Fredrik Ljungberg

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Fredrik Ljungberg
Fredrik Ljungberg (cropped).jpg
Dati biografici
Nome Karl Fredrik Ljungberg
Nazionalità Svezia Svezia
Altezza 175 cm
Peso 69 kg
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Centrocampista
Squadra Mumbai City Mumbai City
Carriera
Squadre di club1
1994-1998 Halmstad Halmstad 79 (10)
1998-2007 Arsenal Arsenal 216 (46)
2007-2008 West Ham West Ham 25 (2)
2008-2010 Seattle Sounders FC Seattle Sounders 37 (2)
2010 Chicago Fire Chicago Fire 15 (2)
2010-2011 Celtic Celtic 7 (0)
2011-2012 Shimizu S-Pulse Shimizu S-Pulse 8 (0)
2014 Mumbai City Mumbai City 4 (0)
Nazionale
1998-2008 Svezia Svezia 75 (15)
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 27 agosto 2011

Karl Fredrik Ljungberg [ˈfreːdrɪk ˈjʊŋbærj] (Vittsjö, 16 aprile 1977) è un ex calciatore svedese, di ruolo centrocampista.

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Ricopre un ruolo molto versatile, potendo agilmente dare il massimo sia in ambe le ali di centrocampo che come centrale nei moduli 4-5-1 che come seconda punta. Dopo la partenza di Emmanuel Petit e Marc Overmars, Ljungberg è diventata presenza fissa nella formazione titolare dell'Arsenal. Lo colsero in questo periodi numerosi infortuni, tra i quali uno nel 2005 fu falsamente individuato come indizio di un probabile tumore.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

L'esordio all'Halmstad e il passaggio all'Arsenal[modifica | modifica wikitesto]

Si unì all'Arsenal nel 1998: aveva giocato per l'Halmstad dove segnò 16 reti in 139 presenze. Col passare del tempo ha incrementato notevolmente la sua media gol nell'Arsenal. Fu acquistato dal manager della squadra londinese, Arsène Wenger, dopo la sconfitta subita dalla nazionale svedese contro l'Inghilterra, destando un certo stupore tra i vertici. L'ottima impressione che fece contro i rivali del Manchester United sedò ogni dubbio e presto ricoprì la maglia da titolare. Questo avvenne grazie all'infortunio di Robert Pirès nel girone di ritorno della stagione 2001-2002 che permise al calciatore svedese di dare prova della tecnica, particolarmente apprezzata in occasione della finale della FA Cup contro il Chelsea. Nel 2002 e nel 2006 ha vinto il Pallone d'oro svedese come miglior giocatore. Il 23 luglio 2007 passa al West Ham per 3 milioni di sterline (4.5 milioni di euro), dopo nove stagioni passate con la maglia dei Gunners.[1] Dopo una stagione discontinua, pare continuare l'avventura con gli Hammers ma il 6 agosto 2008, a poco tempo dall'inizio della nuova stagione, la società e il giocatore comunicano la rescissione consensuale del contratto, originariamente triennale.

L'avventura in America: Seattle Sounders e Chicago Fire[modifica | modifica wikitesto]

Il 27 ottobre dello stesso anno viene annunciata la firma del giocatore con i Seattle Sounders, squadra che dal 2009 farà parte della Major League Soccer[2]. Il 3 agosto del 2010 si lega ai Chicago Fire fino a dicembre dello stesso anno[3].

Il passaggio al Celtic[modifica | modifica wikitesto]

Il 30 dicembre, dopo qualche giorno di prova, firma un contratto con il Celtic fino al termine della stagione[4][5].

L'esperienza in Giappone e in India: Shimizu S-Pulse e Mumbai City[modifica | modifica wikitesto]

Il 27 agosto 2011 firma un biennale con il club giapponese dello Shimizu S-Pulse e terminerà la sua carriera una volta scaduto il contratto[6].

Nel luglio del 2014 ritorna a giocare a calcio da professionista per soli tre mesi, accettando di far parte della squadra indiana del Mumbai City di un campionato appena nato e destinato a diffondersi velocemente, grazie anche alla presenza di altre stelle come Alessandro Del Piero dei Delhi Dynamos, David Trezeguet della società affiliata con la Fiorentina Pune Football Club, Marco Materazzi e Alessandro Nesta del Chennaiyin, Robert Pirès del Goa, Joan Capdevila del North East Stars e Luis Javier García Sanz dell' Atlético de Kolkata. In tutto gioca solo 4 partite. A seguito di un infortunio decide di terminare il suo contratto e di tornare a Londra.

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Con la maglia della Nazionale, di cui è stato capitano per lungo tempo, Ljungberg esordì nel 1998. Prese parte a Euro 2000, ai Mondiali del 2002, a Euro 2004 e ai Mondiali del 2006. Il 27 giugno 2008 ha annunciato il ritiro dalla Nazionale: la sua ultima partita con la casacca svedese l'ha disputata contro la Russia, vittoriosa per 2-0 contro gli svedesi nella fase a gironi di Euro 2008.

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Stagione Squadra Serie Presenze Reti
1994 Halmstads Allsvenskan 1 0
1995 Halmstads Allsvenskan 16 1
1996 Halmstads Allsvenskan 20 2
1997 Halmstads Allsvenskan 24 5
1998 Halmstads Allsvenskan 18 2
1998-1999 Arsenal Premier league 16 1
1999-2000 Arsenal Premier League 26 6
2000-2001 Arsenal Premier League 30 6
2001-2002 Arsenal Premier League 25 12
2002-2003 Arsenal Premier League 20 6
2003-2004 Arsenal Premier League 30 3
2004-2005 Arsenal Premier League 26 10
2005-2006 Arsenal Premier League 25 1
2006-2007 Arsenal Premier League 18 0
2007-2008 West Ham Premier League 25 2
2008-2009 Seattle Sounders Major League Soccer 22 2
2009-2010 Seattle Sounders Major League Soccer 15 0
2010 Chicago Fire Major League Soccer 15 2
dic.2010-2011 Celtic Scottish Premier League 7 0

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • Attualmente vive ad Hampstead, Londra, e ad Halmstad quando rientra in Svezia.
  • Nell'agosto del 2008, in un censimento condotto tra i fan dell'Arsenal nel sito ufficiale del club, è stato nominato undicesimo tra i 50 migliori giocatori della storia dei Gunners.[7]
  • Alla carriera da calciatore alterna anche quella da modello.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Ljungberg al West Ham - Eurosport
  2. ^ UFFICIALE: Ljungberg firma per il Seattle Sounders Tuttomercatoweb.com
  3. ^ UFFICIALE: Ljungberg si lega al Chicago Fire Tuttomercatoweb.com
  4. ^ Celtic Ljungberg: "Non farò rimpiangere la leggenda Henrik Larsson" Tuttomercatoweb.com
  5. ^ Ljungberg riparte dal Celtic Tuttomercatoweb.com
  6. ^ UFFICIALE: Shimizu, arriva Ljungberg
  7. ^ Greatest 50 Players | History | Arsenal.com

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]