Blu

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altre voci che possono riferirsi alla stessa combinazione di 3 caratteri, vedi BLU.
Blu
Coordinate del colore
HEX #0000FF
RGB1 (r, g, b) (0, 0, 255)
CMYK2 (c, m, y, k) (100, 100, 0, 0)
HSV (h, s, v) (240°, 100%, 100%)
1: normalizzato a [0-255] (byte)
2: normalizzato a [0-100] (%)

Il blu è uno dei colori dello spettro elettromagnetico percepibili dall'uomo e appartenente quindi allo "spettro del visibile". Si trova tra il ciano e il violetto e ha una lunghezza d'onda di circa 470 nanometri. È uno dei tre colori primari additivi, insieme al verde e al rosso. Il suo colore complementare è il giallo.

Il blu è il colore del cielo perché le molecole di gas che compongono l'atmosfera rifraggono solo la luce blu che ha lunghezza d'onda minore, mentre le lunghezze d'onda maggiori vengono riflesse.
L'acqua delle grandi distese (mari, laghi eccetera) è blu perché le bande energetiche vengono assorbite in modo differente dall'acqua, facendo scomparire in ordine le radiazioni più deboli: prima il rosso, poi il giallo, poi il verde, poi il viola, e infine il blu. Poiché la luce blu è sia quella con maggior penetrazione, sia quella dominante nelle grandi distese d'acqua, esse sono appunto di colore blu.

La parola "blu" è un adattamento del corrispondente termine francese bleu, anch'esso correntemente usato nella lingua italiana e in modo prevalente fino agli anni ottanta.

Uso, simbolismo ed espressioni verbali[modifica | modifica wikitesto]

teasto alt
Il colore blu caratterizza, sulla Terra, il cielo e l'acqua presente nei bacini idrografici. Chiemsee (Germania), 1º settembre 2006
  • Per gli antichi greci e per i romani il blu non era un colore apprezzato, era il colore degli occhi dei barbari, e quindi non era un colore nobile.
    Non veniva considerato un colore a sé stante, ma variazioni ora di bianco, ora di verde, ora di nero.
    Cyanos, il blu greco, è il colore della sofferenza: "cianotico" è una persona pallida, sofferente. Coeruleus, il latino azzurro, è un'altra parola per dire bianco; il vocabolo serve infatti a descrivere il colore della cera.
    Col Cristianesimo le cose cambiano, poiché il blu è il colore della vergine Maria. Cosicché verrà ad esser considerato come colore che dà serenità e invita alla calma, simboleggiando l'evasione e la pace.
  • Anche per i Maya il blu non si distingue dal verde e dal punto di vista linguistico esiste una sola parola per definirli.
    Nella loro mistica il blu-verde è il colore del centro dell'universo.
  • In sanscrito la parola nila significa sia nero che blu.
    Śiva ha la gola colorata di blu, segno del veleno che ha ingoiato ma che non l'ha ucciso; a Krishna invece è attribuito un blu tendente al grigio, come le nuvole di un uragano.
  • Nell'Antico Egitto il blu era opposto al rosso ed era considerato il colore dell'introspezione e dell'infinito, era anche la tinta della pelle del dio dell'aria Amon.
    In Oriente era considerato positivo e protettore contro il malocchio; gli occhi blu, inoltre, si ritenevano segno di poteri magici.
  • "Blu" è termine utilizzato per definire la musica blues. "Avere i blues" è una condizione melanconica, che si può affiancare al portoghese saudade. Il blues è parola che ha caratterizzato e caratterizza lo status e la cultura delle popolazioni nere americane.
  • Il sangue reale è detto "blu" per un motivo curioso: prima che l'abbronzatura diventasse un simbolo di bellezza e benessere, essa era il colore di chi lavorava la terra, mentre i nobili erano pallidi, e il pallore era ricercato proprio per il suo significato di grazia e splendore. Su di una pelle livida spiccano le vene superficiali, che appaiono blu: da qui l'equazione "sangue blu = sangue nobile".[senza fonte]
  • Nello slang australiano ("Strine") "blue" viene utilizzato con diversi significati:
    • making a blue fare un errore
    • picking a blue iniziare una discussione o una battaglia
    • copping a bluey ricevere una multa (per infrazione del codice della strada)
    • blue o bluey sono dette anche le persone con i capelli rossi![1]
  • In politica il blu è usato, nella maggior parte dei Paesi, per indicare i partiti conservatori, ciò non accade negli Stati Uniti dove tradizionalmente il blu è il colore non ufficiale del Partito Democratico.

Altro[modifica | modifica wikitesto]

  • Nelle tavole anatomiche in medicina, per convenzione il blu indica le vene, cioè i vasi che si dirigono verso il cuore.
  • La "schermata blu della morte" (Blue Screen of Death, BSoD) è conosciuta dagli utenti del sistema operativo Microsoft Windows come il blocco totale del sistema.
  • Le divise dei poliziotti e dei carabinieri sono blu perché è un colore che simula pace e sicurezza.
  • In una stanza blu il cuore umano batte meno velocemente, sempre per lo stesso motivo.
  • I Blu è il soprannome tradizionale delle nazionali di calcio francese e scozzese.
  • Blu è anche spesso chiamato un formaggio erborinato, cioè un formaggio con le muffe.
  • il formato Blu-ray Disc si chiama così per l'impossibilità da parte della Sony di registrare il nome inglese Blue.
  • Blu era il nome di una società di telecomunicazioni italiana nata nell'agosto del 1999.
  • Blámenn (gli "uomini blu") era il soprannome dato ai neri dalla popolazione islandese degli anni 1800-1900.

Uso nella pittura[modifica | modifica wikitesto]

Tradizionalmente il blu è stato considerato come un colore primario nella pittura. L'arancione è il suo complementare ; ma in realtà questo non è corretto nella moderna teoria dei colori. Poiché la miscelazione dei pigmenti è un processo sottrattivo, si ha che i reali colori primari nella pittura sono il ciano, il magenta e il giallo (spesso viene aggiunto anche il nero per ragioni pratiche).

Prima della sintesi chimica dei colori, per ottenere una tinta blu, era necessario mescolare olio di lino e polvere di lapislazzulo; questo procedimento rendeva il blu il colore più costoso in assoluto tra la gamma dei colori a olio ed era quindi usato con molta parsimonia (al contrario di colori come il marrone in cui bastava mescolare olio e terra).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Australian Language e Culture Lonely Planet ISBN 978-1-74059-099-0.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]