Ryan Giggs

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ryan Giggs
Ryan Giggs vs MLS All Stars 2010.jpg
Dati biografici
Nome Ryan Joseph Giggs
Nazionalità Inghilterra Inghilterra
Galles Galles (dal 1989)
Altezza 179 cm
Peso 68 kg
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Centrocampista
Squadra Manchester Utd Manchester Utd
Carriera
Giovanili
1985-1987
1987-1990
Manchester City Manchester City
Manchester Utd Manchester Utd
Squadre di club1
1990- Manchester Utd Manchester Utd 671 (114)
Nazionale
1989
1989
1990
1991-2007
2012
Inghilterra Inghilterra U-16
Galles Galles U-18
Galles Galles U-21
Galles Galles
Regno Unito Regno Unito olimpica
1 (1)
3 (0)
1 (0)
64 (12)
4 (1)
Carriera da allenatore
2013- Manchester Utd Manchester Utd Assistente
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 22 febbraio 2014

Ryan Joseph Giggs, nato come Ryan Joseph Wilson (Cardiff, 29 novembre 1973), è un calciatore gallese, ala sinistra del Manchester United e già componente per sedici anni della Nazionale gallese.

È primatista di presenze (159) con la maglia dei Red Devils nelle competizioni UEFA per club.[1]

Dal 21 maggio 2008 è il primatista di presenze con la divisa del Manchester United, in cui milita dal 1990; quel giorno ha disputato la sua 759ª gara con i Red Devils. Dal 5 marzo 2013 è diventato uno dei calciatori ad aver disputato almeno 1000 partite in carriera da professionista.[2][3][4]

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Fino alla maggiore età (che nel Regno Unito corrisponde ai 16 anni), il suo cognome era Wilson e aveva la nazionalità inglese. Il non ottimo rapporto con il padre lo ha portato a cambiare cognome e scegliere la Nazionale gallese: la madre infatti è gallese e il suo cognome è appunto Giggs.[5]

Nel maggio 2011, il quotidiano scozzese Sunday Herald rivela una relazione extraconiugale del calciatore avuta con Imogen Thomas, eletta Miss Galles 2003 ed ex partecipante al Grande Fratello inglese.[6] Nei giorni successivi, viene a galla una relazione durata 8 anni tra il calciatore e la moglie di suo fratello Rhodri, Natasha. Inoltre la madre di quest'ultima, la quarantanovenne Lorraine Lever, rivela tramite le pagine del tabloid inglese Daily Mirror di aver ricevuto da Giggs avances sessuali. Se da una parte la moglie Stacey sembra intenzionata a perdonare le scappatelle del marito, a causa di questi pesanti scandali, il giocatore rischia però di veder rescindere i suoi contratti pubblicitari, tra i quali quello da 20 milioni di sterline con la casa sportiva Reebok.[7] Attualmente ha il soprannome di TheGhig.

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Club[modifica | modifica sorgente]

Ryan Giggs nel 2006

Diventa professionista il 29 novembre 1990, nel giorno del suo diciassettesimo compleanno; fa invece il suo debutto in Premier League contro l'Everton all'Old Trafford il 2 marzo 1991, sostituendo Denis Irwin in una sconfitta per 2-0. Poco dopo debutta anche con la Nazionale del Galles, diventando il più giovane giocatore ad aver esordito con tale compagine (primato poi battuto dal connazionale Gareth Bale).

Il 18 novembre 1995 ha realizzato il gol più veloce della storia del Manchester United, quando in appena 15 secondi ha segnato al Southampton.

Il 1999 è l'anno migliore della sua carriera: in tale stagione vince infatti Premier League, FA Cup e Champions League. Segna un gol in semifinale di FA Cup del 1999 contro l'Arsenal nei tempi supplementari, realizzato al culmine di un'azione personale iniziata partendo dalla sua metà campo. È stato poi inserito nel Best Team degli anni novanta dall'UEFA accanto a nomi del calibro di Marco van Basten e Zinédine Zidane. I tifosi del Manchester lo hanno eletto miglior giocatore di sempre nella storia della squadra.

Segna il suo 100º gol in Premier League contro il Derby County l'8 dicembre 2007, in una partita vinta dallo United 4-1. Il 20 febbraio mette a referto la sua 100a presenza nella UEFA Champions League in una partita contro il Lione e l'11 maggio 2008, nell'ultima giornata di Premier League 07/08, sostituisce Park Ji-Sung eguagliando il record di Bobby Charlton di 758 presenze con la maglia dello United. Nella stessa partita, vinta dal Manchester United contro il Wigan per 2 a 0, Giggs segna il secondo gol, che regala al club il suo decimo titolo di campionato.

Dieci giorni dopo, il 21 maggio 2008, sorpassa il record di presenze di Bobby Charlton entrando al posto di Paul Scholes nell'ottantasettesimo minuto della finale di Champions League contro il Chelsea. Lo United vincerà poi la finale, sconfiggendo il Chelsea 6-5 ai rigori dopo l'1-1 alla fine dei supplementari. Giggs segna quello che diviene il rigore decisivo (dopo che il giocatore del Chelsea Nicolas Anelka aveva sbagliato il rigore finale) e diventa l'unico giocatore britannico, con Steve McManaman e il suo compagno di squadra Owen Hargreaves, ad aver giocato e vinto più di una finale di Champions League.

Il 26 aprile 2009 è stato eletto, per la prima volta nella sua carriera, giocatore dell'anno della PFA, nonostante abbia giocato appena dodici partite durante la stagione 2008-2009 al momento di ricevere il trofeo. Il premio è dunque un omaggio alla sua lunga carriera.

La sua 800ª presenza per il Manchester United arriva il 29 aprile 2009, nella semifinale di Champions League vinta per 1-0 contro l'Arsenal. La sua 600ª presenza in Premier League arriva il 16 gennaio 2011 nella partita contro il Tottenham finita 0-0.

Il 31 gennaio 2011 viene votato come miglior giocatore della storia dei Red Devils, superando campioni come George Best e Sir Bobby Charlton[8] e il 18 febbraio 2011 firma il rinnovo del contratto che lo lega ai Red Devils fino al 2012.[9]

Inoltre è il giocatore con più presenze 15 nella Community Shield ed è anche quello con più vittorie, con dieci trofei.

Il 10 ottobre 2011 gli viene assegnato il Golden Foot, premio internazionale alla carriera conferito a calciatori che abbiano almeno 29 anni.[10]

Il 10 febbraio 2012 firma il rinnovo del contratto che lo lega per un altro anno al club dei Red Devils.

Il 26 febbraio 2012 nella partita di Premier League contro il Norwich City (finita 2-1 per i Red Devils) va in gol al 90', permettendo alla sua squadra di vincere e festeggiare nel miglior modo possibile la sua 900ª presenza in assoluto col Manchester United.[11]

Il 1º marzo 2013 firma il rinnovo del contratto, in scadenza il 30 giugno 2013, per un altro anno con il Manchester United.

Il 5 marzo 2013 nella sfida interna contro il Real Madrid, valevole per l'ottavo di finale di Champions League, raggiunge la 1000ª presenza da professionista.[2]

A partire dalla stagione 2013-2014 ricoprirà un doppio ruolo visto che, oltre a proseguire la carriera da giocatore, sarà anche assistente dell'allenatore David Moyes.[12]

L'11 agosto 2013 conquista la sua decima Community Shield nella gara vinta per 2-0 dal Manchester United contro il Wigan.

Il 2 ottobre 2013, superando Raúl González Blanco (144), diviene il giocatore con più presenze in assoluto (145) nella UEFA Champions League.[13]

Il 7 gennaio 2014, durante la partita di andata delle semifinali di League Cup contro il Sunderland, segna per la prima volta in 25 anni di carriera un autogol.[14]

Nazionale[modifica | modifica sorgente]

È stato espulso una sola volta in tutta la sua carriera, per doppia ammonizione. Con la maglia della sua nazione, ha giocato per 16 anni, collezionando 64 presenze e mettendo a segno 12 reti. Nel 2007, all'età di 34 anni, ha deciso di chiudere la sua esperienza con la nazionale.

Statistiche[modifica | modifica sorgente]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica sorgente]

Statistiche aggiornate al 1º aprile 2014.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
1990-1991 Inghilterra Manchester United FD 2 1 FACup+CdL 0 0 CdC 0 0 CS 0 0 2 1
1991-1992 FD 38 4 FACup+CdL 3+8 0+3 CdC 1 0 SU 1 0 51 7
1992-1993 PL 41 9 FACup+CdL 2+2 2+0 CU 1 0 - - - 46 11
1993-1994 PL 38 13 FACup+CdL 7+8 1+3 UCL 4 0 CS 1 0 58 17
1994-1995 PL 29 1 FACup+CdL 7+0 1+0 UCL 3 2 CS 1 0 40 4
1995-1996 PL 33 11 FACup+CdL 7+2 1+0 CU 2 0 - - - 44 12
1996-1997 PL 26 3 FACup+CdL 3+0 0 UCL 7 2 CS 1 0 37 5
1997-1998 PL 29 8 FACup+CdL 2+0 0 UCL 5 1 CS 1 0 37 9
1998-1999 PL 24 3 FACup+CdL 6+1 2+0 UCL 9 5 CS 1 0 41 10
1999-2000 PL 30 6 FACup+CdL 0 0 UCL 11 1 CS+SU+CInt+Cmc 0+0+1+2 0 44 7
2000-2001 PL 31 5 FACup+CdL 2+0 0 UCL 11 2 CS 1 0 45 7
2001-2002 PL 25 7 FACup+CdL 1+0 0 UCL 13 2 CS 1 0 40 9
2002-2003 PL 36 8 FACup+CdL 3+5 2+0 UCL 15 5 - - - 59 15
2003-2004 PL 33 7 FACup+CdL 5+0 0 UCL 8 1 CS 1 0 47 8
2004-2005 PL 32 5 FACup+CdL 4+1 0+1 UCL 6 2 CS 1 0 44 8
2005-2006 PL 27 3 FACup+CdL 2+3 1+0 UCL 5 1 - - - 37 5
2006-2007 PL 30 4 FACup+CdL 6+0 0 UCL 8 2 - - - 44 6
2007-2008 PL 31 3 FACup+CdL 2+0 0 UCL 9 0 CS 1 1 43 4
2008-2009 PL 28 2 FACup+CdL 2+4 0+1 UCL 11 1 CS+SU+Cmc 1+0+1 0 47 4
2009-2010 PL 25 5 FACup+CdL 1+2 0+1 UCL 3 1 CS 1 0 32 7
2010-2011 PL 25 2 FACup+CdL 3+1 1+0 UCL 8 1 CS 1 0 38 4
2011-2012 PL 25 2 FACup+CdL 0+2 0+1 UCL+UEL 3+2 1+0 CS 0 0 33 4
2012-2013 PL 22 2 FACup+CdL 4+1 1+2 UCL 5 0 - - - 32 5
2013-2014 PL 11 0 FACup+CdL 0+2 0 UCL 7 0 CS 1 0 21 0
Totale carriera 671 114 115 24 157 30 19 1 962 169

Cronologia presenze e reti in Nazionale[modifica | modifica sorgente]

Record[modifica | modifica sorgente]

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

Club[modifica | modifica sorgente]

Competizioni nazionali[modifica | modifica sorgente]

Manchester United: 1992-1993, 1993-1994, 1995-1996, 1996-1997, 1998-1999, 1999-2000, 2000-2001, 2002-2003, 2006-2007, 2007-2008, 2008-2009, 2010-2011, 2012-2013
Manchester United: 1993-1994, 1995-1996, 1998-1999, 2003-2004
Manchester United: 1991-1992, 2005-2006, 2008-2009, 2009-2010
Manchester United: 1993, 1994, 1996, 1997, 2003, 2007, 2008, 2010, 2011, 2013

Competizioni internazionali[modifica | modifica sorgente]

Manchester United: 1990-1991
Manchester United: 1991
Manchester United: 1998-1999, 2007-2008
Manchester United: 1999
Manchester United: 2008

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Ufficiale dell'Ordine dell'Impero Britannico - nastrino per uniforme ordinaria Ufficiale dell'Ordine dell'Impero Britannico
— 2007

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Man. United, UEFA.com. URL consultato il 10 febbraio 2014.
  2. ^ a b Jacopo Gerna, Champions, Giggs a quota 1000 presenze da professionista in La Gazzetta dello Sport, 5 marzo 2013. URL consultato il 6 marzo 2013.
  3. ^ (EN) Manchester United swept Fulham aside at Old Trafford to march into the fifth round of the FA Cup. URL consultato il 1º febbraio 2013.
  4. ^ (NL) Gretige Giggs richt pijlen na duizendste duel op FA Cup. URL consultato il 31 gennaio 2013.
  5. ^ (EN) Ryan Giggs profile
  6. ^ Curiosport - In Inghilterra scoppia lo scandalo Giggs - Yahoo! Eurosport
  7. ^ Curiosport - Ryan Giggs "è un malato di sesso" - Yahoo! Eurosport
  8. ^ (EN) Giggs: United's greatest, manutd.com.
  9. ^ (EN) New deal for Giggs, manutd.com.
  10. ^ Premier League - Golden Foot 2011: premiato Ryan Giggs, eurosport.yahoo.com. URL consultato il 10 ottobre 2011.
  11. ^ Giggs, 900 partite con lo United e non sentirle: suo il goal-partita contro il Norwich! in Goal.com, 26 febbraio 2012.
  12. ^ Giggs giocatore/allenatore allo United in Uefa.com, 4 luglio 2013.
  13. ^ (ES) Giggs supera a Raúl en partidos jugados en la Champions in futbol.as.com, 2 ottobre 2013.
  14. ^ (EN) Man Utd: First ever own goal for Giggs in sportsdirectnews.com, 7 gennaio 2014.
  15. ^ Ha segnato anche nel campionato precedente alla creazione della Premier League.
  16. ^ Ha disputato anche due edizioni della First Division prima dell'istituzione della Premier League.
  17. ^ Paul Saffer, Giggs non perde il vizio, uefa.com, 16 settembre 2011. URL consultato il 29 marzo 2014.
  18. ^ Ryan Giggs – UEFA.com, uefa.com. URL consultato il 29 marzo 2014.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 51433558 LCCN: no2006001383