Luciano Siqueira de Oliveira

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Luciano
Dati biografici
Nome Luciano Siqueira de Oliveira
Nazionalità Brasile Brasile
Italia Italia
Altezza 180 cm
Peso 77 kg
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Centrocampista
Squadra Flag of None.svg svincolato
Carriera
Squadre di club1
1997-1998 Palmeiras Palmeiras 25 (5)
1998-2000 Bologna Bologna 33 (2)
2000-2003 Chievo Chievo 81 (9)
2003-2004 Inter Inter 5 (0)
2004-2013 Chievo Chievo 221 (9)
2013 Mantova Mantova 6 (0)
Nazionale
1999 Brasile Brasile U-20  ? (?)
Palmarès
Transparent.png Campionato sudamericano di Calcio Under-20
Bronzo Argentina 1999
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 15 settembre 2013

Luciano Siqueira de Oliveira, noto più semplicemente come Luciano e già Eriberto (Rio de Janeiro, 3 dicembre 1975), è un calciatore brasiliano, centrocampista svincolato.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

All'inizio della carriera non riesce a farsi ingaggiare a causa della sua età; nel 1996 perciò, pur di sfuggire alla povertà, compra una nuova identità da un faccendiere nel suo paese, che lo fa diventare Eriberto Conceição da Silva e gli toglie poco più di tre anni di età (nuova data di nascita 21 gennaio 1979). A questo punto Eriberto-Luciano viene ingaggiato dal Palmeiras, e nella squadra paulista resta fino al 1998, anno in cui viene ingaggiato dal Bologna, che decide di puntare su questo promettente "diciannovenne" brasiliano, portato in Italia per 5 miliardi di lire dall'allora direttore sportivo Oreste Cinquini. A Bologna viene ricordato sia per le sue giocate (corre velocissimo, ma è confusionario e incostante), sia per le sue avventure extracalcistiche (una serie di scorribande in circonvallazione).[1] Dopo due anni nel club felsineo, Eriberto passa in comproprietà in Serie B al Chievo per 2 miliardi di lire. Nel corso della stagione 2001-2002 viene riscattato dai clivensi per la cifra di 2,5 miliardi di lire e diverrà parte di quel Miracolo Chievo che, allenato da Luigi Delneri, al primo anno di Serie A riuscì ad arrivare quinto in classifica e a conquistare la qualificazione alla Coppa UEFA. Quell'anno Eriberto, insieme a Christian Manfredini, costituisce una delle migliori coppie di esterni del campionato (le cosiddette "frecce nere"). Nell'estate del 2002, ormai in procinto di passare alla Lazio, Eriberto inizia ad avere delle crisi, e decide di rivelare pubblicamente il segreto sulla sua identità. L'esterno brasiliano rischia addirittura il carcere, ma alla fine è solo il tribunale sportivo a dichiararlo colpevole: quest'ultimo inizialmente lo squalifica per un anno; poi, grazie all'ammissione di colpa del giocatore e al suo pentimento, gli riduce la pena a sei mesi più una penale di 160.000 euro.[2] La vicenda fece molto scalpore, e lasciò molti di stucco, a cominciare dai compagni di squadra di Luciano-Eriberto, i quali rivelarono che spesso lo prendevano in giro dicendogli che sembrava molto più vecchio della sua età. Il giocatore dichiarò che i motivi per i quali aveva confessato erano dovuti al peso di una tale menzogna, a una crisi di identità, e al desiderio che il figlio potesse portare il suo vero nome.[3] Dopo aver scontato i sei mesi di squalifica, Luciano torna a militare regolarmente nel Chievo. Nel 2003 passa in prestito all'Inter, con la quale però gioca solo 5 partite. Alla fine della stagione 2003-2004 torna quindi al Chievo. Col club clivense, Luciano ha disputato 12 campionati (10 in Serie A e 2 in Serie B). È inoltre quinto nella classifica di presenze totali in campionato con la maglia gialloblù, e secondo per numero di presenze in Serie A con i clivensi, dietro Sergio Pellissier. Il 10 luglio 2013 il Chievo ha annunciato che, dopo 13 anni, non avrebbe rinnovato il contratto all'ormai trentasettenne giocatore. Il 22 luglio 2013 dopo essersi svincolato dal Chievo, trova l'accordo con il Mantova, militante in Lega Pro Seconda Divisione firmando un contratto biennale. Dopo pochi mesi dal suo ingaggio, decide di rescindere il contratto con la società lombarda[4].Ora gioca in Brasile.

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche aggiornate al 6 ottobre 2013.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe europee Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
1997 Brasile Palmeiras A 6 0 - - - - - - - - - 6 0
1998 A 19 5 - - - - - - - - - 19 5
Totale Palmeiras 25 5 - - - - - - 25 5
1998-1999 Italia Bologna A 19+2[5] 1 CI 6 0 I+CU 1+6 0 - - - 34 1
1999-2000 A 14 1 CI 2 0 CU 5 0 - - - 21 1
Totale Bologna 33+2 2 8 0 12 0 - - 55 2
2000-2001 Italia ChievoVerona B 35 4 CI 2 0 - - - - - - 37 4
2001-2002 A 30 4 CI 2 0 - - - - - - 32 4
2002-2003 A 16 1 CI 0 0 - - - - - - 16 1
2003-gen. 2004 Italia Inter A 5 0 CI 2 0 UCL 0 0 - - - 7 0
gen.-giu. 2004 Italia ChievoVerona A 12 1 CI - - - - - - - - 12 1
2004-2005 A 20 0 CI 1 0 - - - - - - 21 0
2005-2006 A 19 1 CI 2 0 - - - - - - 21 1
2006-2007 A 14 0 CI 1 0 UCL+CU 1[6]+1 0 - - - 17 0
2007-2008 B 36 3 CI 1 0 - - - - - - 37 3
2008-2009 A 34 2 CI 1 0 - - - - - - 35 2
2009-2010 A 33 0 CI 2 0 - - - - - - 35 0
2010-2011 A 4 0 CI 0 0 - - - - - - 4 0
2011-2012 A 25 1 CI 0 0 - - - - - - 25 1
2012-2013 A 24 1 CI 0 0 - - - - - - 24 1
Totale Chievo 302 18 12 0 2 0 - - 316 18
ago.-ott. 2013 Italia Mantova 2D 6 0 CI-LP 2 1 - - - - - - 8 1
Totale carriera 368+2 25 32 1 13 0 - - 415 26

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Palmeiras: 1998
ChievoVerona: 2007-2008

Competizioni internazionali[modifica | modifica wikitesto]

Bologna: 1998

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Furio Zara, Bidoni - L'incubo, Kowalski, 2006.
  2. ^ Sentenza del Tribunale sportivo sul caso Eriberto, www.coni.it. URL consultato il 22 febbraio 2010.
  3. ^ «Ho cambiato nome e l'età perché ero povero», corriere.it, 24 agosto 2002.
  4. ^ Luciano rescinde col Mantova. Lodi: "Ecco le ragioni".
  5. ^ Spareggio per il posto in Coppa UEFA.
  6. ^ Terzo turno preliminare.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]