Andy van der Meyde

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Andy van der Meyde
Andy Van Der Meyde.jpg
Dati biografici
Nazionalità Paesi Bassi Paesi Bassi
Altezza 178 cm
Peso 77 kg
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Ala
Carriera
Giovanili
1993-1997 Ajax Ajax
Squadre di club1
1997-1999 Ajax Ajax 5 (0)
1999-2000 Twente Twente 32 (2)
2000-2003 Ajax Ajax 86 (18)
2003-2005 Inter Inter 32 (1)
2005-2009 Everton Everton 20 (0)
2010 PSV PSV 0 (0)
2011-2012 WKE WKE 6 (0)
Nazionale
2002-2004 Paesi Bassi Paesi Bassi 17 (1)
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Andy van der Meyde (Arnhem, 30 settembre 1979) è un ex calciatore olandese, di ruolo centrocampista.

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Il suo ruolo abituale era di centrocampista offensivo: nonostante fosse destro di piede, poteva giocare anche sulla fascia sinistra del campo.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Ajax e Twente[modifica | modifica wikitesto]

Viene messo sotto contratto dall'accademia giovanile dell'Ajax da ragazzo e debutta in prima squadra a 18 anni, contribuendo nella vittoria 1-0 dei lancieri contro il Twente del 12 novembre 1997. Dopo solo 5 presenze in due stagioni, viene ceduto in prestito nel 1999 allo stesso Twente, dove gioca 32 partite segnando 2 gol.

È nella stagione 2001-02 che si impone come titolare della squadra olandese. Dopo una turbolenta prima metà di stagione, Ronald Koeman diventa il manager della squadra e lui diventa parte integrale della nuova squadra che al termine della stagione conquista una fantastica doppietta con Campionato e Coppa d'Olanda.

Il successo continua nella stagione 2002-03, durante la quale diventa un membro chiave della giovane e vincente squadra che include anche Zlatan Ibrahimović, Wesley Sneijder, Rafael van der Vaart, Cristian Chivu e Ahmed Hossam Mido. Raggiunge i quarti di finale in Champions League ed il secondo posto in Eredivisie ad un solo punto dalla capolista PSV Eindhoven.

Inter[modifica | modifica wikitesto]

Dopo cinque campionati con l'Ajax, nei quali si è rivelato una delle migliori ali del calcio europeo, nel luglio 2003 viene acquistato dall'Inter per sei milioni di euro[1].

La sua esperienza milanese fu deludente: il momento migliore è legato ad un gol segnato in acrobazia contro l'Arsenal, in un incontro di Champions League del settembre 2003. In nerazzurro ha vinto una Coppa Italia, nel giugno 2005: nel corso dell'estate, dopo essere stato vicino a Monaco[2] e Tottenham[3], è acquistato dall'Everton[4].

Everton[modifica | modifica wikitesto]

Anche l'esperienza inglese si rivela fallimentare: nella prima stagione con la maglia dei Toffees disputa solo 10 gare, alternando una combinazione di infortuni e voci di alcolismo. Nonostante le diverse voci di mercato, conferma la volontà di rimanere in Inghilterra[5], ma il 7 agosto viene ricoverato in ospedale in seguito a problemi respiratori[6], probabilmente in seguito all'assunzione accidentale di droghe in un drink bevuto in un bar di Liverpool. L'Everton lo punisce con una multa di 70.000 euro, equivalenti a due settimane di stipendio, per essere uscito di casa nelle 48 ore precedenti la partita[7].

Nella seconda stagione inglese gioca solo 8 gare e nel marzo del 2007 accusa il manager David Moyes di averlo escluso per scelta tecnica e di aver mentito riguardo alla sua condizione fisica[8]. Seppur scusandosi, il suo futuro a Liverpool è ormai compromesso. Rimane ancora una stagione, ma il 17 agosto salta un allenamento, viene sospeso dalla società e multato[9]. Durante l'anno non disputa nemmeno una gara e viene relegato nella squadra riserve.

PSV[modifica | modifica wikitesto]

Il 3 marzo 2010, firma un contratto fino al termine della stagione in corso con il PSV.[10] Con il club olandese, però, non ha disputato alcuna partita ufficiale, ma soltanto un'amichevole vinta per tre a zero sul VVV-Venlo. A fine stagione, il suo contratto non è stato rinnovato e si è ritrovato svincolato. Il 25 febbraio 2011 decide di ritirarsi dal calcio giocato a soli 31 anni.

WKE[modifica | modifica wikitesto]

Il 9 dicembre 2011 torna sui suoi passi e si accorda con il WKE, con un contratto valido fino al termine della stagione in corso, al termine della quale (come ha annunciato alla stampa) si ritira nuovamente[11].

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Nel maggio del 2002 esordisce in nazionale agli ordini di Dick Advocaat in una gara amichevole contro gli Stati Uniti in cui segna un gol memorabile contribuendo alla vittoria per 2-0.

Nonostante le cattive prestazioni nell'Inter viene convocato per gli Europei in Portogallo del 2004. Dopo questa competizione, con l'avvento di Marco Van Basten sulla panchina olandese, non è stato più convocato in nazionale.

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Squadre di club[modifica | modifica wikitesto]

Stagione Club Campionato Coppe nazionali Coppe europee Supercoppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
1997-98 Paesi Bassi Ajax E 4 0 - - - - - - - - - 4 0
1998-99 E 1 0 - - - - - - - - 1 0
1999-00 Paesi Bassi Twente E 32 2 - - - - - - - - - 32 2
2000-01 Paesi Bassi Ajax E 27 2 - - - - - - - - - 27 2
2001-02 E 30 5 - - - - - - - - 30 5
2002-03 E 29 11 - - - - - - - - 29 11
Totale Ajax 123 20 - - - - - - 123 20
2003-04 Italia Inter A 14 1 CI 4 1 UCL 7 1 - - - 25 3
2004-05 A 18 0 CI 5 0 UCL 6 1 - - - 29 1
Totale Inter 32 1 9 1 13 2 - - 54 4
2005-06 Inghilterra Everton 1D 10 0 FA + FL 0 + 1 0 + 0 - - - - - - 11 0
2006-07 1D 8 0 FA + FL 1 + 1 0 + 0 - - - - - - 10 0
2007-08 1D 0 0 FA + FL 0 + 0 0 + 0 - - - - - - 0 0
2008-09 1D 2 0 FA + FL 0 + 0 0 + 0 - - - - - - 2 0
Totale Everton 20 0 3 0 - - - - 23 0
2009-10 Paesi Bassi PSV E 0 0 - - - - - - - - - 0 0
Totale 175 21 12 1 13 2 - - 200 24

Cronologia presenze e reti in nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia completa delle presenze e delle reti in Nazionale - Paesi Bassi Paesi Bassi
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
19-05-2002 Boston Stati Uniti Stati Uniti 0 – 2 Paesi Bassi Paesi Bassi Amichevole 1
21-08-2002 Oslo Norvegia Norvegia 0 – 1 Paesi Bassi Paesi Bassi Amichevole -
07-09-2002 Eindhoven Paesi Bassi Paesi Bassi 3 – 0 Bielorussia Bielorussia Qual. Euro 2004 -
30-04-2003 Eindhoven Paesi Bassi Paesi Bassi 1 – 1 Portogallo Portogallo Amichevole -
06-09-2003 Rotterdam Paesi Bassi Paesi Bassi 3 – 1 Austria Austria Qual. Euro 2004 -
11-10-2003 Eindhoven Paesi Bassi Paesi Bassi 5 – 0 Moldavia Moldavia Qual. Euro 2004 -
15-11-2003 Glasgow Scozia Scozia 1 – 0 Paesi Bassi Paesi Bassi Qual. Euro 2004 -
19-11-2003 Amsterdam Paesi Bassi Paesi Bassi 6 – 0 Scozia Scozia Qual. Euro 2004 -
18-02-2004 Amsterdam Paesi Bassi Paesi Bassi 1 – 0 Stati Uniti Stati Uniti Amichevole -
31-03-2004 Rotterdam Paesi Bassi Paesi Bassi 0 – 0 Francia Francia Amichevole -
29-05-2004 Eindhoven Paesi Bassi Paesi Bassi 0 – 1 Belgio Belgio Amichevole -
01-06-2004 Losanna Paesi Bassi Paesi Bassi 3 – 0 Fær Øer Fær Øer Amichevole -
05-06-2004 Amsterdam Paesi Bassi Paesi Bassi 0 – 1 Irlanda Irlanda Amichevole -
15-06-2004 Oporto Germania Germania 1 – 1 Paesi Bassi Paesi Bassi Euro 2004 - Girone -
19-06-2004 Aveiro Rep. Ceca Rep. Ceca 3 – 2 Paesi Bassi Paesi Bassi Euro 2004 - Girone -
23-06-2004 Braga Lettonia Lettonia 0 – 3 Paesi Bassi Paesi Bassi Euro 2004 - Girone -
26-06-2004 Faro Paesi Bassi Paesi Bassi 0 – 0
(5-4 dcr)
Svezia Svezia Euro 2004 - Quarti di finale -
Totale Presenze 17 Reti 1

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Ajax: 1997-1998, 2001-2002
Ajax: 1998, 1999, 2002
Ajax: 2002
Inter: Coppa Italia 2004-2005

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ L'Inter mette le ali, dopo Fadiga ecco Van der Meyde. URL consultato il 6 luglio 2008.
  2. ^ Van Der Meyde vicinissimo al Monaco. URL consultato il 6 luglio 2008.
  3. ^ Inter: anche Van Der Meyde verso il Tottenham. URL consultato il 6 luglio 2008.
  4. ^ UFFICIALE: l'Everton acquista Van der Meyde. URL consultato il 6 luglio 2008.
  5. ^ Van der Meyde, no all'Italia: "Voglio restare all'Everton". URL consultato il 6 luglio 2008.
  6. ^ Giallo sulla lunga notte di Andy Van der Meyde. URL consultato il 6 luglio 2008.
  7. ^ L'Everton multa la movida di Van der Meyde. URL consultato il 6 luglio 2008.
  8. ^ Per Van der Meyde divorzio dall'Everton?. URL consultato il 6 luglio 2008.
  9. ^ Everton: sospeso Van der Meyde. URL consultato il 6 luglio 2008.
  10. ^ UFFICIALE: PSV Eindhoven, ingaggiato van der Meyde. URL consultato il 3 marzo 2010.
  11. ^ La rovina di Van der Meyde "Sesso, cammelli, coca e rum", gazzetta.it, 20 novembre 2012. URL consultato il 14 luglio 2014.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]