George Best

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
George Best
George best 1976.jpg
George Best nel 1976
Dati biografici
Nazionalità Irlanda del Nord Irlanda del Nord
Altezza 175[1] cm
Peso 65[2] kg
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Attaccante
Ritirato 1984
Carriera
Giovanili
1961-1963 Manchester Utd.
Squadre di club1
1963-1974 Manchester Utd. 361 (137)
1974 Flag of None.svg Jewish Guild 5 (1)
1974 Flag of None.svg Dunstable Town 0 (0)
1975 Stockport County Stockport County 3 (2)
1975-1976 Cork Celtic Cork Celtic 3 (0)
1976 L.A. Aztecs L.A. Aztecs 23 (15)
1976-1977 Fulham Fulham 32 (6)
1977 L.A. Aztecs L.A. Aztecs 20 (11)
1977-1978 Fulham Fulham 10 (2)
1978 L.A. Aztecs L.A. Aztecs 12 (1)
1978-1979 Ft. Lauderdale Ft. Lauderdale 28 (6)
1979-1980 Hibernian Hibernian 17 (3)
1980 S.J. Earthquakes S.J. Earthquakes 26 (8)
1980-1981 Hibernian Hibernian 4 (0)
1981 S.J. Earthquakes S.J. Earthquakes 30 (13)
1982 Flag of None.svg Sea Bee 2 (0)
1982 Hong Kong Rangers Hong Kong Rangers 1 (0)
1983 Bournemouth Bournemouth 5 (0)
1983 Arancione e Blu.svg Brisbane Lions 4 (0)
1983 Flag of None.svg Osborne Park Galeb 1 (1)
1983 600px Blu e Bianco.png Nuneaton Borough 0 (0)
1984 Tobermore United Tobermore United 0 (0)
Nazionale
1964-1978 Irlanda del Nord Irlanda del Nord 37 (9)
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 
« Ho speso molti soldi per alcool, donne e macchine veloci. Il resto l'ho sperperato. »
(George Best[3])

George Best (Belfast, 22 maggio 1946Londra, 25 novembre 2005) è stato un calciatore nordirlandese, di ruolo attaccante.

Ritenuto il miglior calciatore nordirlandese della storia[4] e uno dei migliori calciatori di tutti i tempi,[5][6] occupa la 16ª posizione nella classifica dei migliori calciatori del XX secolo IFFHS[7] e l'8ª posizione nella speciale classifica dei migliori calciatori del XX secolo pubblicata dalla rivista World Soccer.[8]

Soprannominato "El Beatle" per via del suo grande talento e del suo grande carisma,[9] vinse la Champions League nel 1968, anno in cui vinse anche il Pallone d'oro.

Caratteristiche Tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Considerato uno dei più grandi dribblatori di tutti i tempi, il suo stile di gioco comprendeva velocità, equilibrio, abilità palla al piede e una grande facilità nel superare i difensori.[10] Best era inoltre un attaccante dalle qualità tecniche immense,[11] dotato anche di potenza, stacco di testa e abilità nei contrasti.[12] Nonostante il fisico gracile e la bassa statura, riusciva spesso a sovrastare i difensori.[12]

Infanzia[modifica | modifica wikitesto]

George era il figlio primogenito di Dickie Best (1919–2008) ed Anne Best (nata Whiters; 1922-1978). Crebbe a Cregagh, quartiere nell’est di Belfast. Apparteneva ad una famiglia protestante; il padre faceva parte dell’Ordine di Orange ed in alcune occasioni lo portò con sé alle riunioni del gruppo.[13]. Aveva quattro sorelle, Carol, Barbara, Julie e Grace, ed un fratello, Ian. Suo padre gli sopravvisse e morì il 16 aprile 2008, all’età di 88 anni[14], mentre la madre perì nel 1978, quando George era ancora in attività, a causa di una malattia cardiovascolare dovuta all’alcolismo.[15]

Nel 1957, all’età di unidici anni, Best ottenne l’ammissione alla prestigiosa Grosvenor High School, ma cominciò presto a marinare la scuola in quanto questa era specializzata nel rugby. Tornò allora alla Lisnasharragh Secondary School, dove ritrovò i compagni della scuola elementare e potè concentrarsi sul calcio. Da bambino era tifoso del Glentoran e del Wolverhampton[16]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Manchester United[modifica | modifica wikitesto]

Dopo essere stato scartato dal Glentoran in quanto ritenuto “troppo piccolo e leggero”[17], all’età di 15 anni il suo talento fu notato dall’osservatore del Manchester United Bob Bishop. Bishop rimase entusiasta delle qualità del ragazzo ed inviò a Matt Busby, allenatore dello United, un telegramma che recitava: “Credo di averti trovato un genio”[18][19] Andò quindi a Manchester per effettuare un provino, ma dopo soltanto due giorni venne preso dalla nostalgia di casa e tornò in Irlanda del Nord.[20] Tornò poi a Manchester e passò due anni aggregato alle giovanili dello United come dilettante, in quanto all’epoca ai club inglesi non era concesso offrire contratti validi per le giovanili ai calciatori nordirlandesi. Gli venne quindi trovato un posto come fattorino al Manchester Ship Canal, consentendogli così di allenarsi per due volte a settimana. [21]

Debuttò in campionato all'età di 17 anni il 14 settembre 1963 contro il West Bromwich, partita vinta dai suoi per 1-0.[22] Tornò poi a militare nella squadra riserve fino al 28 dicembre dello stesso anno, quando giocò la sua prima partita in FA Cup in occasione della vittoria per 5-1 contro il Burnley. Quel giorno segnò il suo primo gol con la maglia dei ‘’Red Devils’’. [23] Da quel momento in poi Matt Busby decise di aggregarlo in pianta stabile alla prima squadra e Best terminò la stagione 1963-64 con un totale di 6 reti in 26 presenze fra tutte le competizioni. In quell’anno lo United arrivò al secondo posto in campionato, quattro punti alle spalle dei campioni del Liverpool FC, e vennero eliminati in semifinale di FA Cup dal West Ham. A fine stagione Best fece parte anche dalla squadra giovanile che vinse la FA Youth Cup.

Nonostante gli avversari usassero spesso il gioco duro per provare a frenare la sua maggiore abilità tecnica, Busby lo sottopose a sedute di allenamento “aspre, talvolta brutali” per assicurarsi che fosse in grado di competere anche nelle partite più maschie. [24] Nella stagione 1963-64, la prima disputata interamente in prima squadra, Best diede il suo contributo alla vittoria del campionato[25], arrivata per differenza reti nel confronto con il Leeds United che terminò l’annata a pari punti. Il Leeds si prese però una sorta di rivincita eliminando lo United alle semifinali di FA Cup. [26] Best terminò la stagione con 14 in 59 presenze fra tutte le competizioni.[27]In questa stagione segna anche il suo primo gol nella FA Charity Shield 1965 nella partita conclusasi per 2-2 con il Liverpool.

Astro nascente del calcio inglese, Best ottenne la definitiva consacrazione all’età di 19 anni quando segnò una doppietta nei quarti di finale di Coppa dei Campioni al Benfica, che nei cinque anni precedenti era arrivato per quattro volte alla finale della competizione. La sua due reti, realizzate entrambe nel primo quarto d’ora di gioco, spinsero lo United ad una vittoria per 5-1 allo Estádio da Luz e valsero alla squadra il passaggio del turno. Best fu elogiato dalla stampa portoghese, che lo definì ‘’il quinto Beatle’’[28] Il suo talento e la sua personalità cominciarono ad affascinare i media, che gli riservarono sempre più spesso la prima pagina. [29] Tuttavia il 26 marzo Best subì un infortunio al ginocchio per uno scontro con un avversario del Preston North End [30] ed arrivò in cattive condizioni alle semifinali di Coppa, che lo United perse contro il Partizan Belgrado. Non scese più campo per il resto della stagione.

I successi tornarono ad arrivare nel 1966-67, quando lo United si laureò nuovamente campione della First Division. Best commentò la vittoria affermando: “Se i campionati si decidessero unicamente con le partite giocate in casa lo vinceremmo ogni stagione. Questa volta sono state le nostre partite in trasferta a fare la differenza. Siamo riusciti a mantenere la giusta mentalità.” [31] Chiuse la stagione con 10 reti in 45 presenze nelle varie competizioni. Prese in seguito parte al Charity Shield 1967, che fu la prima partita ad essere trasmessa a colori dalla televisione britannica. [32]

Nella stagione 1968-68 aumentò notevolmente la sua media realizzativa, tanto da ottenere il titolo di capocannoniere del campionato a parimerito con Ron Davies del Southampton. Fra le sue reti più importanti ci furono una doppietta che diede allo United una vittoria per 2-0 ad Anfield Road contro il Liverpool ed una tripletta alla penultima giornata, nella vittoria per 6-0 contro il Newcastle. Nonostante ciò il campionato venne vinto dai rivali cittadini del Manchester City, che avevano vinto per 3-1 il derby ad Old Trafford e terminarono la stagione con un vantaggio di due punti in classifica sui ‘’Red Devils’’.

La stagione 1967-68 è però ricordata in particolare per la vittoria della della Coppa dei Campioni, la prima per una squadra inglese. Lo United eliminò al primo turno i maltesi dell’Hibernians, poi battè in casa per 2-1 gli iugoslavi del Sarajevo, in una partita nella quale Best fornì a John Aston l’assist per il primo gol e segnò personalmente il secondo. In tale occasione il giornalista Geoffrey Green del Times lo descrisse così: “il centro della scacchiera…un giocatore pieno di fantasia, un giocatore che dona magia a quelli che avrebbero potuto essere capricci”. [33] Nei quarti di finale battè in casa i polacchi del Górnik Zabrze e resistette nella trasferta Stadion Śląski, dove trovò temperature gelide e 105.000 tifosi avversari. Quella partita terminò con una sconfitta per 1-0, ma Best la descrisse come “una delle nostre migliori prestazioni di sempre, date tutte le circostanze sfavorevoli”. [34]

In semifinale lo United incontrò il Real Madrid, sei volte campione della competizione: all’andata Best segnò la rete valse ai suoi la vittoria per 1-0, con un tiro da lontano descritto da Alex Stepney come una delle sue migliori marcature[35], poi si rivelò decisivo anche al Bernabéu fornendo a Bill Foulkes il cross per il definitivo 3-3 in rimonta che valeva allo United il passaggio del turno. [36] Al suo ritorno in Inghilterra Best ottenne dalla Football Writers’ Association il premio di Calciatore dell’anno, diventando il più giovane della storia ad ottenere tale alloro. [37] La stagione si chiuse poi con la finale di Coppa, in cui incontrò nuovamente il Benfica. Alla vigilia, mentre i suoi compagni riposavano, Best trovò una “maniera diversa di rilassarsi” prima dell’importante partita passando la notte con “una giovane ragazza chiamata Sue”. [38] La finale si trascinò fino ai tempi supplementari, nei quali dopo tre minuti Best si ritrovò solo davanti al portiere avversario José Henrique e lo dribblò con una finta secca prima di depositare la palla in rete. Altri due gol di Brian Kidd e Bobby Charlton fissarono poi il punteggio sul 4-1 che diede alla United la vittoria della Coppa soltanto dieci anni dopo il Disastro aereo di Monaco di Baviera che aveva ucciso quasi tutti i membri della squadra. A fine anno Best venne giudicato il miglior giocatore d’Europa e si aggiudicò il Pallone d’oro.

A soli 22 anni aveva raggiunto il suo picco. Da quel momento cominciò un lento declino. Nel 1968-69 giocò ancora su alti livelli (2 reti in 55 partite totali) e come lui fecero le altre stelle della squadra, Denis Law e Bobby Charlton. Le nuove reclute però non si rivelarono all’altezza e lo United terminò il campionato soltanto in undicesima posizione. Best avrebbe poi avuto occasione di affermare che di avere “la crescente sensazione di essere l’unico in campo a spingere avanti la squadra”. [39] Nella Coppa Intercontinentale lo United affrontò gli argentini dell’Estudiantes, una squadra famosa l’aggressività dei suoi giocatori al limite del regolamento. Lo United uscì sconfitto per 1-0 dall’Estadio Camilo Cichero [40] e pareggiò per 1-1 il ritorno in casa, partita nella quale Best fu preso a calci e sputi da José Hugo Medina e reagì con un pugno rimediando un’espiulsione. [41] In Coppa dei Campioni raggiunse invece le semifinali, dove venne eliminato dal Milan. A fine anno Matt Buscby annunciò il ritiro e venne sostituito da Wilf McGuinness. Sotto il nuovo allenatore la squadra migliorò leggermente, pur non riuscendo ad andare oltre l’ottavo posto in campionato. Nella stagione 1969-70 Best segnò un totale di 23 reti, di cui 6 in un a singola partita (la vittoria per 8-2 sul Northampton Town in FA Cup). [42] Questa performance da record gli valse un invito a Downing Street da parte del primo ministro Harold Wilson, che rivelò di essere un suo fan.[43] Nel dicembre del 1970 Busby tornò alla guida dello United, ma la stagione terminò ancora una volta con un piazzamento a metà classifica. Gli atteggiamenti di Best cominciarono a diventare problematici: venne multato dalla Football Association per aver riceuto tre cartellini gialli per cattiva condotta e ricevette una sospensione di due settimane dallo United dopo aver perso il treno per una partita a Stamford Bridge dopo aver passato un weekend con l’attrice Sinéad Cusack. [44]

Anche sotto il nuovo allenatore Frank O’Farrell lo United si piazzò all’ottavo posto in campionato, ormai la sua dimensione. Le migliori prestazioni di Best furono due triplette contro West Ham e Southampton ed una rete contro lo Sheffield United arrivata dopo ave dribblato quattro difensori avversari. [45] Tuttavia ricevette anche un cartellino rosso contro il Chelsea, fu oggetto di minacce di morte ed a gennaio rifiutò di allenarsi per una settimana, passato invece in compagnia di Carolyn Moore, Miss Gran Bretagna in carica. [46] Con 27 reti in 54 partite tra campionato e Coppa Best fu comunque il capocannoniere della squadra per la sesta stagione consecutiva.

Al termine dell’annata annunciò il suo ritiro dal calcio, ma nonostante ciò si presentò al ritiro che precedeva la stagione seguente e continuò a giocare. [47] La sua carriera era però ormai agli sgoccioli: lo United conitnuò il suo declino anche nel 1972-73 e Best rifletteva nei suoi comportamenti la frustrazione per questa situazione. Faceva parte della “cricca della vecchia guardia” che a rivolgeva a malapena la parola a i nuovi arrivi[48] e a dicembre si rese irrintracciabile per andare a festeggiare fra i nightclub londinesi. Venne sospeso dal club ed inserito nelle liste di trasferimento, per un valore di 300.00 sterline.[49] Quando O’Ferrell venne sostituito dal nuovo allenatore Tommy Docherty Best annunciò per la seconda volta il suo ritiro. [50] Tornò però nuovamente sui suoi passi e riprese ad allenarsi il 27 aprile. [51]

La sua ultima partita ufficiale con il club ebbe luogo il 1 gennaio 1974 a Loftus Road contro il Queens Park Rangers e si risolse in una sconfitta per 3-0. Tre giorni dopo non si presentò a gli allenamenti e Docherty lo eslcuse dalla squadra. [52] Poco tempo dopo Best arrestato con l’accusa di aver rubato a Marjorie Wallace una pelliccia, un passaporto ed un libretto degli assegni, ma venne in seguito prosciolto da tutte le accuse. [53] A fine stagione lo United, privo di Best, retrocedette in Second Division.

Il declino[modifica | modifica wikitesto]

Sciolto il legame con lo United, Best si ritrovò senza più una squadra a soli 28 anni. Decise però di non lasciare il mondo del calcio e cominciò un lungo periodo in cui girovagò fra varie compagini in quattro continenti diversi, sempre con contratti di breve durata. Andò dapprima in Sudafrica a giocare per il Jewish Guild, dove la sua presenza portò allo stadio migliaia di persone. Scese però in campo soltanto in 5 partite ufficiali e venne aspramente criticato per l’abitudine di saltare molte sessioni di allenamento.[54] Sempre nel 1974 giocò due amichevoli prestagionali con la maglia del piccolo Dunstable Town, una delle quali proprio contro il Manchester United.[55]

Nel novembre del 1975 giocò tre partite nello Stockport County, militante nei bassifondi della quarta serie inglese.[56]Tra il dicembre 1975 ed il gennaio 1976 visse una breve parentesi al Cork City nella League of Ireland. Anche qui la sua presenza attirò un pubblico numeroso, ma rimase soltanto per partite di campionato senza riuscire nè a segnare né a fornire buone prestazioni. La società decise pertanto di escluderlo dalla squadra ed interrompere il contratto.[57]

Nel 1976-77 andò a giocare nel Fulham e mostrò qualche miglioramento: pur avendo perso il passo dei tempi migliori, gli rimaneva ancora la tecnica. Al Fulham ebbe occasione di giocare accanto all’ex capitano della Nazionale inglese Bobby Moore. Negli anni seguenti Best affermò di aver apprezzato molto la stagione e mezza passata a Craven Cottage, pur non riusecndo a conquistare alcun trofeo.

Si trasferì quindi negli Stati Uniti, dove il relativo anonimato di cui godeva e la conseguente minor pressione gli permisero di tornare ad esprimersi ad alti livelli. Trattò inizialmente con i New York Cosmos[58], ma alla fine approdò ai Los Angeles Aztecs. Terminò la sua prima stagione nella NASL con 15 reti in 24 partite, che portarono al sua squadra fino ai quarti di finale. Nel 1977 segnò 11 reti e gli Aztecs si spinsero fino alle semifinali. In entrambe le sue prime due annate americane Best fu nominato anche nella squadra All-Stars del campionato. Il calcio a Los Angeles faticava però ad appassionare il pubblico e la squadra progrediva lentamente, così a metà della stagione 1978 Best si trasferì sulla East Coast, ai Fort Lauderdale Strikers, dove ebbe modo di giocare davanti ad un maggior numero di spettatori.[59]

Mentre gli Aztecs lo sostituirono con Johan Cruijff, a Fort Lauderdale Best si fece la fama di serio professionista, ancora capace di imprimere la svolta ad una partita. Nonostante la stampa inglese parlasse della sua esperienza americana come di una sorta di vacanza, Best ci teneva ancora molto ai risultati sportivi e ruppe con gli Strikers dopo una sconfitta per 3-0 con i New York Cosmos, al termine della quale aveva litigato con l’allenatore ed i compagni mettendo in discussione la loro voglia di vincere.[60]

Tornò allora nel Regno Unito, firmando un contratto a gettone per gli scozzesi dell’Hibernian che fece molto scalpore.[61] Qui le cose non andarono bene, sia a livello personale che di squadra: mentre i suoi lottavano per non retrocedere Best si fece sorprendere ubriaco assieme ad alcuni membri della Nazionale francese di Rugby, che si trovava ad Edimburgo per giocare contro la Scozia, e venne licenziato dal club.[62] Riassunto dopo una settimana, fece aumentare notevolmente l’affluenza di pubblico allo stadio ma non riuscì ad evitare ai suoi la retrocessione.

In estate fece ritorno in America, firmando un contratto per i San Jose Earthquakes in una NASL già in calo di popolarità. Vi rimase per due stagioni, giocando sia il campionato regolare che quello indoor.[63] Nel 1982 si recò brevemente ad Hong Kong per giocare come ospite per due team locali, il Sea Bee e gli Hong Kong Rangers.[64] A fine anno Best, ormai trentaseienne, fece ritorno per un’ultima volta in Inghilterra per giocare in terza divisione con il Bournemouth, rimandendovi fino alla fine della stagione.

Andò poi a chiudere definitivamente la carriera in Australia, con la maglia dei Brisbane Lions, anche se poi ebbe modo di giocare singole partite come ospite per Osborne Park Galeb, Nuneaton Burough, Tobermore United.[65]

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Ottenne 37 presenze per Nazionale nordirlandese, segnando 9 reti. Di queste 4 furono realizzate contro Cipro, ed una ciascuna contro Albania, Inghilterra, Scozia, Svizzera e Turchia.

Non ruscì mai a disputare i mondiali , ed è considerato uno dei giocatori più forti a non aver mai preso parte a tale competizione.[66]. Nel 1965 andò vicino all’obiettivo, ma un pareggio per 1-1 realizzato a Tirana contro l’Albania permise alla Svizzera di superarli all’ultima giornata del girone, sottraendogli la qualificazione. Nel 1970 fu invece l’Unione Sovietica ad impedirgli l’accesso al mondiale, mentre in occasione delle edizioni del 1974 e del 1978 si classificò al terzo posto nel proprio girone di qualificazione.

Il 15 maggio 1971 Best fu protagonista di uno degli episodi più famosi della sua carriera, nel corso di una partita contro la Nazionale inglese: mentre il portiere avversario Gordon Banks lanciava in aria la palla con l’intento di rinviarla lontano, Best riuscì ad infilare il piede e a far impennare la sfera sopra le loro teste. Questa si diresse poi verso la porta vuota. Best superò di scatto Banks e calciò il pallone in rete, ma la marcatura fu annullata dall’arbitro Alistair Mackenzie.[67]

Continuò ad essere convocato regolarmente in Nazionale nel corso di tutti gli anni '70, nonostante il declino della sua carriera ed i problemi di alcolismo.

Dopo il ritiro[modifica | modifica wikitesto]

Terminata la carriera calcistica, Best accettò l'incarico di telecronista per i Mondiali 1982 seguendo il cammino dell'Irlanda del Nord.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Divorziato nel 1986 da Angela MacDonald-Janes, con la quale aveva dato alla luce il figlio Calum, si risposò nel 1995 con Alex Pursey.

Nel 1971, interpretò un cameo nel film Il complesso del trapianto (Percy). Al personaggio di Best fu dedicato, nel 2000, un film biografico, Best, interpretato da John Lynch.

I problemi di salute[modifica | modifica wikitesto]

La vita di George Best fu costellata da gravi problemi di salute, causati soprattutto dalla dipendenza da alcol.

Nel 1984, Best dovette scontare una pena di quattro mesi per guida in stato di ebbrezza e resistenza a pubblico ufficiale.

Belfast dopo la morte di Best

Nel 2000 venne ricoverato per gravi danni al fegato dovuti ai problemi di alcolismo. Nel 2002, all'età di 56 anni, subì un trapianto di fegato.[3]

Il 2 ottobre 2005 venne ricoverato in terapia intensiva in una clinica privata londinese, il Cromwell Hospital, per un'infezione ai polmoni.[3] Dopo i primi, deboli segni di miglioramento, alla fine del mese le sue condizioni cominciarono nuovamente ad aggravarsi.

Il 20 novembre, il tabloid inglese News of the World pubblicò, su sua esplicita richiesta, una foto che ritraeva Best nel suo letto di ospedale, con le sue ultime parole pubbliche: «Don't die like me» (in lingua italiana «Non morite come me»).[3]

Il decesso avvenne il 25 novembre 2005, al Cromwell Hospital di Londra, a causa di un'infezione epatica. A comunicare la notizia ai giornalisti, assiepati all'uscita della clinica, fu il figlio Calum che gli stette vicino negli ultimi giorni di vita.

I funerali si svolsero il 2 dicembre 2005 a Belfast, città natale di Best. Presenti, tra gli altri, Alex Ferguson e Bobby Charlton, nonché diversi ex compagni di squadra. Riposa nella tomba accanto alla madre, scomparsa nel 1978.

Iniziative commemorative[modifica | modifica wikitesto]

Il George Best Belfast City Airport

Nel marzo 2006, Flybe, il maggiore operatore dell'aeroporto, ha rinominato un Dash 8, con l'effigie del giocatore, The George Best. Questo mezzo speciale, è stato utilizzato dalla famiglia Best per gli spostamenti verso Manchester in occasione delle cerimonie in sua memoria.

L'opinione pubblica sulla ridenominazione dell'aeroporto fu contrastante, con un sondaggio che mostra il 52% delle persone a favore e il 48% contro.[68]

Il 22 maggio 2006, in occasione dei 60 anni dalla nascita di George Best, la città di Belfast, ha deciso di intitolargli il Belfast City Airport.

Il 27 novembre 2006, per celebrare il primo anniversario della sua morte, Ulster Bank ha diffuso nel Nord Irlanda e nella zona di Manchester, un milione circa di banconote da 5 sterline recanti la sua effigie.

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica wikitesto]

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
1963-1964 Inghilterra Manchester United FD 17 4 FACup + CdL 7+0 2+0 CdC 2 0 - - - 26 6
1964-1965 FD 41 10 FACup + CdL 7+0 2+0 CdF 11 2 - - - 59 14
1965-1966 FD 31 9 FACup + CdL 5+0 3+0 CC 6 4 SI 1 1 43 17
1966-1967 FD 42 10 FACup + CdL 2+1 0+0 - - - - - - 45 10
1967-1968 FD 41 28 FACup + CdL 2+0 1+0 CC 9 3 SI 1 0 53 32
1968-1969 FD 41 19 FACup + CdL 6+0 1+0 CC 6 2 CInt 2 0 55 22
1969-1970 FD 37 15 FACup + CdL 7+8 6+2 - - - - - - 50 23
1970-1971 FD 40 18 FACup + CdL 2+6 1+2 - - - WC 3 1 51 22
1971-1972 FD 40 18 FACup + CdL 7+6 5+3 - - - WC 1 1 54 27
1972-1973 FD 19 4 FACup + CdL 0+4 0+2 - - - - - - 23 6
1973-1974 FD 12 2 FACup + CdL - - - - - - - - 12 2
Totale Manchester United 361 137 70 30 34 11 8 3 473 181
1975-1976 Inghilterra Stockport County FoD 3 2 - - - - - - - - - 3 2
1975-1976 Irlanda Cork Celtic PD 3 0 - - - - - - - - - 3 0
1976 Stati Uniti Los Angeles Aztecs NASL 23+1 15+0 - - - - - - - - - 24 15
1976-1977 Inghilterra Fulham SD 32 6 FACup + CdL 2+3 0+2 - - - - - - 37 8
1977 Stati Uniti Los Angeles Aztecs NASL 20+5 11+2 - - - - - - - - - 25 13
1977-1978 Inghilterra Fulham SD 10 2 - - - - - - - - - 10 2
1978 Stati Uniti Los Angeles Aztecs NASL 12 1 - - - - - - - - - 12 1
Totale Los Angeles Aztecs 61 29 - - - - - - 61 29
1978 Stati Uniti Ft. Lauderdale Strikers NASL 9+5 4+2 - - - - - - - - - 14 6
1979 NASL 19 2 - - - - - - - - - 19 2
Totale Fort Lauderdale Strikers 33 8 - - - - - - 33 8
1979-1980 Scozia Hibernian PD 13 3 CS 3 0 - - - - - - 16 3
1980 Stati Uniti San Jose Earthquakes NASL 26 8 - - - - - - - - - 26 8
1980-1981 Scozia Hibernian FD 4 0 CdL 2 0 - - - - - - 6 0
1981 Stati Uniti San Jose Earthquakes NASL 30 13 - - - - - - - - - 30 13
Totale San Jose Earthquakes 56 21 - - - - - - 56 21
1982-1983 Inghilterra Bournemouth TD 5 0 - - - - - - - - - 5 0
1983-1984 Australia Brisbane Lions NSL 4 0 - - - - - - - - - 4 0
1983-1984 Irlanda del Nord Tobermore United - - - CI 1 0 - - - - - - 1 0
Totale carriera 581 208 81 32 34 11 8 3 706 256

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Graffito raffigurante George Best

Club[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Manchester United: 1962-1963
Manchester United: 1964-1965, 1966-1967
Manchester United: 1965, 1967

Competizioni internazionali[modifica | modifica wikitesto]

Manchester United: 1967-1968

Individuale[modifica | modifica wikitesto]

1968
1968
2004
2005

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Lovejoy, Best, 2012, p.114
  2. ^ Lovejoy, Best, 2012, p.114
  3. ^ a b c d Best: «Ragazzi, non morite come me», Corriere della sera, 22 novembre 2005. URL consultato il 20 gennaio 2012.
  4. ^ Profile of George Best.
  5. ^ George Best: storia di una leggenda..
  6. ^ La leggenda di George Best.
  7. ^ IFFHS' Century Elections.
  8. ^ England Player Honours - World Soccer Players of the Century.
  9. ^ The birth of El Beatle.
  10. ^ John Roberts: 'George Best was reliable only when there was a football at his feet'.
  11. ^ George Best Treccani.it
  12. ^ a b In memoria di George Best.
  13. ^ Andrews, David L (2004). Newcastle United: a thematic study. Abingdon, Oxfordshire: Routledge. p. 135. ISBN 0-415-33333-4.
  14. ^ [ http://news.sky.com/skynews/article/0,,30100-1313073,00.html • George Best's Father, Dickie, Dies Aged 88]
  15. ^ [ http://www.belfasttelegraph.co.uk/opinion/george-best-drama-an-intrusive-film-that-failed-to-tell-the-whole-story-14282152.html George Best drama: an intrusive film that failed to tell the whole story]
  16. ^ Best, George (2005). Hard Tackles and Dirty Baths: The Inside Story of Football's Golden Era. Pag.4
  17. ^ http://www.tiscali.co.uk/news/newswire.php/news/reuters/2005/11/25/sport/besttoosmallandlightforlocalclubasteen.html Anne Cadwallader, "Best too small and light for local club as teen", Tiscali News, 25 November 2005]
  18. ^ [ http://www.talkfootball.co.uk/guides/football_legends_george_best.html "George Best". Talk Football.]
  19. ^ [ http://news.scotsman.com/topics.cfm?tid=505&id=2300312005 Stephen McGinty, "Best coming to the end of his life", The Scotsman, 25 November 2005]
  20. ^ [ http://www.youtube.com/watch?v=pLbPmolooK8 "George Best Interview from 1972". Barnjournalen. 1972.]
  21. ^ Best, George (2005). Hard Tackles and Dirty Baths: The Inside Story of Football's Golden Era. Pag.3
  22. ^ Best, George (2005). Hard Tackles and Dirty Baths: The Inside Story of Football's Golden Era. Pag.1
  23. ^ Best, George (2005). Hard Tackles and Dirty Baths: The Inside Story of Football's Golden Era. Pag.1
  24. ^ Best, George (2005). Hard Tackles and Dirty Baths: The Inside Story of Football's Golden Era. Pag.43
  25. ^ Best, George (2005). Hard Tackles and Dirty Baths: The Inside Story of Football's Golden Era. Pag.57
  26. ^ Best, George (2005). Hard Tackles and Dirty Baths: The Inside Story of Football's Golden Era. Pag.57
  27. ^ Best, George (2005). Hard Tackles and Dirty Baths: The Inside Story of Football's Golden Era. Pag.57
  28. ^ "The birth of El Beatle". The Independent (London).
  29. ^ "The birth of El Beatle". The Independent (London).
  30. ^ Best, George (2005). Hard Tackles and Dirty Baths: The Inside Story of Football's Golden Era. Pag.73
  31. ^ Best, George (2005). Hard Tackles and Dirty Baths: The Inside Story of Football's Golden Era. Pag.115
  32. ^ Best, George (2005). Hard Tackles and Dirty Baths: The Inside Story of Football's Golden Era. Pag.115
  33. ^ Best, George (2005). Hard Tackles and Dirty Baths: The Inside Story of Football's Golden Era. Pag.123
  34. ^ Best, George (2005). Hard Tackles and Dirty Baths: The Inside Story of Football's Golden Era. Pag.127
  35. ^ Best, George (2005). Hard Tackles and Dirty Baths: The Inside Story of Football's Golden Era. Pag.129
  36. ^ Best, George (2005). Hard Tackles and Dirty Baths: The Inside Story of Football's Golden Era. Pag.139
  37. ^ Best, George (2005). Hard Tackles and Dirty Baths: The Inside Story of Football's Golden Era. Pag.144
  38. ^ Best, George (2005). Hard Tackles and Dirty Baths: The Inside Story of Football's Golden Era. Pag.142
  39. ^ Best, George (2005). Hard Tackles and Dirty Baths: The Inside Story of Football's Golden Era. Pag.163
  40. ^ Best, George (2005). Hard Tackles and Dirty Baths: The Inside Story of Football's Golden Era. Pag.165
  41. ^ Best, George (2005). Hard Tackles and Dirty Baths: The Inside Story of Football's Golden Era. Pag.166
  42. ^ Best, George (2005). Hard Tackles and Dirty Baths: The Inside Story of Football's Golden Era. Pag.174
  43. ^ 100 Greatest sporting moments – results Channel 4
  44. ^ Best, George (2005). Hard Tackles and Dirty Baths: The Inside Story of Football's Golden Era. Pag.212
  45. ^ Best, George (2005). Hard Tackles and Dirty Baths: The Inside Story of Football's Golden Era. Pag.235
  46. ^ Best, George (2005). Hard Tackles and Dirty Baths: The Inside Story of Football's Golden Era. Pag.235
  47. ^ Best, George (2005). Hard Tackles and Dirty Baths: The Inside Story of Football's Golden Era. Pag.249
  48. ^ Best, George (2005). Hard Tackles and Dirty Baths: The Inside Story of Football's Golden Era. Pag.252
  49. ^ Best, George (2005). Hard Tackles and Dirty Baths: The Inside Story of Football's Golden Era. Pag.271
  50. ^ Best, George (2005). Hard Tackles and Dirty Baths: The Inside Story of Football's Golden Era. Pag.272
  51. ^ Best, George (2005). Hard Tackles and Dirty Baths: The Inside Story of Football's Golden Era. Pag.275
  52. ^ Best, George (2005). Hard Tackles and Dirty Baths: The Inside Story of Football's Golden Era. Pag.301
  53. ^ Best, George (2005). Hard Tackles and Dirty Baths: The Inside Story of Football's Golden Era. Pag.302
  54. ^ Raath, Peter (November 2007). "Our Blood Is Also Red-ish". Sports Illustrated (South Africa) (Touchline Media) (119): 107.
  55. ^ They were Best of days but Fry is singing the Blues once again su Bedfordshire-news
  56. ^ [ http://inbedwithmaradona.com/video/2012/5/22/george-best-at-stockport-county.html George Best at the Stockport County]
  57. ^ "Best's run with Cork among many regrets". The Irish Times.
  58. ^ [ http://blog.guerinsportivo.it/blog/2014/11/26/george-best-in-america/ George Best in America su Guerinsportivo.it]
  59. ^ George Best in America su Ussoccerplayers.com
  60. ^ George Best in America su Ussoccerplayers.com
  61. ^ Wilson, Mike (9 Marzo 2003). "Caught in Time: George Best joins Hibs, 1979". The Sunday Times (London).
  62. ^ Baker, Thomas (25 Novembre 2005). "Best's time at Hibs a heady cocktail of scandal and skill". The Scotsman
  63. ^ Scheda su Nasljerseys.com
  64. ^ George Best in Hong Kong
  65. ^ Nasljerseys.com
  66. ^ [ http://www.mirror.co.uk/sport/football/news/george-best-anniversary-what-fellow-2269446 Daily Mirror]
  67. ^ [ http://www.mirrorfootball.co.uk/archive/George-Best-article785.html George Best: Goals, girls ... where did it all go wrong?, Daily Mirror.]
  68. ^ Best family hits out at Belfast Airport renaming opposition.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 78341270 · LCCN: no91014257 · GND: 130610550