Croce

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Croce (disambigua).
Croci.png
Una croce greca (tutti i bracci della stessa lunghezza), diritta e ruotata di 45 gradi.

Una croce è una figura geometrica che è fatta di due linee o barre che si incrociano con un angolo retto, in maniera tale che una di esse (o tutt'e due) venga divisa a metà. È uno dei simboli umani più antichi.

La croce come simbolo religioso[modifica | modifica sorgente]

La croce nel cristianesimo[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Croce cristiana.
Una croce di vetta: tipico simbolo cristiano posto su tante montagne delle aree di cultura cattolica

La croce è il principale simbolo della religione cristiana e ricorda la crocifissione di Gesù e la salvezza portata dalla sua passione e dalla sua morte[1]. Per la maggioranza dei cristiani la Croce cristiana è quindi un simbolo dell'amore di Dio, in quanto è una rappresentazione della morte che Cristo ha voluto per redimere gli uomini. Il simbolo della croce si impose comunque lentamente tra i cristiani, anche perché anticamente la croce era un simbolo di biasimo (Lettera agli Ebrei, 6,6): il suo uso si diffuse principalmente a partire dal IV secolo, mentre la tradizionale collocazione della croce sull'altare si ebbe quindi a partire dal Medio Evo[2].

Il segno della croce, di uso comune tra i cristiani, può avere più valenze: preghiera, benedizione e altro.[1]

Secondo una leggenda l'albero dal quale fu ricavato il legno della Croce nacque da uno dei tre semi (cedro, cipresso, pino) posto nella bocca di Adamo alla sua morte. Secondo un'altra versione della leggenda, nella bocca di Adamo alla sua morte fu posto un ramoscello dell'Albero della Vita donato al figlio Set dall'Arcangelo Michele, che poi crebbe dando vita ad un nuovo albero.[senza fonte]

La croce, sin dall'origine, esprime e simboleggia un'imago mundi corrispondente a uno degli atti dell'uomo, quello di orientarsi sia in senso spaziale temporale, sia nella dimensione trascendente; simbolo trasmesso dalla tradizione, che il Cristianesimo conservò inglobandolo nella propria teologia della Redenzione.[3]

La croce nelle religioni del passato[modifica | modifica sorgente]

In Europa, il simbolo di Odino nella mitologia norrena era una croce in un cerchio, chiamata croce celtica. Simile a una croce ma con un cerchio posto in alto, è anche il simbolo egiziano dell'ankh.

Segni e caratteri in forma di croce[modifica | modifica sorgente]

  1. Nella numerazione romana, il numero 10 si scrive X.
  2. Il carattere cinese per il numero 10 (vedi numerazione cinese).
  3. L'obelisco (†).
  4. Il segno di addizione (+) e il segno di moltiplicazione (×)..
  5. In geometria analitica è il piano cartesiano suddiviso in quattro quadranti

Altri significati simbolici di segni simili alla croce[modifica | modifica sorgente]

Il quadrato e la croce sono simboli riconosciuti universalmente della terra, intendendo per terra tutto quello che è opposto alla trascendenza, e non quello che si riferisce al pianeta Terra. La svastica è invece una croce con uncini: è un simbolo molto antico che fu adottato nel XX secolo dal partito Nazista tedesco.

La croce nelle bandiere nazionali[modifica | modifica sorgente]

Varie bandiere hanno la croce, tra di esse quelle di tutti i paesi scandinavi, e molte bandiere nazionali dell'emisfero australe raffigurano la Croce del Sud. La bandiera della Svizzera mostra una croce greca all'interno di un quadrato. L'emblema della Croce Rossa deriva dalla bandiera svizzera, alla quale sono stati invertiti i colori.

Bandiere nazionali con croci
Altre bandiere e stemmi con croci

Araldica[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Croce (araldica).

La croce è un simbolo ricorrente nell'araldica. Ad esempio, la "Croce di Lorena" (a volte chiamata pure "Vera Croce") si distingue per il fatto di avere due traversine verticali un po' più corte che la traversina originale che si trova nella parte superiore.

Astronomia[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Encyclopaedia Britannica
  2. ^ Treccani
  3. ^ Mario Di Salvo in Aethiopia Porta Fidei, Terra Ferma Edizioni (Grafiche Antiga spa, Crocetta del Montello), 2012, pag. 50.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]