David Beckham

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
David Beckham
David Beckham 2009.jpg
David Beckham nel 2009
Dati biografici
Nome David Robert Joseph Beckham
Nazionalità Inghilterra Inghilterra
Altezza 183[1] cm
Peso 75[1] kg
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Centrocampista
Ritirato 26 maggio 2013
Carriera
Giovanili
1989-1991
1991-1993
Brimsdown Rovers Brimsdown Rovers
Manchester Utd Manchester Utd
Squadre di club1
1993-1995 Manchester Utd Manchester Utd 4 (0)
1995 Preston N.E. Preston N.E. 5 (2)
1995-2003 Manchester Utd Manchester Utd 261 (62)
2003-2007 Real Madrid Real Madrid 116 (13)
2007-2008 L.A. Galaxy L.A. Galaxy 30 (5)
2009 Milan Milan 18 (2)
2009 L.A. Galaxy L.A. Galaxy 11 (2)[2]
2010 Milan Milan 11 (0)
2010-2012 L.A. Galaxy L.A. Galaxy 57 (11)[3]
2013 Paris SG Paris Saint-Germain 10 (0)
Nazionale
1992-1993
1995-1996
1996-2009
Inghilterra Inghilterra U-18
Inghilterra Inghilterra U-21
Inghilterra Inghilterra
3 (0)
9 (0)
115 (17)
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 18 maggio 2013

David Robert Joseph Beckham (Londra, 2 maggio 1975) è un ex calciatore inglese, di ruolo centrocampista.

Soprannominato Spice Boy o Becks,[4] è giunto secondo nella classifica del Pallone d'oro 1999 e nella graduatoria del FIFA World Player 1999 e 2001,[5] è uno dei calciatori più noti e affermati e una vera e propria icona del marketing.[6] Inserito da Pelé nella FIFA 100,[7] la classifica dei calciatori più forti di sempre, nel 2008 è stato quinto nella lista delle 100 celebrità più influenti stilata dalla rivista statunitense Forbes,[8] mentre il TIME lo ha inserito nel "TIME 100 Heroes & Icons" dell'anno 2004.[9]

Beckham è inoltre uno dei pochi calciatori inglesi ad aver giocato più di 100 partite con la maglia della propria Nazionale di cui è stato capitano in 59 occasioni:[10] 58 partite dal 15 novembre 2000 al 2 luglio 2006 e l'amichevole contro Trinidad e Tobago del 1º giugno 2008.

Secondo la classifica stilata dalla rivista statunitense Forbes, David Beckham è stato, come già accaduto in diversi anni precedenti,[11][12] il calciatore più pagato al mondo nel 2012, con un guadagno pari a 46 milioni di dollari.[13] È sposato con l'ex Spice Girls Victoria Adams, la coppia ha quattro figli e, secondo stime del 2012 pubblicate dal Sunday Times, i Beckham posseggono un patrimonio di circa 190 milioni di sterline.[14]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

David Beckham con la moglie Victoria Adams a Silverstone in occasione del Gran Premio di Gran Bretagna del 2007.

David Beckham è nato nel sobborgo londinese di Leytonstone. Suo padre era un tifoso appassionato del Manchester United e molto spesso andavano all'Old Trafford per seguire le partite casalinghe della loro squadra. Questa passione è stata trasmessa anche a David, nonostante il nonno fosse un grande tifoso del Tottenham.[15]

Nel 1997 Beckham ha iniziato a frequentare Victoria Adams, cantante inglese membro delle Spice Girls. La coppia ha suscitato grande interesse nei media, che li hanno ribattezzati "Posh and Becks".[16] Beckham ha sposato la cantante nel castello di Luttrellstown, vicino a Dublino, il 4 luglio 1999, concedendo l'escusiva dell'evento alla rivista OK! per 1,5 milioni di euro,[17] anche se altri giornali riuscirono comunque a realizzare delle foto.[18] Il costo del matrimonio è stato stimato intorno alle 500.000 sterline,[19] 16º matrimonio più costoso secondo la classifica stilata da Forbes nel 2007.[20] I coniugi Beckham hanno quattro figli, tre maschi e una femmina: Brooklyn Joseph (Londra, 4 marzo 1999), Romeo James (Londra, 1º settembre 2002), Cruz David (Madrid, 20 febbraio 2005) e Harper Seven (Los Angeles, 10 luglio 2011).[21][22]

Nel 1999 i Beckham hanno comprato la loro più celebre casa, il cosiddetto Beckingham Palace (gioco di parole tra Beckham e Buckingham Palace), vicino Londra,[23] del valore stimato di 7 milioni di sterline.[24] Nell'aprile del 2007, invece, a seguito dell'imminente trasferimento al Los Angeles Galaxy, hanno acquistato una villa a Beverly Hills, vicino a quella di Tom Cruise e Katie Holmes,[25] valutata 22 milioni di dollari.[26]

La rete statunitense NBC ha trasmesso uno spettacolo televisivo sull'arrivo dei Beckham negli States, andato in onda 16 luglio 2007.[27]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Esordi[modifica | modifica wikitesto]

David Beckham, dotato tecnicamente fin da piccolo,[28] ai tempi della scuola ha fatto parte della selezione che difendeva i colori della contea dell'Essex. A metà degli anni ottanta è entrato nella scuola per giovani talenti di Bobby Charlton a Manchester e a nemmeno undici anni ha vinto un permesso per allenarsi un giorno intero con la cantera del Barcellona. Dopo aver fatto dei provini, con scarsi risultati, per il Leyton Orient, il Norwich City e il Tottenham,[29] ha giocato nei Brimsdown Rovers, squadra allenata dal padre. Durante i due anni trascorsi coi Brimsdown Rovers è stato nominato giocatore Under-15 dell'anno 1990,[30] incominciando ad attirare l'attenzione di molti club.

Manchester United e prestito al Preston[modifica | modifica wikitesto]

L'8 luglio 1991, a solo 16 anni, ha firmato un contratto come Youth Training Scheme col Manchester United. Sempre a 16 anni ha lasciato gli studi per dedicarsi completamente al calcio.

Ha fatto parte della squadra giovanile che ha vinto la FA Youth Cup nel 1992, segnando un gol nella finale di ritorno contro il Crystal Palace. Nello stesso anno ha esordito in prima squadra in League Cup il 23 settembre 1992 contro il Brighton & Hove,[31] firmando il primo contratto professionale della sua carriera poco più tardi.

Il 7 dicembre 1994 ha fatto il suo esordio nelle coppe europee nell'ultima partita della fase a gironi di Champions League, vinta 4-0 contro il Galatasaray, nella quale ha segnato anche la seconda rete dei Red Devils[31][32] al 37º minuto.[33] La vittoria tuttavia non è stata sufficiente per qualificare la squadra ai quarti di finale a vantaggio di Göteborg e Barcellona.

Nel mese di marzo del 1995 è stato ceduto in prestito al Preston North End, squadra di terza divisione, dove ha giocato molto positivamente, segnando 2 gol in 5 partite, uno su punizione e l'altro direttamente da calcio d'angolo.[34]

Il ritorno al Manchester United[modifica | modifica wikitesto]

Tornato al Manchester United, ha esordito in Premier League il 2 aprile 1995, a 19 anni, contro il Leeds (0-0).

David Beckham in una partita contro il Bristol Rovers nel 1999.

L'allenatore dello United Alex Ferguson aveva grande fiducia nei giocatori delle giovanili e quando Paul Ince, Mark Hughes e Andrej Kančel'skis hanno lasciato il club alla fine della stagione 1994-1995, per sostituirli ha deciso, non senza polemiche, di portare in prima squadra i giovani invece di comprare altri giocatori. Le critiche sono aumentate dopo la sconfitta nella prima partita ufficiale della stagione contro l'Aston Villa,[35] persa per 3-1, nella quale Beckham ha segnato l'unico gol del Manchester United. Invece in quella stagione i giovani si sono comportati bene, realizzando il double Premier League-FA Cup, con Beckham autore di 40 partite e 8 gol, tra cui quello che ha dato la vittoria al Manchester United in semifinale di FA Cup contro il Chelsea, oltre che l'assist su calcio d'angolo per il gol di Cantona in finale.

All'inizio della stagione 1996-1997, conclusa con la vittoria di un'altra Premier League, a Beckham è stata assegnata la maglia numero 10, mentre in quella seguente, dopo il ritiro di Cantona, ha indossato la numero 7, cedendo il 10 a Sheringham.

Nel 1999 con il Manchester United ha realizzato un treble, vincendo il campionato, la FA Cup e la Champions League, nella cui finale Beckham è stato autore dei due calci d'angolo dai quali sono poi scaturiti i gol di Sheringham e Solskjær che hanno ribaltato il risultato contro il Bayern Monaco nei minuti di recupero (da 0-1 a 2-1). Nel corso della stagione ha ricoperto più volte il ruolo di centrocampista centrale invece che di ala. Dopo aver perso la Supercoppa UEFA contro la Lazio, ha vinto la Coppa Intercontinentale contro il Palmeiras ed è arrivato secondo nella graduatoria 1999 del Pallone d'oro e del FIFA World Player, preceduto in entrambi i casi da Rivaldo.

Nel 2000 ha partecipato all'edizione pilota della Coppa del Mondo per club, dove è stato espulso per una dura e scorretta entrata su José Milián nella partita contro il Necaxa.[36][37] La stampa e i tifosi dei Red Devils lo hanno molto criticato per questo cartellino rosso, sostenendo addirittura che il Manchester United avrebbe fatto meglio a venderlo,[38] ma ciò non è accaduto.

Nel 2000 il rapporto fra l'allenatore della squadra Ferguson e Beckham ha iniziato a deteriorarsi a causa della crescente notorietà del giocatore che appariva sempre più spesso sulle copertine delle riviste.[39] Beckham ha saltato un allenamento per badare al figlio Brooklyn che aveva una gastroenterite. Ma la sera stessa la moglie ha presenziato alla settimana della moda di Londra, facendo infuriare Ferguson, visto che se Victoria fosse rimasta accanto al figlio il marito si sarebbe potuto allenare.[40] Come punizione Beckham è stato multato ed escluso dalla successiva partita contro il Leeds.[41][42] Il conflitto è arrivato al culmine nella stagione successiva quando, il 13 febbraio 2003, dopo aver perso una partita di FA Cup contro l'Arsenal, Ferguson negli spogliatoi ha calciato uno scarpino colpendo Beckham sopra l'occhio, causando una ferita che ha richiesto l'applicazione di due punti di sutura.[41][43] L'incidente ha provocato un gran numero di voci su un imminente trasferimento del calciatore, con i bookmaker che accettavano scommesse su chi dei due avrebbe lasciato il club per primo.[44]

Il 10 aprile 2002 Beckham si è fratturato il secondo metatarso del piede sinistro nella partita di Champions League contro il Deportivo La Coruña.[45] La stampa inglese insinuò che Duscher aveva rotto il piede a Beckham deliberatamente, poiché Inghilterra e Argentina si sarebbero affrontate nel Mondiale di quell'anno,[46] ma poi l'argentino si scusò per l'intervento.[47] L'infortunio ha impedito a Beckham di giocare con il Manchester United per il resto della stagione, ma non di firmare un nuovo contratto triennale con il club a maggio dopo mesi di trattative, in particolare sui diritti d'immagine. Con questo contratto da 90.000 sterline alla settimana è diventato il calciatore più pagato al mondo in quel periodo.[48]

In totale con i Red Devils in 12 anni Beckham ha vinto 6 campionati, 2 Coppe d'Inghilterra, 2 Charity Shield, una Champions League e una Coppa Intercontinentale. Per Beckham 265 match in Premier League con 62 gol e in totale 394 partite in cui ha realizzato 85 gol.[49][50][31]

Real Madrid[modifica | modifica wikitesto]

Maglia numero 23 di Beckham al Real Madrid.

Il 17 giugno 2003 Beckham ha accettato un contratto quadriennale da 6 milioni di euro col club spagnolo del Real Madrid, che ha versato 35 milioni di euro al Manchester United.[51] La trattativa, molto laboriosa, si è conclusa all'inizio del mese di luglio nonostante l'iniziale tentativo dei rivali del Barcellona di accaparrarsi il giocatore dei Red Devils,[52][53] rendendo Beckham il terzo inglese a vestire la maglia dei Galacticos dopo Laurie Cunningham e Steve McManaman. A Madrid, essendo già assegnato al compagno Raúl il numero 7, ha scelto di indossare la maglia numero 23,[54] lo stesso numero indossato dal suo idolo nella pallacanestro Michael Jordan.[55]

Beckham e Zidane nel 2003.

Ha esordito in partite ufficiali con il Real Madrid il 24 agosto 2003 al Son Moix contro il Maiorca in Supercoppa di Spagna (sconfitta per 2-1), segnando il primo gol con le merengues al 72º minuto della partita di ritorno il 27 agosto, rete che ha fissato il risultato sul 3-0.[56] Nella Liga ha invece esordito il 30 agosto 2003 al Bernabéu contro il Betis, segnando dopo solo 8 minuti la sua prima rete nel campionato spagnolo (2-1 il finale).[57]

Nella prima stagione a livello di squadra è stata sotto le attese, dato il quarto posto in campionato, l'eliminazione ai quarti di Champions League con il Monaco e la sconfitta in Coppa del Re contro il Real Saragozza, unica vittoria la Supercoppa spagnola a inizio stagione. Beckham ha disputato più di 40 partite e segnato 7 gol, maggior numero di reti personali per l'inglese in una sola stagione con il Real Madrid, diventando immediatamente un beniamino dei tifosi. Ha realizzato anche il 600º gol del Real Madrid nella Coppa dei Campioni/Champions League il 27 novembre 2003 contro l'Olympique Marsiglia.[58] Durante la stagione ha giocato più spesso come interno che come ala, avendo come compagni a centrocampo Zidane e Figo. In più, vista la mancanza di una prima punta forte di testa, il gioco si sviluppava soprattutto attraverso tanti passaggi di prima e possesso palla, quindi ha dovuto fare a meno dei suoi celebri cross e adattarsi a giocare con triangolazioni e passaggi rasoterra.

Nel 2004-2005 e nel 2005-2006 il Real Madrid ha concluso il campionato al secondo posto dietro il Barcellona, con Beckham che è risultato il miglior assist-man della Liga nel 2006.

Nella stagione 2006-2007 il Real Madrid ha assunto come allenatore Fabio Capello, che ha optato per un gioco diverso. Beckham è stato impiegato come titolare all'inizio della stagione, ma poi gli è stato preferito Reyes come ala destra. Il 17 ottobre 2006, in occasione della partita di Champions League contro la Steaua Bucarest vinta dal Real Madrid per 4-1, ha raggiunto quota 100 presenze nella massima competizione europea per club,[5] terzo di sempre in quel periodo e primo tra gli inglesi.[59]

L'11 gennaio 2007 Beckham ha annunciato di aver firmato un contratto quinquennale per il Los Angeles Galaxy, valido a partire dal 1º luglio 2007.[60] Il 13 gennaio Capello ha detto che, stante l'importante contratto firmato con un'altra squadra, Beckham si sarebbe allenato con il Real Madrid, ma non avrebbe più giocato partite ufficiali.[61] Tuttavia l'allenatore ha cambiato idea a febbraio, reintegrando il calciatore che ha segnato subito un gol nella prima partita disputata contro la Real Sociedad.[62] Dopo essere tornato in squadra Beckham ha contribuito alla vittoria della Liga.

A fine stagione il Real Madrid ha annunciato di volere provare a convincere Beckham a rimanere a Madrid, senza però riuscirvi.[63] Un mese dopo la fine dell'esperienza dell'inglese con il Real Madrid, la rivista Forbes ha scritto che Beckham è stato in parte responsabile dell'incremento del 137% dei profitti dei Blancos, per un totale di 600 milioni di dollari durante i 4 anni di militanza di Beckham.[64]

In complessivo nelle 4 stagioni al Real Madrid Beckham ha disputato 159 partite e realizzato 20 gol (principalmente su punizione) oltre che molti assist, vincendo una Liga (2006-2007) e una Supercoppa spagnola (2003).

Los Angeles Galaxy[modifica | modifica wikitesto]

L'11 gennaio 2007 è stato confermato che Beckham avrebbe lasciato il Real Madrid al termine del contratto per passare al Los Angeles Galaxy. Beckham ha rifiutato un'offerta del Milan preferendo l'opzione americana.[65] Il giorno successivo, il calciatore ha organizzato una conferenza stampa ufficiale, in contemporanea con lo svolgimento del SuperDraft 2007.[66] Durante la conferenza stampa ha dichiarato:[67]

(EN)
« I'm coming there not to be a superstar. I'm coming there to be part of the team, to work hard and to hopefully win things. With me, it's about football. I'm coming there to make a difference. I'm coming there to play football... I'm not saying me coming over to the States is going to make soccer the biggest sport in America. That would be difficult to achieve. Baseball, basketball, American football, they've been around. But I wouldn't be doing this if I didn't think I could make a difference. »
(IT)
« Non sono venuto qui per essere una superstar. Sono venuto qui per essere parte della squadra, per lavorare sodo e per vincere qualcosa. Con me, c'è solo il calcio. Sono venuto per fare la differenza. Sono venuto per giocare a calcio... Non sto dicendo che con il mio arrivo, il calcio diventerà lo sport più seguito degli Stati Uniti. È una cosa difficile da raggiungere. Baseball, basket, football americano, sono sport importanti. Ma non sarei qui se non pensassi che potrei fare la differenza. »
Punizione di Beckham con la maglia del Los Angeles Galaxy.

Il contratto da 5,5 milioni di dollari annui[68][69] di David Beckham con il Galaxy è entrato in vigore l'11 luglio 2007 ed è stato presentato ufficialmente, all'Home Depot Center, due giorni dopo. Ha scelto il numero 23 e ha spiegato che la scelta è stata anche, come già in precedenza al Real Madrid, un omaggio a Michael Jordan.[70] La società ha anche annunciato che la vendita della sua maglia aveva toccato già quota 250.000 pezzi prima della presentazione.[71]

Il 21 luglio 2007 ha debuttato con la sua nuova squadra, entrando in campo al 78º minuto dell'amichevole disputata dal Galaxy contro il Chelsea.[72] Due settimane dopo, il 9 agosto 2007, è arrivato l'esordio in una gara ufficiale, nella partita contro il D.C. United.[73]

Beckham è tornato in campo la settimana successiva, ancora una volta contro il D.C. United, nella semifinale della North American SuperLiga, disputata il 15 agosto 2007. In quella gara, è partito per la prima volta dall'inizio, ha ricevuto il primo cartellino giallo ed è stato per la prima volta il capitano della squadra.[74] Ha poi segnato il suo primo gol con la nuova maglia e il primo assist, per la rete di Landon Donovan, che hanno garantito al Galaxy la vittoria per 2 a 0 e quindi un posto in finale contro il Pachuca.

David Beckham con la maglia del Los Angeles Galaxy prima della partita benefica di Copa Minnesota 2007 contro i Minnesota Thunder.

Proprio durante la finale contro il Pachuca, Beckham si è infortunato al ginocchio destro e una risonanza magnetica ha rilevato uno stiramento al legamento collaterale mediale, che gli ha causato uno stop di sei settimane.[75] È tornato in tempo per le ultime due gare stagionali,[5] col Galaxy non qualificato ai play-off. È entrato in campo come sostituto il 21 ottobre 2007, nella sconfitta per 1-0 contro il Chicago Fire. Al termine della stagione, il bilancio è stato di 7 partite ufficiali giocate, un gol segnato e tre assist, di cui 5 partite e 2 assist in campionato.

Beckham si è allenato con l'Arsenal per tre settimane a partire dal 4 gennaio 2008, finché non è tornato al Galaxy per la preparazione atletica con la squadra.[76]

Ha segnato il primo gol in campionato nella stagione 2008 contro i San Jose Earthquakes, giocata il 3 aprile 2008, al 9º minuto di gioco.[77] Il 24 maggio 2008 il Los Angeles Galaxy ha battuto per 3-1 i Kansas City Wizards, portandosi così al primo posto della Western Division. Durante la partita Beckham ha segnato un gol da una distanza di circa 70 iarde (circa 65 metri), rete che ha ricordato quelle che aveva realizzato dodici anni prima contro il Wimbledon, a Selhurst Park.[78]

Il 18 settembre 2008 è stato inserito nella Hall of Fame del calcio inglese.[79]

I prestiti al Milan e la finale di MLS[modifica | modifica wikitesto]

Nel mese di ottobre 2008 sono iniziate a circolare con insistenza voci sulla possibilità che Beckham si allenasse con il Milan[65] per non perdere la condizione atletica, a causa della conclusione del campionato statunitense di calcio, e la conseguente possibilità di essere convocato in Nazionale.[80] Il 22 ottobre 2008 il vice-presidente dei rossoneri, Adriano Galliani, ha dichiarato ufficialmente che Beckham molto probabilmente sarebbe stato tesserato dal Milan in prestito dal Galaxy a partire dal mese di gennaio 2009;[81] la notizia è stata confermata dallo stesso Beckham[82] e il prestito fino all'inizio della stagione 2009 della MLS è stato ufficializzato il 30 ottobre 2008, con un comunicato apparso sul sito del Milan.[83]

Beckham con la maglia del Milan in amichevole contro l'Al-Sadd.

Beckham ha iniziato ad allenarsi con i nuovi compagni il 30 dicembre 2008, data di inizio del ritiro invernale del Milan a Dubai,[84] e il 6 gennaio 2009 ha debuttato con i rossoneri, disputando il primo tempo dell'amichevole contro l'Amburgo.[85] Ha esordito in partite ufficiali l'11 gennaio 2009 in Roma-Milan 2-2,[86] gara valida per la 18ª giornata della Serie A 2008-2009, disputando una partita positiva.[87] Il 25 gennaio 2009 ha realizzato il primo gol con il Milan al Dall'Ara contro il Bologna, segnando il gol del definitivo 1-4 per i rossoneri con un destro sul primo palo su assist di Seedorf,[88] ripetendosi tre giorni dopo a San Siro contro il Genoa con un gol su punizione.[89] Il 1º febbraio 2009, nonostante il ritorno al Los Angeles Galaxy fosse ancora previsto per il successivo 9 marzo,[90] è stato inserito dalla società rossonera nella lista dei 25 giocatori per la Coppa UEFA 2008-2009.[91] Ha esordito nelle competizioni UEFA con la maglia rossonera il 18 febbraio 2009 al Weserstadion contro il Werder Brema.

L'8 marzo 2009 è stato ufficializzato l'accordo tra il Milan e il Los Angeles Galaxy per il prolungamento del prestito del calciatore inglese fino alla fine della stagione 2008-2009.[92][93] A fine stagione Beckham, con il Milan, ha totalizzato 20 presenze (18 in Serie A e 2 in Coppa UEFA) con 2 reti, entrambe realizzate in campionato.

Nel luglio 2009 si è riaggregato al Los Angeles Galaxy,[94] con cui ha disputato 11 partite e realizzato 2 gol nell'ultima parte della Major League Soccer 2009. Il piazzamento finale al primo posto della Western Conference è valso l'accesso ai play-off per la prima volta dall'arrivo di Beckham a Los Angeles.[95][96][97] Il Galaxy è poi stato battuto in finale il 22 novembre 2009 dal Real Salt Lake dopo i rigori,[98] partita nella quale Beckham è sceso in campo dopo tre infiltrazioni alla caviglia e ha realizzato il primo dei tiri dal dischetto della squadra di Los Angeles.[99]

Il 2 novembre 2009 è stato ufficializzato un nuovo prestito al Milan a partire dal gennaio 2010 per 6 mesi,[100] fino alla fine della stagione 2009-2010. Nella sua seconda avventura in rossonero ha debuttato il 6 gennaio nella partita vinta 5-2 contro il Genoa sul campo di San Siro.[101] Il 14 marzo 2010, nella partita contro il Chievo, ha riportato la rottura del tendine d'Achille della gamba sinistra,[102] infortunio che lo ha costretto a chiudere anticipatamente la stagione con i rossoneri e gli ha precluso la possibile convocazione ai Mondiali 2010.[103] Beckham è stato operato per la riparazione con sutura del tendine il giorno seguente dal professor Sakari Orava all'ospedale "Mehiläinen" di Turku, in Finlandia.[104]

Il ritorno al Los Angeles Galaxy[modifica | modifica wikitesto]

Beckham con la maglia del Los Angeles Galaxy nel 2010.

Dopo l'infortunio al tendine d'Achille è ritornato in campo l'11 settembre 2010 contro il Columbus Crew,[105] subentrando a Juninho al 70º minuto di gioco.[106] Dopo un'altra presenza da subentrante conto il D.C. United, ha disputato la prima partita da titolare dopo il rientro dall'infortunio il 24 settembre 2010 contro i New York Red Bulls, giocando tutti i 90 minuti.[107]

Beckham si è allenato con il Tottenham[108][109] a partire dall'11 gennaio 2011[110] fino al 24 febbraio 2011[111] per poi tornare negli USA in vista dell'inizio della stagione 2011 della MLS. Ha segnato il primo gol stagionale il 14 maggio 2011 contro Kansas City, realizzando su calcio di punizione la rete del definitivo 4-1 in favore della squadra californiana.[112] Nel corso della regular season ha disputato 26 partite e segnato 2 gol, qualificandosi con il Galaxy ai play-off per l'assegnazione della MLS Cup come miglior squadra della stagione regolare. Nei play-off Beckham ha disputato tutte le 4 partite della squadra di Los Angeles che, grazie ad altrettanti successi, l'ultimo dei quali per 1-0 in finale contro la Houston Dynamo, ha vinto la Major League Soccer 2011.[113][114] Prima della vittoriosa finale il calciatore inglese è stato anche inserito per la prima volta nel MLS Best XI,[115] la formazione composta dagli 11 migliori giocatori della stagione MLS.

Il 18 gennaio 2012 Beckham ha deciso di firmare un nuovo contratto biennale con il Los Angeles Galaxy,[116] dopo che il precedente accordo era terminato nel dicembre 2011.[117] Nel corso della stagione 2012 ha disputato 24 partite nella regular season della MLS segnando 7 gol, record personale nel campionato nordamericano.[118] Il 19 novembre 2012, giorno seguente alla qualificazione del Galaxy per la finale dei play-off, Beckham ha dichiarato che quella per lui sarebbe stata l'ultima partita con la squadra statunitense.[119] Il calciatore inglese è stato schierato come titolare in quella gara contro la Houston Dynamo, che il Galaxy ha battuto per 3-1, e ha così concluso l'esperienza di Los Angeles vincendo il proprio secondo titolo MLS.[120] In totale nei 5 anni trascorsi con il Los Angeles Galaxy Beckham ha disputato 125 partite e segnato 20 gol.

Paris Saint-Germain[modifica | modifica wikitesto]

Dopo essersi allenato per alcuni giorni con l'Arsenal,[121] il 31 gennaio 2013 ha firmato un contratto di 5 mesi con il Paris Saint-Germain[122] Beckham ha scelto la maglia numero 32 e ha deciso di non percepire uno stipendio ma di devolvere la propria retribuzione in beneficenza.[123] Ha esordito con la squadra parigina il 24 febbraio seguente, subentrando a Javier Pastore al 76º minuto della partita di Ligue 1 contro l'Olympique Marsiglia,[124][125] diventando così il 400º giocatore a indossare la maglia del PSG in una partita ufficiale.[126] Con la squadra della capitale francese ha vinto il campionato nazionale, a due giornate dal termine, grazie alla vittoria ottenuta contro l'Olympique Lione.[127]

Pochi giorni dopo la vittoria della Ligue 1, il 16 maggio 2013, ha annunciato, a 38 anni, il suo ritiro dal calcio giocato al termine della stagione 2012-2013.[128] Nella successiva partita di campionato del 18 maggio 2013 contro il Brest, ultima casalinga per il PSG, è stato schierato come titolare e ha indossato la fascia di capitano.[129] A 10 minuti dal termine della partita, vinta 3-1, Ancelotti ha sostituito Beckham che ha lasciato il campo visibilmente commosso ricevendo una standing ovation dai tifosi e abbracci dai compagni e dallo staff tecnico del Paris Saint-Germain.[130][131] Questa è stata l'ultima partita disputata dal calciatore inglese che ha così concluso la sua carriera dopo 20 anni nei quali ha accumulato 844 presenze e 146 gol totali tra club e Nazionale maggiore.

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver disputato 3 partite con la Nazionale inglese Under-18 nel biennio 1992-1993 e 9 con l'Under-21 tra il 1995 e il 1996, Beckham ha debuttato nella Nazionale maggiore inglese il 1º settembre 1996 nella partita di qualificazione ai Mondiali del 1998 a Chişinău contro la Moldavia.[132]

Mondiale 1998[modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver disputato gran parte delle partite di qualificazione per ai Mondiali 1998, è stato inserito dal CT Glenn Hoddle tra i convocati per la fase finale in Francia.[133] Tuttavia Hoddle lo ha accusato di non concentrarsi sul torneo e lo ha quindi escluso dalle prime due partite giocate dagli inglesi.[134] È stato schierato in campo per la prima volta durante i mondiali nella partita contro la Colombia, vinta 2-0 dall'Inghilterra, nella quale Beckham he segnato al 29º minuto il gol del definitivo 2-0, primo con la maglia della Nazionale.[135] Negli ottavi di finale il 30 giugno 1998 l'Inghilterra ha affrontato l'Argentina che, dopo il 2-2 maturato nei 120', ha eliminato gli inglesi ai rigori. Una concausa è stata l'espulsione rimediata al 47º minuto dallo stesso Beckham, colpevole di aver reagito, mentre era a terra, a un fallo subito dall'argentino Diego Simeone dando un calcio a quest'ultimo.[136][137] Le critiche allo "Spice Boy" non hanno tardato ad arrivare, e le più pesanti chiedevano addirittura una sua uscita dalla Nazionale.[138] Un anno più tardi lo stesso Simeone ha ammesso di essere caduto accentuando gli effetti del colpo ricevuto per indurre l'arbitro Kim Milton Nielsen ad espellere il giocatore inglese.[139][140][141]

Europeo 2000[modifica | modifica wikitesto]

Beckham però non ha lasciato la Nazionale, venendo anche convocato da Kevin Keegan per gli Europei del 2000 in Belgio e Olanda,[142] e i tifosi spesso lo hanno contestato. La contestazione più eclatante è avvenuta proprio durante Euro 2000, quando l'Inghilterra è stata sconfitta dal Portogallo per 3-2. Nonostante Beckham avesse propiziato con due assist i gol di Scholes e McManaman,[143] durante tutta la partita alcuni supporter lo avevano continuamente provocato e insultato.[144] Beckham ha reagito mostrando a quei tifosi il dito medio, suscitando diverse reazioni dai giornali inglesi che, oltre ad alcune critiche, hanno chiesto ai lettori di smettere di prendere di mira il calciatore.[145]

Dopo il ritiro di Alan Shearer dalla Nazionale e le dimissioni di Keegan, Beckham è stato scelto come capitano degli inglesi da Peter Taylor per l'amichevole Italia-Inghilterra del 15 novembre 2000, conclusasi 1-0 per gli azzurri.[146] Beckham ha poi mantenuto la fascia di capitano anche col nuovo CT dell'Inghilterra Sven-Göran Eriksson

Mondiale 2002 ed Europeo 2004[modifica | modifica wikitesto]

Grazie a una sua punizione contro la Grecia che al 94º minuto di gioco ha fissato il risultato sul 2-2, l'Inghilterra è riuscita a qualificarsi al Mondiale 2002 in Corea del Sud e Giappone. Da giocatore da dileggiare Beckham è diventato quasi un eroe nazionale, tanto che è stato nominato dalla BBC "Sportivo dell'anno" 2001. Beckham è stato convocato per i Mondiali 2002 da Eriksson[147] anche se non era in perfetta forma fisica, essendosi rotto qualche mese prima il piede per uno scontro con Duscher del Deportivo La Coruña.[45] Ha comunque disputato da titolare e capitano tutte le 5 partite dell'Inghilterra, segnando anche il rigore che ha determinato l'1-0 finale contro l'Argentina nel girone eliminatorio.[148] Quell'anno però l'Inghilterra fu eliminata nei quarti di finale dopo la sconfitta per 2-1 contro il Brasile, futuro vincitore del torneo.

David Beckham con la fascia di capitano dell'Inghilterra durante il Mondiale 2006.

Beckham ha giocato tutte le partite del Campionato europeo di calcio 2004 in Portogallo.[149] Nella partita inaugurale contro la Francia, persa 2-1, ha sbagliato un calcio di rigore al 73º minuto sul punteggio di 1-0 per gli inglesi.[150] Ai quarti di finale, l'Inghilterra è stata eliminata dalla formazione di casa. L'incontro è stato deciso ai tiri di rigore, con Beckham che ha calciato il proprio rigore, primo della serie, cercando l'incrocio dei pali ma mandando il pallone alto oltre la traversa.[151]

Mondiale 2006[modifica | modifica wikitesto]

Ai Mondiali del 2006 in Germania Beckham si è presentato ancora da capitano.[152] Ha Giocato da titolare in tutte le partite: nella prima con il Paraguay ha propiziato con la sua punizione l'autorete di Gamarra.[153] Nella seconda ha fornito l'assist per il gol dell'1-0 realizzato da Crouch contro Trinidad e Tobago.[154] Dopo aver pareggiato contro la Svezia, è proprio un suo gol su punizione a piegare l'Ecuador negli ottavi (1-0),[155] diventando il primo inglese a segnare in tre diverse edizioni dei Mondiali.[156] Nei quarti, contro il Portogallo, è stato costretto ad uscire per infortunio nel secondo tempo[157] e non ha potuto quindi prendere parte alla lotteria dei rigori, che ha premiato i lusitani col punteggio finale di 3-1, dopo che la partita si era conclusa sullo 0-0 ai supplementari.

Il giorno dopo l'eliminazione Beckham ha annunciato la sua rinuncia alla fascia di capitano della Nazionale dopo 6 anni e nonostante gli mancassero poche partite per raggiungere quota 100 presenze, dichiarando:[158]

(EN)
« It has been an honour and a privilege to have captained our country and I want to stress that I wish to continue to play for England and look forward to helping both the new captain and Steve McClaren in any way I can »
(IT)
« È stato un onore e un privilegio aver capitanato il nostro paese e voglio sottolineare che desidero continuare a giocare per l'Inghilterra e attendo con impazienza di aiutare sia il nuovo capitano che Steve McClaren in ogni modo possibile »

2007 ed Europeo 2008[modifica | modifica wikitesto]

Una punizione di David Beckham contro il Brasile.

Il nuovo CT McClaren ha scelto come capitano Terry,[159] ma inizialmente non ha più convocato Beckham, che è tornato in Nazionale per l'amichevole del 26 maggio 2007 contro il Brasile, prima partita della Nazionale inglese nel nuovo Wembley, dove Beckham ha servito un assist su punizione proprio per Terry. Il 22 agosto 2007, scendendo in campo in amichevole contro la Germania, è diventato il primo calciatore di un club non europeo a giocare per la Nazionale inglese.[160]

Successivamente è stato convocato per le altre amichevoli e le qualificazioni agli Europei 2008. Nell'ultima decisiva partita contro la Croazia, McClaren lo ha schierato solo dal secondo tempo, con l'Inghilterra che aveva già subito due gol: grazie al suo apporto l'Inghilterra è riuscita a pareggiare prima su rigore e poi con un gol di Crouch servito proprio da Beckham, ma la Croazia ha segnato un altro gol, condannando l'Inghilterra alla sconfitta e all'esclusione dalla fase finale.[161]

2008-2009 e Mondiale 2010[modifica | modifica wikitesto]

David Beckham (sulla sinistra con la maglia numero 17) in azione nell'amichevole contro la Spagna dell'11 febbraio 2009.

Dopo la nomina di Fabio Capello come CT dell'Inghilterra Beckham è stato convocato per l'amichevole del 20 marzo 2008 contro la Francia, dove ha disputato la 100a partita con la Nazionale inglese, diventando il quinto giocatore inglese di sempre a raggiungere tale traguardo dopo Billy Wright, Bobby Charlton, Bobby Moore e Peter Shilton.[162] Dopo la partita i compagni di squadra gli hanno regalato un iPod d'oro[163] e prima della partita con gli Stati Uniti del 28 maggio 2008 Bobby Charlton, idolo dell'inglese e soprattutto del padre,[164] ha consegnato a Beckham un cappello d'oro in ricordo della 100a presenza in Nazionale.[165] Il 1º giugno 2008, a sorpresa, ha nuovamente indossato la fascia di capitano nell'amichevole contro Trinidad e Tobago.[166]

L'11 febbraio 2009, scendendo in campo nel secondo tempo dell'amichevole di Siviglia con la Spagna ha giocato la partita numero 108 in Nazionale, raggiungendo Bobby Moore al secondo posto nella classifica di presenze con la Nazionale inglese,[167] primo tra i giocatori di movimento.[168] L'ha poi superato il 28 marzo 2009 disputando il secondo tempo dell'amichevole contro la Slovacchia.[169][170]

A causa di un infortunio al tendine d'Achille Beckham non ha potuto partecipare ai Mondiali 2010, ma il CT Capello ha deciso di portarlo in Sudafrica come collaboratore anche se senza un ruolo ufficiale all'interno dello staff tecnico della Nazionale inglese.[171][172]

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Il 4 luglio 1999 si è sposato con Victoria Beckham nel castello di Luttrellstown, vicino a Dublino. La coppia ha suscitato grande interesse nei media, che li hanno ribattezzati Posh and Becks. Il costo del matrimonio è stato stimato intorno alle 500.000 sterline. I coniugi Beckham hanno quattro figli, tre maschi e una femmina: Brooklyn Joseph Beckham (Londra, 4 marzo 1999), Romeo James Beckham (Londra, 1º settembre 2002), Cruz David Beckham (Madrid, 20 febbraio 2005) e Harper Seven Beckham (Los Angeles, 10 luglio 2011).

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica wikitesto]

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
1992-1993 Inghilterra Manchester United PL 0 0 FACup+CdL 0+1 0 CU 0 0 - - - 1 0
1993-1994 PL 0 0 FACup+CdL 0 0 UCL 0 0 CS 0 0 0 0
1994-1995 PL 4 0 FACup+CdL 2+3 0 UCL 1 1 CS 0 0 10 1
mar. 1995 Inghilterra Preston TD 5 2 - - - - - - - - - 5 2
1995-1996 Inghilterra Manchester United PL 33 7 FACup+CdL 3+2 1+0 CU 2 0 - - - 40 8
1996-1997 PL 36 8 FACup+CdL 2+0 1+0 UCL 10 2 CS 1 1 49 12
1997-1998 PL 37 9 FACup+CdL 4+0 2+0 UCL 8 0 CS 1 0 50 11
1998-1999 PL 34 6 FACup+CdL 7+1 1+0 UCL 12 2 CS 1 0 55 9
1999-2000 PL 31 6 FACup+CdL 0 0 UCL 12 2 CS+SU+CInt+Cmc 1+1+1+2 0 48 8
2000-2001 PL 31 9 FACup+CdL 2+0 0 UCL 12 0 CS 1 0 46 9
2001-2002 PL 28 11 FACup+CdL 1+0 0 UCL 13 5 CS 1 0 43 16
2002-2003 PL 31 6 FACup+CdL 3+5 1+1 UCL 13 3 - - - 52 11
Totale Manchester United[50][31] 265 62 36 7 83 15 10 1 394 85
2003-2004 Spagna Real Madrid PD 32 3 CR 5 2 UCL 7 1 SS 2 1 46 7
2004-2005 PD 30 4 CR 0 0 UCL 8 0 - - - 38 4
2005-2006 PD 31 3 CR 6 1 UCL 7 1 - - - 44 5
2006-2007 PD 23 3 CR 2 1 UCL 6 0 - - - 31 4
Totale Real Madrid 116 13 13 4 28 2 2 1 159 20
2007 Stati Uniti Los Angeles Galaxy MLS 5 0 USOC 0 0 SL 2 1 - - - 7 1
2008 MLS 25 5 USOC 0 0 - - - - - - 25 5
gen.-giu. 2009 Italia Milan A 18 2 - - - CU 2 0 - - - 20 2
2009 Stati Uniti Los Angeles Galaxy MLS 11+4[173] 2+0 - - - - - - - - - 15 2
gen.-giu. 2010 Italia Milan A 11 0 CI 0 0 UCL 2 0 - - - 13 0
Totale Milan 29 2 0 0 4 0 - - 33 2
2010 Stati Uniti Los Angeles Galaxy MLS 7+3[173] 2+0 - - - - - - - - - 10 2
2011 MLS 26+4[173] 2+0 USOC 0 0 CCL 4 0 - - - 34 2
2012 MLS 24+6[173] 7+0 USOC 0 0 CCL+CCL 2+1 0+1 - - - 33 8
Totale Los Angeles Galaxy 98+17 18+0 0 0 9 2 - - 125 20
gen.-giu. 2013 Francia Paris Saint-Germain L1 10 0 CF+CdL 2+0 0 UCL 2 0 - - - 14 0
Totale carriera 523+17 97+0 51 11 126 19 12 2 729 129

Cronologia presenze e reti in Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia completa delle presenze e delle reti in Nazionale - Inghilterra Inghilterra
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
1-9-1996 Chişinău Moldavia Moldavia 0 – 3 Inghilterra Inghilterra Qual. Mondiali 1998 -
9-10-1996 Londra Inghilterra Inghilterra 2 – 1 Polonia Polonia Qual. Mondiali 1998 -
9-11-1996 Tbilisi Georgia Georgia 0 – 2 Inghilterra Inghilterra Qual. Mondiali 1998 -
12-2-1997 Londra Inghilterra Inghilterra 0 – 1 Italia Italia Qual. Mondiali 1998 -
30-4-1997 Londra Inghilterra Inghilterra 2 – 0 Georgia Georgia Qual. Mondiali 1998 -
24-5-1997 Manchester Inghilterra Inghilterra 2 – 1 Sudafrica Sudafrica Amichevole -
31-5-1997 Chorzów Polonia Polonia 0 – 2 Inghilterra Inghilterra Qual. Mondiali 1998 -
4-6-1997 Nantes Italia Italia 0 – 2 Inghilterra Inghilterra Amichevole -
7-6-1997 Montpellier Francia Francia 0 – 1 Inghilterra Inghilterra Amichevole -
10-9-1997 Londra Inghilterra Inghilterra 4 – 0 Moldavia Moldavia Qual. Mondiali 1998 -
11-10-1997 Roma Italia Italia 0 – 0 Inghilterra Inghilterra Qual. Mondiali 1998 -
15-11-1997 Londra Inghilterra Inghilterra 2 – 0 Camerun Camerun Amichevole -
22-4-1998 Londra Inghilterra Inghilterra 3 – 0 Portogallo Portogallo Amichevole -
23-5-1998 Londra Inghilterra Inghilterra 0 – 0 Arabia Saudita Arabia Saudita Amichevole -
29-5-1998 Casablanca Belgio Belgio 0 – 0 Inghilterra Inghilterra Amichevole -
22-6-1998 Tolosa Romania Romania 2 – 1 Inghilterra Inghilterra Mondiali 1998 - 1º turno -
26-6-1998 Lens Colombia Colombia 0 – 2 Inghilterra Inghilterra Mondiali 1998 - 1º turno 1
30-6-1998 Saint-Étienne Argentina Argentina 2 – 2 Inghilterra Inghilterra Mondiali 1998 - 1º turno -
14-10-1998 Lussemburgo Lussemburgo Lussemburgo 0 – 3 Inghilterra Inghilterra Qual. Euro 2000 -
18-11-1998 Londra Inghilterra Inghilterra 2 – 0 Rep. Ceca Rep. Ceca Amichevole -
10-2-1999 Londra Inghilterra Inghilterra 0 – 2 Francia Francia Amichevole -
27-3-1999 Londra Inghilterra Inghilterra 3 – 1 Polonia Polonia Qual. Euro 2000 -
5-6-1999 Londra Inghilterra Inghilterra 0 – 0 Svezia Svezia Qual. Euro 2000 -
4-9-1999 Londra Inghilterra Inghilterra 6 – 0 Lussemburgo Lussemburgo Qual. Euro 2000 -
8-9-1999 Varsavia Polonia Polonia 0 – 0 Inghilterra Inghilterra Qual. Euro 2000 -
13-11-1999 Glasgow Scozia Scozia 0 – 2 Inghilterra Inghilterra Qual. Euro 2000 -
17-11-1999 Londra Inghilterra Inghilterra 0 – 1 Scozia Scozia Qual. Euro 2000 -
23-2-2000 Londra Inghilterra Inghilterra 0 – 0 Argentina Argentina Amichevole -
27-5-2000 Londra Inghilterra Inghilterra 1 – 1 Brasile Brasile Amichevole -
31-5-2000 Londra Inghilterra Inghilterra 2 – 0 Ucraina Ucraina Amichevole -
3-6-2000 Ta' Qali Malta Malta 1 – 2 Inghilterra Inghilterra Amichevole -
12-6-2000 Eindhoven Portogallo Portogallo 3 – 2 Inghilterra Inghilterra Euro 2000 - 1º turno -
17-6-2000 Charleroi Germania Germania 0 – 1 Inghilterra Inghilterra Euro 2000 - 1º turno -
20-6-2000 Charleroi Romania Romania 3 – 2 Inghilterra Inghilterra Euro 2000 - 1º turno -
2-9-2000 Saint-Denis Francia Francia 1 – 1 Inghilterra Inghilterra Amichevole -
7-10-2000 Londra Inghilterra Inghilterra 0 – 1 Germania Germania Qual. Mondiali 2002 -
15-11-2000 Torino Italia Italia 1 – 0 Inghilterra Inghilterra Amichevole -
28-2-2001 Birmingham Inghilterra Inghilterra 3 – 0 Spagna Spagna Amichevole -
24-3-2001 Liverpool Inghilterra Inghilterra 2 – 1 Finlandia Finlandia Qual. Mondiali 2002 1
28-3-2001 Tirana Albania Albania 1 – 3 Inghilterra Inghilterra Qual. Mondiali 2002 -
25-5-2001 Derby Inghilterra Inghilterra 4 – 0 Messico Messico Amichevole 1
6-6-2001 Atene Grecia Grecia 0 – 2 Inghilterra Inghilterra Qual. Mondiali 2002 1
15-8-2001 Londra Inghilterra Inghilterra 0 – 2 Paesi Bassi Paesi Bassi Amichevole -
1-9-2001 Monaco di Baviera Germania Germania 1 – 5 Inghilterra Inghilterra Qual. Mondiali 2002 -
5-9-2001 Newcastle Inghilterra Inghilterra 2 – 0 Albania Albania Qual. Mondiali 2002 -
6-10-2001 Manchester Inghilterra Inghilterra 2 – 2 Grecia Grecia Qual. Mondiali 2002 1
10-11-2001 Manchester Inghilterra Inghilterra 1 – 1 Svezia Svezia Amichevole 1
13-2-2002 Amsterdam Paesi Bassi Paesi Bassi 1 – 1 Inghilterra Inghilterra Amichevole -
27-3-2002 Leeds Inghilterra Inghilterra 1 – 2 Italia Italia Amichevole -
2-6-2002 Saitama Svezia Svezia 1 – 1 Inghilterra Inghilterra Mondiali 2002 - 1º turno -
7-6-2002 Sapporo Argentina Argentina 0 – 1 Inghilterra Inghilterra Mondiali 2002 - 1º turno 1
12-6-2002 Nagai Nigeria Nigeria 0 – 0 Inghilterra Inghilterra Mondiali 2002 - 1º turno -
15-6-2002 Niigata Danimarca Danimarca 0 – 3 Inghilterra Inghilterra Mondiali 2002 - Ottavi -
21-6-2002 Shizuoka Brasile Brasile 2 – 1 Inghilterra Inghilterra Mondiali 2002 - Quarti -
12-10-2002 Bratislava Slovacchia Slovacchia 1 – 2 Inghilterra Inghilterra Qual. Euro 2004 1
16-10-2002 Southampton Inghilterra Inghilterra 2 – 2 Macedonia Macedonia Qual. Euro 2004 1
12-2-2003 Londra Inghilterra Inghilterra 1 – 3 Australia Australia Amichevole -
29-3-2003 Vaduz Liechtenstein Liechtenstein 0 – 2 Inghilterra Inghilterra Qual. Euro 2004 1
2-4-2003 Sunderland Inghilterra Inghilterra 2 – 0 Turchia Turchia Qual. Euro 2004 1
22-5-2003 Durban Sudafrica Sudafrica 1 – 2 Inghilterra Inghilterra Amichevole -
20-8-2003 Ipswich Inghilterra Inghilterra 3 – 1 Croazia Croazia Amichevole 1
6-9-2003 Skopje Macedonia Macedonia 1 – 2 Inghilterra Inghilterra Qual. Euro 2004 1
10-9-2003 Manchester Inghilterra Inghilterra 2 – 0 Liechtenstein Liechtenstein Qual. Euro 2004 -
11-10-2003 Istanbul Turchia Turchia 0 – 0 Inghilterra Inghilterra Qual. Euro 2004 -
16-11-2003 Manchester Inghilterra Inghilterra 2 – 3 Danimarca Danimarca Amichevole -
18-2-2004 Faro Portogallo Portogallo 1 – 1 Inghilterra Inghilterra Amichevole -
1-6-2004 Manchester Inghilterra Inghilterra 1 – 1 Giappone Giappone Amichevole -
5-6-2004 Manchester Inghilterra Inghilterra 6 – 1 Islanda Islanda Amichevole -
13-6-2004 Lisbona Francia Francia 2 – 1 Inghilterra Inghilterra Euro 2004 - 1º turno -
17-6-2004 Coimbra Svizzera Svizzera 0 – 3 Inghilterra Inghilterra Euro 2004 - 1º turno -
21-6-2004 Lisbona Croazia Croazia 2 – 4 Inghilterra Inghilterra Euro 2004 - 1º turno -
24-6-2004 Lisbona Portogallo Portogallo 2 – 2 dts
(8-7 dcr)
Inghilterra Inghilterra Euro 2004 - Quarti -
18-8-2004 Newcastle Inghilterra Inghilterra 3 – 0 Ucraina Ucraina Amichevole 1
4-9-2004 Vienna Austria Austria 2 – 2 Inghilterra Inghilterra Qual. Mondiali 2006 -
8-9-2004 Chorzów Polonia Polonia 1 – 2 Inghilterra Inghilterra Qual. Mondiali 2006 -
9-10-2004 Manchester Inghilterra Inghilterra 2 – 0 Galles Galles Qual. Mondiali 2006 1
17-11-2004 Madrid Spagna Spagna 1 – 0 Inghilterra Inghilterra Amichevole -
9-2-2005 Birmingham Inghilterra Inghilterra 0 – 0 Paesi Bassi Paesi Bassi Amichevole -
26-3-2005 Manchester Inghilterra Inghilterra 4 – 0 Irlanda del Nord Irlanda del Nord Qual. Mondiali 2006 -
30-3-2005 Newcastle Inghilterra Inghilterra 2 – 0 Azerbaigian Azerbaigian Qual. Mondiali 2006 1
31-5-2005 East Rutherford Inghilterra Inghilterra 3 – 2 Colombia Colombia Amichevole -
17-8-2005 Copenaghen Danimarca Danimarca 4 – 1 Inghilterra Inghilterra Amichevole -
3-9-2005 Cardiff Galles Galles 0 – 1 Inghilterra Inghilterra Qual. Mondiali 2006 -
7-9-2005 Belfast Irlanda del Nord Irlanda del Nord 1 – 0 Inghilterra Inghilterra Qual. Mondiali 2006 -
8-10-2005 Manchester Inghilterra Inghilterra 1 – 0 Austria Austria Qual. Mondiali 2006 -
12-11-2005 Ginevra Inghilterra Inghilterra 3 – 2 Argentina Argentina Amichevole -
1-3-2006 Liverpool Inghilterra Inghilterra 2 – 1 Uruguay Uruguay Amichevole -
30-5-2006 Manchester Inghilterra Inghilterra 3 – 1 Ungheria Ungheria Amichevole -
3-6-2006 Manchester Inghilterra Inghilterra 6 – 0 Giamaica Giamaica Amichevole -
10-6-2006 Francoforte sul Meno Inghilterra Inghilterra 1 – 0 Paraguay Paraguay Mondiali 2006 - 1º turno -
15-6-2006 Norimberga Inghilterra Inghilterra 2 – 0 Trinidad e Tobago Trinidad e Tobago Mondiali 2006 - 1º turno -
20-6-2006 Colonia Inghilterra Inghilterra 2 – 2 Svezia Svezia Mondiali 2006 - 1º turno -
25-6-2006 Stoccarda Inghilterra Inghilterra 1 – 0 Ecuador Ecuador Mondiali 2006 - Ottavi 1
1-7-2006 Gelsenkirchen Inghilterra Inghilterra 0 – 0 dts
(1-3 dcr)
Portogallo Portogallo Mondiali 2006 - Quarti -
1-6-2007 Londra Inghilterra Inghilterra 1 – 1 Brasile Brasile Amichevole -
6-6-2007 Tallinn Estonia Estonia 0 – 3 Inghilterra Inghilterra Qual. Euro 2008 -
22-8-2007 Londra Inghilterra Inghilterra 1 – 2 Germania Germania Amichevole -
16-11-2007 Vienna Austria Austria 0 – 1 Inghilterra Inghilterra Amichevole -
21-11-2007 Londra Inghilterra Inghilterra 2 – 3 Croazia Croazia Qual. Euro 2008 -
26-3-2008 Saint-Denis Francia Francia 1 – 0 Inghilterra Inghilterra Amichevole -
28-5-2008 Londra Inghilterra Inghilterra 2 – 0 Stati Uniti Stati Uniti Amichevole -
1-6-2008 Port of Spain Trinidad e Tobago Trinidad e Tobago 0 – 3 Inghilterra Inghilterra Amichevole -
20-8-2008 Londra Inghilterra Inghilterra 2 – 2 Rep. Ceca Rep. Ceca Amichevole -
6-9-2008 Barcellona Andorra Andorra 0 – 2 Inghilterra Inghilterra Qual. Mondiali 2010 -
10-9-2008 Zagabria Croazia Croazia 1 – 4 Inghilterra Inghilterra Qual. Mondiali 2010 -
11-10-2008 Londra Inghilterra Inghilterra 5 – 1 Kazakistan Kazakistan Qual. Mondiali 2010 -
15-10-2008 Minsk Bielorussia Bielorussia 1 – 3 Inghilterra Inghilterra Qual. Mondiali 2010 -
11-2-2009 Siviglia Spagna Spagna 2 – 0 Inghilterra Inghilterra Amichevole -
28-3-2009 Londra Inghilterra Inghilterra 4 – 0 Slovacchia Slovacchia Amichevole -
1-4-2009 Londra Inghilterra Inghilterra 2 – 1 Ucraina Ucraina Qual. Mondiali 2010 -
6-6-2009 Almaty Kazakistan Kazakistan 0 – 4 Inghilterra Inghilterra Qual. Mondiali 2010 -
10-6-2009 Londra Inghilterra Inghilterra 6 – 0 Andorra Andorra Qual. Mondiali 2010 -
12-8-2009 Amsterdam Paesi Bassi Paesi Bassi 2 – 2 Inghilterra Inghilterra Amichevole -
9-9-2009 Londra Inghilterra Inghilterra 5 – 1 Croazia Croazia Qual. Mondiali 2010 -
14-10-2009 Londra Inghilterra Inghilterra 3 – 0 Bielorussia Bielorussia Qual. Mondiali 2010 -
Totale Presenze (2º posto) 115 Reti 17

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni giovanili[modifica | modifica wikitesto]

Manchester United: 1991-1992

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Il premio conferito a Beckham in virtù del secondo posto nel FIFA World Player ottenuto nel 2001.
Manchester United: 1995-1996, 1996-1997, 1998-1999, 1999-2000, 2000-2001, 2002-2003
Manchester United: 1995-1996, 1998-1999
Manchester United: 1996, 1997
Real Madrid: 2006-2007
Real Madrid: 2003
Los Angeles Galaxy: 2010, 2011
Los Angeles Galaxy: 2011, 2012
Paris Saint-Germain: 2012-2013

Competizioni internazionali[modifica | modifica wikitesto]

Manchester United: 1998-1999
Manchester United: 1999

Individuale[modifica | modifica wikitesto]

Agosto 1996
Manchester United: 1996-1997
Miglior centrocampista: 1999
Miglior giocatore: 1999
1999
2001, 2003
  • England Player of the Year: 1
2003

Oltre il calcio[modifica | modifica wikitesto]

Beneficenza[modifica | modifica wikitesto]

Beckham ha sostenuto l'UNICEF fin dai tempi del Manchester United e nel gennaio 2005 è diventato Goodwill Ambassador con particolare attenzione al programma Sports for Development ("Sport per lo sviluppo")[174] e testimonial della campagna "Uniti per i bambini, Uniti contro l'AIDS",[175] per la quale si è recato in Sierra Leone dal 18 al 20 gennaio 2008.[176]

Beckham è anche portavoce di Malaria No More, un'organizzazione non-profit di New York nata nel 2006 con lo scopo di debellare la malaria in Africa, e sostenitore di Help for Heroes, associazione nata per aiutare i feriti di ritorno dall'Iran e dall'Afghanistan.[177]

Durante i 5 mesi di militanza al Paris Saint-Germain ha deciso di devolvere il proprio stipendio a un'associazione parigina che si occupa di bambini in difficoltà.[123]

Film[modifica | modifica wikitesto]

David Beckham è apparso nella trilogia di Goal!:[178]

È apparso anche in Sognando Beckham (Bend It Like Beckham, 2002), ma solo con immagini di archivio. Per interpretare Beckham e la moglie nel film il regista ha usato dei sosia, Andy Harmer e Gill Penny.[179]

Nonostante il trasferimento a Los Angeles, Beckham non ha espresso interesse nel ruolo di attore, dicendo di essere troppo "rigido".[180]

Contratti pubblicitari e società[modifica | modifica wikitesto]

Nelle righe che seguono vi è un elenco dei contratti pubblicitari stilati dall'ex capitano della Nazionale inglese:[181]

Beckham è titolare della Footwork Productions Ltd., holding con sede a Londra che gestisce tutte le entrate generate dai vari sponsor e ingaggi del calciatore[194] e insieme alla moglie della Beckham Brand Ltd., che si occupa di sfruttare il marchio di David e Victoria Beckham tramite TV e siti web.[195] La Footwork Productions Ltd. ha creato una joint venture con la 19 Entertainment Ltd., società fondata dal Simon Fuller che gestisce l'immagine di attori, cantanti e sportivi famosi,[196] e inoltre possiede, con il suo procuratore Terry Byrne e lo stesso Fuller, la 1966 Entertainment Ltd., che gestisce gli interessi commerciali della Nazionale inglese di calcio.[197]

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Ufficiale dell'Ordine dell'Impero Britannico - nastrino per uniforme ordinaria Ufficiale dell'Ordine dell'Impero Britannico
— Londra, 13 giugno 2003[34]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (FR) Beckham David, psg.fr. URL consultato il 4 marzo 2013.
  2. ^ 15 (2) se si comprendono anche i play-off per l'assegnazione della MLS Cup.
  3. ^ 70 (11) se si comprendono anche i play-off per l'assegnazione della MLS Cup.
  4. ^ David Beckham: la photogallery, sport.it. URL consultato il 17 giugno 2011.
  5. ^ a b c (EN) David Beckham - About, Los Angeles Galaxy. URL consultato il 25 marzo 2011.
  6. ^ (EN) Jack Bell, David Beckham Is Coming to America, The New York Times, 11 gennaio 2007. URL consultato il 23 ottobre 2008.
  7. ^ (EN) FIFA's top 100 list, rediff.com, 5 marzo 2004. URL consultato il 2 novembre 2008.
  8. ^ (EN) The Celebrity 100, Forbes, 11 giugno 2008. URL consultato il 23 ottobre 2008.
  9. ^ (EN) Marian Salzman, The 2004 TIME 100 - David Beckham - David Beckham, TIME, 26 aprile 2004. URL consultato il 17 giugno 2011.
  10. ^ (EN) David Beckham, englandstats.com. URL consultato il 23 aprile 2009.
  11. ^ Forbes: Beckham il più ricco. United il Paperone fra i club, La Gazzetta dello Sport, 22 aprile 2010. URL consultato il 25 marzo 2011.
  12. ^ Marcello Di Dio, Messi-Ronaldo-Rooney come sono giovani i nuovi ricchi del calcio, il Giornale, 23 marzo 2011. URL consultato il 25 marzo 2011.
  13. ^ Gli sportivi più pagati al mondo, rankyourworld.it, 1º marzo 2013. URL consultato il 29 marzo 2013.
  14. ^ (EN) Sunday Times Rich List 2012 – Richest People In UK - The 2012 UK's Top-10 Music Millionaires, therichest.org, 29 aprile 2012. URL consultato il 20 maggio 2012.
  15. ^ (EN) Football: Spurs' secret plan to net Becks, findarticles.com, 12 novembre 2006. URL consultato il 23 aprile 2009.
  16. ^ (EN) Posh and Becks enter the language, BBC, 12 giugno 2001. URL consultato il 17 giugno 2011.
  17. ^ (EN) Danilo Taino, Accordi con le star e scoop esplode l'industria del gossip, Corriere della Sera, 8 settembre 2005. URL consultato il 2 novembre 2008.
  18. ^ (EN) Sun pips OK! to Posh wedding photos, BBC News, 6 luglio 1999. URL consultato il 2 novembre 2008.
  19. ^ (EN) Wedded spice, BBC News, 5 giugno 1999. URL consultato il 2 novembre 2008.
  20. ^ (EN) In Pictures: The 20 Most Expensive Celebrity Weddings, Forbes, 12 luglio 2007. URL consultato il 2 novembre 2008.
  21. ^ Fiocco rosa in casa Beckham, Corriere della Sera, 10 luglio 2011. URL consultato il 17 ottobre 2011.
  22. ^ (EN) Biography for David Beckham, imdb.com. URL consultato il 29 marzo 2013.
  23. ^ (EN) Grahame L. Jones, BECKHAM - An uber star, with spice, Los Angeles Times, 8 luglio 2007. URL consultato il 2 novembre 2008.
  24. ^ (EN) Beckingham Palace, britain.tv. URL consultato il 2 novembre 2008.
  25. ^ (EN) Posh finds new £11m Beckingham Palace in Beverly Hills, Daily Mail, 30 aprile 2007. URL consultato il 2 novembre 2008.
  26. ^ (EN) Lowly Subjects! Behold $22 Mil Beckingham Palace West!, tmz.com, 30 aprile 2007. URL consultato il 2 novembre 2008.
  27. ^ Pete Norman, David and Victoria Beckham Land in the U.S., people.com, 13 luglio 2008. URL consultato il 2 novembre 2008.
  28. ^ David Beckham, treccani.it. URL consultato il 7 ottobre 2011.
  29. ^ (EN) Flown from the nest - David Beckham, ex-canaries.co.uk. URL consultato il 28 ottobre 2008.
  30. ^ (EN) Top 25 things about David Beckham, Vancouver Sun, 5 novembre 2007. URL consultato il 23 aprile 2009.
  31. ^ a b c d (EN) David Beckham, aboutmanutd.com. URL consultato il 4 ottobre 2011.
  32. ^ Gaetano De Stefano, Aspettando Beckham, La Gazzetta dello Sport, 20 dicembre 2008. URL consultato il 9 gennaio 2010.
  33. ^ (EN) UEFA Champions League season 2009/10 - Match press kit: Manchester United FC - Beşiktaş JK (PDF), uefa.com, 23 novembre 2009, p. 2. URL consultato il 2 aprile 2010.
  34. ^ a b (EN) Beckham's pride at OBE, BBC Sport, 13 giugno 2003. URL consultato il 9 gennaio 2010.
  35. ^ In particolare Alan Hansen. Vedi (EN) Owed to Alan Hansen (You'll Never Win Anything With Kids), footballpoets.org, 31 maggio 1996. URL consultato il 28 ottobre 2008.
  36. ^ (EN) Beckham off in Man Utd epic, BBC Sport, 6 gennaio 2000. URL consultato il 28 ottobre 2008.
  37. ^ Prima vittoria del Vasco, Rai Sport, 7 gennaio 2000. URL consultato il 28 ottobre 2008.
  38. ^ (EN) Man Utd's flawed genius?, BBC Sport, 7 gennaio 2000. URL consultato il 28 ottobre 2008.
  39. ^ I veleni di Ferguson su Beckham. Rovinato dal matrimonio con Victoria, La Repubblica, 7 settembre 2007. URL consultato il 2 novembre 2008.
  40. ^ (EN) Beckham books place in publishing history with his spicy biography, The Independent, 1º settembre 2003. URL consultato il 29 ottobre 2008.
  41. ^ a b Giancarlo Galavotti, Ferguson stende Beckham, La Gazzetta dello Sport, 18 maggio 2003. URL consultato il 29 ottobre 2008.
  42. ^ (EN) Fathers and sons - Beckham, Ferguson need to settle differences, Sports Illustrated, 22 febbraio 2000. URL consultato il 29 ottobre 2008.
  43. ^ Filippo Maria Ricci, Ferguson stende Beckham lanciandogli una scarpa «Un caso, non lo farò più», Corriere della Sera, 18 maggio 2003. URL consultato il 29 ottobre 2008.
  44. ^ (EN) Will Becks give Man Utd the boot?, BBC Sport, 18 febbraio 2003. URL consultato il 29 ottobre 2008.
  45. ^ a b Riccardo Orizio, L'Inghilterra piange sul piede di Beckham, La Repubblica, 12 aprile 2002. URL consultato il 29 ottobre 2008.
  46. ^ (EN) George Wright, Did 'hatchet man' target Beckham?, ESPN, 2 aprile 2002. URL consultato il 29 ottobre 2008.
  47. ^ (EN) Duscher regrets Beckham tackle, BBC Sport, 24 aprile 2002. URL consultato il 29 ottobre 2008.
  48. ^ (EN) Beckham signs new contract, BBC Sport, 12 maggio 2002. URL consultato il 29 ottobre 2008.
  49. ^ (EN) Legends - David Beckham, manutd.com. URL consultato il 1º marzo 2011.
  50. ^ a b (EN) David Beckham - Season by season United career record, stretfordend.co.uk. URL consultato il 14 novembre 2009.
  51. ^ (EN) Beckham to join Real Madrid, CNN, 17 giugno 2003. URL consultato il 17 giugno 2011.
  52. ^ Milan-Spagna per Beckham, La Gazzetta dello Sport, 6 giugno 2003. URL consultato il 30 ottobre 2008.
  53. ^ (EN) PLUS: SOCCER; Barcelona President Focuses on Beckham, The New York Times, 16 giugno 2003. URL consultato il 23 aprile 2009.
  54. ^ David come Michael Jordan, Corriere della Sera, 3 luglio 2003. URL consultato il 30 ottobre 2008.
  55. ^ (EN) The number 23, The Guardian, 3 luglio 2003. URL consultato il 30 ottobre 2008.
  56. ^ (ES) 3-0. Queiroz y Beckham ya tienen su primer trofeo gracias a Casillas, terra.es, 27 agosto 2003. URL consultato il 9 gennaio 2010.
  57. ^ (ES) Real Madrid C.F. 2 - 1 Real Betis B. S., lfp.es, 30 agosto 2003. URL consultato il 9 gennaio 2010.
  58. ^ (ES) Beckham era la cobra, AS, 27 novembre 2003. URL consultato il 17 giugno 2011.
  59. ^ (EN) Beckham milestone gives Real impetus, The Independent, 19 ottobre 2008. URL consultato il 31 ottobre 2008.
  60. ^ (EN) Beckham agrees to LA Galaxy move, BBC Sport, 12 febbraio 2007. URL consultato il 30 ottobre 2008.
  61. ^ (EN) Real coach calls time on Beckham, BBC Sport, 13 gennaio 2007. URL consultato il 30 ottobre 2008.
  62. ^ (EN) Ronaldinho double earns Barca win, BBC Sport, 11 febbraio 2007. URL consultato il 30 ottobre 2008.
  63. ^ (EN) Robert Millward, Agent: Beckham Sticking to Galaxy Deal, The Washington Post, 10 giugno 2007. URL consultato il 31 ottobre 2008.
  64. ^ (EN) Paul Maidment, Becks And Bucks, Forbes, 7 luglio 2007. URL consultato il 23 aprile 2009.
  65. ^ a b Risultati importanti, acmilan.com, 19 ottobre 2008. URL consultato il 17 giugno 2011.
  66. ^ (EN) Events surround MLS SuperDraft, mlsnet.com, 12 gennaio 2007. URL consultato il 17 giugno 2011 (archiviato dall'url originale il 7 marzo 2007).
  67. ^ (EN) Beckham set to invade America, ESPN, 12 gennaio 2007. URL consultato il 30 ottobre 2008.
  68. ^ (EN) Beckham's salary: $5.5 million a year, Los Angeles Times, 24 febbraio 2007. URL consultato il 30 ottobre 2008.
  69. ^ (EN) Beckham's salary revealed; Reyna top U.S. earner, ESPN, 4 maggio 2007. URL consultato il 30 ottobre 2008.
  70. ^ (EN) Grahame L. Jones, The Beckham has Landed, Los Angeles Times, 13 febbraio 2007. URL consultato il 30 ottobre 2008.
  71. ^ (EN) The Beckham has Landed, socceramerica.com, 13 luglio 2007. URL consultato il 20 agosto 2010.
  72. ^ (EN) Galaxy fall to Chelsea as Beckham makes debut, ESPN, 21 luglio 2007. URL consultato il 20 agosto 2010.
  73. ^ (EN) Beckham makes MLS debut but Galaxy stumbles in D.C., usatoday.com, 12 agosto 2007. URL consultato il 30 ottobre 2008.
  74. ^ (EN) Beckham takes captain's armband to great effect, ESPN, 16 agosto 2007. URL consultato il 30 ottobre 2008.
  75. ^ (EN) Injured Beckham out of Euro qualifiers, indianexpress.com, 1º settembre 2007. URL consultato il 25 marzo 2011.
  76. ^ (EN) Beckham begins Arsenal training, BBC Sport, 4 gennaio 2008. URL consultato il 30 ottobre 2008.
  77. ^ (EN) Beckham, Donovan propel L.A. past Quakes, ESPN, 4 aprile 2008. URL consultato il 2 aprile 2010.
  78. ^ (EN) Beckham shows scoring touch against Wizards, ESPN, 28 maggio 2008. URL consultato il 30 ottobre 2008.
  79. ^ (EN) National Football Museum Hall of Fame 2008. This Year's Inductees Announced, nationalfootballmuseum.com, 4 luglio 2008. URL consultato il 1º marzo 2011.
  80. ^ Charles Carrick, È ufficiale: Beckham al Milan, dal 7 gennaio diventa rossonero, la Repubblica, 30 ottobre 2008. URL consultato il 20 agosto 2010.
  81. ^ Gaetano De Stefano, Milan, ecco David Beckham. Sarà tesserato a gennaio, La Gazzetta dello Sport, 22 ottobre 2008. URL consultato il 17 giugno 2011.
  82. ^ (EN) Charles Carrick, David Beckham confirms AC Milan talks for San Siro loan move, The Daily Telegraph, 24 ottobre 2008. URL consultato il 20 agosto 2010.
  83. ^ Antonio Vitiello, Ufficiale: Beckham al Milan nel 2009, milannews.it, 30 ottobre 2008. URL consultato il 17 giugno 2011.
  84. ^ Milan, primo allenamento per Beckham a Dubai, Tuttosport, 30 dicembre 2008. URL consultato il 7 gennaio 2009.
  85. ^ Beckham, una prima con luci e ombre, Sport Mediaset, 6 gennaio 2009. URL consultato il 7 gennaio 2009.
  86. ^ Calcio, Milan: contro la Roma Beckham dal primo minuto, la Repubblica, 11 gennaio 2009. URL consultato il 12 gennaio 2009.
  87. ^ Beckham, esordio positivo?, Sport Mediaset, 11 gennaio 2009. URL consultato il 12 gennaio 2009.
  88. ^ Gaetano De Stefano, Kakà-Beckham show. Milan facile a Bologna, La Gazzetta dello Sport, 25 gennaio 2009. URL consultato il 25 gennaio 2009.
  89. ^ Gaetano De Stefano, Beckham lancia il Milan, Milito lo riporta a terra, La Gazzetta dello Sport, 28 gennaio 2009. URL consultato il 29 gennaio 2009.
  90. ^ Ancora con noi!, acmilan.com, 11 marzo 2009. URL consultato il 17 giugno 2011.
  91. ^ Milan: Beckham nella lista Uefa, Tuttosport, 2 febbraio 2009. URL consultato il 17 giugno 2011.
  92. ^ 32, semplicemente Beckham, acmilan.com, 21 dicembre 2008. URL consultato il 17 giugno 2011.
  93. ^ Ufficiale: Beckham rimane al Milan, Sport Mediaset, 8 marzo 2009. URL consultato l'8 marzo 2009.
  94. ^ Galaxy: Beckham si allena, chiarimento con Donovan, Sky Sport, 14 luglio 2009. URL consultato il 20 agosto 2010.
  95. ^ Beckham-Donovan super. I Galaxy ritrovano i playoff, La Gazzetta dello Sport, 25 ottobre 2009. URL consultato il 2 novembre 2009.
  96. ^ (EN) David Beckham and LA Galaxy win MLS Western Conference, The Daily Telegraph, 26 ottobre 2009. URL consultato il 17 giugno 2011.
  97. ^ (EN) Los Angeles Galaxy Clinch MLS Playoff Spot, goal.com, 3 ottobre 2009. URL consultato il 2 novembre 2009.
  98. ^ Beckham e Galaxy finiscono ko, ANSA, 23 novembre 2009. URL consultato il 23 novembre 2009.
  99. ^ Stefano Maraviglia, Stoico Beckham, leader ovunque, milannews.it, 23 novembre 2009. URL consultato il 17 giugno 2011.
  100. ^ Ancora David, ancora Milan, acmilan.com, 2 novembre 2009. URL consultato il 17 giugno 2011.
  101. ^ Luigi Panella, Dinho-Borriello, Milan show, la Repubblica, 6 gennaio 2010. URL consultato il 7 gennaio 2010.
  102. ^ Beckham: rotto il tendine d'Achille, Sport Mediaset, 14 marzo 2010. URL consultato il 15 marzo 2010.
  103. ^ Beckham, stagione finita. È sicuro: salterà il Mondiale, La Gazzetta dello Sport, 15 marzo 2010. URL consultato il 15 marzo 2010.
  104. ^ Federico Gambaro, Becks: il comunicato ufficiale del Milan, milannews.it, 15 marzo 2010. URL consultato il 17 giugno 2011.
  105. ^ (EN) Larry Morgan, Beckham Feels Great About First Game Back, lagalaxy.com, 12 settembre 2010. URL consultato il 13 settembre 2010.
  106. ^ (EN) MatchCenter - LA Galaxy-Columbus Crew 3-1, mlssoccer.com, 11 settembre 2010. URL consultato il 13 settembre 2010.
  107. ^ (EN) MatchCenter - LA Galaxy-New York Red Bulls 0-2, mlssoccer.com, 24 settembre 2010. URL consultato il 17 giugno 2011.
  108. ^ (EN) Beckham to join up with squad, tottenhamhotspur.com, 9 gennaio 2011. URL consultato il 25 marzo 2011.
  109. ^ Claudio De Carli, Era tutto vero: Beckham al Tottenham, ma solo per allenarsi, il Giornale, 9 gennaio 2011. URL consultato il 25 marzo 2011.
  110. ^ (EN) Beckham on Twitter!, tottenhamhotspur.com, 11 gennaio 2011. URL consultato il 25 marzo 2011.
  111. ^ Altre due settimane al Tottenham per Beckham, datasport.it, 8 febbraio 2011. URL consultato il 25 marzo 2011.
  112. ^ (EN) Luis Bueno, Recap: Galaxy stars on fire as LA ease past Kansas City, lagalaxy.com, 14 maggio 2011. URL consultato il 15 maggio 2011.
  113. ^ (EN) Nick Firchau, MLS Cup Recap: Donovan, LA topple Houston 1-0 for title, lagalaxy.com, 20 novembre 2011. URL consultato il 21 novembre 2011.
  114. ^ Massimo Lopes Pegna, Beckham campione. Adesso l'addio?, La Gazzetta dello Sport, 21 novembre 2011. URL consultato il 21 novembre 2011.
  115. ^ (EN) Nick Firchau, Beckham, Henry, Keller highlight MLS Best XI team, mlssoccer.com, 20 novembre 2011. URL consultato il 21 novembre 2011.
  116. ^ (EN) LA Galaxy Re-Sign David Beckham, lagalaxy.com, 18 gennaio 2012. URL consultato il 19 gennaio 2012.
  117. ^ (EN) Simon Borg, Beckham reveals more clues about his future plans, mlssoccer.com, 17 novembre 2011. URL consultato il 19 gennaio 2012.
  118. ^ (EN) Simon Borg, A statistical look at David Beckham's career in MLS, lagalaxy.com, 19 novembre 2012. URL consultato il 23 novembre 2012.
  119. ^ (EN) David Beckham to Play His Final Game for the LA Galaxy in MLS Cup 2012, lagalaxy.com, 19 novembre 2012. URL consultato il 23 novembre 2012.
  120. ^ Beckham lascia calcio Usa con 2/o titolo, ANSA, 1º dicembre 2012. URL consultato il 2 dicembre 2012.
  121. ^ Beckham si allena con l'Arsenal, Sport Mediaset, 29 gennaio 2013. URL consultato il 31 gennaio 2013.
  122. ^ (FR) David Beckham signe au Paris Saint-Germain, psg.fr, 31 gennaio 2013. URL consultato il 31 gennaio 2013.
  123. ^ a b Alessandro Grandesso, Beckham al Psg di Ancelotti. Cinque mesi, stipendio in beneficenza, La Gazzetta dello Sport, 31 gennaio 2013. URL consultato il 31 gennaio 2013.
  124. ^ (FR) Paris Saint-Germain-Olympique de Marseille 2-0, lfp.fr. URL consultato il 4 marzo 2013.
  125. ^ Francia, il Psg piega il Marsiglia. Esordio vincente per Beckham, la Repubblica, 24 febbraio 2013. URL consultato il 4 marzo 2013.
  126. ^ Alessandro Grandesso, Ligue 1, Psg-Marsiglia 2-0: Ibrahimovic-gol, Ancelotti solo in vetta, Beckham debutta, La Gazzetta dello Sport, 25 febbraio 2013. URL consultato il 20 marzo 2013.
  127. ^ Alessandro Grandesso, Francia: Lione-Psg 0-1, Menez gol, Ancelotti campione, Ibra litiga con Leonardo, La Gazzetta dello Sport, 12 maggio 2013. URL consultato il 17 maggio 2013.
  128. ^ Beckham si ritira a 38 anni: "Il momento giusto per fermarsi", La Gazzetta dello Sport, 16 maggio 2013. URL consultato il 16 maggio 2013.
  129. ^ Calcio: Beckham capitano per il Paris SG, ANSA, 18 maggio 2013. URL consultato il 20 maggio 2013.
  130. ^ Psg, che festa con Ibrahimovic: 3-1 al Brest, Beckham capitano, La Gazzetta dello Sport, 18 maggio 2013. URL consultato il 20 maggio 2013.
  131. ^  La sortie de David Beckham. psg.fr, 19 maggio 2013. URL consultato in data 20 maggio 2013.
  132. ^ (EN) Moldova 0 - England 3, englandstats.com, 1º settembre 1996. URL consultato il 30 ottobre 2008.
  133. ^ (EN) England in World Cup 1998 Squad Records, englandfootballonline.com. URL consultato il 30 ottobre 2008.
  134. ^ Bruno Bartolozzi, Giancarlo Galavotti, Passarella: dimenticare Maradona, La Gazzetta dello Sport, 30 giugno 1998. URL consultato il 30 ottobre 2008.
  135. ^ (EN) England 2 - Columbia 0, englandstats.com, 26 giugno 1998. URL consultato il 30 ottobre 2008.
  136. ^ (EN) England 2 - Argentina 2, englandstats.com, 30 giugno 1998. URL consultato il 30 ottobre 2008.
  137. ^ Roberto Perrone, Inghilterra, non bastano dieci leoni, Corriere della Sera, 1º luglio 1998. URL consultato il 25 novembre 2011.
  138. ^ (EN) Beckham's darkest hour, UEFA, 12 luglio 2002. URL consultato il 20 agosto 2010.
  139. ^ (EN) Sport: Football - Simeone admits faking World Cup injury, BBC Sport, 2 marzo 1999. URL consultato il 25 novembre 2011.
  140. ^ Pace Beckham-Simeone, la Repubblica, 3 marzo 1999. URL consultato il 25 novembre 2011.
  141. ^ Nicola Cecere, Simeone ha fame di fischi, la Gazzetta dello Sport, 2 marzo 1999.
  142. ^ (EN) England in the European Championship 2000 Squad Records, englandfootballonline.com. URL consultato il 31 ottobre 2008.
  143. ^ Il Portogallo vince una partita da brivido, UEFA, 6 ottobre 2003. URL consultato il 17 giugno 2011.
  144. ^ (EN) Play games behind closed doors, newstatesman.com, 26 giugno 2000. URL consultato il 31 ottobre 2008.
  145. ^ (EN) Media sympathy for Beckham's gesture, BBC Sport, 14 giugno 2000. URL consultato il 31 ottobre 2008.
  146. ^ (EN) Italy 1 - England 0, englandstats.com, 15 novembre 2000. URL consultato il 31 ottobre 2008.
  147. ^ (EN) England in World Cup 2002 Squad Records, englandfootballonline.com. URL consultato il 31 ottobre 2008.
  148. ^ (EN) England 1 - Argentina 0, englandstats.com, 7 giugno 2002. URL consultato il 31 ottobre 2008.
  149. ^ (EN) England in the European Championship 2004 Squad Records, englandfootballonline.com. URL consultato il 31 ottobre 2008.
  150. ^ Francia 2-1 Inghilterra, UEFA, 13 giugno 2004. URL consultato il 9 gennaio 2010.
  151. ^ Portogallo in semifinale, battuta l'Inghilterra ai rigori, La Repubblica, 24 giugno 2004. URL consultato il 31 ottobre 2008.
  152. ^ (EN) England in World Cup 2006 Squad Records, englandfootballonline.com. URL consultato il 31 ottobre 2008.
  153. ^ Nicola Apicella, Inghilterra-Paraguay 1-0, La Repubblica, 10 giugno 2006. URL consultato il 31 ottobre 2008.
  154. ^ L'Inghilterra soffre ma vince. Il gruppo Eriksson agli ottavi, La Repubblica, 15 giugno 2006. URL consultato il 31 ottobre 2008.
  155. ^ L'Inghilterra vince senza brillare. Nei quarti grazie a Beckham, La Repubblica, 25 giugno 2006. URL consultato il 31 ottobre 2008.
  156. ^ (EN) England 1-0 Ecuador, BBC Sport, 25 giugno 2006. URL consultato il 31 ottobre 2008.
  157. ^ Ricardo porta il Portogallo in semifinale. La corsa degli inglesi finisce ai rigori, La Repubblica, 1º luglio 2006. URL consultato il 31 ottobre 2008.
  158. ^ (EN) Beckham quits as England captain, BBC Sport, 1º luglio 2006. URL consultato il 31 ottobre 2008.
  159. ^ (EN) Terry named new England skipper, BBC Sport, 10 agosto 2006. URL consultato il 31 ottobre 2008.
  160. ^ (EN) Becks and England suffer Wembley woe, ESPN, 22 agosto 2007. URL consultato il 31 ottobre 2008.
  161. ^ Petrić condanna l'Inghilterra, UEFA, 21 novembre 2007. URL consultato il 9 gennaio 2009.
  162. ^ (EN) Beckham achieves century landmark, BBC Sport, 26 marzo 2008. URL consultato il 2 novembre 2008.
  163. ^ (EN) Charlie Caroe, David Beckham century gift - a golden ipod, The Daily Telegraph, 24 settembre 2008. URL consultato il 17 giugno 2011.
  164. ^ (EN) Fabio Capello trims squad for trip to Trinidad & Tobago, The Times, 29 maggio 2008. URL consultato il 2 novembre 2008.
  165. ^ (EN) England expose U.S. shortcomings, ESPN, 28 maggio 2008. URL consultato il 2 novembre 2008.
  166. ^ Eddie Akoglu, Inghilterra, Beckham torna capitano, tuttomercatoweb.com, 1º giugno 2008. URL consultato il 2 novembre 2008.
  167. ^ Emiliano Pozzoni, La Spagna incorona Capello. Beckham, un record amaro, La Gazzetta dello Sport, 11 febbraio 2009. URL consultato il 12 febbraio 2009.
  168. ^ (EN) Spain 2 - England 0, englandstats.com, 11 febbraio 2009. URL consultato il 12 febbraio 2009.
  169. ^ L'Irlanda del Trap pareggia. Beckham: 109 con l'Inghilterra, Sky Sport, 28 marzo 2009. URL consultato il 29 marzo 2009.
  170. ^ (EN) England 4 - Slovakia 0, englandstats.com, 28 marzo 2009. URL consultato il 29 marzo 2009.
  171. ^ (EN) Chris Burton, Background role for Becks, Sky Sports, 24 maggio 2010. URL consultato il 13 giugno 2010.
  172. ^ Federica Barbi, Capello: "Beckham in Sudafrica ma non da allenatore", milannews.it, 24 maggio 2010. URL consultato il 13 giugno 2010.
  173. ^ a b c d Regular season+play-off.
  174. ^ David Beckham OBE, Goodwill Ambassador, UNICEF UK. URL consultato il 17 giugno 2011.
  175. ^ Le star internazionali si uniscono per i bambini contro l'AIDS, UNICEF Italia. URL consultato il 1º dicembre 2005.
  176. ^ David Beckham con l'UNICEF in Sierra Leone (galleria fotografica), UNICEF Italia. URL consultato il 3 novembre 2008.
  177. ^ (EN) David Beckham's Charity Work, looktothestars.org. URL consultato il 3 novembre 2008.
  178. ^ (EN) Charlotte Higgins, Beckham to appear in Goal! film trilogy, The Guardian, 4 novembre 2004. URL consultato il 3 novembre 2008.
  179. ^ (EN) Full cast and crew for Bend It Like Beckham (2002), IMDb. URL consultato il 3 novembre 2008.
  180. ^ (EN) David Beckham's Hollywood snub, AskMen.com, 2 marzo 2007. URL consultato il 3 novembre 2008.
  181. ^ (EN) Sponsorship: The Brand that Beckham Built (PDF), unet.univie.ac.at, p. 9-14. URL consultato il 10 marzo 2009.
  182. ^ a b c (EN) Beckham gives the boot to Gillette deal, The Times, 5 luglio 2007. URL consultato il 3 novembre 2008.
  183. ^ Secondo Industry la cifra è stata sovrastimata, verosimilmente è compresa tra 2 e 3 milioni di sterline.
  184. ^ (EN) Going Flat: Beckham, Pepsi Ending Sponsorship After 10 Years, sportsbusinessdaily.com, 29 dicembre 2008. URL consultato il 17 giugno 2011.
  185. ^ (EN) Pepsi and Beckham end endorsement relationship, Reuters, 31 dicembre 2008. URL consultato il 17 giugno 2011.
  186. ^ (EN) David Beckham Soccer - PS, gamespot.com. URL consultato il 29 novembre 2010.
  187. ^ (EN) David Beckham Soccer, mobygames.com. URL consultato il 29 novembre 2010.
  188. ^ (EN) David Beckham Soccer, gamefaqs.com. URL consultato il 29 novembre 2010.
  189. ^ (EN) Go! Go! Beckham! Adventure of Soccer Island - Game Boy Advance, ign.com. URL consultato il 29 novembre 2010.
  190. ^ (EN) Vodafone Dumps Beckham, softpedia.com, 26 luglio 2005. URL consultato il 3 novembre 2008.
  191. ^ Simona Marchetti, Beckham in mutande per 28 milioni di euro, La Gazzetta dello Sport, 14 settembre 2007. URL consultato il 29 ottobre 2010.
  192. ^ (EN) David Beckham Named Brand Ambassador for EA SPORTS Active 2, ea.com, 17 agosto 2010. URL consultato il 29 novembre 2010.
  193. ^ David Beckham testimonial di EA Spots Active 2, pubblicitaitalia.it, 18 agosto 2010. URL consultato il 29 novembre 2010.
  194. ^ Enrico Franceschini, Beckham, l'uomo di platino un divo da 70 mila euro al giorno, la Repubblica, 2 dicembre 2005. URL consultato il 26 marzo 2009.
  195. ^ (EN) Matt Blake, Victoria and David Beckham make £2.5m profit as a brand, The Daily Mirror, 13 febbraio 2009. URL consultato il 262009.
  196. ^ (EN) CKx Inc. Company Overview, ckx.com. URL consultato il 26 marzo 2009.
  197. ^ Gianfrancesco Turano, Beckham Spa, il broker della Nazionale inglese, Corriere della Sera, 9 febbraio 2009. URL consultato il 26 marzo 2009.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 95036002 LCCN: n98880012