Christian Abbiati

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Christian Abbiati
Christian Abbiati (cropped).jpg
Abbiati con la maglia del Milan nel 2012
Dati biografici
Nazionalità Italia Italia
Altezza 191[1] cm
Peso 92[1] kg
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Portiere
Squadra Milan Milan
Carriera
Giovanili
1988-1990
1991-1992
1992-1993
1993-1994
Amaranto.svg Aurora OSGB
600px Blu e Rosso (Strisce).png Atletic Trezzano
Assago Assago
Corsico Corsico
Squadre di club1
1994-1995 Monza Monza 1 (-1)
1995-1996 Borgosesia Borgosesia 29 (-27)
1996-1998 Monza Monza 51 (-58)
1998-2005 Milan Milan 110 (-124)
2005-2006 Juventus Juventus 19 (-9)
2006-2007 Torino Torino 36 (-42)
2007-2008 Atletico Madrid Atlético Madrid 21 (-28)
2008- Milan Milan 159 (-130)
Nazionale
1998-2000
2003-2005
Italia Italia U-21
Italia Italia
20 (-15)
4 (-3)
Palmarès
UEFA European Cup.svg  Europei di calcio
Argento Belgio-Olanda 2000
 Europei di calcio Under-21
Oro Slovacchia 2000
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 18 maggio 2014

Christian Abbiati (Abbiategrasso, 8 luglio 1977) è un calciatore italiano, portiere del Milan.

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica sorgente]

Abile nelle uscite[2][3] e nel parare i rigori,[4] può fare affidamento su doti fisiche invidiabili.[5] Ha quasi sempre offerto prestazioni valide, incappando in errori raramente[6] e offrendo sicurezza tra i pali.[7][8][9] Talvolta si rende autore di parate ad alto coefficiente di difficoltà.[10]

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Club[modifica | modifica sorgente]

Gli inizi[modifica | modifica sorgente]

Abbiati ha iniziato a giocare nel 1988 all'età di 11 anni nell'Aurora OSGB, formazione parrocchiale della città di Abbiategrasso, per poi passare all'Atletic Trezzano, all'Assago e dopo due anni al Corsico.

Prelevato dal Monza nel 1994, ha disputato una sola partita in campionato il 30 dicembre 1994 (Modena-Monza 1-0),[11] prima di essere mandato a giocare nel Borgosesia. Dopo un avvio incerto è riuscito a conquistare anche la maglia della Nazionale Dilettanti, della Nazionale Militare e dell'Under-20 di Serie C.[11] Nel febbraio del 1996 è stato prestato per alcuni giorni al Torino per disputare con la squadra Primavera il Torneo di Viareggio, dove Abbiati ha disputato la seconda gara della fase a gironi contro il Cagliari (2-2).[12]

Nel 1996 è ritornato al Monza, allenato da Giorgio Rumignani prima e Gigi Radice poi. Nella stagione 1996-1997 Abbiati è partito come riserva di Giuseppe Gatta per poi diventare titolare dall'11ª giornata. Nel corso del campionato, concluso con la promozione in Serie B dopo la vittoria dei play-off, ha disputato 25 partite nelle quali ha subito 17 gol, risultando il portiere meno battuto della Serie C1 1996-1997.[11] Nella stagione seguente ha esordito in Coppa Italia il 18 agosto 1997 in Monza-Genoa 1-1[11] e in Serie B il 31 agosto 1997 contro il Pescara (1-1),[13] dove ha disputato 26 partite subendo 41 reti.

Milan[modifica | modifica sorgente]

Passato al Milan nel 1998, ha debuttato in Serie A il 17 gennaio 1999 (Milan-Perugia 2-1) al 92º minuto, stante l'espulsione del portiere titolare Sebastiano Rossi.[14] Da allora è diventato titolare dei rossoneri, contribuendo, con una parata decisiva all'ultima giornata ancora contro il Perugia,[15][16] alla conquista dello scudetto 1998-1999 con in panchina Alberto Zaccheroni.

Con il Milan ha esordito in Champions League il 15 settembre 1999 in Chelsea-Milan 0-0 e in Coppa UEFA il 20 settembre 2001 in BATE Borisov-Milan 0-2.[17]

Nella stagione 2002-2003 ha perso il posto da titolare per l'exploit del portiere brasiliano Dida,[18] ma è riuscito comunque a dare un importante contributo alla conquista della Champions League 2002-2003, rispondendo con una buona prestazione quando è stato chiamato in causa nella semifinale di ritorno contro l'Inter.[19]

Breve esperienza al Genoa[modifica | modifica sorgente]

Nel 2005 è stato ceduto al Genoa, appena tornato in Serie A, con la formula del prestito con diritto di riscatto. Tuttavia, dopo un mese e mezzo di ritiro precampionato e 3 amichevoli disputate con la maglia rossoblù,[20] è ritornato al Milan a causa della retrocessione a tavolino in C1 della squadra ligure[21] per una combine con il Venezia.[22]

Le esperienze torinesi[modifica | modifica sorgente]

Christian Abbiati nel 2005

Il 17 agosto 2005 Abbiati è stato ceduto in prestito gratuito alla Juventus per sostituire Buffon, infortunatosi alla spalla dopo uno scontro con Kaká nel Trofeo Berlusconi.[23] Il suo apporto nella Juventus, in cui è stato titolare per i primi sei mesi, con 9 reti subite in 19 partite[24] è stato importante per la vittoria (sub judice) della Serie A 2005-2006, titolo poi assegnato all'Inter a seguito delle vicende di Calciopoli.

Dopo essere rientrato al Milan, il 18 luglio 2006 è stato ceduto in prestito al Torino,[25] dove ha ricoperto il ruolo di titolare nella squadra granata che ha ottenuto la salvezza.

Atlético Madrid[modifica | modifica sorgente]

Il 26 giugno 2007 il Milan lo ha nuovamente ceduto in prestito per un anno, questa volta agli spagnoli dell'Atlético Madrid,[26] dove ha iniziato il campionato come riserva di Leo Franco per diventare poi titolare verso metà della stagione,[16] conquistando il 4º posto e la qualificazione alla Champions League 2008-2009.[27] In totale con la squadra spagnola ha disputato 30 partite (21 in campionato e 9 in Coppa UEFA) e subito 34 gol (28 nella Liga e 6 in Coppa UEFA).

Il ritorno al Milan[modifica | modifica sorgente]

Abbiati con la maglia del Milan nel 2008

Nel maggio 2008, al termine del prestito all'Atlético Madrid, è ritornato a essere un giocatore del Milan.

Dopo aver rifiutato la cessione al Palermo,[28] Abbiati ha guadagnato il ruolo di titolare nel Milan e ha disputato tutte le 27 partite di campionato fino al 15 marzo 2009, quando si è infortunato al ginocchio destro subendo una distorsione con interessamento dei legamenti[29] a causa di uno scontro fortuito con il compagno Favalli durante Siena-Milan e venendo quindi sostituito da Dida.[30] L'infortunio, il più grave subito in carriera,[31] l'ha costretto a chiudere anticipatamente la stagione 2008-2009. È stato operato per la ricostruzione del legamento crociato anteriore il 30 marzo 2009 ad Anversa dal professor Martens.[32]

Dopo l'infortunio è ritornato in campo 10 mesi più tardi in occasione di Milan-Udinese del 28 gennaio 2010, gara valida per i quarti di finale della Coppa Italia 2009-2010 vinta per 1-0 dai friulani.[33] Dopo aver disputato la successiva partita di campionato contro il Livorno per l'assenza di Dida,[34] è tornato titolare il 21 febbraio 2010 contro il Bari, parando anche un calcio di rigore a Barreto nei minuti finali dell'incontro.[35][36]

Il 19 luglio 2010 Abbiati ha prolungato il contratto con il Milan fino al 30 giugno 2013.[37][38] Nella stagione stagione 2010-2011 è stato confermato come portiere titolare dal nuovo allenatore Massimiliano Allegri e, con diverse parate decisive,[39][40][41] è stato uno dei protagonisti della vittoria del campionato, terzo personale, conquistato il 7 maggio 2011 a due giornate dal termine del campionato grazie allo 0-0 contro la Roma.[42]

Il 6 agosto 2011 ha vinto la Supercoppa italiana con il Milan battendo l'Inter a Pechino per 2-1.[43] Il 15 ottobre 2011, in occasione della gara casalinga di campionato vinta per 3-0 contro il Palermo, ha indossato per la prima volta la fascia di capitano del Milan.[44][45]

Al termine della stagione 2012-2013, nella quale ha disputato complessivamente tra campionato e coppe 36 partite subendo 31 reti, ha rinnovato il suo contratto con il Milan per un'ulteriore anno, fino al 30 giugno 2014.[46]

Scendendo in campo in Milan-Sampdoria del 28 settembre 2013 ha raggiunto le 331 partite ufficiali in rossonero, diventando così il portiere con più presenze nella storia del Milan (battuto il record di Sebastiano Rossi che aveva totalizzato 330 presenze in rossonero).[47] Al termine della stagione 2013-2014 ha rinnovato il contratto con il club rossonero per un ulteriore anno.[48]

Nazionale[modifica | modifica sorgente]

Abbiati, dopo essere stato convocato nella Nazionale Dilettanti, Militare e Under-20 di C, ha esordito nella Nazionale Under-21 il 25 marzo 1998 contro i pari età maltesi (1-0 per l'Italia), con cui ha disputato e vinto gli Europei Under-21 del 2000.

Nel giugno del 2000, pochi giorni dopo la vittoria del titolo Under-21, è stato convocato in Nazionale maggiore da Dino Zoff per prendere parte all'Europeo 2000 in sostituzione dell'infortunato Gianluigi Buffon, designato come titolare.[49] Abbiati si è aggregato quindi al gruppo, dietro Toldo e Antonioli, mentre l'Italia ha ottenuto il secondo posto dopo la sconfitta in finale contro la Francia. In seguito, sempre nel 2000, con la Nazionale Olimpica ha partecipato alle Olimpiadi svolte a Sydney.

Con Trapattoni ha partecipato al Mondiale 2002 come terzo portiere. Ha esordito in Nazionale il 30 aprile 2003 nella partita amichevole Svizzera-Italia (1-2) disputata a Ginevra.

In totale ha disputato 4 partite nella Nazionale maggiore, rimanendo nel giro degli Azzurri fino al 2005.

Statistiche[modifica | modifica sorgente]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica sorgente]

Statistiche aggiornate al 18 maggio 2014.[50]

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
1994-1995 Italia Monza C1 1 -1 - - - - - - - - - 1 -1
1995-1996 Italia Borgosesia CND 29 -27 CI-D 1 -1 - - - - - - 30 -28
1996-1997 Italia Monza C1 25 -17 CI-C 1 -0 - - - - - - 26 -17
1997-1998 B 26 -41 CI 2 -2 - - - - - - 28 -43
Totale Monza 52 -59 3 -2 - - - - 55 -61
1998-1999 Italia Milan A 18 -15 CI 0 -0 - - - - - - 18 -15
1999-2000 A 29 -33 CI 0 -0 UCL 6 -7 SI 0 -0 35 -40
2000-2001 A 21 -31 CI 4 -8 UCL 7 -8 - - - 32 -47
2001-2002 A 34 -33 CI 1 -0 CU 11 -8 - - - 46 -41
2002-2003 A 3 -3 CI 8 -8 UCL 6 -9 - - - 17 -20
2003-2004 A 2 -4 CI 4 -6 UCL 1 -2 SI+SU+CInt 1+0+0 -1 8 -13
2004-2005 A 3 -5 CI 4 -7 UCL 1 -0 SI 0 -0 8 -12
2005-2006 Italia Juventus A 19 -9 CI 2 -3 UCL 6 -5 SI 0 -0 27 -17
2006-2007 Italia Torino A 36 -42 CI 2 -2 - - - - - - 38 -44
2007-2008 Spagna Atlético Madrid PD 21 -28 CR 0 -0 CU 9 -6 - - - 30 -34
2008-2009 Italia Milan A 28 -27 CI 0 -0 CU 0 -0 - - - 28 -27
2009-2010 A 9 -5 CI 1 -1 UCL 1 -4 - - - 11 -10
2010-2011 A 35 -19 CI 1 -2 UCL 6 -3 - - - 42 -24
2011-2012 A 31 -26 CI 0 -0 UCL 9 -12 SI 1 -1 41 -39
2012-2013 A 28 -22 CI 1 -0 UCL 7 -9 - - - 36 -31
2013-2014 A 28 -31 CI 2 -3 UCL 9[51] -10[52] - - - 39 -44
Totale Milan 269 -254 26 -35 64 -72 2 -2 361 -363
Totale carriera 426 -419 34 -43 79 -83 2 -2 541 -547

Cronologia presenze e reti in Nazionale[modifica | modifica sorgente]

Cronologia completa delle presenze e delle reti in Nazionale - Italia Italia
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
30-4-2003 Ginevra Svizzera Svizzera 1 – 2 Italia Italia Amichevole -1 Uscita al 82’ 82’
16-11-2003 Ancona Italia Italia 1 – 0 Romania Romania Amichevole - Ingresso al 46’ 46’
12-11-2005 Amsterdam Paesi Bassi Paesi Bassi 1 – 3 Italia Italia Amichevole -1
16-11-2005 Ginevra Italia Italia 1 – 1 Costa d'Avorio Costa d'Avorio Amichevole -1 Uscita al 71’ 71’
Totale Presenze 4 Reti -3

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

Club[modifica | modifica sorgente]

Competizioni nazionali[modifica | modifica sorgente]

Milan: 1998-1999, 2003-2004, 2010-2011
Milan: 2002-2003
Milan: 2004, 2011

Competizioni internazionali[modifica | modifica sorgente]

Milan: 2002-2003
Milan: 2003

Nazionale[modifica | modifica sorgente]

2000

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Cavaliere Ordine al merito della Repubblica Italiana - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere Ordine al merito della Repubblica Italiana
— Roma, 12 luglio 2000. Di iniziativa del Presidente della Repubblica Italiana.[53]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Christian Abbiati, acmilan.com. URL consultato il 10 aprile 2012.
  2. ^ Alessandra Bocci, Abbiati, dopo la favola il lieto fine, La Gazzetta dello Sport, 20 maggio 1999. URL consultato il 22 febbraio 2010.
  3. ^ Fabio Licari, De Sanctis e Abbiati, quattro mani per Tardelli, La Gazzetta dello Sport, 24 marzo 1999. URL consultato il 22 febbraio 2010.
  4. ^ Matteo Zappalà, Abbiati e i calci di rigore, milannews.it, 22 febbraio 2010. URL consultato il 16 dicembre 2010.
  5. ^ Luigi Garlando, Papà fa il custode, mamma la portinaia, Christian ha le chiavi del Milan e non vuole aprire a Ronaldo, La Gazzetta dello Sport, 13 marzo 1999. URL consultato il 22 febbraio 2010.
  6. ^ Matteo Calcagni, Leo difende Dida, ma Abbiati scalpita, tuttomercatoweb.com, 20 febbraio 2010. URL consultato il 22 febbraio 2010.
  7. ^ Abbiati, un buon Cristian che è abituato ai fischi, Sky Sport, 9 dicembre 2008. URL consultato il 22 febbraio 2010.
  8. ^ Alberto Costa, Abbiati è una sicurezza, Corriere della Sera, 2 ottobre 2000. URL consultato il 22 febbraio 2010.
  9. ^ Milan: Abbiati o Dida il dubbio di Leo, tuttomercatoweb.com, 11 novembre 2009. URL consultato il 22 febbraio 2010.
  10. ^ Del Piero: "Abbiati alla Higuita", La Gazzetta dello Sport, 22 settembre 2005. URL consultato il 22 febbraio 2010.
  11. ^ a b c d Biografia, christianabbiati.it. URL consultato il 21 luglio 2011.
  12. ^ Torino 2-2 Cagliari, christianabbiati.it. URL consultato il 21 luglio 2011.
  13. ^ Monza 1-1 Pescara, christianabbiati.it. URL consultato il 21 luglio 2011.
  14. ^ Giancarla Ghisi, Abbiati para l'emozione: "Ho lo stesso carattere di Rossi", Corriere della Sera, 23 gennaio 1999. URL consultato il 23 febbraio 2010.
  15. ^ Milan campione, Rai Sport, 23 maggio 1999. URL consultato il 23 febbraio 2010.
  16. ^ a b Volti nuovi, volti amici, acmilan.com, 11 luglio 2008. URL consultato il 3 novembre 2010.
  17. ^ Profilo, christianabbiati.it. URL consultato il 23 febbraio 2010.
  18. ^ Fenomeno Dida, un felino tra i pali il portiere che sembrava un bidone, la Repubblica, 9 dicembre 2004. URL consultato il 2 settembre 2009.
  19. ^ Abbiati : miracolo = Milan : finale, christianabbiati.it, 13 maggio 2003. URL consultato il 3 marzo 2011.
  20. ^ Calendario - Genoa, christianabbiati.it. URL consultato il 5 settembre 2013.
  21. ^ Doni contro Abbiati protagonisti per caso, Corriere della Sera, 17 novembre 2005. URL consultato il 2 settembre 2009.
  22. ^ Abbiati alla Juve. Giraudo: grazie Berlusconi, Corriere della Sera, 17 agosto 2005. URL consultato il 2 settembre 2009.
  23. ^ Abbiati alla Juve. Giraudo: grazie Berlusconi, Corriere della Sera, 17 agosto 2005. URL consultato il 23 febbraio 2010.
  24. ^ Abbiati Christian, juworld.net. URL consultato il 23 febbraio 2010.
  25. ^ Francesco Tanilli, Il Torino soffia Abbiati alla Juventus, la Repubblica, 18 luglio 2006. URL consultato il 23 febbraio 2010.
  26. ^ Spinelli: "Tavano è del Livorno". Abbiati va all'Atletico Madrid, la Repubblica, 26 giugno 2007. URL consultato il 23 febbraio 2010.
  27. ^ Giovanni Battista Olivero, Abbiati «Finalmente sono tornato. Per restare», La Gazzetta dello Sport, 30 gennaio 2010. URL consultato il 23 febbraio 2010.
  28. ^ Pietro Mazzara, Galliani: "Lloris era nostro ma il no di Abbiati al Palermo ha fatto saltare l'affare", milannews.it, 12 aprile 2010. URL consultato il 12 aprile 2010.
  29. ^ Abbiati stagione finita. Milan nelle mani di Dida, puntosport.net, 16 marzo 2009. URL consultato il 23 aprile 2009.
  30. ^ Milan nei guai: Abbiati torna tra sei mesi, Il Tempo, 17 marzo 2009. URL consultato il 3 novembre 2010.
  31. ^ Abbiati: "Il mio peggior infortunio", La Gazzetta dello Sport, 16-03-200. URL consultato il 17 marzo 2009.
  32. ^ Abbia: è già attesa, acmilan.com, 1º aprile 2009. URL consultato il 16 dicembre 2010.
  33. ^ Noi non molliamo, acmilan.com, 28 gennaio 2010. URL consultato il 3 novembre 2010.
  34. ^ Dida out: c'è Abbiati, calciomercato.it, 31 gennaio 2010. URL consultato il 22 febbraio 2010.
  35. ^ Gaetano De Stefano, Borriello-Pato. Il Milan può sognare, La Gazzetta dello Sport, 21 febbraio 2010. URL consultato il 22 febbraio 2010.
  36. ^ Matteo Barzaghi, Abbiati, ancora tu. Il Milan ringrazia di cuore, è di rigore, Sky Sport, 22 febbraio 2010. URL consultato il 22 febbraio 2010.
  37. ^ Vai Christian!, acmilan.com, 20 luglio 2010. URL consultato il 16 dicembre 2010.
  38. ^ Abbiati prolunga fino al 2013, christianabbiati.it, 19 luglio 2010. URL consultato il 16 dicembre 2010.
  39. ^ Massimiliano Cristina, Undici anni dopo è sempre Abbiati, Sport Mediaset, 7 maggio 2011. URL consultato l'8 maggio 2011.
  40. ^ Jacopo Gerna, Abbiati porta lo scudetto. Galliani: "E' stato decisivo", La Gazzetta dello Sport, 25 aprile 2011. URL consultato l'8 maggio 2011.
  41. ^ Gaetano De Stefano, Da Abbiati a Ibra. Ecco i magnifici 7, La Gazzetta dello Sport, 8 maggio 2011. URL consultato l'8 maggio 2011.
  42. ^ Gaetano De Stefano, Milan campione d'Italia. A Roma basta lo 0-0, La Gazzetta dello Sport, 7 maggio 2011. URL consultato l'8 maggio 2011.
  43. ^ Gaetano De Stefano, Ibra-Boateng: Inter a terra. Festa Milan in Supercoppa, La Gazzetta dello Sport, 6 agosto 2011. URL consultato il 6 agosto 2011.
  44. ^ Vincenzo Vasta, Ibra-Boateng: Inter a terra. Festa Milan in Supercoppa, milannews.it, 15 ottobre 2011. URL consultato il 24 ottobre 2011.
  45. ^ Milan-Palermo 3-0: Non si sa ancora chi sia il Mister X ma Nocerino segna e il cross è di Aquilani, milanlive.it, 15 ottobre 2011. URL consultato il 24 ottobre 2011.
  46. ^ Abbiati: A.C. Milan comunicato ufficiale, acmilan.com, 20 maggio 2013. URL consultato il 23 maggio 2013.
  47. ^ Pietro Mazzara, Abbiati nella storia, è il portiere con più presenze nella storia del Milan, milannews.it, 29 settembre 2013. URL consultato il 29 settembre 2013.
  48. ^ AC Milan comunicato ufficiale, acmilan.com, 21 maggio 2014. URL consultato il 5 giugno 2014.
  49. ^ Giancarlo Padovan e Fabio Monti, L'Italia perde un altro pezzo: Buffon, Corriere della Sera, 4 giugno 2000. URL consultato il 26 agosto 2010.
  50. ^ Statistiche, christianabbiati.it. URL consultato il 23 febbraio 2010.
  51. ^ 2 presenze nei play-off.
  52. ^ 1 rete subita nei play-off.
  53. ^ Abbiati Sig. Christian - Cavaliere Ordine al Merito della Repubblica Italiana, quirinale.it. URL consultato il 9 gennaio 2010.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]