venezuela Qual. Mondiali 2010 -
14-10-2009 Doha Brasile Brasile 1 – 0 Inghilterra Inghilterra Amichevole -
17-11-2009 Mascate Oman Oman 0 – 2 Brasile Brasile Amichevole -
2-3-2010 Londra Irlanda Irlanda 0 – 2 Brasile Brasile Amichevole -
2-6-2010 Harare Zimbabwe Zimbabwe 0 – 3 Brasile Brasile Amichevole -
7-6-2010 Dar es Salaam Tanzania Tanzania 1 – 5 Brasile Brasile Amichevole 1
15-6-2010 Johannesburg Brasile Brasile 2 – 1 Corea del Nord Corea del Nord Mondiali 2010 - 1º turno -
20-6-2010 Johannesburg Brasile Brasile 3 – 1 Costa d'Avorio Costa d'Avorio Mondiali 2010 - 1º turno -
28-6-2010 Johannesburg Brasile Brasile 3 – 0 Cile Cile Mondiali 2010 - Ottavi -
2-7-2010 Port Elizabeth Paesi Bassi Paesi Bassi 2 – 1 Brasile Brasile Mondiali 2010 - Quarti -
11-10-2012 Malmö Brasile Brasile 6 – 0 Iraq Iraq Amichevole 1
16-10-2012 Breslavia Giappone Giappone 0 – 4 Brasile Brasile Amichevole 1
14-11-2012 East Rutherford Brasile Brasile 1 – 1 Colombia Colombia Amichevole - 1.000ª partita della Nazionale brasiliana[117]
21-3-2013 Ginevra Italia Italia 2 – 2 Brasile Brasile Amichevole -
25-3-2013 Londra Brasile Brasile 1 – 1 Russia Russia Amichevole -
Totale Presenze (15º posto) 87 Reti (12º posto) 29

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

Individuale[modifica | modifica sorgente]

2002
2002
Miglior straniero: 2004, 2006, 2007
Migliore assoluto: 2004, 2007
Miglior centrocampista: 2005
Miglior attaccante: 2007
Miglior giocatore dell'anno: 2007
2006, 2007, 2008
2006, 2007, 2009
2006-2007 (10 gol)
2007
2007
2007
2007
2007
Sudafrica 2009
2010 (3 assist a pari merito con Thomas Müller, Mesut Özil, Bastian Schweinsteiger e Dirk Kuyt)

Beneficenza[modifica | modifica sorgente]

Kaká nel novembre 2004 è diventato il più giovane ambasciatore contro la fame del PAM, il programma alimentare mondiale dell'ONU.[118]

Dopo aver ricevuto il premio di miglior giocatore della finale della Coppa del mondo per club, il 16 dicembre 2007, ha deciso di devolvere i 21 milioni di yen (circa 128.000 euro) alla Fondazione Milan e al progetto dell'Holy Family Hospital di Nazaret.[119]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b (PT) 8 Kaká, saopaulofc.net. URL consultato il 16 agosto 2014.
  2. ^ a b Sono escluse 5 partite e 3 gol nella CONCACAF Gold Cup 2003. La CBF, invece, conteggia queste partite, incluse tra quelle della Nazionale maggiore, tra quelle della propria Nazionale olimpica.
  3. ^ a b 85 (28) se, come la CBF, si comprendono anche le amichevoli non ufficiali disputate con la Nazionale maggiore brasiliana e si esclude la CONCACAF Gold Cup 2003.
  4. ^ (PT) Administração Regional do Gama - II: Símbolos e personalidades, gama.df.gov.br. URL consultato il 12 febbraio 2014 (archiviato dall'url originale il 31 luglio 2012).
  5. ^ (PT) Kaká - Jogador da Seleção Brasileira na Copa do Mundo de 2010, quadrodemedalhas.com. URL consultato il 28 marzo 2012.
  6. ^ Giovanni Battista Olivero, C'è un italiano in più al Milan: si chiama Kakà, La Gazzetta dello Sport, 13 febbraio 2007. URL consultato il 18 dicembre 2008.
  7. ^ Passaporto italiano per Kakà - "Per me è un grande onore", la Repubblica, 12 febbraio 2007. URL consultato il 4 giugno 2008.
  8. ^ Gianfrancesco Turano, Kakà Spa, non solo il pallone è d'oro, Corriere della Sera, 26 gennaio 2009. URL consultato il 15 febbraio 2010.
  9. ^ Biografia di Kaká, new-dimension-software.com. URL consultato il 15 febbraio 2010.
  10. ^ Mistero Kakà, litigio col padre per la cessione?, Virgilio Sport, 19 gennaio 2009. URL consultato il 15 febbraio 2010.
  11. ^ a b Calciatori ‒ La raccolta completa Panini 1961-2012, Vol. 25 (2008-2009), Panini, 22 ottobre 2012, p. 188.
  12. ^ a b (PT) Fernanda C. Massarotto, Gian Oddi, O herdeiro in Placar, nº 1302, gennaio 2007, pp. 34-41.
  13. ^ Matrimonio evangelico per Kakà, evangelici.net, 24 dicembre 2005. URL consultato il 4 giugno 2008.
  14. ^ Kakà si dà alle canzonette, Sport Mediaset, 22 settembre 2010. URL consultato il 22 settembre 2010.
  15. ^ Kaka' debutta come cantante, ANSA, 22 settembre 2010. URL consultato il 22 settembre 2010.
  16. ^ E' nato il primo figlio di Kakà, si chiama Luca, Quotidiano Nazionale, 10 giugno 2008. URL consultato il 10 dicembre 2010.
  17. ^ È nato Luca il figlio di Kaká, Corriere della Sera, 11 giugno 2008. URL consultato il 10 dicembre 2010.
  18. ^ Brasile: Kaka' di nuovo padre, ANSA, 24 aprile 2011. URL consultato il 25 aprile 2011.
  19. ^ Momento d'oro per Kakà. Di nuovo papà: è nata Isabella, Sky Sport, 24 aprile 2011. URL consultato il 25 aprile 2011.
  20. ^ Kakà: "Io, futuro pastore evangelico", evangelici.net, 20 novembre 2006. URL consultato il 4 giugno 2008.
  21. ^ Kakà: "Vergine al sì La sfida più difficile", La Gazzetta dello Sport, 5 giugno 2007. URL consultato il 4 giugno 2008.
  22. ^ (EN) How privileged Kaka made most of luck to become Brazil's master of magic, The Guardian, 17 giugno 2006. URL consultato il 4 giugno 2008.
  23. ^ Kakà, sportal.it, 23 maggio 2006. URL consultato il 16 gennaio 2009.
  24. ^ a b c d e Valerio Ghisi, Kaka', ecco il nuovo "fenomeno"!, tuttomercatoweb.com, 7 maggio 2003. URL consultato il 4 novembre 2010.
  25. ^ a b Andrea Schianchi, «Kakà e Cristiano Ronaldo alla pari», La Gazzetta dello Sport, 23 aprile 2007. URL consultato il 16 gennaio 2009.
  26. ^ Fabio Monti, Kakà in slalom: 4 ammoniti, Maldini non sbaglia niente, Corriere della Sera, 25 ottobre 2004. URL consultato il 23 aprile 2009.
  27. ^ Enrico Currò, Kakà, Rui, Sheva e Inzaghi tutti insieme per il Bruges, la Repubblica, 22 ottobre 2003. URL consultato il 16 gennaio 2009.
  28. ^ a b Enrico Currò, Kakà, un predestinato alta classe brasiliana, la Repubblica, 30 gennaio 2004. URL consultato il 16 gennaio 2009.
  29. ^ a b Mario D'Ascoli, Agroppi: Kakà e Ibra fra i primi dieci stranieri mai venuti in Italia, Quotidiano Nazionale, 21 gennaio 2009. URL consultato il 4 novembre 2010.
  30. ^ (FR) Emmanuel Langellier, De la classe à la foi, France Football, 30 novembre 2007. URL consultato il 16 gennaio 2009.
  31. ^ Alessandro Bocci, Io, più forte di Kaká, Corriere della Sera, 15 giugno 2006. URL consultato il 16 gennaio 2009.
  32. ^ Alessandra Bocci, Modulo Kakà: «La seconda punta ero io», La Gazzetta dello Sport, 12 novembre 2004. URL consultato il 16 gennaio 2009.
  33. ^ Rui Costa centrale, Kakà sfrutterà la fascia sinistra, La Gazzetta dello Sport, 22 ottobre 2003. URL consultato il 16 gennaio 2009.
  34. ^ Milan, Ancelotti: "Kakà è un trequartista", sport.it, 4 maggio 2006. URL consultato il 4 novembre 2010.
  35. ^ a b c d e (PT) Felipe Espindola, São-paulino Kaká é eleito melhor do mundo, saopaulofc.net, 17 dicembre 2007. URL consultato l'11 maggio 2014.
  36. ^ Kakà e il Milan, sei anni d'oro, la Repubblica - Milano, 16 gennaio 2009. URL consultato il 4 giugno 2008.
  37. ^ (PT) Silvio Navarro, Juniores brilham na vitória do São Paulo no clássico paulista, folha.uol.com.br, 4 febbraio 2001. URL consultato il 9 dicembre 2010.
  38. ^ (PT) São Paulo e Botafogo empatam em jogo apático pelo Rio-SP, folha.uol.com.br, 1º febbraio 2001. URL consultato il 9 dicembre 2010.
  39. ^ (PT) Campeão Rio - São Paulo de 2001, tricolormania.com.br. URL consultato il 24 ottobre 2009.
  40. ^ (EN) Don Balon’s list of the 100 best young players in the world, thespoiler.co.uk, 2 novembre 2010. URL consultato l'8 ottobre 2012.
  41. ^ Il dato comprende anche le partite amichevoli, le gari ufficiali sono 129 con 47 reti.
  42. ^ (EN) Classy Kaka writes a new chapter, fifa.com. URL consultato il 9 dicembre 2010.
  43. ^ Alberto Costa, Ancelotti accoglie Kaká a braccia aperte. «Non lo diamo in prestito, resta con noi», Corriere della Sera, 17 agosto 2003. URL consultato il 23 settembre 2009.
  44. ^ (EN) Kaka and Milan to meet on Monday, fifa.com, 4 giugno 2009. URL consultato il 23 settembre 2009.
  45. ^ Franco Ordine, Il Milan ha deciso: Leonardo in panchina per blindare Kakà, il Giornale, 23 maggio 2009. URL consultato il 4 novembre 2010.
  46. ^ a b Ricky tutto d'oro, acmilan.com, 2 dicembre 2007. URL consultato il 4 novembre 2010.
  47. ^ Ricardo Izecson dos Santos Leite (Kaká), acmilan.com. URL consultato il 4 novembre 2010.
  48. ^ Alberto Costa, Il Milan avanza con gli slalom di Kaká, Corriere della Sera, 14 settembre 2005. URL consultato il 15 febbraio 2010.
  49. ^ a b Kakà è del Real Madrid. Ha firmato per sei anni, la Repubblica, 7 giugno 2009. URL consultato il 15 febbraio 2010.
  50. ^ Kakà, un fenomeno tra gli dei, TGcom, 25 maggio 2007. URL consultato il 12 giugno 2012.
  51. ^ Milan: Kakà operato agli occhi, La Gazzetta dello Sport, 7 giugno 2007. URL consultato il 4 giugno 2008.
  52. ^ Il Milan batte il Siviglia nella partita di Puerta, la Repubblica, 31 agosto 2007. URL consultato il 14 febbraio 2010.
  53. ^ E' ufficiale: il Pallone d'oro a Kakà. "Diventerò una bandiera del Milan", la Repubblica, 2 dicembre 2007. URL consultato il 14 febbraio 2010.
  54. ^ Alessandro Franchetti, Un'altra corona per Kakà. "Molto più di un sogno", La Gazzetta dello Sport, 17 dicembre 2007. URL consultato il 14 febbraio 2010.
  55. ^ Kakà rinnova il contratto con il Milan fino al 2013, la Repubblica, 28 febbraio 2008. URL consultato il 4 giugno 2008.
  56. ^ Gaetano De Stefano, Ciclone Kakà sulla Reggina, La Gazzetta dello Sport, 20 aprile 2008. URL consultato il 22 febbraio 2011.
  57. ^ Alberto Costa, Kaká è l'acceleratore del Milan, Corriere della Sera, 21 aprile 2008. URL consultato il 22 febbraio 2011.
  58. ^ L'Inter perde il derby e frena. Il Milan va in zona Champions, la Repubblica, 4 maggio 2008. URL consultato il 22 febbraio 2011.
  59. ^ Kaká: intervento riuscito, acmilan.com, 25 maggio 2008. URL consultato il 4 novembre 2010.
  60. ^ (EN) The TIME 100 - Complete list, TIME. URL consultato il 4 giugno 2008.
  61. ^ La Top 100 degli "influenti". Nella lista c'è anche Kakà, La Gazzetta dello Sport, 1º maggio 2008. URL consultato il 22 febbraio 2011.
  62. ^ Kakà-City, il Milan ci pensa. E parte già la contestazione, La Gazzetta dello Sport, 15 gennaio 2009. URL consultato il 20 gennaio 2009.
  63. ^ a b Kakà, l'annuncio di Berlusconi: «È incedibile e resta al Milan», Il Sole 24 Ore, 19 gennaio 2009. URL consultato il 20 gennaio 2009.
  64. ^ Berlusconi: "Kakà resta". Lui: "Ho deciso con il cuore", La Gazzetta dello Sport, 19 gennaio 2009. URL consultato il 20 gennaio 2009.
  65. ^ Kakà resta al Milan "Ho scelto col cuore, i soldi non contano", la Repubblica, 20 gennaio 2009. URL consultato il 20 gennaio 2009.
  66. ^ Addio Ricky, grazie di tutto, milannews.it, 9 giugno 2009. URL consultato il 10 dicembre 2010.
  67. ^ (ES) Comunicado Oficial: Kaká ya es jugador del Real Madrid, realmadrid.com, 8 giugno 2009. URL consultato il 9 giugno 2009.
  68. ^ (ES) Madrid y Milán hacen oficial el fichaje de Kaká, AS, 9 giugno 2009. URL consultato il 9 giugno 2009.
  69. ^ Kakà è del Real Madrid. Contratto di sei anni, La Gazzetta dello Sport, 9 giugno 2009. URL consultato il 9 giugno 2009.
  70. ^ Real, è il Kakà-day. Avrà il numero 8, La Gazzetta dello Sport, 30 giugno 2009. URL consultato il 30 giugno 2009.
  71. ^ Kakà illumina il Bernabeu. Il Real inizia bene la Liga, La Gazzetta dello Sport, 29 agosto 2009. URL consultato il 30 agosto 2009.
  72. ^ Il Real "esagera", sei gol al Villarreal, La Gazzetta dello Sport, 21 aprile 2010. URL consultato il 12 aprile 2011.
  73. ^ Stefano Cantalupi, Ronaldo e Kakà gol, il Real va. Carling Cup: Chelsea avanti, uefa.com, 23 settembre 2009. URL consultato il 24 settembre 2009.
  74. ^ Kakà, la pubalgia preoccupa. Rischia di fermarsi un mese, La Gazzetta dello Sport, 7 dicembre 2009. URL consultato il 4 novembre 2010.
  75. ^ Kakà, una crisi Real: "E' tutta colpa della pubalgia", Sky Sport, 17 marzo 2010. URL consultato il 4 novembre 2010.
  76. ^ (EN) Kaka medical report, realmadrid.com, 1º dicembre 2009. URL consultato il 4 novembre 2010.
  77. ^ Spagna, allarme Kakà. Ha la pubalgia cronica, La Gazzetta dello Sport, 3 febbraio 2010. URL consultato il 4 novembre 2010.
  78. ^ Stefano Cantalupi, La Liga è del Barcellona. Campione per la 20ª volta, La Gazzetta dello Sport, 16 maggio 2010. URL consultato il 17 maggio 2010.
  79. ^ (EN) Kaka undergoes successful surgery, realmadrid.com, 5 agosto 2010. URL consultato il 4 novembre 2010.
  80. ^ Andrea Tabacco, La Liga - Lesione al ginocchio: Kakà già operato, Eurosport, 5 agosto 2010. URL consultato il 4 novembre 2010.
  81. ^ (ES) Fernando Porrero, El Real Madrid gana en el Coliseum con doblete de Cristiano Ronaldo incluido, realmadrid.com, 3 gennaio 2011. URL consultato il 4 gennaio 2011.
  82. ^ Stefano Cantalupi, Ronaldo show nel 4-2 Real. Tripletta e assist per Kakà, La Gazzetta dello Sport, 9 gennaio 2011. URL consultato il 10 gennaio 2011.
  83. ^ (ES) Fernando Porrero, Un espectacular hat-trick de Ronaldo certifica un gran triunfo del Real Madrid, realmadrid.com, 9 gennaio 2011. URL consultato il 10 gennaio 2011.
  84. ^ Paul Bryan, I rigori parlano tedesco, il Bayern vola in finale, uefa.com, 25 aprile 2012. URL consultato l'8 aprile 2013.
  85. ^ Kaka': AC Milan comunicato ufficiale, acmilan.com, 2 settembre 2013. URL consultato il 2 settembre 2013.
  86. ^ (ES) Comunicado oficial: Kaká, realmadrid.com, 2 settembre 2013. URL consultato il 2 settembre 2013.
  87. ^ Adriano Galliani: "Operazione conclusa", acmilan.com, 2 settembre 2013. URL consultato il 2 settembre 2013.
  88. ^ Matteo Calcagni, Kakà a Sky: "Non vedo l'ora di giocare a San Siro. Ieri ho visto la partita, posso vivere tante gioie con questo Milan", milannews.it, 2 settembre 2013. URL consultato il 2 settembre 2013.
  89. ^ Galliani, con Kakà salto di qualità, ANSA, 9 settembre 2013. URL consultato il 7 gennaio 2014.
  90. ^ Max Cristina, Milan rocambolesco: col Torino da 0-2 a 2-2 al 95', Sport Mediaset, 14 settembre 2013. URL consultato il 14 settembre 2013.
  91. ^ Kaka': AC Milan comunicato ufficiale, acmilan.com, 16 settembre 2013. URL consultato il 17 settembre 2013.
  92. ^ Gaetano De Stefano, Milan-Lazio, gran gol di Kakà, pari di Ciani: è un 1-1 che non serve a nessuno, La Gazzetta dello Sport, 30 ottobre 2013. URL consultato il 30 ottobre 2013.
  93. ^ 1 fascia, 1000 emizioni, acmilan.com, 20 novembre 2013. URL consultato il 7 gennaio 2014.
  94. ^ 101 volte Ricky!, acmilan.com, 6 gennaio 2014. URL consultato il 6 gennaio 2014.
  95. ^ 300 volte Kaká, uefa.com, 31 marzo 2014. URL consultato il 2 aprile 2014.
  96. ^ Milan, Year Book 2013-14, acmilan.com, 30 giugno 2014. URL consultato il 1º luglio 2014.
  97. ^ AC Milan comunicato ufficiale, acmilan.com, 30 giugno 2014. URL consultato il 1º luglio 2014.
  98. ^ a b (EN) Orlando City Signs Brazilian Superstar Kaka, orlandocitysc.com, 1º luglio 2014. URL consultato il 1º luglio 2014.
  99. ^ La CBF ha scelto di schierare una Nazionale Under-23 e pertanto, al contrario della FIFA, non considera questo torneo come disputato dalla propria Nazionale maggiore ma da quella olimpica.
  100. ^ (PTEN) Seleção Brasileira (Brazilian National Team) 2002-2003, rsssfbrasil.com. URL consultato il 9 giugno 2011.
  101. ^ (EN) Costa Rica - Brazil 2:5 (1:3), fifa.com, 13 giugno 2002. URL consultato il 22 febbraio 2011.
  102. ^ Riccardo Pratesi, Brasile, basta una magia di Kakà, La Gazzetta dello Sport, 13 giugno 2006. URL consultato il 9 giugno 2010.
  103. ^ (EN) John Sinnott, Brazil 3-0 Argentina, BBC, 3 settembre 2006. URL consultato il 9 giugno 2010.
  104. ^ Kakà: stop al Brasile, La Gazzetta dello Sport, 12 maggio 2007. URL consultato il 28 giugno 2009.
  105. ^ L'impronta per sempre, acmilan.com, 16 ottobre 2008. URL consultato il 4 novembre 2010.
  106. ^ (PT) Kaká coloca os pés entre Zico e Marta na Calçada da Fama do Maracanã, globoesporte.globo.com, 15 ottobre 2008. URL consultato il 16 ottobre 2008.
  107. ^ Brasile salvato da Kakà con l'Egitto, Corriere dello Sport, 15 giugno 2009. URL consultato il 28 giugno 2009.
  108. ^ (EN) Budweiser Man of the Match: Kaka (BRA), fifa.com, 28 giugno 2009. URL consultato il 22 febbraio 2011.
  109. ^ (EN) Top awards for Brazilian duo, fifa.com, 28 giugno 2009. URL consultato il 29 giugno 2009.
  110. ^ Maurizio Crosetti, Solo pari col Portogallo. Ma al Brasile va bene così, la Repubblica, 25 giugno 2010. URL consultato il 2 luglio 2010.
  111. ^ Valerio Clari, Il Brasile è quasi Fabuloso. Drogba si arrende, rosso a Kakà, La Gazzetta dello Sport, 20 giugno 2010. URL consultato il 2 luglio 2010.
  112. ^ Kakà: «Ai Mondiali ho giocato grazie alle infiltrazioni», Corriere dello Sport, 13 agosto 2010. URL consultato il 22 febbraio 2011.
  113. ^ Kakà: "Non ho messo a rischio la mia carriera", Sky Sport, 13 agosto 2010. URL consultato il 22 febbraio 2011.
  114. ^ Mauricio Cannone, Kakà ritorna con un gol. Brasile facile: 6-0 all'Iraq, La Gazzetta dello Sport, 11 ottobre 2012. URL consultato il 12 ottobre 2012.
  115. ^ (PT) Kaká está de volta à Seleção, cbf.com.br, 11 ottobre 2012. URL consultato il 12 ottobre 2012.
  116. ^ a b c d e La CBF ha scelto di schierare una Nazionale Under-23 e pertanto, al contrario della FIFA, non considera questa partita come disputata dalla propria Nazionale maggiore ma da quella olimpica.
  117. ^ (PT) Brasil e Colômbia empatam em grande jogo: 1 a 1, cbf.com.br, 14 novembre 2012. URL consultato il 15 novembre 2012.
  118. ^ Comunicato Stampa: La star del calcio Kaká contro la fame nel mondo, wfp.org, 30 novembre 2004. URL consultato il 6 marzo 2011.
  119. ^ Kakà miglior giocatore della finale, devolve in beneficenza il premio, Quotidiano Nazionale, 16 dicembre 2007. URL consultato il 6 marzo 2011.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

  • (PTENESIT) Sito ufficiale
  • (EN) Kaká in FIFA.com, FIFA.
  • Kaká in LegaSerieA.it, Lega Nazionale Professionisti Serie A.
  • (EN) Kaká in National-football-teams.com, National Football Teams.
  • (ENESFR) Kaká in FootballDatabase.eu.
  • Kaká in Calcio.com, HEIM:SPIEL Medien GmbH.
  • (DEENIT) Kaká in Transfermarkt.it, Transfermarkt GmbH & Co. KG.
  • Kaká in Soccerway.com, Perform Group.
  • (PT) Kaká in Futpedia.globo.com, Globo Comunicação e Participações SA. (archiviato dall'url originale il 2008-2011).
  • (ENESFRPT) Kaká in sambafoot.com, Sambafoot RCS Paris.
  • (ENESCA) Kaká in BDFutbol.com - Base de Datos Histórica del Fútbol Español.

Controllo di autorità VIAF: 31471460 LCCN: n2008050076