Pallone da calcio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

1leftarrow.pngVoce principale: Regole del gioco del calcio.

Un pallone da calcio con i classici pentagoni neri e esagoni bianchi

Un pallone da calcio è un pallone sferico utilizzato per poter disputare gli incontri di calcio.

Le prime specifiche per la realizzazione di un pallone da calcio furono stabilite nel 1863 dalla Football Association (la federazione calcistica inglese) e revisionate nel 1872, rimanendo essenzialmente immutate sino ai giorni nostri.[1]

I palloni vengono fabbricati seguendo le specifiche descritte dall'International Football Association Board (IFAB) alla Regola 2 del Regolamento del Gioco del Calcio.[2]

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Un pallone da calcio in cuoio realizzato nel 1935 per le Olimpiadi del 1936

La Regola 2 del calcio stabilisce che il pallone debba essere una sfera, con una circonferenza compresa tra 68 e 70 centimetri (27-28 pollici) ed un peso compreso tra 410 e 450 grammi (14-16 once), gonfiata ad una pressione relativa rispetto all'atmosfera compresa tra 0,6 e 1,1 atmosfere al livello del mare, e ricoperta da cuoio o "altro materiale idoneo".[3] Il peso specificato si riferisce ad un pallone asciutto, poiché i palloni realizzati in passato, impregnandosi di acqua, si appesantivano nel corso di una partita giocata in condizioni piovose. Il formato standard per un pallone da calcio è il numero 5, mentre il numero 4 viene impiegato nel calcio a 5.

Regolamento[modifica | modifica wikitesto]

Se il pallone diviene difettoso durante il normale svolgimento di una gara, il gioco dovrà essere interrotto, e riprenderà con un nuovo pallone con una rimessa da parte dell'arbitro nel punto in cui si trovava il primo pallone al momento in cui è divenuto difettoso. Se ciò invece avviene durante l'esecuzione di una ripresa di gioco, o mentre, su un calcio di rigore, esso si sta dirigendo verso la porta avversaria, la relativa ripresa di gioco andrà ripetuta. Occorre comunque sempre l'autorizzazione dell'arbitro per sostituire il pallone durante la gara.

Se invece il pallone entra in contatto con un elemento estraneo, il gioco dovrà essere interrotto, e riprendere anche in questo caso con una rimessa da parte dell'arbitro. Se invece un secondo pallone entra sul terreno di gioco, si procederà ugualmente soltanto nel caso in cui il secondo pallone interferisca nell'azione.

Palloni di riserva[modifica | modifica wikitesto]

Attorno al terreno di gioco, purché soddisfino i requisiti della Regola 2, possono essere posizionati dei palloni di riserva. Stando alle Decisioni Ufficiali FIGC[4], la società ospitante deve mettere a disposizione 12 palloni di riserva, la cui mancanza comunque non pregiudica l'inizio di una gara. I palloni di riserva sono affidati a 10 raccattapalle, i quali coadiuvano l'arbitro nella rapida sostituzione di un pallone in caso di necessità.

Realizzazione[modifica | modifica wikitesto]

Un icosaedro troncato confrontato con un pallone da calcio moderno

Inizialmente i palloni da calcio avevano una forma piuttosto irregolare e venivano ricavati dalle vesciche dei maiali; successivamente, a partire dal XX secolo, fu adoperata una camera d'aria interna in gomma, ricoperta da 12 strisce di cuoio non impermeabili (in modo da mantenere inalterata la forma, simile a quella di un moderno pallone da pallavolo), le quali venivano legate tra loro in maniera tale da poter consentire il passaggio dell'aria all'interno della camera durante il gonfiaggio.

La maggior parte dei palloni moderni è composta da 32 pannelli di cuoio (o plastica) impermeabile, di cui 12 pentagonali e 20 esagonali. La configurazione a 32 pannelli è basata sulla forma dell'icosaedro troncato ed è sferica poiché i pannelli (cuciti tra di loro) si gonfiano a causa della pressione dell'aria interna. Il primo pallone realizzato in questo modo fu commercializzato da Select negli anni cinquanta in Danimarca[5]. Questa configurazione divenne d'uso comune nell'Europa continentale negli anni sessanta e venne pubblicizzata a livello mondiale grazie a Telstar, il pallone ufficiale del campionato del mondo 1970 prodotto da Adidas.

A partire dal 2004, con la produzione da parte di Adidas di Roteiro, il pallone ufficiale del Campionato europeo di calcio 2004, il primo al mondo con pannelli saldati termicamente[6], vengono realizzati anche palloni da calcio senza cuciture. A partire dal 2006, sempre nel mondiale, è stata abbandonata la forma a 32 pannelli.

Palloni da calcio usati in competizioni ufficiali[modifica | modifica wikitesto]

Molte aziende in tutto il mondo fabbricano palloni da calcio. Solo Adidas, però, è il fornitore ufficiale di tutte le partite organizzate da FIFA e UEFA fin dagli anni settanta; inoltre, produce anche il pallone delle partite di UEFA Champions League, Finale, ed ha fornito i palloni per il torneo olimpico del 2008[7].

Nike, invece, è il fornitore ufficiale dei palloni della Serie A, della Coppa Italia e della Supercoppa italiana (a partire dalla stagione 2007-2008, grazie ad un accordo della durata di 5 anni siglato con la Lega Calcio), oltre che della Premier League e della Primera División.[8]

Campionato mondiale di calcio[modifica | modifica wikitesto]

Qui di seguito viene riportata una tabella riepilogativa dei palloni ufficiali del campionato mondiale di calcio dal 1930 ad oggi[9][10][11][12].

Edizione Pallone ufficiale Produttore Immagine Descrizione
1930 Pelota Argentina de 12 paneles
1930 World Cup Final ball Argentina.jpg Per il 1º tempo della finale venne utilizzata la "Pelota Argentina", mentre per il 2º tempo fu impiegato il "Modelo T".
Modelo T 1930 World Cup Final Ball Uruguay.jpg
1934 Federale 102 ECAS - Ente Centrale Approvvigionamento Sportivi (Roma) Federale 102.jpg
1938 Allen Allen (Parigi) Allen-1938.jpg
1950 Allen Super Duplo T Superball Duplo T-1950.jpg
1954 Swiss World Champion Kost Sport (Basilea) Swiss World Champion-1954.jpg
1958 Top Star Sydsvenska Läder och Remfabriken (Ängelholm) Top Star-1958.jpg
1962 Crack Senor Custodio Zamora H. (San Miguel) Crack-1962.jpg
1966 Slazenger Challenge Slazenger Challenge 4-star-1966.jpg
1970 Telstar Adidas Adidas Telstar Mexico 1970 Official ball.jpg È stato il primo pallone a presentare il classico disegno a pentagoni neri su fondo bianco, realizzato cucendo insieme 32 pannelli di cuoio (12 pentagoni e 20 esagoni) per rendere più precisa la forma sferica rispetto ai palloni realizzati con strisce di cuoio. Il nome deriva da Television Star, riferendosi alla miglior visibilità del pallone soprattutto nelle riprese televisive (all'epoca ancora in bianco e nero).
1974 Telstar Durlast Adidas Fifaworldcup1974.JPG Pressoché identico rispetto a Telstar
1978 Tango Adidas Adidas Tango Argentina (River Plate) 1978 cup Official ball.jpg Era costituito da 32 pannelli (12 pentagoni e 20 esagoni) che creavano un disegno di dodici cerchi uguali. Introdusse un design che sarebbe rimasto pressoché immutato anche per i palloni ufficiali dei cinque successivi Mondiali di calcio.
1982 Tango España Adidas Adidas Tango España.jpg Pressoché identico rispetto a Tango.
1986 Azteca Mexico Adidas Adidas Azteca Mexico 1986 Official ball.jpg È stato il primo pallone usato in un Mondiale interamente realizzato in materiale sintetico. Le decorazioni interne dei triangoli si ispirano all'arte degli Aztechi.
1990 Etrusco Unico Adidas World Cup 1990 Football.jpg Il nome e l'intricato design prendono ispirazione dalla storia italiana antica e dall'arte etrusca: tre teste di leone etrusche decorano ognuno dei 20 triangoli, che compongono un disegno simile a Tango.
1994 Questra Adidas Adidas Questra USA 1994 Official ball.jpg Il nome deriva da un'antica parola anglosassone che significa the quest for the star ("la ricerca delle stelle"). Di questo pallone sono state realizzate altre 3 versioni: Questra Europa (per gli Europei del 1996, il primo a colori, con la rappresentazione dei Tre leoni e di una rosa), Questra Olympia (per le Olimpiadi del 1996) e Questra Apollo (per la Liga 1996-1997).
1998 Tricolore Adidas È stato il primo pallone multicolore usato in un Mondiale. Il design rimane ancora quello dei suoi predecessori, ma i triangoli sono dipinti con i colori della bandiera francese (blu, bianco e rosso), da cui prende il nome.
2002 Fevernova Adidas Presenta un design composto da un triangolo grigio bordato d'oro, con i vertici ricurvi sovrastati ognuno da una fiammella di fuoco rossa. Tale forma rassomiglia a quella di un shuriken[13].
2006 +Teamgeist Adidas TG GER CRC.jpg +Teamgeist (il cui nome in tedesco significa "spirito di squadra") è composto da 14 pannelli curvi termosaldati (che lo rendono un equivalente di un ottaedro troncato), apparendo più rotondo e più preciso nelle traiettorie dei tiri a seconda del punto in cui viene calciato; essendo quasi impermeabile, in caso di pioggia non modifica le proprie prestazioni in maniera sensibile. In ogni partita del Mondiale 2006 è stato personalizzato stampando sulla sua superficie la data della partita, il nome dello stadio e quelli delle squadre. Per la finale tra Italia e Francia è stata utilizzata una versione speciale, chiamata +Teamgeist Berlin, che differisce da quella standard per i riempimenti dorati stampati sulla superficie[7].
+Teamgeist Berlin TG ITA-FRA.jpg
2010 Jabulani Adidas Jabulani (che in lingua zulu vuol dire "festeggiare") è stato presentato ufficialmente il 4 dicembre 2009 nel corso dei sorteggi per la fase finale del Mondiale del 2010[14]. È formato da 8 pannelli termosaldati e predisposti in maniera sferica. Sulla sua superficie presenta un motivo di 11 colori (il numero non è casuale, in quanto simboleggia sia gli 11 calciatori di una squadra, sia le 11 comunità sudafricane e le loro lingue) composto da 4 triangoli che ricordano vagamente l'aspetto del FNB Stadium di Johannesburg, dove si è disputata la finale vinta dalla Spagna l'11 luglio 2010[15][16], oltre al logo a colori ufficiale della manifestazione. Supporta la tecnologia "grip 'n' groove", realizzata da Adidas per consentire una miglior precisione nei tiri e nel controllo del pallone.

Come nel 2006, per la finale è stata utilizzata una versione speciale che si chiama Jo'bulani: il nome deriva dall'incrocio tra Jabulani e Jo'burg, forma abbreviata con cui è nota Johannesburg, da sempre definita "città dell'oro" (non a caso, i triangoli di Jo'bulani sono dorati rispetto a Jabulani)[17].

Jo'bulani Jo`Bulani-World-Cup 2010.jpg
2014 Brazuca Adidas Presentato ufficialmente il 3 dicembre 2013[18], il nome (che è un termine colloquiale per indicare l'orgoglio brasiliano in generale) è stato scelto il 2 settembre 2012 tramite votazione popolare a cui hanno partecipato oltre 1 milione di brasiliani[19]. Il motivo raffigurato sul pallone (con i colori verde, blu e rosso) richiama i braccialetti portafortuna indossati in Brasile.[18]

Anche in quest'edizione, per la finale è stata usata una variante del pallone standard, chiamata Brazuca Final Rio, che si differenzia da Brazuca per i colori del motivo, che sono il verde e il giallo del Trofeo Coppa del Mondo FIFA.[20]

Brazuca Final Rio

Campionato europeo di calcio[modifica | modifica wikitesto]

Qui di seguito viene riportata una tabella riepilogativa dei palloni ufficiali del campionato europeo di calcio, a partire dall'edizione del 1968[21][22].

Edizione Pallone ufficiale Produttore Immagine Descrizione
1968 Telstar Elast Adidas Stesse caratteristiche di Telstar
1972 Telstar Adidas Stesse caratteristiche di Telstar
1976 Telstar Durlast Adidas Stesse caratteristiche di Telstar
1980 Tango River Plate Adidas Stesse caratteristiche di Tango
1984 Tango Mundial Adidas Stesse caratteristiche di Tango
1988 Tango Europa Adidas Stesse caratteristiche di Tango
1992 Etrusco Unico Adidas È lo stesso pallone impiegato per i Mondiali del 1990
1996 Questra Europa Adidas Stesse caratteristiche di Questra, ma per la prima volta ci sono dei motivi colorati
2000 Terrestra Silverstream Adidas Simile al Tricolore, ma con il design dei triangoli più tradizionale
2004 Roteiro Adidas Il nome è un riferimento alle grandi esplorazioni navali portoghesi fra il XV secolo ed il XVI secolo. Per la prima volta in un torneo ufficiale, ogni singola palla fu personalizzata per ogni partita, riportando il nome delle squadre in campo, la data, il nome dello stadio e le sue coordinate terrestri. Inoltre è stato il primo pallone ad essere realizzato con una tecnica di termosaldatura sviluppata da Adidas.
2008 EUROPASS

EUROPASS gloria
Adidas Il nome ha diversi significati: oltre ad indicare il passaggio della palla tra i calciatori, indica anche la collaborazione tra i due paesi organizzatori, Austria e Svizzera, e tra i tifosi delle squadre che partecipano alla fase finale. Come +Teamgeist, è composto da 14 pannelli curvi saldati termicamente, è stato personalizzato ad ogni partita con data, stadio e squadre in campo ed è stata realizzata la sua versione speciale per la finale, EUROPASS gloria, caratterizzata rispetto a quella normale dalla presenza dell'immagine della coppa all'interno del cerchio nero soprastante il nome del pallone sulla sua superficie. Una versione più colorata fu preparate per la Coppa d'Africa dello stesso anno.
2012 Tango 12 Adidas Il pallone dell'Europeo 2012, presentato ufficialmente il 2 dicembre 2011 in occasione dei sorteggi dei gironi della fase finale, richiama il Tango sia nel nome sia nel motivo impresso sulla superficie, decorato al suo interno con bande bianco-rosse e giallo-blu (ovvero i colori delle bandiere di Polonia ed Ucraina).[23]

Torneo olimpico di calcio[modifica | modifica wikitesto]

Qui di seguito viene riportata una tabella riepilogativa dei palloni ufficiali dei tornei di calcio delle Olimpiadi estive, a partire dall'edizione del 1968[24][25].

Edizione Pallone ufficiale Produttore Immagine Descrizione
1968 Mundial Elast Adidas
1972 Apollo Durlast
SuperLux
Adidas Apollo Durlast serviva in caso di campo innevato, mentre SuperLux fu impiegato per le partite in notturna
1984 Tango Sevilla Adidas Stesse caratteristiche di Tango
1988 Tango Seoul Adidas Stesse caratteristiche di Tango
1992 Etrusco Adidas
1996 Questra Olympia Adidas Stesse caratteristiche di Questra
2000 Gamarada Adidas Simile a Terrestra Silverstream, ma colorato di rosso
2004 Pelias Adidas
2008 Teamgeist 2 Magnus Moenia Adidas Teamgeist Magnus moenia.jpg Simile a +Teamgeist, ma con i riempimenti interni del motivo curvilineo colorati di rosso. Sulla sua superficie è stato stampato, inoltre, il nome della nazione ospitante, la Cina, in ideogrammi cinesi dorati.
2012 The Albert Adidas Adidas The Albert.jpg The Albert è completamente bianco, salvo per il logo di Londra 2012. È composto da una serie di blocchi triangolari saldati tra loro termicamente per assicurare una traiettoria di volo il più rettilinea possibile.

Lavoro minorile[modifica | modifica wikitesto]

In alcune nazioni, in particolare in Pakistan, dove si produce l'80% dei palloni da calcio a livello mondiale[26], di cui il 75% solo nel distretto di Sialkot[27], si ricorre ancora allo sfruttamento del lavoro minorile per la loro fabbricazione, soprattutto per la fase della cucitura. Nel corso degli anni numerose associazioni ed attivisti hanno denunciato questa attività, chiedendone un bando definitivo. In tal senso, il 14 febbraio 1997 UNICEF, ILO e la Camera di Commercio di Sialkot firmarono ad Atlanta il cosiddetto Atlanta Agreement ("Accordo di Atlanta")[26], attraverso il quale si assumevano l'impegno di riformare i processi di fabbricazione dei palloni abolendo del tutto l'impiego dei minori. Anche la FIFA ha cercato di risolvere la questione ma, come ha affermato l'associazione stessa, il problema del lavoro minorile nei palloni da calcio è estremamente complesso e la FIFA non ha né l'esperienza né i mezzi per eliminarlo da sola[28].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Soccer Ball World - Early History
  2. ^ Regola 2 - Il pallone ( Regolamento del Gioco del Calcio, FIGC.)
  3. ^ (EN) Regole del gioco del calcio, pp. 13-14
  4. ^ Decisioni Ufficiali FIGC ( Regolamento del Gioco del Calcio, FIGC, p. 25.)
  5. ^ (EN) Soccer Ball World - The History of the Soccer Ball Part 2
  6. ^ Il pallone del futuro è sempre più rotondo - Corriere della Sera, 29 novembre 2003
  7. ^ a b Soccer Ball World - Team Geist
  8. ^ C'è l'accordo tra Nike e Lega Calcio per la fornitura del pallone ufficiale - quotidiano.net, 8 aprile 2007
  9. ^ (ENES) Palloni ufficiali del campionato mondiale di calcio dal 1930 ad oggi
  10. ^ (EN) Scheda informativa FIFA sui palloni ufficiali del campionato mondiale di calcio
  11. ^ Scheda informativa Adidas sui palloni ufficiali del campionato mondiale di calcio
  12. ^ (EN) Soccer Ball World - World Cup footballs
  13. ^ (EN) Soccer Ball World - Fevernova
  14. ^ (EN) (EN) Adidas's Jabulani unveiled in FIFA.com, 4 dicembre 2009.
  15. ^ (EN) Soccer Ball World - Jabulani
  16. ^ «Jabulani», il pallone mondiale - Corriere della Sera, 2 dicembre 2009
  17. ^ Adidas lancia JO'BULANI, il pallone della finale dei prossimi Mondiali di calcio in Goal.com, 20 aprile 2010.
  18. ^ a b (EN) (EN) Adidas brings Brazuca into the world in FIFA.com, 3 dicembre 2013.
  19. ^ (EN) (EN) Adidas Brazuca – Name of Official Match Ball decided by Brazilian fans in FIFA.com, 2 settembre 2012.
  20. ^ (EN) (EN) adidas Brazuca Final Rio unveiled in FIFA.com, 29 maggio 2014.
  21. ^ (ENES) Palloni ufficiali del campionato europeo di calcio dal 1968 al 2008
  22. ^ (EN) Soccer Ball World - European Football Championship balls
  23. ^ Il pallone ufficiale è Adidas Tango 12, UEFA.com, 2 dicembre 2011. URL consultato il 4 dicembre 2011.
  24. ^ (ENES) Palloni ufficiali del torneo olimpico di calcio dal 1968 al 2008
  25. ^ (EN) Soccer Ball World - Official match balls of the Olympic Games
  26. ^ a b TUTE, PALLONI E SFRUTTAMENTO: DALLA FIFA AL COMITATO OLIMPICO (1995-2002) - otromundial.org
  27. ^ (EN) Balls and Chains - Spiegel Online International, 26 maggio 2006
  28. ^ (EN) Pagina della FIFA dedicata al problema del lavoro minorile

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

calcio Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio