Collina delle Croci

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Coordinate: 56°00′55″N 23°25′00″E / 56.015278°N 23.416667°E56.015278; 23.416667

Uno scorcio della Collina delle Croci
Papa Giovanni Paolo II. Collina delle Croci 7 settembre 1993.

La Collina delle Croci (in lituano Kryžių Kalnas) è un luogo di pellegrinaggio e una meta turistica che si trova nei pressi della città lituana di Šiauliai, lungo la strada E77 che collega Kaliningrad a Riga.

Si tratta di una piccola altura su cui si ergono oltre cinquantamila croci, piantate per devozione dai pellegrini secondo una tradizione popolare che dura da alcuni secoli, ma che ha preso un enorme impulso nella seconda metà del XX secolo come simbolo dell'identità nazionale lituana. Nel 1900 c'erano soltanto 130 croci sulla collina.

Durante l'epoca sovietica, per tre volte le croci della collina furono completamente abbattute con le ruspe per disposizione del regime comunista, ma ogni volta ricomparivano sempre più numerose. Oggi si contano più di 400.000 croci di ogni dimensione, foggia e materiale, da piccole croci in plastica fabbricate in serie a croci artistiche monumentali.

La Collina delle Croci fu visitata il 7 settembre 1993 da papa Giovanni Paolo II. Il crocefisso da lui donato è stato posto ai piedi della collina.

Il cardinale Vincentas Sladkevičius l'ha definita il «cuore della Lituania aperto all'Altissimo».[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Lorenzo Fazzini, L'Europa vuole una Collina senza croci? in Avvenire, 26 giugno 2010. URL consultato il 19-07-2010.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]


Kryžių kalnas (Góra Krzyży).JPG

Magnify-clip.png
Il panorama della Collina delle Croci