Javier Zanetti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Javier Zanetti
Javier Zanetti FC Internazionale.jpg
Javier Zanetti durante una conferenza stampa nel corso della UEFA Champions League 2011-2012
Dati biografici
Nome Javier Adelmar Zanetti
Nazionalità Argentina Argentina
Altezza 178[1] cm
Peso 75[2] kg
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Difensore, centrocampista
Ritirato 18 maggio 2014
Carriera
Giovanili
1982-1989
1991-1992
Independiente Independiente
Talleres (RE) Talleres (RE)
Squadre di club1
1992-1993 Talleres (RE) Talleres (RE) 33 (1)
1993-1995 Banfield Banfield 66 (4)
1995-2014 Inter Inter 615 (12)[3]
Nazionale
1995-1996
1994-2011
Argentina Argentina olimpica
Argentina Argentina
12 (0)[4]
145 (5)[5]
Palmarès
Flag of PASO.svg Giochi Panamericani
Oro Mar del Plata 1995
Olympic flag.svg Olimpiadi
Argento Atlanta 1996
Coppa America calcio.svg Copa América
Argento Perù 2004
Argento Venezuela 2007
Transparent.png Confederations Cup
Argento Arabia Saudita 1995
Argento Germania 2005
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 18 maggio 2014
« Ho sognato di chiudere la mia carriera all'Inter, la mia casa, ed è un orgoglio poterlo fare. »
(Javier Zanetti, 6 maggio 2014[6])

Javier Adelmar Zanetti ([xaˈβje̞ɾ ade̞lˈmar saˈne̞ti]; Buenos Aires, 10 agosto 1973) è un dirigente sportivo ed ex calciatore argentino, di ruolo difensore o centrocampista, attuale vicepresidente dell'Inter. Ha iniziato la sua carriera in Argentina, prima al Talleres e poi al Banfield. Dal 1995 al 2014 ha militato nell'Inter, squadra di cui, dopo l'addio di Giuseppe Bergomi,[7] è stato capitano dal 1999 fino al giorno del suo ritiro, avvenuto il 18 maggio 2014.

È lo straniero con più presenze in Serie A, 615 più 3 spareggi, e il secondo giocatore in assoluto per partite disputate nella suddetta competizione alle spalle del solo Paolo Maldini. È anche il calciatore con più presenze nella storia dell'Inter (858)[8][9] e con più presenze da capitano in Champions League, 82. È inoltre il recordman di incontri disputati consecutivamente in Serie A con la maglia dell'Inter, 137,[10] squadra di cui è il giocatore più vincente della storia con sedici trofei: cinque scudetti, quattro Coppe Italia, quattro Supercoppe italiane, una Coppa UEFA, una Champions League e una Coppa del mondo per club FIFA.[11]

Con la Nazionale argentina ha disputato 145 partite, cifra che lo rende il giocatore con il maggior numero di presenze nella storia della Selección Albiceleste, avendo superato nel novembre del 2007 il precedente record di Roberto Ayala di 115 incontri giocati.[12] Con l'Argentina è arrivato in finale di Copa América nel 2004 e nel 2007, e di Confederations Cup nel 1995 e nel 2005.[13]

Nel marzo del 2004, a Londra, venne inserito da Pelé nella FIFA 100,[14] la lista dei 125 migliori calciatori viventi redatta in occasione del centenario della FIFA, mentre nel maggio 2011 divenne uno dei calciatori ad aver disputato più di 1000 presenze in carriera.[15] Pochi mesi più tardi, nell'ottobre dello stesso anno, durante la consegna del Golden Foot, gli venne assegnato il premio alla carriera come leggenda del calcio mondiale, lasciando la propria impronta e il proprio autografo sulla Champions Promenade.[16]

Indice

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

« Primissimo allenamento, facciamo possesso palla. Lui non la perde mai, gli resta sempre incollata al piede. Quel giorno pensai che avrebbe fatto la storia dell'Inter. »
(Giuseppe Bergomi[17])
Zanetti in allenamento con l'Inter

Javier Zanetti è nato a Buenos Aires il 10 agosto del 1973, da Rodolfo Ignacio Zanetti e Violeta Bonazzola,[18] ma è in provincia dove lui crebbe, nel sobborgo portuale del Partido di Avellaneda, Dock Sud.[19] Prese il secondo nome Adelmar da un medico che gli salvò la vita da neonato, quando aveva dei problemi di respirazione.[20]

È il fratello minore di Sergio,[18] anch'egli calciatore, e poi allenatore dell'Inter Juniores Berretti.[21]

È di origini friulane, essendo il bisnonno, Paolo Zanetti,[22] originario di Sacile in provincia di Pordenone.[23][24]

Si appassionò al calcio da bambino, quando l'Argentina di Kempes e Passarella vinse in casa il campionato mondiale di calcio.[19] Abitando nel dipartimento di Avellaneda, Zanetti incominciò a tifare per una delle squadre di casa, l'Independiente, che tra l'altro durante gli anni settanta aveva dominato la scena nazionale e internazionale, vincendo 2 Tornei Nacional, 2 Tornei Metropolitano, 4 Coppe Libertadores, 3 Coppe Interamericane e 1 Coppa Intercontinentale.[25]

Durante un anno di inattività, causato dal suo gracile fisico,[26] aiutò suo padre muratore a lavorare nei cantieri, ed è anche grazie a questo lavoro che Zanetti riuscì ad aumentare la propria massa muscolare e l'altezza.[27] In particolare, a 14 anni pesava 35 chili ed era alto 145 centimetri, allora il medico dell'Independiente gli suggerì una dieta a base di proteine, soprattutto ceci, latte e lenticchie.[22] Tornato a giocare a calcio, nel Talleres, dove però non aveva un contratto professionistico, per aiutare economicamente la famiglia divenne prima un postino, aiutando suo fratello Sergio, poi "ragazzo del latte" insieme a suo cugino Carlo, lavorando dalle quattro alle otto di mattina.[15][28] Dato che la situazione per il giovane era divenuta insostenibile, la dirigenza del Talleres gli fece firmare il suo primo contratto da professionista.[29]

Nel 1991, mentre militava ancora tra le file del Talleres, conobbe Paula de La Fuente,[30] figlia di un docente universitario, che poi avrebbe sposato nel 1999.[31] La coppia ha tre figli: Sol (nata l'11 giugno 2005),[32] Ignacio (nato il 27 luglio 2008),[33] e Tomas (nato il 9 maggio 2012).[34]

Durante la sua permanenza a Remedios de Escalada prese il vezzeggiativo Pupi del fratello Sergio appena ceduto, necessario in quanto in squadra oltre a lui, c'erano ben cinque Javier.[29] Invece fu Víctor Hugo Morales a soprannominarlo El Tractor, in lingua italiana il trattore,[35] grazie alle sue gambe possenti e alle sue corse sulle fasce.[36]

Nel 2009, è uscita la sua autobiografia Capitano e gentiluomo, edita da Rizzoli,[37] mentre nel novembre del 2011 è stato pubblicato 757 Record di fedeltà - I giorni di Zanetti, libro edito da Skira che ripercorre tutta la sua carriera in nerazzurro dall'arrivo nel 1995 al record delle 757 presenze.[38]

Il 30 maggio 2011, poche ore dopo la conquista nerazzurra della Coppa Italia, la madre di Zanetti, Violeta, venne a mancare a Buenos Aires a causa di un infarto.[39][40][41] Qualche mese più tardi Zanetti raccontò che un ricordo su sua madre al quale è più affezionato arrivò proprio prima che lei morisse; la donna, infatti, dopo la vittoria in Coppa Italia, gli inviò un messaggio con scritto: «Figlio, complimenti, sono felicissima per te... Ti voglio bene!».[42] L'argentino però, non ebbe la possibilità però di rispondere a tale messaggio, perché durante quella notte sua madre spirò.[42]

Nell'aprile del 2012 ha aperto nel quartiere Brera di Milano un ristorante insieme a Esteban Cambiasso, il Botinero.[43]

Nell'ottobre 2013 esce la sua seconda autobiografia, scritta in collaborazione con il giornalista Gianni Riotta, Giocare da uomo.[44]

Vive sul lago di Como, a Moltrasio, dopo aver vissuto sette anni a Cernobbio.[45]

Il rapporto con Giacinto Facchetti[modifica | modifica wikitesto]

« Quattro anni nei quali ci sono state tante vittorie, anche se la vera e unica vittoria è stata conoscerti. »
(Javier Zanetti[46])

Appena arrivato a Milano fu uno dei più celebri giocatori della Grande Inter a fargli da mentore, Giacinto Facchetti.[47] Fu Facchetti a trasmettergli valori morali come la lealtà, la correttezza, l'onestà e il rispetto verso tifosi e avversari.[48] Infatti sono questi valori, oltre al coraggio e al carisma, che hanno fatto definire Zanetti l'erede di Facchetti.[49] Tra i due si instaurò ben presto un ottimo rapporto, con Facchetti che raccontava spesso all'argentino le sfide tra l'Inter e l'Independiente, ricordando la fatica consumata soprattutto in casa di questi ultimi per vincere la Coppa Intercontinentale.[50]

Durante il momento dello scandalo denominato Calciopoli, che aveva coinvolto le storiche rivali dell'Inter, la Juventus e il Milan, venne diagnosticato a Facchetti un tumore al pancreas.[51] Nonostante la grave malattia che lo stava consumando, Facchetti seguiva ancora le vicende della sua squadra, che avrebbe dovuto giocare il 27 agosto 2006, contro la Roma, la Supercoppa italiana.[52] Ventiquattro ore prima della partita Zanetti lo andò a trovare in ospedale, promettendogli di tornare il giorno successivo con la coppa.[52] Il capitano nerazzurro mantenne la parola, infatti l'Inter, dopo essere stata in svantaggio di addirittura tre reti, grazie a una doppietta di Vieira e a una rete di Crespo riuscì a pareggiare nei minuti regolamentari, per poi passare in vantaggio grazie a una punizione di Figo.[52] Arrivato in ospedale con la coppa, Zanetti riuscì a strappare un sorriso a Facchetti,[52] che sarebbe morto pochi giorni più tardi, il 4 settembre.[48] Dopo che l'Inter divenne campione d'Italia nella stagione 2006-2007, l'argentino dedicò la vittoria a Facchetti, oltreché all'avvocato Prisco e a Benito Lorenzi.[53]

Il rapporto con Peppino Prisco[modifica | modifica wikitesto]

Oltre che a Facchetti, Zanetti era molto legato alla figura di un altro dirigente nerazzurro, l'avvocato Peppino Prisco.[54] La vita di Prisco è indissolubilmente legata all'Inter, di cui nel 1963 è divenuto vicepresidente.[55] Grazie alla sua arguzia era capace di "beccare" gli avversari, inventando sempre battute, soprattutto contro le rivali storiche dei nerazzurri, la Juventus e il Milan,[54] e inoltre era capace di alleggerire la situazione anche durante i periodi bui della storia nerazzurra.[56] Il rapporto di Prisco con il capitano nerazzurro era basato sulla fiducia, infatti ogni volta che l'avvocato incontrava l'argentino gli diceva: "Javier, tu sei il mio uomo, io mi fido di te".[54] Il giorno della sua scomparsa, il 12 dicembre 2001, venne dichiarato da Zanetti come uno dei giorni più tristi della sua carriera.[56]

La fede religiosa[modifica | modifica wikitesto]

Di fede cattolica, Zanetti è molto religioso, e per testimoniare questo vi sono i suoi impegni sociali, come la sua organizzazione benefica, la Fundación P.U.P.I..[57] Inoltre, prima di entrare sul campo fa sempre un segno della croce.[2] Grazie a una sua mediazione, il suo ex-compagno di squadra Wesley Sneijder è riuscito a convertirsi al cattolicesimo tramite il battesimo con largo anticipo.[57][58][59] Ha incontrato il Papa Benedetto XVI in due occasioni, la prima volta a Città del Vaticano nel 2008, pochi giorni dopo il centenario dell'Inter,[60] e la seconda volta, assieme alla sua famiglia, a Milano, nello stadio Meazza, in occasione dell'Incontro Mondiale delle Famiglie.[61] Il 25 aprile 2013 ha incontrato a Santa Marta Papa Francesco, suo connazionale, al quale ha regalato la sua maglia nerazzurra numero 4, la fascia da capitano con le bandiere di Italia, Argentina, Città del Vaticano e le iniziali di Zanetti stesso e del Pontefice, e una targa della Fundación P.U.P.I.[62] Zanetti ha poi dichiarato: "È stato un incontro emozionante perché quando è stato eletto, il primo desiderio che ho avuto è stato quello di incontrarlo. Oggi ho potuto farlo ed è stato un privilegio. Ho trovato di fronte a me una persona semplice, con un cuore enorme, che impiegherà tutte le energie necessarie per aiutare i fedeli".[62]

L'impegno sociale[modifica | modifica wikitesto]

Il logo della Fundación P.U.P.I.

Appena arrivato all'Inter, Zanetti è stato coinvolto da Bergomi in un'associazione chiamata Gruppo Sportivo I Bindun, nata avendo come obiettivo costruire case per i ragazzi più disagiati.[63][64]

È grazie a questa esperienza che nel 2002, insieme alla moglie Paula, ha creato la Fundación P.U.P.I., organizzazione non-profit che si occupa di fornire il necessario sostegno economico ai bambini disagiati, e alle loro famiglie, nella zona di Buenos Aires.[63][65] Proprio per l'impegno profuso nella sua Fundación, nel 2005 l'ufficio di presidenza del consiglio comunale di Milano gli ha conferito l'Ambrogino d'oro,[66] mentre il 6 gennaio 2012, si aggiudica il premio "I piedi buoni del calcio - Lo sportivo esemplare", assegnato tramite sondaggio sui siti di Gazzetta dello Sport e Lega Serie A al giocatore che nel corso dell'ultimo anno si è distinto maggiormente in attività sociali e di beneficenza con un comportamento ammirevole, sia dentro, sia fuori dal rettangolo di gioco.[67][68] Oltre alla Fondazione P.U.P.I., Zanetti partecipa assieme a Cambiasso a un'altra associazione, i Leoni di Potrero.[69]

L'argentino inoltre, dal 2006 è ambasciatore di SOS Villaggi dei Bambini, associazione ONLUS per i diritti dell'infanzia.[70]

Oltre al resto, il capitano nerazzurro è stato scelto nel 2009 come testimonial per Special Olympics, l'associazione che organizza con cadenza quadriennale,[71] i Giochi Olimpici Speciali.[72][73]

Nell'ottobre del 2011 ha partecipato all'iniziativa Il gol per la ricerca dell'Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro insieme ad Alessandro Del Piero e Pato,[74] e ha partecipato alla stessa iniziativa anche nel novembre del 2012.[75]

Con l'Inter Zanetti supporta Emergency, un'organizzazione che ha costruito e gestisce ospedali per i feriti di guerra e per emergenze chirurgiche, centri per la riabilitazione fisica e sociale delle vittime di mine antiuomo e altri traumi di guerra, un centro per la maternità, posti di primo soccorso per il trattamento immediato dei feriti, centri sanitari per l'assistenza medica di base.[72] Inoltre i nerazzurri nel 2004 appoggiarono la causa del Subcomandante Marcos, portavoce dell'Esercito Zapatista di Liberazione Nazionale, cercando di dare un aiuto alle popolazioni precolombiane facenti parte del Messico.[76][77]

Attività artistiche[modifica | modifica wikitesto]

Zanetti nel 2011

Attività musicali[modifica | modifica wikitesto]

Appassionato di musica, i brani preferiti da Zanetti sono quelli di Ligabue, che spesso suona o canta,[78] ma è anche un ammiratore di Laura Pausini, Eros Ramazzotti, del gruppo rock argentino Los Piojos,[79] e dei Beatles.[80] È anche solito cantare al karaoke in serate di beneficenza organizzate per aiutare la sua fondazione.[81]

La prima partecipazione canora dell'argentino, insieme ad altri giocatori nerazzurri, è stata nella canzone Pazza Inter, registrata il 22 agosto 2003,[82] e divenuta talmente nota da sostituire l'inno ufficiale della squadra milanese nelle occasioni pubbliche.[79]

Nel 2007 Zanetti ha duettato insieme a Mina nel brano Parole parole, contenuto nell'album Todavia dell'artista italiana, venendo preferito ad Antonio Banderas.[79]

In un'asta a Buenos Aires, del 16 ottobre 2010 l'argentino ha acquistato per trentacinquemila dollari un basso del celebre bassista dei Beatles Paul McCartney.[80][83][84]

Nel marzo del 2011, il calciatore ha inciso con i Rezophonic la famosa canzone di Sergio Endrigo "Ci vuole un fiore", rivisitata in chiave moderna, per raccogliere denaro per la Fondazione Pupi e per la costruzione di pozzi d'acqua in Africa.[85]

Il 25 maggio 2012, durante una tournée dell'Inter in Indonesia, si è esibito durante una puntata in diretta di Indonesian Idol, cantando la canzone Più bella cosa di Eros Ramazzotti.[86]

Attività cinematografiche[modifica | modifica wikitesto]

Zanetti ha partecipato come attore al documentario del regista Piergiorgio Gay Niente paura, uscito nelle sale cinematografiche il 10 settembre 2010.[87] Al film hanno partecipato, oltre al calciatore dell'Inter, altri personaggi celebri, come Luciano Ligabue, nelle vesti del presentatore del documentario, Sabina Rossa, Paolo Rossi, Giovanni Soldini, Carlo Verdone, Fabio Volo.[88][89]

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Javier Zanetti supera Mark González

Puntuale nel recupero di palloni e nell'impostazione del gioco, è dotato di eccellenti doti fisiche, tra cui resistenza, ottimo possesso di palla, velocità, e di un buon bagaglio tecnico.[90][91]

Nato nelle giovanili dell'Independiente come attaccante esterno,[28] è al Talleres che Zanetti arretra la sua posizione, riuscendo poi a giocare in quasi tutti i ruoli del reparto mediano e arretrato.[90] Infatti in Argentina scende in campo nella maggior parte delle partite da centrocampista, sia di fascia che centrale, e alcune volte anche da terzino, ruolo che successivamente lo consacrò nella sua prima stagione da professionista.[28]

Appena arrivato all'Inter, Bianchi lo schierò come laterale destro in un 5-3-2,[92] per poi passare come interno destro in un modulo a rombo sotto la gestione di Hodgson.[93] Con Simoni il giocatore nerazzurro venne spostato come laterale sinistro di centrocampo,[94] mentre poi con Lucescu giocò addirittura da seconda punta, seppur in un'amichevole con il Lugano.[95] Sotto la guida di Lippi ritornò a giocare a destra nel centrocampo, come tornante nel 4-4-2,[96] invece fu Cúper a fargli ricoprire nuovamente la posizione di terzino destro, lo stesso ruolo che ebbe durante i suoi anni in Argentina.[97] Si consolidò anche come centrocampista centrale prima con Mancini e poi con Mourinho,[98] mentre per poco tempo ha giocato anche come difensore centrale nel 3-4-3 di Gasperini,[99] per poi tornare a centrocampo con Ranieri,[100] e Stramaccioni.[101]

La sua costanza durante l'intera carriera ha fatto di lui uno dei punti cardine dell'Inter e della Nazionale argentina,[102] tanto che i suoi allenamenti individuali sono migliori rispetto a quelli dei suoi compagni.[103] Particolare fu l'episodio avvenuto il giorno del suo matrimonio, quando Zanetti, pochi minuti prima di sposarsi, andò ad allenarsi da solo.[104]

La corsa palla al piede[modifica | modifica wikitesto]

Zanetti con la sua corsa palla al piede sorpassa Cristiano Ronaldo

Una delle azioni tipiche di Zanetti è la corsa palla al piede, dove il calciatore riesce a incunearsi in percussione, per poi superare gli avversari sullo slancio,[105] e infine tentare il cross dal fondo.[106] Grazie alla sensibilità dei piedi, una tecnica allenata sin da bambino e alla corsa, oltre che alla forza e alla resistenza delle gambe, Zanetti riesce a correre sulle fasce per tutta la partita.[107]

La corsa palla al piede si divide in quattro fasi: il controllo di palla, dove l'argentino riesce a controllare il pallone con grande maestria, sia col piede destro che col sinistro,[106] la progressione, durante la quale Zanetti sfrutta al massimo la sua accelerazione,[107] il raddoppio, che avviene quando il giocatore supera un suo compagno e poi quando un altro corre in suo aiuto,[108] e infine il cross oppure il tiro che vengono effettuati dopo aver superato l'ultimo avversario.[109]

L'intesa con Maicon[modifica | modifica wikitesto]

Zanetti non possiede i tempi di gioco tipici di una mezzala, ma riesce comunque a buttarsi negli spazi e a dettare il passaggio ai compagni di squadra.[108] Dal 2006 al 2012 l'argentino è sceso spesso in campo assieme a Maicon,[110] in un'accoppiata che si basava sul fatto che mentre un calciatore si fermava, l'altro avanzava, oppure che entrambi si muovevano insieme dialogando tra loro, al fine di conquistare il fondo del campo per il cross.[108]

L'Inter, durante il corso degli anni, è riuscita a perfezionare il proprio gioco grazie alle spinte laterali di Maicon e Zanetti, e grazie al controllo del pallone di quest'ultimo i nerazzurri sono riusciti più volte a costruire la superiorità numerica, infatti gli avversari erano costretti a chiudere sul capitano nerazzurro, lasciando spazi liberi nel resto del campo.[111]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Gli esordi in Argentina[modifica | modifica wikitesto]

« L'avversario più difficile che abbia mai incontrato è stato Javier Zanetti. Lo incontrai per la prima volta nel '99, ai quarti di Champions. Lui terzino destro, io ala sinistra. M'impressionò per le sue qualità: rapido, potente, intelligente, esperto. Ci ho giocato contro altre due volte. È stato l'avversario più duro in assoluto. Un campione completo.[112][113] »
(Ryan Giggs, calciatore del Manchester United, marzo 2012)

Javier Zanetti crebbe durante il periodo della guerra sporca, e nel suo quartiere, Dock Sud, non esisteva nessun campo da calcio.[114] Sarà suo padre, il muratore Rodolfo Ignacio, assieme ad altri genitori di ragazzi del posto a creare un nuovo campetto in erba e sabbia, ed è lì che l'argentino inizierà a tirare i suoi primi calci a un pallone, nella formazione della Disneyland.[115] La settimana prima della finale del torneo locale, Zanetti a furia di giocare distrusse le scarpette da calcio, e la sua famiglia non aveva abbastanza soldi per comprarne un paio nuovo.[116] Fu così che suo padre, compiendo un grande sacrificio, le ricucì perfettamente, permettendo al figlio di giocare la finale del torneo, che poi vinse.[116]

Dopo poco tempo, nel 1982, un dirigente dell'Independiente gli offrì l'opportunità di giocare nella sua squadra, e Zanetti accettò immediatamente l'offerta, dato che era un tifoso dei Diablos Rojos.[25][116] Pochi mesi più tardi, il 24 aprile 1984, Zanetti visitò per la prima volta la Doble Visera, vedendo da spettatore la vittoria per 3-2 dell'Independiente in Copa Libertadores contro i paraguaiani dell'Olimpia,[117] ottenuta grazie a una grande prestazione di Ricardo Bochini, idolo di Zanetti.[26] Dopo esser sceso in campo per sette anni tra le file dell'Independiente,[116] i dirigenti e i tecnici della squadra decisero di tagliarlo fuori dalla squadra, perché sotto l'aspetto fisico era troppo piccolo e debole.[26]

Per più di un anno Zanetti smise di giocare a calcio, pensando solamente allo studio e al lavoro,[26] dove l'argentino aiutava suo padre nei cantieri, e questo sostegno che offrì al genitore fu molto importante dal punto di vista fisico del giocatore, in quanto acquisì centimetri e muscoli.[27] Successivamente fu ancora suo padre a intervenire nella carriera del giocatore, convincendolo a cercare un'altra squadra,[118] e l'opportunità gliela offrì il fratello Sergio, che militava nel Talleres.[27] Javier ha aspettato che suo fratello Sergio si trasferisse, perché non voleva passare per raccomandato, e infine ha fatto un provino dove è stato promosso.[119]

Nelle giovanili del Talleres giocò da centrocampista in quarta divisione, e le ottime prestazioni lo fecero promuovere in prima squadra.[28] Inoltre il club di Remedios de Escalada gli offrì un contratto da professionista, in quanto Zanetti per guadagnare e aiutare economicamente la famiglia era costretto a lavorare la mattina vendendo il latte.[120]

Talleres[modifica | modifica wikitesto]

Esordì nel mondo del calcio professionistico il 22 agosto 1992, nel corso della terza giornata di Primera B Nacional, quando subentrò all'80' al posto di Miguel Ángel Fretes, vincendo 2-1 contro l'Instituto Atlético Central Córdoba.[121] Il suo debutto da titolare con i bianco-rossi è avvenuto tre giornate più tardi, quando il 12 settembre il Talleres pareggiò 0-0 in casa dell'Ituzaingó.[121] Ha segnato il suo primo gol in carriera, che tra l'altro è stato anche il primo e l'unico con la maglia del Talleres, il 20 marzo 1993, in occasione di Talleres-Arsenal de Sarandí, finita 1-1.[122] In totale, con la maglia del Talleres, scese in campo 33 volte, venendo schierato per lo più come terzino.[29] A fine campionato venne definito come uno tra i migliori giovani del torneo.[29]

Banfield[modifica | modifica wikitesto]

Nell'estate del 1993, a vent'anni, approdò nella massima serie, la Primera División, venendo acquistato dal Banfield per 160.000 dollari, pagati a proprie spese da dieci soci della squadra.[123][124] I due allenatori, Oscar López e Oscar Cavallero gli fecero vestire la maglia numero 4, che non abbandonò più.[125] Esordì con i biancoverdi il 12 settembre 1993 contro il River Plate, in una partita finita 0-0.[125] Zanetti chiuse la stagione con 37 presenze segnando un gol,[125] il suo primo con la maglia del Banfield, il 29 settembre 1993 nel pareggio per 1-1 in casa del Newell's Old Boys.[126] Titolare anche nel campionato successivo, le sue prestazioni gli valsero la convocazione nella Nazionale argentina di Daniel Passarella.[125] Le 29 partite condite da tre reti (la prima il 23 ottobre 1994 nella vittoria per 3-0 contro l'Independiente, la seconda il 29 novembre successivo nell'1-1 interno con il Deportivo Textil Mandiyú,[127] e la terza il 2 aprile 1995 nella vittoria esterna per 4-1 contro l'Argentinos Juniors[128]) lo fecero diventare uno dei giocatori più forti della sua nazione e Zanetti entrò stabilmente nel giro della Nazionale.[129]

Durante una tournée della Nazionale in Sudafrica valida per la Mandela Cup, Zanetti ricevette da Passarella la notizia secondo cui l'Inter di Milano sarebbe stata interessata al suo acquisto.[130] A segnalarlo fu uno degli osservatori dei nerazzurri, cioè l'ex calciatore Antonio Angelillo,[131] che era in Argentina alla ricerca di giocatori "originali", come Ariel Ortega.[130] Successivamente fu voluto fortemente anche dal presidente Massimo Moratti, che dopo averlo visionato in una videocassetta mentre giocava nella nazionale olimpica, fu rimasto impressionato dal suo dribbling e dalle sue qualità fisiche,[132] e ne fece di lui il suo primo acquisto,[133][134] il 13 maggio 1995.[135][136]

Inter[modifica | modifica wikitesto]

« L'Inter è sempre sola nel senso di solitaria, staccata da tutto il resto, al confine; è sola nel senso di unica, nel modo di pensare, di agire e di rapportarsi con il mondo. Non mi stancherò mai di ripeterlo, a costo di sembrare banale: l'Inter è una creatura diversa rispetto a tutte le altre squadre. »
(Javier Zanetti[137])
L'arrivo a Milano[modifica | modifica wikitesto]

Subito dopo Zanetti, vennero acquistati altri calciatori stranieri e, non essendo ancora in vigore la legge Bosman, ogni squadra poteva far giocare in campo soltanto tre stranieri, e quindi una cessione in prestito per l'argentino non era improbabile.[138] La società non aveva comunque alcuna intenzione di girare in prestito Zanetti, che tra l'altro Diego Armando Maradona definì «il miglior acquisto dell'anno».[139] Fu presentato, insieme al connazionale Sebastián Rambert, alla Terrazza Martini il 5 giugno 1995, venendo sommersi dai tifosi.[140]

1995-1996: gli esordi in nerazzurro[modifica | modifica wikitesto]

Nonostante ci fossero quattro stranieri all'Inter (gli altri erano Roberto Carlos e Paul Ince), che tra l'altro inizialmente erano anche malvisti,[141] l'allenatore Ottavio Bianchi decise di puntare su Zanetti.[142] L'argentino arrivò al ritiro nerazzurro di Cavalese il 28 luglio 1995,[143] quasi da ignoto. Infatti giunse nella città trentina da solo e con un sacchetto da supermercato in mano: ad aspettarlo c'erano solamente due giornalisti,[144][145] e una volta arrivato al campo di allenamento, Zanetti dovette attraversare una folla di tifosi per riuscire ad allenarsi.[146] Agevolato nella preparazione estiva grazie alla partecipazione della Nazionale argentina in Copa América,[147] esordì in maglia nerazzurra allo Stadio Giuseppe Meazza il 27 agosto 1995, a 22 anni, in occasione di una partita di Serie A contro il Vicenza, vinta dalla sua nuova squadra per 1-0, con una rete di Roberto Carlos, anch'egli al debutto.[148][149] Invece il suo esordio nelle coppe europee avvenne pochi giorni più tardi, il 12 settembre in casa del Lugano, dove la sua squadra pareggiò 1-1.[150] Bianchi fu sostituito a fine settembre da Luis Suárez,[151] che a sua volta verrà poi rimpiazzato dall'inglese Roy Hodgson; anche gli altri due allenatori di stagione ebbero fiducia nell'argentino.[151] Sotto la gestione Hodgson, Zanetti segnò il suo primo gol con la maglia dell'Inter, il 3 dicembre 1995 in casa contro la Cremonese, e il giorno dopo venne premiato con un 8 in pagella da La Gazzetta dello Sport.[93] Alla fine del campionato l'Inter si piazzò al settimo posto in classifica, un risultato deludente per il presidente Moratti all'esordio.[152]

1996-1998: le due finali di Coppa UEFA[modifica | modifica wikitesto]

Le 32 partite disputate e i due gol segnati nella stagione 1995-1996, lo portarono a essere un titolare dei nerazzurri.[93] L'argentino con il passare dei mesi iniziò ad ambientarsi, conquistando pian piano la tifoseria nerazzurra, grazie alla sua grinta, alla sua abnegazione e alla sua costanza, oltreché alle sue corse palla al piede.[93] Neanche la stagione successiva arrivò lo scudetto,[152] ma in Coppa UEFA, la squadra approdò in finale (di andata e ritorno) contro lo Schalke 04:[152] dopo aver perso a Gelsenkirchen per 1-0, al termine dei minuti regolamentari e supplementari del ritorno il punteggio era lo stesso, ma a favore dell'Inter;[152] durante gli ultimi minuti del secondo tempo supplementare Hodgson sostituì Zanetti, provocando l'ira dell'argentino, che subito dopo si scusò con l'allenatore.[153] La sostituzione era dovuta dal fatto che Hodgson volle inserire un attaccante per i calci di rigore, che poi l'Inter perse.[153]

Diversamente andò l'anno dopo: in Coppa UEFA, i nerazzurri approdarono nuovamente in finale, contro la Lazio; la partita fu disputata il 6 maggio 1998 al Parc des Princes di Parigi,[154] e fu vinta dall'Inter per 3-0: Zanetti realizzò la rete del parziale 2-0,[155] successivamente ha dichiarato che questo è stato il gol più importante della sua carriera.[155] Per Zanetti la Coppa UEFA fu il primo trofeo in nerazzurro, dopo tre anni in Italia.[156] In campionato invece, gli uomini del nuovo allenatore Simoni dopo aver condotto al primo posto larga parte del torneo,[157] dovettero arrendersi nelle giornate finali a causa dello scontro diretto con la Juventus, classificandosi così al secondo posto.[158]

1998-2001: le prime stagioni da capitano[modifica | modifica wikitesto]

La stagione 1998-1999 partì con una serie di acquisti, come ad esempio Roberto Baggio, che divenne uno dei giocatori a cui Zanetti si affezionò di più,[159] infatti l'ex attaccante regalò all'argentino un suo labrador da caccia, Simba.[160] In questa stagione Zanetti, il 28 ottobre 1998, nella gara di andata degli ottavi di finale di Coppa Italia contro il Castel di Sangro, disputò il suo primo match in nerazzurro con la fascia da capitano al braccio.[161] L'argentino fu guidato prima da Simoni, poi dal subentrante Mircea Lucescu, quindi da Castellini a seguito dell'esonero del rumeno dopo l'eliminazione dalla Champions da parte del Manchester United e la sconfitta esterna per 4-0 con la Sampdoria[95][162] e infine dal richiamato Hodgson, che guidò i nerazzurri fino all'ottavo posto in campionato, senza peraltro qualificarsi alle coppe europee dell'anno successivo, infatti l'Inter perse gli spareggi UEFA con il Bologna.[95]

Dopo Hodgson, il presidente Moratti come allenatore ingaggiò Marcello Lippi.[163] Sotto la gestione del tecnico viareggino si ritirò il capitano dell'Inter di allora, Giuseppe Bergomi; oltre a Bergomi andò via anche Gianluca Pagliuca, che in quel momento ricopriva il ruolo di vice capitano della squadra, e fu Zanetti, a ventisei anni, a diventare il capitano della squadra, giacché la rosa aveva un'età media molto giovane e lui era il giocatore con più stagioni in nerazzurro.[163][164] Il debutto di Zanetti da capitano coincise con Inter-Hellas Verona (3-0) del 29 agosto 1999.[8] La squadra chiuse il campionato al quarto posto a pari punti con il Parma, vincendo lo spareggio per l'accesso ai preliminari di Champions League proprio contro gli emiliani;[165] la squadra arrivò inoltre in finale di Coppa Italia contro la Lazio, perdendola.[166]

La stagione 2000-2001 cominciò male per Zanetti, che durante la preparazione estiva ebbe una lesione muscolare all'adduttore sinistro che gli fece saltare le prime partite.[167] Durante la sua assenza, l'Inter venne eliminata nel turno preliminare di Champions League dagli svedesi dell'Helsingborg e perde la Supercoppa italiana contro la Lazio; Lippi, dimessosi dall'incarico di allenatore,[168] venne sostituito da Marco Tardelli, che condusse la squadra al quinto posto in campionato, qualificandosi in Coppa UEFA.[169]

2001-2002: lo scudetto perso all'ultima giornata[modifica | modifica wikitesto]

Sotto la nuova guida tecnica di Héctor Cúper,[170] connazionale di Zanetti, il calciatore fu ritenuto un elemento fondamentale nel progetto della squadra che sarebbe stata costruita.[169]

In Coppa UEFA i nerazzurri vennero eliminati in semifinale dal Feyenoord, e in campionato furono a lungo al vertice della classifica.[97] L'epilogo si ebbe il 5 maggio, in cui l'Inter venne sconfitta per 4-2 dalla Lazio all'Olimpico, mentre Roma e Juventus vinsero le rispettive partite scavalcando i nerazzurri, che terminarono così il campionato al terzo posto, perdendo quindi lo scudetto all'ultima giornata.[171]

Il 24 aprile Zanetti ricevette il Pallone d'argento, un riconoscimento assegnato annualmente dalla Giunta di Presidenza dell'Unione Stampa Sportiva d'Italia in base sia ai meriti sportivi sia per le qualità morali mostrate nell'arco di una stagione sportiva.[172] La motivazione data dall'Unione per l'argentino, è stata quella di essere stato «protagonista nel corso del campionato di un comportamento di alta sportività nei confronti degli avversari e degli arbitri e altresì protagonista nella vita di slanci verso i più deboli».[172]

2002-2004: stagioni di transizione[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2002-2003 i nerazzurri terminarono il campionato al secondo posto, alle spalle della Juventus, vincitrice dello scontro diretto nel girone di ritorno al Delle Alpi.[173] Invece, in Champions League i nerazzurri dopo ventidue anni si qualificarono alle semifinali del torneo, uscendo dalla competizione per mano del Milan con un doppio pareggio.[174] Alla fine della partita di ritorno, Zanetti non riuscì a trattenere le lacrime, scoppiando a piangere.[175]

Nella stagione 2003-2004 Zanetti fu guidato da Cúper, che dopo una serie di prestazioni altanenanti venne sostituito dal subentrante Alberto Zaccheroni,[176] il quale concluse il campionato alle spalle di Milan, Roma e Juventus, centrando il quarto posto.[175]

In Champions League la squadra chiuse la fase a gironi al terzo posto accedendo in Coppa UEFA, fermandosi ai quarti di finale contro l'Olympique de Marseille.[177]

2004-2006: le vittorie in Coppa Italia e lo scudetto dopo Calciopoli[modifica | modifica wikitesto]
Zanetti alza al cielo la quinta Coppa Italia della storia interista

Sotto la guida del nuovo allenatore Roberto Mancini, che da calciatore giocò contro Zanetti molte volte, come in finale di Coppa UEFA nel 1998,[178] la squadra venne completamente rivoluzionata dall'allenatore di Jesi, soprattutto dal punto di vista tattico.[178] L'Inter, chiuse il campionato al terzo posto, prima stagione in cui fu incentrato lo scandalo Calciopoli, venuto alla luce solo dopo un anno.[179] In Champions League i nerazzurri vennero eliminati dalla massima competizione continentale ai quarti di finale, ancora dal Milan.[178][180]

Mancini riuscì a riportare un trofeo in bacheca dopo sette anni, vincendo la Coppa Italia nella doppia finale contro la Roma,[178] il 15 giugno 2005, dopo essersi imposto sia all'andata che al ritorno.[181] La Coppa Italia 2004-2005 fu il primo trofeo di Zanetti conquistato da capitano, anche se ha lasciato alzare il trofeo al vice-capitano Córdoba il giorno della premiazione, in quanto l'argentino era impegnato con la sua Nazionale.[182]

La stagione 2005-2006 cominciò bene per l'Inter, che il 20 agosto, battendo la Juventus al Delle Alpi, conquistò la sua seconda supercoppa italiana della storia, la prima per Zanetti.[183] In campionato l'Inter stette dietro la Juventus fino ad arrivare a 11 punti di distacco, terminando il campionato al terzo posto.[184] Tuttavia, in quei giorni emersero i primi dettagli sullo scandalo Calciopoli, i cui effetti si materializzarono con l'assegnazione dello scudetto all'Inter data anche la penalizzazione dal Milan: il 26 luglio 2006 la FIGC assegnò all'Inter il quattordicesimo scudetto della sua storia, il primo per Zanetti.[185][186][187]

In Champions League i nerazzurri uscirono ai quarti di finale battuti dal Villarreal.[188]

La stagione meneghina si completò, così, ancora una volta con la Coppa Italia, che i nerazzurri vinsero per la seconda volta consecutiva contro la Roma.[189][190] Dopo il pareggio all'Olimpico (1-1), al ritorno la formazione milanese prevalse per 3-1, conquistando il trofeo per la quinta volta nella sua storia.[189]

2006-2007: lo scudetto dei record[modifica | modifica wikitesto]
Javier Zanetti nel 2006

La stagione 2006-2007 iniziò come la precedente, infatti l'Inter conquistò la sua terza supercoppa italiana, contro la Roma, battuta in rimonta per 4-3, dopo i tempi supplementari.[191][192]

In campionato i nerazzurri vinsero lo scudetto[193] all'Artemio Franchi, battendo per 2-1 il Siena.[194] Il torneo venne conquistato dopo aver totalizzato 97 punti, oltre al record di vittorie consecutive (17) i nerazzurri stabilirono quello delle vittorie complessive, 30 su 38 partite, e quello dei successi esterni: 15 (di cui 11 consecutivi) su 19 incontri disputati.[195] Grazie a tutti questi record l'Inter 2006-2007 venne rinominata come "Inter dei record", la seconda dopo quella della stagione 1988-1989.[196]

In Champions League la squadra venne eliminata dal Valencia agli ottavi di finale dopo un doppio pareggio (2-2 nell'andata al Meazza e 0-0 nel ritorno al Mestalla).[197]

In Coppa Italia l'Inter raggiunse ancora una volta la finale e sempre contro la Roma, che questa volta vinse il torneo.[198]

Il 15 maggio 2007 Zanetti ha ricevuto premio Prisco per la sua lealtà, la sua correttezza e la sua simpatia sportiva.[199] La motivazione del conseguimento di tale premio è stata: «È arrivato nell'Inter da ragazzo all'inizio della gestione Moratti, oggi ne è il campione-simbolo, l'indiscusso capitano, l'uomo che ha realizzato con la società nerazzurra una identificazione totale: in campo e fuori, nell'impegno di calciatore, nella fedeltà allergica a ogni tentazione e persino sul fronte della solidarietà che per l'Inter è una bandiera. Questo è Javier Zanetti, l'uomo in avanguardia sempre, nei momenti della gioia e in quelli della mortificazione, bandiera dell'Inter come lo fu in altri tempi l'indimenticabile Giacinto Facchetti. Ormai è difficile immaginare una squadra nerazzurra senza di lui. Ha giocato in ogni ruolo con lo stesso impegno, ma una felice intuizione tattica di Mancini ha regalato al popolo dell'Inter il migliore Zanetti proprio nella stagione di questo fiammante scudetto. Ogni domenica tra i migliori, sempre con la stessa generosità, la semplicità che lo distingue e quel sorriso da bravo ragazzo che irride ai suoi 34 anni e promette all'Inter altre stagioni felici».[199]

2007-2008: lo scudetto del centenario[modifica | modifica wikitesto]

Nella stagione del centenario nerazzurro, dopo aver perso la Supercoppa italiana contro la Roma per 1-0,[200][201] il campionato dell'Inter iniziò come il precedente, con i nerazzurri in vetta e le avversarie, specialmente la Roma, a inseguire.[202] Lo scontro diretto tra le due contendenti, che successivamente si rivelò decisivo ai fini dell'assegnazione dello scudetto, arrivò il 27 febbraio a Milano: Zanetti, con un destro dal limite dell'area, pareggiò il vantaggio giallorosso.[203] In seguito la Roma riuscì a recuperare molti punti di svantaggio, ma l'Inter, il 18 maggio, vinse lo scudetto all'ultima giornata al Tardini.[204][205] La stessa sera al Meazza, Zanetti alzò al cielo il suo terzo scudetto, il sedicesimo della storia nerazzurra.[206]

In Champions League i nerazzurri vennero eliminati dal Liverpool, che agli ottavi di finale vinse sia l'incontro di andata ad Anfield, nonostante Zanetti fosse stato uno dei migliori in campo,[207] che quello di ritorno a Milano,[208] non riuscendo a ripetere la rimonta che nel 1965 l'Inter riuscì a compiere proprio sul Liverpool, e che uno dei protagonisti di quella partita, Giacinto Facchetti, raccontò proprio all'argentino diverse volte.[209]

In Coppa Italia invece, l'Inter raggiunse la finale per la quarta volta consecutiva, ancora contro la Roma,[210] poi vincitrice.[211]

2008-2009: le prime vittorie con Mourinho[modifica | modifica wikitesto]
Zanetti e compagni festeggiano la conquista della Supercoppa italiana 2008

La stagione 2008-2009 cominciò il 24 agosto, quando l'Inter vinse ai tiri di rigore la supercoppa italiana contro la Roma, dopo che i tempi regolamentari si conclusero sul 2-2.[212] Il rigore decisivo all'assegnazione del trofeo lo calciò proprio Zanetti (tra l'altro questo fu il primo e unico rigore battuto dall'argentino).[213] Fu la prima vittoria sotto la guida del nuovo tecnico José Mourinho.[214] A fine partita Zanetti dichiarò: «Mi fa piacere aver segnato il rigore decisivo, pesava tantissimo. È la prima volta che calcio un rigore, forse non tutti lo sanno. Per fortuna è andato dentro e ci ha fatto vincere la Supercoppa, la terza nelle ultime stagioni. Va dato merito alla Roma di non aver mai mollato, di aver contribuito allo spettacolo generale della partita, ma noi siamo una squadra che è sempre rimasta compatta, non abbiamo mai perso il filo dell'incontro, neppure nei brevi periodi di difficoltà. Al di là della stanchezza, inevitabile in questa fase della stagione, siamo sempre riusciti a fare bene. E, alla fine, abbiamo festeggiato con grande merito. E festeggiare davanti al nostro pubblico è sempre bello: grazie anche ai tifosi, che ancora una volta hanno vinto insieme con tutti noi.»[213]

In campionato i nerazzurri riuscirono a vincere lo scudetto con tre giornate d'anticipo, il 16 maggio 2009, dopo la sconfitta del Milan al Friuli.[215] Questo fu il quarto scudetto consecutivo dei nerazzurri, e venne festeggiato il giorno dopo, quando l'Inter vinse contro il Siena per 3-0.[216]

In Champions League l'Inter uscì agli ottavi di finale a opera del Manchester United.[217]

In Coppa Italia la squadra fu eliminata in semifinale dalla Sampdoria.[218]

Il 22 gennaio Zanetti vinse il premio Campione della gente, la cui giuria era composta da quattordici testate giornalistiche nazionali, grazie alla sue attività benefiche a favore dei bimbi argentini.[219]

2009-2010: la tripletta[modifica | modifica wikitesto]
Zanetti con Diego Milito, durante la tournée americana dell'Inter nell'estate del 2009
« Ci credevo: ora l'Inter è nella storia »
(Javier Zanetti[220])

La stagione 2009-2010 si aprì a Pechino con la sconfitta nel primo trofeo della stagione, contro la Lazio per 2-1.[221][222]

Per essersi distinto nel corso della carriera per aver mantenuto comportamenti in linea con i più autentici principi panathletici nel rispetto delle regole e degli avversari di gioco, il 9 marzo gli venne consegnato a Bergamo il Premio Senatore Daniele Turani, trent'anni dopo Giacinto Facchetti.[223]

In Coppa Italia i nerazzurri batterono la Roma in finale, disputata il 5 maggio allo stadio Olimpico.[224]

In campionato l'Inter ebbe come principale rivale ancora una volta i giallorossi: lo scontro diretto avvenne all'Olimpico il 27 marzo, ma la Roma prevalse sui nerazzurri, vincendo 2-1, e portandosi a un punto dalla vetta.[225] In questa partita Zanetti disputò la sua 137ª gara di fila in Serie A, ma la serie di partite consecutive si fermò con l'incontro di Roma, in quanto a seguito di una squalifica, sarà costretto a saltare la successiva partita contro il Bologna.[10] Il successivo 16 aprile, in occasione di Inter-Juventus (2-0), Zanetti disputò la sua 500ª partita in Serie A.[226][227] Il 16 maggio, durante l'ultima giornata l'Inter, vincendo 1-0 a Siena, si laureò campione d'Italia per la diciottesima volta, la quinta volta consecutiva.[228]

Al termine del campionato 2009-2010 con 502 presenze in Serie A Zanetti risultò primo fra i giocatori non nati in Italia (decimo in assoluto e primo in attività) e primo fra quelli che non hanno militato nella Nazionale italiana; inoltre l'argentino contava 132 presenze nelle Coppe europee, 59 in Coppa Italia, 5 in Supercoppa italiana e 3 negli spareggi UEFA contro Bologna e Parma al termine delle stagioni 1998-1999 e 1999-2000.[90][229]

In Champions League l'Inter, dopo aver eliminato i campioni in carica del Barcellona in semifinale, arrivò all'ultimo atto della manifestazione.[230] Il 22 maggio al Santiago Bernabéu di Madrid gli avversari erano i tedeschi del Bayern Monaco: i nerazzurri vinsero per 2-0, grazie a una doppietta di Diego Milito, e Zanetti, alla sua 700ª gara in nerazzurro, alzò per la prima volta la Champions League, così l'Inter riuscì a conquistare una storica tripletta, diventando la prima e unica squadra italiana a realizzare tale obiettivo.[231][232]

2010-2011: la 4ª Supercoppa, il Mondiale per club e la Coppa Italia[modifica | modifica wikitesto]

Sotto la guida del nuovo allenatore Rafael Benítez, l'Inter esordì in supercoppa italiana il 21 agosto, nuovamente contro la Roma, partita vinta per 3-1.[233] I nerazzurri così conquistarono il loro primo trofeo della stagione, il quarto titolo nell'intero anno 2010.[233]

Sei giorni dopo, in supercoppa europea, l'Inter affrontò allo Stadio Louis II la squadra vincitrice dell'Europa League, l'Atlético Madrid:[234] i Colchoneros riuscirono a battere l'Inter per 2-0, impedendo ai nerazzurri di centrare il sextuple, compiuto dal Barcellona, con la vittoria di tutti e sei i trofei a disposizione nell'anno solare.[235]

Il 28 agosto, a Cinisello Balsamo, per i risultati ottenuti nell'ultima stagione sportiva, Zanetti è stato insignito del premio Gaetano Scirea alla carriera.[236] L'argentino divenne il primo straniero a ottenere tale riconoscimento, e dopo averlo conseguito, ha dichiarato: «Sono onorato per questo premio, davvero onorato, mi fa un enorme piacere, anche perché è intitolato a un grande del calcio».[236]

Il 20 ottobre Zanetti, a 37 anni e 71 giorni, segnando la rete del provvisorio 1-0 in Inter-Tottenham (finirà 4-3 per i nerazzurri), divenne il calciatore più anziano ad aver mai segnato in Champions League.[237] Il 3 novembre il suo record fu battuto da Filippo Inzaghi in Milan-Real Madrid.[238]

Il 15 dicembre l'Inter disputò la Coppa del mondo per club FIFA. In semifinale i nerazzurri batterono i campioni asiatici del Seongnam per 3-0, e la seconda marcatura venne realizzata proprio da capitan Zanetti.[239] Il 18 dicembre l'Inter, in finale con il Mazembe, si laureò campione del mondo per la terza volta, vincendo per 3-0, conquistando così il quinto trofeo dell'anno.[240][241]

Il 15 gennaio 2011, nella partita contro il Bologna vinta 4-1 sotto la guida del nuovo allenatore Leonardo, Zanetti eguagliò il record di presenze di Giuseppe Bergomi in Serie A, 519 gare.[242] Quattro giorni dopo, in occasione della sfida contro il Cesena, il capitano superò Bergomi, mettendo a referto la 520ª presenza.[243]

L'Inter chiuse il campionato al secondo posto dietro il Milan, conquistando per la decima volta consecutiva l'accesso alla Champions League (nessun'altra squadra italiana è mai riuscita a ottenere, nella storia della competizione, una striscia così lunga di partecipazioni consecutive).[244]

In Champions League i nerazzurri, campioni in carica, vennero eliminati ai quarti di finale a opera dello Schalke 04, a seguito di una sconfitta interna nell'incontro d'andata per 5-2,[245] e di una esterna alla Veltins Arena, per 2-1.[246]

In Coppa Italia, nella gara di ritorno della semifinale, contro la Roma, disputatasi l'11 maggio 2011 (1-1), Zanetti giocò la sua partita numero 1000 in carriera tra campionati (633), coppe nazionali (63), coppe continentali (143), altre coppe (9), Under-23 (12) e Nazionale argentina (145).[15][247][248][249] Il capitano nerazzurro entrò così anche a far parte della top 10 dei giocatori millenari.[15][250][251] Pochi giorni più tardi, il 29 maggio 2011, i nerazzurri conquistarono la loro settima Coppa Italia, battendo il Palermo per 3-1, e si aggiudicarono contestualmente anche la Coppa del 150º anniversario dell'Unità d'Italia, trofeo assegnato unicamente in questa edizione, e sollevato al cielo durante la premiazione finale da Materazzi.[252]

2011-2012: tra Gasperini, Ranieri e Stramaccioni[modifica | modifica wikitesto]
Zanetti durante la stagione 2011-2012

Sotto la guida del nuovo tecnico Gian Piero Gasperini, la stagione nerazzurra si aprì con una sconfitta in supercoppa italiana contro il Milan per 2-1, reti di Sneijder su punizione, Ibrahimovic e Boateng.[253]

In campionato, alla quarta partita ufficiale, il 17 settembre 2011, in Inter-Roma, Zanetti raggiunse Bergomi a quota 756 presenze con la maglia dell'Inter.[254] L'argentino insieme a Bergomi ha disputato in totale 134 partite e ha inoltre vinto la Coppa UEFA 1997-1998.[255] Zanetti è stato titolare in 722 gare rispetto alle 741 di Bergomi, ha giocato la metà in Coppa Italia (64 contro 119) ma quasi sette volte di più in Champions League (98 contro 15) e ha segnato di meno (21 gol contro 28).[256] Di conseguenza, nella partita successiva, quella del 20 settembre contro il Novara, finita 3-1 per i piemontesi, Zanetti superò il record di Bergomi con 757 presenze.[8]

Il 28 settembre Zanetti festeggiò il suo record di presenze con l'Inter con una festa alla Terrazza Martini di Milano dove fu presentato nel 1995.[257][258][259][260] Inoltre il presidente Moratti conferì a Zanetti un incorniciato d'argento del primo documento ufficiale che sanciva l'autorizzazione della FIGC al suo tesseramento, riportante la data del 18 luglio 1995.[257]

Il 10 ottobre, durante la cerimonia di consegna del Golden Foot 2011 nel Principato di Monaco, vinto da Ryan Giggs, venne assegnato all'argentino il premio alla carriera come leggenda del calcio mondiale, con l'onore di lasciare l'impronta dei propri piedi e il suo autografo sulla Champions Promenade.[16]

Il 3 dicembre in Inter-Udinese (0-1), gli viene comminata la sua prima espulsione in Serie A da parte dell'arbitro Andrea Gervasoni per somma di ammonizioni.[261] L'ultima e unica espulsione di Zanetti con la maglia dell'Inter risaliva al 17 febbraio 1999 quando, nella sconfitta interna per 0-2 contro il Parma in semifinale di Coppa Italia,[262] l'arbitro Stefano Braschi, lo espulse al 78'.[263]

Il 6 febbraio venne assegnato a Zanetti dalla Gazzetta dello Sport il premio "I piedi buoni del calcio - Lo sportivo esemplare", come giocatore che si è distinto maggiormente in attività sociali e di beneficenza.[264]

Zanetti giocò anche sotto la guida dei successivi due allenatori stagionali, Claudio Ranieri e Andrea Stramaccioni, e l'11 aprile in occasione di Inter-Siena (2-1), il capitano nerazzurro raggiunse Dino Zoff a quota 570 nella classifica di presenze in Serie A piazzandosi al 3º posto, dietro a Gianluca Pagliuca (592).[265] La squadra chiuse il campionato al sesto posto, qualificandosi per il terzo turno preliminare di Europa League.[266]

In Champions League, il 27 settembre in CSKA Mosca-Inter (2-3), Zanetti stabilì il record di 78 presenze nella competizione con la fascia di capitano, superando Paolo Maldini (77 presenze),[267] mentre il 18 ottobre raggiunse la sua presenza numero 100 in Champions League in occasione di Lille-Inter (0-1).[268] La squadra uscì agli ottavi di finale per mano dell'Olympique de Marseille, qualificatasi in virtù dei gol in trasferta.[269][270]

In Coppa Italia l'Inter, il 25 gennaio allo Stadio San Paolo, venne eliminata dal Napoli dopo una partita finita 2-0.[271]

2012-2013: le 800 presenze con la maglia dell'Inter e l'infortunio[modifica | modifica wikitesto]
Javier Zanetti nell'estate del 2012

L'Inter cominciò la nuova stagione coi turni preliminari di Europa League.[272][273] Il 23 agosto 2012, in casa dei rumeni del Vaslui ai play-off, Zanetti giocò la sua partita numero 800 con la maglia dell'Inter tra Serie A (570), Coppa Italia (66), coppe europee (151) e altre competizioni (13).[274][275] Prima dell'inizio della partita il nuovo team manager ed ex compagno di squadra, Iván Córdoba, gli consegnò una maglia nerazzurra con il numero 800 e inoltre durante la partita indossò al braccio una fascia da capitano celebrativa con la scritta "FC Internazionale-Javier Zanetti 800 storie d'amore insieme".[276][277]

Il 7 ottobre 2012 nel derby contro il Milan, vinto per 1-0, disputò la sua 45º stracittadina, superando Bergomi (a quota 44) e diventando così il nerazzurro con più presenze nel derby cittadino.[278] Qualche settimana più tardi, il 3 novembre, nel suo 38º derby d'Italia contro la Juventus, vinto dall'Inter per 3-1 a Torino, Zanetti ha disputato una delle sue migliori partite, venendo indicato tra i migliori in campo.[279] A fine partita Zanetti ha dedicato la vittoria a Giacinto Facchetti, oltreché alla sua famiglia.[280] Il 12 novembre la Gazzetta dello Sport gli ha conferito il premio Giacinto Facchetti, per il suo impegno nel sociale e per la sua storia d'atleta,[281] mentre il 28 gennaio l'Associazione Italiana Calciatori gli ha conferito il Premio fedeltà e della critica.[282] Il 3 febbraio 2013, nella partita esterna contro il Siena persa dall'Inter per 3-1, raggiunge Gianluca Pagliuca al secondo posto per numero di partite in Serie A (592) e la domenica successiva lo supera[283] Il 10 marzo, nella partita interna persa 1-0 contro il Bologna, conteggiando anche tre spareggi, raggiunge le 600 presenze in massima serie; è l'unico assieme a Paolo Maldini a tagliare questo traguardo.[284] La Serie A, attraverso la sua pagina ufficiale di Facebook, ha omaggiato il capitano nerazzurro per il raggiungimento di questo traguardo, dicendo: «Nei momenti più belli, ma anche in quelli più bui della sua Inter lui c'è sempre stato. Per 600 volte in Serie A TIM è sceso con quella maglia per cui ha sempre dato tutto, lottando fino all'ultimo respiro. Complimenti al capitano Javier Zanetti, bandiera nerazzurra e simbolo di quei valori veri, che ci fanno amare il calcio».[285]

Il 21 aprile, nella partita interna contro il Parma, giocò la sua 1100ª presenza in totale, consolidando la sua quarta posizione tra i giocatori con più presenze in assoluto.[286]

Il 28 aprile 2013, nella partita di campionato persa per 1-0 contro il Palermo, si è procurato la rottura del tendine di Achille del piede sinistro.[287][288] L'ultima volta che Zanetti si era infortunato risaliva al 22 aprile 2012 quando in Fiorentina-Inter si procurò una contrattura al bicipite femorale sinistro, mentre il suo ultimo infortunio di natura non traumatica risaliva al 26 luglio 2000 quando durante Brasile-Argentina si stirò il quadricipite sinistro.[289] È risultato essere perfettamente riuscito l'intervento a cui Zanetti è stato sottoposto il 30 aprile al Policlinico San Matteo di Pavia per mano dell'équipe del professor Franco Benazzo con la supervisione di Franco Combi, dottore dell'Inter; con il recupero del giocatore previsto entro 6 mesi.[290][291] Nonostante questo infortunio lo tenga distante dai campi per un certo periodo, gli è stato rinnovato il contratto di un altro anno.[292]

2013-2014: il ritorno in campo con Mazzarri e il ritiro[modifica | modifica wikitesto]

Nonostante la gravità dell'infortunio a trentanove anni,[293] che ha messo in dubbio la prosecuzione della sua carriera calcistica,[294] Zanetti, a luglio, si presentò negli Stati Uniti d'America, nella tournée dell'Inter.[295] Il 16 ottobre, circa cinque mesi dopo l'infortunio, Zanetti è tornato a lavorare ad aggregarsi al gruppo durante i consueti allenamenti ad Appiano Gentile.[296][297][298]

Ripresosi totalmente dall'infortunio, in occasione del match di campionato tra Udinese e Inter del 3 novembre, l'allenatore dell'Inter, Walter Mazzarri, subentrato a Stramaccioni nel precedente luglio, lo ha inserito nella lista dei convocati dopo 6 mesi e 5 giorni dalla rottura del tendine della gara di Palermo.[299] Il 9 novembre, in occasione della partita tra Inter e Livorno, e finita 2-0 per i nerazzurri, subentrato all'82' al posto di Saphir Taider, ha disputato gli ultimi 10 minuti della gara, tornando in campo 195 giorni dopo l'incidente.[294][300] Scendendo in campo a 40 anni e 91 giorni, è diventato il dodicesimo giocatore più anziano di tutti i tempi in Serie A. A fine partita l'argentino ha dichiarato: "ho lavorato tanto e, subito dopo l’infortunio, mi sono ripromesso di rientrare, per giocare almeno un’altra partita con l'Inter: ci sono riuscito, per questo sono ancora più emozionato. Non è facile rientrare da un infortunio simile a 40 anni e devo ringraziare tutti: dal presidente, ai fisioterapisti, ai tifosi. Il presidente merita gli applausi di stasera, perché ha dato tantissimo all'Inter: con lui c’è sempre stato un rapporto umano, al di là di quello che può esserci fra giocatore e presidente."[300] Pochi giorni più tardi, il 20 novembre, l'argentino ha ricevuto al Teatro Regio di Parma il Premio Sport e Solidarietà, organizzato dall'Unione Veterani dello Sport, per il suo impegno solidale nella Fundación P.U.P.I.[301]

Il 1º dicembre Zanetti è sceso in campo da titolare per la prima volta dopo l'infortunio, con una fascia da capitano recante la scritta "Back to the future".[302] Questa partita coincise con la prima in tribuna per Erick Thohir nelle vesti di presidente dell'Inter.[303] Scendendo in campo a 40 anni e 113 giorni, Zanetti diventa il decimo giocatore più anziano di tutti i tempi in Serie A: supera infatti l'ex compagno di squadra Gianluca Pagliuca e l'ex portiere della nazionale Enrico Albertosi.

In una intervista al quotidiano argentino La Nación, il 6 maggio 2014 ha annunciato l'intenzione di ritirarsi al termine della stagione 2013-2014.[304]

Il 10 maggio gioca l'ultima partita a San Siro nella partita vinta 4-1 contro la Lazio lasciando così l'Inter che ritorna in Europa League.[305]

Il 18 maggio prima dell'inizio della sua ultima apparizione da calciatore viene omaggiato dal presidente del Chievo Verona Luca Campedelli, che ha voluto salutare il capitano nerazzurro con una targa ricordo. Disputa, per tutti e 90 i minuti, l’ultimo incontro della carriera in maglia nerazzurra sul campo dei clivensi, che si aggiudicano il match per 2 a 1.[306][307] L'8 giugno 2014 gioca insieme ad altri suoi ex compagni interisti, in una partita tra vecchie glorie di Inter e Real Madrid, tenutasi allo Stadio Santiago Bernabeu e terminata 2-2.

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Nazionale maggiore[modifica | modifica wikitesto]

Il debutto[modifica | modifica wikitesto]

Dopo la Coppa del mondo negli Stati Uniti, la Nazionale argentina doveva essere completamente ricostruita.[308] Nel novembre del 1994, a seguito delle buone prestazioni con la maglia del Banfield, l'allora commissario tecnico della nazionale argentina, Daniel Passarella, inserì per la prima volta il nome di Zanetti nella lista dei convocati della Selección.[125]

Zanetti debuttò con la Nazionale maggiore a Santiago del Cile il 16 novembre 1994, a 21 anni, in una partita amichevole contro il Cile finita 3-0 per l'Argentina.[308]

I primi tempi: dalla finale di Coppa re Fahd al Mondiale francese[modifica | modifica wikitesto]

Nel gennaio del 1995 venne convocato per la Coppa re Fahd, la seconda edizione del torneo amichevole intitolato all'allora re dell'Arabia Saudita, e che venne poi ulteriormente assorbita dalla FIFA nell'ambito della Confederations Cup.[309] L'Argentina perse in finale per 2-0 contro la Danimarca.[310]

Nell'estate del 1995 Zanetti venne anche convocato per la Copa América in Uruguay.[311] Il 22 giugno, durante un'amichevole di preparazione alla Copa América, Zanetti segnò il suo primo gol con la maglia dell'Argentina, contro la Slovacchia.[312][313] La Nazionale argentina uscì ai quarti di finale contro il Brasile, dopo aver perso ai tiri di rigore.[314]

Tre anni più tardi Zanetti prese parte ai Mondiali 1998 in Francia, debuttando per la prima volta nella competizione mondiale il 14 giugno a Tolosa contro il Giappone (vittoria per 1-0).[315] Agli ottavi di finale la Nazionale argentina incontrò l'Inghilterra, e in questa partita Zanetti segnò il gol del decisivo 2-2, grazie a una punizione che Verón, al posto di calciare in porta, servì a lui che, posizionato davanti alla barriera inglese, riuscì a finalizzare.[316] Nei quarti di finale la Nazionale albiceleste venne eliminata dall'Olanda, che prevalse sui sudamericani per 2-1.[317] Al termine del mondiale francese Zanetti giocò da titolare tutte le sei partite della nazionale argentina,[318] venendo sostituito soltanto durante Argentina-Croazia per precauzione, poiché giocava con un'infiltrazione.[319]

Nel 1999, nonostante il nuovo commissario tecnico Marcelo Bielsa avesse completamente rinnovato il gruppo della Nazionale argentina, Zanetti venne convocato per la Copa América in Paraguay, debuttando il 1º luglio contro l'Ecuador.[320] La partita finì 3-1 per l'Argentina.[321] Nell'incontro successivo, contro la Colombia, l'Argentina perse 3-0 in una partita in cui Zanetti venne espulso.[322][323] L'Argentina uscì dalla competizione nella fase a eliminazione diretta per mano del Brasile.[324][325]

L'affermazione: il mondiale nippo-coreano e le finali di Copa América e di Confederations Cup[modifica | modifica wikitesto]

Tra il 2000 e il 2001 l'Argentina vinse il girone di qualificazione sudamericano per il mondiale 2002, con 43 punti accumulati in 18 partite.[326] Zanetti di quelle diciotto gare ne saltò solamente quattro, per giunta consecutive, tra l'agosto e il novembre del 2000, a causa di un infortunio all'adduttore sinistro.[167][327] Zanetti venne convocato da Bielsa anche per il Mondiale 2002, disputatosi in Corea del Sud e Giappone.[328]

La prima partita del girone mondiale, vinta per 1-0 contro la Nigeria,[329] secondo Zanetti fu vinta grazie alla pazienza, infatti nel dopo-partita dichiarò che «È stata la nostra migliore qualità. Si poteva perdere la testa, invece siamo stati calmi. Prima o poi il gol sarebbe arrivato».[329] Il 7 giugno l'albiceleste dovette affrontare l'Inghilterra, a quattro anni di distanza dallo scontro nel precedente mondiale.[330] A seguito della sconfitta per 1-0 contro l'Inghilterra e il pareggio per 1-1 contro la Svezia, con Bielsa che rivoluzionò quasi interamente tutta la squadra lasciando tuttavia in campo Zanetti,[331] l'Argentina venne eliminata dal campionato mondiale.[332]

Bielsa continuò a far giocare Zanetti, facendogli indossare ufficialmente per la prima volta la fascia di capitano della Nazionale il 7 giugno 2003, in una partita di Kirin Cup contro il Giappone, dove segnò anche una rete.[333] In realtà la prima volta in cui l'argentino capitanò la sua Nazionale fu il 23 maggio 2002, nel test amichevole nella preparazione al mondiale nippo-coreano contro il Kashima Antlers.[334] Anche tre giorni dopo Zanetti fu il capitano della Nazionale, nella vittoria per 1-0 contro la Corea del Sud.[335]

Zanetti venne convocato da Bielsa anche per la Copa América 2004 in Perù, in una Nazionale formata quasi esclusivamente da giocatori di esperienza, con solo pochi innesti sperimentali.[336][337] La nazionale celeste perse la competizione in finale contro il Brasile, ai tiri di rigore (4-2 il finale).[338]

Anche il nuovo successivo CT José Pekerman cominciò a convocare Zanetti per le gare di qualificazione al campionato mondiale 2006,[339] e il difensore, il 9 ottobre, nella prima partita di Pekerman da allenatore dell'Argentina, segnò un gol contro l'Uruguay.[340]

Ayala e Zanetti nel 2007

Perkeman, nel 2005, convocò Zanetti anche per la Confederations Cup, debuttando il 15 giugno a Colonia, nella vittoria per 2-1 contro la Tunisia.[341] La squadra arrivò fino alla finale del 29 giugno a Francoforte, contro il Brasile, che vinse per 4-1 nonostante Zanetti fosse stato tra i migliori in campo.[342]

Nonostante Zanetti con Pekerman avesse giocato quasi tutte le gare di qualificazione al Mondiale del 2006 e tutte quelle di Confederations Cup, venne escluso a sorpresa dall'elenco dei 23 convocati per il campionato mondiale in Germania.[343] Pekerman non spiegò a Zanetti perché non venne convocato, infatti a pochi giorni dall'inizio del Mondiale tedesco il difensore dichiarò: «Pekerman mi ha comunicato, poco prima di diramare le convocazioni, che non avrei fatto parte del gruppo. Non mi ha dato motivazioni, non so se ci sono motivi calcistici o extra-calcistici. Sicuramente posso dormire tranquillo perché ho dato tantissimo per la mia Nazionale e, anche in questo momento, mi sento un giocatore dell'Argentina. Certamente non sono un giocatore da Pekerman».[344] La Nazionale argentina uscì ai quarti battuta dai padroni di casa della Germania, grazie ai tiri dal dischetto.[345] Subito dopo quella partita Pekerman rassegnò le dimissioni, finendo così il suo ciclo.[346]

Il ritorno: un'altra finale di Copa América e il fallimento casalingo[modifica | modifica wikitesto]
Javier Zanetti nel 2009

Sotto la guida di Alfio Basile, Zanetti tornò fra i convocati dell'incontro amichevole contro la Francia, che l'Argentina vinse 1-0.[347]

Con Basile l'argentino partecipò alla Copa América in Venezuela. Nella terza partita del girone, con la squadra già aritmeticamente qualificata alla fase finale, nella partita contro il Paraguay vinta per 1-0, Zanetti, vista la mancanza del capitano dell'albiceleste Ayala, giocò la partita con la fascia al braccio.[348] La Selección venne eliminata in finale, a Maracaibo, ancora dal Brasile, che s'impose per 2-1.[349]

Subito dopo la finale con il Brasile, il capitano dell'Argentina Ayala annunciò il ritiro dalla Nazionale.[350] La fascia di capitano, così, venne ereditata da Zanetti, e Basile commentò così la sua scelta: «Sarà Javier Zanetti il capitano dell'Albiceleste. Non ho mai avuto dubbi: ha grande esperienza e ascendenza sui più giovani».[351] Il 17 novembre 2007, scendendo in campo nella partita contro la Bolivia valida per le qualificazioni al mondiale 2010, Zanetti timbrò la sua 116ª presenza con la maglia dell'Argentina, superando il record di partite giocate per la Nazionale albiceleste appartenuto fino ad allora proprio ad Ayala.[12]

Già fin dalla prima partita sotto la guida di Diego Armando Maradona, il 19 novembre 2008 in occasione della partita Scozia-Argentina, finita 1-0 per i sudamericani, Zanetti cedette la fascia di capitano a Javier Mascherano, in quanto Maradona lo riteneva più vicino al suo ideale di Nazionale.[352]

Nonostante il buon rapporto di Zanetti con Maradona,[353] a distanza di quattro anni, venne ancora escluso dall'elenco dei 23 convocati per il campionato mondiale 2010 in Sudafrica, sebbene poco prima di ufficializzare la lista Maradona disse che sia lui che Cambiasso, appena vincitori della Champions League con l'Inter, avevano ancora speranza di essere inclusi.[354] L'Argentina di Maradona venne eliminata ai quarti di finale con un 4-0 dalla Germania.[355]

Zanetti con la maglia albiceleste nel 2011

Il nuovo CT Sergio Batista riconvocò Zanetti, che tornò in Nazionale il 7 settembre 2010, nell'amichevole vinta 4-1 contro la Spagna, appena vincitrice del campionato del mondo.[356][357]

Il 1º giugno 2011 Zanetti venne inserito da Batista nella lista dei 26 pre-convocati in vista della Copa América casalinga di luglio,[358] venendo successivamente confermato nella lista dei 23 giocatori,[359] partecipando così alla sua quarta Copa América.[360] La squadra venne eliminata nei quarti di rigore dall'Uruguay, dopo il pareggio per 1-1.[361] Zanetti in quell'occasione disputò la 22ª presenza in Copa América, diventando il calciatore argentino con più presenze nella competizione sudamericana, staccando i connazionali José Salomón e Oscar Ruggeri.[362]

Dopo l'eliminazione con l'Uruguay, Batista venne sostituito da Alejandro Sabella come commissario tecnico della nazionale argentina,[363] che ha successivamente definito Zanetti come un "simbolo nel mondo"[364] e infine come un "orgoglio nazionale".[365]

Nazionale olimpica[modifica | modifica wikitesto]

Tra il 1995 e il 1996, Zanetti, oltreché giocare partite con la Nazionale maggiore, ne disputò qualcuna anche con la selezione olimpica, ovvero la Nazionale Under-23.[366]

Nel 2004 ebbe l'occasione di giocare nuovamente il torneo olimpico, che poi l'Argentina vinse, ma rifiutò la convocazione per allenarsi con l'Inter.[367]

L'oro panamericano a Mar del Plata[modifica | modifica wikitesto]

Nel marzo del 1995, a Mar del Plata, in Argentina, si disputò la XII edizione dei Giochi panamericani, i giochi che vedono in competizione atleti dei paesi del continente americano.[368] Nel calcio, la Nazionale olimpica argentina arrivò fino alla finale contro il Messico, vincendo ai rigori.[369] L'Argentina conquistò per la quarta volta l'oro panamericano, con Zanetti che disputò tutte le partite della competizione.[369]

L'argento olimpico ad Atlanta[modifica | modifica wikitesto]

Tra il luglio e l'agosto del 1996 ad Atlanta si svolse la XXVI edizione dei Giochi olimpici, e venne disputato il ventiduesimo torneo olimpico di calcio.[366] La Nazionale olimpica argentina, sempre guidata dal commissario tecnico della Nazionale maggiore Passarella, fu formata da calciatori giovani, ma con esperienza, e che poi diventeranno titolari della Nazionale maggiore negli anni successivi, come ad esempio Zanetti, che ha poi dichiarato che i Giochi olimpici di Atlanta furono la sua più grande avventura con la maglia dell'Argentina, dopo il debutto in Nazionale A con il Cile.[366] Il 3 agosto, ad Athens, si disputò la finale del XXVI torneo olimpico fra Argentina e Nigeria, vinta dagli africani per 3-2.[370] La Nazionale argentina conquistò quindi la medaglia d'argento, la prima dopo quella ad Amsterdam del 1928.[366]

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche aggiornate al 18 maggio 2014.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
1992-1993 Argentina Talleres PB 33 1 - - - - - - - - - 33 1
Totale Talleres[371] 33 1 - - - - - - 33 1
1993-1994 Argentina Banfield A+C 19+18 1+0 - - - - - - - - - 37 1
1994-1995 A+C 19+10 2+1 - - - - - - - - - 29 3
Totale Banfield[371] 66 4 - - - - - - 66 4
1995-1996 Italia Inter A 32 2 CI 5 0 CU 2 0 - - - 39 2
1996-1997 A 33 3 CI 5 1 CU 12 0 - - - 50 4
1997-1998 A 28 0 CI 4 0 CU 9 2 - - - 41 2
1998-1999 A 34+2[372] 3+0 CI 5 0 UCL 9 1 - - - 50 4
1999-2000 A 34+1[373] 1+0 CI 8 1 - - - - - - 43 2
2000-2001 A 29 0 CI 1 0 CU 4 0 - - - 34 0
2001-2002 A 33 0 CI 1 1 CU 10 1 - - - 44 2
2002-2003 A 34 1 CI 1 0 UCL 18 0 - - - 53 1
2003-2004 A 34 0 CI 5 0 UCL+CU 6+6 0 - - - 51 0
2004-2005 A 35 0 CI 3 0 UCL 11 0 - - - 49 0
2005-2006 A 25 0 CI 5 0 UCL 8 0 SI 1 0 39 0
2006-2007 A 37 1 CI 4 0 UCL 8 0 SI 1 0 50 1
2007-2008 A 38 1 CI 4 0 UCL 8 0 SI 1 0 51 1
2008-2009 A 38 0 CI 4 0 UCL 8 0 SI 1 0 51 0
2009-2010 A 37 0 CI 4 0 UCL 13 0 SI 1 0 55 0
2010-2011 A 35 0 CI 5 0 UCL 8 1 SI+SU+Cmc 1+1+2 0+0+1 52 2
2011-2012 A 34 0 CI 2 0 UCL 8 0 SI 1 0 45 0
2012-2013 A 33 0 CI 4 0 UEL 11[374] 0 - - - 48 0
2013-2014 A 12 0 CI 1 0 - - - - - - 13 0
Totale Inter 615+3 12 71 3 159 5 10 1 858 21
Totale carriera 714+3 17 71 3 159 5 10 1 957 26

Cronologia presenze e reti in Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Vanta 145 presenze in Nazionale, di cui 25 da capitano.[13] Ha segnato 5 reti: 2 in amichevole, una in Kirin Cup, una ai Mondiali e una alle qualificazioni ai Mondiali.[13]

A ciò vanno aggiunte 12 presenze nell'Argentina Olimpica.[13]

Cronologia completa delle presenze e delle reti in Nazionale - Argentina Argentina
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
16-11-1994 Santiago del Cile Cile Cile 0 – 3 Argentina Argentina Amichevole -
21-12-1994 Buenos Aires Argentina Argentina 1 – 0 Romania Romania Amichevole - [375]
27-12-1994 Buenos Aires Argentina Argentina 1 – 0 Jugoslavia Jugoslavia Amichevole -
8-1-1995 Riyadh Argentina Argentina 5 – 1 Giappone Giappone Conf. Cup 1995 - 1º turno -
10-1-1995 Riyadh Nigeria Nigeria 0 – 0 Argentina Argentina Conf. Cup 1995 - 1º turno -
13-1-1995 Riyadh Danimarca Danimarca 2 – 0 Argentina Argentina Conf. Cup 1995 - Finale - Ammonizione al 30’ 30’
14-2-1995 Mendoza Argentina Argentina 4 – 1 Bulgaria Bulgaria Amichevole -
13-5-1995 Johannesburg Sudafrica Sudafrica 1 – 1 Argentina Argentina Mandela Cup -
31-5-1995 Cordoba Argentina Argentina 1 – 0 Perù Perù Copa Municipalidad de Córdoba[376][377] -
14-6-1995 Rosario Argentina Argentina 2 – 1 Paraguay Paraguay Amichevole - [378]
22-6-1995 Mendoza Argentina Argentina 6 – 0 Slovacchia Slovacchia Amichevole 1 [379]
30-6-1995 Quilmes Argentina Argentina 2 – 0 Australia Australia Copa Provincia de Buenos Aires[380] -
8-7-1995 Paysandú Argentina Argentina 2 – 1 Bolivia Bolivia Coppa America 1995 - 1º turno -
11-7-1995 Paysandú Argentina Argentina 4 – 0 Cile Cile Coppa America 1995 - 1º turno -
17-7-1995 Rivera Argentina Argentina 2 – 2 dts
(2-4 dcr)
Brasile Brasile Coppa America 1995 - Quarti -
20-9-1995 Madrid Spagna Spagna 2 – 1 Argentina Argentina Amichevole -
11-10-1995 Buenos Aires Argentina Argentina 0 – 0 Colombia Colombia Amichevole -
8-11-1995 Buenos Aires Argentina Argentina 0 – 1 Brasile Brasile Copa 50imo Aniversario de Clarín[381] -
24-4-1996 Buenos Aires Argentina Argentina 3 – 1 Bolivia Bolivia Qual. Mondiali 1998 -
2-6-1996 Quito Ecuador Ecuador 2 – 0 Argentina Argentina Qual. Mondiali 1998 -
20-6-1996 Tucumán Argentina Argentina 2 – 0 Polonia Polonia Amichevole - [382]
7-7-1996 Lima Perù Perù 0 – 0 Argentina Argentina Qual. Mondiali 1998 -
1-9-1996 Buenos Aires Argentina Argentina 1 – 1 Paraguay Paraguay Qual. Mondiali 1998 - Uscita al 86’ 86’
15-12-1996 Buenos Aires Argentina Argentina 1 – 1 Cile Cile Qual. Mondiali 1998 -
6-7-1997 Asunción Paraguay Paraguay 1 – 2 Argentina Argentina Qual. Mondiali 1998 - Ingresso al 51’ 51’
20-7-1997 Buenos Aires Argentina Argentina 2 – 0 Venezuela Venezuela Qual. Mondiali 1998 -
10-9-1997 Santiago del Cile Cile Cile 1 – 2 Argentina Argentina Qual. Mondiali 1998 - Ingresso al 86’ 86’
12-10-1997 Buenos Aires Argentina Argentina 0 – 0 Uruguay Uruguay Qual. Mondiali 1998 - Uscita al 63’ 63’
29-4-1998 Rio de Janeiro Brasile Brasile 0 – 1 Argentina Argentina Amichevole -
14-5-1998 Cordoba Argentina Argentina 5 – 0 Bosnia ed Erzegovina Bosnia ed Erzegovina Amichevole 1
19-5-1998 Mendoza Argentina Argentina 1 – 0 Cile Cile Amichevole -
25-5-1998 Buenos Aires Argentina Argentina 2 – 0 Sudafrica Sudafrica Amichevole -
14-6-1998 Tolosa Argentina Argentina 1 – 0 Giappone Giappone Mondiali 1998 - 1º turno -
21-6-1998 Parigi Argentina Argentina 5 – 0 Giamaica Giamaica Mondiali 1998 - 1º turno -
26-6-1998 Bordeaux Argentina Argentina 1 – 0 Croazia Croazia Mondiali 1998 - 1º turno - Uscita al 67’ 67’
30-6-1998 Saint-Etienne Argentina Argentina 2 – 2 dts
(4-3 dcr)
Inghilterra Inghilterra Mondiali 1998 - Ottavi 1
4-7-1998 Marsiglia Paesi Bassi Paesi Bassi 2 – 1 Argentina Argentina Mondiali 1998 - Quarti -
31-3-1999 Amsterdam Paesi Bassi Paesi Bassi 1 – 1 Argentina Argentina Amichevole -
9-6-1999 Chicago Messico Messico 2 – 2 Argentina Argentina Amichevole -
13-6-1999 Washington D.C. Stati Uniti Stati Uniti 1 – 0 Argentina Argentina Amichevole -
26-6-1999 Buenos Aires Argentina Argentina 0 – 0 Lituania Lituania Amichevole -
1-7-1999 Luque Argentina Argentina 3 – 1 Ecuador Ecuador Coppa America 1999 - 1º turno -
4-7-1999 Luque Argentina Argentina 0 – 3 Colombia Colombia Coppa America 1999 - 1º turno - Red card.svg 68’
11-7-1999 Ciudad del Este Brasile Brasile 2 – 1 Argentina Argentina Coppa America 1999 - Quarti -
4-9-1999 Buenos Aires Argentina Argentina 2 – 0 Brasile Brasile Copa Zero Hora[383] -
7-9-1999 Porto Alegre Brasile Brasile 4 – 2 Argentina Argentina Copa Zero Hora[383] -
13-10-1999 Cordoba Argentina Argentina 2 – 0 Colombia Colombia Amichevole -
17-11-1999 Siviglia Spagna Spagna 0 – 2 Argentina Argentina Amichevole -
23-2-2000 Londra Inghilterra Inghilterra 0 – 0 Argentina Argentina Amichevole -
29-3-2000 Buenos Aires Argentina Argentina 4 – 1 Cile Cile Qual. Mondiali 2002 -
26-4-2000 Maracaibo Venezuela Venezuela 0 – 4 Argentina Argentina Qual. Mondiali 2002 - Ammonizione al 66’ 66’
4-6-2000 Buenos Aires Argentina Argentina 1 – 0 Bolivia Bolivia Qual. Mondiali 2002 - Uscita al 72’ 72’
29-6-2000 Bogotà Colombia Colombia 1 – 3 Argentina Argentina Qual. Mondiali 2002 -
19-7-2000 Buenos Aires Argentina Argentina 2 – 0 Ecuador Ecuador Qual. Mondiali 2002 -
26-7-2000 San Paolo del Brasile Brasile Brasile 3 – 1 Argentina Argentina Qual. Mondiali 2002 - Uscita al 38’ 38’
28-2-2001 Roma Italia Italia 1 – 2 Argentina Argentina Amichevole -
28-3-2001 Buenos Aires Argentina Argentina 5 – 0 Venezuela Venezuela Qual. Mondiali 2002 - Ingresso al 62’ 62’
25-4-2001 La Paz Bolivia Bolivia 3 – 3 Argentina Argentina Qual. Mondiali 2002 - Uscita al 60’ 60’
3-6-2001 Buenos Aires Argentina Argentina 3 – 0 Colombia Colombia Qual. Mondiali 2002 -
15-8-2001 Quito Ecuador Ecuador 0 – 2 Argentina Argentina Qual. Mondiali 2002 -
5-9-2001 Buenos Aires Argentina Argentina 2 – 1 Brasile Brasile Qual. Mondiali 2002 -
7-10-2001 Asunción Paraguay Paraguay 2 – 2 Argentina Argentina Qual. Mondiali 2002 -
8-11-2001 Buenos Aires Argentina Argentina 2 – 0 Perù Perù Qual. Mondiali 2002 -
14-11-2001 Montevideo Uruguay Uruguay 1 – 1 Argentina Argentina Qual. Mondiali 2002 -
27-3-2002 Ginevra Argentina Argentina 2 – 2 Camerun Camerun Amichevole - Uscita al 46’ 46’
17-4-2002 Stoccarda Germania Germania 0 – 1 Argentina Argentina Amichevole -
2-6-2002 Ibaraki Argentina Argentina 1 – 0 Nigeria Nigeria Mondiali 2002 - 1º turno -
7-6-2002 Sapporo Argentina Argentina 0 – 1 Inghilterra Inghilterra Mondiali 2002 - 1º turno -
12-6-2002 Miyagi Svezia Svezia 1 – 1 Argentina Argentina Mondiali 2002 - 1º turno -
20-11-2002 Saitama Giappone Giappone 0 – 2 Argentina Argentina Amichevole -
12-2-2003 Amsterdam Paesi Bassi Paesi Bassi 1 – 0 Argentina Argentina Amichevole -
8-6-2003 Osaka Giappone Giappone 1 – 4 Argentina Argentina Kirin Cup 1 cap.
11-6-2003 Seul Corea del Sud Corea del Sud 0 – 1 Argentina Argentina Amichevole - cap.
20-8-2003 Firenze Argentina Argentina 3 – 2 Uruguay Uruguay Amichevole -
6-9-2003 Buenos Aires Argentina Argentina 2 – 2 Cile Cile Qual. Mondiali 2006 -
9-9-2003 Caracas Venezuela Venezuela 0 – 3 Argentina Argentina Qual. Mondiali 2006 -
15-11-2003 Buenos Aires Argentina Argentina 3 – 0 Bolivia Bolivia Qual. Mondiali 2006 -
19-11-2003 Barranquilla Colombia Colombia 1 – 1 Argentina Argentina Qual. Mondiali 2006 -
28-4-2004 Casablanca Marocco Marocco 0 – 1 Argentina Argentina Amichevole -
2-6-2004 Belo Horizonte Brasile Brasile 3 – 1 Argentina Argentina Qual. Mondiali 2006 - cap.
Ammonizione al 81’ 81’
27-6-2004 Miami Argentina Argentina 0 – 2 Colombia Colombia Amichevole - Ammonizione al 20’ 20’
30-6-2004 East Rutherford Argentina Argentina 2 – 1 Perù Perù Amichevole -
7-7-2004 Chiclayo Argentina Argentina 6 – 1 Ecuador Ecuador Coppa America 2004 - 1º turno -
10-7-2004 Chiclayo Argentina Argentina 0 – 1 Messico Messico Coppa America 2004 - 1º turno - Ammonizione al 45’ 45’
13-7-2004 Piura Argentina Argentina 4 – 1 Uruguay Uruguay Coppa America 2004 - 1º turno -
17-7-2004 Chiclayo Perù Perù 0 – 1 Argentina Argentina Coppa America 2004 - Quarti -
20-7-2004 Lima Argentina Argentina 3 – 0 Colombia Colombia Coppa America 2004 - Semifinale - cap.
25-7-2004 Lima Argentina Argentina 2 – 2 dts
(2-4 dcr)
Brasile Brasile Coppa America 2004 - Finale - Coppa America calcio.svg 2º Posto
4-9-2004 Lima Perù Perù 1 – 3 Argentina Argentina Qual. Mondiali 2006 - cap.
9-10-2004 Buenos Aires Argentina Argentina 4 – 2 Uruguay Uruguay Qual. Mondiali 2006 1
13-10-2004 Santiago del Cile Cile Cile 0 – 0 Argentina Argentina Qual. Mondiali 2006 -
17-11-2004 Buenos Aires Argentina Argentina 3 – 2 Venezuela Venezuela Qual. Mondiali 2006 - Ammonizione al 75’ 75’
9-2-2005 Düsseldorf Germania Germania 2 – 2 Argentina Argentina Amichevole -
30-3-2005 Buenos Aires Argentina Argentina 1 – 0 Colombia Colombia Qual. Mondiali 2006 -
4-6-2005 Quito Ecuador Ecuador 2 – 0 Argentina Argentina Qual. Mondiali 2006 - cap.
8-6-2005 Buenos Aires Argentina Argentina 3 – 1 Brasile Brasile Qual. Mondiali 2006 - Ingresso al 71’ 71’
15-6-2005 Colonia Argentina Argentina 2 – 1 Tunisia Tunisia Conf. Cup 2005 - 1º turno - cap.
Ingresso al 79’ 79’
18-6-2005 Norimberga Australia Australia 2 – 4 Argentina Argentina Conf. Cup 2005 - 1º turno -
21-6-2005 Norimberga Argentina Argentina 2 – 2 Germania Germania Conf. Cup 2005 - 1º turno -
26-6-2005 Hannover Messico Messico 1 – 1 dts
(5-6 dcr)
Argentina Argentina Conf. Cup 2005 - Semifinale -
29-6-2005 Francoforte Brasile Brasile 4 – 1 Argentina Argentina Conf. Cup 2005 - Finale - 2º Posto
12-11-2005 Ginevra Argentina Argentina 2 – 3 Inghilterra Inghilterra Amichevole -
7-2-2007 Parigi Francia Francia 0 – 1 Argentina Argentina Amichevole -
2-6-2007 Basilea Svizzera Svizzera 1 – 1 Argentina Argentina Amichevole -
5-6-2007 Barcellona Argentina Argentina 4 – 3 Algeria Algeria Amichevole -
28-6-2007 Maracaibo Argentina Argentina 4 – 1 Stati Uniti Stati Uniti Coppa America 2007 - 1º turno -
2-7-2007 Maracaibo Argentina Argentina 4 – 2 Colombia Colombia Coppa America 2007 - 1º turno -
5-7-2007 Barquisimeto Argentina Argentina 1 – 0 Paraguay Paraguay Coppa America 2007 - 1º turno - cap.
8-7-2007 Barquisimeto Argentina Argentina 4 – 0 Perù Perù Coppa America 2007 - Quarti -
11-7-2007 Puerto Ordaz Messico Messico 0 – 3 Argentina Argentina Coppa America 2007 - Semifinale -
15-7-2007 Maracaibo Brasile Brasile 3 – 0 Argentina Argentina Coppa America 2007 - Finale - Coppa America calcio.svg 2º Posto
22-8-2007 Oslo Norvegia Norvegia 2 – 1 Argentina Argentina Amichevole - cap.
11-9-2007 Melbourne Australia Australia 0 – 1 Argentina Argentina Amichevole - cap.
13-10-2007 Buenos Aires Argentina Argentina 2 – 0 Cile Cile Qual. Mondiali 2010 - cap.
16-10-2007 Maracaibo Venezuela Venezuela 0 – 2 Argentina Argentina Qual. Mondiali 2010 - cap.
17-11-2007 Buenos Aires Argentina Argentina 3 – 0 Bolivia Bolivia Qual. Mondiali 2010 - cap.
20-11-2007 Bogotà Colombia Colombia 2 – 1 Argentina Argentina Qual. Mondiali 2010 - cap.
26-3-2008 Il Cairo Egitto Egitto 0 – 2 Argentina Argentina Amichevole - cap.
4-6-2008 San Diego Argentina Argentina 4 – 1 Messico Messico Amichevole - cap.
8-6-2008 San Diego Stati Uniti Stati Uniti 0 – 0 Argentina Argentina Amichevole - cap.
Ingresso al 77’ 77’
15-6-2008 Buenos Aires Argentina Argentina 1 – 1 Ecuador Ecuador Qual. Mondiali 2010 - cap.
18-6-2008 Belo Horizonte Brasile Brasile 0 – 0 Argentina Argentina Qual. Mondiali 2010 - cap.
20-8-2008 Minsk Bielorussia Bielorussia 0 – 0 Argentina Argentina Amichevole - cap.
6-9-2008 Buenos Aires Argentina Argentina 1 – 1 Paraguay Paraguay Qual. Mondiali 2010 - cap.
10-9-2008 Lima Perù Perù 1 – 1 Argentina Argentina Qual. Mondiali 2010 - cap.
11-10-2008 Buenos Aires Argentina Argentina 2 – 1 Uruguay Uruguay Qual. Mondiali 2010 - cap.
15-10-2008 Santiago del Cile Cile Cile 1 – 0 Argentina Argentina Qual. Mondiali 2010 - cap.
Ammonizione al 72’ 72’
19-11-2008 Glasgow Scozia Scozia 0 – 1 Argentina Argentina Amichevole -
11-2-2009 Marsiglia Francia Francia 0 – 2 Argentina Argentina Amichevole -
28-3-2009 Buenos Aires Argentina Argentina 4 – 0 Venezuela Venezuela Qual. Mondiali 2010 -
1-4-2009 La Paz Bolivia Bolivia 6 – 1 Argentina Argentina Qual. Mondiali 2010 -
6-6-2009 Buenos Aires Argentina Argentina 1 – 0 Colombia Colombia Qual. Mondiali 2010 - Ingresso al 46’ 46’
10-6-2009 Quito Ecuador Ecuador 2 – 0 Argentina Argentina Qual. Mondiali 2010 - cap. dall'82'[384]
12-8-2009 Mosca Russia Russia 2 – 3 Argentina Argentina Amichevole -
5-9-2009 Rosario Argentina Argentina 1 – 3 Brasile Brasile Qual. Mondiali 2010 -
9-9-2009 Asunción Paraguay Paraguay 1 – 0 Argentina Argentina Qual. Mondiali 2010 -
7-9-2010 Buenos Aires Argentina Argentina 4 – 1 Spagna Spagna Amichevole -
17-11-2010 Doha Argentina Argentina 1 – 0 Brasile Brasile Amichevole -
9-2-2011 Ginevra Portogallo Portogallo 1 – 2 Argentina Argentina Amichevole - Uscita al 61’ 61’
27-3-2011 East Rutherford Stati Uniti Stati Uniti 1 – 1 Argentina Argentina Amichevole -
20-6-2011 Buenos Aires Argentina Argentina 4 – 0 Albania Albania Amichevole -
1-7-2011 La Plata Argentina Argentina 1 – 1 Bolivia Bolivia Coppa America 2011 - 1º turno -
6-7-2011 Santa Fe Argentina Argentina 0 – 0 Colombia Colombia Coppa America 2011 - 1º turno -
11-7-2011 Córdoba Argentina Argentina 3 – 0 Costa Rica Costa Rica Coppa America 2011 - 1º turno - Ammonizione al 37’ 37’
16-7-2011 Santa Fe Argentina Argentina 1 – 1
(4-5 dcr)
Uruguay Uruguay Coppa America 2011 - Quarti -
Totale Presenze (1º posto) 145 Reti 5
Cronologia completa delle presenze e delle reti in Nazionale (partite non ufficiali) - Argentina Argentina
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
14-11-1999 Barcellona Espanyol Espanyol 2 – 0 Argentina Argentina Amichevole[385] - Ingresso al 61’ 61’
10-11-2001 Buenos Aires Argentina Argentina 6 – 3 Flag of the United Nations.svg Resto del Mondo Amichevole[386] - Uscita al 46’ 46’
23-5-2002 Naraha Kashima Antlers Kashima Antlers 1 – 5 Argentina Argentina Amichevole[387] - cap.
Uscita al 46’ 46’
Totale Presenze 3 Reti 0
Cronologia completa delle presenze e delle reti in Nazionale - Argentina Argentina Olimpica
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
12-3-1995 Mar del Plata Argentina Argentina olimpica 3 – 0 Stati Uniti Stati Uniti olimpica Giochi Panamericani 1995 - 1º turno -
14-3-1995 Mar del Plata Argentina Argentina olimpica 2 – 2 Honduras Honduras olimpica Giochi Panamericani 1995 - 1º turno -
16-3-1995 Mar del Plata Argentina Argentina olimpica 1 – 0 Paraguay Paraguay olimpica Giochi Panamericani 1995 - 1º turno -
18-3-1995 Mar del Plata Argentina Argentina olimpica 1 – 0 Cile Cile olimpica Giochi Panamericani 1995 - Quarti -
21-3-1995 Mar del Plata Argentina Argentina olimpica 3 – 2 Honduras Honduras olimpica Giochi Panamericani 1995 - Semifinale -
24-3-1995 Mar del Plata Argentina Argentina olimpica 0 – 0 d.t.r.
(5 - 4 d.c.r.)
Messico Messico olimpica Giochi Panamericani 1995 - Finale - Gold medal america.svg Oro panamericano
20-7-1996 Birmingham Stati Uniti Stati Uniti olimpica 1 – 3 Argentina Argentina olimpica Olimpiadi 1996 - 1º turno -
22-7-1996 Washington Argentina Argentina olimpica 1 – 1 Portogallo Portogallo olimpica Olimpiadi 1996 - 1º turno -
24-7-1996 Birmingham Argentina Argentina olimpica 1 – 1 Tunisia Tunisia olimpica Olimpiadi 1996 - 1º turno -
27-7-1996 Birmingham Argentina Argentina olimpica 4 – 0 Spagna Spagna olimpica Olimpiadi 1996 - Quarti -
30-7-1996 Athens Argentina Argentina olimpica 2 – 0 Portogallo Portogallo olimpica Olimpiadi 1996 - Semifinale -
3-8-1996 Athens Nigeria Nigeria olimpica 3 – 2 Argentina Argentina olimpica Olimpiadi 1996 - Finale - Silver medal.svg Argento olimpico
Totale Presenze 12 Reti 0
Cronologia completa delle presenze e delle reti in Nazionale (partite non ufficiali) - Argentina Argentina Olimpica
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
2-3-1995 Mar del Plata Argentina Argentina olimpica 3 – 0 Paraguay Paraguay olimpica Copa Mercosur - Semifinale[388][389] -
Totale Presenze 1 Reti 0

Record[modifica | modifica wikitesto]

Record aggiornati al 18 maggio 2014.

Durante la sua carriera Zanetti è riuscito a battere diversi record:

Nell'Inter[modifica | modifica wikitesto]

  • Giocatore con più presenze, 858.[399]
  • Giocatore con più presenze in Serie A, 615, più 3 spareggi.[399]
  • Giocatore con più presenze in Supercoppa Italiana, 7.[399]
  • Giocatore con più presenze nelle Competizioni UEFA per club, 160.[399][400]
  • Giocatore con più presenze in UEFA Champions League, 97 più 8 nei preliminari.
  • Giocatore di movimento e secondo in assoluto con più presenze consecutive in Serie A, 137 gare da Milan-Inter 3-4 del 28 ottobre 2006 a Roma-Inter 2-1 del 28 marzo 2010, secondo solo a Gianluca Pagliuca che ne colleziono 162 tra il 1994 e il 1999.[10][401]
  • Giocatore con più presenze consecutive tra Serie A e Champions League,167 gare da Milan-Inter 3-4 del 28 ottobre 2006 ad Inter-Cska Mosca del 31 marzo 2010.[402]
  • Giocatore con più presenze nei derby di Milano, 47.[278]
  • Marcatore più anziano della UEFA Champions League, in Inter-Tottenham 4-3, a 37 anni e 71 giorni.[238]
  • Marcatore più anziano della Coppa del mondo per club FIFA, in Seongnam-Inter 0-3, a 37 anni e 127 giorni.[398]
  • Giocatore con più stagioni da capitano, 15.[403]
  • Giocatore più vincente della storia dell'Inter, con 16 trofei conquistati: 5 Campionati italiani, 4 Coppe Italia, 4 Supercoppe italiane, 1 Champions League, 1 Coppa UEFA e 1 Coppa del mondo per club.[404]
  • Capitano più vincente della storia dell'Inter, con 15 trofei conquistati: 5 Campionati italiani, 4 Coppe Italia, 4 Supercoppe italiane, 1 Champions League e 1 Coppa del mondo per club.[405]

Nella nazionale argentina[modifica | modifica wikitesto]

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Individuale[modifica | modifica wikitesto]

Serie A 2001-2002[172]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ http://www.transfermarkt.it/javier-zanetti/profil/spieler/1161
  2. ^ a b Javier Zanetti, Inter.it. URL consultato il 7 maggio 2012.
  3. ^ 618 (12) se si comprendono gli spareggi delle stagioni 1998-1999 e 1999-2000.
  4. ^ 13 (0) se si comprendono le amichevoli non ufficiali con la Nazionale Olimpica argentina.
  5. ^ 148 (5) se si comprendono le amichevoli non ufficiali con la Nazionale argentina.
  6. ^ Inter, Zanetti: "E' arrivato il momento di lasciare. Ma sarò utile fuori dal campo", gazzetta.it, 6 maggio 2014. URL consultato il 19 maggio 2014.
  7. ^ (EN) Zanetti reaches remarkable milestone in Fifa.com, 11 maggio 2011. URL consultato il 5 luglio 2012.
  8. ^ a b c Zanetti 757: record assoluto, superato Bergomi in Inter.it (Milano), 20 settembre 2011. URL consultato il 19 maggio 2012.
  9. ^ Zanetti Javier - Statistiche, Inter.it. URL consultato il 13 dicembre 2012.
  10. ^ a b c Alessio Nannini, Javier Zanetti e il primato delle partite consecutive in Terranews.it, 5 aprile 2010. URL consultato il 25 febbraio 2012.
  11. ^ Carmelo Bruno, Zanetti fa 757: Inter in festa, 29 settembre 2011. URL consultato il 25 febbraio 2012.
  12. ^ a b Argentina: Zanetti entra nella storia in Inter.it (Buenos Aires), 17 novembre 2007. URL consultato il 25 febbraio 2012.
  13. ^ a b c d e (EN) Javier Zanetti statistics, Fifa.com. URL consultato il 4 luglio 2012.
  14. ^ a b Facchetti e J. Zanetti al Gala FIFA 100 in Inter.it (Milano), 4 marzo 2004. URL consultato il 25 febbraio 2012.
  15. ^ a b c d Andrea Elefante, 1000 L'infinito di Zanetti in La Gazzetta dello Sport, 10 maggio 2011, p. 20.
  16. ^ a b c Montecarlo: Zanetti tra le leggende del calcio in Inter.it (Montecarlo), 10 ottobre 2011. URL consultato il 21 maggio 2012.
  17. ^ Cecere, p. 8
  18. ^ a b Zanetti, p. 17
  19. ^ a b Zanetti, p. 11
  20. ^ (PT) Zanetti. "O telemóvel só aparece depois da cabina telefónica e do faxe" in Ionline.pt, 10 settembre 2011. URL consultato il 10 maggio 2012.
  21. ^ Settore Giovanile: ecco la squadra dei tecnici (Milano), 2 luglio 2011. URL consultato il 21 maggio 2012.
  22. ^ a b Calciatori ‒ La raccolta completa Panini 1961-2012, Vol. 26 (2009-2010), Panini, 29 ottobre 2012, p. 190.
  23. ^ Nicola Cecere, Zanetti manda baci al Friuli in La Gazzetta dello Sport, 20 dicembre 1997. URL consultato il 5 luglio 2012.
  24. ^ Zanetti: Stagione Inter ok, siamo campioni del Mondo in Corrieredellosport.it (Pordenone), 5 maggio 2011. URL consultato il 5 luglio 2012.
  25. ^ a b Zanetti, pp. 11 e 12
  26. ^ a b c d Zanetti, p. 27
  27. ^ a b c Zanetti, p. 29
  28. ^ a b c d Zanetti, p. 30
  29. ^ a b c d Zanetti, p. 31
  30. ^ Zanetti, pp. 31 e 32
  31. ^ Giancarla Ghisi, Maldini e Zanetti: noi, straniere, innamorate di Milano «Qui ho ricostruito un pezzo di Sudamerica La mia sfida? Aiutare i bambini di strada» in Corriere della Sera (Milano), 5 gennaio 2004, p. 42. URL consultato il 26 febbraio 2012.
  32. ^ Paula e Javier: oggi è nata Sol Zanetti in Inter.it (Milano), 11 giugno 2005. URL consultato il 26 febbraio 2012.
  33. ^ Casa Zanetti, fiocco azzurro: ecco Ignacio in Inter.it (Milano), 27 luglio 2008. URL consultato il 26 febbraio 2012.
  34. ^ Fiocco azzurro: è nato Tomas Zanetti in Inter.it (Milano), 9 maggio 2012. URL consultato il 21 maggio 2012.
  35. ^ Tutti i nomignoli dei sudamericani, Sportmediaset.it. URL consultato il 27 febbraio 2012.
  36. ^ Zanetti, pp. 33 e 34
  37. ^ Zanetti e i tifosi per "Capitano e Gentiluomo" in Inter.it (Milano), 20 maggio 2009. URL consultato il 21 maggio 2012.
  38. ^ Libri: il record di Javier Zanetti va in libreria in Inter.it (Milano), 24 novembre 2011. URL consultato il 21 maggio 2012.
  39. ^ Cordoglio Inter per Javier Zanetti in Inter.it (Buenos Aires), 30 maggio 2011. URL consultato l'11 novembre 2012.
  40. ^ Fabrizio Romano, Il cordoglio più vero: addio Violeta, la donna che plasmò un esempio in Fcinternews.it, 30 maggio 2011. URL consultato l'11 novembre 2012.
  41. ^ Lutto per Zanetti: è morta la mamma in Ilsussidiario.net, 31 maggio 2011. URL consultato l'11 novembre 2012.
  42. ^ a b Facchetti, p. 40
  43. ^ Zanetti: "Stramaccioni, idee chiare e forti" (Milano), 12 aprile 2012. URL consultato il 15 luglio 2012.
  44. ^ Zanetti al TG1 presenta Giocare da uomo in Inter.it (Milano), 13 ottobre 2013. URL consultato il 27 dicembre 2013.
  45. ^ Da Moltrasio in Argentina in Laprovinciadicomo.it (Moltrasio), 7 gennaio 2012. URL consultato il 21 maggio 2012.
  46. ^ Inter-Udinese: una fascia speciale per Zanetti in Inter.it (Milano), 10 settembre 2010. URL consultato il 5 luglio 2012.
  47. ^ Zanetti, pp. 41 e 42
  48. ^ a b Zanetti, p. 42
  49. ^ Zanetti, p. 43
  50. ^ Zanetti, pp. 43 e 44
  51. ^ Zanetti, p. 44
  52. ^ a b c d Zanetti, p. 45
  53. ^ Catania, p. 337
  54. ^ a b c Zanetti, p. 74
  55. ^ Lutto nel mondo del calcio - Morto a Milano Peppino Prisco in Repubblica.it (Milano), 12 dicembre 2001. URL consultato il 5 luglio 2012.
  56. ^ a b Zanetti, p. 75
  57. ^ a b Il breve incontro tra Javier Zanetti, Franco Baresi e Benedetto XVI in Uccronline.it, 9 giugno 2012. URL consultato il 1º luglio 2012.
  58. ^ Aldo Cazzullo, Robin e Wesley quei carissimi nemici in Corriere della Sera (Port Elizabeth), 2 giugno 2010, p. 53. URL consultato il 1º luglio 2012.
  59. ^ Alberto Casavecchia, Sneijder: cattolico grazie alla sua Yolanthe in Fcinternews.it, 23 giugno 2010. URL consultato il 1º luglio 2012.
  60. ^ In Vaticano: l'Inter da Benedetto XVI in Inter.it (Città del Vaticano), 7 maggio 2008. URL consultato il 1º luglio 2012.
  61. ^ Stadio 'Meazza': Zanetti in visita al Papa in Inter.it (Milano), 2 giugno 2012. URL consultato il 1º luglio 2012.
  62. ^ a b Il Santo Padre riceve Javier Zanetti in Inter.it (Città del Vaticano), 25 aprile 2013. URL consultato il 25 aprile 2013.
  63. ^ a b Zanetti, p. 54
  64. ^ I nerazzurri stasera a Casanate per sostenere l'organizzazione benefica di Bergomi in Inter.it (Milano), 4 marzo 2002. URL consultato il 27 febbraio 2011.
  65. ^ Uno spazio di solidarietà, Fondazionepupi.org. URL consultato il 27 febbraio 2012.
  66. ^ Ambrogino d'oro 2005 a Javier Zanetti in Inter.it (Milano), 7 dicembre 2005. URL consultato il 27 febbraio 2012.
  67. ^ Zanetti, sportivo esemplare Suoi "I piedi buoni del calcio", Milano, La Gazzetta dello Sport, 6 febbraio 2012. URL consultato il 21 maggio 2012.
  68. ^ Premi: 'I piedi buoni del calcio' sono di Zanetti in Inter.it (Milano), 6 febbraio 2012. URL consultato il 27 febbraio 2012.
  69. ^ Centro Sportivo Bettinelli - La scuola calcio, Centrosportivobettinelli.it. URL consultato il 1º luglio 2012.
  70. ^ Javier Zanetti nuovo ambasciatore FIFA per SOS Villaggi dei Bambini Argentina, Milano, Vita.it, 5 maggio 2006. URL consultato il 21 maggio 2012.
  71. ^ I Giochi Olimpici Speciali Estivi si tengono ogni quattro anni come per l'edizione invernale: le due manifestazioni sono sfalsate di due anni esattamente come avviene per i Giochi olimpici.
  72. ^ a b Zanetti, p. 55
  73. ^ L'Inter scende in campo con Special Olympics in Inter.it (Milano), 13 febbraio 2009. URL consultato il 27 febbraio 2011.
  74. ^  Zanetti per la ricerca sul cancro: il backstage. Repubblica.it, 29 ottobre 2011. URL consultato in data 4 novembre 2012.
  75. ^ AIRC: Zanetti in campo per la ricerca in Inter.it (Milano), 10 novembre 2012. URL consultato l'11 novembre 2012.
  76. ^ Zanetti, p. 56
  77. ^ Il subcomandante Marcos sfida l'Inter - "Davanti alla porta non avrei pietà" in Repubblica.it (San Cristobal de Las Casas), 28 maggio 2005. URL consultato il 21 maggio 2012.
  78. ^ Zanetti, p. 106
  79. ^ a b c Zanetti, p. 107
  80. ^ a b (ES) Zanetti compró un bajo de Paul McCartney in Infobae.com, 16 ottobre 2010. URL consultato il 5 luglio 2012.
  81. ^ Catania, p. 336
  82. ^ Gruppo nerazzurro, tutta la squadra a registrare "Pazza Inter", Milano, Inter.it, 22 agosto 2003. URL consultato il 21 maggio 2012.
  83. ^ Aste, Zanetti ha comprato il basso di McCartney in Rockol.it, 17 ottobre 2010. URL consultato il 5 luglio 2012.
  84. ^ Zanetti compra il basso di Paul McCartney in La Gazzetta dello Sport (Buenos Aires), 17 settembre 2010. URL consultato il 5 luglio 2012.
  85. ^ Zanetti con Rezophonic, "Ci vuole un fiore" per beneficenza in Sky.it, 10 marzo 2011. URL consultato il 27 febbraio 2012.
  86. ^ Indonesia 2012: Zanetti, una voce che conquista in Inter.it (Giacarta), 25 maggio 2012. URL consultato il 28 maggio 2012.
  87. ^ Scheda su Niente paura dell'Internet Movie Database, Imdb.it. URL consultato il 5 luglio 2012.
  88. ^ Niente Paura, ci pensa Ligabue in Cafedesignorants.it, 2 settembre 2010. URL consultato il 5 luglio 2012.
  89. ^ Christian Liotta, Javier Zanetti attore insieme a Ligabue in Fcinternews.it, 14 luglio 2010. URL consultato il 5 luglio 2012.
  90. ^ a b c Inter: Normal-man, elogio a capitan Zanetti, Tuttomercatoweb.com, 4 febbraio 2010. URL consultato il 5 marzo 2012.
  91. ^ Giorgio Rondelli, Javier Zanetti, un raggio laser che scardina le difese, Corriere della Sera, 4 novembre 1996, p. 39. URL consultato il 5 marzo 2012.
  92. ^ Zanetti, pp. 48 e 49
  93. ^ a b c d Zanetti, p. 49
  94. ^ Zanetti, p. 61
  95. ^ a b c Zanetti, p. 67
  96. ^ Zanetti, p. 70
  97. ^ a b Zanetti, p. 81
  98. ^ Zanetti, p. 126
  99. ^ Zanetti: "Essere utile all'Inter, questo conta" in Inter.it (Ginevra), 21 agosto 2011. URL consultato il 19 maggio 2012.
  100. ^ Andrea Ramazzotti e Alberto Polverosi, Inter, saluto di Moratti negli spogliatoi in Corrieredellosport.it (Verona), 9 marzo 2012. URL consultato il 19 maggio 2012.
  101. ^ Inter-Milan, l’approccio tattico: come Stramaccioni ha vinto il derby, Bausciacafe.com, 10 maggio 2012. URL consultato il 19 maggio 2012.
  102. ^ Eva Provenzano, Javier Zanetti: "Il mio segreto? La mia costanza" in Fcinter1908.it, 15 gennaio 2011. URL consultato il 12 dicembre 2012.
  103. ^ Riccardo Gatto, Cassano su Zanetti: "In campo fino a 60 anni! Lui..." in Fcinter1908.it, 15 ottobre 2012. URL consultato il 12 dicembre 2012.
  104. ^ Ilda Hodo, Paula Zanetti: “Javier ha ancora voglia di giocare. L’Inter è la nostra famiglia” in Sportpaper.it, 12 dicembre 2012. URL consultato il 12 dicembre 2012.
  105. ^ Cecere, p. 77
  106. ^ a b Cecere, p. 80
  107. ^ a b Cecere, p. 82
  108. ^ a b c Cecere, p. 84
  109. ^ Cecere, p. 86
  110. ^ Ghedini, p. 24
  111. ^ Cecere, pp. 84 e 86
  112. ^ Stefano Boldrini, Grazie allo yoga vado avanti. A tu per tu con Ryan Giggs in Extra Time, 27 marzo 2012, p. 2.
  113. ^ (EN) Giggs talks greatest opponents, Messi status in Fifa.com, 27 marzo 2012. URL consultato il 22 ottobre 2012.
  114. ^ Zanetti, p. 24
  115. ^ Zanetti, p. 25
  116. ^ a b c d Zanetti, p. 26
  117. ^ Zanetti, pp. 26 e 27
  118. ^ Zanetti, pp. 27 e 28
  119. ^ Zanetti, pp. 29 e 30
  120. ^ Zanetti, pp. 30 e 31
  121. ^ a b (ES) 1000 veces Zanetti in Cristian Grosso, 11 maggio 2011. URL consultato il 16 aprile 2012.
  122. ^ Argentina: 1ra. "B" Nacional AFA 1992/93, Historiayfutbol.obolog.com. URL consultato il 14 maggio 2012.
  123. ^ Zanetti, p. 32
  124. ^ Martín Mazur, Zanetti 100x100 in El Gráfico, 11 febbraio 2011, p. 24.
  125. ^ a b c d e Zanetti, p. 33
  126. ^ Argentina: 1ra. División AFA - Torneo Apertura 1993, Historiayfutbol.olobog.com. URL consultato il 14 maggio 2012.
  127. ^ Argentina: 1ra. División AFA - Torneo Apertura 1994, Historiayfutbol.olobog.com. URL consultato il 14 maggio 2012.
  128. ^ Argentina: 1ra. División AFA - Torneo Clausura 1995, Historiayfutbol.olobog.com. URL consultato il 14 maggio 2012.
  129. ^ Zanetti, p. 34
  130. ^ a b Zanetti, p. 35
  131. ^ Foot, p. 477
  132. ^ Grassia e Lotito, p. 125
  133. ^ Giuseppe Bagnati, Angelillo, il "signor" record in La Gazzetta dello Sport (Milano), 26 febbraio 2008. URL consultato il 21 maggio 2012.
  134. ^ Zanetti, p. 36
  135. ^ Ora è ufficiale Zanetti nerazzurro in Corriere della Sera (Buenos Aires), 13 maggio 1995, p. 40. URL consultato il 21 maggio 2012.
  136. ^ Javier Zanetti, Skira.net. URL consultato il 4 aprile 2012.
  137. ^ Zanetti, p. 73
  138. ^ Zanetti, p. 37
  139. ^ Zanetti, pp. 37-38
  140. ^ Zanetti, p. 39
  141. ^ Claudio Giacchini, Bianchi: i sudamericani? Non li conosco nemmeno in La Stampa (Cavalese), 27 luglio 1995, p. 31.
  142. ^ Zanetti, p. 47
  143. ^ Fabio Monti, 1000 volte Zanetti in Corriere della Sera (Milano), 11 maggio 2011, pp. 56 e 57. URL consultato il 5 luglio 2012.
  144. ^ Fabio Monti, 500 volte Zanetti in Corriere della Sera (Milano), 26 settembre 2006, p. 55. URL consultato il 5 luglio 2012.
  145. ^ Il capitano: 700 partite e sentirsi un giovane in Corriere della Sera, 31 luglio 2010, p. 55. URL consultato il 5 luglio 2012.
  146. ^ Zanetti come Facchetti, 364 volte nerazzurro in Ilsussidiario.net, 20 marzo 2009. URL consultato il 5 luglio 2012.
  147. ^ Luca Valdiserri, Zanetti ha fretta di fare grande l'Inter in Corriere della Sera (Varese), 4 agosto 1995, p. 32. URL consultato il 5 luglio 2012.
  148. ^ Inter 1995-1996.
  149. ^ Zanetti, pp. 47 e 48
  150. ^ Coppa UEFA 1995/96 - Trentaduesimi di finale, Storiainter.com. URL consultato il 17 marzo 2012.
  151. ^ a b Zanetti, p. 48
  152. ^ a b c d Zanetti, p. 50
  153. ^ a b Zanetti, pp. 50 e 51
  154. ^ Zanetti, p. 62
  155. ^ a b Zanetti, p. 63
  156. ^ Zanetti, p. 64
  157. ^ Al Fenomeno basta un guizzo per vincere la sfida con Del Piero in Corriere della Sera (Milano), 5 gennaio 1998, p. 29. URL consultato il 12 dicembre 2012.
  158. ^ Ceccarini: "Su Ronaldo ho sbagliato" in Corriere della Sera, 2 agosto 1998, p. 29. URL consultato il 12 dicembre 2012.
  159. ^ Zanetti, p. 65
  160. ^ Zanetti, p. 66
  161. ^ Zanetti, capitano senza frontiere: contro il Manchester United supererà Bergomi, Goal.com, 20 febbraio 2009. URL consultato il 12 novembre 2013.
  162. ^ 18 allenatori dell’Inter in 17 anni: Mircea Lucescu, Ilpost.it, 27 marzo 2012. URL consultato il 16 aprile 2012.
  163. ^ a b Zanetti, p. 68
  164. ^ Furio Zara, Zanetti, una leggenda dell'Inter, Roma, Corrieredellosport.it, 10 agosto 2011. URL consultato il 21 aprile 2012.
  165. ^ Zanetti, p. 71
  166. ^ Gianni Piva, Coppa Italia - Storica Lazio, la festa ricomincia in Repubblica.it (Milano), 19 maggio 2000. URL consultato il 25 aprile 2012.
  167. ^ a b Zanetti, p. 77
  168. ^ Zanetti, pp. 77 e 78
  169. ^ a b Zanetti, p. 80
  170. ^ Giancarla Ghisi, Cuper come Herrera «Gañeremos todo y contra todos» in Corriere della Sera (Milano), 16 luglio 2001, p. 37. URL consultato il 21 ottobre 2012.
  171. ^ Zanetti, p. 83
  172. ^ a b c Calcio: J. Zanetti il più sportivo, a lui il pallone d'argento in Adnkronos.com (Roma), 23 aprile 2002. URL consultato l'11 novembre 2012.
  173. ^ Fabio Monti, La Juve domina l'Inter e il campionato in Corriere della Sera (Torino), 3 marzo 2003, p. 42. URL consultato il 22 ottobre 2012.
  174. ^ Zanetti, p. 99
  175. ^ a b Zanetti, p. 100
  176. ^ Fabio Monti, Zaccheroni libera la sua Inter: «La voglio fantasiosa e cattiva» in Corriere della Sera (Milano), 26 ottobre 2003, p. 39. URL consultato il 21 ottobre 2012.
  177. ^ Anche l'Inter fuori dall'Europa - A San Siro vince il Marsiglia in Repubblica.it (Milano), 14 aprile 2004. URL consultato il 22 ottobre 2012.
  178. ^ a b c d Zanetti, p. 101
  179. ^ Appello: Juve in B a meno 17 - Milan, Fiorentina e Lazio in A in La Gazzetta dello Sport (Roma), 25 luglio 2006. URL consultato il 21 luglio 2012.
  180. ^ Alberto Costa, L'ultima follia a San Siro - Derby sospeso per incidenti in Corriere della Sera (Milano), 13 aprile 2005, p. 44. URL consultato il 22 ottobre 2012.
  181. ^ Fabio Monti, Anche per l'Inter è arrivato il giorno della festa in Corriere della Sera (Milano), 16 giugno 2005, p. 43. URL consultato il 22 ottobre 2012.
  182. ^ Fabio Monti, Anche per l'Inter è arrivato il giorno della festa in Corriere della Sera (Milano), 16 giugno 2005, p. 43. URL consultato il 20 luglio 2012.
  183. ^ Fabio Monti, Alessandro Pasini, Veron fulmina la Juve - L'Inter già in paradiso in Corriere della Sera (Torino), 21 agosto 2005, p. 46. URL consultato il 21 luglio 2012.
  184. ^ Il nostro dovere in Corriere della Sera, 15 maggio 2006, p. 5. URL consultato il 22 ottobre 2012.
  185. ^ Giuseppe Toti, Tutti gli arbitri di Moggi: saltano fuori i nomi in Corriere della Sera (Roma), 5 maggio 2006, p. 64. URL consultato il 22 ottobre 2012.
  186. ^ Comunicato Stampa: "Assegnato all'Inter lo scudetto 2005-2006" (PDF) in FIGC (Roma), 26 luglio 2006. URL consultato il 22 ottobre 2012.
  187. ^ Alessandro Pasini, Mancini orgoglioso: «Con lo scudetto sul petto» in Corriere della Sera (Bolzano), 27 luglio 2006, p. 45. URL consultato il 22 ottobre 2012.
  188. ^ Fabio Monti, Inter al capolinea in casa Villarreal in Corriere della Sera (Villarreal), 5 aprile 2006, p. 56. URL consultato il 22 ottobre 2012.
  189. ^ a b Fabio Monti, L'Inter si regala il bis - Alla Roma resta Totti in Corriere della Sera (Milano), 12 maggio 2006, p. 59. URL consultato il 22 ottobre 2012.
  190. ^ Zanetti, p. 102
  191. ^ Tommaso Pellizzari, Inter pazza rimonta da 0-3 a 4-3 - Roma k.o. ai supplementari in Corriere della Sera (Milano), 27 agosto 2006, p. 42 e 43. URL consultato il 21 luglio 2012.
  192. ^ Tommaso Pellizzari, Vieira super - Figo decide su punizione in Corriere della Sera (Milano), 27 agosto 2006, p. 42. URL consultato il 21 luglio 2012.
  193. ^ Zanetti, p. 124
  194. ^ Zanetti, pp. 126 e 127
  195. ^ Inter '06-'07: nella storia con tanti record, Milano, Inter.it, 28 maggio 2007. URL consultato il 21 luglio 2012.
  196. ^ Zanetti, p. 125
  197. ^ Fabio Monti, K.O. con rissa in Corriere della Sera (Valencia), 7 marzo 2007, p. 58. URL consultato il 22 ottobre 2012.
  198. ^ Fabio Monti, Roma in festa in Corriere della Sera (Milano), 18 maggio 2007, p. 64. URL consultato il 22 ottobre 2012.
  199. ^ a b La stampa sportiva premia in memoria di Peppino Prisco e Nando Martellini in Ilquotidiano.it (Chieti), 15 maggio 2007. URL consultato l'11 novembre 2012.
  200. ^ Alla Roma la Supercoppa italiana in Corriere.it (Milano), 20 agosto 2007. URL consultato il 22 ottobre 2012.
  201. ^ Grassia e Lotito, p. 159
  202. ^ Zanetti, p. 128
  203. ^ Zanetti, pp. 128 e 129
  204. ^ Zanetti, p. 130
  205. ^ Grassia e Lotito, p. 169
  206. ^ Inter, grande festa a San Siro in Corriere.it (Milano), 18 maggio 2008. URL consultato il 25 marzo 2013.
  207. ^ Zanetti: "Il gruppo crede nella rimonta" (Liverpool), 19 febbraio 2008. URL consultato il 25 marzo 2013.
  208. ^ Grassia e Lotito, p. 160
  209. ^ Zanetti: "Facchetti mi ha raccontato..." (Liverpool), 18 febbraio 2008. URL consultato il 25 marzo 2013.
  210. ^ Marco Arceri, Lazio battuta, Inter in finale in Sport.it, 7 maggio 2008. URL consultato il 22 ottobre 2012.
  211. ^ Pier Luigi Todisco, Roma, arriva la rivincita - Coppa Italia giallorossa in La Gazzetta dello Sport (Roma), 24 maggio 2008. URL consultato il 22 ottobre 2012.
  212. ^ Supercoppa Tim '08: Inter-Roma 8-7 (dcr) in Inter.it (Milano), 24 agosto 2008. URL consultato il 22 ottobre 2012.
  213. ^ a b Zanetti: "Che rigore il mio primo rigore!" in Inter.it (Milano), 25 agosto 2008. URL consultato il 22 ottobre 2012.
  214. ^ Supercoppa Tim '08: Inter-Roma 8-7 (dcr) in Inter.it (Milano), 24 agosto 2008. URL consultato il 24 ottobre 2012.
  215. ^ Udinese, regalo all'Inter - Festa scudetto senza giocare in La Gazzetta dello Sport (Milano), 16 maggio 2009. URL consultato il 22 ottobre 2012.
  216. ^ Pier Luigi Todisco, Tre reti al Siena - La festa continua in La Gazzetta dello Sport (Milano), 17 maggio 2009. URL consultato il 22 ottobre 2012.
  217. ^ Antonio Morici, Inter fuori a testa alta in La Gazzetta dello Sport (Manchester), 11 marzo 2009. URL consultato il 22 ottobre 2012.
  218. ^ Riccardo Pratesi, Inter, rimonta che non basta - La Sampdoria vola in finale in La Gazzetta dello Sport (Milano), 23 aprile 2009. URL consultato il 22 ottobre 2012.
  219. ^ Zanetti Campione della gente in Tgcom24.mediaset.it, 22 gennaio 2009. URL consultato il 25 marzo 2012.
  220. ^ Zanetti: "Ci credevo: ora l'Inter è nella storia" in Inter.it (Milano), 27 maggio 2010. URL consultato il 24 ottobre 2012.
  221. ^ Davide Cocconi, La Lazio conquista la Supercoppa in Sportmediaset.it, 8 agosto 2009. URL consultato il 22 ottobre 2012.
  222. ^ Supercoppa Tim '09: Inter-Lazio 1-2 in Inter.it (Pechino), 8 agosto 2009. URL consultato il 22 ottobre 2012.
  223. ^ Il Premio Turani del Panathlon a Zanetti, capitano dell'Inter in Ecodibergamo.it, 17 febbraio 2010. URL consultato il 26 marzo 2013.
  224. ^ Inter-Roma: 1-0, la Tim Cup ai nerazzurri in Inter.it (Roma), 5 maggio 2010. URL consultato il 22 ottobre 2012.
  225. ^ Roma-Inter, 2-1: la rete di Milito non basta in Inter.it (Roma), 27 marzo 2010. URL consultato il 22 ottobre 2012.
  226. ^ Paolo Cammarano, Zanetti festeggia le 500 partite in Serie A in Fcinter1908.it, 16 aprile 2010. URL consultato il 22 ottobre 2012.
  227. ^ Inter-Juventus: 2-0, decidono Maicon ed Eto'o in Inter.it (Milano), 16 aprile 2010. URL consultato il 22 ottobre 2012.
  228. ^ Siena-Inter: 0-1, nerazzurri campioni d'Italia in Inter.it (Siena), 16 maggio 2010. URL consultato il 22 ottobre 2012.
  229. ^ Zanetti nella STORIA, con oggi sono 139 consecutive, Goal.com, 24 ottobre 2009. URL consultato il 22 ottobre 2012.
  230. ^ Barça-Inter 1-0: è impresa nerazzurra, ora Madrid in Inter.it (Barcelona), 28 aprile 2010. URL consultato il 26 luglio 2012.
  231. ^ Finale Champions: a Madrid l'Inter nella storia in Inter.it (Madrid), 22 maggio 2010. URL consultato il 22 ottobre 2012.
  232. ^ Tripletta: Inter nel club dei super anni in Inter.it (Milano), 23 maggio 2010. URL consultato il 22 ottobre 2012.
  233. ^ a b Supercoppa '10: Inter-Roma 3-1, il 4º trofeo in Inter.it (Milano), 21 agosto 2010. URL consultato il 23 ottobre 2012.
  234. ^ Inter-Atletico Madrid: le formazioni ufficiali in Inter.it (Montecarlo), 27 agosto 2010. URL consultato il 23 ottobre 2012.
  235. ^ L'Inter fallisce il pokerissimo Supercoppa all'Atletico Madrid in La Gazzetta dello Sport (Montecarlo), 27 agosto 2010. URL consultato il 23 luglio 2012.
  236. ^ a b c Premi: a Zanetti il Gaetano Scirea alla carriera in Inter.it (Cinisello Balsamo), 28 agosto 2010. URL consultato l'11 novembre 2012.
  237. ^ a b Richard Aikman, Retrogusto amaro per Zanetti in Uefa.com (Milano), 21 ottobre 2010. URL consultato il 1º maggio 2012.
  238. ^ a b c d UEFA Champions League - Stagione 2011/12 - Statistiche Giornata (PDF), Uefa.com. URL consultato il 2 maggio 2012.
  239. ^ Fifa CWC '10, Seongnam-Inter: 0-3, in finale! in Inter.it (Abu Dhabi), 15 dicembre 2010. URL consultato il 23 ottobre 2012.
  240. ^ Fifa CWC '10, Mazembe-Inter: 0-3, grazie ragazzi! in Inter.it (Abu Dhabi), 18 dicembre 2010. URL consultato il 23 ottobre 2012.
  241. ^ Pandev: "Godiamoci questo 5° trionfo" (Abu Dhabi), Inter.it, 18 dicembre 2010. URL consultato il 23 ottobre 2012.
  242. ^ Zanetti: "Amo la maglia nerazzurra" in Inter.it (Milano), 15 gennaio 2011. URL consultato il 23 ottobre 2012.
  243. ^ Inter-Cesena: 3-2, Eto'o-Milito, poi c'è Chivu in Inter.it (Milano), 19 gennaio 2011. URL consultato il 23 ottobre 2012.
  244. ^ Statistiche: U.C.L., in Italia nessuno come l'Inter in Inter.it (Milano), 20 maggio 2011. URL consultato il 23 ottobre 2012.
  245. ^ UCL, Inter-Schalke 04: 2-5, la rimonta è tedesca in Inter.it (Milano), 5 aprile 2011. URL consultato il 23 ottobre 2012.
  246. ^ UCL Schalke 04-Inter: 2-1, grazie lo stesso campioni in Inter.it (Gelsenkirchen), 13 aprile 2011. URL consultato il 23 ottobre 2012.
  247. ^ Zanetti: "Obiettivo mille: orgoglio e passione", Appiano Gentile, Inter.it, 10 maggio 2011. URL consultato il 29 luglio 2012.
  248. ^ Zanetti fa 1.000: "Voglio dire grazie ai miei tifosi", Tuttomercatoweb.com, 10 maggio 2011. URL consultato il 29 luglio 2012.
  249. ^ Dominic Raynor, Zanetti fears potatoes in Soccernet.espn.go.com, 13 maggio 2011. URL consultato il 29 luglio 2012.
  250. ^ Statistiche: Inter-Roma, 1000 volte Javier Zanetti in Inter.it (Milano), 11 maggio 2011. URL consultato il 29 luglio 2012.
  251. ^ Cesare Zanotto, Zanetti nell'Olimpo dei mille in Sportmediaset.it, 11 maggio 2011. URL consultato il 29 luglio 2012.
  252. ^ Tim Cup, Inter-Palermo: 3-1, nerazzurri campioni in Inter.it (Roma), 29 maggio 2011. URL consultato il 23 ottobre 2012.
  253. ^ Alberto Costa, Kung fu Milan in Corriere della Sera (Pechino), 7 agosto 2011, p. 44 e 45. URL consultato il 23 agosto 2012.
  254. ^ Calcio, Inter: Zanetti eguaglia Bergomi: 756 volte nerazzurri (Milano), 18 settembre 2011. URL consultato il 23 agosto 2012.
  255. ^ Record presenze: Zanetti eguaglia Bergomi, Milano, Inter.it, 17 settembre 2011. URL consultato il 21 maggio 2012.
  256. ^ Luca Taidelli, Zanetti-Totti: numeri da capitani in La Gazzetta dello Sport, 17 settembre 2011, p. 60.
  257. ^ a b Zanetti 757: festa alla "Terrazza Martini", Milano, Inter.it, 28 settembre 2011. URL consultato il 21 maggio 2012.
  258. ^ Live Zanetti 757: quanti amici per Javier, Milano, Inter.it, 28 settembre 2011. URL consultato il 21 maggio 2012.
  259. ^ Inter, aspettando il Napoli che festa per Zanetti!, Milano, Corrieredellosport.it, 29 settembre 2011. URL consultato il 21 maggio 2012.
  260. ^ Simone Iemmolo, Zanetti 757, festa alla Terrazza Martini, Canaleinter.it, 28 settembre 2011. URL consultato il 2 maggio 2012.
  261. ^ Javier Zanetti espulso per la prima volta in Serie A in Calciomercato.it (Milano), 4 dicembre 2011. URL consultato il 23 agosto 2012.
  262. ^ Matteo Dalla Vite, Pazzo+Milito=0 - Zanetti espulso in La Gazzetta dello Sport, 4 dicembre 2011, p. 3.
  263. ^ Luca Taidelli, Clamoro...sso: Guarda Zanetti fuori dopo 548 gare in A in La Gazzetta dello Sport, 4 dicembre 2011, p. 6.
  264. ^ Zanetti, sportivo esemplare Suoi "I piedi buoni del calcio", La Gazzetta dello Sport, 6 febbraio 2012. URL consultato il 7 febbraio 2012.
  265. ^ Inter-Siena, 2-1: è doppietta del Principe in Inter.it (Milano), 11 aprile 2012. URL consultato il 23 ottobre 2012.
  266. ^ Lazio-Inter 3-1: per i nerazzurri è 6º posto in Inter.it (Roma), 13 maggio 2012. URL consultato il 23 ottobre 2012.
  267. ^ a b (NL) Inter boekt moeizame zege in recordduel Zanetti, Trouw.nl, 27 settembre 2011. URL consultato il 19 maggio 2012.
  268. ^ Pazzini fa sognare l'Inter a Lille, il Napoli soffre ma ferma il Bayern in Ilsole24ore.com, 19 ottobre 2011. URL consultato il 23 ottobre 2012.
  269. ^ O. Marsiglia-Inter: 1-0, la beffa arriva al 93' in Inter.it (Marsiglia), 22 febbraio 2012. URL consultato il 23 ottobre 2012.
  270. ^ UCL, Inter-Ol. Marsiglia: 2-1, nerazzurri eliminati in Inter.it (Milano), 23 marzo 2012. URL consultato il 23 ottobre 2012.
  271. ^ Alessandro Bocci, Cavani mette ko l'Inter, Napoli in semifinale in Corriere.it (Napoli), 26 gennaio 2012. URL consultato il 23 ottobre 2012.
  272. ^ Hajduk Spalato-Inter, 0-3: così sì, avanti Inter in Inter.it (Spalato), 2 agosto 2012. URL consultato il 23 ottobre 2012.
  273. ^ Inter-Hajduk Spalato: 0-2, ma qualificazione ok in Inter.it (Milano), 9 agosto 2012. URL consultato il 23 ottobre 2012.
  274. ^ Matteo Dalla Vite, 800 partite una sola maglia "Non esiste uno come lui" in La Gazzetta dello Sport, 24 agosto 2012, p. 7.
  275. ^  (FR) Inter - Zanetti, une carrière de titan. Beinsport.fr, 24 agosto 2012. URL consultato in data 4 novembre 2012.
  276. ^ Andrea Elefante, La fascia celebrativa in La Gazzetta dello Sport, 24 agosto 2012, p. 6.
  277. ^ UEL, FC Vaslui-Inter: 800 per capitan Zanetti in Inter.it (Piatra Neamt), 23 agosto 2012. URL consultato il 23 ottobre 2012.
  278. ^ a b Riccardo Fusato, Derby: Samuel, 10 su 10. Zanetti... in Fcinter1908.it, 8 ottobre 2012. URL consultato il 22 ottobre 2012.
  279. ^ (FR) Eric Maggiori, Zanetti éternel, Giovinco impalpable in Sofoot.com, 4 novembre 2012. URL consultato il 4 novembre 2012.
  280. ^ Zanetti: "Coraggio e cuore, vittoria da Inter" in Inter.it (Torino), 4 novembre 2012. URL consultato il 4 novembre 2012.
  281. ^ a b Azzurra Saggini, Zanetti nel nome di Facchetti - Il bello del calcio è il Capitano in La Gazzetta dello Sport (Milano), 10 novembre 2012. URL consultato l'11 novembre 2012.
  282. ^ Aic: A Zanetti il 'Premio fedeltà e della critica' in Inter.it (Milano), 28 gennaio 2013. URL consultato il 26 marzo 2013.
  283. ^ Zanetti raggiunge Pagliuca: altra fascia celebrativa! in Fcinternews.it, 10 febbraio 2013. URL consultato il 26 marzo 2013.
  284. ^ Javier Zanetti, 600esima in A in Inter.it (Milano), 10 marzo 2013. URL consultato il 26 marzo 2013.
  285. ^ La Serie A omaggia Zanetti: "600 volte da bandiera" in Fcinternews.it, 11 marzo 2013. URL consultato il 26 marzo 2013.
  286. ^ Infinito Javier Zanetti, per capitan Inter sono 1100 le presenze ufficiali in carriera: "Ieri vittoria fondamentale" in Goal.com, 22 aprile 2013. URL consultato il 22 aprile 2013.
  287. ^ Zanetti: "Tornerò più forte di prima" in Inter.it (Pavia), 28 aprile 2013. URL consultato il 12 maggio 2013.
  288. ^ Zanetti, rottura del tendine di Achille, fuori 6-8 mesi: "La mia carriera non è finita" in La Gazzetta dello Sport (Milano), 28 aprile 2013. URL consultato il 12 maggio 2013.
  289. ^ Inter, Zanetti si rompe il tendine d'Achille in Sportmediaset.it, 28 aprile 2013. URL consultato il 12 maggio 2013.
  290. ^ Intervento perfettamente riuscito, Zanetti sta bene in Inter.it (Pavia), 30 aprile 2013. URL consultato il 12 maggio 2013.
  291. ^ Inter, operazione perfettamente riuscita per Zanetti in Sportmediaset.it, 30 aprile 2013. URL consultato il 12 maggio 2012.
  292. ^ Inter, capitan Zanetti rinnova per un altro anno in Repubblica.it, 12 giugno 2013.
  293. ^ Tiziana Cairati, Inter, infortunio Zanetti: "La mia carriera non è finita" (Milano), Repubblica.it, 28 aprile 2013. URL consultato il 12 novembre 2013.
  294. ^ a b Inter, Javier Zanetti torna a giocare sei mesi dopo l'infortunio, Sportmediaset.it, 10 novembre 2013. URL consultato il 12 novembre 2013.
  295. ^ Tournée Usa, Javier Zanetti è in New Jersey (New Jersey), Inter.it, 29 luglio 2013. URL consultato il 12 novembre 2013.
  296. ^ Inter, Moratti all'allenamento ad Appiano Gentile. Zanetti: Presidente sempre presente (Milano), Unita.it, 16 ottobre 2013. URL consultato il 12 novembre 2013.
  297. ^ Inter: Javier Zanetti al lavoro col pallone, recupero sempre più vicino, Sportmediaset.it, 16 ottobre 2013. URL consultato il 12 novembre 2013.
  298. ^ Verso il Torino, in campo con i compagni c'è anche Javier Zanetti (Appiano Gentile), Inter.it, 16 ottobre 2013. URL consultato il 12 novembre 2013.
  299. ^ Inter, sorpresa tra i convocati per l'Udinese: torna Javier Zanetti, Sportmediaset.it, 2 novembre 2013. URL consultato il 12 novembre 2013.
  300. ^ a b L'Inter riabbraccia Zanetti e batte 2-0 il Livorno. Ovazione per Moratti (Milano), Quotidiano.net, 9 novembre 2013. URL consultato il 12 novembre 2013.
  301. ^ Javier Zanetti a Parma riceve il "Premio Sport e Solidarietà" (Parma), Inter.it, 20 novembre 2013. URL consultato il 6 dicembre 2013.
  302. ^ Inter-Sampdoria 1-1, il tabellino (Milano), Inter.it, 1º dicembre 2013. URL consultato il 6 dicembre 2013.
  303. ^ Il presidente Thohir: "La mia prima volta a San Siro? È davvero incredibile" (Milano), Inter.it, 1º dicembre 2013. URL consultato il 6 dicembre 2013.
  304. ^ (ES) Cristian Grosso, Javier Zanetti anuncia su retiro: "Fui un abanderado lejos de su país" in La Nación, 6 maggio 2014. URL consultato il 6 maggio 2014.
  305. ^ Valerio Clari, Inter-Lazio 4-1. Gol di Biava, Palacio (2), Icardi e Hernanes. E Zanetti fa festa, gazzetta.it, 10 maggio 2014. URL consultato il 19 maggio 2014.
  306. ^ Luca Taidelli, Serie A, Chievo-Inter 2-1: a segno gli ex, Andreolli gol, Obinna ribalta, gazzetta.it, 18 maggio 2014. URL consultato il 19 maggio 2014.
  307. ^ Chievo-Inter 2-1. Obinna rovina la notte degli addii, tgcom24, 18 maggio 2014. URL consultato il 22 maggio 2014.
  308. ^ a b Zanetti, pp. 111 e 112
  309. ^ (EN) Saudi Arabia 1995: Denmark come in from the cold in Fédération Internationale de Football Association. URL consultato il 29 luglio 2012.
  310. ^ Danimarca intercontinentale in Corriere della Sera (Riyad), 14 gennaio 1995, p. 39. URL consultato il 29 luglio 2012.
  311. ^ Il pallone va in clausura in Corriere della Sera, 10 luglio 1995, p. 29. URL consultato il 23 agosto 2012.
  312. ^ Ravanelli ricorda Fortunato: all'asta la maglia scudetto in La Repubblica (Perugia), 22 giugno 1995, p. 40. URL consultato il 23 agosto 2012.
  313. ^ Miccio (RAI): niente aste per il calcio in La Repubblica (Napoli), 24 giugno 1995, p. 40. URL consultato il 23 agosto 2012.
  314. ^ Coppa America: Brasile in semifinale ai rigori in Corriere della Sera, 19 luglio 1995, p. 33. URL consultato il 23 agosto 2012.
  315. ^ Bruno Tucci, Elisabetta Rosaspina, Batistuta scaccia il pericolo giallo in Corriere della Sera (Tolosa), 15 giugno 1998, p. 37. URL consultato il 24 agosto 2012.
  316. ^ Roberto Perrone, Inghilterra, non bastano dieci leoni in Corriere della Sera (Saint-Etienne), 1º luglio 1998, p. 43. URL consultato il 24 agosto 2012.
  317. ^ Franco Melli, L'Olanda da' spettacolo, la Germania va a casa in Corriere della Sera (Marsiglia), 5 luglio 1998, p. 39. URL consultato il 24 agosto 2012.
  318. ^ (EN) World Cup 1998, Rsssf.com. URL consultato il 24 agosto 2012.
  319. ^ Giancarlo Padovan, Argentina, gruppo H positivo in Corriere della Sera (Bordeaux), 27 giugno 1998, p. 43. URL consultato il 24 agosto 2012.
  320. ^ Si presenta la nuova Argentina in La Repubblica (Asunción), 1º luglio 1999, p. 44. URL consultato il 24 agosto 2012.
  321. ^ Coppa America, vince il Brasile in Corriere della Sera (Asunción), 4 luglio 1999, p. 42. URL consultato il 24 agosto 2012.
  322. ^ Palermo, un rigorista da Gialappa's: ne sbaglia tre, l'Argentina crolla in Corriere della Sera (Luque), 6 luglio 1999, p. 41. URL consultato il 24 agosto 2012.
  323. ^ Mattia Chiusano, La gaffe mondiale del buffo Palermo in La Repubblica, 6 luglio 1999, p. 43. URL consultato il 24 agosto 2012.
  324. ^ Magia di Ronaldo: il Brasile elimina l'Argentina in Corriere della Sera (Asunción), 12 luglio 1999, p. 39. URL consultato il 24 agosto 2012.
  325. ^ È tornato il vero Ronaldo - Una notte meravigliosa in La Repubblica (Ciudad del Este), 13 luglio 1999, p. 46. URL consultato il 24 agosto 2012.
  326. ^ 2002 FIFA World Cup Korea/Japan ™ Preliminaries - Results, South American Zone, Fifa.com. URL consultato il 24 agosto 2012.
  327. ^ Frank Ballesteros, World Cup 2002 Qualifying - South America, Rsssf.com. URL consultato il 24 agosto 2012.
  328. ^ L'Argentina decolla da Francoforte per il Giappone, Javier Zanetti: "Mondiale e poi scudetto con l'Inter" in Inter.it (Francoforte), 15 maggio 2002. URL consultato il 24 agosto 2012.
  329. ^ a b Giancarlo Padovan, Batistuta risorge lontano da Roma in Corriere della Sera (Ibaraki), 3 giugno 2002, p. 39. URL consultato il 24 agosto 2012.
  330. ^ Goffredo Buccini, Argentina-Inghilterra, il ricordo della guerra va in campo in Corriere della Sera (Sapporo), 7 giugno 2002, p. 35 e 41. URL consultato il 24 agosto 2012.
  331. ^ Roberto Perrone, Bielsa fa fuori mezza Argentina: anche Veron e Simeone tra gli epurati in Corriere della Sera (Miyagi), 12 giugno 2002, p. 42. URL consultato il 24 agosto 2012.
  332. ^ Roberto Perrone, L'Argentina balla l'ultimo tango delle lacrime in Corriere della Sera (Miyagi), 13 giugno 2002, p. 43. URL consultato il 24 agosto 2012.
  333. ^ Javier Zanetti festeggia con un gol la prima partita da capitano della nazionale argentina in Inter.it (Osaka), 7 giugno 2003. URL consultato il 26 agosto 2012.
  334. ^ (ES) Argentina capitaneada por Zanetti ha ganado 5-1 al Kashima Antlers in Inter.it (Naraha), 23 maggio 2002. URL consultato il 7 dicembre 2012.
  335. ^ Corea del Sud-Argentina 0-1: Argentina sempre vincente con J. Zanetti capitano in Inter.it (Seoul), 11 giugno 2003. URL consultato il 26 agosto 2012.
  336. ^ Argentina: test per Kily e J. Zanetti in Inter.it (Milano), 23 giugno 2004. URL consultato il 24 agosto 2012.
  337. ^ Riccardo Romani, Parte il supermercato della Coppa America - Il Brasile fa lo snob e si affida ai gol di Adriano in Corriere della Sera, 6 luglio 2004, p. 41. URL consultato il 24 agosto 2012.
  338. ^ Riccardo Romani, Lo show di Adriano vale la Coppa America in Corriere della Sera (Lima), 23 luglio 2004, p. 35. URL consultato il 24 agosto 2012.
  339. ^ Pekerman chiama Cambiasso e J. Zanetti in Inter.it (Milano), 5 ottobre 2004. URL consultato il 26 agosto 2006.
  340. ^ Argentina-Uruguay 4-2, in gol anche J. Zanetti in Inter.it (Milano), 10 ottobre 2004. URL consultato il 26 agosto 2006.
  341. ^ FIFA Confederations Cup Germany 2005 - Argentina-Tunisia 2-1, Fifa.com. URL consultato il 26 agosto 2012.
  342. ^ Confederations al Brasile di Adriano, Francoforte, Inter.it, 30 giugno 2005. URL consultato il 26 agosto 2012.
  343. ^ J. Zanetti: "Tutta una vicenda strana" in Inter.it (Appiano Gentile), 17 maggio 2006. URL consultato il 26 agosto 2012.
  344. ^ J. Zanetti: "Argentino, non di Pekerman" in Inter.it (Appiano Gentile), 17 maggio 2006. URL consultato il 26 agosto 2012.
  345. ^ Germania in semifinale grazie ai rigori - L'Argentina, senza Messi, lascia il Mondiale in Repubblica.it (Berlino), 30 giugno 2006. URL consultato il 26 agosto 2012.
  346. ^ E Pekerman getta la spugna: Vado via in Repubblica.it (Berlino), 1º luglio 2006. URL consultato il 26 agosto 2012.
  347. ^ Nazionali: Francia-Argentina 0-1 in Inter.it (Parigi), 8 febbraio 2007. URL consultato il 27 agosto 2012.
  348. ^ Martín Tabeira, Neil Morrison, Copa América 2007, Rsssf.com. URL consultato il 27 agosto 2012.
  349. ^ Riccardo Romani, Il Brasile dei rincalzi umilia il mago Messi in Corriere della Sera (Maracaibo), 16 luglio 2007, p. 36. URL consultato il 23 ottobre 2012.
  350. ^ (ES) Ayala: "Mi ciclo en la Selección está terminado" in Clarin.com, 17 luglio 2007. URL consultato il 27 agosto 2012.
  351. ^ Giuseppe Di Napoli, Javier Zanetti nuovo capitano dell'Argentina in Tuttomercatoweb.com, 22 agosto 2007. URL consultato il 27 agosto 2012.
  352. ^ Maradona ufficialmente ct - "Mascherano il capitano" in Quotidiano.net, 4 novembre 2008. URL consultato il 28 agosto 2012.
  353. ^ Zanetti, p. 119
  354. ^ Zanetti e Cambiasso, non perdete le speranze! Maradona riapre ai due nerazzurri: "Li tengo in considerazione" in Goal.com, 5 maggio 2010. URL consultato il 21 maggio 2012.
  355. ^ Fabio Monti, 4 a Diego in Corriere della Sera (Città del Capo), 4 luglio 2010, p. 42 e 43. URL consultato il 29 agosto 2012.
  356. ^ Biagio Angrisani, Argentina, Batista apre a Zanetti e Cambiasso in Corrieredellosport.it (Roma), 16 agosto 2010. URL consultato il 29 agosto 2012.
  357. ^ Adriano Seu, Argentina, che rivincita - Travolta la Spagna mondiale in La Gazzetta dello Sport (Buenos Aires), 7 settembre 2010. URL consultato il 29 agosto 2012.
  358. ^ Alessandro Cavassinni, Argentina: c'è anche Diego Milito tra i 26 pre-convocati in Tuttomercatoweb.com, 1º giugno 2011. URL consultato il 21 maggio 2012.
  359. ^ Argentina, ecco i convocati per la Coppa: c'è Lavezzi in Corrieredellosport.it (Roma), 25 giugno 2011. URL consultato il 21 maggio 2012.
  360. ^ Francesco Ippolito, Javier Zanetti: la carriera in Ilcalcio24.com, 31 marzo 2012. URL consultato il 31 agosto 2012.
  361. ^ Luca Curino, Dramma Argentina, Uruguay in semifinale in La Gazzetta dello Sport (Santa Fe), 17 luglio 2011. URL consultato il 29 agosto 2012.
  362. ^ a b c Biagio Angrisani, Argentina-Uruguay, Zanetti recordman in Corrieredellosport.it (Roma), 16 luglio 2011. URL consultato il 21 maggio 2012.
  363. ^ L'Argentina ha scelto: Sabella nuovo tecnico in Corrieredellosport.it (Buenos Aires), 28 luglio 2011. URL consultato il 27 ottobre 2012.
  364. ^ Francesco Parrone, Sabella, CT Argentina: "Zanetti un simbolo nel mondo, l'ho sempre rispettato" in Fcinter1908.it, 28 dicembre 2011. URL consultato il 12 dicembre 2012.
  365. ^ Fabrizio Romano, Il CT argentino Sabella: "Zanetti orgoglio nazionale" in Fcinternews.it, 2 novembre 2012. URL consultato il 12 dicembre 2012.
  366. ^ a b c d Zanetti, p. 113
  367. ^ J. Zanetti: "A disposizione dell'Inter" in Inter.it (Milano), 21 luglio 2004. URL consultato il 26 agosto 2012.
  368. ^ Oggi finiscono i Giochi panamericani in Ilpost.it, 30 ottobre 2011. URL consultato il 29 luglio 2012.
  369. ^ a b (EN) Fabio Daniel Peglia, Data on Argentina in Panamerican Games, Rsssf.com. URL consultato il 29 luglio 2012.
  370. ^ Zanetti, p. 114
  371. ^ a b Javier Aldemar Zanetti, Sky.it. URL consultato il 13 maggio 2012.
  372. ^ Spareggi per la Coppa UEFA contro il Bologna.
  373. ^ Spareggio per il quarto posto
  374. ^ 4 presenze nei turni preliminari.
  375. ^ Gara considerata ufficiale dalla FIFA e dall'AFA, ma non dalla FRF. (EN) Neil Morrison, Argentina-Romania 1-0, Rsssf.com. URL consultato il 1º maggio 2012.
  376. ^ (EN) Héctor Pelayes, José Luis Pierrend, Copa Municipalidad de Córdoba, Rsssf.com. URL consultato il 15 luglio 2012.
  377. ^ (EN) Neil Morrison, Argentina-Perù 1-0, Rsssf.com. URL consultato il 15 luglio 2012.
  378. ^ (EN) Héctor Pelayes, José Luis Pierrend, Copa Municipalidad de Córdoba, Rsssf.com. URL consultato il 15 luglio 2012.
  379. ^ Gara considerata ufficiale dalla FIFA, ma non dalla SFZ. (EN) Russell Gerrard, Argentina-Slovakia 6-0, Rsssf.com. URL consultato il 22 ottobre 2012.
  380. ^ (EN) Russell Gerrard, Argentina-Australia 2-0, Rsssf.com. URL consultato il 22 ottobre 2012.
  381. ^ (EN) Héctor Pelayes, José Luis Pierrend, Copa 50imo Aniversario de Clarín, Rsssf.com. URL consultato il 15 luglio 2012.
  382. ^ Gara considerata ufficiale dalla FIFA e dall'AFA, ma non dalla PZPN. (EN) Neil Morrison, Argentina-Polonia 2-0, Rsssf.com. URL consultato il 15 luglio 2012.
  383. ^ a b (EN) José Luis Pierrend, Héctor Pelayes, Copa "ZH 35th Anniversary", Rsssf.com. URL consultato il 15 luglio 2012.
  384. ^ Ha ricevuto la fascia dopo la sostituzione di Heinze.
  385. ^ Amichevole organizzata per il centenario dell'Espanyol.
    (EN) Neil Morrison, RCD Espanyol-Argentina 2-0, Rsssf.com. URL consultato il 15 luglio 2012.
  386. ^ Amichevole organizzata per il ritiro da calciatore di Diego Armando Maradona.
    (EN) Frank Ballesteros, Diego Armando Maradona's farewell match, Rsssf.com. URL consultato il 15 luglio 2012.
  387. ^ (EN) Neil Morrison, Kashima Antlers-Argentina 1-5, Rsssf.com. URL consultato il 15 luglio 2012.
  388. ^ La semifinale, non riconosciuta dalla FIFA, è stata giocata dalle nazionali Olimpiche in preparazione dei Giochi Panamericani, mentre la finale è stata giocata dalle formazioni Under 20 in vista del Campionato mondiale di calcio Under-20 1995.
    (EN) Héctor Pelayes, Martín Tabeira e José Luis Pierrend, Copa Mercosur, Rsssf.com. URL consultato il 7 maggio 2012.
  389. ^ (EN) Argentina v Paraguay, 02 March 1995, 11v11.com. URL consultato il 7 maggio 2012.
  390. ^ Cecere, p. 23
  391. ^ Matteo Politano, Javier Zanetti fa 570 presenze in A e raggiunge Dino Zoff in Panorama.it, 11 aprile 2012. URL consultato il 21 maggio 2012.
  392. ^ a b Javier Zanetti, Uefa.com. URL consultato il 2 maggio 2012.
  393. ^ Competizioni UEFA, calciomercato.com. URL consultato il 14 maggio 2014.
  394. ^ Record battuto il 27 settembre 2011 in CSKA Mosca-Inter 2-3, dove Zanetti ha superato il record di 77 presenze con la fascia di capitano di Paolo Maldini
  395. ^ Javier Zanetti - Inter, Interfc.it. URL consultato il 21 maggio 2012.
  396. ^ Cristian Giudici, Intermania: non esistono eredi di capitan Zanetti in Calciomercato.com, 11 maggio 2011. URL consultato il 1º maggio 2012.
  397. ^ Zanetti, segnando al Tottenham aveva stabilito il record di marcatore più anziano della Champions League; ma Inzaghi con il gol al Real Madrid e Giggs con le reti allo Schalke 04 e al Benfica hanno poi migliorato il record.
  398. ^ a b (EN) Zanetti, Milito laud focused Inter in Fifa.com, 16 dicembre 2010. URL consultato il 13 maggio 2012.
  399. ^ a b c d Inter.it - Archivio: I primatisti, Inter.it. URL consultato il 21 maggio 2012.
  400. ^ FC Internazionale Milano, Uefa.com. URL consultato il 2 maggio 2012.
  401. ^ Raro stop per Zanetti in Uefa.com, 21 settembre 2010. URL consultato il 21 maggio 2012.
  402. ^ Dati sulla partita: Chelsea-Inter in Uefa.com, 13 marzo 2010. URL consultato il 21 maggio 2012.
  403. ^ Martín Mazur, Zanetti 100x100 in El Gráfico, 11 febbraio 2011, p. 35.
  404. ^ Stefano Arcangeli, Javier Adelmar Zanetti: Immenso Capitano in campo, vero Gentiluomo nella vita. in Ilnerazzurro.it, 24 marzo 2012. URL consultato il 21 maggio 2012.
  405. ^ Carmelo Bruno, Zanetti: “Ho la notte di Madrid nel cuore” in Spaziointer.it, 1º dicembre 2011. URL consultato il 1º maggio 2012.
  406. ^ a b Calcio, Argentina: Zanetti record, con Uruguay 145 presenze in Repubblica.it (Santa Fè), 15 luglio 2011. URL consultato il 21 maggio 2012.
  407. ^ (EN) 55 players shortlisted for FIFA FIFPro World XI 2010 in Fifpro.org, 25 novembre 2010. URL consultato il 31 ottobre 2012.
  408. ^ Assegnato a Javier Zanetti il Premio fedeltà dell'Aic in Tuttomercatoweb.com, 28 gennaio 2013. URL consultato il 28 gennaio 2013.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Javier Zanetti contro il CSKA Mosca nel 2010

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Germano Bovolenta, Sergio Gavardi; Umberto Zapelloni, Campionato io ti amo - Anni '90, Milano, La Gazzetta dello Sport, 2011, p. 241, ISSN 1974-8590.
  • Germano Bovolenta, Sergio Gavardi; Umberto Zapelloni, Campionato io ti amo - Anni 2000, Milano, La Gazzetta dello Sport, 2011, p. 241, ISSN 1974-8590.
  • Nicola Cecere, Il calcio di Javier Zanetti ai raggi X, Milano, La Gazzetta dello Sport, 2011, p. 98.

Libri[modifica | modifica wikitesto]

  • Enzo Catania, C'è solo l'Inter: cento anni di tormento ed estasi, Casale Monferrato, Piemme, 2008, p. 396, ISBN 978-88-384-8629-6.
  • John Foot, Calcio: 1898-2010. Storia dello sport che ha fatto l'Italia, Milano, Rizzoli, 2010, p. 651, ISBN 978-88-17-04133-1.
  • Javier Zanetti, Capitano e gentiluomo, Milano, Rizzoli, 2009, p. 220, ISBN 978-88-17-03299-5.
  • Javier Zanetti, Gianni Riotta, Giocare da uomo, Milano, Mondadori, 2013, p. 292, ISBN 978-88-04-63351-8.
  • Federico Pistone, Inter 1908-2008: un secolo di passione nerazzurra, Milano, Diemme, 2008, p. 779.
  • Oliviero Toscani, Inter! 100 anni di emozioni 1908-2008, Milano, Skira, 2008, p. 589, ISBN 88-6130-622-5.
  • Filippo Grassia, Gianpiero Lotito, Inter. Il calcio siamo noi, Milano, Sperling & Kupfer, 2010, p. 389, ISBN 978-88-200-4967-6.
  • Susana Wermelinger, Zanetti 757 - Record di fedeltà, Milano, Skira, 2011, p. 128, ISBN 978-88-572-1306-4.

Riviste[modifica | modifica wikitesto]

Videografia[modifica | modifica wikitesto]

  • I signori del calcio - Javier Zanetti, Sky Sport 1, 19 marzo 2009 55 min 42 s. URL consultato il 27 luglio 2012.
  • José Mourinho: il miglior allenatore del mondo, ESPN Classic, 20 aprile 2012, 1 h 5 min. URL consultato il 27 luglio 2012.
  • Niente paura, Cult, 19 luglio 2012, 1 h 28 min. URL consultato il 27 luglio 2012.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 251098867 LCCN: no2012083769