Belém

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Belém (disambigua).
Belém
comune
Belém – Stemma Belém – Bandiera
Belém – Veduta
Localizzazione
Stato Brasile Brasile
Stato federato Bandeira do Pará.svg Pará
Mesoregione Belém
Microregione Belém
Amministrazione
Prefetto Zenaldo Rodrigues Coutinho Junior
Territorio
Coordinate 1°27′14″S 48°29′35″W / 1.453889°S 48.493056°W-1.453889; -48.493056 (Belém)Coordinate: 1°27′14″S 48°29′35″W / 1.453889°S 48.493056°W-1.453889; -48.493056 (Belém)
Altitudine 10 m s.l.m.
Superficie 1 059,406 km²
Abitanti 1 393 399[1] (2010)
Densità 1 315,26 ab./km²
Altre informazioni
Cod. postale 66000-000
Prefisso 091
Fuso orario UTC-3
Codice IBGE 1501402
Nome abitanti belenense
Area metropolitana Regione Metropolitana di Belém
Cartografia
Mappa di localizzazione: Brasile
Belém
Belém – Mappa
Sito istituzionale

Belém è una città del Brasile, capitale dello Stato del Pará, parte della mesoregione Metropolitana de Belém e della microregione di Belém; è situata sulla sponda meridionale della baia di Marajó a 140 km dall'Oceano Atlantico.

Insieme a Manaus è la città più importante di tutta la regione amazzonica. Soprannominata Cidade das Mangueiras (città della mangifera, l'albero del mango) per i brasiliani è comunemente anche Belém do Pará così da distinguersi da Betlemme che in portoghese è chiamata appunto Belém. Il suo territorio è per due terzi formato da isole.

Clima[modifica | modifica wikitesto]

Il clima è tipicamente equatoriale, sole molto intenso e piogge frequenti durante tutto l'anno. Temperature medie annuali di 28 gradi (24,25 min-31,32 massima) con umidità elevata, pesante, in media non molto diversa tra la notte e il giorno. Ventilazione accettabile data la relativa vicinanza dell'Oceano.

Storia ed economia[modifica | modifica wikitesto]

Il fortino di Belém

Fondata nel 1616 dai portoghesi come roccaforte per proteggere il Rio delle Amazzoni dagli olandesi e dagli inglesi, dopo un periodo di grande prosperità legato al commercio della canna da zucchero (XVII secolo) Belém attraversò una serie di fasi cicliche di decadenza e di prosperità economica. I periodi di ripresa erano legati all'affermarsi dell'allevamento del bestiame, delle piantagioni di riso, cotone e caffè (XVIII secolo) e in seguito, quando tali colture si svilupparono maggiormente nel Brasile meridionale, alla raccolta e all'esportazione del caucciù (fino al primo decennio del XX secolo). Collegata attraverso una ferrovia alla costa, la città è servita da un attivo aeroporto e dal maggior porto sul Rio delle Amazzoni ed è il più grande mercato dei prodotti agricoli e forestali dell'Amazzonia (cacao, manioca, arance, riso, miglio, legname, caucciù), di cui è considerata la porta d'accesso.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (PT) Scheda del comune dall'IBGE - Censimento 2010. URL consultato il 9 novembre 2014.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Brasile Portale Brasile: accedi alle voci di Wikipedia che parlano del Brasile