Central European Time

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – "CET" rimanda qui. Se stai cercando altre voci che possono riferirsi alla stessa combinazione di 3 caratteri, vedi CET (disambigua).
Fusi orari dell'Europa:
Azzurro Western European Time (UTC+0).
Blu Western European Time / Western European Summer Time (UTC+0 / UTC+1).
Rosso Central European Time / Central European Summer Time (UTC+1 / UTC+2).
Ocra Eastern European Time / Eastern European Summer Time (UTC+2 / UTC+3).
Arancione Kaliningrad Time (UTC+3).
Verde Moscow Time (UTC+4).
I colori più chiari indicano i paesi che non osservano l'ora legale

Il Central European Time, indicato con acronimo CET e traducibile in italiano come Tempo dell'Europa Centrale (TEC), è il nome oggi comunemente utilizzato per indicare il fuso orario dell'Europa centrale. È fissato un'ora avanti rispetto al Tempo Coordinato Universale, è utilizzato in gran parte dell'Europa, e corrisponde a quello che in Africa è chiamato West Africa Time. Il suo scostamento temporale[1] è UTC+1 quando è in vigore l'ora solare. Tutti i paesi europei lo abbandonano nel periodo estivo nel quale è in vigore l'ora legale, passando al fuso orario UTC+2 chiamato Central European Summer Time.

Il CET era conosciuto anche col nome di Middle European Time (Tempo Medio Europeo) o come Berlin Time (Tempo di Berlino): il riferimento alla capitale tedesca si doveva alla condizione di essere la maggiore città nelle vicinanze del 15º meridiano, ma anche al fatto che l'inserimento di molti paesi dell'Europa occidentale in questo fuso orario, in particolare la Francia, fu originariamente imposta dalle armate naziste durante la Seconda guerra mondiale. In passato si poteva trovare anche la denominazione tedesca Mitteleuropäische Zeit, abbreviata in MEZ.

Utilizzo[modifica | modifica sorgente]

I seguenti stati e territori dipendenti adottano il Central European Time esclusivamente nel periodo invernale, a partire dalle 1:00 UTC dell'ultima domenica di ottobre fino alle 1:00 UTC dell'ultima domenica di marzo:

per un totale che supera i 417 milioni di persone corrispondente agli abitanti dei suddetti paesi.

Prima della Seconda guerra mondiale, la Lituania utilizzò il CET (allora MEZ) nel periodo 1920-1940. Durante la guerra, la Germania adottò questo fuso orario per tutti i territori occupati. In Francia, Belgio, Paesi Bassi e Lussemburgo il "Central European Time" fu mantenuto anche dopo il reintegro della propria sovranità. Monaco, Spagna, Andorra e Gibilterra adottarono invece il CET nel dopoguerra.

La Gran Bretagna e l'Irlanda adottarono in via sperimentale il CET nel periodo 1968-1971, nel tentativo di uniformarsi all'orario dell'allora CEE. Si trattò di un esperimento impopolare e di breve durata, principalmente a causa del gran numero di incidenti stradali, molti dei quali coinvolsero degli scolari, durante le mattine del periodo invernale. Gli incidenti furono imputati all'aumento di un'ora del nuovo fuso orario adottato. Esso aumentava di un'ora la luce in più la sera ma riduceva di un'ora la luminosità delle già cupe mattine invernali inglesi. Infatti se prima il sorgere del sole in alcuni periodi dell'anno avveniva alle 6:30 con il passaggio al CET il sorgere del sole avveniva un'ora dopo alle 7:30 e gli scolari dovevano andare a scuola mentre era ancora buio.

Similarmente alle isole britanniche e con le stesse finalità commerciali verso la CEE, anche il Portogallo utilizzò il CET nel periodo 1966-1976 e 1992-96. Anche nel paese lusitano tale esperimento si infranse contro l'innaturalità geografica di una simile decisione.

Anomalie[modifica | modifica sorgente]

I fusi orari sono stati tracciati sulla base di criteri geopolitici oltre che geografici; di conseguenza non seguono precisamente le linee dei meridiani. Il fuso CET (UTC+1), pur essendo stato creato esclusivamente sulla base di valutazioni geografiche, non corrisponde esattamente all'area compresa fra 7° 30' E e 22° 30' E; come conseguenza, vi sono località che adottano il fuso UTC+2 o altri fusi orari pur rientrando nell'area UTC+1.

È presente anche il caso contrario ovvero di località che dovrebbero appartenere al fuso UTC (nella maggior parte dei casi), UTC-1 (la Spagna occidentale) o all'UTC+2 (le regioni orientali di Norvegia, Polonia e Serbia) ma che adottano l'UTC+1.

Una lista di queste anomalie:

Località a ovest del meridiano 7° 30' O (in teoria UTC-1) che utilizzano UTC+1[modifica | modifica sorgente]

Le regioni occidentali della Spagna (Galizia): per esempio la città di La Coruna; Capo Finisterre, situata a 9° 16' O di longitudine, è il punto più occidentale dove viene utilizzato il CET.

Località comprese tra 7° 30' O e 7° 30' E (in teoria UTC) che utilizzano UTC+1[modifica | modifica sorgente]

Località a est di 22° 30' E (in teoria UTC+2) che adottano UTC+1[modifica | modifica sorgente]

  • La parte più orientale della Repubblica di Macedonia comprendente la città di Strumica
  • L'estremo lembo orientale della Serbia, nel distretto di Pirot comprendente l'omonima cittadina
  • Le zone dell'Ungheria e la Slovacchia che confinano da nord a sud con la provincia ucraina di Zakarpattia Oblast e situate leggermente a est dell'asse Vásárosnamény (Ungheria) - Uzhhorod (Ucraina) (entrambe le cittadine si trovano a 22 18' E)
  • La parte più orientale della Polonia, comprese le città di Lublino e Białystok
  • L'estremità nord-orientale della Svezia, nella Provincia di Norrbotten, comprese le città di Kalix e Haparanda
  • La parte nord-orientale della Norvegia, che si trova a nord della Finlandia, che coincide all'incirca con la contea di Finnmark; ad esempio Vadsø, capitale della Finnmark, ha una longitudine di 23 49′ E. Addirittura, la città più a est della Norvegia, Vardø, si trova a 30 51′ E, che significa essere più a est perfino del meridiano centrale dell'EET (UTC+2), ovvero più a est di Istanbul e Alessandria d'Egitto. È anche interessante notare che il confine russo-norvegese (inclusi i punti di passaggio come Kirkenes) è l'unico punto dove il CET (UTC+1) confina con l'ora di Mosca (UTC+4), risultando in un cambio di due ore nell'orario per i passeggeri che attraversano il confine. Esiste addirittura un punto "tri-fuso" (dove si incontrano UTC+1, UTC+2, e UTC+4) nel punto di confine tra Norvegia, Finlandia e Russia (si guardi la città di Nautsi in questa mappa), unico punto con questa caratteristica in Europa. È interessante eseguire questo esperimento mentale guardando la mappa: si supponga di essere nel punto più occidentale dell'area rossa (l'area di Jäniskoski-Niskakoski); questo appartiene alla giurisdizione russa, quindi il fuso orario li è UTC+4. Si prenda quindi una direzione nord-orientale (NE); ben presto ci si troverà in territorio finlandese, quindi nel fuso UTC+2. Continuando in tale direzione si raggiungerà infine il confine tra Finlandia e Norvegia entrando in quest'ultima, passando quindi nel fuso orario UTC+1. In questo modo, spostandosi in modo di trovarsi più a est del punto di partenza, si passerà da UTC+4 a UTC+2 a UTC+1, cosa che normalmente avviene viaggiando verso ovest.

Località a ovest di 22° 30' E (in teoria UTC+1) che adottano UTC+2[modifica | modifica sorgente]

L'estremità occidentale dell'Ucraina, vicino al confine con Ungheria e Slovacchia, nell'Oblast di Zakarpattia, che essenzialmente comprende la città di Uzhhorod e i suoi dintorni

Località a ovest di 22° 30' E (in teoria UTC+1) che adottano UTC+3[modifica | modifica sorgente]

Aree metropolitane principali[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Il numero di ore e minuti che separano un fuso orario dal Tempo Coordinato Universale. Viene definito come uno standard internazionale.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]