FA Premier League 2002-2003

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Template-info.svg

L'edizione 2002-03 della Premier League è stata il centoquattresimo campionato di calcio inglese.

Avvenimenti[1][modifica | modifica sorgente]

Il campionato fu in gran parte dominato dall'Arsenal campione uscente, che rimase imbattuto per 30 giornate arrivando a marzo con otto punti di vantaggio sul Manchester United, penalizzato da un avvio sottotono. Alla fine di aprile i Gunners accusarono un calo che consentì ai Red Devils di sopravanzare la capolista e di guadagnare un consistente vantaggio sull'Arsenal, che perse ogni possibilità di vincere il campionato il 3 maggio, a causa di una sconfitta con il pericolante Leeds.

Grazie alla vittoria con l'Arsenal, il Leeds si salvò, inguaiando il West Ham, che risentì delle dimissioni per motivi di salute dell'allenatore Glenn Roeder, il West Bromwich, alla prima apparizione in massima serie dopo sedici anni, e il Sunderland giacente da tempo sul fondo. Capocannoniere del torneo fu Ruud van Nistelrooy del Manchester United, con 25 reti.

Allenatori esonerati, dimessi e subentrati[1][modifica | modifica sorgente]

Squadre partecipanti[modifica | modifica sorgente]

Classifica finale[modifica | modifica sorgente]

Classifica finale 2002-03 Pt G V N P GF GS DR
1. Manchester Utd Manchester Utd 83 38 25 8 5 74 34 +40
2. Arsenal Arsenal 78 38 23 9 6 85 42 +43
3. Newcastle Newcastle[4] 69 38 21 6 11 63 48 +15
4. Chelsea Chelsea 67 38 19 10 9 68 38 +30
Coppauefa.png 5. Liverpool Liverpool 64 38 18 10 10 61 41 +20
Coppauefa.png 6. Blackburn Blackburn 60 38 16 12 10 52 43 +9
7. Everton Everton 59 38 17 8 13 48 49 -1
Coppauefa.png 8. Southampton Southampton[5] 52 38 13 13 12 43 46 -3
Coppauefa.png 9. Manchester City Manchester City[6] 51 38 15 6 17 47 54 -7
10. Tottenham Tottenham 50 38 14 8 16 51 62 -11
11. Middlesbrough Middlesbrough 49 38 13 10 15 48 44 +4
12. Charlton Charlton 49 38 14 7 17 45 56 -11
13. Birmingham City Birmingham City 48 38 13 9 16 41 49 -8
14. Fulham Fulham 48 38 13 9 16 41 50 -9
15. Leeds Leeds 47 38 14 5 19 58 57 +1
16. Aston Villa Aston Villa 45 38 12 9 17 42 47 -5
17. Bolton Bolton 44 38 10 14 14 41 51 -10
1downarrow red.svg 18. West Ham West Ham 42 38 10 12 16 42 59 -17
1downarrow red.svg 19. West Bromwich West Bromwich 26 38 6 8 24 29 65 -36
1downarrow red.svg 20. Sunderland Sunderland 19 38 4 7 27 21 65 -44

Verdetti[modifica | modifica sorgente]

Squadra campione[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Manchester United Football Club 2002-2003.

Statistiche[7][modifica | modifica sorgente]

Squadre[modifica | modifica sorgente]

Ruud van Nistelrooy, capocannoniere della Premier League 2002-03.
  • Peggior attacco: Sunderland Sunderland (21 reti segnate)
  • Peggior difesa: West Bromwich West Bromwich, Sunderland Sunderland (65 reti segnate)
  • Minor serie di risultati utili consecutivi: Tottenham Tottenham (5)
  • Minor numero di punti ottenuti in casa: Sunderland Sunderland (11)
  • Minor numero di punti ottenuti in trasferta: Sunderland Sunderland (8)
  • Maggior numero di cartellini gialli: Birmingham City Birmingham City (72)
  • Maggior numero di cartellini rossi: Everton Everton (7)
  • Minor media affluenza spettatori: Fulham Fulham (16707 spettatori)

Calciatori[modifica | modifica sorgente]

Classifica marcatori[modifica | modifica sorgente]

Gol Marcatore Squadra
1rightarrow.png 25 Paesi Bassi Ruud van Nistelrooy Manchester Utd Manchester Utd
24 Francia Thierry Henry Arsenal Arsenal
23 Inghilterra James Beattie Southampton Southampton
20 Australia Mark Viduka Leeds Leeds
19 Inghilterra Michael Owen Liverpool Liverpool
17 Inghilterra Alan Shearer Newcastle Newcastle

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Riassunto degli avvenimenti della Premier League 2002-2003, dal sito ufficiale
  2. ^ a b c Promosso dalla Football League Championship 2001-02
  3. ^ Campione d'Inghilterra in carica
  4. ^ a b Qualificato in seguito in Coppa UEFA perché incapace di superare i preliminari di Champions League
  5. ^ a b Qualificato in Coppa UEFA come finalista della FA Cup, persa contro l'{{subst:Fc|Arsenal}}
  6. ^ a b Per l'UEFA Fair Play ranking
  7. ^ (EN) Statistiche delle edizioni della Premier League, dal sito ufficiale
calcio Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio