Igor Tudor

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Igor Tudor
Igor Tudor.jpg
Dati biografici
Nazionalità Croazia Croazia
Altezza 193 cm
Peso 85 kg
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Allenatore (ex difensore, centrocampista)
Squadra Hajduk Spalato Hajduk Spalato
Ritirato 2008 - giocatore
Carriera
Squadre di club1
1995 Hajduk Spalato Hajduk Spalato 9 (0)
1996 HNK Trogir HNK Trogir 5 (1)
1996-1998 Hajduk Spalato Hajduk Spalato 49 (5)
1998-2005 Juventus Juventus 110 (15)
2005-2006 Siena Siena 39 (2)
2006-2007 Juventus Juventus 0 (0)
2007-2008 Hajduk Spalato Hajduk Spalato 8 (1)
Nazionale
1997-2006 Croazia Croazia 55 (3)
Carriera da allenatore
2009-2013 Hajduk Spalato Hajduk Spalato Ass.tecnico
2013- Hajduk Spalato Hajduk Spalato
Palmarès
Coppa mondiale.svg Mondiali di calcio
Bronzo Francia 1998
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 29 aprile 2013

Igor Tudor (Spalato, 16 aprile 1978) è un allenatore di calcio ed ex calciatore croato, di ruolo difensore, tecnico dell'Hajduk Spalato.

Ha trascorso 9 stagioni in Italia, giocando per la Juventus ed il Siena.

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Giocatore[modifica | modifica sorgente]

Club[modifica | modifica sorgente]

Tudor inizia la sua carriera nell'Hajduk Spalato, dove è anche cresciuto. Nella sessione invernale del calciomercato 1995-1996 è stato mandato a farsi le ossa all'HNK Trogir, militante in terza serie. Rientra quindi all'Hajduk e si fa notare dalla Juventus, che lo acquista nel 1998. Nella stagione 2000-2001 segna 6 reti. Nell'anno seguente con il ritorno in panchina di Marcello Lippi gioca alcune partite da centrocampista e realizza 4 reti decisive ai fini del risultato (nel derby con il Torino, gol nelle rimonte col Verona e col Chievo, dove in entrambe le occasioni i bianconeri erano sotto 2-0 e rete nella sfida diretta contro l'Inter). Un suo gol contro il Deportivo La Coruña nella Champions League 2002-2003 all'ultimo minuto regala la qualificazione ai quarti.

Dopo sei stagioni juventine, coronate dalle vittorie di due scudetti e due supercoppe italiane, nel gennaio 2005, a seguito di molti infortuni,[senza fonte] passa in prestito al Siena, dove rimane anche per tutta la stagione successiva. Nell'estate 2006 è tornato al club torinese, ma non è mai sceso in campo causa il protrarsi di un infortunio patito in estate.[1] La società, dopo aver tentato di rescindere il suo contratto nel febbraio del 2007 per la sua prolungata indisponibilità[1], lo ha poi mantenuto fino alla scadenza naturale del 30 giugno 2007 a seguito dell'autoriduzione dello stipendio da parte del difensore croato.[2] Successivamente ritorna all'Hajduk Spalato.

Nel 2008 decide di mettere fine alla carriera da giocatore.

Nazionale[modifica | modifica sorgente]

È stato titolare della Croazia, con cui ha giocato i Mondiali nel 1998 e gli Europei nel 2004. Ha saltato la rassegna mondiale nel 2002 per infortunio[3], giocando invece quello del 2006.

Allenatore[modifica | modifica sorgente]

Con l'arrivo del tecnico friulano Edy Reja sulla panchina spalatina, nel 2009 Tudor ne è diventato assistente tecnico. Nel febbraio dell'anno successivo Reja ha rescisso il contratto che lo legava al club croato per passare alla Lazio, e contemporaneamente si è chiusa la prima parentesi di Tudor all'interno dello staff.

Una seconda parentesi è iniziata nel dicembre 2012, quando il direttore sportivo Sergije Krešić gli ha affidato la squadra Under-17. Nello stesso mese si è recato in visita allo Juventus Center di Vinovo e al centro di Formello, per migliorare le proprie conoscenze insieme all'ex compagno di squadra Antonio Conte e a Reja.[4]

Il 29 aprile 2013 Tudor viene nominato nuovo allenatore della squadra maggiore, subentrando all'esonerato Mišo Krstičević di cui lo stesso Tudor era stato anche vice.[5].Tre settimane dopo vince la coppa di Croazia suo primo trofeo da allenatore[6]

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

Club[modifica | modifica sorgente]

Competizioni nazionali[modifica | modifica sorgente]

Juventus: 2001-2002, 2002-2003
Juventus: 2002, 2003
Juventus: 2006-2007

Competizioni internazionali[modifica | modifica sorgente]

Juventus: 1999

Individuale[modifica | modifica sorgente]

2001

Allenatore[modifica | modifica sorgente]

Hajduk Spalato: 2012-2013

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b La Juve non vuole più Tudor in La Gazzetta dello Sport, 12 febbraio 2007. URL consultato il 30 aprile 2013.
  2. ^ Sorpresa: Tudor resta alla Juve in La Gazzetta dello Sport, 16 febbraio 2007. URL consultato il 30 aprile 2013.
  3. ^ Addio Mondiali per Tudor - Oggi verrà operato alla caviglia in Corriere della Sera, 8 maggio 2002. URL consultato il 30 aprile 2013.
  4. ^ Rassegna Stampa : Reja e Tudor ancora insieme a Formello, noibiancocelesti.com. URL consultato il 30 agosto 2013.
  5. ^ (SCR) Smijenjen Krstičević, Tudor novi trener!, hajduk.hr. URL consultato il 30 agosto 2013.
  6. ^ Coppa di Croazia, trionfa l'Hajduk Spalato di Tudor Tuttosport.com

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

  • (EN) Igor Tudor in National-football-teams.com, National Football Teams.
  • (DEENIT) Igor Tudor in Transfermarkt.it, Transfermarkt GmbH & Co. KG. (giocatore)
  • (DEENIT) Igor Tudor in Transfermarkt.it, Transfermarkt GmbH & Co. KG. (allenatore)