Davide Nicola

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Davide Nicola
NicolaDav.jpg
Dati biografici
Nazionalità Italia Italia
Altezza 177 cm
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Allenatore (ex difensore)
Ritirato 2010 - giocatore
Carriera
Giovanili
Genoa Genoa
Squadre di club1
1992-1993 Genoa Genoa 0 (0)
1993-1994 Fidelis Andria Fidelis Andria 26 (0)
1994-1995 Ancona Ancona 27 (0)
1995-1998 Genoa Genoa 94 (0)
1998-1999 Pescara Pescara 7 (0)
1999-2002 Genoa Genoa 72 (4)
2002-2004 Ternana Ternana 94 (5)
2004-2005 Siena Siena 15 (0)
2005-2006 Torino Torino 35 (1)
2006-2007 Spezia Spezia 28 (0)
2007-2008 Ravenna Ravenna 18 (0)
2008-2010 Lumezzane Lumezzane 49 (1)
Carriera da allenatore
2010-2012 Lumezzane Lumezzane
2012-2014 Livorno Livorno
2014 Livorno Livorno
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 19 aprile 2014

Davide Nicola (Luserna San Giovanni, 5 marzo 1973) è un allenatore di calcio ed ex calciatore italiano, di ruolo difensore.

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Giocatore[modifica | modifica sorgente]

A lungo militante del Genoa, è famoso per il bacio dato ad una poliziotta[1] a bordo campo dopo il gol realizzato in occasione del successo interno sull'Atalanta del 28 aprile 2000. Ha segnato un gol nella finale play-off di Serie B 2005-2006 contro il Mantova, nei supplementari che ha permesso al Torino l'approdo in Serie A. Nel 2007 è stato un punto importante della difesa dello Spezia, ottenendo la salvezza nella Serie B 2006-2007.

Nell'estate rescinde il contratto con la società ligure e si trasferisce al Ravenna. Conta 401 presenze e 10 reti in Serie B con le maglie di Fidelis Andria, Ancona, Genoa, Pescara, Ternana, Torino, Spezia e Ravenna, mentre, per quanto riguarda la massima serie, ha giocato una sola stagione da rincalzo (15 presenze) nelle file del Siena. Nel 2008 passa al Lumezzane dove nel 2010 termina la sua carriera da calciatore e inizia quella da allenatore.

Allenatore[modifica | modifica sorgente]

Lumezzane[modifica | modifica sorgente]

All'esordio come allenatore sulla panchina del Lumezzane, nel luglio 2010, pareggia in casa per 1-1 contro il Pavia. Nella stagione 2010-2011 porta la squadra ad un grande campionato, arrivando a un passo dai play-off per la Serie B, concludendo il campionato con un sesto posto e 47 punti, risultato di 12 vittorie, 12 pareggi e 10 sconfitte. Nella seguente stagione sulla panchina del Lumezzane la squadra conclude il campionato all'ottavo posto e con 43 punti, risultato di 12 vittorie, 7 pareggi e 15 sconfitte; alla fine della stagione rescinde il contratto con il Lumezzane.

Livorno[modifica | modifica sorgente]

Il 5 luglio 2012 ha acquisito a Coverciano con il massimo dei voti il titolo di allenatore di Prima Categoria UEFA Pro e quindi il diritto di ricoprire il ruolo di tecnico in una squadra della massima serie[2]. Dal 6 giugno 2012 è allenatore del Livorno in Serie B. Dopo aver concluso il campionato in terza posizione alle spalle di Sassuolo e Verona, porta il Livorno in serie A dopo tre anni superando il Brescia e l'Empoli nei playoff. Il 13 gennaio 2014 viene esonerato dall'incarico dopo i deludenti risultati ottenuti e il penultimo posto in classifica, per poi essere richiamato in panchina il 19 aprile dello stesso anno, senza riuscire a salvare gli amaranto dalla retrocessione. Il 4 luglio 2014, dimissionario, viene sostituito alla guida del Livorno da Carmine Gautieri.

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

Competizioni internazionali[modifica | modifica sorgente]

Genoa: 1995-1996

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ L' esultanza di Nicola: «Mi aveva detto: segnerai tu». articolo pubblicato su Il Corriere della Sera del 29 aprile 2000
  2. ^ Coverciano, Roby Baggio tra i nuovi allenatori, tuttomercatoweb.com, 5 luglio 2012.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]