Carta da zucchero (colore)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Carta da zucchero
Coordinate del colore
HEX #B0E0E6
RGB1 (r, g, b) (176, 224, 230)
CMYK2 (c, m, y, k) (100, 20, 0, 0)
HSV (h, s, v) (220°, 70%, 90%)
1: normalizzato a [0-255] (byte)
2: normalizzato a [0-100] (%)

Carta da zucchero è una tonalità di blu.

Si tratta di una gradazione più scura del blu ardesia, simile in tono al blu mirtillo[senza fonte]

In molte culture occidentali il "carta da zucchero" è spesso identificato con la nascita di un bambino maschio (mentre alle femmine è abbinato il colore rosa).

Il primo utilizzo della parola "carta da zucchero" per indicare tale colore è stato nel 1892.[1]

Origine[modifica | modifica wikitesto]

Fino circa alla metà del 1900, lo zucchero si vendeva a peso, incartato in una carta di questo caratteristico colore azzurrino. Pare che la colorazione servisse a mascherare eventuali macchie o discolorazioni dovute al processo artigianale di fabbricazione della carta.[2].

Durante la seconda guerra mondiale, l'oscuramento delle finestre veniva, a volte, realizzato con questa carta incollata ai vetri ed era ad uso e consumo delle famiglie più benestanti.[senza fonte]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Maerz and Paul A Dictionary of Color New York:1930 McGraw-Hill Page 190; Color Sample of Baby Blue: Page 93 Plate 35 Color Sample E2
  2. ^ Tutto cominciò con la carta da zucchero | itomizer