Mendoza (Argentina)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Mendoza
città
Mendoza – Bandiera
Mendoza – Veduta
Localizzazione
Stato Argentina Argentina
Provincia Bandera de la Provincia de Mendoza.svg Mendoza
Dipartimento Mendoza
Amministrazione
Sindaco Víctor Fayad
Territorio
Coordinate 32°53′S 68°50′W / 32.883333°S 68.833333°W-32.883333; -68.833333 (Mendoza)Coordinate: 32°53′S 68°50′W / 32.883333°S 68.833333°W-32.883333; -68.833333 (Mendoza)
Altitudine 824 m s.l.m.
Abitanti 115 041[1] (cens. 2010)
Altre informazioni
Cod. postale M5500
Prefisso 261
Fuso orario UTC-3
Nome abitanti mendocino
Cartografia
Mappa di localizzazione: Argentina
Mendoza
Sito istituzionale
Entrata del Parque General San Martín
Monumento dedicato all'Esercito delle Ande, sulla cima del Cerro de la Gloria.

Mendoza è una città dell'Argentina centro-occidentale, capoluogo e la maggiore città dell'omonima provincia; essa è inoltre capoluogo ed unica città del Departamento Capital. La popolazione è di circa 1.100.000 abitanti nell'area metropolitana costituendo la quarta maggiore conurbazione del paese.

Mendoza è situata su una delle più importanti vie di comunicazioni fra Argentina e Cile. È una sosta frequente per gli scalatori diretti sull'Aconcagua (la vetta più alta del continente americano). In inverno, molti sciatori alloggiano a Mendoza in virtù della sua vicinanza alle Ande.

A Mendoza risiede una grossa comunità di origine piemontese e veneta. Importante la produzione di vino e di olio d'oliva.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Mendoza fu fondata nel 1561 da Pedro del Castillo. In questa città José de San Martín organizzò l'esercito con il quale ottenne l'indipendenza del Cile e del Perù. Nel 1861 un violento terremoto distrusse la città provocando quasi 5.000 vittime. La città fu ricostruita in un'altra posizione, a qualche isolato da quella originaria.

Festività[modifica | modifica wikitesto]

A Mendoza si celebra una volta all'anno la Festa della Vendimia, in "onore" del vino, dove si incorona la "Principessa del vino".

Demografia[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[2]

Struttura urbanistica[modifica | modifica wikitesto]

La città è caratterizzata dagli ampi viali alberati, lungo i quali sono posti canali d'irrigazione particolarmente profondi. Il centro è costituito da Plaza Independencia. Come per buona parte delle città argentine, la città è organizzata secondo un reticolo di vie rettilinee che si incrociano perpendicolarmente. La grandezza della Plaza, in proporzione alla piccola collettivitá cittadina, nasce dalla possibiltá in caso di un nuovo terremoto di avere un grosso spazio per attrezzare soccorsi alla popolazione.

Numerosi sono i parchi cittadini, il maggiore dei quali è il notevole Parque San Martín, situato nella parte occidentale della città. Fu progettato dall'architetto di fama mondiale Carlos Thays. Al suo interno si trovano lo zoo, l'Università del Cuyo e un monumento che commemora l'attraversamento delle Ande da parte dell'esercito di San Martín. Un panorama della città è visibile dal colle Cerro de la Gloria.

Clima[modifica | modifica wikitesto]

Mendoza ha estati molto calde e inverni freschi ma non rigidi. Le temperature medie di gennaio (estate) sono di circa 25 °C (media delle temperature massime di 32 °C e delle minime di 18 °C). Nel mese di luglio (inverno), le temperature medie si aggirano attorno ai 7,5 gradi (media delle massime di circa 12 °C e delle minime di circa 3 °C). Scarse le precipitazioni, generalmente comprese fra i 150 e i 250 mm annui di pioggia [3].

Trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Mendoza si trova a 1.037 chilometri da Buenos Aires (14 ore in autobus, lungo la Ruta 7) e a 380 chilometri da Santiago del Cile (6 ore in autobus, sempre lungo la Ruta 7, in direzione opposta, attraverso il tunnel transandino che collega Argentina e Cile). Mendoza possiede inoltre un aeroporto internazionale, a meno di 2 ore di volo da Buenos Aires e a 1 ora di volo da Santiago.

Persone legate a Mendoza[modifica | modifica wikitesto]

  • Verónica Cangemi, soprano
  • Joaquín Salvador Lavado, più conosciuto come Quino autore del fumetto Mafalda.
  • Mario Luis Rodriguez Cobos, fondatore del movimento umanista.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (ES) Provincia de Mendoza. Población total y variación intercensal absoluta y relativa por departamento. Años 2001-2010. URL consultato il 21 marzo 2012.
  2. ^ Dinámica de la población en el pasado
  3. ^ Da Hong Kong Observatory

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Climogramma di Mendoza
Dipartimenti della provincia di Mendoza
Mendoza province COA.png

Capital • General Alvear • Godoy Cruz • Guaymallén • Junín • La Paz • Las Heras • Lavalle • Luján de Cuyo • Maipú • Malargüe • Rivadavia • San Carlos • San Martín • San Rafael • Santa Rosa • Tunuyán • Tupungato