Brasilia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando la regione amministrativa, vedi Brasilia (regione amministrativa).
Brasilia
Distretto Federale
Brasília
Brasilia – Stemma Brasilia – Bandiera
Brasilia – Veduta
Localizzazione
Stato Brasile Brasile
Amministrazione
Governatore Agnelo Queiroz (PT)
Data di istituzione 21 aprile 1960
Territorio
Coordinate 15°47′29″S 47°55′31″W / 15.791389°S 47.925278°W-15.791389; -47.925278 (Brasilia)Coordinate: 15°47′29″S 47°55′31″W / 15.791389°S 47.925278°W-15.791389; -47.925278 (Brasilia)
Altitudine 1171 m s.l.m.
Superficie 5 779,999 km²
Abitanti 2 570 160[1] (2010)
Densità 444,66 ab./km²
Stati federati confinanti Goiás, Minas Gerais
Altre informazioni
Cod. postale 70000-000
Prefisso (+55) 61
Fuso orario UTC-3
Codice IBGE 5300108
Targa DF
Nome abitanti brasiliense
PIL (PPA) 117 571, 951 mln R$
PIL procapite (PPA) 45 977,59 R$
Cartografia

Brasilia – Localizzazione

Brasilia – Mappa
Sito istituzionale
Flag of UNESCO.svg Bene protetto dall'UNESCO Flag of UNESCO.svg
UNESCO World Heritage Site logo.svg Patrimonio dell'umanità
Brasilia
(EN) Brasilia
Brazil.Brasilia.01.jpg
Tipo Culturali
Criterio (i) (iv)
Pericolo Non in pericolo
Riconosciuto dal 1987
Scheda UNESCO (EN) Scheda
(FR) Scheda

Brasilia (Brasília in portoghese) è la capitale del Brasile. È una città pianificata e una delle capitali mondiali edificata e designata più recentemente, essendo stata costruita tra il 1956 ed il 1960 ed essendo capitale dal 21 aprile 1960; in precedenza la capitale del Brasile era Rio de Janeiro.

Posizione[modifica | modifica sorgente]

Brasilia è compresa nel Distretto Federale, creato da Juscelino Kubitschek all'interno dello stato di Goiás. Il Distretto è toccato dai fiumi Preto, ad est, e Descoberto, ad ovest. Brasilia è situata sul Planalto Central, un altopiano ad un'altitudine di 1.172 metri sul livello del mare. Dista 1.015 km da San Paolo del Brasile, 1.148 km da Rio de Janeiro, 1.146 km da Salvador, 741 km da Belo Horizonte e 209 km da Goiânia.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Vista aerea

Il presidente Juscelino Kubitschek ordinò la costruzione di Brasilia, ponendo in atto un articolo della costituzione repubblicana del paese, lungamente trascurato, nel quale si stabiliva che la capitale dovesse essere trasferita da Rio De Janeiro. Il suo principale pianificatore urbano fu Lúcio Costa. Oscar Niemeyer fu l'architetto capo della gran parte degli edifici pubblici e Roberto Burle Marx ebbe l'incarico di landscape designer. Il piano urbanistico fu basato sulle teorie di Le Corbusier. Brasilia fu costruita in 41 mesi, dal 1956 al 21 aprile 1960, quando fu ufficialmente inaugurata.

Dal 1763 al 1960, la capitale del Brasile fu Rio de Janeiro, e le risorse tendevano ad essere concentrate nella regione sud-orientale del paese. La posizione centrale di Brasilia fece sì che la capitale divenisse maggiormente "neutrale", rispetto alle varie regioni. L'idea di situare la capitale del Brasile nell'interno risale alla prima costituzione repubblicana del 1891, che definiva a grandi linee il luogo in cui creare il distretto federale, ma il sito fu definito soltanto nel 1922. La posizione di Brasilia avrebbe promosso lo sviluppo della regione centrale del Brasile ed avrebbe meglio integrato l'intero territorio brasiliano.

Nel 1883 il sacerdote italiano Giovanni Bosco ebbe un sogno profetico, in cui descrisse una città futuristica che corrispondeva più o meno all'ubicazione di Brasilia. Oggi, a Brasilia, vi sono numerosi riferimenti a questo educatore che fondò la Congregazione dei Salesiani. Una delle principali cattedrali porta il suo nome, così come l'"eremida Dom Bosco", punto panoramico dove Giovanni Bosco avrebbe affermato che sarebbe nata questa città "dai frutti giganteschi".

Dal Secondo Sogno Missionario di Don Bosco avuto a San Benigno Canavese (TO) il 30 agosto 1883. Don Bosco lo raccontò il 4 settembre ai membri del Terzo Capitolo Generale. Don Lemoyne lo mise subito per iscritto e Don Bosco lo completò e lo ritoccò. Riferendosi alle future ricchezze dell’America del Sud raccontò "[..] Tra il grado 15 e il 20 vi era un seno assai largo e assai lungo (un altopiano) che partiva da un punto ove si formava un lago. Allora una voce disse ripetutamente: Quando si verrà a scavare le miniere nascoste in mezzo a questi monti, apparirà qui la terra promessa fluente latte e miele. Sarà una ricchezza inconcepibile [..]"

Il progetto[modifica | modifica sorgente]

Il piano urbanistico realizzato da Lúcio Costa era dettagliato e meticoloso. Stabilisce quali zone devono essere residenziali, quali commerciali, quali bancarie, quali ospedaliere. Limita le aree industriali, le zone in cui certi edifici possono essere costruiti e quanto questi edifici possono essere alti, ecc. Gli edifici residenziali presenti nel Plano Piloto, per esempio, possono avere un'altezza massima di sei piani, organizzati in accordo con le coordinate cardinali che fungono come indirizzo.

Alla base del progetto della città c'era una semplice croce. Citando Costa: il progetto "nasce dal gesto primario di qualcuno che segna un luogo per prenderne possesso: due assi che si incrociano ad angolo retto, il segno stesso della croce".[2] Tuttavia, la croce dovette essere adattata alla topografia del luogo, poiché erano già previsti progetti per un lago artificiale, e la città assunse la forma di un aeroplano.

La fusoliera dell'aeroplano contiene i ministeri, gli edifici governativi, il Senato e la Camera dei deputati e una futuristica cattedrale, progettata da Oscar Niemeyer. Vi è anche un'altissima torre televisiva di 230 metri, che offre vedute spettacolari della città e del lago.

Le ali dell'aeroplano sono chiamate Ala Nord e Ala Sud: ognuna di esse è lunga circa 7 km. Il viale che si trova fra il lago e le ali è chiamato L4 Sul o L4 Norte, a seconda dell'ala.

Un ampio viale ad alta velocità, chiamato Eixo Rodoviário o "Eixão", collega le due ali tramite un sottopasso che scorre sotto la stazione centrale degli autobus, dove sono situati il distretto bancario e quello alberghiero. Gli indirizzi 100 e 300 stanno sul lato ovest dell'Eixo, e i 200 e i 400 sul lato est. Lungo queste strade vi sono le aree residenziali chiamate Superquadra Sul (SQS) e Superquadra Norte (SQN). Sono costituite da blocchi di 11 condomini, di sei piani (100, 200, 300) e tre piani (400) su pilotis: ogni edificio è identificato da una lettera. Fra i blocchi sono situate scuole e chiese per i residenti. Le strade commerciali tipicamente separano una Superquadra dall'altra. Le 500, lungo la Via W3, sono esclusivamente commerciali; alle 600 e 900 stanno le chiese, scuole, università; alle 700 ci sono case, scuole e chiese; fra le 700 e le 900 ci sono le Entrequadras con edifici commerciali di quattro piani e alle 800, le ambasciate.

La città ha anche uno zoo, nei pressi dell'aeroporto internazionale, che ospita animali nativi della regione del Cerrado. Il lago è circondato da 124 ambasciate, da circoli ricreativi e abitazioni lussuose, e da cinque parchi: Parque da Cidade, il parco più esteso dell'America Latina, 420 ha; Parque Burle Marx, 280 ha; Parque Olhos d'Água, 21 ha; Parque das Aves, 83 ha; Parque Nacional de Brasília, noto come Água Mineral, una riserva naturale di 30.000 ha.

Una delle principale critiche a Brasilia è che sono stati presi poco in considerazione i pedoni. La città fu progettata durante l'avvento dell'età dei motori: nel piano originale non vi erano semafori, tutte le auto viaggiavano percorrendo cavalcavia o tunnel, per evitare intersezioni a raso. Attualmente, poiché nel progetto-pilota (Plano Piloto) erano previsti 200.000 abitanti, il piano urbanistico è divenuto obsoleto. La soluzione adottata dalla città è stato il tracciamento di migliaia di strisce pedonali su tutte le strade. Recentemente, sempre per alleviare questo problema, è stata costruita una metropolitana, ma ci sono ancora numerose stazioni incomplete. Ci sono due linee per l'Ala Sud, che proseguono fino alle città satellite di Samambaia e Ceilândia. Benché i trasporti pubblici siano presenti in abbondanza, l'automobile rimane un mezzo di trasporto popolare a Brasilia.

Un'altra critica è il dislocamento dei residenti poveri in città satelliti troppo lontane, come Santa Maria, São Sebastião, Gama, Ceilândia e Sobradinho. Questi centri sono collegati alla città da autobus e da un sistema di transito rapido di superficie. Gli abitanti di queste città satellite vivono in condizioni inferiori rispetto a quelle del progetto-pilota a causa della politica abitativa adottata da Joaquim Roriz, che ha attratto verso la capitale molti abitanti di regioni povere del paese in cambio di una piccola tenuta, affollando il territorio del Distretto Federale. Quando si parla di Brasilia, queste città satellite sono raramente prese in considerazione, nonostante la loro popolazione sia largamente superiore a quella del progetto-pilota. Tuttavia, Brasilia è la città con il più alto indice di sviluppo umano (HDI) dell'intero Brasile.

In base al piano originale - che Brasilia deve seguire - la città è costantemente in costruzione.

L'UNESCO ha dichiarato Brasilia Patrimonio dell'Umanità.

Brasilia Panorama.jpg

Magnify-clip.png
Panorama di Brasilia

Clima[modifica | modifica sorgente]

Secondo la classificazione dei climi di Köppen, Brasilia appartiene alla fascia Aw: clima tropicale della savana, con inverni secchi ed estati umide. Durante la stagione secca (da maggio a settembre), l'umidità relativa dell'aria raggiunge livelli critici, fino al 20% o meno.

Brasilia Mesi Stagioni Anno
Gen Feb Mar Apr Mag Giu Lug Ago Set Ott Nov Dic Est Aut Inv Pri
T. max. mediaC) 26,9 26,7 27,1 26,6 25,7 25,2 25,1 27,3 28,3 27,5 26,6 26,2 26,6 26,5 25,9 27,5 26,6
T. min. mediaC) 17,4 17,4 17,5 16,8 15,0 13,3 12,9 14,6 16,0 17,4 17,5 17,5 17,4 16,4 13,6 17,0 16,1
Precipitazioni (mm) 241,4 214,7 188,9 123,8 39,3 8,8 11,8 12,8 51,9 172,1 238,0 248,6 704,7 352,0 33,4 462,0 1 552,1

La temperatura minima assoluta mai registrata è stata di 1,6 °C (nel 1975), la massima di 35,8 °C (nel 2008).

Evoluzione demografica[modifica | modifica sorgente]

Trasporti[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Metropolitana di Brasilia.

La città è fornita di un servizio metropolitano, che consta di 2 linee, e servita dall'Aeroporto Internacional de Brasília - Presidente Juscelino Kubitschek.

Governo[modifica | modifica sorgente]

Il distretto federale ha un governo autonomo e poteri legislativi, ma quello giudiziario è detenuto dall'Unione. Il Governatore Distrettuale viene eletto direttamente ogni 4 anni (oggi è Agnelo Queiroz). Le leggi locali sono stabilite da un'assemblea legislativa anch'essa eletta dalla popolazione residente. Il distretto possiede lo status di stato federale in molti altri aspetti. Ha rappresentanti propri sia nella Camera Bassa del Congresso (Câmara Federal), sia nel Senato nazionale.

Inoltre, Brasilia è sede del governo federale del paese. Il ramo esecutivo è rappresentato dal Palácio do Planalto (l'ufficio presidenziale) e i vari ministeri sono dislocati lungo l'Asse Monumentale. Anche i poteri legislativo e giudiziario vi hanno sede.

Cultura[modifica | modifica sorgente]

Scuole[modifica | modifica sorgente]

Galleria fotografica[modifica | modifica sorgente]

Persone legate a Brasilia[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (PT) Scheda del comune dall'IBGE - Censimento 2013. URL consultato il 27 marzo 2013.
  2. ^ [1]

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]