John Toshack

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
John Toshack
John Toshack 2011.jpg
Dati biografici
Nome John Benjamin Toshack
Nazionalità Galles Galles
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Allenatore (ex attaccante)
Ritirato 1983 - calciatore
Carriera
Squadre di club1
1965-1970 Cardiff City Cardiff City 162 (74)
1970-1978 Liverpool Liverpool 246 (96)
1978-1983 Swansea City Swansea City 63 (25)
Nazionale
1969-1980 Galles Galles 40 (12)
Carriera da allenatore
1978-1984 Swansea City Swansea City
1984-1985 Sporting CP Sporting CP
1985-1989 Real Sociedad Real Sociedad
1989-1991 Real Madrid Real Madrid
1991-1994 Real Sociedad Real Sociedad
1994 Galles Galles
1995-1997 Deportivo Deportivo
1997-1999 Besiktas Beşiktaş
1999-2000 Real Madrid Real Madrid
2000-2001 Saint-Etienne Saint-Étienne
2001-2002 Real Sociedad Real Sociedad
2002-2003 Catania Catania
2003-2004 Real Murcia Real Murcia
2004-2010 Galles Galles
2011-2012 Macedonia Macedonia
2013- Xezer-Lenkeran Xəzər-Lənkəran
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 28 marzo 2013

John Benjamin Toshack (Cardiff, 22 marzo 1949) è un allenatore di calcio ed ex calciatore britannico, già nazionale gallese.

È primatista di reti (11) con la maglia del Cardiff City nelle competizioni calcistiche europee.[1]

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Giocatore[modifica | modifica sorgente]

Club[modifica | modifica sorgente]

Nato a Cardiff, iniziò a giocare come attaccante nel Cardiff City a 16 anni. Con i rossoblù vinse quattro Coppe del Galles (1967, 1968, 1969 e 1970). A ventuno anni fu notato da Bill Shankly e da lui fu acquistato per il Liverpool per 110.000 £. Il suo debutto in First Division fu il 14 novembre 1970 contro il Coventry City. Segnò il primo gol il 21 novembre, nella spettacolare rimonta contro l'Everton (da 0-2 a 3-2). Toshack segnò il 2-2 e questo gli diede una grandissima popolarità tra i tifosi dei Reds.

Durante la stagione successiva arrivò Kevin Keegan, con cui Toshack formò una coppia d'attacco affiatatissima e formidabile. A proposito, David Coleman disse: «Toshack, Keegan, one nil!» (cioè Toshack-Keegan, 1-0). La rivista sportiva Shoot li accostò ai personaggi dei cartoni animati Batman e Robin, facendo anche un servizio fotografico della coppia in costume da paladini della giustizia.

Keegan aveva segnato 100 gol esatti quando lasciò Toshack e il Liverpool per andare all'Amburgo e la maggior parte erano stati frutto degli assist dell'attaccante gallese. Toshack invece segnò 96 reti nella sua prima esperienza con i Red, vincendo i campionati del 1973, 1976 e 1977, le Coppe dei Campioni 1976-77 e 1977-78, l'F.A. Cup 1974, il Charity Shield nel 1976 e la Coppa UEFA nel 1973 e 1976. In totale ha disputato 246 partite (con 96 gol) in First Division con la maglia del Liverpool.

Segnato da vari infortuni, nel 1978 tornò in Galles per giocare con lo Swansea City, dove iniziò anche ad allenare. Lasciò il calcio giocato nel 1983.

Nazionale[modifica | modifica sorgente]

Giocò anche per la nazionale gallese, dalle giovanili fino alla prima squadra, segnando 12 reti in 40 presenze.

Allenatore[modifica | modifica sorgente]

Toshack portò il grande calcio al Vetch Field: grazie a tre promozioni consecutive, lo Swansea City passò dalla Fourth Division (quarto livello) alla First Division (primo livello). Nel 1981 lo Swansea esordì nella massima divisione inglese, ottenendo la salvezza. Toshack fu anche insignito del titolo di cavaliere dell'Ordine dell'Impero Britannico per meriti sportivi. Si dimise nell'ottobre 1983, e due mesi dopo lo Swansea lo richiamò sulla propria panchina.

Nel 1984 fu ingaggiato dallo Sporting Lisbona, l'anno successivo passò al Real Sociedad. Con la squadra basca iniziò il suo periodo d'oro in Spagna. Nel 1987 vinse la Copa del Rey. Nel 1989 passò al Real Madrid che portò alla conquista della Primera División nel 1990. Nel 1991 tornò al Real Sociedad, in cui venne per la prima volta esonerato dopo 11 giornate nel 1994-95. Nel 1995 è al Deportivo la Coruña (a stagione iniziata), con cui vince la Supercopa de España 1995.

Ancora esonerato nel 1997, in estate lascia la Spagna per tentare l'avventura in Turchia. Ingaggiato dal Beşiktaş, vince la Coppa di Turchia e a metà della stagione 1998-99 abbandona la squadra per tornare al capezzale del Real Madrid. La seconda stagione resiste appena 11 partite e la squadra madrileña lo licenzia. A questo punto Toshack inizia a girovagare per l'Europa con poca fortuna: Saint-Étienne, che lascia dopo 12 partite per tornare ancora al Real Sociedad, Catania e Real Murcia. Toshack venne anche soprannominato "Tisky Tosky" dai tifosi siciliani, nella breve permanenza sulla panchina etnea, in quanto la pronuncia del nome molto spesso veniva storpiata.

Toshack è stato allenatore della nazionale gallese in due riprese. Chiamato nel 1994 dopo essere stato esonerato dal Real Sociedad, rimase in panchina solo per la sconfitta contro la Norvegia. Nel 2004, rimasto senza contratto, è subentrato a Mark Hughes alla guida della nazionale biancoverde fino al 2010. Il 7 agosto 2011 firma il contratto con la federazione macedone, è subentrato a Mirsad Jonuz, ma il 13 agosto 2012 viene sollevato dall'incarico.

L'8 marzo 2013 viene annunciato che, a partire dal 15 marzo, sarà l'allenatore del FK Khazar Lenkoran che milita nella Premyer Liqası.

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

Giocatore[modifica | modifica sorgente]

Cardiff City: 1966-1967, 1967-1968, 1968-1969, 1969-1970
Liverpool: 1972-1973, 1975-1976, 1976-1977
Liverpool: 1973-1974
Liverpool: 1974, 1976, 1977
Liverpool: 1976-1977, 1977-1978,
Liverpool: 1972-1973, 1975-1976
Liverpool: 1977

Giocatore/Allenatore[modifica | modifica sorgente]

Swansea: 1978-1979
Swansea: 1979-1980
Swansea: 1980-1981
Swansea: 1980-1981, 1981-1982, 1982-1983

Allenatore[modifica | modifica sorgente]

Real Sociedad: 1986-1987
Real Madrid: 1989-1990
Deportivo: 1995
  • Coppa di Turchia : 1
Besiktas: 1997-1998

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Almanacco illustrato del calcio 2003. Modena, Panini, 2002.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Cardiff City AFC, UEFA.com. URL consultato il 9 febbraio 2014.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]