Nottingham

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Nottingham (disambigua).
City of Nottingham
Capoluogo di Contea,

Autorità unitaria, City (1897)

City of Nottingham – Veduta
Dati amministrativi
Stato Regno Unito Regno Unito
   Inghilterra Inghilterra
Regione Midlands Orientali
Contea County Flag of Nottinghamshire.svg Nottinghamshire
Territorio
Coordinate 52°57′18″N 1°08′58″W / 52.955°N 1.149444°W52.955; -1.149444 (City of Nottingham)Coordinate: 52°57′18″N 1°08′58″W / 52.955°N 1.149444°W52.955; -1.149444 (City of Nottingham)
Superficie 74,61 km²
Abitanti 303 900 (2011)
Densità 4 073,18 ab./km²
Altre informazioni
Cod. postale NG (NOTTINGHAM)
Prefisso 0115
Fuso orario UTC+0
ISO 3166-2 GB-NGM
Codice ONS 00FY
Localizzazione

City of Nottingham – Localizzazione

Sito istituzionale

Nottingham è una città del Regno Unito e autorità unitaria con status di city capoluogo della contea del Nottinghamshire in Inghilterra.

Il centro di Nottingham si trova sul fiume Leen e il suo confine meridionale segue il corso del fiume Trent, che scorre dallo Stoke all'Humber.

Mentre la città di Nottingham ha una popolazione relativamente piccola di 288.700 abitanti, l'area urbana di Nottingham ha una popolazione di 667.000[1] (censimento 2001) ed è la settima più grande del Regno Unito, in graduatoria tra quelle di Liverpool e di Sheffield.

Geografia[modifica | modifica sorgente]

La municipalità di Nottingham include i sobborghi di Saint Anns, Bakersfield, Bulwell, Lenton, Clifton e Sneinton, mentre esclude parecchi sobborghi e città che sono considerati far parte dell'area urbana di Nottingham: Arnold, Carlton, West Bridgford, Beeston, Stapleford, Hucknall, Eastwood, Ruddington, Ilkeston e Long Eaton, di cui gli ultimi due fanno parte dell'adiacente contea di Derbyshire.

La regione geografica della "Grande Nottingham" (825.000 abitanti) include altre municipalità: Gedling, Broxtowe, Rushcliffe, Ashfield, Erewash e Amber Valley.

Caratteristiche[modifica | modifica sorgente]

Il centro della città è la vecchia Market Square, attorno a cui si trovano le principale strade dello shopping. In cima alla strada si trova la Council House.

Nottingham è la città dal maggior tasso di crescita di posti di lavoro in Inghilterra[2] e la seconda in tutto il Regno Unito, seconda sola a Glasgow.

È celebre nel mondo perché vi è ambientata la leggenda di Robin Hood.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Non si hanno tracce di colonizzazione romana dell'area. Fondata dagli Anglo-sassoni, verso il 600 d.C. Nottingham viene citata come facente parte del regno di Mercia. Fu poi conquistata dai Vichinghi e nel IX secolo divenne una delle cinque città fortificate del Danelaw. Fin dalla sua fondazione, parti dell'abitato includevano caverne artificiali scavate in arenaria molle. In questo periodo l'insediamento ebbe diversi nomi, come Tigguo Cobauc ("Città delle grotte") e Snottingaham (dal nome del capo anglosassone Snot). La S, poi, scomparve dal nome della città nel corso del tempo. Nell'XI secolo un castello venne costruito su un affioramento d'arenaria del fiume Trent, attorno a cui, nel tempo, si sviluppò la cittadina. Divenne una contea nel 1449. La guerra civile inglese cominciò a Nottingham nel 1642, quando re Carlo I d'Inghilterra innalzò il suo stendardo sul castello della città. Il castello più antico venne distrutto dai parlamentaristi vittoriosi nel 1651. Durante la Rivoluzione industriale Nottingham divenne famosa per le sue industrie tessili, specialmente quelle che lavoravano i merletti. Inoltre con l'avvento delle fabbriche la città si riempì di povere case operaie e di baraccopoli sovraffollate. A causa dell'opposizione da parte del duca di Newcastle al Reform Act, venne dato alle fiamme da una folla di manifestanti il Castello di Nottingham. Fu elevata a status di città in occasione delle celebrazioni per le nozze di diamante della regina Vittoria nel 1897. Al termine della Seconda guerra mondiale, l'industria tessile che aveva fatto di Nottingham una città ricca decadde, a causa della forte concorrenza delle aziende asiatiche.

Ambiente[modifica | modifica sorgente]

Grazie ad un efficiente sistema di trasporti pubblici e di piste ciclabili[3], i cittadini di Nottingham sono quelli che utilizzano meno l'automobile nel Regno Unito.[4] Tale obiettivo è stato raggiunto anche grazie alla mancata costruzione di shopping center in periferia, riducendo in tal modo l'utilizzo di autoveicoli.[4] Ciò ha portato ad un notevole miglioramento della qualità dell'aria della città[4].

Trasporti[modifica | modifica sorgente]

La città è servita da una rete di 50 km di piste ciclabili, oltre che da un'efficiente rete di trasporto di bus elettrici e tram[4].

È servita dall'Aeroporto di East Midlands.

Sport[modifica | modifica sorgente]

Nottingham è sede di due club professionistici di calcio divisi da una fiera rivalità: il Nottingham Forest F.C., vincitore di due Coppe dei Campioni, e il Notts County Football Club, che vanta il titolo di club calcistico professionistico più antico del mondo[5], essendo stato fondato nel 1862[6].

Nel 1989 è stato il luogo di partenza e arrivo del RAC rally in Gran Bretagna.

Un tram passa vicino alla Council House, nella Old Market Square.

Luoghi di interesse[modifica | modifica sorgente]

Nottingham Coucil House.
Il Prudential Building.
L'HRMC Complex.







Personaggi celebri[modifica | modifica sorgente]

Città gemellate[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Nottingham
  2. ^ http://www.visit-england.it/destinations/find/east-midlands/nottingham.aspx
  3. ^ Tram elettrici e piste ciclabili la città modello è Nottingham - Repubblica.it
  4. ^ a b c d www.repubblica.it
  5. ^ Eriksson abbandona la panchina per sedersi dietro ad una scrivania: proverà a riportare in Premier il Notts County « Sciabolata Morbida
  6. ^ Squadra di calcio Notts County
  7. ^ www.nottinghamcity.gov.uk

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Regno Unito Portale Regno Unito: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Regno Unito