Arancione

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Arancione
Coordinate del colore
HEX #FF8000
RGB1 (r, g, b) (255, 128, 0)
CMYK2 (c, m, y, k) (0, 50, 100, 0)
HSV (h, s, v) (30°, 100%, 100%)
Riferimento
S.Fantetti e C.Petracchi, Il dizionario dei colori: nomi e valori in quadricromia, Zanichelli, gennaio 2001, ISBN 88-08-07995-3.
1: normalizzato a [0-255] (byte)
2: normalizzato a [0-100] (%)

Il colore arancione (usata anche la forma tronca arancio) è una delle radiazioni dello spettro che l'uomo riesce a vedere. Si trova tra il rosso e il giallo e ha una lunghezza d'onda di circa 620-585 nanometri. È lo stesso colore del frutto dell'arancia da cui ha preso il nome; infatti, prima della scoperta di questo frutto, non vi era una nozione precisa di tale colore, che veniva spesso considerato rosso. Per questo motivo sono rimaste nell'uso locuzioni come "pesci rossi", "gatti rossi", "capelli rossi", nonostante questi appaiano arancioni.

L'arancione può benissimo avere anche uno spettro non monocromatico, in quanto si può ottenere, ad esempio, per sintesi additiva di verde e rosso o per sintesi sottrattiva di magenta e giallo.

Uso, simbolismo ed espressioni verbali[modifica | modifica wikitesto]

Delle arance, frutti che danno il nome a questo colore

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]