Campionato europeo di calcio 2000

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – "UEFA Euro 2000" rimanda qui. Se stai cercando il videogioco, vedi UEFA Euro 2000 (videogioco).
Campionato europeo 2000
Championnat d'Europe de football 2000
Europees kampioenschap voetbal 2000
Fußball-Europameisterschaft 2000
Logo della competizione
Competizione Campionato europeo di calcio
Sport Football pictogram.svg Calcio
Edizione 11ª
Date 10 giugno - 2 luglio 2000
Luogo Belgio Belgio
Paesi Bassi Paesi Bassi
(8 città)
Partecipanti 16 (49 alle qualificazioni)
Impianto/i 8 stadi
Risultati
Vincitore Francia Francia
(2° titolo)
Secondo Italia Italia
Statistiche
Miglior giocatore Francia Zinédine Zidane
Miglior marcatore Paesi Bassi Patrick Kluivert (5)
Flag of FR Yugoslavia.svg Savo Milošević (5)
Incontri disputati 31
Gol segnati 85 (2,74 per incontro)
Cronologia della competizione
Left arrow.svg 1996 2004 Right arrow.svg

Il Campionato europeo di calcio del 2000, più semplicemente Euro 2000, è stata l'undicesima edizione del Campionato europeo di calcio, una competizione in cui si sfidano le squadre europee e organizzata ogni quattro anni dall'Union of European Football Associations (UEFA). Le fasi finali, a 16 squadre, si sono svolte in Belgio e nei Paesi Bassi dal 10 giugno.

Il trofeo fu vinto dalla Francia, che in finale batté per 2-1 l'Italia conquistando così il suo secondo titolo europeo appena due anni dopo aver vinto il campionato del mondo 1998 disputato in casa.

Qualificazioni[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Qualificazioni al campionato europeo di calcio 2000.

Le qualificazioni non riservano particolari sorprese.

Italia, Germania, Francia e Spagna chiudono al comando dei rispettivi gruppi. Sorprendono i primi posti di Norvegia, Romania e Jugoslavia, oltre alla Svezia che costringe l'Inghilterra al secondo posto.

Gli spareggi premiano la stessa nazionale inglese (ne fa le spese la rivale Scozia), Slovenia e Danimarca (le quali negano rispettivamente a Ucraina e Israele il sogno di una prima storica qualificazione) e infine la Turchia che prevale sull'Irlanda.

Sorteggi[modifica | modifica wikitesto]

Coreografia alla finale di Euro 2000

Le teste di serie furono 4: le nazioni ospitanti, Belgio ed Paesi Bassi, vennero inserite nei gironi B e D. Le altre teste di serie designate furono Germania, campione in carica, inserita nel gruppo A e Spagna nel gruppo C. I tedeschi furono accompagnati nel girone da inglesi e portoghesi, mentre la quarta selezionata fu la Romania, che non godeva dei favori del pronostico. L'Italia finì nel gruppo del Belgio, cui si aggiunsero poi Svezia e Turchia

Nel gruppo C, la Spagna pescò Norvegia, Jugoslavia e Slovenia, alla loro prima importante competizione calcistica. Nel gruppo D ai padroni di casa olandesi furono accoppiate la Francia, neo-campione del Mondo, la Rep. Ceca, finalista 4 anni prima, guidata da Pavel Nedvěd e Karel Poborský, e la Danimarca del portiere Peter Schmeichel, campione nel Campionato europeo di calcio 1992.

Andamento del torneo[modifica | modifica wikitesto]

Piazzamenti delle nazionali

Prima fase[modifica | modifica wikitesto]

Gruppo A: Nella gara d'esordio, la Germania, Campione in carica, non va oltre l'1-1 contro la Romania, mentre il Portogallo, dopo essere stato sotto di due gol contro l'Inghilterra nei primi 20 minuti rimonta con tre prodezze di Luís Figo, João Vieira Pinto e Nuno Gomes. Nella seconda giornata i lusitani ottengono altri tre punti battendo 1-0 la Romania con rete di Costinha al 90º, mentre Inghilterra-Germania viene vinta dagli inglesi con rete di Alan Shearer. Il 20 giugno, mentre i tedeschi vengono sconfitti dal Portogallo per 3-0, la Romania riesce, contro ogni pronostico, a battere ed eliminare l'Inghilterra per 3-2 e poter accedere ai Quarti di finale del torneo.

Gruppo B: L'esordio europeo tocca ai belgi il 10 giugno, che sconfiggono gli svedesi. Il giorno successivo, l'Italia porta a casa i primi 3 punti contro la Turchia, battuta per 2-1 (gol di Conte, Okan e Inzaghi su rigore). Il 14 giugno gli azzurri ipotecano il passaggio ai Quarti di finale battendo a Bruxelles il Belgio al termine di una gara sofferta, con reti di Totti al 6º e Fiore al 66º, mentre la gara tra Svezia e Turchia termina a reti bianche. Nell'ultima gara, il 19 giugno, mentre l'Italia sconfigge la Svezia per 2-1, reti di Di Biagio e Del Piero per gli azzurri, il Belgio viene eliminato dalla Turchia con una doppietta di Hakan Sükür che permette ai turchi di espugnare lo Stadio Re Baldovino e accedere, per la prima volta nella loro storia, ai Quarti di finale.

Gruppo C: Nell'esordio del 13 giugno la Spagna perde 0-1 contro la Norvegia, grazie ad una rete di Iversen dopo un'uscita a vuoto del portiere Molina, mentre Jugoslavia e Slovenia pareggiano 3-3; dopo che Zahovic (doppietta) e Pavlin avevano portato gli sloveni in vantaggio per 3-0 nel primo tempo, gli slavi riescono a rimontare il risultato nel giro di 7 minuti. Il 18 giugno le furie rosse riscattano l'esordio battendo 2-1 gli sloveni, mentre gli jugoslavi sconfiggono i norvegesi per 1-0. Nell'ultima giornata, il 21 giugno, Slovenia e Norvegia non vanno oltre lo 0-0, mentre nell'altro incontro, nei minuti finali, sul 3-2 per gli slavi, la Spagna riesce a pareggiare con Gaizka Mendieta su rigore, ma ciò non sarebbe sufficiente visto che, a parità di punti, passerebbero i norvegesi per via dello scontro diretto e, nei minuti di recupero, Alfonso segna il gol del definitivo 4-3 che permette agli spagnoli di qualificarsi al turno successivo vincendo il proprio girone. Al secondo posto si classificano Jugoslavia e Norvegia, entrambe a 4 punti, ma per via dello scontro diretto si qualificano gli slavi.

Gruppo D: Nella gara d'esordio la Francia campione del Mondo in carica, vince facilmente contro la Danimarca per 3-0, i Paesi Bassi risolve la sfida contro la Rep. Ceca solo all'89º, con un calcio di rigore. Il 16 giugno francesi e olandesi ottengono la qualificazione con una giornata d'anticipo; i blues battono i cechi 2-1, mentre gli orange sconfiggono 3-0 la Danimarca. Nell'ultima giornata, il 21 giugno, la Repubblica Ceca lascia l'Europeo con una bella vittoria per 2-0, con doppietta di Šmicer, contro la Danimarca, che lascia il torneo con tre sconfitte in tre partite, e 8 gol subiti contro zero all'attivo. Intanto, Paesi Bassi e Francia si scontrano nel match valevole per il primo posto del girone. I francesi escono sconfitti 3-2, con marcatori Dugarry all'8º, Kluivert al 14º, Trezeguet al 31º, Frank de Boer al 51º e Zenden al 59º.

Quarti di finale[modifica | modifica wikitesto]

24 giugno: ad Amsterdam Turchia-Portogallo è un incontro inedito: i lusitani vincono, con un gol per tempo (nella prima frazione Arif sbaglia un rigore). A Bruxelles invece, l'Italia, vincitrice del girone, affronta la Romania. La Nazionale azzurra va a segno con Francesco Totti al 33º e raddoppia con Filippo Inzaghi al 42º.

25 giugno: a Rotterdam i Paesi Bassi supera la Jugoslavia per 6-1 con Patrick Kluivert autore d'una tripletta; in serata a Bruges si affrontano Spagna e Francia. La partita termina 2-1 per i francesi con reti di Zidane, Mendieta su rigore e Djorkaeff. Nel finale Raúl fallisce un calcio di rigore calciando alto.

Semifinali[modifica | modifica wikitesto]

28 giugno: a Bruxelles scendono in campo Francia e Portogallo. Alla rete iniziale di Nuno Gomes al 19º, risponde Thierry Henry al 51º. Si va ai supplementari; qui la maggiore spinta dei francesi obbliga i portoghesi a difendersi, al limite della propria area. A tre minuti dal termine della partita, l'arbitro Günter Benkö concede ai francesi un calcio di rigore. Zidane segna e permette ai suoi compagni di raggiungere la finale europea.

29 giugno: ad Amsterdam, i Paesi Bassi riceve l'Italia. L'arbitro tedesco Markus Merk, che dirige l'incontro, concede due rigori agli olandesi, ma uno viene parato da Francesco Toldo a Frank de Boer al 40º, l'altro è calciato da Kluivert sul palo al 62º.

Dopo i supplementari si rendono necessari i rigori: Francesco Toldo para il primo rigore di nuovo a Frank de Boer e il quarto a Bosvelt, dopo che Jaap Stam aveva sbagliato tirando alto. L'Italia accede alla seconda finale europea della sua storia, dopo quella del 1968.

Finale[modifica | modifica wikitesto]

La finale Francia-Italia, le due squadre agli inni nazionali.

2 luglio: al De Kuip di Rotterdam Francia e Italia si affrontano per la prima volta nella loro storia nella fase finale del Campionato europeo di calcio.

L'Italia gioca l'incontro con altro ritmo rispetto alla semifinale di Amsterdam, ma non riesce a segnare per tutto il primo tempo. Nella ripresa gli azzurri passano in vantaggio con Marco Delvecchio su cross di Gianluca Pessotto, smarcato da un colpo di tacco di Francesco Totti. Su un rinvio di Barthez dalla tre quarti difensiva, nato da una punizione decretata dall'arbitro Anders Frisk, il francese Wiltord trova un gol con un tiro rasoterra angolato che supera Toldo, al quarto minuto di recupero. Ai supplementari i francesi vanno ancora in gol con David Trezeguet. Il suo è il golden goal che vale alla Francia il secondo titolo di Campione d'Europa dopo quello vinto nel 1984 a Parigi.

Stadi[modifica | modifica wikitesto]

UEFA-Euro-2000-flag-map.png

Rotterdam
Soccer ball.svg
Amsterdam
Soccer ball.svg
Eindhoven
Soccer ball.svg
Arnhem
Soccer ball.svg
Bruges
Soccer ball.svg
Bruxelles
Soccer ball.svg
Liegi
Soccer ball.svg
Charleroi
Soccer ball.svg
Rotterdam Amsterdam
Stadion Feijenoord
Capienza: 48 500
Amsterdam ArenA
Capienza: 51 500
StadionFeyenoord.jpg 2012-13 Europa League final - Chelsea FC vs. SL Benfica, Amsterdam ArenA, kick-off.jpg
Eindhoven Arnhem
Philips Stadion
Capienza: 32 000
Gelredome
Capienza: 28 500
Philips Stadion2.jpg Gelredome 2.jpg
Bruxelles Bruges Liegi Charleroi
Stade Roi-Baudouin
Capienza: 48 500
Jan Breydel Stadion
Capienza: 28 500
Sclessin Stadion
Capienza: 29 000
Stade du Pays de Charleroi
Capienza: 28 000
Bosnia Soccer Fans at King Baudouin Stadium Brussels.jpg Janbreydelstadion.jpg Standard liege kaerjeng02.jpg Stade du pays de Charleroi 1.jpg

Squadre partecipanti[modifica | modifica wikitesto]

NB: Belgio e Paesi Bassi automaticamente qualificate in qualità di paesi ospitanti.

Convocazioni[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Convocazioni Campionato europeo di calcio 2000.

Fase finale[modifica | modifica wikitesto]

Primo turno[modifica | modifica wikitesto]

Gruppo A[modifica | modifica wikitesto]

Risultati[modifica | modifica wikitesto]
Liegi
12 giugno 2000, ore 18:00 UTC+1
Germania Germania 1 – 1
referto
Romania Romania Sclessin Stadion (25 000 spett.)
Arbitro Danimarca Nielsen

Eindhoven
12 giugno 2000, ore 20:45 UTC+1
Portogallo Portogallo 3 – 2
referto
Inghilterra Inghilterra Philips Stadion (30 000 spett.)
Arbitro Svezia Frisk

Arnhem
17 giugno 2000, ore 18:00 UTC+1
Romania Romania 0 – 1
referto
Portogallo Portogallo Gelredome (18 000 spett.)
Arbitro Francia Veissière

Charleroi
17 giugno 2000, ore 20:45 UTC+1
Inghilterra Inghilterra 1 – 0
referto
Germania Germania Stade du Pays de Charleroi (30 000 spett.)
Arbitro Italia Collina

Charleroi
20 giugno 2000, ore 20:45 UTC+1
Inghilterra Inghilterra 2 – 3
referto
Romania Romania Stade du Pays de Charleroi (30 000 spett.)
Arbitro Svizzera Meier

Rotterdam
20 giugno 2000, ore 20:45 UTC+1
Portogallo Portogallo 3 – 0
referto
Germania Germania De Kuip (51 504 spett.)
Arbitro Paesi Bassi Jol

Classifica[modifica | modifica wikitesto]
Pos. Squadra Pt G V N P GF GS DR
1. Portogallo Portogallo 9 3 3 0 0 7 2 +5
2. Romania Romania 4 3 1 1 1 4 4 0
3. Inghilterra Inghilterra 3 3 1 0 2 5 6 -1
4. Germania Germania 1 3 0 1 2 1 5 -4

Gruppo B[modifica | modifica wikitesto]

Risultati[modifica | modifica wikitesto]
Bruxelles
10 giugno 2000, ore 20:45 UTC+1
Belgio Belgio 2 – 1
referto
Svezia Svezia Stadio Re Baldovino (50 000 spett.)
Arbitro Germania Merk

Arnhem
11 giugno 2000, ore 14:30 UTC+1
Turchia Turchia 1 – 2
referto
Italia Italia Gelredome (28 000 spett.)
Arbitro Scozia Dallas

Bruxelles
14 giugno 2000, ore 20:45 UTC+1
Italia Italia 2 – 0
referto
Belgio Belgio Stadio Re Baldovino (50 000 spett.)
Arbitro Spagna García-Aranda

Eindhoven
15 giugno 2000, ore 20:45 UTC+1
Svezia Svezia 0 – 0
referto
Turchia Turchia Philips Stadion (26 000 spett.)
Arbitro Paesi Bassi Jol

Bruxelles
19 giugno 2000, ore 20:45 UTC+1
Turchia Turchia 2 – 0
referto
Belgio Belgio Stadio Re Baldovino (40 000 spett.)
Arbitro Danimarca Nielsen[1]

Eindhoven
19 giugno 2000, ore 20:45 UTC+1
Italia Italia 2 – 1
referto
Svezia Svezia Philips Stadion (26 000 spett.)
Arbitro Portogallo Pereira

Classifica[modifica | modifica wikitesto]
Pos. Squadra Pt G V N P GF GS DR
1. Italia Italia 9 3 3 0 0 6 2 +4
2. Turchia Turchia 4 3 1 1 1 3 2 +1
3. Belgio Belgio 3 3 1 0 2 2 5 -3
4. Svezia Svezia 1 3 0 1 2 2 4 -2

Gruppo C[modifica | modifica wikitesto]

Risultati[modifica | modifica wikitesto]
Rotterdam
13 giugno 2000, ore 18:00 UTC+1
Spagna Spagna 0 – 1
referto
Norvegia Norvegia De Kuip (45 000 spett.)
Arbitro Egitto Al-Ghandour

Charleroi
13 giugno 2000, ore 20:45 UTC+1
Jugoslavia Jugoslavia 3 – 3
referto
Slovenia Slovenia Stade du Pays de Charleroi (20 000 spett.)
Arbitro Portogallo Pereira

Amsterdam
18 giugno 2000, ore 18:00 UTC+1
Slovenia Slovenia 1 – 2
referto
Spagna Spagna Amsterdam ArenA (43 000 spett.)
Arbitro Germania Merk

Liegi
18 giugno 2000, ore 20:45 UTC+1
Norvegia Norvegia 0 – 1
referto
Jugoslavia Jugoslavia Sclessin Stadion (24 000 spett.)
Arbitro Scozia Dallas

Brugge
21 giugno 2000, ore 18:00 UTC+1
Jugoslavia Jugoslavia 3 – 4
referto
Spagna Spagna Stadio Jan Breydel (22 000 spett.)
Arbitro Francia Veissière

Arnhem
21 giugno 2000, ore 18:00 UTC+1
Slovenia Slovenia 0 – 0
referto
Norvegia Norvegia Gelredome (22 000 spett.)
Arbitro Inghilterra Poll

Classifica[modifica | modifica wikitesto]
Pos. Squadra Pt G V N P GF GS DR
1. Spagna Spagna 6 3 2 0 1 6 5 +1
2. Jugoslavia Jugoslavia 4 3 1 1 1 7 7 0
3. Norvegia Norvegia 4 3 1 1 1 1 1 0
4. Slovenia Slovenia 2 3 0 2 1 4 5 -1

Gruppo D[modifica | modifica wikitesto]

Risultati[modifica | modifica wikitesto]
Brugge
11 giugno 2000, ore 18:00 UTC+1
Francia Francia 3 – 0
referto
Danimarca Danimarca Stadio Jan Breydel (29 000 spett.)
Arbitro Austria Benkö

Amsterdam
11 giugno 2000, ore 20:45 UTC+1
Paesi Bassi Paesi Bassi 1 – 0
referto
Rep. Ceca Rep. Ceca Amsterdam ArenA (50 883 spett.)
Arbitro Italia Collina

Brugge
16 giugno 2000, ore 18:00 UTC+1
Rep. Ceca Rep. Ceca 1 – 2
referto
Francia Francia Stadio Jan Breydel (28 000 spett.)
Arbitro Inghilterra Poll

Rotterdam
16 giugno 2000, ore 20:45 UTC+1
Danimarca Danimarca 0 – 3
referto
Paesi Bassi Paesi Bassi De Kuip (51 000 spett.)
Arbitro Svizzera Meier

Liegi
21 giugno 2000, ore 20:45 UTC+1
Danimarca Danimarca 0 – 2
referto
Rep. Ceca Rep. Ceca Sclessin Stadion (20 000 spett.)
Arbitro Egitto Al-Ghandour

Amsterdam
21 giugno 2000, ore 20:45 UTC+1
Francia Francia 2 – 3
referto
Paesi Bassi Paesi Bassi Amsterdam ArenA (50 000 spett.)
Arbitro Svezia Frisk

Classifica[modifica | modifica wikitesto]
Pos. Squadra Pt G V N P GF GS DR
1. Paesi Bassi Paesi Bassi 9 3 3 0 0 7 2 +5
2. Francia Francia 6 3 2 0 1 7 4 +3
3. Rep. Ceca Rep. Ceca 3 3 1 0 2 3 3 0
4. Danimarca Danimarca 0 3 0 0 3 0 8 -8

Albero della fase ad eliminazione diretta[modifica | modifica wikitesto]

Quarti di finale Semifinali Finale
                   
25 giugno - 20:45        
 1C. Spagna Spagna  1
28 giugno - 20:45
 2D. Francia Francia  2  
 Francia Francia  2
24 giugno - 18:00
   Portogallo Portogallo  1  
 2B. Turchia Turchia  0
2 luglio - 20:00
 1A. Portogallo Portogallo  2  
 Francia Francia  2
24 giugno - 20:45
   Italia Italia  1
 1B. Italia Italia  2
29 giugno - 18:00
 2A. Romania Romania  0  
 Italia Italia  0(3)
25 giugno - 18:00
   Paesi Bassi Paesi Bassi  0(1)  
 1D. Paesi Bassi Paesi Bassi  6
 2C. Jugoslavia Jugoslavia  1  


Quarti di finale[modifica | modifica wikitesto]

Amsterdam
24 giugno 2000, ore 18:00 UTC+1
Turchia Turchia 0 – 2
referto
Portogallo Portogallo Amsterdam ArenA (42 000 spett.)
Arbitro Paesi Bassi Jol

Bruxelles
24 giugno 2000, ore 20:45 UTC+1
Italia Italia 2 – 0
referto
Romania Romania Stadio Re Baldovino (40 000 spett.)
Arbitro Portogallo Pereira

Rotterdam
25 giugno 2000, ore 18:00 UTC+1
Paesi Bassi Paesi Bassi 6 – 1
referto
Jugoslavia Jugoslavia De Kuip (51 504 spett.)
Arbitro Spagna García-Aranda

Brugge
25 giugno 2000, ore 20:45 UTC+1
Spagna Spagna 1 – 2
referto
Francia Francia Stadio Jan Breydel (29 000 spett.)
Arbitro Italia Collina

Semifinali[modifica | modifica wikitesto]

Amsterdam
29 giugno 2000, ore 18:00 UTC+1
Italia Italia 0 – 0
(d.t.s.)
referto
Paesi Bassi Paesi Bassi Amsterdam ArenA (51 300 spett.)
Arbitro Germania Merk

Bruxelles
28 giugno 2000, ore 20:45 UTC+1
Francia Francia 2 – 1
(d.t.s.)
referto
Portogallo Portogallo Stadio Re Baldovino (45 000 spett.)
Arbitro Austria Benkö

Finale[modifica | modifica wikitesto]

Rotterdam
2 luglio 2000, ore 20:00 UTC+1
Francia Francia 2 – 1
(d.t.s.)
referto
Italia Italia De Kuip (50 000 spett.)
Arbitro Svezia Frisk

Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Francia
Manica sinistra
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Italia
FRA-ITA 2000-07-02.svg
Italia Italia
P 12 Francesco Toldo
D 5 Fabio Cannavaro Ammonizione al 42’ 42’
D 13 Alessandro Nesta
D 15 Mark Iuliano
D 3 Paolo Maldini (C)
D 11 Gianluca Pessotto
C 4 Demetrio Albertini
C 14 Luigi Di Biagio Ammonizione al 31’ 31’ Uscita al 66’ 66’
C 18 Stefano Fiore Uscita al 53’ 53’
A 20 Francesco Totti Ammonizione al 90’ 90’
A 21 Marco Delvecchio Uscita al 86’ 86’
Sostituzioni:
A 10 Alessandro Del Piero Ingresso al 53’ 53’
C 16 Massimo Ambrosini Ingresso al 66’ 66’
A 19 Vincenzo Montella Ingresso al 86’ 86’
CT:
Italia Dino Zoff

Campione[modifica | modifica wikitesto]

Campione d'Europa 2000

Flag of France.svg

FRANCIA
(2º titolo)


Statistiche del torneo[modifica | modifica wikitesto]

Classifica marcatori[modifica | modifica wikitesto]

5 reti

4 reti

3 reti

2 reti

1 rete

Autoreti

Gol più veloce[modifica | modifica wikitesto]

3 minuti: Paul Scholes (Portogallo-Inghilterra)

European team of the tournament[modifica | modifica wikitesto]

Formazione dei migliori 11 giocatori del torneo, selezionata dalla UEFA:[2]

La squadra vincitrice[modifica | modifica wikitesto]

Flag of France.svg Francia
Numero Giocatore Squadra 2000
Portieri
16 Fabien Barthez Francia Monaco
1 Bernard Lama Francia Paris Saint-Germain
22 Ulrich Ramé Francia Bordeaux
Difensori
5 Laurent Blanc Italia Inter
2 Vincent Candela Italia Roma
8 Marcel Desailly Inghilterra Chelsea
18 Frank Leboeuf Inghilterra Chelsea
3 Bixente Lizarazu Germania Bayern Monaco
15 Lilian Thuram Italia Parma
Centrocampisti
7 Didier Deschamps Inghilterra Chelsea
6 Youri Djorkaeff Germania Kaiserslautern
19 Christian Karembeu Spagna Real Madrid
14 Johan Micoud Francia Bordeaux
17 Emmanuel Petit Inghilterra Arsenal
11 Robert Pires Francia Olympique Marsiglia
4 Patrick Vieira Inghilterra Arsenal
10 Zinédine Zidane Italia Juventus
Attaccanti
12 Thierry Henry Inghilterra Arsenal
20 David Trezeguet Francia Monaco
13 Sylvain Wiltord Francia Bordeaux
9 Nicolas Anelka Spagna Real Madrid
21 Christophe Dugarry Francia Bordeaux
Commissario tecnico: Roger Lemerre

Ufficiali di gara[modifica | modifica wikitesto]

Nazione Arbitro
Austria Austria Günter Benkö
Danimarca Danimarca Kim Milton Nielsen
Egitto Egitto Gamal Al-Ghandour
Francia Francia Gilles Veissière
Germania Germania Markus Merk
Inghilterra Inghilterra Graham Poll
Italia Italia Pierluigi Collina
Paesi Bassi Paesi Bassi Dick Jol
Portogallo Portogallo Vitor Melo Pereira
Scozia Scozia Hugh Dallas
Spagna Spagna José María García-Aranda
Svezia Svezia Anders Frisk
Svizzera Svizzera Urs Meier

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ sostituito per infortunio al 40º da Austria Benkö
  2. ^ Squadra del Torneo, it.uefa.com. URL consultato il 31 luglio 2012.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

calcio Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio