Rui Costa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando il ciclista portoghese omonimo, vedi Rui Alberto Faria da Costa.
Rui Costa
Rui Costa.jpg
Dati biografici
Nome Rui Manuel César Costa
Nazionalità Portogallo Portogallo
Altezza 180 cm
Peso 74 kg
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Centrocampista
Ritirato 2008 - giocatore
Carriera
Giovanili
1982-1990 Benfica Benfica
Squadre di club1
1990-1991 Fafe Fafe 38 (6)
1991-1994 Benfica Benfica 107 (18)
1994-2001 Fiorentina Fiorentina 215 (38)
2001-2006 Milan Milan 124 (4)
2006-2008 Benfica Benfica 43 (5)
Nazionale
1990
1990-1991
1991-1994
1993-2004
Portogallo Portogallo U-18
Portogallo Portogallo U-20
Portogallo Portogallo U-21
Portogallo Portogallo
4 (1)
11 (1)
19 (7)
94 (26)
Palmarès
 Mondiali Under-20
Oro Portogallo 1991
UEFA European Cup.svg  Europei di calcio
Argento Portogallo 2004
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 12 maggio 2008

Rui Manuel César Costa, meglio conosciuto come Rui Costa OIH (Lisbona, 29 marzo 1972), è un ex calciatore e dirigente sportivo portoghese, attuale direttore sportivo del Benfica.

Soprannominato O Maestro,[1] in carriera ha vestito le maglie di AD Fafe, Benfica, Fiorentina e Milan.

Anche suo figlio Hugo, nato nel 1999, gioca a calcio.[2]

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica sorgente]

Annoverato tra i migliori trequartisti del mondo, è dotato di grande dribbling e tecnica sopraffina.[3]

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Club[modifica | modifica sorgente]

Benfica[modifica | modifica sorgente]

Scoperto da Eusébio, a 9 anni è entrato nelle giovanili del Benfica. Nel 1991 conquista il Mondiale Under-20 con la Nazionale portoghese.

Fiorentina[modifica | modifica sorgente]

Nel 1994 si è trasferito in Italia, nella Fiorentina, per 11 miliardi di lire.[4] Nel 1996 vinse la Coppa Italia dove segnò 2 gol e contribuì con vari assist alla conquista del trofeo, sempre nel 1996 vince la supercoppa italiana con i viola in trasferta ai danni del Milan. Nel 1998-1999 segnò 10 gol (secondo marcatore della Fiorentina) e contribuì al raggiungimento del terzo posto dei viola. Nel 2000 disputò la Champions League nella quale segnò 2 gol; un gol regolare su punizione gli fu annullato nella partita contro il Valencia: tutto ciò costò il passaggio del turno alla Fiorentina.Dopo l'addio di Gabriel Batistuta, Rui Costa divenne il capitano della Fiorentina. Da capitano della formazione gigliata vinse un'altra Coppa Italia nel 2001, per poi essere ceduto al Milan per tentare di sanare la pesante situazione debitoria della società.

Milan[modifica | modifica sorgente]

Nel 2001 è stato acquistato dal Milan per la cifra record di 85 miliardi di lire.[5][6] In rossonero ha giocato da titolare per tre stagioni, il primo anno alle spalle di due punte e nei due successivi in coppia con Rivaldo e poi Kakà dietro ad una punta, nel modulo ad "albero di natale".[7] Durante la sua permanenza in rossonero ha segnato 11 gol collezionando invece 65 assist.[8] Nelle ultime due stagioni viene comunque impiegato con regolarità, ma come alternativa, spesso entrando a partita in corso. In maglia rossonera ha vinto la Champions League, la Coppa Italia, la Supercoppa Europea nel 2003 (da un suo assist il gol su colpo di testa di Andriy Shevchenko che deciderà la finale) e lo scudetto e la Supercoppa Italiana nel 2004, disputando anche la finale della UEFA Champions League 2004-2005, persa ai rigori contro il Liverpool.

Benfica[modifica | modifica sorgente]

Il 25 maggio 2006 ha risolto consensualmente il contratto che lo legava al Milan ed è tornato al Benfica. In occasione della partita Milan-Benfica del girone D dell'edizione 2007-2008 della Champions League, tenutosi il 18 settembre 2007, fu accolto bene dalla curva rossonera, come segno di gratitudine per gli anni trascorsi in maglia rossonera.[9]

L'11 maggio 2008 ha giocato la sua ultima partita con la maglia del Benfica, ritirandosi, così, ufficialmente dall'attività agonistica.

Pochi giorni dopo il suo ritiro è stato nominato direttore sportivo del Benfica, carica che tuttora ricopre.

Statistiche[modifica | modifica sorgente]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica sorgente]

Stagione Squadra Campionato Coppa nazionale Coppe internazionali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
1990-1991 Portogallo Fafe SD 38 6 - - - - - - - - - 38 6
1991-1992 Portogallo Benfica SL 21 4 CP 3 0 CC 7 0 - - - 31 4
1992-1993 SL 23 4 CP 4 1 CU 4 0 - - - 31 5
1993-1994 SL 34 5 CP 3 1 CdC 8 4 - - - 45 10
1994-1995 Italia Fiorentina A 31 9 CI 4 0 - - - - - - 35 9
1995-1996 A 34 4 CI 7 2 - - - - - - 41 6
1996-1997 A 28 2 CI 1 0 CdC 8 0 SI 1 0 38 2
1997-1998 A 32 3 CI 5 2 - - - - - - 37 5
1998-1999 A 31 10 CI 7 4 CU 1 0 - - - 39 14
1999-2000 A 30 4 CI 4 0 UCL 14 2 - - - 48 6
2000-2001 A 29 6 CI 7 2 CU 2 0 - - - 38 8
Totale Fiorentina 215 38 35 10 25 2 1 0 276 50
2001-2002 Italia Milan A 22 0 CI 1 0 CU 10 3 - - - 33 3
2002-2003 A 25 0 CI 5 1 UCL 18 0 - - - 48 1
2003-2004 A 28 3 CI 4 0 UCL 6 0 SI+SU+Cint 3 0 41 3
2004-2005 A 24 1 CI 4 0 UCL 9 0 SI 1 0 38 1
2005-2006 A 25 0 CI 3 3 UCL 4 0 - - - 32 3
Totale Milan 124 4 17 4 47 3 4 0 192 11
2006-2007 Portogallo Benfica SL 14 0 CP 3 0 UCL 5 1 - - - 22 1
2007-2008 SL 29 5 CP 4 3 UCL+CU 7+5 1+1 - - - 45 10
Totale Benfica 121 18 17 5 36 7 174 30
Totale 498 66 69 19 108 12 5 0 680 97

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

Club[modifica | modifica sorgente]

Competizioni nazionali[modifica | modifica sorgente]

Benfica: 1992-1993
Benfica: 1993-1994
Fiorentina: 1995-1996, 2000-2001
Milan: 2002-2003
Fiorentina: 1996
Milan: 2004
Milan: 2003-2004

Competizioni internazionali[modifica | modifica sorgente]

Milan: 2002-2003
Milan: 2003

Nazionale[modifica | modifica sorgente]

1991

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Ufficiale dell'Ordine dell'Infante Dom Henrique - nastrino per uniforme ordinaria Ufficiale dell'Ordine dell'Infante Dom Henrique
— 2004

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Corriere dello Sport, Manuel Rui Costa, genio scoperto da Eusebio, 29 marzo 2011. URL consultato il 4 maggio 2013.
  2. ^ Profilo su Calciozz.it
  3. ^ Manuel Rui Costa, acmilan.com. URL consultato il 20 maggio 2010.
  4. ^ Calciatori ‒ La raccolta completa Panini 1961-2012, Vol. 11 (1994-1995), Panini, 16 luglio 2012, p. 10.
  5. ^ Milan scatenato: preso Rui Costa, Rai Sport, 3 luglio 2001. URL consultato il 28 giugno 2011.
  6. ^ Roberto Perrone, Il Milan compra Rui Costa, Fiorentina salva. Al club viola 85 miliardi. Il giudice concede una proroga ma fissa un tetto agli ingaggi, Corriere della Sera, 4 luglio 2001. URL consultato il 28 giugno 2011.
  7. ^ “O Maestro”, gli anni rossoneri di Manuel Rui Costa, 25 aprile 2013. URL consultato il 4 maggio 2013.
  8. ^ I grandi numeri 10. URL consultato il 4 maggio 2013.
  9. ^ Il Milan riparte da una vittoria, la Repubblica.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 14101559 LCCN: n99034559