FIFA Confederations Cup 2009

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
FIFA Confederations Cup 2009
FIFA Sokker-Konfederasiebeker in 2009
Logo della competizione
Competizione FIFA Confederations Cup
Sport Football pictogram.svg Calcio
Edizione
Date 14 giugno - 28 giugno 2009
Luogo Sudafrica Sudafrica
(4 città)
Partecipanti 8
Impianto/i 4 stadi
Risultati
Vincitore Brasile Brasile
(3° titolo)
Secondo Stati Uniti Stati Uniti
Terzo Spagna Spagna
Quarto Sudafrica Sudafrica
Statistiche
Miglior nazione Brasile Brasile
Miglior giocatore Brasile Kaká
Miglior marcatore Brasile Luís Fabiano (5)
Miglior portiere Stati Uniti Tim Howard
Incontri disputati 16
Gol segnati 44 (2,75 per incontro)
Pubblico 584 894
(36 556 per incontro)
Cronologia della competizione
Left arrow.svg 2005 2013 Right arrow.svg

La FIFA Confederations Cup 2009 è stata l'ottava edizione di questo torneo. Si è svolta in Sudafrica dal 14 al 28 giugno 2009 e ha anticipato il campionato del mondo 2010. La manifestazione ha visto la partecipazione di tre esordienti: Iraq, Italia e Spagna. Il torneo è stato vinto dal Brasile, che si è confermato campione battendo in finale per 3-2 gli Stati Uniti. Per la prima volta compare sugli spalti di uno stadio di calcio la vuvuzela, il cui suono è stato uno degli elementi caratterizzanti della competizione.[1]

Stadi[modifica | modifica wikitesto]

Johannesburg Pretoria Bloemfontein Rustenburg
Ellis Park Stadium Loftus Versfeld Stadium Free State Stadium Royal Bafokeng Stadium
Capienza: 62 567 Capienza: 51 762 Capienza: 48 000 Capienza: 42 000
Loftus-Stadion.JPG Royal Bafokeng Stadium, Phokeng.jpg


La FIFA aveva designato anche la città di Port Elizabeth, ma il ritardo dei lavori per la ristrutturazione dello stadio ha causato la bocciatura (l'8 luglio 2008) da parte del massimo organismo del calcio mondiale per poter ospitare la Confederations Cup 2009, ma per il campionato del mondo 2010 fu presente.

Formula[modifica | modifica wikitesto]

Le otto squadre vennero divise in due gironi all'italiana di quattro squadre ciascuno. Le prime due classificate di ogni girone si qualificarono per la fase a eliminazione diretta.

Squadre partecipanti[modifica | modifica wikitesto]

Pr. Squadra Data di qualificazione Confed. Qualificata in quanto Ultima partecipazione
1 Sudafrica Sudafrica 0015 maggio 2004 1CAF 00Nazione organizzatrice Arabia Saudita 1997
2 Italia Italia 009 luglio 2006 1UEFA 00Vincitrice del campionato mondiale di calcio 2006 Esordiente
3 Stati Uniti Stati Uniti 0024 giugno 2007 1CONCACAF 00Vincitrice della CONCACAF Gold Cup 2007[2] Francia 2003
4 Brasile Brasile 0015 luglio 2007 1CONMEBOL 00Vincitrice della Copa América 2007[3] Germania 2005
5 Iraq Iraq 0029 luglio 2007 1AFC 00Vincitrice della Coppa d'Asia 2007 Esordiente
6 Egitto Egitto 0010 febbraio 2008 1CAF 00Vincitrice della Coppa delle Nazioni Africane 2008 Messico 1999
7 Spagna Spagna 0029 giugno 2008 1UEFA 00Vincitrice del campionato europeo di calcio 2008[3] Esordiente
8 Nuova Zelanda Nuova Zelanda 006 settembre 2008 1OFC 00Vincitrice della Coppa delle nazioni oceaniane 2008[4] Francia 2003

Sorteggio dei gruppi[modifica | modifica wikitesto]

Il sorteggio per determinare i due gruppi si è svolto il 22 novembre 2008 a Johannesburg. Il Sudafrica, unica testa di serie del sorteggio, è stata posizionata automaticamente nel Gruppo A. Le Nazionali appartenenti alla stessa confederazione non potevano essere sorteggiate nello stesso gruppo: di conseguenza, l'Egitto è stato collocato nel Gruppo B, mentre Italia e Spagna non potevano incontrarsi tra di loro.[5]

Pallone ufficiale[modifica | modifica wikitesto]

Una replica dell'Adidas Kopanya con la struttura a 32 pannelli.

Il pallone ufficiale per la FIFA Confederations Cup 2009 è stato l'Adidas Kopanya.

Il nome significa "uniamoci insieme" nelle lingue sotho, una delle undici lingue del Sudafrica.

La configurazione a pannelli del pallone è la stessa del Teamgeist e dell'Europass.

Il pallone è bianco, accentuato da linee nere e dettagliato con i tipici disegni Ndebele in rosso, giallo, verde e blu[6].

Arbitri[modifica | modifica wikitesto]

Lista delle terne[modifica | modifica wikitesto]

La squadra arbitrale designata dalla FIFA era composta da 10 arbitri e 20 assistenti, per un totale di 30 ufficiali. La seconda delle due terne africane, capitanata all'arbitro delle Seychelles Maillet, è di riserva.

Le terne di seguito riportate sono suddivise per confederazione d'appartenenza.

Pablo Pozo (Cile) e Benito Archundia (Messico) con relativi assistenti sono subentrati in un secondo momento, in sostituzione di due terne originariamente convocate ma poi mandate a casa per non aver superato alcuni test obbligatori, lamentando problemi fisici. Il messicano ha sostituito il guatemalteco Carlos Batres, mentre il cileno ha preso il posto del paraguaiano Carlos Amarilla[7].

Il caso Brasile-Egitto[modifica | modifica wikitesto]

Questa partita, valida per la prima giornata del gruppo B e diretta dall'inglese Webb, è stata al centro di alcune polemiche. Nel finale di gara (risultato parziale ancora 3-3) durante un'azione d'attacco del Brasile c'è stato un netto tocco di mano sulla linea di porta da parte di un difensore egiziano, a sventare una chiara occasione da gol. L'arbitro, non avvedutosi in un primo momento direttamente di quanto accaduto, aveva indicato il calcio d'angolo, poi su successiva segnalazione dell'assistente si decideva per un calcio di rigore ai verdeoro, con relativa espulsione dell'egiziano coinvolto. Ma l'Egitto presentava ricorso alla FIFA, sostenendo la tesi che l'assistente (o comunque uno degli ufficiali presenti a bordocampo) si sarebbe avvalso delle immagini televisive per giudicare, o tramite il maxischermo presente allo stadio, oppure attraverso qualche monitor a bordocampo.[8] Successivamente la FIFA, ricevuto il ricorso e analizzato il referto arbitrale, spiegava come la decisione fosse stata presa grazie alla collaborazione tra arbitro e primo assistente, il quale dalla sua chiara visuale aveva suggerito, seppur dopo un po' di tempo dal termine dell'azione, l'espulsione del giocatore egiziano (non avvalendosi dunque di alcun ausilio tecnologico).[9]

Convocazioni[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Convocazioni per la FIFA Confederations Cup 2009.

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Fase a gironi[modifica | modifica wikitesto]

Gruppo A[modifica | modifica wikitesto]

Risultati[modifica | modifica wikitesto]
Johannesburg
14 giugno 2009, ore 16:00 UTC+2
Sudafrica Sudafrica 0 – 0
referto
Iraq Iraq Ellis Park Stadium (48 837 spett.)
Arbitro Uruguay Jorge Larrionda

Rustenburg
14 giugno 2009, ore 20:30 UTC+2
Nuova Zelanda Nuova Zelanda 0 – 5
referto
Spagna Spagna Royal Bafokeng Stadium (21 649 spett.)
Arbitro Benin Coffi Codjia

Bloemfontein
17 giugno 2009, ore 16:00 UTC+2
Spagna Spagna 1 – 0
referto
Iraq Iraq Free State Stadium (30 512 spett.)
Arbitro Australia Matthew Breeze

Rustenburg
17 giugno 2009, ore 20:30 UTC+2
Sudafrica Sudafrica 2 – 0
referto
Nuova Zelanda Nuova Zelanda Royal Bafokeng Stadium (36 598 spett.)
Arbitro Messico Benito Archundia

Johannesburg
20 giugno 2009, ore 20:30 UTC+2
Iraq Iraq 0 – 0
referto
Nuova Zelanda Nuova Zelanda Ellis Park Stadium (23 295 spett.)
Arbitro Inghilterra Howard Webb

Bloemfontein
20 giugno 2009, ore 20:30 UTC+2
Spagna Spagna 2 – 0
referto
Sudafrica Sudafrica Free State Stadium (38 212 spett.)
Arbitro Cile Pablo Pozo

Classifica[modifica | modifica wikitesto]
Pos. Squadra Pt G V N P GF GS DR
1. Spagna Spagna 9 3 3 0 0 8 0 +8
2. Sudafrica Sudafrica 4 3 1 1 1 2 2 0
3. Iraq Iraq 2 3 0 2 1 0 1 −1
4. Nuova Zelanda Nuova Zelanda 1 3 0 1 2 0 7 −7

Gruppo B[modifica | modifica wikitesto]

Risultati[modifica | modifica wikitesto]
Bloemfontein
15 giugno 2009, ore 16:00 UTC+2
Brasile Brasile 4 – 3
referto
Egitto Egitto Free State Stadium (27 851 spett.)
Arbitro Inghilterra Howard Webb

Pretoria
15 giugno 2009, ore 20:30 UTC+2
Stati Uniti Stati Uniti 1 – 3
referto
Italia Italia Loftus Versfeld Stadium (34 341 spett.)
Arbitro Cile Pablo Pozo

Pretoria
18 giugno 2009, ore 16:00 UTC+2
Stati Uniti Stati Uniti 0 – 3
referto
Brasile Brasile Loftus Versfeld Stadium (39 617 spett.)
Arbitro Svizzera Massimo Busacca

Johannesburg
18 giugno 2009, ore 20:30 UTC+2
Egitto Egitto 1 – 0
referto
Italia Italia Ellis Park Stadium (52 150 spett.)
Arbitro Svezia Martin Hansson

Pretoria
21 giugno 2009, ore 20:30 UTC+2
Italia Italia 0 – 3
referto
Brasile Brasile Loftus Versfeld Stadium (41 195 spett.)
Arbitro Messico Benito Archundia

Rustenburg
21 giugno 2009, ore 20:30 UTC+2
Egitto Egitto 0 – 3
referto
Stati Uniti Stati Uniti Royal Bafokeng Stadium (23 140 spett.)
Arbitro Nuova Zelanda Michael Hester

Classifica[modifica | modifica wikitesto]
Pos. Squadra Pt G V N P GF GS DR
1. Brasile Brasile 9 3 3 0 0 10 3 +7
2. Stati Uniti Stati Uniti 3 3 1 0 2 4 6 −2
3. Italia Italia 3 3 1 0 2 3 5 −2
4. Egitto Egitto 3 3 1 0 2 4 7 −3

Fase a eliminazione diretta[modifica | modifica wikitesto]

Tabellone[modifica | modifica wikitesto]

Semifinali Finale
 1A Spagna Spagna  0  
 2B Stati Uniti Stati Uniti  2  
 
     Stati Uniti Stati Uniti  2
   Brasile Brasile  3
Terzo posto
 1B Brasile Brasile  1  Spagna Spagna  3
 2A Sudafrica Sudafrica  0    Sudafrica Sudafrica  2


Semifinali[modifica | modifica wikitesto]

Bloemfontein
24 giugno 2009, ore 20:30 UTC+2
Spagna Spagna 0 – 2
referto
Stati Uniti Stati Uniti Free State Stadium (35 369 spett.)
Arbitro Uruguay Jorge Larrionda

Spagna
SPAGNA
P 1 Iker Casillas (c)
DD 15 Sergio Ramos
DC 3 Gerard Piqué Ammonizione al 89’ 89’
DC 5 Carles Puyol
DS 11 Joan Capdevila Ammonizione al 36’ 36’
CC 14 Xabi Alonso
CD 8 Xavi
CS 18 Albert Riera Uscita al 78’ 78’
CO 10 Cesc Fàbregas Uscita al 68’ 68’
AC 9 Fernando Torres
AC 7 David Villa
Sostituzioni:
C 20 Santi Cazorla Ingresso al 68’ 68’
C 22 Juan Manuel Mata Ingresso al 78’ 78’
Allenatore:
Spagna Vicente del Bosque
FIFACC Spain-USA line up.svg
Stati Uniti
STATI UNITI
P 1 Tim Howard
DD 21 Jonathan Spector
DC 15 Jay DeMerit
DC 5 Oguchi Onyewu
DS 3 Carlos Bocanegra (c)
CD 8 Clint Dempsey Uscita al 88’ 88’
CC 12 Michael Sheehan Bradley Red card.svg 87’
CC 13 Ricardo Clark
CS 10 Landon Donovan Ammonizione al 5’ 5’
AC 9 Charlie Davies Uscita al 69’ 69’
AC 17 Jozy Altidore Ammonizione al 28’ 28’ Uscita al 83’ 83’
Sostituzioni:
C 22 Benny Feilhaber Ingresso al 69’ 69’
A 4 Conor Casey Ingresso al 83’ 83’
D 2 Jonathan Bornstein Ingresso al 88’ 88’
Allenatore:
Stati Uniti Bob Bradley

Uomo partita:
Stati Uniti Clint Dempsey

Guardalinee:
Uruguay Pablo Fandiño
Uruguay Mauricio Espinosa
Quarto uomo:
Benin Coffi Codjia
Quinto uomo:
Benin Alexis Fassinou



Johannesburg
25 giugno 2009, ore 20:30 UTC+2
Brasile Brasile 1 – 0
referto
Sudafrica Sudafrica Coca-Cola Park (48 049 spett.)
Arbitro Svizzera Massimo Busacca

Brasile
BRASILE:
P 1 Júlio César
DC 3 Lúcio (c)
DC 14 Luisão
DS 16 André Santos Ammonizione al 61’ 61’ Uscita al 82’ 82’
DD 2 Maicon
CC 8 Gilberto Silva
CC 5 Felipe Melo Ammonizione al 31’ 31’
CO 18 Ramires
CO 10 Kaká
CO 11 Robinho
AC 9 Luís Fabiano Uscita al 92’ 92’
Sostituzioni:
DD 13 Daniel Alves Ammonizione al 88’ 88’ Ingresso al 82’ 82’
CC 20 Kléberson Ingresso al 92’ 92’
Allenatore:
Brasile Dunga
FIFACC Brazil-South Africa line up.svg
Sudafrica
SUDAFRICA:
P 16 Itumeleng Khune
DD 2 Siboniso Gaxa
DC 4 Aaron Mokoena (c)
DC 14 Matthew Booth
DS 3 Tsepo Masilela Ammonizione al 45’ 45’
CC 13 Kagiso Dikgacoi
CC 5 Benson Mhlongo
CD 10 Steven Pienaar Uscita al 93’ 93’
CO 8 Siphiwe Tshabalala Uscita al 91’ 91’
CS 12 Teko Modise Uscita al 91’ 91’
AC 17 Bernard Parker
Sostituzioni:
AC 9 Katlego Mphela Ingresso al 91’ 91’
AC 21 Katlego Mashego Ingresso al 91’ 91’
CC 11 Elrio van Heerden Ingresso al 93’ 93’
Allenatore:
Brasile Joel Santana

Uomo partita:
Sudafrica Steven Pienaar

Assistenti:
Svizzera M. Arnet
Svizzera F. Buragina
Quarto uomo:
Messico Benito Archundia
Quinto uomo:
Canada Héctor Vergara

Incontro per il terzo posto[modifica | modifica wikitesto]

Rustenburg
28 giugno 2009, ore 15:00 UTC+2
Spagna Spagna 3 – 2
(d.t.s.)
referto
Sudafrica Sudafrica Royal Bafokeng Stadium (31 788 spett.)
Arbitro Australia Matthew Breeze

Spagna
SPAGNA
P 1 Iker Casillas (c)
DD 19 Alvaro Arbeloa
DC 2 Raul Albiol Ammonizione al 84’ 84’
DC 3 Gerard Piqué Ammonizione al 77’ 77’
DS 11 Joan Capdevila
CC 14 Xabi Alonso
CD 12 Sergi Busquets Ammonizione al 38’ 38’ Uscita al 81’ 81’
CS 18 Albert Riera
CO 20 Santi Cazorla
AC 9 Fernando Torres Uscita al 57’ 57’
AC 7 David Villa Uscita al 57’ 57’
Sostituzioni:
C 17 Daniel Guiza Ingresso al 57’ 57’
C 21 David Silva Ingresso al 57’ 57’
C 16 Fernando Llorente Ammonizione al 115’ 115’ Ingresso al 81’ 81’
Allenatore:
Spagna Vicente del Bosque
FIFACC Third place match lineup.svg
Sudafrica
SUDAFRICA:
P 16 Itumeleng Khune
DD 2 Siboniso Gaxa
DC 14 Matthew Booth
DC 4 Aaron Mokoena (c)
DS 3 Tsepo Masilela Ammonizione al 108’ 108’
CC 13 Kagiso Dikgacoi
CC 6 MacBeth Sibaya
CD 10 Steven Pienaar Ammonizione al 47’ 47’ Uscita al 64’ 64’
CO 8 Siphiwe Tshabalala Uscita al 84’ 84’
CS 12 Teko Modise Uscita al 69’ 69’
AC 17 Bernard Parker
Sostituzioni:
AC 9 Katlego Mphela Ammonizione al 77’ 77’ Ingresso al 64’ 64’
CC 11 Elrio van Heerden Ingresso al 69’ 69’
AC 5 Benson Mhlongo Ingresso al 91’ 91’
Allenatore:
Brasile Joel Santana

Uomo partita:
Spagna Xabi Alonso

Assistenti:
Australia Matthew Cream
Australia Ben Wilson
Quarto uomo:
Benin Coffi Codjia
Quinto uomo:
Benin Alexis Fassinou

Finale[modifica | modifica wikitesto]

Johannesburg
28 giugno 2009, ore 20:30 UTC+2
Stati Uniti Stati Uniti 2 – 3
referto
Brasile Brasile Coca-Cola Park (52 291 spett.)
Arbitro Svezia Martin Hansson

Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Stati Uniti
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Brasile
Stati Uniti
Stati Uniti:
P 1 Tim Howard
DD 21 Jonathan Spector
DC 5 Oguchi Onyewu
DC 15 Jay DeMerit
DS 3 Carlos Bocanegra (c) Ammonizione al 19’ 19’
CC 13 Ricardo Clark Uscita al 88’ 88’
CC 22 Benny Feilhaber Uscita al 75’ 75’
CD 8 Clint Dempsey
CS 10 Landon Donovan
CO 17 Jozy Altidore Uscita al 75’ 75’
AC 9 Charlie Davies
Sostituzioni:
CC 16 Sacha Kljestan Ingresso al 75’ 75’
DC 2 Jonathan Bornstein Ingresso al 75’ 75’
AC 4 Conor Casey Ingresso al 88’ 88’
Allenatore:
Stati Uniti Bob Bradley
FIFACC Final line up.svg
Brasile
Brasile:
P 1 Júlio César
DD 2 Maicon
DC 3 Lúcio (c) Ammonizione al 70’ 70’
DC 14 Luisão
DS 16 André Santos Ammonizione al 36’ 36’ Uscita al 66’ 66’
CC 8 Gilberto Silva
CC 5 Felipe Melo Ammonizione al 25’ 25’
CD 18 Ramires Uscita al 67’ 67’
CO 10 Kaká
CO 11 Robinho
AC 9 Luís Fabiano
Sostituzioni:
DD 13 Daniel Alves Ingresso al 66’ 66’
CC 7 Elano Ingresso al 67’ 67’
Allenatore:
Brasile Dunga

Uomo partita:
Brasile Kaká

Assistenti:
Svezia Henrik Andrén
Svezia Fredrik Nilsson
Quarto uomo:
Messico Benito Archundia
Quinto uomo:
Canada Héctor Vergara

Vincitore[modifica | modifica wikitesto]

Vincitore della Confederations Cup 2009

Brasile
Brasile
3º titolo

Classifica marcatori[modifica | modifica wikitesto]

Premi[modifica | modifica wikitesto]

Pallone d'Oro: Scarpa d'Oro: Guanti d'Oro: Premio Fair Play:
Brasile Kaká Brasile Luís Fabiano Stati Uniti Tim Howard Brasile Brasile
Pallone d'Argento: Scarpa d'Argento:
Brasile Luís Fabiano Spagna Fernando Torres
Pallone di Bronzo: Scarpa di Bronzo:
Stati Uniti Clint Dempsey Spagna David Villa

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Fabrizio Bocca, Caschetto Makarapa in testa e Vuvuzela per far baccano in repubblica.it, 20 giugno 2009. URL consultato il 29 giugno 2009.
  2. ^ Fino a 3 squadre non appartenenti alla CONCACAF verranno invitate, ma, in base al regolamento, "Una squadra invitata di un'altra confederazione, non può rappresentare la CONCACAF [in competizioni come la Confederations Cup] in caso vincesse la Gold Cup". La squadra meglio piazzata tra le appartenenti alla CONCACAF, parteciperà al suo posto. [1]
  3. ^ a b Nel dicembre 2004 la FIFA ha deciso che, a partire da questa edizione, "i vincitori della Copa America e del Campionato europeo di calcio non sono obbligati a partecipare alla competizione". [2]
  4. ^ Il torneo OFC di qualificazione per i Mondiali di calcio 2010 varrà anche per la Nations Cup: la miglior squadra del girone finale a quattro (giocato con partite di andata e ritorno da ottobre 2007 ad aprile 2009) verrà dichiarata vincitrice della Nations Cup, parteciperà alla Confederations Cup e probabilmente giocherà per un posto nella Coppa del Mondo contro una squadra di una confederazione differente (a fine 2009). Il turno preliminare con sei squadre verrà disputato a settembre 2007. Non è chiaro se la competizione sarà denominata OFC Nations Cup 2009 o 2007-2009.[3]
  5. ^ (EN) SA seeded for Confederations Cup in bbc.co.uk, 6 ottobre 2008. URL consultato il 16 giugno 2009.
  6. ^ (EN) A vibrant ball for the rainbow nation in FIFA.com, 19 novembre 2008. URL consultato il 12 dicembre 2009.
  7. ^ (EN) Two referees replaced due to injury in FIFA.com, 5 giugno 2009. URL consultato il 16 giugno 2009.
  8. ^ Confederations Cup: ricorso Egitto dopo match con Brasile in sport.repubblica.it, 16 giugno 2009. URL consultato il 17 giugno 2009.
  9. ^ (EN) Brazil-Egypt Statement in FIFA.com, 16 giugno 2009. URL consultato il 17 giugno 2009.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Calcio Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Calcio