Alessandro Altobelli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Alessandro Altobelli
Alessandro Altobelli settembre 1977.jpg
Altobelli con la maglia dell'Inter nel 1977
Dati biografici
Nazionalità Italia Italia
Altezza 181[1] cm
Peso 74[1] kg
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Attaccante
Ritirato 1990
Carriera
Giovanili
Latina Latina
Squadre di club1
1973-1974 Latina Latina 28 (7)
1974-1977 Brescia Brescia 76 (26)
1977-1988 Inter Inter 317 (128)
1988-1989 Juventus Juventus 20 (4)
1989-1990 Brescia Brescia 32 (7)
Nazionale
1979-1980
1980
1980-1988
Italia Italia U-21
Italia Italia Olimpica
Italia Italia
2 (2)
3 (3)
61 (25)
Palmarès
W.Cup.svg  Mondiali di calcio
Oro Spagna 1982
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 19 luglio 2008

Alessandro Altobelli (Sonnino, 28 novembre 1955) è un ex calciatore e dirigente sportivo italiano, di ruolo attaccante. Campione del mondo nel 1982.

Soprannominato Spillo, è il miglior marcatore nella storia della Coppa Italia con 56 reti realizzate in 93 presenze.

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Club[modifica | modifica sorgente]

Alessandro Altobelli: 317 presenze e 128 reti in Serie A con l'Inter

Proveniente dalle giovanili del Latina, squadra della sua provincia natale, fu notato a metà degli anni settanta dal Brescia, che lo fece esordire in Serie B. Con il Brescia disputò tre stagioni a buon livello, nel corso delle quali il giovane attaccante laziale segnò complessivamente 26 gol.

Nell'estate del 1977 fu ingaggiato dall'Inter, squadra con la quale rimase per undici stagioni giocando 466 partite (317 in A, 80 in Coppa Italia e 69 in Europa), segnando 209 reti (128 in A, 46 in Coppa Italia e 35 in Europa), vincendo lo scudetto nella stagione 1979/80 e due Coppa Italia nel 1977/78 e nel 1981/82.

Terminata la lunga esperienza all'Inter, nel 1988 fu ingaggiato dalla Juventus. Altobelli rimase a Torino una sola stagione, nel corso della quale assommò, nonostante un infortunio piuttosto serio, 34 presenze (20 in A, 6 in Coppa Italia e 8 in Coppa UEFA), segnando 15 reti (4 in A, 7 in Coppa Italia e 4 in Coppa UEFA).

L'ultima stagione della sua carriera, nuovamente nel Brescia in Serie B, lo vide impiegato quasi a tempo pieno, chiudendo con 32 presenze e 7 gol. Nel giugno del 1990, a 34 anni, si ritirò.

Altobelli ha totalizzato complessivamente 337 presenze e 132 reti in Serie A, 108 presenze e 33 reti in Serie B e 93 presenze e 56 reti (record assoluto della competizione) in Coppa Italia.

Nazionale[modifica | modifica sorgente]

Dopo alcune presenze nella Nazionale Under-21 e in quella Olimpica (per la qualificazione, mancata, al torneo olimpico di Mosca 1980), venne convocato da Enzo Bearzot per l'Europeo 1980 in sostituzione di Paolo Rossi, indisponibile a seguito della squalifica inflittagli poche settimane prima dopo i fatti dello scandalo-scommesse. Esordì in Nazionale il 18 giugno 1980, a 24 anni, nella terza partita del girone contro il Belgio (0-0) disputata allo stadio Olimpico. Infine il 24 settembre di quell'anno mise a segno i suoi primi gol in Nazionale, realizzando una doppietta in un'amichevole contro il Portogallo.

Altobelli fu quindi grande protagonista del Mondiale 1982 in Spagna, che vide gli Azzurri vincitori. Nella finale vinta per 3-1 contro la Germania Ovest subentrò a Graziani all'inizio del primo tempo, e nella ripresa realizzò la terza rete dell'Italia, divenendo nell'occasione anche il primo giocatore subentrante a segnare nel corso della finale di un campionato del mondo.

Alessandro Altobelli con la maglia della Nazionale italiana.

Fece parte anche della spedizione al Mondiale 1986 in Messico, dove fu l'unico marcatore dell'Italia: in 4 partite segnò 4 dei 5 gol azzurri, causando inoltre un'autorete nella gara contro la Corea del Sud. Dopo il ritiro di Scirea, nel periodo 1986-1987 vestì diverse volte la fascia di capitano.

Venne infine convocato da Azeglio Vicini per l'Europeo 1988 in Germania, dove non partì titolare ma andò a segnò contro la Danimarca nella terza partita del girone e raggiunse la semifinale, poi persa per 2-0 contro l'URSS.

In 61 presenze in Nazionale segnò 25 gol, grazie ai quali è il sesto miglior marcatore azzurro della storia insieme a Baloncieri e Inzaghi dietro a Riva (35), Meazza (33), Piola (30), R. Baggio e Del Piero (27); in realtà, segnò 28 gol, in quanto realizzò una tripletta nella gara amichevole non ufficiale disputata allo Stadio Azteca di Città del Messico il 25 maggio 1986: Italia - Guatemala 4-0.

Dopo il ritiro[modifica | modifica sorgente]

Politica[modifica | modifica sorgente]

Sport[modifica | modifica sorgente]

Statistiche[modifica | modifica sorgente]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica sorgente]

Stagione Club Campionato
Comp Pres Reti
1973-74 Latina Latina C1 28 7
1974-75 Brescia Brescia B 16 2
1975-76 B 26 11
1976-77 B 34 13
Totale Brescia 76 26
1977-78 Inter Inter A 28 10
1978-79 A 29 11
1979-80 A 29 15
1980-81 A 29 12
1981-82 A 29 9
1982-83 A 30 15
1983-84 A 28 10
1984-85 A 30 17
1985-86 A 29 9
1986-87 A 28 11
1987-88 A 28 9
Totale Inter 317 128
1988-89 Juventus Juventus A 20 4
1989-90 Brescia Brescia B 32 7
Totale carriera 473 172

Cronologia presenze e reti in Nazionale[modifica | modifica sorgente]

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

Competizioni nazionali[modifica | modifica sorgente]

Inter: 1979-1980
Inter: 1977-1978, 1981-1982

Nazionale[modifica | modifica sorgente]

Spagna 1982
Austria e Italia 1993

Individuale[modifica | modifica sorgente]

Coppa delle Coppe 1978-1979 (7 gol)
Coppa Italia 1981-1982 (9 gol)

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Calciatori ‒ La raccolta completa Panini 1961-2012, Vol. 4 (1987-1988), Panini, 28 maggio 2012, p. 37.
  2. ^ Alessandro Altobelli transfermarkt

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]