Emiliano Bonazzoli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Emiliano Bonazzoli
Dati biografici
Nazionalità Italia Italia
Altezza 192 cm
Peso 84 kg
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Attaccante
Squadra Este Este
Carriera
Giovanili
19??-1993
1993-1997
600px Giallo e Nero.png Voluntas
Brescia Brescia
Squadre di club1
1996-1999 Brescia Brescia 18 (0)
1999 Cesena Cesena 21 (1)
1999-2000 Brescia Brescia 35 (10)
2000 Parma Parma 1 (0)
2000-2001 Verona Verona 28 (7)
2001-2003 Parma Parma 35 (8)
2003-2005 Reggina Reggina 77 (17)[1]
2005-2009 Sampdoria Sampdoria 83 (16)
2009 Fiorentina Fiorentina 12 (1)
2009-2012 Reggina Reggina 94 (25)[2]
2013 Padova Padova 11 (3)
2013 Bianco e Nero.svg Marano 4 (0)
2014 Honved Honvéd 9 (0)
2014- Este Este 4 (0)
Nazionale
1996-1997
1996-1997
1998-1999
1998-2002
2006
Italia Italia U-17
Italia Italia U-18
Italia Italia U-20
Italia Italia U-21
Italia Italia
9 (7)
14 (2)
3 (0)
17 (8)
1 (0)
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 7 dicembre 2014

Emiliano Bonazzoli (Asola, 20 gennaio 1979) è un calciatore italiano, di ruolo attaccante dell'Este.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Inizi: Brescia e Cesena[modifica | modifica wikitesto]

Cresce calcisticamente nella Voluntas[3] e nel Brescia, con cui esordisce in Serie B nel 1997, all'età di 18 anni. Nella stagione successiva esordisce con le rondinelle anche in Serie A, militando nei ranghi della prima squadra per due anni, ma giocando solo in 18 occasioni, senza mai andare a segno. Nel mercato invernale del 1999 passa in prestito al Cesena, in Serie B, con cui riesce a segnare il suo primo gol in carriera. In Romagna trova una buona continuità, giocando in tutto 21 partite, e l'anno successivo torna al Brescia, nel frattempo retrocesso in serie cadetta. Promosso titolare della squadra, segna 10 gol in 35 incontri.

Parma e prestito all'Hellas Verona[modifica | modifica wikitesto]

Nell'estate 2000 viene acquistato a titolo definitivo dal Parma, facendo così ritorno in massima serie. Dopo un inizio faticoso, e una sola presenza in campionato, passa in prestito per sei mesi al Verona, squadra nella quale dimostra di valere la serie maggiore: nella stagione 2000-2001 segna infatti 7 reti in 28 partite, contribuendo alla salvezza del club scaligero. Il suo buon rendimento convince il Parma a confermarlo per la stagione 2001-2002, ma in un anno e mezzo Bonazzoli, complice la concorrenza di attaccanti più esperti e/o più avvezzi al gol, come Alberto Gilardino e Marco Di Vaio, non trova lo spazio necessario, disputando in tutto 35 partite e andando a segno 8 volte.

Reggina[modifica | modifica wikitesto]

Nel gennaio 2003 approda in prestito alla Reggina, inserendosi in un parco attaccanti che comprendeva già David Di Michele, Erjon Bogdani e Gianluca Savoldi. Subito promosso titolare, realizza 7 reti nella stagione regolare più un fondamentale gol nello spareggio salvezza contro l'Atalanta, a Bergamo; chiude la stagione, che si rivela la più prolifica a livello personale, con 11 segnature complessive. Complice la grande stagione in amaranto, viene riscattato dal club calabrese e confermato anche per la stagione 2003-2004, dove realizza due reti in 25 partite. Rimane a Reggio Calabria anche l'anno successivo, e, sotto la guida del neotecnico Walter Mazzarri, ritrova una buona continuità realizzativa, segnando 8 gol in 35 presenze, e contribuendo in modo decisivo al conseguimento del decimo posto in classifica.

Sampdoria[modifica | modifica wikitesto]

Dopo l'arrivo di Rolando Bianchi alla Reggina, il 14 agosto 2005 viene ingaggiato in prestito con diritto di riscatto dalla Sampdoria[4]. La prima stagione con la maglia blucerchiata inizia benissimo: nell'arco di tre mesi segna nove gol in 17 partite, tra cui quello del pareggio contro il Milan e quello con il Palermo, ma il 28 dicembre s'infortuna gravemente, durante l'allenamento pomeridiano, riportando una lesione parziale al legamento crociato anteriore del ginocchio destro[5]. Finisce così anzitempo la stagione, e la sua assenza contribuisce a un lungo periodo negativo di tutta la squadra, che chiude la stagione con soli 41 punti in classifica.

A fine campionato la Sampdoria acquista il suo cartellino che era a metà tra Parma e Reggina cedendo ai ducali Vitali Kutuzov più un conguaglio economico di circa 3.000.000 di euro[6]. Dopo un lungo periodo di riabilitazione, Bonazzoli ritorna in campo agli inizi di agosto, pur con qualche problema di tenuta fisica. Novellino lo tiene due volte fuori dalla formazione titolare per recuperare, e successivamente trova una buona continuità. Tuttavia, il 29 marzo 2007, dopo aver riportato la frattura di un dito della mano, è costretto a sottoporsi a una nuova operazione[7], e il 7 aprile si infortuna nuovamente, questa volta al legamento crociato del ginocchio sinistro[8], ed è quindi costretto a finire ancora una volta anzitempo la stagione.

Nel 2007-2008 gioca 30 partite in Serie A segnando un gol al Parma e uno al Livorno, e realizza anche una doppietta in Coppa Italia contro il Cagliari. Le soddisfazioni maggiori arrivano però in Europa, quando, il 18 settembre 2008, grazie alla doppietta rifilata ai lituani del FBK Kaunas[9], diventa il capocannoniere di tutti i tempi del club blucerchiato in Coppa UEFA, con 4 gol; e nella successiva trasferta di coppa contro il Partizan Belgrado, realizza il primo dei due gol della Sampdoria, ritoccando così il record a 5 reti.

Resta a Genova anche nella stagione seguente, iniziando la stagione con 9 presenze e nessuna rete segnata; ma il 14 gennaio 2009 passa in prestito con diritto di riscatto dell'intero cartellino alla Fiorentina, rientrando nella trattativa che porta Giampaolo Pazzini alla Sampdoria[10][11]. Con la maglia viola scende in campo complessivamente 12 volte e segna l'unico gol della sua stagione il 1º marzo 2009 proprio contro la sua ex squadra, la Reggina, su assist di Adrian Mutu. Il 30 giugno torna alla Sampdoria, non essendo stato esercitato il riscatto.

Ritorno alla Reggina[modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver considerato un trasferimento in Turchia, al Beşiktaş[12], il 14 luglio 2009 torna alla Reggina, in Serie B, che lo acquista a titolo definitivo[13]. Segna il suo primo gol in stagione il 27 ottobre contro il Lecce e replica il 5 dicembre contro l'Ascoli. Il 6 febbraio 2010 colleziona la presenza numero 100 in campionato in maglia amaranto (non tenendo conto dello spareggio contro l'Atalanta del 2003[14]). Chiude la stagione, pessima per la squadra e poco prolifica a livello personale, con 35 presenze e 4 reti.

Nell'estate 2010 sembra scontato il suo nuovo addio al club di Lillo Foti, complice la stagione deludente e l'oneroso ingaggio[15], ma il 17 agosto, Bonazzoli, con un gesto di grande attaccamento alla maglia amaranto, sceglie di dimezzarsi l'ingaggio (da 600000 euro a 300000) e rimanere alla Reggina[16], rinunciando praticamente ad un anno di contratto. Nella stagione 2010-2011 trova una grande media realizzativa, trascinando con 17 reti la squadra ai playoff, dove, nonostante, altri due gol, vede sfumare la Serie A nello spareggio contro il Novara. Il 12 ottobre 2012 rescinde il contratto che lo legava alla Reggina[17].

Padova[modifica | modifica wikitesto]

Il 28 novembre dopo essere rimasto svincolato raggiunge un accordo con la società biancoscudata. Tuttavia nel rispetto delle norme federali, l’accordo potrà essere formalizzato solo a partire dal 3 gennaio 2013.[18] Debutta con i biancoscudati il 23 febbraio 2013 nella sfida contro l'Empoli pareggiata (1-1), entrando all'89' minuto al posto di Manuel Iori. Segna il primo gol l'8 aprile nella sfida contro il Varese terminata (1-1). Il 30 marzo riporta una lesione di primo grado al retto femorale della gamba destra e di primo/secondo grado del soleo di sinistra, concludendo di fatto la stagione con tre giornate d'anticipo.[19]

Da Marano a Budapest[modifica | modifica wikitesto]

Il 6 settembre 2013 dopo essere rimasto svincolato raggiunge un accordo con il Marano, formazione vicentina, che milita in Serie D.[20][21] Debutta l'11 settembre nella sfida di Coppa Italia Serie D contro la Clodiense terminata 1-1 (4-5 dopo i calci di rigore).[22] A fine ottobre, dopo quasi due mesi, lascia la squadra vicentina.[23][24] Nella sessione di mercato di gennaio 2014 si trasferisce in Ungheria al Honvéd.[25][26]

Ritorno in Italia (Este)[modifica | modifica wikitesto]

Terminato il contratto con la squadra ungherese, si accorda con l'Este, formazione della Provincia di Padova che milita in Serie D.[27] In seguito agli insulti razziali verso l'arbitro nella partita Este-Correggese del 28 settembre 2014, viene squalificato per 10 giornate.[28]

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Ha fatto il suo esordio in Nazionale il 15 novembre 2006 in amichevole contro la Turchia (1-1).

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche aggiornate al 7 dicembre 2014.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
1996-1997 Italia Brescia B 1 0 CI 0 0 - - - - - - 1 0
1997-1998 A 12 0 CI 0 0 - - - - - - 12 0
1998-gen. 1999 B 5 0 CI 3 1 - - - - - - 8 1
gen.-giu. 1999 Italia Cesena B 21 1 CI - - - - - - - - 21 1
1999-2000 Italia Brescia B 35 10 CI 5 2 - - - - - - 40 12
Totale Brescia 53 10 8 3 - - - - - - 61 13
ago.-ott. 2000 Italia Parma A 1 0 CI 0 0 CU 1 2 - - 2 2
ott. 2000-2001 Italia Verona A 28 7 CI - - - - - - - - 28 7
2001-2002 Italia Parma A 27 5 CI 2 0 CU 7 3 - - 36 8
2002-gen. 2003 A 8 3 CI 2 1 CU 4 0 SI 1 0 15 4
Totale Parma 36 8 4 1 12 5 1 0 53 14
gen.-giu. 2003 Italia Reggina A 17+2[29] 7+1[29] CI - - - - - - - - 19 8
2003-2004 A 25 2 CI 1 0 - - - - - - 26 2
2004-2005 A 35 8 CI 0 0 - - - - - - 35 8
2005-2006 Italia Sampdoria A 17 9 CI 1 0 CU 6 1 - - - 24 10
2006-2007 A 27 4 CI 8 4 - - - - - - 35 8
2007-2008 A 30 2 CI 4 2 I+CU 0 0 - - - 34 4
2008-gen. 2009 A 10 0 CI 1 1 CU 5 4 - - - 16 5
Totale Sampdoria 83 16 14 7 11 5 - - 108 28
gen.-giu. 2009 Italia Fiorentina A 12 1 CI - - UCL+CU - - - - 12 1
2009-2010 Italia Reggina B 35 4 CI 3 0 - - - - - - 38 4
2010-2011 B 31+2[30] 17+2[30] CI 0 0 - - - - - - 33 19
2011-2012 B 28 4 CI 2 0 - - - - - - 30 4
ago.-ott. 2012 B - - CI - - - - - - - - - -
Totale Reggina 171+4 42+3 6 0 - - - - 181 45
gen.-giu. 2013 Italia Padova B 11 3 CI - - - - - - - - 11 3
set.-ott. 2013 Italia Marano D 4 0 CI-D 1 0 - - - - - - 5 0
gen.-giu. 2014 Ungheria Honvéd NB 9 0 MK - - UEL - - - - - 9 0
2014-2015 Italia Este D 4 0 CI-D 1 0 - - - - - - 5 0
Totale carriera 432+4 87+3 34 11 23 10 1 0 494 111

Cronologia presenze e reti in Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia completa delle presenze e delle reti in Nazionale - Italia Italia
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
15-11-2006 Bergamo Italia Italia 1 – 1 Turchia Turchia Amichevole -
Totale Presenze 1 Reti 0

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Parma: 2001-2002

Individuale[modifica | modifica wikitesto]

Coppa Italia 2006-2007 (4 gol)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ 79 (18) se si comprende lo spareggio salvezza.
  2. ^ 96 (25) se si comprendono i play-off.
  3. ^ Corini e Agliardi i bravi ragazzi dell'oratorio in La Gazzetta dello Sport, 21 settembre 2006, p. 30.
  4. ^ Ufficiale: Bianchi dall'Atalanta alla Reggina, tuttomercatoweb.com, 14 agosto 2005. URL consultato il 25 febbraio 2012.
  5. ^ Bonazzoli: lesione ai legamenti del ginocchio, stagione finita, gazzetta.it, 1º gennaio 2006. URL consultato il 25 febbraio 2012.
  6. ^ La Sampdoria rileva l' intero cartellino di Bonazzoli, che era a metà tra Parma e Reggina cedendo agli emiliani Kutuzov, e ai calabresi circa 3 milioni, gazzetta.it, 2 giugno 2006. URL consultato il 25 febbraio 2012.
  7. ^ Sampdoria: si opera Bonazzoli, tuttomercatoweb.com, 29 marzo 2007. URL consultato il 25 febbraio 2012.
  8. ^ Sampdoria, per Bonazzoli si riapre il baratro, tuttomercatoweb.com, 7 aprile 2007. URL consultato il 25 febbraio 2012.
  9. ^ Si risveglia Bonazzoli e la Samp vola in Europa, qn.quotidiano.net, 18 settembre 2008. URL consultato il 25 febbraio 2012.
  10. ^ Ufficiale: Pazzini alla Samp, Bonazzoli in prestito ai viola, gazzetta.it, 14 gennaio 2009. URL consultato il 25 febbraio 2012.
  11. ^ Ufficiale: Pazzini alla Samp, Bonazzoli alla Fiorentina, tuttomercatoweb.com, 14 gennaio 2009. URL consultato il 25 febbraio 2012.
  12. ^ Samp, Bonazzoli piace al Besiktas, tuttomercatoweb.com, 11 luglio 2009. URL consultato il 25 febbraio 2012.
  13. ^ Bonazzoli torna alla Reggina, calcioline.com, 14 luglio 2009. URL consultato il 19 maggio 2014.
  14. ^ Nella stagione 2002-2003 con la Reggina ha giocato anche 2 gare di spareggio per la permanenza in Serie A contro l'Atalanta, siglando anche una rete.
  15. ^ Sportitalia - Reggina, Bonazzoli sempre più lontano, tuttomercatoweb.com, 22 luglio 2010. URL consultato il 25 febbraio 2012.
  16. ^ Bonazzoli sposa la Reggina, regginacalcio.com, 17 agosto 2010. URL consultato il 25 febbraio 2012.
  17. ^ Bonazzoli: "Ho rescisso con la Reggina. Vorrei andare all'estero. Pur di giocare stavo andando in Israele. Ecco i giovani che mi hanno colpito in Serie B", tuttomercatoweb.com. URL consultato il 12 ottobre 2012.
  18. ^ Calcio Padova – Bonazzoli, raggiunto l’accordo, padovacalcio.it. URL consultato il 28 novembre 2012.
  19. ^ Ultime da Bresseo: out Bonazzoli e Cuffa, padovacalcio.it. URL consultato il 30 aprile 2013.
  20. ^ Serie D, Bonazzoli riparte con il Marano, tuttomercatoweb.com. URL consultato il 7 settembre 2013.
  21. ^ Serie D, il Marano prende Bonazzoli, ilgiornaledivicenza.it. URL consultato il 7 settembre 2013.
  22. ^ Bonazzoli, buone impressioni al debutto con il Marano, padovasport.tv. URL consultato il 12 settembre 2013.
  23. ^ Bonazzoli lascia il Marano, rottura con il presidente, padovasport.tv. URL consultato il 29 ottobre 2013.
  24. ^ Marano, liberato Emiliano Bonazzoli. Per lui ipotesi Cittadella..., venetogol.it, 29 ottobre 2013. URL consultato il 22 maggio 2014.
  25. ^ (HU) Emiliano Bonazzoli aláírt, honvedfc.hu. URL consultato il 18 gennaio 2014.
  26. ^ Ecco la firma di Bonazzoli con l'Honved, tuttomercatoweb.com. URL consultato il 18 gennaio 2014.
  27. ^ Bonazzoli riparte dall'Este, padovasport.tv. URL consultato il 25 luglio 2014.
  28. ^ Serie D, Bonazzoli: 10 giornate di squalifica per insulti razzisti, sportmediaset.mediaset.it. URL consultato il 1º ottobre 2014.
  29. ^ a b Spareggio Salvezza.
  30. ^ a b Play-off.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]