San José

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi San José (disambigua).
San José
città
San José – Stemma San José – Bandiera
San José – Veduta
Localizzazione
Stato Costa Rica Costa Rica
Provincia Bandera de la Provincia de San José.svg San José
Cantone San José
Distretto 11 distretti
Amministrazione
Amministratore locale Sandra García Pérez (PLN) dal 02/07/2013
Territorio
Coordinate 9°56′N 84°05′W / 9.933333°N 84.083333°W9.933333; -84.083333 (San José)Coordinate: 9°56′N 84°05′W / 9.933333°N 84.083333°W9.933333; -84.083333 (San José)
Altitudine 1.161 m s.l.m.
Superficie 9,47 km²
Abitanti 228 054[1] (stima 2011)
Densità 24 081,73 ab./km²
Altre informazioni
Fuso orario UTC-6
Nome abitanti josefini
Cartografia
Mappa di localizzazione: Costa Rica
San José
Sito istituzionale

San José (339.588 abitanti stimati nel 2006) è la capitale della Repubblica della Costa Rica nonché il capoluogo della provincia e del cantone che portano lo stesso nome. Il cantone sostanzialmente corrisponde all'area urbana della città ed è suddiviso in 11 distretti.

Principale centro economico e commerciale del paese ubicato nella Valle Centrale, sorge sulla Meseta Central. È servita dall'Aeroporto internazionale Juan Santamaría, il maggiore del Paese.

Geografia[modifica | modifica sorgente]

San José sorge su un altopiano fertile con lievi ondulazioni (Valle Centrale) circondato da montagne e bagnato da alcuni piccoli fiumi e torrenti. La città è situata ad un'altezza media di circa 1170 metri sul livello del mare. Per questo motivo, nonostante la vicinanza all'Equatore, il clima è gradevole, con temperature comprese tra i 18 e i 22 °C. La stagione delle piogge, come nel resto del paese inizia a maggio e dura fino a novembre. Le precipitazioni annue sono di circa 2.000 mm.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Il nucleo urbano di San José nacque durante il XVIII secolo per opera dei colonizzatori spagnoli. Per molti anni San José è rimasta un piccolo centro urbano (la capitale di quel periodo era Cartago). La crescita urbana iniziò a ritmo lento alla fine del XVIII secolo, per poi accelerare all'inizio del XIX, in virtù dello sviluppo delle piantagioni di caffè nelle campagne limitrofe. Nel 1801 ricevette dal Governatore Tomás Acosta il nome ufficiale di San José. Le Corti di Cadice le concedettero il titolo di città, che successivamente perse nel 1814 coll'affermarsi del periodo dell'assolutismo.

Al censimento del 1815 San José contava 11.500 abitanti. Durante tutto il XIX secolo si consolidò il piano di sviluppo urbano, basato sullo schema urbano tipico delle città spagnole (a quadrati): furono costruite alcune chiese, fra le quali la Chiesa della Merced, il tempio de El Carmen e la Chiesa de la Soledad. Nel 1820 fu restituito a San José il titolo di città. Raggiunta l'indipendenza dell'America centrale dalla sovranità della corona spagnola, il destino del paese fu a lungo dibattuto.

I cartaginesi e gli herediani spingevano per l'adesione della Costa Rica all'Impero Messicano di Iturbide. Dall'altra parte i josefini e gli alajuelensi, guidati da Gregorio José Ramírez, lottarono per la creazione della Repubblica. Questi ultimi alla fine prevalsero e nel 1823 fu dichiarata l'indipendenza del paese e la conseguente secessione della Costa Rica dall'Impero Messicano. La capitale del paese fu quindi trasferita da Cartago a San José.

Nel 1843, l'allora Ministro Generale José María Castro Madriz, firmò il decreto che istituiva l'Università di San Tommaso, primo centro di studi superiori del paese che sarebbe poi diventato l'attuale Universidad de Costa Rica. Con il governo di Juan Rafael Mora Porras, alla metà del secolo XIX, alla città fu dato un notevole sviluppo urbano, si ampliarono le avenidas e furono costruiti palazzi moderni, teatri, banche, alberghi ed edifici pubblici.

Si iniziò inoltre la costruzione della rete fognaria, l'illuminazione pubblica, la rete tramviaria e telegrafica. Fu inaugurata la centrale idroelettrica nel quartiere di Aranjuez, grazie alla quale furono collocati i primi 25 lampioni nel centro di San José. San José fu la terza città del mondo e la prima nell'America Latina ad essere illuminata con l'energia elettrica, preceduta solamente da New York e Parigi. Agli inizi del XX secolo il centro di San José vide svilupparsi le attività commerciali, che crebbero a ritmo sostenuto e congestionato, tanto che iniziò l'emigrazione dei josefini dal centro verso le periferie.

San Jose under construction.jpg

Magnify-clip.png
Panorama di San José.

Area metropolitana[modifica | modifica sorgente]

L'area metropolitana di San José comprende quattordici cantoni e più precisamente: Alajuelita, Cantone di Aserrí, Curridabat, Desamparados, Escazú, Goicoechea, La Unión, Montes de Oca, Mora, Moravia, Santa Ana, Tibás, Vázquez de Coronado e ovviamente San José. La popolazione totale dell'area metropolitana è di 1.218.522 abitanti (2000).

Trasporti[modifica | modifica sorgente]

La città è servita dall'Aeroporto Internazionale Juan Santamaría, ubicato a 20 km da San José, nella città di Alajuela.

Città gemellate[modifica | modifica sorgente]

San José è gemellata con:

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ area metropolitana 2 258 899

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]