Football Club Internazionale Milano 2003-2004

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
F.C. Internazionale Milano S.p.A.
Stagione 2003-2004
Allenatore Argentina Héctor Cúper
Italia Alberto Zaccheroni[1]
All. in seconda Argentina Oscar Armando Cavallero
Italia Corrado Verdelli e
Italia Stefano Agresti
Presidente Italia Massimo Moratti
Italia Giacinto Facchetti[2]
Serie A 4º posto (in Champions League)
Champions League Fase a gironi[3]
Coppa UEFA Quarti di finale
Coppa Italia Semifinali
Maggiori presenze Campionato: J. Zanetti (34)
Totale: J.Zanetti (51)
Miglior marcatore Campionato: Vieri (13)
Totale: Vieri (17)
Maggior numero di spettatori 75 831 vs. Milan (5 ottobre 2003)
Minor numero di spettatori 49 805 vs. Empoli (18 gennaio 2004)
Media spettatori 58 352 (Campionato)

Questa pagina raccoglie i dati riguardanti il Football Club Internazionale Milano nelle competizioni ufficiali della stagione 2003-2004.

Stagione[modifica | modifica wikitesto]

Nell'estate 2003, tra le perplessita dell'ambiente, Héctor Cúper fu confermato in panchina.[4] La società esaudì le sue richieste, acquistando gli esterni Kily González, Andy van der Meyde e Luciano: il loro rendimento, nel complesso, fu però deludente (Luciano tornò al Chievo già nel mercato invernale).[5] Furono presi anche il difensore danese Thomas Helveg e l'attaccante argentino Julio Cruz, in sostituzione di Hernán Crespo (ceduto al Chelsea per ventisei milioni).[6] In uscita, si registrarono le partenze di Luigi Di Biagio, Andrés Guglielminpietro, Sergio Conceição, Domenico Morfeo e Stéphane Dalmat.

Alberto Zaccheroni, allenatore dell'Inter dal 22 ottobre 2003 al 15 giugno 2004.

Il 19 ottobre, Cúper fu esonerato a causa di un avvio di campionato deludente: l'Inter vinse contro Modena[7] e Siena[8], pareggiò senza reti contro Sampdoria e Udinese, perse il derby e impattò, in rimonta, con il Brescia.[9] L'argentino fu sostituito da Alberto Zaccheroni[10] che condusse la squadra al quarto posto, divenuto l'obiettivo minimo, anche grazie all'innesto di due giocatori presi a gennaio: il brasiliano Adriano, di ritorno dopo i prestiti a Fiorentina e Parma (con cui era in comproprietà)[11] e il serbo Dejan Stanković, proveniente dalla Lazio.[12] Il piazzamento in classifica, guadagnato nelle ultime giornate grazie alle vittorie contro Parma[13] e Empoli[14][15], garantì l'accesso ai preliminari di Champions League. L'annata fu segnata dalla seconda dimissione di Massimo Moratti, dopo quella del 1999[16] (l'incarico venne affidato a Giacinto Facchetti che rimase in carica sino alla morte, avvenuta il 4 settembre 2006),[17] dalla squalifica di Mohamed Kallon per doping[18] (dai controlli effettuati dopo Udinese-Inter del 27 settembre, il calciatore risultò positivo al nandrolone ma la società si dichiarò estranea alla vicenda), dalla prima vittoria sul campo della Juventus dopo dieci anni[19] (l'ultimo successo risaliva al 21 marzo 1993) e dalla centesima rete di Christian Vieri (realizzata in Inter-Lecce).[20]

In Champions League, i nerazzurri non superarono la fase a gironi: malgrado una storica vittoria in casa dell'Arsenal,[21] si classificarono terzi dietro agli inglesi e al Lokomotiv Moska. Ripescati in Coppa UEFA, raggiunsero i quarti di finale uscendo contro l'Olympique Marsiglia.

Nel giugno 2004, Zaccheroni lasciò il proprio incarico adducendo come motivazione la mancanza di fiducia in lui da parte di Moratti.[22]

Maglie e sponsor[modifica | modifica wikitesto]

Lo sponsor tecnico per la stagione 2003-2004 fu la Nike, mentre lo sponsor ufficiale fu Pirelli.

Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Trasferta
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Terza maglia

Organigramma societario[modifica | modifica wikitesto]

Area direttiva

  • Presidente: Massimo Moratti
  • Vice Presidente: Giacinto Facchetti
  • Amministratore delegato: Rinaldo Ghelfi
  • Direttore Generale: Massimo Moretti
  • Consigliere delegato inter-active: Jefferson Merlin Slack

Area organizzativa

  • Segretario esecutivo: Giuseppe Rizzello
  • Direttore organizzativo e Team manager: Bruno Bartolozzi

Area comunicazione

  • Direttore comunicazione e capo ufficio stampa: Paolo Viganò
  • Direttore editoriale: Susanna Wermelinger
  • Ufficio Stampa: Andrea Butti e Leo Picchi

Area tecnica

  • Consulente di mercato: Gabriele Oriali
  • Direttore tecnico: Marco Branca
  • Allenatore: Héctor Cúper (fino al 19-10-2003) poi Alberto Zaccheroni
  • Allenatore in seconda: Oscar Cavallero (fino al 19-10-2003) poi Corrado Verdelli e Stefano Agresti[23]
  • Responsabile preparatore atletico: Juan Manuel Alfano (fino al 19-10-2003)
  • Preparatore atletico: Gian Nicola Bisciotti, Claudio Gaudino e Paolo Baffoni[23]
  • Preparatore dei portieri: Maurizio Guido[23]

Area sanitaria

  • Medici sociali: Franco Combi, Fabio Forloni
  • Terapista: Marco Morelli
  • Massofisioterapisti: Silvano Cotti, Massimo Della Casa, Marco Della Casa

Rosa[modifica | modifica wikitesto]

[24]

N. Ruolo Giocatore
1 Italia P Francesco Toldo
2 Colombia D Iván Córdoba
3 Sierra Leone A Mohammed Kallon
4 Argentina D Javier Zanetti (C)
5 Turchia C Emre Belözoğlu
6 Italia C Cristiano Zanetti
7 Paesi Bassi C Andy van der Meyde
8 Francia C Sabri Lamouchi
9 Argentina A Julio Cruz
10 Brasile A Adriano[25]
11 Serbia e Montenegro C Dejan Stanković[25]
11 Brasile C Luciano[26]
12 Italia P Alberto Fontana
13 Danimarca D Thomas Helveg
14 Spagna C Francisco Farinós
15 Italia D Daniele Adani
16 Uruguay D Gonzalo Sorondo
N. Ruolo Giocatore 600px Nero e Azzurro (Strisce)2.png
17 Italia D Fabio Cannavaro
18 Argentina C Kily González
19 Grecia C Giorgos Karagounis
20 Uruguay A Álvaro Recoba
22 Turchia C Okan Buruk
23 Italia D Marco Materazzi
24 Paraguay D Carlos Gamarra
25 Argentina C Matías Almeyda
26 Italia D Giovanni Pasquale
30 Nigeria A Obafemi Martins
31 Francia D Jérémie Bréchet
32 Italia A Christian Vieri
51 Italia P Giacomo Bindi
71 Italia P Alex Cordaz
77 Italia D Francesco Coco
- Italia C Nicola Beati[26]

Calciomercato[modifica | modifica wikitesto]

Sessione estiva (dall'1/7 al 31/8)[modifica | modifica wikitesto]

Acquisti[27]
R. Nome da Modalità
D Jérémie Bréchet O. Lione O. Lione definitivo (5 milioni €)
D Thomas Helveg Milan fine prestito
C Giorgos Karagounis Panathinaïkos Panathinaïkos definitivo
C Kily González Valencia Valencia definitivo
C Luciano Chievo Chievo prestito
C Sabri Lamouchi Parma Parma definitivo
C Andy van der Meyde Ajax Ajax definitivo (6 milioni €)
C Francisco Farinós Villarreal Villarreal fine prestito
A Julio Cruz Bologna Bologna definitivo (7 milioni €)
Cessioni[27]
R. Nome a Modalità
P Mathieu Moreau Spezia Spezia prestito
D Michele Serena - fine carriera
D Gonzalo Sorondo Standard Liegi Standard Liegi prestito
C Stéphane Dalmat Tottenham Tottenham prestito
C Domenico Morfeo Parma Parma fine prestito
C Sérgio Conceição Lazio definitivo
C Luigi Di Biagio Brescia Brescia definitivo
C Andrés Guglielminpietro Bologna Bologna definitivo
A Nicola Ventola Siena Siena prestito
A Hernán Crespo Chelsea definitivo (26 milioni €)
A Gabriel Batistuta Roma fine prestito

Sessione invernale (dal 2/1 all'1/2)[modifica | modifica wikitesto]

Acquisti[27]
R. Nome da Modalità
C Dejan Stanković Lazio definitivo (4 milioni €)
A Adriano Parma Parma riscatto
Cessioni[27]
R. Nome a Modalità
C Nicola Beati Triestina Triestina prestito
C Luciano Chievo Chievo fine prestito

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Serie A[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Serie A 2003-2004.

Girone di andata[modifica | modifica wikitesto]

Milano
31 agosto 2003, ore 15:00 CEST
1ª giornata
Inter Inter 2 – 0
referto
Modena Modena Stadio Giuseppe Meazza
Arbitro Farina (Novi Ligure)

Siena
14 settembre 2003, ore 15:00 CEST
2ª giornata
Siena Siena 0 – 1
referto
Inter Inter Stadio Artemio Franchi - Montepaschi Arena
Arbitro Paparesta (Bari)

Milano
21 settembre 2003, ore 15:00 CEST
3ª giornata
Inter Inter 0 – 0
referto
Sampdoria Stadio Giuseppe Meazza
Arbitro Collina (Viareggio)

Udine
27 settembre 2003, ore 20:30 CEST
4ª giornata
Udinese Udinese 0 – 0
referto
Inter Inter Stadio Friuli
Arbitro Dondarini (Finale Emilia)

Milano
5 ottobre 2003, ore 20:30 CEST
5ª giornata
Inter Inter 1 – 3
referto
Milan Stadio Giuseppe Meazza (75.831 spett.)
Arbitro De Santis (Tivoli)

Brescia
18 ottobre 2003, ore 18:00 CEST
6ª giornata
Brescia Brescia 2 – 2
referto
Inter Inter Stadio Mario Rigamonti
Arbitro Pieri (Lucca)

Milano
26 ottobre 2003, ore 20:30 CEST
7ª giornata
Inter Inter 0 – 0
referto
Roma Stadio Giuseppe Meazza
Arbitro Collina (Viareggio)

Verona
2 novembre 2003, ore 20:30 CET
8ª giornata
Chievo Chievo 0 – 2
referto
Inter Inter Stadio Marcantonio Bentegodi
Arbitro Messina (Bergamo)

Milano
9 novembre 2003, ore 15:00 CET
9ª giornata
Inter Inter 3 – 0
referto
Ancona Ancona Stadio Giuseppe Meazza
Arbitro Gabriele (Frosinone)

Milano
22 novembre 2003, ore 20:30 CET
10ª giornata
Inter Inter 6 – 0
referto
Reggina Reggina Stadio Giuseppe Meazza
Arbitro De Santis (Tivoli)

Torino
29 novembre 2003, ore 20:30 CET
11ª giornata
Juventus 600px Nero e Bianco (Strisce).png 1 – 3
referto
600px Nero e Azzurro (Strisce)2.png Inter Stadio delle Alpi
Arbitro Trefoloni (Siena)

Milano
7 dicembre 2003, ore 15:00 CET
12ª giornata
Inter Inter 2 – 1
referto
Perugia Perugia Stadio Giuseppe Meazza
Arbitro Farina (Novi Ligure)

Bologna
14 dicembre 2003, ore 15:00 CET
13ª giornata
Bologna Bologna 0 – 2
referto
600px Nero e Azzurro (Strisce)2.png Inter Stadio Renato Dall'Ara
Arbitro Pieri (Lucca)

Roma
21 dicembre 2003, ore 20:30 CET
14ª giornata
Lazio Bianco e Celeste con aquila.svg 2 – 1
referto
600px Nero e Azzurro (Strisce)2.png Inter Stadio Olimpico
Arbitro Trefoloni (Siena)

Milano
6 gennaio 2004, ore 15:00 CET
15ª giornata
Inter 600px Nero e Azzurro (Strisce)2.png 3 – 1
referto
Lecce Lecce Stadio Giuseppe Meazza
Arbitro Rodomonti (Teramo)

Parma
10 gennaio 2004, ore 20:30 CET
16ª giornata
Parma Parma 1 – 0
referto
600px Nero e Azzurro (Strisce)2.png Inter Stadio Ennio Tardini
Arbitro Bertini (Arezzo)

Milano
18 gennaio 2004, ore 15:00 CET
17ª giornata
Inter 600px Nero e Azzurro (Strisce)2.png 0 – 1
referto
Empoli Empoli Stadio Giuseppe Meazza
Arbitro Paparesta (Bari)

Girone di ritorno[modifica | modifica wikitesto]

Modena
25 gennaio 2004, ore 15:00 CET
18ª giornata
Modena Modena 1 – 1
referto
Inter Inter Stadio Alberto Braglia
Arbitro Collina (Viareggio)

Milano
1º febbraio 2004, ore 20:30 CET
19ª giornata
Inter Inter 4 – 0
referto
Siena Siena Stadio Giuseppe Meazza
Arbitro Rodomonti (Teramo)

Genova
8 febbraio 2004, ore 15:00 CET
20ª giornata
Sampdoria 2 – 2
referto
Inter Inter Stadio Marassi
Arbitro Paparesta (Bari)

Milano
15 febbraio 2004, ore 15:00 CET
21ª giornata
Inter Inter 1 – 2
referto
Udinese Udinese Stadio Giuseppe Meazza
Arbitro Palanca (Roma 1)

Milano
21 febbraio 2004, ore 20:30 CET
22ª giornata
Milan 3 – 2
referto
Inter Inter Stadio Giuseppe Meazza (78.334 spett.)
Arbitro Rosetti (Torino)

Milano
29 febbraio 2004, ore 15:00 CET
23ª giornata
Inter Inter 1 – 3
referto
Brescia Brescia Stadio Giuseppe Meazza
Arbitro Ayroldi (Molfetta)

Roma
7 marzo 2004, ore 20:30 CET
24ª giornata
Roma 4 – 1
referto
Inter Inter Stadio Olimpico
Arbitro Rosetti (Torino)

Milano
14 marzo 2004, ore 15:00 CET
25ª giornata
Inter Inter 0 – 0
referto
Chievo Chievo Stadio Giuseppe Meazza
Arbitro De Santis (Tivoli)

Ancona
21 marzo 2004, ore 15:00 CET
26ª giornata
Ancona Ancona 0 – 2
referto
Inter Inter Stadio Del Conero
Arbitro Palanca (Roma 1)

Reggio Calabria
28 marzo 2004, ore 15:00 CET
27ª giornata
Reggina Reggina 0 – 2
referto
Inter Inter Stadio Oreste Granillo
Arbitro Rodomonti (Teramo)

Milano
4 aprile 2004, ore 20:30 CEST
28ª giornata
Inter Inter 3 – 2
referto
Juventus Stadio Giuseppe Meazza
Arbitro Collina (Viareggio)

Perugia
11 aprile 2004, ore 15:00 CEST
29ª giornata
Perugia Perugia 2 – 3
referto
Inter Inter Stadio Renato Curi
Arbitro Messina (Bergamo)

Milano
18 aprile 2004, ore 15:00 CEST
30ª giornata
Inter Inter 4 – 2
referto
Bologna Bologna Stadio Giuseppe Meazza
Arbitro Tombolini (Ancona)

Milano
25 aprile 2004, ore 15:00 CEST
31ª giornata
Inter Inter 0 – 0
referto
Lazio Stadio Giuseppe Meazza
Arbitro Collina (Viareggio)

Lecce
2 maggio 2004, ore 15:00 CEST
32ª giornata
Lecce Lecce 2 – 1
referto
Inter Inter Stadio Via del Mare
Arbitro Rosetti (Torino)

Milano
9 maggio 2004, ore 15:00 CEST
33ª giornata
Inter Inter 1 – 0
referto
Parma Parma Stadio Giuseppe Meazza
Arbitro Rosetti (Torino)

Empoli
16 maggio 2004, ore 15:00 CEST
34ª giornata
Empoli Empoli 2 – 3
referto
Inter Inter Stadio Carlo Castellani
Arbitro Farina (Novi Ligure)

Coppa Italia[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Coppa Italia 2003-2004.
Milano
4 dicembre 2003, ore 20:30 CET
Ottavi di finale - Andata
Inter Inter 2 – 1
referto
Reggina Reggina Stadio Giuseppe Meazza
Arbitro Palanca (Roma)

Reggio Calabria
17 dicembre 2003, ore 20:30 CET
Ottavi di finale - Ritorno
Reggina Reggina 1 – 1
referto
Inter Inter Stadio Oreste Granillo
Arbitro Tombolini (Ancona)

Udine
14 gennaio 2004, ore 21:00 CET
Quarti di finale - Andata
Udinese Udinese 0 – 0
referto
Inter Inter Stadio Friuli
Arbitro Farina (Novi Ligure)

Milano
21 gennaio 2004, ore 17:30 CET
Quarti di finale - Ritorno
Inter Inter 3 – 1
referto
Udinese Udinese Stadio Giuseppe Meazza (2.672 spett.)
Arbitro Messina (Bergamo)

Torino
4 febbraio 2004, ore 21:00 CET
Semifinale - Andata
Juventus 2 – 2
referto
Inter Inter Stadio delle Alpi (25.237 spett.)
Arbitro Bertini (Arezzo)

Milano
12 febbraio 2004, ore 21:00 CET
Semifinale - Ritorno
Inter Inter 2 – 2
referto
Juventus Stadio Giuseppe Meazza (65.000 spett.)
Arbitro Pellegrino (Barcellona Pozzo di Gotto)

UEFA Champions League[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi UEFA Champions League 2003-2004.

Fase a gironi[modifica | modifica wikitesto]

Londra
17 settembre 2003, ore 20:45 CET
1ª giornata
Arsenal 0 – 3
referto
Inter Inter Highbury (34.393 spett.)
Arbitro Spagna Mejuto González

Milano
30 settembre 2003, ore 20:45 CET
2ª giornata
Inter Inter 2 – 1
referto
600px Bianco con diagonale Blu e cerchio Giallo e Blu con D.png Dinamo Kiev Stadio Giuseppe Meazza (70.882 spett.)
Arbitro Francia Bre

Mosca
21 ottobre 2003, ore 18:30 CEST
3ª giornata
Lokomotiv Mosca 600px Granata con Striscia Verde.png 3 – 0
referto
Inter Inter Stadio Lokomotiv (25.000 spett.)
Arbitro Germania Wack

Milano
5 novembre 2003, ore 20:45 CET
4ª giornata
Inter Inter 1 – 1
referto
600px Granata con Striscia Verde.png Lokomotiv Mosca Stadio Giuseppe Meazza (25.000 spett.)
Arbitro Belgio De Bleeckere

Milano
25 novembre 2003, ore 20:45 CET
5ª giornata
Inter Inter 1 – 5
referto
Arsenal Stadio Giuseppe Meazza (85.400 spett.)
Arbitro Germania Stark

Kiev
10 dicembre 2003, ore 20:45 CET
6ª giornata
Dinamo Kiev 600px Bianco con diagonale Blu e cerchio Giallo e Blu con D.png 1 – 1
referto
Inter Inter Stadio Dinamo Lobanovski (30.000 spett.)
Arbitro Francia Veissière

Coppa UEFA[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Coppa UEFA 2003-2004.

Sedicesimi di finale[modifica | modifica wikitesto]

Montbéliard
26 febbraio 2004, ore 21:00 CET
Andata
Sochaux Sochaux 2 – 2
referto
Inter Inter Stadio Auguste Bonal
Arbitro Spagna Medina Cantalejo

Milano
3 marzo 2004, ore 20:45 CET
Ritorno
Inter Inter 0 – 0
referto
Sochaux Sochaux Stadio Giuseppe Meazza
Arbitro Inghilterra Bennett

Ottavi di finale[modifica | modifica wikitesto]

Lisbona
11 marzo 2004, ore 21:00 CET
Andata
Benfica Benfica 0 – 0
referto
Inter Inter Estádio da Luz
Arbitro Paesi Bassi Wegereef

Milano
25 marzo 2004, ore 21:00 CET
Ritorno
Inter Inter 4 – 3
referto
Benfica Benfica Stadio Giuseppe Meazza
Arbitro Francia Sars

Quarti di finale[modifica | modifica wikitesto]

Marsiglia
8 aprile 2004, ore 21:00 CEST
Andata
O. Marsiglia O. Marsiglia 1 – 0
referto
Inter Inter Stade Vélodrome
Arbitro Portogallo Batista

Milano
14 aprile 2004, ore 20:45 CEST
Ritorno
Inter Inter 0 – 1
referto
O. Marsiglia O. Marsiglia Stadio Giuseppe Meazza
Arbitro Danimarca Nielsen

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche di squadra[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche aggiornate al 16 maggio 2004.

Competizione Punti In casa In trasferta Totale Gf Gs DR
G V N P G V N P G V N P
Scudetto.svg Serie A 59 17 9 4 4 17 8 4 5 34 17 8 9 59 37 +22
Coccarda Coppa Italia.svg Coppa Italia - 3 2 1 0 3 0 0 3 6 2 4 0 10 7 +3
Coppacampioni.png Champions League 8 3 1 1 1 3 1 1 1 6 2 2 2 8 11 −3
Coppauefa.png Coppa UEFA - 3 1 1 1 3 0 2 1 6 1 3 2 6 7 −1
Totale - 26 13 7 6 26 9 11 6 52 22 18 12 83 62 +21

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Subentrato alla 7ª giornata.
  2. ^ Dal 19 gennaio 2004.
  3. ^ Terza classificata nel proprio girone, viene ammessa in Coppa UEFA.
  4. ^ Lazio, derby, incomprensioni - tutti i dolori di Hector Cuper in la Repubblica, 19 ottobre 2003. URL consultato il 20 febbraio 2013.
  5. ^ Le ali di Cuper, canaleinter.it. URL consultato il 30 gennaio 2013.
  6. ^ Cruz all'Inter, Tare al Bologna ultimo valzer del mercato austero in la Repubblica, 31 agosto 2003, p. 44. URL consultato il 20 febbraio 2013.
  7. ^ Inter nuova, solito Vieri. URL consultato il 29 gennaio 2015.
  8. ^ L'Inter vince a Siena senza Vieri e Recoba in larepubblica.it, 14 settembre 2003. URL consultato il 17 gennaio 2015.
  9. ^ L'Inter pari in extremis a Brescia ma Cuper è ancora in bilico in larepubblica.it, 18 ottobre 2003. URL consultato il 26 gennaio 2015.
  10. ^ Esonerato Hector Cuper - all'Inter arriva Zaccheroni in la Repubblica, 19 ottobre 2003. URL consultato il 20 febbraio 2013.
  11. ^ Mercato: Adriano torna all'Inter in inter.it, 31 gennaio 2004. URL consultato il 20 febbraio 2013.
  12. ^ Fine della telenovela Stankovic il centrocampista è dell'Inter in la Repubblica, 31 gennaio 2004. URL consultato il 20 febbraio 2013.
  13. ^ Gran gol di Adriano l'Inter prenota la Champions in larepubblica.it, 9 maggio 2004. URL consultato il 6 febbraio 2015.
  14. ^ Empoli suicidio casalingo L'Inter vola in Champions in larepubblica.it, 16 maggio 2004. URL consultato il 6 febbraio 2015.
  15. ^ Marco Taidelli, Inter in Champions, Empoli in B in La Gazzetta dello Sport, 16 maggio 2004. URL consultato il 15 febbraio 2015.
  16. ^ Terremoto all'Inter: Moratti si dimette in Corriere della Sera, 7 maggio 1999. URL consultato il 30 luglio 2012.
  17. ^ Inter, Moratti si dimette e propone Facchetti presidente in La Repubblica, 19 gennaio 2004. URL consultato il 14 maggio 2012.
  18. ^ Nuovo caso di doping Kallon trovato positivo, repubblica.it, 22 ottobre 2003. URL consultato il 12 ottobre 2014.
  19. ^ Inter, la resurrezione travolta la Juve al Delle Alpi in larepubblica.it, 29 novembre 2003. URL consultato il 27 gennaio 2015.
  20. ^ L'Inter si sveglia in tempo Vieri, cento di questi gol, larepubblica.it, 6 gennaio 2004. URL consultato il 14 febbraio 2015.
  21. ^ Inter, impresa all'Highbury tre reti e Arsenal travolto in larepubblica.it, 17 settembre 2003. URL consultato il 3 febbraio 2015.
  22. ^ Inter, Zaccheroni si è dimesso "Non c'era più fiducia in me" in la Repubblica, 15 giugno 2004, p. 44. URL consultato il 4 maggio 2013.
  23. ^ a b c Zaccheroni, rivoluzione soft per guarire l'Inter in Corriere della Sera, 20 ottobre 2003. URL consultato il 17 maggio 2014.
  24. ^ Panini, 22-23-24-25
  25. ^ a b Acquistato durante la sessione invernale di calciomercato.
  26. ^ a b Ceduto durante la sessione invernale di calciomercato.
  27. ^ a b c d Acquisti e cessioni dell'Inter 2003/04. URL consultato il 18 novembre 2011.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Calciatori 2003-04, Modena-Milano, Panini-L'Unità.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]