Tiago Mendes

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Tiago Mendes
Tiago Cardoso Mendes.JPG
Tiago nel 2009
Dati biografici
Nome Tiago Cardoso Mendes
Nazionalità Portogallo Portogallo
Altezza 183[1] cm
Peso 71[1] kg
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Centrocampista
Squadra Atletico Madrid Atlético Madrid
Carriera
Giovanili
Braga Braga
Squadre di club1
1999-2002 Braga Braga 62 (4)
2002-2004 Benfica Benfica 75 (19)
2004-2005 Chelsea Chelsea 34 (4)
2005-2007 O. Lione O. Lione 56 (10)
2007-2010 Juventus Juventus 42 (0)
2010- Atletico Madrid Atlético Madrid 122 (13)
Nazionale
2000-2002
2002-
Portogallo Portogallo U-21
Portogallo Portogallo
21 (2)
60 (3)
Palmarès
UEFA European Cup.svg Europei di calcio
Argento Portogallo 2004
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 14 dicembre 2014

Tiago Cardoso Mendes, meglio noto semplicemente come Tiago OIH (Viana do Castelo, 2 maggio 1981), è un calciatore portoghese, centrocampista dell'Atletico Madrid e della Nazionale portoghese.

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

È un interno di centrocampo, abile nel recupero e nella successiva distribuzione del pallone.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Braga[modifica | modifica wikitesto]

Esordisce nella stagione 1999-2000 nella squadra riserve del Braga e, la stagione successiva, entra a far parte della prima squadra, grazie anche alle ottime prestazioni nel primo campionato da professionista. Nella prima stagione in Superliga, portoghese diventa uno dei punti fermi della squadra che termina il campionato al quarto posto, conquistando la qualificazione alla Coppa UEFA.

Benfica[modifica | modifica wikitesto]

A metà della seconda stagione a Braga viene acquistato dal Benfica, prestigioso club di Lisbona, con cui si consacra definitivamente conquistando il secondo posto nella Superliga 2002/03 e guadagnando la prima convocazione in nazionale. Il 25 gennaio 2004 nella partita contro il Vitória Guimarães il suo compagno di squadra il calciatore ungherese Miklós Fehér perde conoscenza in campo per un arresto cardiaco, Tiago è il primo a soccorrerlo insieme ai suoi compagni e ad alcuni giocatori del Vitoria, e viste le condizioni del compagno cade a terra in un fiume di lacrime sotto la pioggia battente che aveva colpito Guimaraes. L'anno successivo vince la Coppa di Portogallo contro il Porto di José Mourinho che al termine della stagione lo vuole con sé al Chelsea.

Chelsea[modifica | modifica wikitesto]

Trasferitosi a Londra per 12 milioni di euro, diventa subito protagonista della stagione vittoriosa dei Blues, disputando 51 partite ad ottimi livelli e contribuendo alla vittoria della Premier League dopo cinquant'anni di attesa. Rimane agli ordini del tecnico portoghese solo una stagione e nell'estate del 2005 passa all'Olympique Lione nell'ambito dell'affare che porta Michael Essien in Inghilterra.

Lione[modifica | modifica wikitesto]

A Lione è relegato in un ruolo di copertura alle spalle di Juninho Pernambucano e Florent Malouda, ma riesce comunque ad imporsi nella stagione della conquista del quinto titolo francese e si riconferma l'anno successivo, sostituendo degnamente il maliano Mahamadou Diarra e vincendo il secondo titolo consecutivo con il Lione.

Juventus[modifica | modifica wikitesto]

Nel mercato estivo è uno dei pezzi pregiati della società francese ed il 21 giugno 2007 firma un contratto quinquennale con la Juventus, per il costo di € 14 milioni. Il suo numero di maglia è il 30.[2] Tuttavia nella prima stagione con la squadra torinese non riesce ad esprimersi al meglio e per questo motivo trova poco spazio nel centrocampo a 4 di Claudio Ranieri, anche a causa del buon rendimento di Cristiano Zanetti. In campionato disputa 20 gare, quasi mai da titolare e con un rendimento di assai basso profilo, rivelandosi il grande flop del mercato della rinascita bianconera.[3] Durante il mercato estivo viene spesso dato in partenza[4], tuttavia, soprattutto per sua volontà, nessuna delle piste alla fine si concretizza e rimane a Torino come centrocampista di riserva.

Dopo un inizio stagione nel quale è poco presente, anche a causa di un infortunio, riesce a disputare qualche spezzone di partita, nei quali mostra netti progressi rispetto alla stagione precedente, ricevendo anche i complimenti dell'allenatore Ranieri e del presidente Cobolli Gigli in seguito alla prestazione convincente contro il Bologna. Successivamente conferma le ottime impressioni destate in precedenza in gare di alto livello come gli scontri diretti con la Roma in campionato ed il Real Madrid in UEFA Champions League.[5][6] Sabato 22 novembre 2008, al secondo minuto di gioco della partita Inter-Juventus, si procura una distorsione al ginocchio sinistro in seguito ad un contrasto con l'interista Dejan Stankovic, che lo costringe ad uno stop di 30-40 giorni. Dopo l'infortunio gioca da titolare l'8 febbraio Catania-Juventus, confermando i miglioramenti visti in precedenza.[7] A causa degli infortuni di Zanetti e Sissoko, forma insieme a Marchisio la coppia titolare del centrocampo bianconero per parte della stagione.

L'anno successivo, nonostante il cambio di modulo della Juve in favore di un 4-3-1-2 a lui più congeniale, si dimostra in netto calo rispetto alla stagione precedente, disputando partite di non elevato spessore condite anche da grossolani errori, simili a quelli che lo avevano caratterizzato nel suo difficile primo anno in bianconero. Trascorre una prima parte di stagione essenzialmente come riserva, per poi venire definitivamente accantonato dopo la partita di Champions con il Maccabi Haifa del 3 novembre 2009.

Atlético Madrid[modifica | modifica wikitesto]

Tiago in azione contro il Real Madrid

L'8 gennaio 2010 viene ufficializzato il suo trasferimento all'Atlético Madrid, in prestito gratuito con diritto di riscatto.[8] Nella seconda partita giocata da Tiago con la maglia dell'Atlético, in Copa del Rey contro il Celta Vigo, segna il suo primo gol. Chiuderà la stagione con 16 presenze in partite ufficiali e tre reti.

Il 16 agosto 2010 viene nuovamente ceduto in prestito oneroso all'Atlético Madrid, per 1 milione di euro.[9] Pur non avendo partecipato alla vittoria in Europa League dei colchoneros (in quanto iscritto alla lista UEFA per la Juventus), viene convocato a tempo di record[10] per la Supercoppa Europea, poi vinta (2-0) contro l'Inter. In seguito il club madrileno annuncerà che Tiago non verrà riscattato (nonostante nell'anno e mezzo passato a Madrid sia stato quasi sempre titolare ed abbia fornito ottime prestazioni) e quindi dovrà fare ritorno a Torino.

Il 19 luglio 2011 la Juventus annuncia di aver risolto consensualmente il contratto con il calciatore.[11] Il 20 luglio 2011 firma un contratto biennale con l'Atlético Madrid. Nella stagione 2013-14 contribuisce, con 22 presenze e 2 gol, alla vittoria della Liga. [12] Il 21 luglio 2014 rinnova il suo contratto con l'Atletico Madrid, firmando un biennale[13].

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Esordisce con la maglia della Nazionale lusitana il 20 novembre 2002 nella vittoria 2-0 contro la Scozia, e realizza il proprio primo gol il 28 marzo 2007 a Belgrado contro la Serbia.

Prese parte al Campionato europeo di calcio 2004 con il Portogallo, che giunse al secondo posto, ma non scese mai in campo. Due anni dopo, nel 2006, è stato una della colonne portanti del centrocampo dei lusitani, giunti quarti ai Mondiali 2006 in Germania, con 5 presenze su 7 partite giocate dai portoghesi.

Torna a vestire la maglia della Selecção per la gara del 19 novembre 2008 a Brasilia contro il Brasile dopo 15 mesi di assenza[14].

Partecipa poi ai Mondiali di Sudafrica 2010 e il 21 giugno segna la sua prima doppietta in nazionale in occasione della vittoria 7-0 sulla Corea del Nord.

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche aggiornate al 14 dicembre 2014.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
1999-2000 Portogallo Braga PL 18 1 CP 0 0 - - - - - - 18 1
2000-2001 PL 27 0 CP 1 0 - - - - - - 28 0
2001-gen. 2002 PL 17 3 CP 2 0 - - - - - - 19 3
Totale Braga 62 4 3 0 65 4
gen.-giu. 2002 Portogallo Benfica PL 15 1 CP - - - - - - - - 15 1
2002-2003 PL 31 13 CP 0 0 - - - - - - 31 13
2003-2004 PL 29 5 CP 3 2 CU 8 3 - - - 40 10
Totale Benfica 75 19 3 2 8 3 86 24
2004-2005 Inghilterra Chelsea PL 34 4 FACup+CdL 2+4 0 UCL 11 0 CS 1 0 52 4
2005-2006 Francia O. Lione L1 29 6 CF+CdL 3+0 0 UCL 8 2 - - - 40 8
2006-2007 L1 27 4 CF+CdL 2+3 0 UCL 8 2 SF 0 0 40 6
Totale O. Lione 56 10 8 0 16 4 0 0 80 14
2007-2008 Italia Juventus A 20 0 CI 3 0 - - - - - - 23 0
2008-2009 A 15 0 CI 2 0 UCL 3 0 - - - 20 0
2009-gen. 2010 A 7 0 CI 0 0 UCL 3 0 - - - 10 0
Totale Juventus 42 0 5 0 6 0 53 0
gen.-giu. 2010 Spagna Atlético Madrid PD 18 2 CR 5 1 - - - - - - 23 3
2010-2011 PD 31 4 CR 2 0 UEL 6 1 - - - 39 5
2011-2012 PD 24 0 CR 0 0 UEL 8[15] 0 - - - 32 0
2012-2013 PD 22 2 CR 3 0 UEL 5 0 - - - 30 2
2013-2014 PD 23 2 CR 3 0 UCL 7 0 SS 0 0 33 2
2014-2015 PD 10 3 CR 0 0 UCL 2 0 SS 1 0 13 3
Totale Atlético Madrid 128 13 13 1 28 1 1 0 169 14
Totale carriera 397 47 38 3 69 8 2 0 506 58

Cronologia presenze e reti in Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia completa delle presenze e delle reti in Nazionale - Portogallo Portogallo
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
20/11/2002 Braga Portogallo Portogallo 2 – 0 Scozia Scozia Amichevole -
12/02/2003 Genova Italia Italia 1 – 0 Portogallo Portogallo Amichevole -
30/04/2003 Eindhoven Paesi Bassi Paesi Bassi 1 – 1 Portogallo Portogallo Amichevole -
10/06/2003 Lisbona Portogallo Portogallo 4 – 0 Bolivia Bolivia Amichevole -
11/10/2003 Lisbona Portogallo Portogallo 5 – 3 Albania Albania Amichevole -
18/02/2004 Faro Portogallo Portogallo 1 – 1 Inghilterra Inghilterra Amichevole -
31/03/2004 Braga Portogallo Portogallo 2 – 1 Italia Italia Amichevole -
28/04/2004 Coimbra Portogallo Portogallo 2 – 2 Svezia Svezia Amichevole -
29/05/2004 Águeda Portogallo Portogallo 3 – 0 Lussemburgo Lussemburgo Amichevole -
05/06/2004 Setúbal Portogallo Portogallo 4 – 1 Lituania Lituania Amichevole -
09/10/2004 Vaduz Liechtenstein Liechtenstein 2 – 2 Portogallo Portogallo Qual. Mondiali 2006 -
17/11/2004 Lussemburgo Lussemburgo Lussemburgo 0 – 5 Portogallo Portogallo Qual. Mondiali 2006 -
09/02/2005 Dublino Irlanda Irlanda 1 – 0 Portogallo Portogallo Amichevole -
04/06/2005 Lisbona Portogallo Portogallo 2 – 0 Slovacchia Slovacchia Qual. Mondiali 2006 -
08/06/2005 Tallinn Estonia Estonia 0 – 1 Portogallo Portogallo Qual. Mondiali 2006 -
17/08/2005 São Miguel Portogallo Portogallo 2 – 0 Egitto Egitto Amichevole -
08/10/2005 Aveiro Portogallo Portogallo 2 – 1 Liechtenstein Liechtenstein Qual. Mondiali 2006 -
12/10/2005 Oporto Portogallo Portogallo 3 – 0 Lettonia Lettonia Qual. Mondiali 2006 -
12/11/2005 - Portogallo Portogallo 2 – 0 Croazia Croazia Amichevole -
15/11/2005 Belfast Irlanda del Nord Irlanda del Nord 1 – 1 Portogallo Portogallo Amichevole -
27/05/2006 - Portogallo Portogallo 4 – 1 Capo Verde Capo Verde Amichevole -
03/06/2006 - Portogallo Portogallo 3 – 0 Lussemburgo Lussemburgo Amichevole -
11/09/2006 Colonia Portogallo Portogallo 1 – 0 Angola Angola Mondiali 2006 - 1º Turno -
17/06/2006 Francoforte Portogallo Portogallo 2 – 0 Iran Iran Mondiali 2006 - 1º Turno -
21/06/2006 Gelsenkirchen Portogallo Portogallo 2 – 1 Messico Messico Mondiali 2006 - 1º Turno -
25/06/2006 Norimberga Portogallo Portogallo 1 – 0 Paesi Bassi Paesi Bassi Mondiali 2006 - Ottavi -
01/07/2006 Gelsenkirchen Portogallo Portogallo 0 – 0 dts
(1-3 dcr)
Inghilterra Inghilterra Mondiali 2006 - Quarti -
01/09/2006 Copenaghen Danimarca Danimarca 4 – 2 Portogallo Portogallo Amichevole -
06/09/2006 Helsinki Finlandia Finlandia 1 – 1 Portogallo Portogallo Qual. Euro 2008 -
07/10/2006 Oporto Portogallo Portogallo 3 – 0 Azerbaigian Azerbaigian Qual. Euro 2008 -
11/10/2006 Chorzów Polonia Polonia 2 – 1 Portogallo Portogallo Qual. Euro 2008 -
15/11/2006 Coimbra Portogallo Portogallo 3 – 0 Kazakistan Kazakistan Qual. Euro 2008 -
06/02/2007 Londra Portogallo Portogallo 2 – 0 Brasile Brasile Amichevole -
24/03/2007 Lisbona Portogallo Portogallo 4 – 0 Belgio Belgio Qual. Euro 2008 -
28/03/2007 Belgrado Serbia Serbia 1 – 1 Portogallo Portogallo Qual. Euro 2008 1
02/06/2007 Bruxelles Belgio Belgio 1 – 2 Portogallo Portogallo Qual. Euro 2008 -
05/06/2007 - Kuwait Kuwait 1 – 1 Portogallo Portogallo Amichevole -
22/08/2007 Yerevan Armenia Armenia 1 – 1 Portogallo Portogallo Qual. Euro 2008 -
19/11/2008 Brasilia Brasile Brasile 6 – 2 Portogallo Portogallo Amichevole -
28/03/2009 Oporto Portogallo Portogallo 0 – 0 Svezia Svezia Qual. Mondiali 2010 -
09/09/2009 Budapest Portogallo Portogallo 1 – 0 Ungheria Ungheria Qual. Mondiali 2010 -
18/11/2009 Zenica Bosnia ed Erzegovina Bosnia ed Erzegovina 1 – 1 Portogallo Portogallo Qual. Mondiali 2010 -
15/06/2010 Port Elizabeth Costa d'Avorio Costa d'Avorio 0 – 0 Portogallo Portogallo Mondiali 2010 - 1º Turno -
21/06/2010 Città del Capo Portogallo Portogallo 7 – 0 Corea del Nord Corea del Nord Mondiali 2010 - 1º Turno 2
25/06/2010 Durban Portogallo Portogallo 0 – 0 Brasile Brasile Mondiali 2010 - 1º Turno -
29/06/2010 Città del Capo Spagna Spagna 1 – 0 Portogallo Portogallo Mondiali 2010 - Ottavi -
Totale Presenze 46 Reti 3

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Benfica: 2003-2004
Chelsea: 2004-2005
Chelsea: 2004-2005
Chelsea: 2005
Lione: 2005-2006, 2006-2007
Lione: 2006
Atletico Madrid: 2012-2013
Atlético Madrid: 2013-2014
Atlético Madrid: 2014

Competizioni Internazionali[modifica | modifica wikitesto]

Atlético Madrid: 2010, 2012
Atlético Madrid: 2011-2012

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Ufficiale dell'Ordine dell'Infante Dom Henrique - nastrino per uniforme ordinaria Ufficiale dell'Ordine dell'Infante Dom Henrique
— 2004

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (ES) Tiago Cardoso Mendes, Club Atlético de Madrid. URL consultato il 25 agosto 2014.
  2. ^ Accordo con la società francese Olympique Lyonnais per l'acquisto del calciatore Tiago Cardoso Mendes in juventus.com, 22 giugno 2007. URL consultato il 22-7-2008.
  3. ^ Juve, Ranieri scarica Tiago: "Nel calcio ci stanno anche i flop" in Sport.it, 31 luglio 2008. URL consultato il 18-8-2008.
  4. ^ Tutte le ultime dal mercato: Recoba e Tiago verso il Monaco in sport.sky.it, 27 agosto 2008. URL consultato il 4-9-2008.
  5. ^ Ranieri: «Complimenti Tiago» in tuttosport.com, 30 ottobre 2008. URL consultato il 27-11-2008.
  6. ^ Cobolli Gigli: «Tiago potrebbe essere l'acquisto di gennaio» in corrieredellosport.it, 31 ottobre 2008. URL consultato il 27-11-2008.
  7. ^ Tiago, sospiro di sollievo Starà fuori solo un mese in gazzetta.it, 23 settembre 2008. URL consultato il 27-11-2008.
  8. ^ Juve, è ufficiale: Tiago in prestito all'Atletico Madrid tuttosport.com
  9. ^ [1] calcionews24.com
  10. ^ [2] calcionews24.com
  11. ^ Risoluzione consensuale con il calciatore Tiago Cardoso Mendes Juventus.com
  12. ^ Tiago ya es jugador del Atlético Clubatleticodemadrid.com
  13. ^ http://www.clubatleticodemadrid.com/noticias/tiago-firma-por-dos-temporadas
  14. ^ 15 mesi dopo, Tiago torna in nazionale in tuttosport.com, 13 novembre 2008. URL consultato il 13-11-2008.
  15. ^ 3 presenze nei turni preliminari.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]