Association Sportive de Saint-Étienne Loire

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
AS Saint-Étienne
Calcio Football pictogram.svg
AS-Saint-Etienne.png
Les Verts
Segni distintivi
Uniformi di gara
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Trasferta
Colori sociali 600px Star on green and white.png Bianco-verde
Dati societari
Città Saint-Étienne
Paese Francia Francia
Confederazione UEFA
Federazione Flag of France.svg FFF
Campionato Ligue 1
Fondazione 1920
Presidente Francia Bernard Caïazzo
Allenatore Francia Christophe Galtier
Stadio Geoffroy-Guichard
(35.600 posti)
Sito web www.asse.fr
Palmarès
Ligue1 trophy.svgLigue1 trophy.svgLigue1 trophy.svgLigue1 trophy.svgLigue1 trophy.svgLigue1 trophy.svgLigue1 trophy.svgLigue1 trophy.svgLigue1 trophy.svgLigue1 trophy.svg
Titoli di Francia 10
Trofei nazionali 6 Coppe di Francia
1 Coppa di Lega
2 Coppe Drago
5 Supercoppe di Francia
Soccerball current event.svg Stagione in corso
Si invita a seguire il modello di voce

L'Association Sportive de Saint-Étienne Loire (abbreviato spesso in ASSE o Saint-Étienne), è una società calcistica francese, con sede nella città di Saint-Étienne.

Fu fondata nel 1920 e gioca le partite casalinghe nello Stade Geoffroy-Guichard di Saint-Étienne. È la squadra più titolata del calcio francese, avendo vinto dieci campionati, sei Coppe di Francia, una Coppa di Lega e cinque Supercoppe francesi. In ambito internazionale il miglior risultato è il raggiungimento della finale di Coppa dei Campioni nel 1975-1976, persa contro il Bayern Monaco.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Primi anni[modifica | modifica sorgente]

Una fase di gioco della partita ASSE-OM del campionato 1938-39.

Il Saint-Étienne fu fondato nel 1919 dai membri di una catena di negozi alimentari sotto il nome di Amicale des employés de la Société des magasins Casino (ASC). La squadra indossò magliette verdi, colore della catena; l'anno successivo il nome viene cambiato in Amical Sporting Club, in accordo con le regole della FFF.

Nel 1928 l'Amical si fuse con l'A.S. Stéphanoise e lo Stade Forézien Universitaire; Pierre Guichard, il presidente dell'epoca, decise che la denominazione del nuovo club doveva essere Association Sportive Stéphanoise. L'ultimo cambio di nome avvenne nel 1933, quando il club diventò professionistico: l'ASS diventò Association Sportive de Saint-Étienne. Cinque anni dopo il club fu promosso per la prima volta nella Division 1.

Gli anni d'oro[modifica | modifica sorgente]

Nel 1955 l'ASSE vinse il suo primo trofeo, la Coppa Charles Drago. Tre stagioni più tardi conquistò il suo primo titolo nazionale: di conseguenza partecipò per la prima volta alla Coppa dei Campioni, perdendo al turno preliminare contro il Rangers.

Roger Rocher divenne presidente del club nel 1961. L'anno seguente la squadra vinse la Coppa di Francia, ma paradossalmente venne retrocessa in Division 2. All'ASSE bastò un anno per risalire nella massima divisione, e nel 1963-64 ottenne il secondo titolo nazionale della sua storia. Tra il 1967 e il 1970 il Saint-Étienne infilò una serie di quattro campionati consecutivi, aggiungendo anche due Coppe di Francia (1967 e 1970) e tre Supercoppe alla bacheca dei trofei.

Il Saint-Étienne della stagione 1975-76, finalista di Coppa dei Campioni, qui schierato prima della vittoriosa semifinale di ritorno contro il PSV.

Nel 1972 fu nominato allenatore Robert Herbin: egli condusse al double i biancoverdi nel 1973-74 e nel 1975-76. In quello stesso anno i francesi persero la finale di Coppa dei Campioni per 1-0 contro i tedeschi del Bayern Monaco. L'ASSE continuò la striscia vincente con la vittoria della Coppa di Francia nel 1976-77. La loro ultima conquista del campionato avvenne nel torneo 1980-81, con il decimo titolo nazionale.

Il declino[modifica | modifica sorgente]

Nel 1982 uno scandalo finanziario condusse il club verso un inesorabile declino delle prestazioni. Il presidente Rocher fu costretto a lasciare il club, per poi passare molti mesi in carcere. Da quell'anno il Saint-Étienne incorse in molte stagioni segnate da risultati oscillanti tra la metà della Division 1 e la Division 2. Nonostante le prestazioni del club fossero di gran lunga inferiori rispetto a quelle del passato, l'ASSE beneficiò sempre del supporto incondizionato dei propri tifosi.

Il club tornò in prima divisione nel 1998-99, con un inatteso sesto posto. I tifosi sperarono in un ritorno alla gloria del passato grazie ai centravanti brasiliani Alex e Aloisio, ma nel 2001 i due sudamericani e il portiere ucraino Levytsky furono sospesi per quattro mesi per aver usato passaporti falsi. Alla fine dello scandalo, al quale furono collegati anche alcuni dirigenti, furono sottratti sette punti in campionato ai biancoverdi, fatto che causò la retrocessione nella divisione inferiore.

L'ultima risalita in Ligue 1 risale al 2004 e l'anno seguente, grazie a un sesto posto, il club biancoverde riuscì a qualificarsi per la Coppa Intertoto; dopo aver battuto il Neuchâtel Xamax, non riuscì a superare le semifinali contro il Cluj. Nel 2008 il club finisce al quinto posto nel campionato francese e quindi si qualifica per l'UEFA Cup, ormai UEFA Europa League. La qualificazione provoca una grande soddisfazione per i tifosi biancoverdi, dato che il club francese più titolato non era riuscito a disputare una Coppa Europea da 26 anni. Il club è eliminato in ottavi di finale dal Werder Bremen (finalista) (3-2) dopo avere sconfitto l'Olympiakos (5-2) nei sedicesimi di finale e tenuto in scacco il Valencia (2-2) al primo turno. Ma la stessa stagione (2008-2009), nel campionato di Ligue 1, i biancoverdi finiscono al diciassettesimo posto, a tre punti dal diciottesimo, primo relegato in Ligue 2. Nella stagione seguente il club finisce di nuovo al diciassettesimo posto. I tifosi, che hanno vinto le due prime edizioni del "Campionato francese delle tribune" (nel 2008 e nel 2009), premio che ricompensa i tifosi considerati i migliori dalla stampa, si spazientiscono.

Dopo un “digiuno” durato 32 anni, il Saint-Étienne è tornato a vincere un trofeo. Ha infatti conquistato la coppa di Lega francese battendo in finale, il 20 aprile 2013, lo Stade Rennes per 1-0, grazie alla rete del brasiliano Brandão, che era stato decisivo anche l’anno precedente quando aveva trascinato al successo in questa competizione il Marsiglia. Il Saint-Étienne non vinceva qualcosa dal 1981, quando aveva ottenuto l’ultimo dei suoi dieci titoli di campione nazionale. Con questo successo i verdi si sono guadagnati anche l’accesso ai preliminari della prossima Europa League.

Allenatori[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Categoria:Allenatori dell'A.S. Saint-Étienne Loire.

Giocatori[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Categoria:Calciatori dell'A.S. Saint-Étienne Loire.

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

Competizioni nazionali[modifica | modifica sorgente]

1956-57, 1963-64, 1966-67, 1967-68, 1968- 69, 1969-70, 1973-74, 1974-75, 1975-76, 1980-81
1961-62, 1967-68, 1969-70, 1973-74, 1974-75, 1976-77
2012-13
1957, 1962, 1967, 1968, 1969
1962-63, 1998-99, 2003-04
1954-55, 1957-58
1955-56, 1958-59, 1976-77, 1979-80
1951-52, 1963-64, 1968-69, 1979-80
2007, 2008, 2009

Altri piazzamenti[modifica | modifica sorgente]

Finale: 1975-76
Secondo posto: 1945-46, 1970-71, 1981-82
Secondo posto: 1937-38, 1985-86
Finale: 1959-60, 1980-81, 1981-82

Tifoseria[modifica | modifica sorgente]

La tifoseria dell'ASSE in trasferta a Parigi nel 2008

I tifosi del Saint-Étienne (Magic Fans 1991) sono gemellati con quelli del Cesena e del Brescia (Brescia 1911). Inoltre, i tifosi verdi sono spesso considerati tra i più numerosi di Francia.

Organico 2013-2014[modifica | modifica sorgente]

Rosa[modifica | modifica sorgente]

Rosa aggiornata al 20 agosto 2013.[1]

N. Ruolo Giocatore
1 Francia P Baptiste Valette
2 Francia D Benoît Trémoulinas
5 Francia C Franck Tabanou
6 Francia C Jérémy Clément
7 Costa d'Avorio A Max Gradel
8 Francia C Benjamin Corgnet
9 Brasile A Brandão
10 Francia C Renaud Cohade
11 Francia A Idriss Saadi
12 Francia D Jean-Pascal Mignot
14 Francia A Lynel Kitambala
16 Francia P Stéphane Ruffier
18 Francia C Fabien Lemoine
N. Ruolo Giocatore 600px Star on green and white.png
19 Francia C Yohan Mollo
20 Francia D Jonathan Brison
21 Francia C Romain Hamouma
22 Turchia A Mevlüt Erdinç
23 Francia D Paul Baysse
24 Francia D Loïc Perrin
25 Romania C Bănel Nicoliţă
26 Senegal D Moustapha Sall
27 Guinea D Florentin Pogba
28 Costa d'Avorio C Ismaël Diomandé
29 Francia D François Clerc
30 Francia P Jessy Moulin
Francia A Kévin Monnet-Paquet

Staff tecnico[modifica | modifica sorgente]

AS-Saint-Etienne.png
Staff dell'area tecnica

Rosa 2012-2013[modifica | modifica sorgente]

N. Ruolo Giocatore
4 Francia D Kurt Zouma
6 Francia C Jérémy Clément
7 Gabon A Pierre-Emerick Aubameyang
9 Costa d'Avorio A Max Gradel
10 Francia C Renaud Cohade
11 Francia C Yohan Mollo
12 Francia D Jean-Pascal Mignot
13 Algeria D Faouzi Ghoulam
14 Brasile A Brandão
15 Danimarca A Andreas Laudrup
16 Francia P Stéphane Ruffier
17 Francia A Kévin Mayi
18 Francia C Fabien Lemoine
N. Ruolo Giocatore
19 Francia C Josuha Guilavogui
20 Francia D Jonathan Brison
21 Francia C Romain Hamouma
22 Serbia A Danijel Aleksić
24 Francia D Loïc Perrin
25 Romania C Bănel Nicoliță
26 Senegal D Moustapha Bayal
27 Francia C Mathieu Bodmer
28 Costa d'Avorio C Ismaël Diomandé
29 Francia D François Clerc
30 Francia P Jessy Moulin
40 Senegal P Pape Coulibaly

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Pros - Effectif professionnel

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

calcio Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio