John Arne Riise

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
John Arne Riise
John Arne Riise.JPG
Dati biografici
Nome John Arne Semundseth Riise
Nazionalità Norvegia Norvegia
Altezza 185[1] cm
Peso 77[1] kg
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Difensore, centrocampista
Squadra APOEL APOEL
Carriera
Giovanili
1994-1997 Aalesund Aalesund
Squadre di club1
1997-1998 Aalesund Aalesund 25 (5)
1998-2001 Monaco Monaco 44 (4)
2001-2008 Liverpool Liverpool 234 (21)
2008-2011 Roma Roma 99 (7)
2011-2014 Fulham Fulham 87 (0)
2014- APOEL APOEL 0 (0)
Nazionale
1996
1997
1997
1998
1999
1999-2001
2000-2013
Norvegia Norvegia U-15
Norvegia Norvegia U-16
Norvegia Norvegia U-17
Norvegia Norvegia U-18
Norvegia Norvegia U-19
Norvegia Norvegia U-21
Norvegia Norvegia
9 (3)
5 (3)
2 (0)
4 (0)
1 (0)
17 (2)
110 (16)
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 1º settembre 2014

John Arne Semundseth Riise (Molde, 24 settembre 1980) è un calciatore norvegese, difensore o centrocampista dell'APOEL.

È soprannominato Thunderbolt per la potenza del suo mancino.[2] Ha vinto, nel 2006, il Kniksenprisen, il titolo di calciatore norvegese dell'anno. È il primatista di presenze della Nazionale norvegese, con le sue 110 apparizioni.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Riise ha sposato una sua amica d'infanzia, la modella norvegese Guri Havnevik nel 2003[3]. La coppia ha però divorziato nel 2004. I due hanno una figlia, nata nel gennaio del 2001, di nome Ariana. Nel 2005 il suo nome è salito agli onori della cronaca norvegese per l'invio di SMS a diverse donne dello spettacolo, tramite la stessa linea. Per questo è stato ribattezzato SMS Kongen (re degli SMS in norvegese)[4].

Fidanzato con una donna di nome Maria Elvegard, si sarebbero dovuti sposare nell'estate del 2008, ma il matrimonio è stato posticipato al giorno successivo al passaggio del calciatore alla Roma. Maria ha dato alla luce il primo figlio della coppia il 4 agosto 2009. John ha tatuato il nome di sua figlia Emma sul braccio sinistro assieme alla sua data di nascita[5]. Il 9 febbraio 2012 Riise e Maria Elvegard si sono separati[6].

Nell'agosto del 2009 Riise ha citato in tribunale il suo ex-procuratore sportivo Einar Baardsen, accusandolo di averlo truffato per la somma di circa due milioni e mezzo di euro. L'agente, però, ha smentito di aver truffato il calciatore, sostenendo soltanto di aver infranto la legge fiscale norvegese[7]. Il procuratore è stato alla fine prosciolto[8].

Il 31 maggio 2014 si è sposato per la terza volta, con una ragazza di nome Louise Angelica Markussen.[9] Alla cerimonia hanno assistito, tra gli altri, il lottatore Stig André Berge e i calciatori John Carew, Magne Hoseth e Alexander Kačaniklić, nonché suo fratello Bjørn Helge.[9]

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica sorgente]

Può giocare sia da terzino che da esterno, sulla fascia sinistra.[10] All'occorrenza, può essere impiegato anche come difensore centrale. Possiede un piede sinistro estremamente potente, con cui ha realizzato in carriera molte reti dalla distanza.[10]

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Club[modifica | modifica sorgente]

Aalesund[modifica | modifica sorgente]

Ha iniziato la carriera in patria con lo Aalesund, nel cui settore giovanile è entrato nel 1995. Ha debuttato nella 1. divisjon il 19 maggio 1997, subentrando a Dag Petter Breivik nel pareggio per uno a uno sul campo dell'Odd Grenland.[11] Il 15 giugno 1997, ha segnato la prima rete in campionato della sua carriera: è andato in gol nella vittoria casalinga per tre a zero sul Drøbak/Frogn.[12] È rimasto in squadra anche per l'inizio del campionato seguente, sempre nella 1. divisjon.

Monaco[modifica | modifica sorgente]

Riise è arrivato al Monaco a neppure diciotto anni. Nella prima stagione, è stato schierato in solamente sette partite di Ligue 1, per un totale di trecentoventuno minuti.[13]

Nel campionato 1999-2000, ha trovato maggiore spazio ed è riuscito a realizzare la prima rete ufficiale per il Monaco: ha infatti segnato il 16 febbraio 2000, nella vittoria per uno a zero dei monegaschi sui Girondins de Bordeaux, con un sinistro dalla distanza.[14] Al termine della stagione, il Monaco si è aggiudicato la vittoria del campionato.

Nel campionato successivo, è riuscito ad andare in rete in tre occasioni, nonostante sia stato impiegato in sole sedici gare. Il 2 dicembre 2000, ha messo a segno la rete della vittoria contro lo Strasburgo.[15] La settimana dopo, si è ripetuto, nel pareggio per due a due in casa del Guingamp.[16] Il 14 aprile 2001 ha contribuito con un gol alla vittoria per cinque a tre del Monaco sul Saint-Étienne.[17] Per la sua squadra, comunque, è stata un'annata fallimentare, culminata con l'undicesimo posto finale in classifica, oltre al raggiungimento della finale di Coppa di Lega, poi persa, ma che ha garantito l'accesso alla Coppa UEFA per l'anno successivo. Riise è stato considerato un pezzo pregiato del mercato estivo, con il Fulham che avrebbe offerto al Monaco circa dieci milioni di euro per il suo cartellino.[18]

Liverpool[modifica | modifica sorgente]

Riise è diventato il primo acquisto del Liverpool nella finestra di mercato del 2001, arrivando dal Monaco in cambio di quattro milioni di sterline.[19] Ha debuttato nella finale di Community Shield tra Manchester United e Liverpool, venendo sostituito nei minuti finali dell'incontro, che ha visto la sua squadra imporsi per due a uno.[20] È stato impiegato, poi, il 24 agosto 2001, nella Supercoppa UEFA contro il Bayern Monaco, disputata allo stadio Louis II, in cui il norvegese ha giocato con il Monaco fino a pochi giorni prima. I Reds si sono imposti per tre a due (dove segna il suo primo gol con la maglia del Liverpool) ed hanno portato a casa il trofeo.[21] Pochi giorni prima, il 18 agosto, ha debuttato in Premier League, ad Anfield contro il West Ham United, in una gara terminata due a uno per i padroni di casa.[22] Nel Merseyside Derby (disputato tra Everton e Liverpool) del 15 settembre, Riise ha siglato la prima marcatura per la nuova squadra, con la rete del definitivo tre a uno per i Reds.[23] Due settimane dopo, è tornato al gol, stavolta nella vittoria in trasferta per due a zero sul Newcastle United.[24] Il 4 novembre 2009, ha segnato la rete del momentaneo due a zero sul Manchester United, in una gara conclusasi tre a uno.[25] La marcatura è arrivata con un sinistro su calcio di punizione, che ha toccato la parte interna della traversa, prima di superare Fabien Barthez. Il 9 gennaio 2002, invece, è protagonista di una sfortunata autorete, nella sconfitta per due a zero del Liverpool, in casa del Southampton.[26] Si è riscattato quattro giorni dopo, con il gol nel pareggio per uno a uno in casa dell'Arsenal.[27] È stata molto importante anche la rete segnata al Riverside Stadium, in casa del Middlesbrough, con cui il Liverpool ha superato il Boro per due a uno, a sette minuti dalla fine.[28] Nell'ultima giornata del campionato 2001-2002, ha segnato un gol nella larga vittoria del Liverpool sull'Ipswich Town per cinque a zero.[29] Riise ha concluso la stagione, dunque, con cinquantacinque presenze ed otto reti.

Riise, con la maglia del Liverpool, mentre si appresta a battere un calcio d'angolo.

Nella stagione successiva, si è dimostrato decisivo fin dalla prima giornata, andando a segno contro l'Aston Villa, al Villa Park, e permettendo al Liverpool di partire con una vittoria.[30] Il 28 agosto 2002, ha siglato la rete del momentaneo vantaggio per due a uno sul campo del Blackburn Rovers, in una gara terminata poi in parità per effetto della rete del definitivo due a due di Corrado Grabbi.[31] Il 21 settembre, ha firmato la rete del due a zero sul West Bromwich Albion, allo scadere.[32] Il 4 dicembre, in Football League Cup 2002-2003, il Liverpool ha pareggiato per uno ad uno contro l'Ipswich e le due squadre sono andate ai calci di rigore: Riise ha segnato il quarto per i Reds, che hanno poi superato il turno.[33] Il 26 dicembre, giorno del Boxing Day, ha realizzato la rete del vantaggio contro il Blackburn, in un incontro poi terminato uno a uno.[34] Il 29 gennaio, il norvegese ha segnato nel pareggio per due a due tra Liverpool e Arsenal.[35] Il 2 marzo 2003, è stato schierato in campo nella finale di Football League Cup, in cui i Reds si sono imposti per due a zero sul Manchester United.[36] Riise ha così terminato la stagione con la vittoria del terzo trofeo in due anni con il Liverpool, oltre allo score di cinquantacinque partite e sei reti.

Nel campionato 2003-2004, invece, ha trovato meno spazio in squadra: questo a causa del suo calo di rendimento in questa stagione e in quella precedente, rispetto al primo anno.[37] Ha disputato soltanto trentacinque partite, senza mai andare a segno. L'arrivo di Steve Finnan e lo spostamento di Jamie Carragher sulla fascia sinistra hanno influito sul minor spazio in squadra per il difensore norvegese.[37] Anche per il Liverpool, comunque, la stagione non è stata positiva: i Reds sono stati eliminati al quarto turno della Coppa UEFA 2003-2004 e si sono classificati quarti in campionato. Proprio questa posizione in classifica, comunque, ha garantito l'accesso alla Champions League.

Nella stagione seguente, Riise ha ricominciato a giocare con più continuità: è andato a segno il 23 ottobre 2004, nella vittoria casalinga del Liverpool sul Charlton Athletic per due a zero.[38] Si è ripetuto sette giorni dopo, stavolta con una marcatura ai danni del Blackburn, che non ha comunque permesso alla sua squadra di aggiudicarsi l'incontro.[39] Il 26 dicembre ha realizzato addirittura una doppietta, nella facile vittoria per cinque a zero del Liverpool sul West Bromwich.[40] Il 3 gennaio ed il 1º febbraio 2005, segna i gol che permetto la vittoria ai Reds contro il Norwich City ed il Charlton.[41][42] Il 22 febbraio, è andato in gol nella partita d'andata dei sedicesimi dell'edizione stagionale della Champions League, contro il Bayer Leverkusen.[43] Cinque giorni dopo, ha portato in vantaggio i Reds nella finale di Football League Cup contro il Chelsea, ma i Blues hanno ribaltato il risultato ed hanno portato a casa la coppa.[44] Il Liverpool, nel frattempo, ha continuato a superare i turni di Champions League ed è arrivato in finale, contro il Milan. Il 25 maggio, ad Istanbul, le due squadre si sono affrontate, con Riise titolare. Al termine di un roboante pareggio per tre a tre, la sfida è arrivata ai calci di rigore. Il penalty di Riise è stato però parato da Dida, ma la squadra inglese è riuscita comunque a portarsi il trofeo a casa.[45]

Riise, in un derby contro l'Everton.

È stato impiegato nella sfida di Supercoppa UEFA contro il CSKA Mosca, in cui il Liverpool si è imposto per tre ad uno.[46] Riise si è aggiudicato, perciò, per la seconda volta in carriera questo trofeo. Il 26 novembre, ha segnato l'unica rete in campionato dell'anno: precisamente, ai danni del Manchester City, garantendo la vittoria alla sua squadra, seppur di misura.[47] In compenso, è stato molto utile in FA Cup, in cui ha realizzato tre reti: la prima ai danni del Portsmouth nel quarto turno, la seconda nei quarti di finale contro il Birmingham City e l'ultima in semifinale, al Chelsea.[48][49][50] Il 10 aprile 2006, è stato rivelata dal Sunday Mirror la possibilità che il norvegese si trasferisse alla Fiorentina.[51] Il 13 maggio, ha giocato da titolare nella finale della competizione, poi vinta ai rigori contro il West Ham United. Riise ha realizzato quello decisivo per il Liverpool.[52]

Nell'annata seguente, ha realizzato contro il Chelsea la prima rete stagionale, nel Community Shield, contribuendo al successo del Liverpool.[53] Il 23 settembre 2006, ha siglato il gol del definitivo tre a zero sul Tottenham Hotspur, ad Anfield.[54] Circa un mese dopo, il 25 ottobre, è andato a segno in Football League Cup, contro il Reading.[55] Il 19 febbraio 2007, i giornali inglese hanno rivelato una rissa avvenuta in ritiro tra Riise e Craig Bellamy, con l'allenatore Rafael Benítez pronto a prendere provvedimenti disciplinari contro i due.[56] Il 21 febbraio, ha firmato il gol della vittoria al Camp Nou, contro il Barcellona, in Champions League.[57] Ha segnato nuovamente nel turno seguente, contro il PSV, nel successo per tre a zero in casa degli olandesi.[58] Il Liverpool è arrivato fino alla finale della massima competizione europea, dove ha incontrato nuovamente il Milan, ad Atene. Una doppietta di Filippo Inzaghi, però, non ha permesso alla squadra di Riise di ottenere un secondo successo.[59]

La settima stagione del terzino norvegese a Liverpool è stata anche l'ultima. Ha trovato poco spazio in squadra, in quanto il tecnico Rafa Benítez gli ha spesso preferito il brasiliano Fábio Aurélio, calciatore con maggiore attitudine difensiva.[60] L'episodio più importante della stagione è avvenuto nell'andata della semifinale di Champions League, quando ha realizzato l'autorete che, di fatto, è costata l'eliminazione della sua squadra a favore del Chelsea, negli ultimi minuti di gioco.[61] Nel mese di aprile, ha espresso la sua frustrazione per il poco spazio in squadra ed ha ventilato la possibilità di un addio in estate.[60] Il 23 maggio 2008 ha ribadito che sarebbe stato pronto a cambiare squadra, se il Liverpool non si fosse fatto vivo con lui.[62]

Roma[modifica | modifica sorgente]

Il 18 giugno 2008 è acquistato dalla Roma per 5 milioni di euro[63], con un contratto fino al 2012[10]. Diventa così il secondo calciatore della Norvegia a vestire la maglia della Roma, dopo John Carew, che gli consiglia il trasferimento nella capitale.[64]

Riise con la maglia della Roma, durante Chelsea-Roma.

Esordisce ufficialmente il 24 agosto nell'incontro di Supercoppa italiana in cui la Roma è sconfitta 8-7 dall'Inter ai calci di rigore[65]. Il 31 agosto debutta in Serie A, nella prima giornata di campionato, allo stadio Olimpico contro il Napoli durante la quale è sostituito da Max Tonetto.[66] Complice anche il pessimo inizio stagionale della Roma, Riise è stato protagonista di prestazioni condite da alti e bassi, tanto che il suo nome è stato avvicinato al Newcastle United, nel mese di novembre.[67][68] Dalla fine dell'anno, comunque, il suo rendimento è aumentato, assieme a quello della squadra.[69] Il 1º marzo 2009, nel posticipo serale di campionato tra Inter e Roma, allo stadio Giuseppe Meazza, ha segnato la prima rete in Italia, sfruttando le indecisioni di Maicon e Júlio César.[70] L'11 marzo, la Roma ha giocato il ritorno degli ottavi di finale di Champions League contro l'Arsenal: a causa di una situazione d'emergenza per l'infortunio di Juan durante la gara, Riise ha giocato da difensore centrale assieme a Souleymane Diamoutene, offrendo una buona prestazione.[71] La Roma è stata eliminata ai calci di rigore, nonostante Riise abbia segnato il suo penalty.[72] Il 24 maggio, nella penultima giornata di campionato e ultima gara allo stadio Meazza di Paolo Maldini, Riise ha segnato la sua seconda rete per la Roma, su calcio di punizione.[73]

A giugno 2009, è stato riportato l'interesse del Barcellona per il norvegese, che ha però dichiarato di voler rimanere alla Roma.[74][75].

Il 13 settembre 2009 segna un goal fondamentale al 90' che consente alla Roma di vincere 2-1 a Siena[76]. Segna anche in Europa League, il 5 novembre 2009, contro il Fulham, squadra del fratello Bjørn Helge, permettendo alla Roma di vincere 2-1[77]. Il 23 gennaio 2010, sigla un'altra rete decisiva nella gara contro la Juventus nei minuti di recupero, che permette alla squadra giallorossa di tornare al successo a Torino dopo ben 9 anni di astinenza[78] Nella giornata successiva, Roma - Siena, sigla il gol del vantaggio giallorosso con un potente tiro al volo di esterno sinistro dal vertice destro dell'area di rigore avversaria su assist di Simone Perrotta. Primo gol in campionato allo stadio olimpico per Riise.[79] Il 13 febbraio 2010 si ripete, in occasione della gara Roma-Palermo, vinta 4-1 dai giallorossi, siglando il quarto gol della squadra capitolina e chiudendo così di fatto il match. Il 24 marzo 2010 nella partita di turno infrasettimanale contro il Bologna, sigla il gol del vantaggio giallorosso deviando il tiro da fuori area di Daniele De Rossi, segnando così il 5° gol in campionato, 10° nella sua carriera a Roma. Il 21 agosto segna il primo gol stagionale della Roma, nella supercoppa italiana, persa per 3-1 ancora una volta contro l'Inter a Milano.[80]

Fulham[modifica | modifica sorgente]

Il 13 luglio 2011 si trasferisce a titolo definitivo al Fulham per 2,625 milioni di euro raggiungendo così il fratello Bjørn Helge. Per il terzino sinistro norvegese si tratta di un ritorno in Premier League dopo tre anni trascorsi ad alti livelli con la maglia giallorossa.[81][82]

APOEL[modifica | modifica sorgente]

Il 1° settembre 2014, svincolato, firma per i ciprioti dell'APOEL: sceglie la maglia numero 6.[83]

Nazionale[modifica | modifica sorgente]

Riise ha giocato per tutte le Nazionali norvegesi, dall'Under-15 a quella maggiore. Ha debuttato, per la Norvegia Under-21, l'8 febbraio 1999, contro i pari età della Finlandia Under-21, in un incontro vinto per due a zero.[84] Il 25 aprile 2001, ha realizzato la prima rete, ai danni del Portogallo Under-21: il match si è concluso sul due a due.[85] L'ultimo incontro per la selezione giovanile norvegese lo ha disputato il 5 giugno dello stesso anno, contro la Bielorussia Under-21: si è congedato segnando la sua seconda rete, nella vittoria degli scandinavi per cinque a uno.[86]

Il 31 gennaio 2000, è stato impiegato dal commissario tecnico della Nazionale maggiore, Nils Johan Semb, per un torneo amichevole disputato a La Manga: ha infatti giocato contro l'Islanda, in una partita terminata zero a zero.[87] Alla terza apparizione, precisamente contro la Turchia ad Istanbul, è andato in rete per la prima volta, nella vittoria in trasferta per due a zero.[88] Nel mese di giugno, ha preso parte al campionato d'Europa 2000, nonostante non avesse compiuto neppure venti anni. Durante la competizione, comunque, non è mai stato schierato in campo.

Il 7 settembre ed il 16 ottobre 2002, ha segnato nelle sfide casalinghe contro Danimarca e Bosnia ed Erzegovina, in due incontri di qualificazione al campionato d'Europa 2004.[89][90] Nel settembre 2003, è stato protagonista di una rissa con il compagno di squadra John Carew, che lo ha colpito con un pugno al termine di un litigio, nel ritiro della selezione in Portogallo.[91] Dopo questo fatto, Carew è stato sospeso dalla Nazionale. L'incidente è poi rientrato, con Riise che ha dichiarato di aver ormai superato l'accaduto.[92] La Norvegia, nel frattempo, si è classificata seconda nel suo girone, ottenendo così il ripescaggio per lo spareggio con la Spagna per l'accesso alla fase finale dell'Europeo. Riise non è riuscito ad aiutare, però, la sua squadra a superare gli iberici, che si sono imposti sia all'andata che al ritorno.[93][94]

È poi riuscito a siglare una marcatura il 9 febbraio e l'8 giugno 2005, rispettivamente contro Malta e Svezia.[95][96] Nel girone di qualificazione per la campionato del mondo 2006, la Norvegia si è classificata seconda, alle spalle dell'Italia: gli scandinavi hanno dovuto perciò affrontare i play-off, questa volta contro la Rep. Ceca. I cechi hanno superato la selezione di Riise per uno a zero, sia nel turno d'andata che in quello di ritorno. Il difensore ha preso parte solo alla seconda partita, giocata a Praga[97] La Norvegia, dunque, non si è qualificata per il Mondiale 2006.

Il 2 giugno ed il 12 settembre, ha segnato contro Malta e Grecia.[98][99] La Norvegia è arrivata così allo scontro diretto con la Turchia e in caso di vittoria si sarebbe qualificata per la fase finale del campionato d'Europa 2008. Ad Oslo, però, i turchi si sono imposti per due a uno, superando così in classifica la squadra di Riise.[100] Non è servita a nulla, perciò, la vittoria all'ultima giornata contro Malta.[101] La Turchia ha così potuto partecipare all'Europeo.

Ha realizzato altre due reti contro Uruguay e Finlandia, il 28 maggio 2008 e il 1º aprile 2009,[102][103] e altre due reti nelle qualificazioni mondiali contro Scozia e Islanda. Il 19 novembre 2008, in amichevole contro l'Ucraina, è stato espulso.[104] Il 15 agosto 2012, in occasione della sfida amichevole contro la Grecia, è diventato il primatista di presenze per la Nazionale norvegese, raggiungendo Thorbjørn Svenssen con 104 apparizioni.[105] Il 6 maggio 2013 ha annunciato l'addio al calcio internazionale, manifestando la volontà di dedicarsi esclusivamente al Fulham: ha chiuso quindi con 110 presenze e 16 reti.[106]

Statistiche[modifica | modifica sorgente]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica sorgente]

Statistiche aggiornate al 1º settembre 2014.

Stagione Club Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Supercoppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
1997 Norvegia Aalesund 1D 8 1 CN  ?  ? - - - - - - 8 1
1998 1D 17 4 CN  ?  ? - - - - - - 17 4
Totale Aalesund 25 5  ?  ? - - - - 25 5
1998-1999 Francia Monaco L1 7 0 CF+CdL 1+2 0 CU 1 0 - - - 11 0
1999-2000 L1 21 1 CF+CdL 3+2 2+0 CU 6 1 - - - 32 4
2000-2001 L1 16 3 CF+CdL 0+2 0 UCL 2 0 SF 1 0 21 3
Totale Monaco 44 4 10 2 9 1 1 0 64 7
2001-2002 Inghilterra Liverpool PL 38 7 FACup+CdL 2+0 0 UCL 14 0 SU+CS 1+1 1 56 8
2002-2003 PL 37 6 FACup+CdL 3+4 0 UCL+CU 6+5 0 CS 1 0 56 6
2003-2004 PL 28 0 FACup+CdL 1+2 0 CU 4 0 - - - 35 0
2004-2005 PL 37 6 FACup+CdL 0+5 1 UCL 15[107] 1 - - - 57 8
2005-2006 PL 32 1 FACup+CdL 6+0 3 UCL 11[108] 0 SU+CMc 1+2 0 52 4
2006-2007 PL 33 1 FACup+CdL 1+1 0+1 UCL 12[109] 2 CS 1 1 48 5
2007-2008 PL 29 0 FACup+CdL 4+1 0 UCL 10[107] 0 - - - 44 0
Totale Liverpool 234 21 30 5 77 3 7 2 348 31
2008-2009 Italia Roma A 31 2 CI 2 0 UCL 8 0 SI 1 0 42 2
2009-2010 A 36 5 CI 4 0 UEL 12[110] 3[111] - - - 52 8
2010-2011 A 32 0 CI 4 0 UCL 5 0 SI 1 1 42 1
Totale Roma 99 7 10 0 25 3 2 1 136 11
2011-2012 Inghilterra Fulham PL 36 0 FACup+CdL 2+0 0 UEL 6[110] 0 - - - 44 0
2012-2013 PL 31 0 FACup+CdL 1+0 0 - - - - - - 32 0
2013-2014 PL 20 0 FACup+CdL 2+3 0 - - - - - - 25 0
Totale Fulham 87 0 8 0 6 0 - - 101 0
set. 2014-2015 Cipro APOEL A 0 0 CC 0 0 UCL 0 0 SC - - 0 0
Totale carriera 489 37 58 7 117 7 10 3 674 54

Cronologia presenze e reti in Nazionale[modifica | modifica sorgente]

Cronologia completa delle presenze e delle reti in Nazionale - Norvegia Norvegia
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
31/01/2000 La Manga Islanda Islanda 0 – 0 Norvegia Norvegia Amichevole -
02/02/2000 La Manga Danimarca Danimarca 2 – 4 Norvegia Norvegia Amichevole -
23/02/2000 Istanbul Turchia Turchia 0 – 2 Norvegia Norvegia Amichevole 1
26/04/2000 Oslo Norvegia Norvegia 0 – 2 Belgio Belgio Amichevole -
27/05/2000 Oslo Norvegia Norvegia 2 – 0 Slovacchia Slovacchia Amichevole -
03/06/2000 Oslo Norvegia Norvegia 1 – 0 Italia Italia Amichevole -
16/08/2000 Helsingfors Finlandia Finlandia 3 – 1 Norvegia Norvegia Amichevole -
15/08/2001 Oslo Norvegia Norvegia 1 – 1 Turchia Turchia Amichevole -
01/09/2001 Chorzów Polonia Polonia 3 – 0 Norvegia Norvegia Qual. Mondiali 2002 -
05/09/2001 Oslo Norvegia Norvegia 3 – 2 Galles Galles Qual. Mondiali 2002 -
06/10/2001 Yerevan Armenia Armenia 1 – 4 Norvegia Norvegia Qual. Mondiali 2002 -
13/02/2002 Bruxelles Belgio Belgio 1 – 0 Norvegia Norvegia Amichevole -
17/04/2002 Oslo Norvegia Norvegia 0 – 0 Svezia Svezia Amichevole -
14/05/2002 Oslo Norvegia Norvegia 3 – 0 Giappone Giappone Amichevole -
22/05/2002 Bodø Norvegia Norvegia 1 – 1 Islanda Islanda Amichevole -
21/08/2002 Oslo Norvegia Norvegia 0 – 1 Paesi Bassi Paesi Bassi Amichevole -
07/09/2002 Oslo Norvegia Norvegia 2 – 2 Danimarca Danimarca Qual. Euro 2004 1
12/10/2002 Bucarest Romania Romania 0 – 1 Norvegia Norvegia Qual. Euro 2004 -
16/10/2002 Oslo Norvegia Norvegia 2 – 0 Bosnia ed Erzegovina Bosnia ed Erzegovina Qual. Euro 2004 1
20/11/2002 Vienna Austria Austria 0 – 1 Norvegia Norvegia Amichevole -
12/02/2003 Candia Grecia Grecia 1 – 0 Norvegia Norvegia Amichevole -
02/04/2003 Lussemburgo Lussemburgo Lussemburgo 0 – 2 Norvegia Norvegia Qual. Euro 2004 -
22/05/2003 Oslo Norvegia Norvegia 2 – 0 Finlandia Finlandia Amichevole -
07/06/2003 Copenaghen Danimarca Danimarca 1 – 0 Norvegia Norvegia Qual. Euro 2004 -
11/06/2003 Oslo Norvegia Norvegia 1 – 1 Romania Romania Qual. Euro 2004 -
20/08/2003 Oslo Norvegia Norvegia 0 – 0 Scozia Scozia Amichevole -
06/09/2003 Zenica Bosnia ed Erzegovina Bosnia ed Erzegovina 1 – 0 Norvegia Norvegia Qual. Euro 2004 -
10/09/2003 Oslo Norvegia Norvegia 0 – 1 Portogallo Portogallo Amichevole -
11/10/2003 Oslo Norvegia Norvegia 1 – 0 Lussemburgo Lussemburgo Qual. Euro 2004 -
15/11/2003 Valencia Spagna Spagna 2 – 1 Norvegia Norvegia Qual. Euro 2004 -
19/11/2003 Oslo Norvegia Norvegia 0 – 3 Spagna Spagna Qual. Euro 2004 -
18/02/2004 Belfast Irlanda del Nord Irlanda del Nord 1 – 4 Norvegia Norvegia Amichevole -
31/03/2004 Belgrado Serbia Serbia 0 – 1 Norvegia Norvegia Amichevole -
28/04/2004 Oslo Norvegia Norvegia 3 – 2 Russia Russia Amichevole -
27/05/2004 Oslo Norvegia Norvegia 0 – 0 Galles Galles Amichevole -
18/08/2004 Oslo Norvegia Norvegia 2 – 2 Belgio Belgio Amichevole -
04/09/2004 Palermo Italia Italia 2 – 1 Norvegia Norvegia Qual. Mondiali 2006 -
08/09/2004 Oslo Norvegia Norvegia 1 – 1 Bielorussia Bielorussia Qual. Mondiali 2006 -
09/10/2004 Glasgow Scozia Scozia 0 – 1 Norvegia Norvegia Qual. Mondiali 2006 -
13/10/2004 Oslo Norvegia Norvegia 3 – 0 Slovenia Slovenia Qual. Mondiali 2006 -
16/11/2004 Londra Australia Australia 2 – 2 Norvegia Norvegia Amichevole -
09/02/2005 La Valletta Malta Malta 0 – 3 Norvegia Norvegia Qual. Mondiali 2006 1
30/03/2005 Chisinau Moldavia Moldavia 0 – 0 Norvegia Norvegia Qual. Mondiali 2006 -
04/06/2005 Oslo Norvegia Norvegia 0 – 0 Italia Italia Qual. Mondiali 2006 -
08/06/2005 Stoccolma Svezia Svezia 2 – 3 Norvegia Norvegia Qual. Mondiali 2006 1
17/08/2005 Oslo Norvegia Norvegia 0 – 2 Svizzera Svizzera Amichevole -
07/09/2005 Oslo Norvegia Norvegia 1 – 2 Scozia Scozia Qual. Mondiali 2006 -
08/10/2005 Oslo Norvegia Norvegia 1 – 0 Moldavia Moldavia Qual. Mondiali 2006 -
12/10/2005 Minsk Bielorussia Bielorussia 0 – 1 Norvegia Norvegia Qual. Mondiali 2006 -
12/11/2005 Oslo Norvegia Norvegia 0 – 1 Rep. Ceca Rep. Ceca Qual. Mondiali 2006 -
16/11/2005 Praga Rep. Ceca Rep. Ceca 1 – 0 Norvegia Norvegia Qual. Mondiali 2006 -
01/03/2006 Dakar Senegal Senegal 2 – 1 Norvegia Norvegia Amichevole -
24/05/2006 Oslo Norvegia Norvegia 2 – 2 Paraguay Paraguay Amichevole -
01/06/2006 Oslo Norvegia Norvegia 0 – 0 Corea del Sud Corea del Sud Amichevole -
16/08/2006 Oslo Norvegia Norvegia 1 – 1 Brasile Brasile Amichevole -
07/10/2006 Atene Grecia Grecia 1 – 0 Norvegia Norvegia Qual. Euro 2008 -
15/11/2006 Belgrado Serbia Serbia 1 – 1 Norvegia Norvegia Qual. Euro 2008 -
07/02/2007 Rijeka Croazia Croazia 2 – 1 Norvegia Norvegia Amichevole -
24/03/2007 Oslo Norvegia Norvegia 1 – 2 Bosnia ed Erzegovina Bosnia ed Erzegovina Qual. Euro 2008 -
28/03/2007 Francoforte sul Meno Turchia Turchia 2 – 2 Norvegia Norvegia Qual. Euro 2008 -
02/06/2007 Oslo Norvegia Norvegia 4 – 0 Malta Malta Qual. Euro 2008 1
06/06/2007 Oslo Norvegia Norvegia 4 – 0 Ungheria Ungheria Qual. Euro 2008 -
22/08/2007 Oslo Norvegia Norvegia 2 – 1 Argentina Argentina Amichevole -
08/09/2007 Chisinau Moldavia Moldavia 0 – 1 Norvegia Norvegia Qual. Euro 2008 -
12/09/2007 Oslo Norvegia Norvegia 2 – 2 Grecia Grecia Qual. Euro 2008 1
17/10/2007 Sarajevo Bosnia ed Erzegovina Bosnia ed Erzegovina 0 – 2 Norvegia Norvegia Qual. Euro 2008 -
17/11/2007 Oslo Norvegia Norvegia 1 – 2 Turchia Turchia Qual. Euro 2008 -
21/11/2007 La Valletta Malta Malta 1 – 4 Norvegia Norvegia Qual. Euro 2008 -
06/02/2008 Wrexham Galles Galles 3 – 0 Norvegia Norvegia Amichevole -
26/03/2008 Podgorica Montenegro Montenegro 3 – 1 Norvegia Norvegia Amichevole -
28/05/2008 Oslo Norvegia Norvegia 2 – 2 Uruguay Uruguay Amichevole 1
20/08/2008 Oslo Norvegia Norvegia 1 – 1 Irlanda Irlanda Amichevole -
06/09/2008 Oslo Norvegia Norvegia 2 – 2 Islanda Islanda Qual. Mondiali 2010 -
11/10/2008 Glasgow Scozia Scozia 0 – 0 Norvegia Norvegia Qual. Mondiali 2010 -
15/10/2008 Oslo Norvegia Norvegia 0 – 1 Paesi Bassi Paesi Bassi Qual. Mondiali 2010 -
19/11/2008 Dneproptrovsk Ucraina Ucraina 1 – 0 Norvegia Norvegia Qual. Mondiali 2010 -
28/03/2009 Rustenburg Sudafrica Sudafrica 2 – 1 Norvegia Norvegia Amichevole -
01/04/2009 Oslo Norvegia Norvegia 3 – 2 Finlandia Finlandia Amichevole 1
06/06/2009 Skopje Macedonia Macedonia 0 – 0 Norvegia Norvegia Qual. Mondiali 2010 -
10/06/2009 Rotterdam Paesi Bassi Paesi Bassi 2 – 0 Norvegia Norvegia Qual. Mondiali 2010 -
12/08/2009 Oslo Norvegia Norvegia 4 – 0 Scozia Scozia Qual. Mondiali 2010 1
05/09/2009 Reykjavík Islanda Islanda 1 – 1 Norvegia Norvegia Qual. Mondiali 2010 1
09/09/2009 Oslo Norvegia Norvegia 2 – 1 Macedonia Macedonia Qual. Mondiali 2010 1
10/10/2009 Oslo Norvegia Norvegia 1 – 0 Sudafrica Sudafrica Amichevole -
14/11/2009 Ginevra Svizzera Svizzera 0 – 1 Norvegia Norvegia Amichevole -
03/03/2010 Žilina Slovacchia Slovacchia 0 – 1 Norvegia Norvegia Amichevole -
03/09/2010 Reykjavík Islanda Islanda 1 – 2 Norvegia Norvegia Qual. Euro 2012 -
08/10/2010 Larnaca Cipro Cipro 1 – 2 Norvegia Norvegia Qual. Euro 2012 1
12/10/2010 Zagabria Croazia Croazia 2 – 1 Norvegia Norvegia Amichevole -
17/11/2010 Dublino Irlanda Irlanda 1 – 2 Norvegia Norvegia Amichevole -
09/02/2011 Faro Polonia Polonia 1 – 0 Norvegia Norvegia Amichevole -
26/03/2011 Oslo Norvegia Norvegia 1 – 1 Danimarca Danimarca Qual. Euro 2012 -
04/06/2011 Lisbona Portogallo Portogallo 1 – 0 Norvegia Norvegia Qual. Euro 2012 -
07/06/2011 Oslo Norvegia Norvegia 1 – 0 Lituania Lituania Amichevole -
10/08/2011 Oslo Norvegia Norvegia 3 – 0 Rep. Ceca Rep. Ceca Amichevole 1
06/09/2011 Copenaghen Danimarca Danimarca 2 – 0 Norvegia Norvegia Qual. Euro 2012 -
11/10/2011 Oslo Norvegia Norvegia 3 – 1 Cipro Cipro Qual. Euro 2012 -
12/11/2011 Cardiff Galles Galles 4 – 1 Norvegia Norvegia Amichevole -
29/02/2012 Belfast Irlanda del Nord Irlanda del Nord 0 – 3 Norvegia Norvegia Amichevole -
26/05/2012 Oslo Norvegia Norvegia 0 – 1 Inghilterra Inghilterra Amichevole -
02/06/2012 Oslo Norvegia Norvegia 1 – 1 Croazia Croazia Amichevole -
15/08/2012 Oslo Norvegia Norvegia 2 – 3 Grecia Grecia Amichevole 1
07/09/2012 Reykjavík Islanda Islanda 2 – 0 Norvegia Norvegia Qual. Mondiali 2014 -
11/09/2012 Oslo Norvegia Norvegia 2 – 1 Slovenia Slovenia Qual. Mondiali 2014 1
12/10/2012 Berna Svizzera Svizzera 1 – 1 Norvegia Norvegia Qual. Mondiali 2014 -
16/10/2012 Larnaca Cipro Cipro 1 – 3 Norvegia Norvegia Qual. Mondiali 2014 -
07/02/2013 Siviglia Ucraina Ucraina 2 – 0 Norvegia Norvegia Amichevole -
22/03/2013 Oslo Norvegia Norvegia 0 – 1 Albania Albania Qual. Mondiali 2014 -
Totale Presenze 110 Reti 16

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

Competizioni internazionali[modifica | modifica sorgente]

Liverpool: 2004-2005
Liverpool: 2001, 2005

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b John Arne Riise, asroma.it. URL consultato il 15 giugno 2009.
  2. ^ Riise si presenta: «Roma, il massimo», CdS.it, 11 ottobre 2008.
  3. ^ (EN) Soccer star ties the knot, aftenposten.no. URL consultato il 15 giugno 2009.
  4. ^ (EN) Soccer star silent on SMS pick-up routine, aftenposten.no. URL consultato il 15 giugno 2009.
  5. ^ (NO) Pappa igjen, side2.no. URL consultato il 15 giugno 2009.
  6. ^ (NO) John Arne Riise skilles for andre gang, vg.no. URL consultato il 9 febbraio 2012.
  7. ^ Riise cita in tribunale il suo ex agente, tuttomercatoweb.com. URL consultato il 25 agosto 2009.
  8. ^ Calcio/ Norvegia: Riise, prosciolto ex agente da accusa di frode, virgilio.it. URL consultato il 14 settembre 2009.
  9. ^ a b (NO) «Landskamp? Nei, den hadde jeg ikke sett uansett», vg.no. URL consultato il 10 giugno 2014.
  10. ^ a b c Riccardo Nasuti, Un Thunderbolt su Roma in La Roma, luglio 2008, pp. 6-11.
  11. ^ (NO) Odd Grenland - Aalesunds FK 1 - 1, fotball.no. URL consultato il 28 febbraio 2011.
  12. ^ (NO) Aalesunds FK - Drøbak/Frogn 3 - 0, fotball.no. URL consultato il 28 febbraio 2011.
  13. ^ (FR) La fiche de John Arne S. Riise, lfp.fr. URL consultato il 16 giugno 2009.
  14. ^ (FR) AS Monaco FC / FC Girondins de Bordeaux, lfp.fr. URL consultato il 16 giugno 2009.
  15. ^ (FR) AS Monaco FC / RC Strasbourg, lfp.fr. URL consultato il 16 giugno 2009.
  16. ^ (FR) EA Guingamp / AS Monaco FC, lfp.fr. URL consultato il 16 giugno 2009.
  17. ^ (FR) AS Monaco FC / AS Saint-Etienne, lfp.fr. URL consultato il 16 giugno 2009.
  18. ^ Fulham scatenato: 18 miliardi per Riise, tuttomercatoweb.com. URL consultato il 16 giugno 2009.
  19. ^ (EN) Liverpool win chase for Riise, bbc.co.uk. URL consultato il 15 giugno 2009.
  20. ^ (EN) Manchester United 1 - 2 Liverpool, Liverpoolfc.tv. URL consultato il 15 giugno 2009.
  21. ^ (EN) Super Liverpool record cup win, uefa.com. URL consultato il 15 giugno 2009.
  22. ^ (EN) Liverpool 2 - 1 West Ham United, Liverpoolfc.tv. URL consultato il 15 giugno 2009.
  23. ^ (EN) Everton 1 - 3 Liverpool, Liverpoolfc.tv. URL consultato il 15 giugno 2009.
  24. ^ (EN) Newcastle United 0 - 2 Liverpool, Liverpoolfc.tv. URL consultato il 15 giugno 2009.
  25. ^ (EN) Liverpool 3 - 1 Manchester United, Liverpoolfc.tv. URL consultato il 15 giugno 2009.
  26. ^ (EN) Southampton 2 - 0 Liverpool, Liverpoolfc.tv. URL consultato il 15 giugno 2009.
  27. ^ (EN) Arsenal 1 - 1 Liverpool, Liverpoolfc.tv. URL consultato il 15 giugno 2009.
  28. ^ (EN) Middlesbrough 1 - 2 Liverpool, Liverpoolfc.tv. URL consultato il 15 giugno 2009.
  29. ^ (EN) Liverpool 5 - 0 Ipswich Town, Liverpoolfc.tv. URL consultato il 15 giugno 2009.
  30. ^ (EN) Aston Villa 0 - 1 Liverpool, Liverpoolfc.tv. URL consultato il 15 giugno 2009.
  31. ^ (EN) Blackburn Rovers 2 - 2 Liverpool, Liverpoolfc.tv. URL consultato il 15 giugno 2009.
  32. ^ (EN) Liverpool 2 - 0 West Bromwich Albion, Liverpoolfc.tv. URL consultato il 15 giugno 2009.
  33. ^ (EN) Liverpool 1 - 1 Ipswich Town, Liverpoolfc.tv. URL consultato il 15 giugno 2009.
  34. ^ (EN) Liverpool 1 - 1 Blackburn Rovers, Liverpoolfc.tv. URL consultato il 15 giugno 2009.
  35. ^ (EN) Liverpool 2 - 2 Arsenal, Liverpoolfc.tv. URL consultato il 15 giugno 2009.
  36. ^ (EN) Manchester United 0 - 2 Liverpool, Liverpoolfc.tv. URL consultato il 15 giugno 2009.
  37. ^ a b (EN) John Arne Riise Bio, soccernet.espn.go.com. URL consultato il 16 giugno 2009.
  38. ^ (EN) Liverpool 2 - 0 Charlton Athletic, Liverpoolfc.tv. URL consultato il 16 giugno 2009.
  39. ^ (EN) Blackburn Rovers 2 - 2 Liverpool, Liverpoolfc.tv. URL consultato il 16 giugno 2009.
  40. ^ (EN) West Bromwich Albion 0 - 5 Liverpool, Liverpoolfc.tv. URL consultato il 16 giugno 2009.
  41. ^ (EN) Norwich City 1 - 2 Liverpool, Liverpoolfc.tv. URL consultato il 16 giugno 2009.
  42. ^ (EN) Charlton Athletic 1 - 2 Liverpool, Liverpoolfc.tv. URL consultato il 16 giugno 2009.
  43. ^ (EN) Liverpool 3 - 1 Bayer 04 Leverkusen, Liverpoolfc.tv. URL consultato il 16 giugno 2009.
  44. ^ (EN) Chelsea 3 - 2 Liverpool, Liverpoolfc.tv. URL consultato il 16 giugno 2009.
  45. ^ (EN) Liverpool triumph in Turkey, uefa.com. URL consultato il 16 giugno 2009.
  46. ^ (EN) CSKA Moskow 1 - 3 Liverpool, Liverpoolfc.tv. URL consultato il 16 giugno 2009.
  47. ^ (EN) Manchester City 0 - 1 Liverpool, Liverpoolfc.tv. URL consultato il 16 giugno 2009.
  48. ^ (EN) Portsmouth 1 - 2 Liverpool, Liverpoolfc.tv. URL consultato il 16 giugno 2009.
  49. ^ (EN) Birmingham City 0 - 7 Liverpool, Liverpoolfc.tv. URL consultato il 16 giugno 2009.
  50. ^ (EN) Chelsea 1 - 2 Liverpool, Liverpoolfc.tv. URL consultato il 16 giugno 2009.
  51. ^ Dall'Inghilterra conferme di una trattativa Fiorentina-Riise, tuttomercatoweb.com. URL consultato il 16 giugno 2009.
  52. ^ (EN) West Ham United 4 - 6 Liverpool, Liverpoolfc.tv. URL consultato il 16 giugno 2009.
  53. ^ (EN) Chelsea 1 - 2 Liverpool, Liverpoolfc.tv. URL consultato il 16 giugno 2009.
  54. ^ (EN) Liverpool 3 - 0 Tottenham Hotspur, Liverpoolfc.tv. URL consultato il 16 giugno 2009.
  55. ^ (EN) Liverpool 4 - 3 Reading, Liverpoolfc.tv. URL consultato il 16 giugno 2009.
  56. ^ Liverpool: rissa fra due giocatori in Portogallo, tuttomercatoweb.com. URL consultato il 16 giugno 2009.
  57. ^ (EN) Barcelona 1 - 2 Liverpool, Liverpoolfc.tv. URL consultato il 16 giugno 2009.
  58. ^ (EN) PSV Eindhoven 0 - 3 Liverpool, Liverpoolfc.tv. URL consultato il 16 giugno 2009.
  59. ^ (EN) AC Milan 2 - 1 Liverpool, Liverpoolfc.tv. URL consultato il 16 giugno 2009.
  60. ^ a b Liverpool, Riise: "Stanco di giocare poco", tuttomercatoweb.com. URL consultato il 16 giugno 2009.
  61. ^ (EN) Liverpool 1 - 1 Chelsea, Liverpoolfc.tv. URL consultato il 16 giugno 2009.
  62. ^ Liverpool, Riise: "Pronto per andare altrove", tuttomercatoweb.com. URL consultato il 16 giugno 2009.
  63. ^ Acquisizione a titolo definitivo del diritto alle prestazione sportive di John Arne Riise (PDF), asroma.it, 18 giugno 2008. URL consultato il 17 aprile 2010.
  64. ^ Riise: "La Roma è la migliore scelta", tuttomercatoweb.com. URL consultato il 15 giugno 2009.
  65. ^ L'Inter conquista la Supercoppa La Roma si arrende solo ai rigori, corrieredellosport.it. URL consultato il 15 giugno 2009.
  66. ^ Partita AS Roma-Napoli, corrieredellosport.it. URL consultato il 15 giugno 2009.
  67. ^ Roma, Riise: "Ho bisogno di tempo per abituarmi e migliorare", tuttomercatoweb.com. URL consultato il 15 giugno 2009.
  68. ^ Roma, Kinnear conferma l'interesse per Riise, tuttomercatoweb.com. URL consultato il 15 giugno 2009.
  69. ^ Roma, Riise: "Resto qui e vinco", tuttomercatoweb.com. URL consultato il 15 giugno 2009.
  70. ^ Inter-Roma show: spettacolare 3-3, corrieredellosport.it. URL consultato il 15 giugno 2009.
  71. ^ Totti: «Che rabbia, era meglio perdere 3-0», corrieredellosport.it. URL consultato il 15 giugno 2009.
  72. ^ Partita AS Roma-Arsenal, corrieredellosport.it. URL consultato il 15 giugno 2009.
  73. ^ Partita AC Milan-AS Roma, corrieredellosport.it. URL consultato il 15 giugno 2009.
  74. ^ Roma, al Barça piace Riise, tuttomercatoweb.com. URL consultato il 15 giugno 2009.
  75. ^ Roma, Riise: "Il Barça? Solo voci", tuttomercatoweb.com. URL consultato il 15 giugno 2009.
  76. ^ AC Siena-AS Roma 1-2, Corriere dello Sport - Stadio. URL consultato il 13 settembre 2009.
  77. ^ AS Roma-Fulham FC 2-1, uefa.com, 5 novembre 2009. URL consultato il 17 aprile 2010.
  78. ^ Valerio Clari, Riise gol, vendetta Ranieri La Roma passa 2-1 a Torino in La Gazzetta dello Sport, 23 gennaio 2010. URL consultato il 17 aprile 2010.
  79. ^ Elisabetta Esposito, Okaka lancia la Roma Agganciato il Milan in La Gazzetta dello Sport, 31 gennaio 2010. URL consultato il 17 aprile 2010.
  80. ^ [1] gazzetta.it
  81. ^ Riise Signs, fulhamfc.com, 13 luglio 2011.
  82. ^ http://109.75.174.100/~asroma/downloads/corporate_investor/1310756468_150711_riise.pdf
  83. ^ (CY) Σύναψη Συμφωνίας με John Arne Riise, apoelfc.com.cy. URL consultato il 1° settembre 2014.
  84. ^ (NO) Finland - Norge 0 - 2 (0 - 1), fotball.no. URL consultato il 16 giugno 2009.
  85. ^ (NO) Portugal - Norge 2 - 2 (1 - 0), fotball.no. URL consultato il 16 giugno 2009.
  86. ^ (NO) Norge - Hviterussland 5 - 1 (2 - 0), fotball.no. URL consultato il 16 giugno 2009.
  87. ^ (NO) Island - Norge 0 - 0 (0 - 0), fotball.no. URL consultato il 16 giugno 2009.
  88. ^ (NO) Tyrkia - Norge 0 - 2 (0 - 1), fotball.no. URL consultato il 16 giugno 2009.
  89. ^ (NO) Norge - Danmark 2 - 2 (0 - 1), fotball.no. URL consultato il 16 giugno 2009.
  90. ^ (NO) Norge - Bosnia-Herzegovina 2 - 0 (2 - 0), fotball.no. URL consultato il 16 giugno 2009.
  91. ^ (EN) Carew's punch left Riise unconscious, aftenposten.no. URL consultato il 17 giugno 2009.
  92. ^ (EN) Riise looking forward to seeing Carew, aftenposten.no. URL consultato il 17 giugno 2009.
  93. ^ (NO) Spania - Norge 2 - 1 (1 - 1), fotball.no. URL consultato il 16 giugno 2009.
  94. ^ (NO) Norge - Spania 0 - 3 (0 - 1), fotball.no. URL consultato il 16 giugno 2009.
  95. ^ (NO) Malta - Norge 0 - 3 (0 - 0), fotball.no. URL consultato il 16 giugno 2009.
  96. ^ (NO) Sverige - Norge 2 - 3 (1 - 0), fotball.no. URL consultato il 16 giugno 2009.
  97. ^ (NO) Tsjekkia - Norge 1 - 0 (1 - 0), fotball.no. URL consultato il 16 giugno 2009.
  98. ^ (NO) Norge - Malta 4 - 0 (1 - 0), fotball.no. URL consultato il 16 giugno 2009.
  99. ^ (NO) Norge - Hellas 2 - 2 (2 - 2), fotball.no. URL consultato il 16 giugno 2009.
  100. ^ (NO) Norge - Tyrkia 1 - 2 (1 - 1), fotball.no. URL consultato il 16 giugno 2009.
  101. ^ (NO) Malta - Norge 1 - 4 (0 - 3), fotball.no. URL consultato il 16 giugno 2009.
  102. ^ (NO) Norge - Uruguay 2 - 2 (0 - 1), fotball.no. URL consultato il 16 giugno 2009.
  103. ^ (NO) Norge - Finland 3 - 2 (0 - 1), fotball.no. URL consultato il 16 giugno 2009.
  104. ^ (NO) Ukraina - Norge 1 - 0 (1 - 0), fotball.no. URL consultato il 16 giugno 2009.
  105. ^ (NO) Hangeland om Riise: - Jeg er full av beundring, vg.no. URL consultato il 15 agosto 2012.
  106. ^ (NO) Riise gir seg på landslaget, aftenposten.no. URL consultato il 6 maggio 2013.
  107. ^ a b 2 presenze nel Terzo turno preliminare.
  108. ^ 5 presenze nei turni preliminari.
  109. ^ 1 presenza nel Terzo turno preliminare.
  110. ^ a b 4 presenze nei turni preliminari.
  111. ^ 1 rete nei turni preliminari.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 226890467