Nazionale di calcio della Slovacchia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Slovacchia Slovacchia
Stemma
Uniformi di gara
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Trasferta
Sport Football pictogram.svg Calcio
Federazione SFZ
Slovenský futbalový zväz
Codice FIFA SVK
Soprannome Repre
Selezionatore Slovacchia Ján Kozák
Record presenze Miroslav Karhan (107)
Capocannoniere Róbert Vittek (23)
Ranking FIFA 49°
Esordio internazionale
Repubblica Slovacca Slovacchia 2-0 Germania Germania
Bratislava, Slovacchia; 27 agosto 1939
Migliore vittoria
Slovacchia Slovacchia 7-0 Liechtenstein Liechtenstein
Bratislava Slovacchia; 8 settembre, 2004
Slovacchia Slovacchia 7-0 San Marino San Marino
Dubnica nad Váhom, Slovacchia; 13 ottobre 2007
Slovacchia Slovacchia 7-0 San Marino San Marino
Bratislava, Slovacchia; 6 giugno 2009
Peggiore sconfitta
Argentina Argentina 6-0 Slovacchia Slovacchia
Mendoza, Argentina; 22 giugno 1995
Campionato del mondo
Partecipazioni 1 (esordio: 2010)
Miglior risultato Ottavi di finale nel 2010

La Nazionale di calcio della Slovacchia (slo. Slovenské národné futbalové mužstvo) è la rappresentativa calcistica della Slovacchia ed è posta sotto l'egida della Slovenský futbalový zväz. Esiste dal 1993, quando la divisione della Cecoslovacchia portò alla scomparsa della Nazionale di calcio della Cecoslovacchia. L'altra Nazionale sorta nel 1993 è la Nazionale di calcio della Repubblica Ceca, considerata dall'UEFA unica erede della Nazionale cecoslovacca, ma non dalla FIFA.

Attualmente occupa la 49ª posizione nel Ranking FIFA.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La selezione slovacca degli anni '40[modifica | modifica wikitesto]

La selezione slovacca storica nel 1940

La squadra giocò sedici partite tra il 1939 e il 1944, rappresentando la Prima Repubblica Slovacca, stato formalmente indipendente ma di fatto soggetto a controllo nazista, repubblica che divenne ben presto uno stato fantoccio della Germania e che durò soltanto sei anni. La selezione esordì in campo internazionale il 27 agosto 1939 a Bratislava contro la Germania, ottenendo una prestigiosa vittoria per 2-0. Dato il coincidere del periodo di esistenza con la guerra e la totale mancanza di manifestazioni internazionali di rilievo in ambito calcistico, la selezione poté giocare soltanto degli incontri amichevoli od occasionali. Fu sciolta appena finì la guerra e con la dissoluzione dello stato che rappresentava, incorporato nella Cecoslovacchia.

La nazionale cecoslovacca[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Nazionale di calcio della Cecoslovacchia.

Dopo la seconda guerra mondiale la compagine ceca e quella slovacca furono ben presto riunite nella Nazionale della Cecoslovacchia. In particolare, la squadra che vinse l'Europeo 1976 era composta per gran parte di giocatori slovacchi. Al Mondiale del 1982 e del 1990, la Cecoslovacchia venne guidata da un allenatore slovacco, Jozef Vengloš.

Rifondazione e primi anni[modifica | modifica wikitesto]

Dopo lo scioglimento della Cecoslovacchia nel 1992, la squadra nazionale venne ricostituita non appena la Slovacchia fu riconosciuta in ambito internazionale. Giocò il suo primo incontro il 14 ottobre 1992 vincendo (1-0) contro la Lituania a Vilnius, ma il primo match ufficiale fu quello del 2 febbraio 1994 a Dubai dove la squadra si impose per 1-0 contro gli Emirati Arabi Uniti. Il primo match giocato in casa si disputò il 20 aprile 1994 contro la Croazia e terminò con una pesante sconfitta per 4-1. L'anno successivo, il 22 giugno 1995, la nazionale slovacca incassò anche la peggiore sconfitta di sempre a Mendoza contro l'Argentina, un netto 6-0.

Prime qualificazioni[modifica | modifica wikitesto]

La Slovacchia ha giocato le sue prime partite da nazione indipendente per accedere ad una fase finale d'un torneo principale soltanto dalle qualificazioni ad Euro '96, giungendo al terzo posto dietro a Romania e Francia: non riuscì pertanto a qualificarsi ma registrò buone vittorie contro Polonia, Israele ed Azerbaijan. Le successive qualificazioni ai Mondiali di calcio 1998, la Slovacchia terminò invece quarta con cinque vittorie, un pareggio e quattro sconfitte: fatto curioso è che le prime quattro partite furono segnate da altrettante vittorie, una delle quali contro i vicini cechi risultato che spinse la selezione slovacca al loro più alto posizionamento FIFA, diciassettesimi in classifica.

Quinquennio di limbo[modifica | modifica wikitesto]

Il quinquennio tra 1999 e 2004 è contraddistinto da un periodo piuttosto mediocre, alternato da vittorie e sconfitte che hanno portato sempre a mancate qualificazioni e posizionamenti a metà classifica dei gironi qualificatori. Degni di nota soltanto ai fini statistici le loro maggiori vittorie, nel 2004 per 7-0 contro Liechtenstein, risultato che avrebbero bissato contro San Marino due volte nel 2007 e nel 2009.

Dal 2006 ad oggi[modifica | modifica wikitesto]

La Slovacchia, seconda nel gruppo 3 a spese della Russia, ha giocato il play-off di qualificazione per Germania 2006, che ha perso nettamente contro la Spagna.

Il 25 giugno 2008 la federazione slovacca ha rimpiazzato il selezionatore Ján Kocian, chiamando alla guida della Nazionale Vladimír Weiss.

La Slovacchia schierata per l'inno ai mondiali del 2010 prima dello storico incontro con l'Italia

Inserita nel gruppo 3 di qualificazione per la Coppa del Mondo FIFA 2010 in Sudafrica, trova sulla sua strada la Polonia e soprattutto la vicina Repubblica Ceca, entrambe presenti al mondiale precedente. Con 7 vittorie, 1 pareggio e 2 sconfitte chiude il girone al primo posto a 22 punti, guadagnando per la prima volta una storica partecipazione alla fase finale dei Mondiali. La partita che ha sancito la qualificazione della Nazionale slovacca è stata giocata il 14 ottobre 2009 in Polonia, a Chorzów, sotto una bufera di neve. La squadra ha vinto 1-0 grazie ad un'autorete del difensore polacco Seweryn Gancarczyk dopo 3 minuti.

Il 4 dicembre 2009 il sorteggio dei gironi per la fase finale ha collocato gli slovacchi nel gruppo F insieme a Nuova Zelanda, Paraguay e i campioni in carica dell'Italia.

Il Mondiale sudafricano inizia con una beffa: la Nuova Zelanda riagguanta gli slovacchi al 93º minuto di gioco della partita d'esordio, che termina così 1-1. Nel secondo impegno la Slovacchia perde per 2-0 col Paraguay e vede lontana una possibile qualificazione agli ottavi, ma nella terza ed ultima giornata gli uomini di Vladimír Weiss e Marek Hamšík compiono l'impresa, battendo i campioni del mondo in carica dell'Italia per 3-2 con le reti di Vittek (doppietta) e Kopúnek. Era dal 1974 che l'Italia non usciva al primo turno. Gli slovacchi escono poi agli ottavi di finale, sconfitti dai Paesi Bassi per 2-1 (rigore di Vittek).

Partecipazioni ai tornei internazionali[modifica | modifica wikitesto]

Dal 1918 al 1993 la Slovacchia non aveva una propria nazionale in quanto lo stato slovacco era inglobato nella Cecoslovacchia. Esisteva, quindi, un'unica nazionale che rappresentava tutta la Cecoslovacchia. Tra il 1939 e il 1945 la Slovacchia divenne temporaneamente indipendente dalla Cecoslovacchia, la nascita della nazionale risale, infatti, a quel periodo.

Campionato del mondo
Edizione Risultato
1998 Non qualificata
2002 Non qualificata
2006 Non qualificata
2010 Ottavi di finale
2014 Non qualificata
Campionato europeo
Edizione Risultato
1996 Non qualificata
2000 Non qualificata
2004 Non qualificata
2008 Non qualificata
2012 Non qualificata
Giochi olimpici[1]
Edizione Risultato
Confederations Cup
Edizione Risultato
1995 Non invitata
1997 Non qualificata
1999 Non qualificata
2001 Non qualificata
2003 Non qualificata
2005 Non qualificata
2009 Non qualificata
2013 Non qualificata


Legenda: Grassetto: Risultato migliore, Corsivo: Mancate partecipazioni


Statistiche dettagliate sui tornei internazionali[modifica | modifica wikitesto]

Mondiali[modifica | modifica wikitesto]

Anno Luogo Piazzamento V N P Gol
1998 Francia Francia Non qualificata - - - -
2002 Corea del Sud Corea del Sud / Giappone Giappone Non qualificata - - - -
2006 Germania Germania Non qualificata - - - -
2010 Sudafrica Sudafrica Ottavi di finale 1 1 2 5:7
2014 Brasile Brasile Non qualificata - - - -

Tutte le rose[modifica | modifica wikitesto]

Mondiali[modifica | modifica wikitesto]


Giochi olimpici[modifica | modifica wikitesto]

NOTA: Per le informazioni sulle rose successive al 1948 visionare la pagina della Nazionale olimpica.

Record individuali[modifica | modifica wikitesto]

Aggiornati al 18 novembre 2014. In grassetto i giocatori ancora in attività.

Giocatori con più presenze[modifica | modifica wikitesto]

# Giocatore Periodo Presenze Reti
1. Miroslav Karhan 1995–2011 107 14
2. Róbert Vittek 2001– 80 23
3. Marek Hamšík 2007– 75 14
4. Ján Ďurica 2004– 72 4
5. Martin Škrtel 2004– 70 5
6. Filip Hološko 2005– 64 8
7. Peter Pekarík 2006- 59 1
8. Szilárd Németh 1996–2006 58 22
8. Stanislav Šesták 2004- 58 13
9. Radoslav Zabavník 2003–2012 57 1

Giocatori con più reti[modifica | modifica wikitesto]

# Giocatore Periodo Reti Presenze Reti/pr.
1. Róbert Vittek 2001– 23 80 0.29
2. Szilárd Németh 1996–2006 22 59 0.37
3. Marek Mintál 2002–2009 14 45 0.31
4. Marek Hamšík 2007– 14 75 0.18
5. Miroslav Karhan 1995–2011 14 107 0.13
6. Stanislav Šesták 2004– 13 58 0.23
7. Peter Dubovský 1994–2000 12 33 0.36
8. Tibor Jančula 1995–2001 9 29 0.31
9. Ľubomír Reiter 2001–2005 9 28 0.32
10. Martin Jakubko 2004– 9 36 0.25

Allenatori[modifica | modifica wikitesto]

Rosa attuale[modifica | modifica wikitesto]

Lista dei giocatori convocati per l'amichevole contro la Rep. Ceca del 14 novembre 2012.

Presenze e reti aggiornate al 14 novembre 2012.

N. Pos. Giocatore Data nascita (età) Pres. Gol Squadra
P Pavol Bajza 21 maggio 1985 (29 anni) 7 0 Italia Parma Parma
P Adrij Řacký 28 novembre 1984 (30 anni) 6 0 Rep. Ceca Viktoria Plzen Viktoria Plzeň
P Jan Rezek 1º novembre 1984 (30 anni) 0 0 Germania Friburgo Friburgo
D Branislav Garberiský 16 settembre 1980 (34 anni) 57 1 Slovacchia Inter Bratislava Inter Bratislava
D Petar Rabùš 30 ottobre 1986 (28 anni) 44 1 Scozia Celtic Celtic
D Kamil Zujižà 24 gennaio 1985 (29 anni) 23 0 Slovacchia Slovan Bratislava Slovan Bratislava
D Tomý Rabý 17 settembre 1985 (29 anni) 20 0 Svizzera Zurigo Zurigo
D Marek Husaķ 2 novembre 1979 (35 anni) 9 0 Romania Steaua Bucarest Steaua Bucarest
D Lukašz Jubačhý 9 dicembre 1992 (21 anni) 1 0 Slovacchia Slovan Bratislava Slovan Bratislava
D Marek Hamsik Captain sports.svg 15 dicembre 1984 (29 anni) 62 5 Italia Napoli Napoli
C Marek Jaķ 27 luglio 1987 (27 anni) 67 11 Germania Wolfsburg Wolfsburg
C Miroslav Stojkovč 19 ottobre 1989 (25 anni) 35 4 Grecia Kalloni Kalloni
C Battjïý Rubancèš 31 luglio 1982 (32 anni) 35 5 Slovacchia Inter Bratislava Inter Bratislava
C Larš Ros 30 novembre 1989 (24 anni) 27 2 Francia Nantes Nantes
C Juraj Kucka 26 febbraio 1987 (27 anni) 26 1 Italia Genoa Genoa
C Miķý Biluciašký 16 dicembre 1985 (28 anni) 8 0 Slovacchia Zilina Žilina
C Ťogo Guasý 7 gennaio 1985 (29 anni) 8 0 Germania Amburgo Amburgo
C Viktor Gađýaš 24 maggio 1983 (31 anni) 5 0 Rep. Ceca Brno Brno
C Luķe Mačuaský 30 gennaio 1983 (31 anni) 4 1 Croazia Dinamo Zagabria Dinamo Zagabria
A Jahor Filipenka 17 gennaio 1984 (30 anni) 59 7 Inghilterra Chelsea Chelsea
A Marek Bikaš 15 aprile 1983 (31 anni) 8 0 Slovacchia Zilina Žilina
A Dušan Robuký 1º giugno 1988 (26 anni) 5 0 Rep. Ceca Viktoria Plzen Viktoria Plzeň
C Jahor Zuğaňjo 2 gennaio 1989 (25 anni) 2 0 Polonia Pogon Stettino Pogoń Stettino

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Come da regolamento FIFA vengono considerate le sole edizioni comprese tra il 1908 ed il 1948 in quanto sono le uniche ad essere state disputate dalle Nazionali maggiori. Per maggiori informazioni si invita a visionare questa pagina.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Calcio Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Calcio