Fulham Football Club

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Fulham FC
Calcio Football pictogram.svg
Fulham FC.png
Cottagers, Whites
Segni distintivi
Uniformi di gara
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Trasferta
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Terza divisa
Colori sociali Bianco e Nero.svg bianco e nero
Dati societari
Città Londra (Hammersmith e Fulham)
Paese Inghilterra Inghilterra
Confederazione UEFA
Federazione Flag of England.svg FA
Campionato Football League Championship
Fondazione 1879
Presidente Stati Uniti Pakistan Shahid Khan
Allenatore Inghilterra Kit Symons
Stadio Craven Cottage
(26.000 posti)
Sito web www.fulhamfc.com
Palmarès
UEFA - Intertoto.svg
Trofei internazionali 1 Coppe Intertoto
Si invita a seguire il modello di voce

Il Fulham Football Club, o semplicemente Fulham, è una società calcistica inglese con sede nell'omonimo quartiere di Londra, militante nel Championship.

Il Fulham Football Club è la più vecchia tra le squadre dell'area di Londra, dato che la sua nascita risale al 1879 per opera di un gruppo di fedeli della Chiesa d'Inghilterra. Ha celebrato il suo 125º anniversario nel 2004. Il club ha trascorso svariate stagioni nella vecchia First Division per tutti gli anni sessanta. Nel 1975, quando militava in Second Division, ha disputato la finale di FA Cup per la prima e sinora unica volta nella sua storia, uscendo battuto per 2-0 contro il West Ham United.

Nell'estate del 1997 il club fu acquistato dal miliardario di origine egiziana Mohamed Al-Fayed, che possedeva i grandi magazzini Harrods di Londra ed è conosciuto anche per essere il padre di Dodi Al-Fayed, il quale morì nell'incidente di Parigi in cui perse la vita anche la principessa Diana Spencer. Con l'acquisto di Al-Fayed la squadra è risalita dalle serie inferiori fino ad esordire nel 2001 in Premier League. Nel 2002 vinse la coppa Intertoto e si qualificò in Coppa UEFA. Nella stagione 2009-2010 ha raggiunto la sua prima finale in una competizione europea, giocando l'ultimo atto della UEFA Europa League contro l'Atlético Madrid ad Amburgo. Gli inglesi guidati da Roy Hodgson, dopo aver eliminato squadre più quotate come Juventus e lo stesso Amburgo, hanno perso per 2-1 dopo i tempi supplementari.

Il Fulham gioca dal 1896 al Craven Cottage, stadio che sorge nell'omonimo quartiere, a sud-ovest di Londra, sulle rive del Tamigi. I giocatori del Fulham traggono il soprannome di Cottagers proprio dal nome del loro storico stadio, mentre i colori sociali sono il bianco e il nero.

Tra i suoi ex giocatori più rappresentativi si ricordano il campione del mondo George Cohen, che fece parte della Nazionale inglese vincitrice del campionato del mondo 1966, il grande George Best, Pallone d'oro 1968, Bobby Robson, Johnny Haynes e Bobby Moore.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Primi anni[modifica | modifica sorgente]

Dalla fondazione al 1910[modifica | modifica sorgente]

Il Fulham venne fondato nel 1879 dai fedeli della chiesa anglicana della Star Road, West Kensington. Nome originale: Fulham St Andrew’s Sunday School, insomma, un modo per insegnare a giovani anglicani anche nei fine settimana, con la scusa del calcio che stava prendendo piede in tutta la Nazione. Una placca posta presso la chiesa commemora tutt'oggi la fondazione della squadra, che nel 1888 divenne semplicemente Fulham FC. Una West London Cup, una West London League – preistoria delle competizioni calcistiche per club – e nel 1898 il passaggio al professionismo e alla ormai arcinota a tutti Southern League. Prima però un passaggio fondamentale vide il Fulham trasferirsi, nel 1896, a Craven Cottage, sua attuale casa, dopo un girovagare tra 8 impianti.

Nei primi anni, fino al 1901, la maglia fu bianco-rossa, prima a due metà, stile Blackburn ma col rosso al posto del blu, poi in stile Arsenal, abbinata dapprima a pantaloncini blu e in seguito bianchi. Nel 1901 il cambio, anche stavolta definitivo: si optò per maglia bianca e pantaloncini neri, e non si tornò più indietro. Nel corso degli anni comparirà del rosso, soprattutto nei calzettoni, in ricordo dei colori originali, ma la sostanza rimarrà quella, purtroppo fino a quest’anno quando la Kappa, in barba alle tradizioni, ha proposto i pantaloncini bianchi, interrompendo una striscia di 110 anni di pantaloncini neri. Nel 1905-1906 e 1906-1907 arrivarono nel frattempo due titoli di Southern League. Il 1907 coincise anche con l’adesione alla Football League, e una semifinale di FA Cup in cui i Cottagers vennero spazzati via 6-0 dal Newcastle United. Insomma, un club piuttosto vincente, tanto che un uomo d’affari, Gus Mears, dopo aver acquistato lo Stamford Bridge athletics stadium provò a portarci a giocare proprio il Fulham, ma il rifiuto dell’allora proprietario Henry Norris convinse Mears, che evidentemente non la prese troppo bene, a crearsi la sua squadra, che immagino tutti sapete quale sia. La vicinanza, dicevamo, ma questa è altra storia e qui si parla di Fulham.

Anni '20[modifica | modifica sorgente]

Gli anni della grande guerra[modifica | modifica sorgente]

Dal 1907 al 1928 i Cottagers giocarono in Division 2, la seconda serie; alla fine della stagione 1927/1928 retrocessero però in Division 3 South, creata come visto nei viaggi precedenti nel 1920, da cui risaliranno solo al termine della stagione 1931-1932, per farsi poi altri 17 anni in Division 2 (con l’intermezzo doloroso della guerra). Nel frattempo un’altra semifinale di FA Cup, persa nel 1936 contro lo Sheffield United al Molineux di Wolverhampton, interruppe i sogni di gloria del Fulham, che comunque poteva vantare giocatori nel giro delle nazionali come Albert Barrett e Len Oliver (nato a Fulham, peraltro), entrambi 1 cap con l’Inghilterra nel 1929. In questi anni il Fulham passò alla storia sia per il primo giocatore straniero in Football League (l’egiziano Hegazi) sia per il primo giocatore a trasferirsi all’estero, John Fox Watson che nel 1948 lasciò Craven Cottage direzione Real Madrid. Furono anche la prima squadra a vedere hot-dog sugli spalti (1926), ma questo è una mera curiosità.

Anni '50[modifica | modifica sorgente]

A cavallo tra First Division e Second Division[modifica | modifica sorgente]

Una fase di Fulham-Juventus (4-1) del 18 marzo 2010, ritorno dei quarti di finale di Europa League.

Il 1949 vide finalmente i Cottagers esordire nella massima serie del calcio inglese, peraltro senza eccellere nei risultati ma il traguardo era comunque storico per i discendenti dei giovani anglicani della Domenica. La retrocessione arrivò nel 1952, il ritorno in massima serie nel 1959, un intermezzo che vide la terza semifinale di FA Cup nella storia del club (1958) condita dalla terza sconfitta, 2-2 a Villa Park e 3-5 nel replay giocato a Highbury contro il Manchester United. Il ritorno in Division 1 durò, questa volta, più a lungo, nove anni per l’esattezza fino alla nuova retrocessione avvenuta nel 1968. Facciamo una piccola pausa dalla narrazione dei fatti riguardanti la squadra per concentrarci su un giocatore, che proprio in questi anni costruì la sua carriera nel Fulham: Johnny Haynes. Haynes è “il Giocatore”, è Mr Fulham, è il più grande ad aver indossato la casacca bianca e i pantaloncini neri. Nato a Kentish Town, Camden, firmò da giovanissimo per i Cottagers, di cui divenne ben presto capitano e con cui colleziono 657 presenze totali, di cui 594 in campionato. Primo giocatore a guadagnare 100 sterline a settimana, giocò anche in Nazionale, collezionando 56 caps e capitanando i Leoni 22 volte, salvo perdersi però, causa incidente, i vittoriosi Mondiali del 1966. Un’icona, la cui statua campeggia fuori da Craven Cottage dopo la morte avvenuta nel 2005 a causa di un incidente stradale.

Anni '90[modifica | modifica sorgente]

L'arrivo di Mohamed Al-Fayed[modifica | modifica sorgente]

Nel 1997, assume la presidenza dei Cottagers l'imprenditore egiziano Mohamed Al-Fayed, padre Dodi Al-Fayed morto il 31 agosto 1997 a Parigi in un incidente stradale assieme alla sua compagna Diana Spencer, principessa del Galles. È famoso in tutto il mondo per la gestione dei grandi magazzini Harrods a Londra, venduti per 1,5 miliardi di sterline alla Qatar Holding nel maggio del 2010. Inoltre è il proprietario del celebre Hôtel Ritz di Parigi.

Il consolidamento in Premier League[modifica | modifica sorgente]

Un momento di Fulham-West Bromwich Albion (3-0) del 15 settembre 2012, giocata al Craven Cottage di Londra.

Dagli anni duemila il Fulham ha alzato il tasso tecnico della propria formazione acquistando giocatori di buona qualità come Danny Murphy, Andy Johnson e Damien Duff. Nella stagione 2007-2008 il Fulham ha conquistato la salvezza nelle ultime giornate compiendo quella che è stata definita The Great Escape. Nella stagione 2008-2009 la squadra ha conquistato la partecipazione alla nuova UEFA Europa League raggiungendo il 7º posto davanti a squadre importanti come il Manchester City, il Tottenham Hotspur e il West Ham United.

La finale di Europa League del 2010[modifica | modifica sorgente]

Le formazioni ufficiali di Atlético Madrid-Fulham.

Nel 2009-2010 il Fulham ha vissuto la stagione più fruttuosa della sua storia. In campionato si è piazzato dodicesimo, ma ha brillato nella UEFA Europa League. Battuti i lituani del Vetra con un doppio 3-0 nel terzo turno preliminare, ha poi eliminato i russi dell'Amkar Perm' (3-2). Nel girone E ha conquistato il secondo posto dietro la Roma e si è quindi qualificato ai sedicesimi di finale, dove ha avuto la meglio contro i campioni in carica dello Shakhtar Donetsk per 3-2. Agli ottavi ha affrontato una delle squadre più forti del torneo, la Juventus e, pur perdendo nella partita di andata a Torino per 3-1, a Londra ha ribaltato il risultato, vincendo per 4-1 e qualificandosi ai quarti di finale, dove ha trovato i neocampioni tedeschi del Wolfsburg. Anche questa volta si sono imposti i londinesi, vittoriosi con il punteggio complessivo di 3-1. In semifinale è stata la volta dei tedeschi dell'Amburgo. Alla HSH Arena la gara di andata è terminata 0-0, ma nel ritorno a Londra il Fulham ha sconfitto gli avversari per 2-1, conquistando, per la prima volta nella storia del club, una finale a livello continentale. Qui ha sfidato gli spagnoli dell'Atlético Madrid, che hanno prevalso per 2-1 dopo i tempi supplementari.

Anni duemiladieci[modifica | modifica sorgente]

L'allenatore Roy Hodgson lascia il Fulham il 1º luglio 2010 per accasarsi al Liverpool, lasciando il posto al gallese Mark Hughes. Al termine della stagione 2010-11 il tecnico gallese si dimesso dalla guida del club che è stata affidata per la stagione 2011-12 all'olandese Martin Jol. Al termine della stagione 2010-2011 il Fulham, pur arrivando ottavo in campionato, si è qualificato per la Uefa Europa League piazzandosi secondo nel UEFA Fair Play ranking. Il 13 luglio 2013 la squadra viene acquistata per 200 milioni di £ dall'imprenditore Shahid Khan, già proprietario dei Jacksonville Jaguars, squadra della National Football League.

La retrocessione in Championship dopo 12 anni[modifica | modifica sorgente]

Il 3 maggio 2014 retrocedono in Football League Championship, in seguito alla sconfitta per 4-1 in casa dello Stoke City.

Cronistoria parziale[modifica | modifica sorgente]

1907-28 F.L. Second Div. (2ª serie)
1928-32 F.L. Third Div. South (3ª serie)
1932-49 F.L. Second Div. (2ª serie)
1949-52 F.L. First Div. (1ª serie)
1952-59 F.L. Second Div. (2ª serie)
1959-68 F.L. First Div. (1ª serie)
1968-69 F.L. Second Div. (2ª serie)
1969-71 F.L. Third Div. (3ª serie)
1971-80 F.L. Second Div. (2ª serie)
1980-82 F.L. Third Div. (3ª serie)
1982-86 F.L. Second Div. (2ª serie)
1986-92 F.L. Third Div. (3ª serie)
1992-94 F.L. Second Div. (3ª serie)
1994-97 F.L. Third Div. (4ª serie)
1997-99 F.L. Second Div. (3ª serie)
1999-01 F.L. First Div. (2ª serie)
2001-14 F.A. Premier League (1ª serie)
2014-15 Championship (2ª serie)

Colori e simboli[modifica | modifica sorgente]

Simboli ufficiali[modifica | modifica sorgente]

Mascotte[modifica | modifica sorgente]

La mascotte ufficiale del Fulham Football Club è "Billy the badger" (Billy il tasso): "Billy" è stato disegnato da Kyle Jackson ed è stato selezionato come mascotte durante un concorso online fra i tifosi della squadra londinese. Il numero di maglia indossato dalla mascotte (79) deriva dall'anno della fondazione della società.

[modifica | modifica sorgente]

Il Fulham ha inserito il primo sponsor sulla maglia nel 1984, pubblicizzando la birra scozzese William Younger. Il primo sponsor tecnico, invece, è stato la Umbro, nel 1974.

Sponsor ufficiale
Sponsor tecnico



Giocatori celebri[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Categoria:Calciatori del Fulham F.C..

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

Competizioni nazionali[modifica | modifica sorgente]

1949, 2001
1932, 1999
  • Southern League First Division: 2
1906, 1907
  • Southern League Second Division: 2
1902, 1903
  • West London Cup: 1
1886
  • London Challenge Cup: 1
1910
  • Malaysia Touring Cup: 1
1968

Competizioni internazionali[modifica | modifica sorgente]

2002

Tifoseria[modifica | modifica sorgente]

Tifosi del Fulham nel 1987

Il Chelsea è un'altra squadra della Premiership con sede a Fulham. Lo Stamford Bridge, stadio dei blues, si trova a Fulham. È questo il motivo principale di una rivalità tra i due club che dà origine a un derby molto acceso, conosciuto come il West London Derby. Benché i tifosi del Fulham abbiano mostrato questa ostilità in diversi loro cori, i tifosi del Chelsea non ricambiano la particolare avversità dei Cottagers. Il Fulham inoltre vive rivalità con altre squadre dell'ovest di Londra, come il Queens Park Rangers e il Brentford, rivalità comunque abbastanza attenuate a causa della differenza di categoria degli ultimi anni.

Altre rivalità del Fulham sono verso il West Ham United, il Crystal Palace, il Tottenham Hotspur, il Charlton Athletic e l'Arsenal. Fuori di Londra non ci sono squadre con analoga rivalità, anche se il Blackburn Rovers e il Fulham hanno disputato alcune gare molto accese: le due società ebbero a scontrarsi per il titolo di First Division (Serie B inglese) del 2001. Il Fulham sopravanzò comunque i Rovers di 10 punti.

{{finestra|align=left|width=50%|border=1px|logo=|col1=#000000|col2=#FFFFFF|col3=#FFFFFF|sfondo=|font-size=120%|titolo=Sponsor tecnico|contenuto=



Organico[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Fulham Football Club 2014-2015.

Rosa 2014-2015[modifica | modifica sorgente]

Rosa aggiornata al 2 settembre 2014.[1]

N. Ruolo Giocatore
1 Ungheria P Gábor Király
2 Germania D Tim Hoogland
3 Grecia D Kostas Stafylidis
4 Inghilterra D Shaun Hutchinson
5 Venezuela D Fernando Amorebieta
6 Bulgaria D Nikolaj Bodurov
7 Germania C Thomas Eisfeld
8 Inghilterra C Scott Parker
9 Inghilterra A Matt Smith
10 Costa Rica A Bryan Ruiz
13 Montenegro D Elsad Zverotić
14 Inghilterra A Patrick Roberts
15 Svizzera D Kay Voser
16 Inghilterra A Cauley Woodrow
17 Australia A Adam Taggart
20 Colombia A Hugo Rodallega
21 Danimarca C Lasse Christensen
N. Ruolo Giocatore
25 Francia A Moussa Dembélé
26 Scozia C Mark Fotheringham
27 Galles A George Williams
28 Stati Uniti C Emerson Hyndman
29 Paesi Bassi A Marcello Trotta
30 Paesi Bassi A Chris David
32 Irlanda D Sean Kavanagh
33 Inghilterra D Dan Burn
34 Marocco C Adil Chihi
36 Portogallo C Mesca
37 Scozia D Jack Grimmer
38 Australia D Cameron Burgess
39 Australia C Ryan Williams
40 Inghilterra P Marcus Bettinelli
41 Finlandia P Jesse Joronen
44 Scozia A Ross McCormack

Stagioni passate[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ First Team Squad

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]