Marek Mintál

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Marek Mintál
Marek Mintal 2006.jpg
Dati biografici
Nazionalità Slovacchia Slovacchia
Altezza 183 cm
Peso 78 kg
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Allenatore (ex centrocampista)
Squadra Norimberga Norimberga
Carriera
Giovanili
Zilina Žilina
Squadre di club1
1996-2003 Zilina Žilina 188 (77)
2003-2011 Norimberga Norimberga 180 (66)
2011-2012 Hansa Rostock Hansa Rostock 24 (6)
2012-2013 Norimberga II Norimberga II 30 (11)
Nazionale
2002-2009 Slovacchia Slovacchia 45 (14)
Carriera da allenatore
2013- Norimberga Norimberga Vice
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 17 maggio 2013

Marek Mintál (Žilina, 2 settembre 1977) è un ex calciatore slovacco, trequartista o attaccante e adesso vice allenatore del Norimberga.

È al settimo posto nella classifica di presenze della Nazionale slovacca (45), ed è al terzo nella classifica marcatori (14 reti).

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica sorgente]

Seconda punta, Mintál poteva giocare anche come trequartista dietro le punte.

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Club[modifica | modifica sorgente]

Žilina[modifica | modifica sorgente]

Cresciuto nello Žilina, approda in prima squadra nel 1996. La squadra conclude al nono posto nella prima stagione in cui milita Marek passata quasi totalmente da riserva. Lo Žilina partecipa all'Intertoto ma nel Gruppo 9 assieme a Lione, Rapid Bucarest, Odra Wodzisław e Austria Vienna la squadra slovacca viene eliminata. Nella stagione seguente lo Žilina finisce al settimo posto, annata in cui ha il peggior attacco del campionato che si oppone alla miglior difesa. Nel 1998-99 le prestazioni di Mintál in campo cominciano a crescere e in questa stagione realizza 11 reti guadagnando il titolo di miglior marcatore della squadra e portandola fino al sesto posto in classifica. Il campionato 2000 vede lo Žilina fuori dalle posizioni di vertice, chiudere il torneo all'ottavo posto, trascinato dai gol del sempre più leader Mintál, che ne realizza ben 12, piazzandosi al quarto posto nella classifica marcatori. Rimane nello Žilina anche nella successiva stagione, dove la squadra giunge al quinto posto in campionato, trascinata dai gol di Mintál e da quelli del compagno Ľubomír Reiter. Nel torneo successivo Marek Mintál si dimostra il migliore in assoluto, laureandosi miglior marcatore del campionato e trascinando a suon di gol la propria squadra alla vittoria del campionato segnandone 21. Infine l'attacco dello Žilina risulta essere il migliore del campionato, grazie anche alle reti dei compagni di reparto di Mintál, Miroslav Nemec e Reiter: praticamente 2 reti su 3 dello Žilina erano realizzate da questi tre attaccanti. La stagione 2002 comincia con l'impegno in Supercoppa dove lo Žilina si trova favorito contro i vincitori di coppa del Senec. I gialloverdi però concludono i tempi supplementari sull'1-1 e la sfida si deve decidere ai calci di rigore: il Senec riporta la vittoria della Supercoppa per 4-3 ai rigori. La squadra si prepara alla nuova stagione con la consapevolezza che dovrà difendere il titolo conquistato nell'annata passata. Dopo 36 incontri di campionato Mintál torna a conquistare la classifica marcatori realizzando 20 marcature e con l'ausilio del compagno d'attacco Martin Fabuš (anch'esso capocannoniere) la squadra conquista il secondo titolo consecutivo. In Champions la squadra esce eliminata 4-1 dagli svizzeri del Basilea. A fine stagione arriva un'offerta dal Norimberga e nonostante il forte attaccamento che Mintál ha verso la maglia gialloverde decide di partire per la nuova avventura in Germania.

Norimberga[modifica | modifica sorgente]

Mintál con la maglia del Norimberga

Durante la sua permanenza in Germania è soprannominato il fantasma per la capacità di passare inosservato dalle difese avversarie. Arriva al Norimberga nell'estate del 2003. Esordisce il 4 agosto 2003 in Karlsruher-Norimberga 2-3 giocando tutta la partita. Alla sua prima stagione non delude le aspettative e realizza 18 reti vincendo la classifica capocannonieri della Zweite Bundesliga. Trascina il Norimberga alla promozione in Bundesliga con due giornate di anticipo, aiutato dal connazionale Róbert Vittek e dal polacco Jacek Krzynówek che realizzerà 12 reti. In coppa nazionale il Norimberga supera il Reinickendorfer Füchse 2-0 prima di incontrare il Bayern Monaco: dopo l'1-1 regolamentare la squadra viene sconfitta dai bavaresi 7-6 ai tiri dagli 11 metri. Esordisce in Bundesliga il 7 agosto 2004 in Kaiserslautern-Norimberga 1-3 giocando per 89' sostituito da Marek Nikl. Nel 2005 riesce a portare alla salvezza il Norimberga siglando 24 delle 55 reti dei rossoneri. Vince la classifica capocannonieri siglando 24 gol e battendo campioni del calibro di Roy Makaay, Dimităr Berbatov, Miroslav Klose, Jan Koller, Andrij Voronin e Kevin Kurányi. In coppa il Norimberga elimina l'FC Teningen 2-1 vengono estromessi nel turno successivo ai tempi supplementari dall'LR Ahlen 3-2. Arriva terzo assieme a Samuel Eto'o nella classifica per la Scarpa d'oro. Nella stagione 2005-06, con il licenziamento dell'allenatore Wolf[1], è Vittek, con le sue reti a portare il Norimberga in zone di classifica più tranquille, infatti la squadra si stabilisce all'ottavo posto. In coppa il Norimberga realizza 4 reti per sbarazzarsi del 1. FC Eschborn nel primo turno. Nel secondo turno i rossoneri vedono contrapporsi il Dynamo Dresda, squadra che verrà agevolmente sconfitta 3-0. Al terzo turno i bavaresi affrontano l'Entraicht che elimina il Norimberga solo dopo i calci di rigore 4-1 (1-1 dopo il tempo regolamentare). La stagione 2007 sarà memorabile per il Norimberga, una delle migliori stagioni degli ultimi anni. Dopo 34 incontri di Bundesliga, il Norimberga si ritrova al sesto posto in classifica. In coppa nazionale il Norimberga supera di misura il BV Cloppenburg al primo turno; al secondo turno i bavaresi affrontano il Paderborn che viene sconfitto ai tempi supplementari 2-1; al terzo turno il Norimberga si trova di fronte l'Unterhaching, squadra che verrà sconfitta dai rossoneri ai rigori 2-1 dopo lo 0-0 regolamentare; il Norimberga arriva ai quarti di finale, risultato quanto mai aspettato, trovandosi a lottare per le semifinali contro l'Hannover 96, dove anche questa volta la fortuna sorride al Norimberga che passa in semifinale 4-2 ai rigori (0-0 dts); in semifinale i bavaresi affrontano l'Entraicht Frankfurt devastandoli 4-0 è accedendo a una storica finale, era infatti da 25 anni che il Norimberga non arrivava in finale di DFB-Pokal; contro lo Stoccarda i rossoneri passano subito sotto a causa di una rete di Cacau a cui sarà proprio Mintál a rispondere pareggiando i conti 1-1. Mintál si infortunierà pochi minuti dopo e sarà sostituito dal ceco Jan Polák. È Marco Engelhardt a portare il Norimberga sul 2-1 all'inizio del secondo tempo, vantaggio che dura sino a 10 minuti dalla fine quando Pável Pardo ripareggia i conti: 2-2. È nei tempi supplementari che Jan Kristiansen decide l'incontro nel primo tempo supplementare, regalando al Norimberga la quarta coppa nazionale della sua storia. Il Norimberga contrappone l'ottima stagione passata, a una pessima nuova stagione che porta alla retrocessione in seconda divisione; in questa stagione Mintál s'infortuna l'8 febbraio 2008 rimanendo indisponibile fino al ventun febbraio. In DFB-Pokal, dopo aver sconfitto l'SC Victoria Hamburg con un complessivo 6-0 si fanno eliminare dalla competizione dal Fußballclub Carl Zeiss Jena per 5-4 ai rigori dopo il 2-2 regolamentare. In seconda divisione Mintál ritrova le migliori prestazioni, realizzando 16 reti, vince il titolo marcatori e riporta la sua squadra in Bundesliga segnando anche una rete nello spareggio promozione/retrocessione contro l'Energie Cottbus. In coppa il Norimberga di Mintál sconfigge ai rigori il LR Ahlen 4-3 (dopo lo 0-0 regolamentare) prima di farsi estromettere dal Bayern Monaco per 2-0. Il club riparte dalla Bundesliga nella stagione successiva dove arriva al terzultimo posto, salvandosi dalla retrocessione grazie alla vittoria dello spareggio contro l'Augsburg per 3-0. In Coppa di Germania 2010 il Norimberga batte 3-0 il Dynamo Dresda per poi farsi sconfiggere dall'Hoffenheim 1-0.

Nazionale[modifica | modifica sorgente]

Con la Nazionale slovacca ha militato dal 2002 al 2009. Ha rifiutato la convocazione del CT Vladimir Weiss per il Mondiale del 2010, confermando così la propria decisione di abbandonare la Nazionale, all'età di 32 anni.[2] Attualmente occupa il terzo posto nella classifica marcatori della Nazionale slovacca con 14 reti e il settimo posto nella classifica delle presenze con 45 gettoni.

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

Club[modifica | modifica sorgente]

Žilina: 2001-2002, 2002-2003
Norimberga: 2006-2007

Individuale[modifica | modifica sorgente]

2004, 2005
2001-2002 (21 gol), 2002-2003 (20 gol, assieme a Martin Fabuš)
2003-2004 (18 gol assieme a Francisco Copado), 2008-2009 (16 gol assieme a Benjamin Auer e Cédric Makiadi)
2004-2005 (24 gol)

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Marco Frattini, Il Norimberga licenzia Wolf in tuttomercatoweb.com, 30 ottobre 2005. URL consultato il 27 novembre 2010.
  2. ^ Raimondo De Magistris, Slovacchia, ecco i 29 pre-convocati. Hamsik presente, Mintal fuori., TuttomercatoWeb.com, 11.05.2010. URL consultato l'11.05.2010.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]