Campionato europeo di calcio 1996

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Campionato europeo 1996
UEFA European Football Championship England 1996
Logo della competizione
Competizione Campionato europeo di calcio
Sport Football pictogram.svg Calcio
Edizione 10ª
Date 8 giugno - 30 giugno 1996
Luogo Inghilterra Inghilterra
(8 città)
Partecipanti 16 (47 alle qualificazioni)
Impianto/i 8 stadi
Risultati
Vincitore Germania Germania
(3º titolo)
Secondo Rep. Ceca Rep. Ceca
Statistiche
Miglior giocatore Germania Matthias Sammer
Miglior marcatore Inghilterra Alan Shearer (5)
Incontri disputati 31
Gol segnati 64 (2,06 per incontro)
Cronologia della competizione
Left arrow.svg 1992 2000 Right arrow.svg

Il Campionato europeo di calcio 1996, o semplicemente Euro '96, è stata la decima edizione del Campionato europeo di calcio, organizzato ogni quattro anni dall'Union of European Football Associations (UEFA).

Sede della fase finale del torneo fu l'Inghilterra dall'8 al 30 giugno 1996. Lo slogan del torneo era "Il calcio torna a casa" ("Football Comes Home").

Il torneo fu vinto dalla Germania, che batté in finale la Repubblica Ceca con il punteggio di 2-1 al golden goal, novità nel regolamento introdotta dall'UEFA per la manifestazione.

Formula[modifica | modifica sorgente]

L'Europeo del 1996 fu la prima edizione con 16 squadre partecipanti, divise in quattro gironi all'italiana. L'Inghilterra fu qualificata d'ufficio come Paese ospitante: le altre quindici Nazionali furono scremate dai gruppi di qualificazione.

Qualificazioni[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Qualificazioni al campionato europeo di calcio 1996.

Le qualificazioni si disputarono nell'arco di un anno, dal 1994 al 1995. Il regolamento prevedeva 8 gruppi da 6 squadre ciascuno, e un gruppo da 5 squadre. Le prime classificate dei vari gruppi ottenevano l'accesso diretto, insieme alle sette migliori seconde: le peggiori seconde si affrontavano in uno spareggio. L'incontro disputato ad Anfield Road (Liverpool) si concluse con la vittoria dell'Olanda sull'Irlanda, col punteggio di 2-0.

A partire da questa edizione dell'Europeo, vengono introdotti alcuni sistemi per risolvere le situazioni di pari punteggio: in primo luogo i risultati dello scontro diretto, a seguire la differenza reti e il numero di gol segnati.

Andamento del torneo[modifica | modifica sorgente]

Piazzamenti delle nazionali

Prima fase[modifica | modifica sorgente]

  • Gruppo A (Londra e Birmingham): l'Europeo si apre il pomeriggio dell'8 giugno al Wembley Stadium con la sfida tra l'Inghilterra e la matricola Svizzera; i padroni di casa vengono fermati 1-1, mentre nell'altro incontro, giocato il 10 giugno, i Paesi Bassi, che contavano su alcuni giocatori dell'Ajax campioni d'Europa nel 1995 e finalisti nel 1996, venne fermata dalla Scozia 0-0. Nella seconda giornata gli Oranje sconfissero 2-0 la Svizzera mentre il derby britannico giocato a Londra viene vinto dagli inglesi per 2-0. Nell'ultima giornata l'Inghilterra supera i Paesi Bassi con 4 gol, mentre la Scozia sconfigge gli elvetici per 1-0; fino a dodici minuti dalla fine la Scozia era qualificata ai Quarti di Finale, in quanto, a pari punti con gli olandesi, aveva una differenza reti di -1 contro quella di -2 degli orange, ma al 78° Patrick Kluivert segnò il gol dell'1-4 contro l'Inghilterra, che consentì di avere una differenza reti di -1 e, avendo segnato 3 reti contro le 2 scozzesi, passare il turno.
  • Gruppo B (Leeds e Newcastle): nel primo incontro Spagna e Bulgaria non vanno oltre l'1-1, mentre la Francia sconfigge 1-0 la Romania con rete di Dugarry. Nella seconda giornata i bulgari battono i rumeni per 1-0, eliminandoli dalla competizione, mentre la Francia, dopo essere passata in vantaggio con Youri Djorkaeff, viene raggiunta negli ultimi minuti dalle furie rosse con un gol di José Luis Caminero. Nell'ultima giornata la Francia vince contro la Bulgaria per 3-1 mentre la Spagna riesce a sconfiggere la Romania per 2-1 con rete decisiva nei minuti finali e, per via di questi risultati, Francia e Spagna accedono ai quarti di finale mandando a casa la Bulgaria (quarta ai Mondiali americani di due anni prima) e la Romania.
  • Gruppo C (Manchester e Liverpool): nel primo incontro del girone la Germania sconfigge per 2-0 la Repubblica Ceca mentre l'11 giugno ad Anfield l'Italia batte la Russia per 2-1 con doppietta di Pierluigi Casiraghi. Tre giorni dopo contro i cechi la squadra azzurra perde per 2-1, mentre nell'altra partita i tedeschi sconfiggono la Russia per 3-0, qualificandosi con una giornata d'anticipo. il 19 giugno a Manchester l'Italia deve battere la Germania (un pareggio basterebbe solo se la Russia battesse i cechi); al 7° viene assegnato agli azzurri un calcio di rigore: sul dischetto si presenta Gianfranco Zola, e il portiere tedesco Andreas Köpke riesce a neutralizzare il tiro. Nonostante le occasioni create il risultato rimane a reti bianche ma, tra l'85° e l'88°, l'Italia si sentiva qualificata; infatti nell'altra gara la Russia dopo essere stata sotto per 0-2 e dopo aver pareggiato nei primi minuti della ripresa, riuscì a segnare il gol del 3-2 che eliminava i cechi ma, a due minuti dalla fine, Vladimír Šmicer segnò il gol definitivo del 3-3 che promuoveva ai quarti di finale, oltre alla Germania, la Repubblica Ceca, seconda a pari punti con l'Italia ma vincente nello scontro diretto (prima volta che la nuova regola ebbe il suo effetto).
  • Gruppo D (Sheffield e Nottingham): dopo l'1-1 tra Danimarca e Portogallo la Croazia sconfigge la Turchia per 1-0 con rete di Vlaović. Nella seconda giornata la matricola croata sconfigge i danesi campioni in carica per 3-0, qualificandosi ai quarti di finale con un turno d'anticipo, mentre i portoghesi sconfiggono 1-0 la Turchia. Nell'ultima gara, il 19 giugno, la Danimarca sconfigge la Turchia 3-0 e, con lo stesso punteggio, il Portogallo batte la Croazia classificandosi al primo posto; portoghesi e croati passano il turno, danesi e turchi tornano a casa.

Quarti di finale[modifica | modifica sorgente]

  • 22 giugno: a Londra Inghilterra e Spagna, dopo lo 0-0 finale, si giocano la qualificazione ai rigori; gli inglesi sono più precisi e vincono per 4-2. Nel secondo incontro, giocato a Liverpool tra Francia e Paesi Bassi, la qualificazione viene assegnata ai rigori dopo lo 0-0 dei 120 minuti di gioco. Decisivi saranno l'errore di Clarence Seedorf e la trasformazione di Laurent Blanc; francesi in semifinale (non accadeva dall'edizione 1984) e arancioni eliminati.
  • 23 giugno: Germania e Croazia aprono la fase ad eliminazione diretta a Manchester. Dopo essere passati in vantaggio con Jürgen Klinsmann, i tedeschi si fanno raggiungere da una rete di Davor Šuker, prima di realizzare la rete definitiva del 2-1 con Matthias Sammer e accedere alle semifinali. Nell'ultimo incontro, a Birmingham, la Repubblica Ceca elimina il Portogallo per 1-0 con un pallonetto di Karel Poborský.

Semifinali[modifica | modifica sorgente]

  • 26 giugno: nella prima partita, giocata a Manchester, francesi e cechi vanno ai rigori dopo aver pareggiato 0-0 al termine dei supplementari; dopo i dieci rigori il risultato è di 5-5 e si va ad oltranza, il portiere ceco Petr Kouba para il rigore del francese Pedros, mentre Miroslav Kadlec realizza il rigore che permette alla formazione ceca di accedere alla finalissima del torneo continentale.
  • Nella seconda sfida a Wembley l'Inghilterra passa in vantaggio con Alan Shearer al 3°, la Germania pareggia con Stefan Kuntz; come nell'altra semifinale, si va ai rigori, ed esattamente come nel match di Manchester, i primi 10 tiri vanno tutti a segno, ed è 5-5; poi Southgate si fa parare il tiro da Köpke, e Moller realizza il tiro del 6-5 che permette alla Germania di accedere alla finale dell'europeo.

Finale[modifica | modifica sorgente]

30 giugno: Germania e Repubblica Ceca si affrontano esattamente tre settimane dopo la gara d'esordio, anche se stavolta a Londra. Prima della partita la regina Elisabetta, accompagnata dal presidente dell'UEFA Johansson, scese in campo a stringere la mano ai ventidue calciatori che si apprestavano a disputare l'incontro.

Nel secondo tempo la Repubblica Ceca passò in vantaggio con Patrick Berger, su calcio di rigore al 58°.

Vogts fece entrare Bierhoff, che pareggiò di testa al 73°, portando la gara ai supplementari e, proprio ai supplementari, lo stesso attaccante dell'Udinese, al 95°, realizzò il primo golden goal nella storia del calcio, interrompendo la partita sul 2-1; la Germania vinse così il terzo titolo di campione d'Europa per nazioni, dopo quelli conquistati nel 1972 e nel 1980.

Squadre partecipanti[modifica | modifica sorgente]

NB: Inghilterra automaticamente qualificata in qualità di paese ospitante.

Stadi[modifica | modifica sorgente]

Flag map of England.svg

Londra
Soccer ball.svg
Manchester
Soccer ball.svg
Liverpool
Soccer ball.svg
Birmingham
Soccer ball.svg
Leeds
Soccer ball.svg
Sheffield
Soccer ball.svg
Newcastle
Soccer ball.svg
Nottingham
Soccer ball.svg
Londra Manchester
Wembley Stadium
Capacity: 76,567
Old Trafford
Capacity: 55,000
The Charity Shield of 1974 at Wembley - geograph.org.uk - 620498.jpg Old Trafford inside 20060726 1.jpg
Liverpool Birmingham
Anfield
Capacity: 42,730
Villa Park
Capacity: 40,310
View of inside Anfield Stadium from Anfield Road Stand.jpg Villa Park.jpg
Leeds Sheffield Nottingham Newcastle
Elland Road
Planned capacity: 40,204
Hillsborough
Capacity: 39,859
City Ground
Capacity: 30,539
St James' Park
Capacity: 36,649
Ellandrd.jpg Sheffield Wednesday FC.jpg City Ground, Nottingham - geograph.org.uk - 83567.jpg Bulgaria Romania Euro 96 A.jpg

Convocazioni[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Convocazioni per il campionato europeo di calcio 1996.

Fase finale[modifica | modifica sorgente]

Fase a gruppi[modifica | modifica sorgente]

Gruppo A[modifica | modifica sorgente]

Risultati[modifica | modifica sorgente]
Londra
8 giugno 1996, ore 15:00 UTC
Inghilterra Inghilterra 1 – 1
referto
Svizzera Svizzera Wembley Stadium (76.567 spett.)
Arbitro Spagna Díaz Vega

Birmingham
10 giugno 1996, ore 16:30 UTC
Paesi Bassi Paesi Bassi 0 – 0
referto
Scozia Scozia Villa Park (34.363 spett.)
Arbitro Svezia Sundell

Birmingham
13 giugno 1996, ore 19:30 UTC
Svizzera Svizzera 0 – 2
referto
Paesi Bassi Paesi Bassi Villa Park (36.800 spett.)
Arbitro Bulgaria Uzunov

Londra
15 giugno 1996, ore 15:00 UTC
Scozia Scozia 0 – 2
referto
Inghilterra Inghilterra Wembley Stadium (76.864 spett.)
Arbitro Italia Pairetto

Birmingham
18 giugno 1996, ore 19:30 UTC
Scozia Scozia 1 – 0
referto
Svizzera Svizzera Villa Park (34.926 spett.)
Arbitro Rep. Ceca Krondl

Londra
18 giugno 1996, ore 19:30 UTC
Paesi Bassi Paesi Bassi 1 – 4
referto
Inghilterra Inghilterra Wembley Stadium (76.798 spett.)
Arbitro Austria Grabher

Classifica[modifica | modifica sorgente]
Pos. Squadra Pt G V N P GF GS DR
1. Inghilterra Inghilterra 7 3 2 1 0 7 2 +5
2. Paesi Bassi Paesi Bassi 4 3 1 1 1 3 4 -1
3. Scozia Scozia 4 3 1 1 1 1 2 -1
4. Svizzera Svizzera 1 3 0 1 2 1 4 -3

Gruppo B[modifica | modifica sorgente]

Risultati[modifica | modifica sorgente]
Leeds
9 giugno 1996, ore 14:30 UTC
Spagna Spagna 1 – 1
referto
Bulgaria Bulgaria Elland Road (24.006 spett.)
Arbitro Italia Ceccarini

Newcastle
10 giugno 1996, ore 19:30 UTC
Romania Romania 0 – 1
referto
Francia Francia St James' Park (26.323 spett.)
Arbitro Germania Krug

Newcastle
13 giugno 1996, ore 16:30 UTC
Bulgaria Bulgaria 1 – 0
referto
Romania Romania St James' Park (19.107 spett.)
Arbitro Danimarca Mikkelsen

Leeds
15 giugno 1996, ore 18:00 UTC
Francia Francia 1 – 1
referto
Spagna Spagna Elland Road (35.626 spett.)
Arbitro Bielorussia Žuk

Newcastle
18 giugno 1996, ore 16:30 UTC
Francia Francia 3 – 1
referto
Bulgaria Bulgaria St James' Park (26.976 spett.)
Arbitro Inghilterra Gallagher[1]

Leeds
18 giugno 1996, ore 16:30 UTC
Romania Romania 1 – 2
referto
Spagna Spagna Elland Road (32.719 spett.)
Arbitro Turchia Çakar

Classifica[modifica | modifica sorgente]
Pos. Squadra Pt G V N P GF GS DR
1. Francia Francia 7 3 2 1 0 5 2 +3
2. Spagna Spagna 5 3 1 2 0 4 3 +1
3. Bulgaria Bulgaria 4 3 1 1 1 3 4 -1
4. Romania Romania 0 3 0 0 3 1 4 -3

Gruppo C[modifica | modifica sorgente]

Risultati[modifica | modifica sorgente]
Manchester
9 giugno 1996, ore 17:00 UTC
Germania Germania 2 – 0
referto
Rep. Ceca Rep. Ceca Old Trafford (37.300 spett.)
Arbitro Inghilterra Elleray

Liverpool
11 giugno 1996, ore 16:30 UTC
Italia Italia 2 – 1
referto
Russia Russia Anfield (35.120 spett.)
Arbitro Scozia Mottram

Liverpool
14 giugno 1996, ore 19:30 UTC
Rep. Ceca Rep. Ceca 2 – 1
referto
Italia Italia Anfield (37.320 spett.)
Arbitro Spagna López Nieto

Manchester
16 giugno 1996, ore 15:00 UTC
Russia Russia 0 – 3
referto
Germania Germania Old Trafford (50.760 spett.)
Arbitro Danimarca Nielsen

Liverpool
19 giugno 1996, ore 19:30 UTC
Russia Russia 3 – 3
referto
Rep. Ceca Rep. Ceca Anfield (21.128 spett.)
Arbitro Svezia Frisk

Manchester
19 giugno 1996, ore 19:30 UTC
Italia Italia 0 – 0
referto
Germania Germania Old Trafford (53.740 spett.)
Arbitro Belgio Goethals

Classifica[modifica | modifica sorgente]
Pos. Squadra Pt G V N P GF GS DR
1. Germania Germania 7 3 2 1 0 5 0 +5
2. Rep. Ceca Rep. Ceca 4 3 1 1 1 5 6 -1
3. Italia Italia 4 3 1 1 1 3 3 0
4. Russia Russia 1 3 0 1 2 4 8 -4

Gruppo D[modifica | modifica sorgente]

Risultati[modifica | modifica sorgente]
Sheffield
9 giugno 1996, ore 19:30 UTC
Danimarca Danimarca 1 – 1
referto
Portogallo Portogallo Hillsborough Stadium (34.993 spett.)
Arbitro Paesi Bassi van der Ende

Nottingham
11 giugno 1996, ore 19:30 UTC
Turchia Turchia 0 – 1
referto
Croazia Croazia City Ground (22.460 spett.)
Arbitro Svizzera Muhmenthaler

Nottingham
14 giugno 1996, ore 16:30 UTC
Portogallo Portogallo 1 – 0
referto
Turchia Turchia City Ground (22.670 spett.)
Arbitro Ungheria Puhl

Sheffield
16 giugno 1996, ore 18:00 UTC
Croazia Croazia 3 – 0
referto
Danimarca Danimarca Hillsborough Stadium (33.671 spett.)
Arbitro Francia Batta

Nottingham
19 giugno 1996, ore 16:30 UTC
Croazia Croazia 0 – 3
referto
Portogallo Portogallo City Ground (20.484 spett.)
Arbitro Germania Heynemann

Sheffield
19 giugno 1996, ore 16:30 UTC
Turchia Turchia 0 – 3
referto
Danimarca Danimarca Hillsborough Stadium (28.951 spett.)
Arbitro Russia Levnikov

Classifica[modifica | modifica sorgente]
Pos. Squadra Pt G V N P GF GS DR
1. Portogallo Portogallo 7 3 2 1 0 5 1 +4
2. Croazia Croazia 6 3 2 0 1 4 3 +1
3. Danimarca Danimarca 4 3 1 1 1 4 4 0
4. Turchia Turchia 0 3 0 0 3 0 5 -5

Albero della fase ad eliminazione diretta[modifica | modifica sorgente]

Quarti di finale Semifinali Finale
                   
22 giugno - 18:30        
 1B. Francia Francia   0 (5)
26 giugno - 16:00
 2A. Paesi Bassi Paesi Bassi   0 (4)  
 Francia Francia   0 (5)
23 giugno - 18:30
   Rep. Ceca Rep. Ceca   0 (6)  
 2C. Rep. Ceca Rep. Ceca   1
30 giugno - 19:00
 1D. Portogallo Portogallo   0  
 Rep. Ceca Rep. Ceca   1
23 giugno - 15:00
   Germania Germania   2
 1C. Germania Germania   2
26 giugno - 19:30
 2D. Croazia Croazia   1  
 Germania Germania   1 (6)
22 giugno - 15:00
   Inghilterra Inghilterra   1 (5)  
 2B. Spagna Spagna   0 (2)
 1A. Inghilterra Inghilterra   0 (4)  


Quarti di finale[modifica | modifica sorgente]

Londra
22 giugno 1996, ore 15:00 UTC
Spagna Spagna 0 – 0
(d.t.s.)
referto
Inghilterra Inghilterra Stadio di Wembley (75.440 spett.)
Arbitro Francia Batta

Liverpool
22 giugno 1996, ore 18:30 UTC
Francia Francia 0 – 0
(d.t.s.)
referto
Paesi Bassi Paesi Bassi Anfield (37.465 spett.)
Arbitro Spagna López Nieto

Manchester
23 giugno 1996, ore 15:00 UTC
Germania Germania 2 – 1
referto
Croazia Croazia Old Trafford (43.412 spett.)
Arbitro Svezia Sundell

Birmingham
23 giugno 1996, ore 18:30 UTC
Rep. Ceca Rep. Ceca 1 – 0
referto
Portogallo Portogallo Villa Park (26.832 spett.)
Arbitro Germania Krug

Semifinali[modifica | modifica sorgente]

Manchester
26 giugno 1996, ore 16:00 UTC
Francia Francia 0 – 0
(d.t.s.)
referto
Rep. Ceca Rep. Ceca Old Trafford (43.877 spett.)
Arbitro Scozia Mottram

Londra
26 giugno 1996, ore 19:30 UTC
Germania Germania 1 – 1
(d.t.s.)
referto
Inghilterra Inghilterra Stadio di Wembley (75.862 spett.)
Arbitro Ungheria Puhl

Finale[modifica | modifica sorgente]

Londra
30 giugno 1996, ore 19:00 UTC
Rep. Ceca Rep. Ceca 1 – 2
(d.t.s.)
referto
Germania Germania Wembley Stadium (73.611 spett.)
Arbitro Italia Pairetto

Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Repubblica Ceca
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Germania
CZE-GER 1996-06-30.svg
Germania Germania
P 1 Andreas Köpke
D 6 Matthias Sammer Ammonizione al 69’ 69’
D 5 Thomas Helmer Ammonizione al 63’ 63’
D 21 Dieter Eilts Uscita al 46’ 46’
D 14 Markus Babbel
C 17 Christian Ziege Ammonizione al 91’ 91’
C 10 Thomas Häßler
C 19 Thomas Strunz
C 8 Mehmet Scholl Uscita al 69’ 69’
A 11 Stefan Kuntz
A 18 Jürgen Klinsmann (C)
Sostituzioni:
C 3 Marco Bode Ingresso al 46’ 46’
A 20 Oliver Bierhoff Ingresso al 69’ 69’
CT:
Germania Berti Vogts

Campione[modifica | modifica sorgente]

Campione d'Europa 1996

Flag of Germany.svg

GERMANIA
(3º titolo)

Statistiche del torneo[modifica | modifica sorgente]

Classifica marcatori[modifica | modifica sorgente]

5 reti

3 reti

2 reti

1 rete

Autoreti

Gol più veloce[modifica | modifica sorgente]

3 minuti: Hristo Stoičkov (Bulgaria-Romania) e Alan Shearer (Germania-Inghilterra)

Migliori 11[modifica | modifica sorgente]

Formazione dei migliori 11 giocatori del torneo, selezionata dalla UEFA:[2]

La squadra vincitrice[modifica | modifica sorgente]

Flag of Germany.svg Germania
Numero Giocatore Squadra 1996
Portieri
1 Andreas Köpke Germania Eintracht Francoforte
12 Oliver Kahn Germania Bayern Monaco
22 Oliver Reck Germania Werder Brema
Difensori
2 Stefan Reuter Germania Borussia Dortmund
5 Thomas Helmer Germania Bayern Monaco
6 Matthias Sammer Germania Borussia Dortmund
14 Markus Babbel Germania Bayern Monaco
15 Jürgen Kohler Germania Borussia Dortmund
16 René Schneider Germania Hansa Rostock
Centrocampisti
3 Marco Bode Germania Werder Brema
4 Steffen Freund Germania Borussia Dortmund
7 Andreas Möller Germania Borussia Dortmund
8 Mehmet Scholl Germania Bayern Monaco
10 Thomas Häßler Germania Karlsruhe
13 Mario Basler Germania Werder Brema
17 Christian Ziege Germania Bayern Monaco
19 Thomas Strunz Germania Bayern Monaco
21 Dieter Eilts Germania Werder Brema
Attaccanti
18 Jürgen Klinsmann Germania Bayern Monaco
20 Oliver Bierhoff Italia Udinese
11 Stefan Kuntz Turchia Besiktas
9 Fredi Bobic Germania Stoccarda
Commissario tecnico: Berti Vogts

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ sostituito per infortunio al 28° da Inghilterra Durkin
  2. ^ Squadra del Torneo, it.uefa.com. URL consultato il 31 luglio 2012.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

calcio Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio