Attilio Lombardo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Attilio Lombardo
Attilio Lombardo.jpg
Lombardo alla Sampdoria nel 1989
Dati biografici
Nazionalità Italia Italia
Altezza 175 cm
Peso 73 kg
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Allenatore (ex centrocampista)
Ritirato 2002 - giocatore
Carriera
Giovanili
Pergocrema Pergocrema
Squadre di club1
1983-1985 Pergocrema Pergocrema 38 (9)
1985-1989 Cremonese Cremonese 141 (17)
1989-1995 Sampdoria Sampdoria 201 (34)
1995-1997 Juventus Juventus 35 (2)
1997-1999 Crystal Palace Crystal Palace 48 (8)
1999-2001 Lazio Lazio 33 (2)
2001-2002 Sampdoria Sampdoria 34 (4)
Nazionale
1990-1997 Italia Italia 19 (3)
Carriera da allenatore
1998 Crystal Palace Crystal Palace All.Interim
2002-2005 Sampdoria Sampdoria Allievi Naz.
2005-2006 Sampdoria Sampdoria Primavera
2006-2007 Chiasso Chiasso
2007-2008 Sampdoria Sampdoria Osservatore
2008 Castelnuovo Castelnuovo
2008-2009 Legnano Legnano
2009 Spezia Spezia
2010-2012 Manchester City Manchester City Coll.Tecnico
2012-2013 Manchester City Manchester City All.Giovanile
2013-2014 Galatasaray Galatasaray Coll.Tecnico
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 30 settembre 2014

Attilio Lombardo (Santa Maria la Fossa, 6 gennaio 1966) è un allenatore di calcio ed ex calciatore italiano, di ruolo centrocampista, collaboratore tecnico di Roberto Mancini.

È uno dei cinque calciatori italiani (insieme a Giovanni Ferrari, Sergio Gori, Pietro Fanna e Aldo Serena) ad aver conquistato scudetti italiani con tre società differenti.

Per anni è stato simpaticamente apostrofato "Struzzo" dai compagni di squadra per il suo tipico incedere nella corsa. Nel periodo blucerchiato alla Sampdoria venne inoltre soprannominato "Popeye"[1].

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Inizi e la Cremonese[modifica | modifica wikitesto]

Nato in provincia di Caserta ma trasferitosi fin da bambino a Zelo Buon Persico[2], nel lodigiano, mosse i primi passi nel mondo del calcio professionistico in Serie C2, diciottenne, con la maglia del Pergocrema, passando poi nel 1985 alla Cremonese in Serie B.

A Cremona disputò quattro campionati cadetti, tra cui quelli sotto la guida di Tarcisio Burgnich, mettendosi in luce come ala destra, capace di incunearsi nelle difese avversarie, segnando un discreto numero di gol.

Sampdoria[modifica | modifica wikitesto]
Lombardo esulta dopo una sua rete con la Samp nella stagione 1990-1991, festeggiato dal compagno di squadra Gianluca Vialli.

Passò poi alla Sampdoria nel 1989, sotto la guida di Vujadin Boškov, per 4 miliardi di lire,[3] dove vinse la Coppa delle Coppe 1989-1990, lo storico scudetto nel 1990-1991, la Supercoppa italiana nel 1991 e la Coppa Italia 1993-1994 giocando insieme a Gianluca Vialli, Roberto Mancini, Pietro Vierchowod, Gianluca Pagliuca, Moreno Mannini, Fausto Pari, Luca Pellegrini, Srecko Katanec, David Platt e Ruud Gullit. Fu fra i giocatori cardine di quella squadra che diede lustro alla città di Genova, arrivando a conquistare anche la finale di Coppa dei Campioni contro il Barcellona nel 1991-1992, persa nei supplementari per un gol di Ronald Koeman.

Juventus[modifica | modifica wikitesto]

Passò nell'estate 1995 alla Juventus di Marcello Lippi per 10,5 miliardi di lire,[4] infortunandosi ad una gamba durante il precampionato (frattura di tibia e perone), che lo costrinse a stare a lungo fermo.[5] In bianconero vinse la Champions League 1995-1996 e lo scudetto 1996-1997.

Nel 1997, dopo l'avventura bianconera, si trasferì in Inghilterra, giocando una stagione e mezza al Crystal Palace che lo acquistò per 5,9 miliardi di lire.[6] Il 13 marzo 1998 assume la carica di allenatore ad interim fino al 29 aprile. Torna in Italia il 21 gennaio 1999 alla Lazio, dove rimane fino a gennaio 2001, contribuendo alla conquista dello scudetto 1999-2000, il terzo della sua carriera dopo quello con la Sampdoria e con la Juventus nel 1996-1997.

A gennaio del 2001 tornò alla Sampdoria allenata da Gigi Cagni, in Serie B, dove chiuse la carriera nel 2002.

Da calciatore professionista in campionato, nell'arco di 19 anni compresi tra il 1983 ed il 2002, collezionò 530 presenze e 76 reti.

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Lombardo vestì 18 volte la maglia della nazionale, a partire dal 1990 fino al 1997, durante la sua avventura inglese; tuttavia, in azzurro non ebbe mai molta fortuna, poiché gli si preferivano giocatori del calibro di Roberto Donadoni e Angelo Di Livio.

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Lombardo nel 2013, in veste di collaboratore tecnico di Roberto Mancini al Galatasaray.

Dopo la parentesi sulla panchina del Crystal Palace (dal 13 marzo al 29 aprile 1998), al ritiro dal calcio giocato inizia ad allenare le giovanili della Sampdoria: prima per tre stagioni gli Allievi Nazionali e nella stagione 2005-2006 la formazione Primavera. Lascia il ruolo il 18 luglio 2006.[7]

Dal 21 luglio 2006 è stato l'allenatore della squadra svizzera dell'FC Chiasso. La sua esperienza oltre il Ticino è terminata il 27 maggio 2007, quando ha rassegnato le dimissioni, ufficialmente per mancanza di stimoli.[8]

La stagione successiva lavora come osservatore per la Sampdoria, ma il 24 aprile 2008 diventa l'allenatore del Castelnuovo Garfagnana (serie C2 girone B), sostituendo il dimissionario Barbuti, a 180' dalla fine del campionato, e diventando il quarto allenatore (considerando anche la parentesi di Ceccarelli, vice di Barbuti) di una stagione tormentata per il Castelnuovo che riesce a salvarsi ai play-out. Si dimette il 27 maggio 2008.[senza fonte]

Il 28 maggio 2008 firma con il Legnano in Prima Divisione.

Termina il rapporto con i milanesi il 19 giugno 2009. Il 4 luglio dello stesso anno viene nominato ufficialmente nuovo allenatore dello Spezia, squadra militante in Lega Pro Seconda Divisione. Il 12 ottobre successivo si dimette dalla carica di allenatore dopo un pareggio contro l'Olbia; lascia la squadra al terzo posto in classifica.[9]

Il 17 luglio 2010 si accasa al Manchester City, guidato dall'ex compagno di squadra Roberto Mancini, per ricoprire il ruolo di osservatore degli avversari. Il 20 luglio 2012 diventa allenatore della selezione dell'Under-21 delle giovanili dei Citizen. Il 13 maggio 2012 festeggia, insieme a tutta la squadra, la vittoria (attesa da 44 anni) in premier league. In questa occasione sventola orgogliosamente una sciarpa della Sampdoria[10]. Il 15 maggio 2013 lascia il ruolo dopo l'esonero di Roberto Mancini, avvenuto due giorni prima.

Il 30 settembre 2013 si accasa al Galatasaray, seguendo Roberto Mancini, per ricoprire il ruolo di collaboratore tecnico.

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia presenze e reti in Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia completa delle presenze e delle reti in Nazionale - Italia Italia
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
22/12/1990 Limassol Cipro Cipro 0 – 4 Italia Italia Qual. Euro 1992 1
13/02/1991 Terni Italia Italia 0 – 0 Belgio Belgio Amichevole - Esce al 67'
05/06/1991 Oslo Norvegia Norvegia 2 – 1 Italia Italia Qual. Euro 1992 -
25/09/1991 Sofia Bulgaria Bulgaria 2 – 1 Italia Italia Amichevole - Esce al 57'
12/10/1991 Mosca URSS URSS 0 – 0 Italia Italia Qual. Euro 1992 - Entra al 58'
31/05/1992 New Haven Italia Italia 0 – 0 Portogallo Portogallo USA Cup - Entra al 34'
04/06/1992 Boston Italia Italia 2 – 0 Irlanda Irlanda USA Cup - Entra al 73'
06/06/1992 Chicago Stati Uniti Stati Uniti 1 – 1 Italia Italia USA Cup - Entra al 74'
22/09/1993 Tallinn Estonia Estonia 0 – 3 Italia Italia Qual. Mondiali 1994 - Esce al 46'
16/11/1994 Palermo Italia Italia 1 – 2 Croazia Croazia Qual. Euro 1996 -
21/12/1994 Pescara Italia Italia 3 – 1 Turchia Turchia Amichevole 1
25/03/1995 Salerno Italia Italia 4 – 1 Estonia Estonia Qual. Euro 1996 - Entra al 57'
29/03/1995 Kiev Ucraina Ucraina 0 – 2 Italia Italia Qual. Euro 1996 1 Esce al 73'
26/04/1995 Vilnius Lituania Lituania 0 – 1 Italia Italia Qual. Euro 1996 -
19/06/1995 Losanna Svizzera Svizzera 0 – 1 Italia Italia Centenario Fed.Svizzera - Esce al 77'
08/06/1997 Lione Italia Italia 3 – 3 Brasile Brasile Torneo di Francia -
11/06/1997 Parigi Italia Italia 2 – 2 Francia Francia Torneo di Francia -
10/09/1997 Tbilisi Georgia Georgia 0 – 0 Italia Italia Qual. Mondiali 1998 - Esce al 71'
Totale Presenze 18 Reti 3

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Sampdoria: 1990-1991
Juventus: 1996-1997
Lazio: 1999-2000
Sampdoria: 1993-1994
Lazio: 1999-2000
Sampdoria: 1991
Juventus: 1995
Lazio: 2000

Competizioni internazionali[modifica | modifica wikitesto]

Juventus: 1995-1996
Sampdoria: 1989-1990
Lazio: 1998-1999
Juventus: 1996
Lazio: 1999
Juventus: 1996

Individuale[modifica | modifica wikitesto]

1993-1994 (5 gol)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ http://www.sampdoria.it/samp-tv/memories-attilio-lombardo-il-popeye-blucerchiato.html
  2. ^ Pianeta-calcio.it
  3. ^ Calciatori ‒ La raccolta completa Panini 1961-2012, Vol. 6 (1989-1990), Panini, 11 giugno 2012, p. 10.
  4. ^ Calciatori ‒ La raccolta completa Panini 1961-2012, Vol. 12 (1995-1996), Panini, 23 luglio 2012, p. 10.
  5. ^ Gli eroi in bianconero: Attilio LOMBARDO - Tutto Juve
  6. ^ Calciatori ‒ La raccolta completa Panini 1961-2012, Vol. 14 (1997-1998), Panini, 6 agosto 2012, p. 10.
  7. ^ [1]
  8. ^ Tuttumercatoweb.com
  9. ^ Lalaziosiamonoi.it
  10. ^ (EN) US Tour: Lombardo joins coaching staff in mcfc.co.uk, 17 luglio 2010.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]