Stimolo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.

Lo stimolo in medicina è qualunque cosa riesca ad eccitare un organismo o parte di esso, provocando una risposta o l'attivazione dello stesso.

Durata dello stimolo[modifica | modifica wikitesto]

Lo stimolo per ottenere l'impulso nervoso desiderato deve essere prolungato per un tempo sufficiente ad eccitare il recettore (definito soglia della stimolazione); più è intenso lo stimolo provocato, minore è la durata necessaria.

Stimolo avversivo[modifica | modifica wikitesto]

Esistono anche forme negative di stimoli che portano danni alla persona che li riceve (soprattutto dolore fisico), tali stimoli vengono chiamati stimoli avversivi. Caso tipico è nell'utilizzo dell'elettroshock.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Douglas M. Anderson, A. Elliot Michelle, Mosby’s medical, nursing, & Allied Health Dictionary sesta edizione, New York, Piccin, 2004, ISBN 88-299-1716-8.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina