Serie A 2003-2004

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Serie A 2003-2004
Competizione Serie A
Sport Football pictogram.svg Calcio
Edizione 102ª (72ª di Serie A)
Organizzatore Lega Calcio
Date dal 31 agosto 2003
al 16 maggio 2004
Luogo Italia Italia
Partecipanti 18
Risultati
Vincitore Milan Milan
(17º titolo)
Retrocessioni Perugia Perugia
Modena Modena
Empoli Empoli
Ancona Ancona
Statistiche
Miglior marcatore Ucraina Andrij Ševčenko (24)
Incontri disputati 306
Gol segnati 816 (2,67 per incontro)
Serie A 2003-2004b.PNG
Distribuzione geografica delle squadre della Serie A 2003-2004
Cronologia della competizione
Left arrow.svg 2002-2003 2004-2005 Right arrow.svg

Il Campionato di Serie A 2003-04 fu il centoduesimo campionato italiano di calcio, il settantaduesimo a girone unico e l'ultimo con 18 squadre partecipanti.

Avvenimenti[modifica | modifica sorgente]

Antefatti[modifica | modifica sorgente]

La Juventus prese l'attaccante Fabrizio Miccoli, reduce da un'ottima stagione al Perugia, il centrocampista Stephen Appiah e Nicola Legrottaglie in difesa. Il Chievo acquistò Andrea Barzagli e Santana, la Lazio di Mancini Demetrio Albertini mentre Cristiano Doni e Francesco Antonioli si trasferirono alla Sampdoria. Stupì ancora una volta il Perugia ingaggiando Al-Sa'adi Gheddafi, figlio di Muammar. Il Siena, per la prima volta in A, puntò sul tecnico Giuseppe Papadopulo, lo stesso fece l'Empoli con Daniele Baldini e l'Ancona con Leonardo Menichini. Il Milan campione d'Europa decise di puntare sul giovane brasiliano Kaká, l'Inter di Cúper puntò sugli esterni van der Meyde, Luciano e Kily González ed in attacco, ceduto Crespo al Chelsea, arrivò Cruz. Il Parma di Prandelli schierò Sébastien Frey in porta e ceduto Adriano a gennaio all'Inter esplose definitivamente Alberto Gilardino. La Roma guidata da Capello prese il difensore Christian Chivu, l'attaccante John Carew e soprattutto Amantino Mancini.

Il campionato[modifica | modifica sorgente]

Il 2004 fu l'anno del Milan: in campionato, dopo alcune stagioni in chiaroscuro, la società milanese tornò, infatti, protagonista in Italia e in Europa sull'onda del successo europeo nella storica finale dell'Old Trafford di Manchester contro la Juventus dell'anno precedente ed arrivò a conquistare lo scudetto grazie ad un cammino che portò i rossoneri a quota 82 punti in classifica alla fine del torneo.

San Siro festeggia il titolo rossonero

Il campionato 2003-2004 partì il 31 agosto con cinque squadre che puntavano al titolo: la Juventus campione uscente, il Milan Campione d'Europa, l'Inter, la Lazio e la Roma. Per Inter e Lazio l'ambizione svanì in fretta, già nelle prime giornate, complici diverse sconfitte – tra cui i rispettivi derby – e un cambio in panchina dei nerazzurri alla sesta giornata dopo il pareggio contro il Brescia: esonerato Héctor Cúper, arrivò Alberto Zaccheroni.

All'inizio del torneo furono il Milan e la Juventus a fare l'andatura, proseguendo per diverse giornate insieme in testa alla classifica: lo scontro diretto di San Siro, il 1º novembre, terminò in parità e sancì l'avvicinamento della rinnovata Roma di Fabio Capello a soli due punti dalla vetta. La domenica successiva la Juventus si staccò momentaneamente grazie allo 0-0 del Milan a Parma e alla larga vittoria dei bianconeri sull'Udinese, prima di venire superata il 30 novembre da rossoneri e giallorossi complice il crollo dei torinesi contro l'Inter in casa e contro la Lazio in trasferta. Ne approfittò la Roma che il 14 dicembre staccò anche il Milan, impegnato a Tokyo nella Coppa Intercontinentale, e volò solitaria in testa. Il 21 dicembre, ultima giornata dell'anno, i punti di vantaggio dei giallorossi sulle seconde Juventus e Milan furono addirittura sei, allorché i rossoneri incassarono la loro prima e unica sconfitta casalinga per mano dell'Udinese. Il 6 gennaio, alla ripresa del campionato, i rossoneri, all'Olimpico, batterono la Roma. Il successo diede fiducia ai rossoneri che proseguirono nell'inseguimento ed ottennero il titolo d'inverno insieme alla Roma, il 18 gennaio. Dieci giorni dopo andarono in testa, complice il pareggio della Roma contro l'Udinese, e il 1º febbraio ebbero addirittura cinque punti di vantaggio sui capitolini e la Juventus.

Vessilli rossoneri sventolano in Piazza Duomo a Milano per festeggiare il 17º scudetto

Iniziò a questo punto una corsa solitaria dei rossoneri che vincono 6 partite su 7, tra cui il derby di ritorno, con una rimonta da 0-2 a 3-2 e battendo la Juventus 3-1 al Delle Alpi il 14 marzo andarono a +7 sulla Roma scucendo lo scudetto dalle maglie bianconere; la domenica successiva i punti di vantaggio diventarono 10 sui giallorossi, complice la sospensione del derby romano a opera degli ultras. Qualche pareggio di troppo dei milanesi consentì un riavvicinamento della Roma che arrivò a giocarsi lo scontro diretto di San Siro del 2 maggio con sei punti di svantaggio. Per sperare in un sorpasso i giallorossi dovevano vincere, ma la gara fu decisa già dopo il primo minuto di gioco da un colpo di testa del capocannoniere Andrij Ševčenko (24 gol a fine stagione), su assist del brasiliano Kaká, stella del campionato. Il Milan vinse così con due giornate di anticipo il suo 17º scudetto (la Roma, a -9 dopo l'incontro con i rossoneri, chiuderà addirittura a -11 il torneo).

In coda l'Ancona scese in Serie B dopo solo un anno avendo totalizzato appena 13 punti, accompagnato dal Modena malgrado una buona partenza, dall'Empoli e dal Perugia vittima di troppi pareggi e di un tentativo di rincorsa che sfumò con lo sfavorevole spareggio salvezza-promozione contro la Fiorentina, sesta nel torneo cadetto. L'esordiente Siena, dopo una frenata primaverile, riuscì invece raggiungere la salvezza ottenendo buoni risultati contro le grandi, mentre il Lecce di Delio Rossi riuscì a piazzarsi decimo dopo un girone d'andata molto negativo, bilanciato da un ritorno con molti risultati favorevoli contro le grandi, quali due vittorie di fila contro la Juventus al Delle Alpi (prima volta per i salentini) e contro l'Inter al Via del Mare. La Sampdoria di Walter Novellino, che ritornò in serie A dopo 4 anni, non deluse le aspettative, quasi ottenendo la qualificazione in Coppa UEFA ma dovendosi arrendere contro l'Udinese di Luciano Spalletti alla terz'ultima giornata. La squadra friulana fece un bel campionato vincendo contro le milanesi a San Siro e pareggiando contro le romane e la Juventus. Al termine del campionato esplose lo scandalo del calcioscommesse legato al calciatore della Sampdoria Stefano Bettarini, al calciatore del Modena Antonio Marasco e al portiere del Siena Generoso Rossi. La procura federale chiese la retrocessione in serie C del Modena, la penalizzazione di 9 punti per il Chievo e di 6 punti per Siena e Sampdoria. Alla fine, il Modena ebbe 5 punti di penalizzazione, Sampdoria e Siena furono solo multate e il Chievo prosciolto.

Squadre partecipanti[modifica | modifica sorgente]

Club Città Stadio Sponsor ufficiale Dettaglio
Ancona Ancona Ancona Stadio del Conero Banca Marche 2003-2004
Bologna Bologna Bologna Stadio Renato Dall'Ara Area Banca 2003-2004
Brescia Brescia Brescia Stadio Mario Rigamonti Banca Lombarda 2003-2004
Chievo Chievo Verona Stadio Marcantonio Bentegodi Paluani 2003-2004
Empoli Empoli Empoli Stadio Carlo Castellani Sammontana 2003-2004
Inter Inter Milano Stadio Giuseppe Meazza Pirelli 2003-2004
Juventus Juventus Torino Stadio delle Alpi Fastweb 2003-2004
Lazio Lazio Roma Stadio Olimpico di Roma Parmacotto, Indesit 2003-2004
Lecce Lecce Lecce Stadio Via del Mare Salento da Amare 2003-2004
Milan Milan Milano Stadio Giuseppe Meazza Opel Meriva 2003-2004
Modena Modena Modena Stadio Alberto Braglia Immergas 2003-2004
Parma Parma Parma Stadio Ennio Tardini Parmalat 2003-2004
Perugia Perugia Perugia Stadio Renato Curi Toyota 2003-2004
Reggina Reggina Reggio Calabria Stadio Oreste Granillo Credit Suisse, Spi, Stocco&Stocco 2003-2004
Roma Roma Roma Stadio Olimpico di Roma Mazda 2003-2004
Sampdoria Sampdoria Genova Stadio Luigi Ferraris Erg 2003-2004
Siena Siena Siena Stadio Artemio Franchi - Montepaschi Arena Montepaschi Vita 2003-2004
Udinese Udinese Udine Stadio Friuli Bernardi 2003-2004

Allenatori e primatisti[modifica | modifica sorgente]

Squadra Allenatore Calciatore più presente Cannoniere
Ancona[1][2] Italia Leonardo Menichini (1ª-4ª)
Italia Nedo Sonetti (5ª-18ª)
Italia Giovanni Galeone (19ª-34ª)
Italia Mauro Milanese (27) Italia Christian Bucchi (5)
Bologna Italia Carlo Mazzone Italia Gianluca Pagliuca (34) Italia Claudio Bellucci (7)
Brescia Italia Gianni De Biasi Italia Andrea Caracciolo,
Italia Dario Dainelli,
Italia Luigi Di Biagio (32)
Italia Roberto Baggio,
Italia Andrea Caracciolo (12)
Chievo Italia Luigi Delneri Italia Salvatore Lanna,
Italia Fabio Moro (32)
Italia Federico Cossato (6)
Empoli[3] Italia Daniele Baldini (1ª-6ª)
Italia Attilio Perotti (7ª-34ª)
Italia Antonio Di Natale,
Italia Tommaso Rocchi (33)
Italia Tommaso Rocchi (11)
Inter[4] Argentina Héctor Cúper (1ª-6ª)
Italia Alberto Zaccheroni (7ª-34ª)
Argentina Javier Zanetti (34) Italia Christian Vieri (13)
Juventus Italia Marcello Lippi Italia Gianluigi Buffon (32) Francia David Trezeguet (16)
Lazio Italia Roberto Mancini Italia Bernardo Corradi,
Italia Stefano Fiore (32)
Italia Bernardo Corradi (10)
Lecce Italia Delio Rossi Italia Lorenzo Stovini (34) Uruguay Ernesto Chevantón (19)
Milan Italia Carlo Ancelotti Italia Gennaro Gattuso (33) Ucraina Andrij Ševčenko (24)
Modena[5] Italia Alberto Malesani (1ª-26ª)
Italia Gianfranco Bellotto (27ª-34ª)
Italia Jacopo Balestri (33) Senegal Diomansy Kamara (6)
Parma Italia Cesare Prandelli Italia Alberto Gilardino (34) Italia Alberto Gilardino (23)
Perugia Italia Serse Cosmi Brasile Zé Maria (32) Brasile Zé Maria (7)
Reggina[6][7] Italia Franco Colomba (1ª-10ª)
Italia Sergio Buso (11ª)
Italia Giancarlo Camolese (12ª-34ª)
Italia Emanuele Belardi (30) Italia Francesco Cozza,
Italia David Di Michele (8)
Roma Italia Fabio Capello Italia Antonio Cassano,
Brasile Emerson,
Brasile Mancini (33)
Italia Francesco Totti (20)
Sampdoria Italia Walter Novellino Italia Aimo Diana (33) Italia Fabio Bazzani (13)
Siena Italia Giuseppe Papadopulo Norvegia Tore André Flo (33) Italia Enrico Chiesa (10)
Udinese Italia Luciano Spalletti Italia Morgan De Sanctis,
Danimarca Martin Jørgensen (34)
Italia Dino Fava Passaro (12)

Classifica finale[modifica | modifica sorgente]

Pos. Squadra Pt G V N P GF GS DR
Scudetto.svg 1. Milan Milan 82 34 25 7 2 65 24 +41
Coppacampioni.png 2. Roma Roma 71 34 21 8 5 68 19 +49
Coppacampioni.png 3. Juventus Juventus 69 34 21 6 7 67 42 +25
Coppacampioni.png 4. Inter Inter 59 34 17 8 9 59 37 +22
Coppauefa.png 5. Parma Parma 58 34 16 10 8 57 46 +11
Coccarda Coppa Italia.svg Coppauefa.png 6. Lazio Lazio 56 34 16 8 10 52 38 +14
Coppauefa.png 7. Udinese Udinese 50 34 13 11 10 44 40 +4
8. Sampdoria Sampdoria 46 34 11 13 10 40 42 -2
9. Chievo Chievo 44 34 11 11 12 36 37 -1
10. Lecce Lecce 41 34 11 8 15 43 56 -13
11. Brescia Brescia 40 34 9 13 12 52 57 -5
12. Bologna Bologna 39 34 10 9 15 45 53 -8
13. Reggina Reggina 34 34 6 16 12 29 45 -16
14. Siena Siena 34 34 8 10 16 41 54 -13
1downarrow red.svg 15. Perugia Perugia[8] 32 34 6 14 14 44 56 -12
1downarrow red.svg 16. Modena Modena 30 34 6 12 16 27 46 -19
1downarrow red.svg 17. Empoli Empoli 30 34 7 9 18 26 54 -28
The death.svg 18. Ancona Ancona 13 34 2 7 25 21 70 -49

Legenda:

      Campione d'Italia e ammessa alla UEFA Champions League 2004-2005
      Ammesse alla UEFA Champions League 2004-2005
      Ammesse alla Coppa UEFA 2004-2005
      Retrocesse in Serie B 2004-2005

Note:

Tre punti a vittoria, uno a pareggio, zero a sconfitta.

Verdetti[modifica | modifica sorgente]

Record[modifica | modifica sorgente]

  • Maggior numero di vittorie : Milan Milan (25)
  • Minor numero di sconfitte: Milan Milan (2)
  • Migliore attacco: Roma Roma (68 gol fatti)
  • Miglior difesa: Roma Roma (19 reti subite)
  • Miglior differenza reti: Roma Roma (+49)
  • Maggior numero di pareggi: Reggina Reggina (16)
  • Minor numero di pareggi: Juventus Juventus (6)
  • Maggior numero di sconfitte: Ancona Ancona (25)
  • Minor numero di vittorie: Ancona Ancona (2)
  • Peggior attacco: Ancona Ancona (21 reti segnate)
  • Peggior difesa: Ancona Ancona (70 reti subite)
  • Peggior differenza reti: Ancona Ancona (-49)

Squadra campione[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Associazione Calcio Milan 2003-2004.
N. Ruolo Giocatore
1 Italia P Valerio Fiori
2 Brasile D Cafu
3 Italia D Paolo Maldini (capitano)
4 Georgia D Kakhaber Kaladze
5 Argentina C Fernando Redondo
7 Ucraina A Andriy Shevchenko
8 Italia C Gennaro Gattuso
9 Italia A Filippo Inzaghi
10 Portogallo C Manuel Rui Costa
12 Brasile P Dida
13 Italia D Alessandro Nesta
14 Croazia D Dario Šimić
15 Danimarca A Jon Dahl Tomasson
N. Ruolo Giocatore 600px Bianco e Rosso (Croce) e Rosso e Nero (Strisce).png
18 Italia A Marco Borriello
19 Italia D Alessandro Costacurta
20 Paesi Bassi C Clarence Seedorf
21 Italia C Andrea Pirlo
22 Brasile C Kaká
23 Italia C Massimo Ambrosini
24 Danimarca D Martin Laursen
26 Italia D Giuseppe Pancaro
27 Brasile C Serginho
32 Italia C Cristian Brocchi
45 Italia C Ignazio Abate
77 Italia P Christian Abbiati

Classifica dei marcatori[modifica | modifica sorgente]

Gol Rigori Marcatore Squadra
1rightarrow.png 24 1 Andriy Shevchenko Milan Milan
23 4 Alberto Gilardino Parma Parma
20 6 Francesco Totti Roma Roma
19 4 Ernesto Chevantón Lecce Lecce
17 2 Adriano Leite Ribeiro Parma Parma (8)
Inter Inter (9)
16 1 David Trezeguet Juventus Juventus
14 0 Antonio Cassano Roma Roma
13 0 Fabio Bazzani Sampdoria Sampdoria
2 Christian Vieri Inter Inter
12 0 Roberto Baggio Brescia Brescia
0 Andrea Caracciolo Brescia Brescia
0 Dino Fava Passaro Udinese Udinese
1 Jon Dahl Tomasson Milan Milan
11 0 Vincenzo Iaquinta Udinese Udinese
0 Tommaso Rocchi Empoli Empoli
1 Marco Di Vaio Juventus Juventus
1 Francesco Flachi Sampdoria Sampdoria
10 0 Bernardo Corradi Lazio Lazio
0 Kaká Milan Milan
4 Enrico Chiesa Siena Siena


Marcature multiple[modifica | modifica sorgente]

[9]

Reti Calciatore Incontro Giornata
4 Italia Alberto Gilardino Parma-Udinese 4-3 34

Risultati[modifica | modifica sorgente]

1ª giornata
31 ago. 2003 25 gen. 2004
0-2 Ancona-Milan 0-5
2-2 Bologna-Parma 0-0
1-1 Brescia-Chievo 1-3
2-0 Inter-Modena 1-1
5-1 Juventus-Empoli 3-3
4-1 Lazio-Lecce 1-0
2-2 Perugia-Siena 1-2
2-2 Reggina-Sampdoria 0-2
1-2 Udinese-Roma 1-1
4ª giornata
28 set. 2003 15 feb. 2004
4-1 Chievo-Perugia 2-0
2-2 Empoli-Lazio 0-3
3-0 Milan-Lecce 1-1
2-0 Modena-Bologna 1-1
1-1 Parma-Siena 2-1
0-2 Reggina-Juventus 0-1
3-0 Roma-Ancona 0-0
2-1 Sampdoria-Brescia 1-1
0-0 Udinese-Inter 2-1
7ª giornata
26 ott. 2003 7 mar. 2004
0-1 Empoli-Chievo 0-0
0-0 Inter-Roma 1-4
2-0 Juventus-Brescia 3-2
2-1 Lazio-Bologna 1-2
3-0 Parma-Modena 2-2
3-3 Perugia-Udinese 1-1
0-0 Reggina-Ancona 1-1
0-3 Sampdoria-Milan 1-3
2-1 Siena-Lecce 0-0
10ª giornata
23 nov. 2003 28 mar. 2004
1-1 Ancona-Brescia 2-5
0-4 Bologna-Roma 2-1
0-2 Chievo-Milan 2-2
1-0 Empoli-Parma 0-4
6-0 Inter-Reggina 2-0
3-1 Lazio-Perugia 2-1
0-0 Lecce-Sampdoria 2-2
0-2 Modena-Juventus 1-3
1-1 Udinese-Siena 0-1
13ª giornata
14 dic. 2003 18 apr. 2004
0-1 Ancona-Lazio 2-4
0-2 Bologna-Inter 2-4
2-0 Brescia-Empoli 1-1
4-0 Juventus-Parma 2-2
2-1 Milan-Siena 2-1
3-3 Perugia-Sampdoria 2-3
0-0 Reggina-Chievo 0-0
1-0 Roma-Modena 1-0
1-0 Udinese-Lecce 1-2
16ª giornata
11 gen. 2004 9 mag. 2004
0-0 Chievo-Udinese 1-1
2-0 Empoli-Ancona 1-2
0-1 Lazio-Brescia 1-2
1-2 Lecce-Bologna 1-1
3-1 Milan-Reggina 1-2
1-0 Parma-Inter 0-1
0-1 Perugia-Roma 3-1
1-2 Sampdoria-Juventus 0-2
4-0 Siena-Modena 3-1
2ª giornata
14 set. 2003 1º feb. 2004
1-2 Chievo-Juventus 0-1
1-1 Empoli-Reggina 0-2
3-1 Lecce-Ancona 2-0
2-1 Milan-Bologna 2-0
0-1 Modena-Udinese 0-1
3-0 Parma-Perugia 2-2
5-0 Roma-Brescia 0-1
1-2 Sampdoria-Lazio 1-1
0-1 Siena-Inter 0-4
5ª giornata
5 ott. 2003 22 feb. 2004
0-3 Ancona-Udinese 0-3
0-3 Empoli-Modena 1-1
1-3 Inter-Milan 2-3
2-1 Juventus-Bologna 1-0
1-0 Lazio-Chievo 0-0
1-4 Lecce-Brescia 2-1
1-0 Parma-Sampdoria 2-1
0-0 Perugia-Reggina 2-1
0-0 Siena-Roma 0-6
8ª giornata
2 nov. 2003 14 mar. 2004
0-0 Ancona-Siena 2-3
0-1 Bologna-Sampdoria 2-3
2-3 Brescia-Parma 2-2
0-2 Chievo-Inter 0-0
2-1 Lecce-Empoli 0-0
1-1 Milan-Juventus 3-1
1-0 Modena-Perugia 1-1
2-0 Roma-Reggina 0-0
1-2 Udinese-Lazio 2-2
11ª giornata
30 nov. 2003 4 apr. 2004
1-2 Brescia-Udinese 3-4
1-3 Juventus-Inter 2-3
2-0 Milan-Modena 1-1
3-1 Parma-Chievo 2-0
1-1 Perugia-Empoli 0-1
0-0 Reggina-Bologna 2-2
3-1 Roma-Lecce 3-0
2-0 Sampdoria-Ancona 1-0
3-0 Siena-Lazio 2-5
14ª giornata
21 dic. 2003 25 apr. 2004
1-0 Chievo-Ancona 2-0
0-2 Empoli-Roma 0-3
2-1 Lazio-Inter 0-0
1-1 Lecce-Juventus 4-3
1-2 Milan-Udinese 0-0
1-2 Parma-Reggina 1-1
2-2 Perugia-Brescia 1-1
1-1 Sampdoria-Modena 0-1
0-0 Siena-Bologna 1-3
17ª giornata
18 gen. 2004 16 mag. 2004
0-0 Ancona-Perugia 0-1
3-1 Bologna-Chievo 1-2
0-1 Brescia-Milan 2-4
0-1 Inter-Empoli 3-2
4-2 Juventus-Siena 3-1
1-1 Modena-Lazio 1-2
1-3 Reggina-Lecce 1-2
3-1 Roma-Sampdoria 0-0
1-1 Udinese-Parma 3-4
3ª giornata
21 set. 2003 8 feb. 2004
1-1 Ancona-Modena 1-2
2-0 Bologna-Udinese 3-1
4-4 Brescia-Reggina 0-0
0-0 Inter-Sampdoria 2-2
2-2 Juventus-Roma 0-4
2-3 Lazio-Parma 3-0
1-2 Lecce-Chievo 3-2
1-1 Perugia-Milan 1-2
4-0 Siena-Empoli 0-1
6ª giornata
19 ott. 2003 29 feb. 2004
2-3 Ancona-Juventus 0-3
2-2 Bologna-Perugia 2-4
2-2 Brescia-Inter 3-1
1-1 Chievo-Sampdoria 0-1
1-0 Milan-Lazio 1-0
2-0 Modena-Lecce 0-1
2-1 Reggina-Siena 0-0
2-0 Roma-Parma 4-1
2-0 Udinese-Empoli 0-2
9ª giornata
9 nov. 2003 21 mar. 2004
0-0 Brescia-Bologna 0-3
3-0 Inter-Ancona 2-0
4-1 Juventus-Udinese 0-0
0-0 Parma-Milan 1-3
2-2 Perugia-Lecce 2-1
1-1 Reggina-Modena 2-1
2-0 Roma-Lazio 1-1
2-0 Sampdoria-Empoli 1-1
1-2 Siena-Chievo 1-1
12ª giornata
7 dic. 2003 10 apr. 2004
3-2 Bologna-Ancona 2-3
0-3 Chievo-Roma 1-3
0-1 Empoli-Milan 0-1
2-1 Inter-Perugia 3-2
2-0 Lazio-Juventus 0-1
1-2 Lecce-Parma 1-3
1-1 Modena-Brescia 0-0
2-1 Sampdoria-Siena 0-0
1-0 Udinese-Reggina 1-0
15ª giornata
6 gen. 2004 2 mag. 2004
0-2 Ancona-Parma 1-3
2-1 Bologna-Empoli 0-2
4-2 Brescia-Siena 1-0
3-1 Inter-Lecce 1-2
1-0 Juventus-Perugia 0-1
0-3 Modena-Chievo 0-2
2-1 Reggina-Lazio 1-1
1-2 Roma-Milan 0-1
0-1 Udinese-Sampdoria 3-1


Spareggio interdivisionale Luogo e data
Perugia 600px Rosso con grifone Bianco.png 0-1 600px Viola con giglio Rosso su sfondo Bianco.png Fiorentina Perugia, 16 giugno 2004
Fiorentina 600px Viola con giglio Rosso su sfondo Bianco.png 1-1 600px Rosso con grifone Bianco.png Perugia Firenze, 20 giugno 2004

Capoliste solitarie[modifica | modifica sorgente]

  • 9ª giornata: Juventus Juventus
  • 14ª giornata: Roma Roma
  • Dalla 18ª alla 34ª giornata: Milan Milan

Media spettatori[modifica | modifica sorgente]

Media spettatori della Serie A 2003-04: 25.675[10]

Club Pos. Media Max. Totale Abbonamenti
Milan Milan 1 63.245 78.334 1.075.162 49.146
Inter Inter 2 58.352 75.831 991.982 45.953
Lazio Lazio 3 49.341 60.929 838.800 41.547
Roma Roma 4 45.634 73.383 775.784 36.915
Juventus Juventus 5 34.365 53.883 584.207 28.672
Sampdoria Sampdoria 6 26.224 35.557 445.802 20.206
Bologna Bologna 7 23.062 33.782 392.057 16.274
Reggina Reggina 8 20.523 24.082 348.883 18.510
Udinese Udinese 9 17.642 29.819 299.918 14.530
Lecce Lecce 10 16.409 31.967 278.957 7.289
Parma Parma 11 15.904 23.663 270.372 10.439
Modena Modena 12 15.480 18.748 263.166 12.837
Chievo Chievo 13 14.868 34.624 252.763 8.472
Brescia Brescia 14 13.807 20.878 234.724 8.350
Ancona Ancona 15 13.235 23.306 224.997 9.117
Siena Siena 16 11.142 13.310 189.408 7.903
Perugia Perugia 17 11.047 18.796 187.794 5.829
Empoli Empoli 18 7.340 16.186 124.788 3.277

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Ancona, Sonetti nuovo tecnico, gazzetta.it, 29 settembre 2003.
  2. ^ Galeone ad Ancona e Guidolin a Palermo, repubblica.it, 27 gennaio 2004.
  3. ^ Salta un'altra panchina in A, l'Empoli esonera Baldini, repubblica.it, 20 ottobre 2003.
  4. ^ Zaccheroni: «La mia Inter sarà così...», corriere.it, 20 ottobre 2003.
  5. ^ Il Modena caccia Malesani, Bellotto è il nuovo tecnico, corriere.it, 23 marzo 2004.
  6. ^ Reggina, il favorito è Camolese, gazzetta.it, 27 novembre 2003.
  7. ^ Torna Camolese, "Grazie Reggina", repubblica.it, 2 dicembre 2003.
  8. ^ Retrocessa dopo spareggio con la Fiorentina, sesta in Serie B: a Perugia, 16 giugno, Perugia-Fiorentina 0-1; a Firenze, 20 giugno, Fiorentina-Perugia 1-1.
  9. ^ Serie A 2003-2004 Rsssf.com
  10. ^ Statistiche Spettatori Serie A 2003-2004 Attendance Statistics of Serie A (1st Div) 2003-2004

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]