Chioggia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Chioggia
comune
Chioggia – Stemma Chioggia – Bandiera
Chioggia – Veduta
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Veneto-Stemma.png Veneto
Provincia Provincia di Venezia-Stemma.png Venezia
Amministrazione
Sindaco Giuseppe Casson (centrosinistra) dal 30-5-2011
Territorio
Coordinate 45°13′00″N 12°17′00″E / 45.216667°N 12.283333°E45.216667; 12.283333 (Chioggia)Coordinate: 45°13′00″N 12°17′00″E / 45.216667°N 12.283333°E45.216667; 12.283333 (Chioggia)
Altitudine m s.l.m.
Superficie 185,20 km²
Acque interne 67,63 km² (36,52%)
Abitanti 50 674[1] (31-12-2010)
Densità 273,62 ab./km²
Frazioni Brondolo, Borgo San Giovanni, Cà Bianca, Cà Lino, Cà Pasqua, Cavanella d'Adige, Isolaverde, Sant'Anna di Chioggia, Sottomarina, Valli
Comuni confinanti Campagna Lupia, Cavarzere, Codevigo (PD), Cona, Correzzola (PD), Loreo (RO), Rosolina (RO), Venezia
Altre informazioni
Cod. postale 30015
Prefisso 041
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 027008
Cod. catastale C638
Targa VE
Cl. sismica zona 4 (sismicità molto bassa)
Cl. climatica zona E, 2 313 GG[2]
Nome abitanti chioggiotti, chiozzotti o clodiensi
Patrono Santi Felice e Fortunato
Giorno festivo 11 giugno
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Chioggia
Posizione del comune di Chioggia nella provincia di Venezia
Posizione del comune di Chioggia nella provincia di Venezia
Sito istituzionale

Chioggia (Cióxa /'ʧo:za/ in veneto chioggiotto[3]) è un comune italiano di 50.674 abitanti[1] della provincia di Venezia in Veneto.

È il settimo comune della regione Veneto per popolazione e il primo fra i comuni non capoluogo[4].

Geografia fisica[modifica | modifica sorgente]

Territorio[modifica | modifica sorgente]

Il comune di Chioggia si trova su di una piccola area peninsulare adriatica fra la Laguna Veneta e il Delta del Po, a circa metà strada tra Venezia e Ferrara, e a circa 50 km da Padova e Rovigo, con le cui province il comune confina direttamente.

Il centro storico della città sorge all'estremità meridionale della laguna, su di un gruppo di isolette divise da canali e collegate fra loro da ponti. Differentemente da Venezia, la gran parte dell'area è percorribile da automobili e mezzi pubblici.

Con la vicina Sottomarina, situata nel tratto di terra che divide la laguna dal mare, forma un unico centro urbano grazie alla creazione dell'Isola dell'Unione e del suo omonimo ponte che taglia la laguna del Lusenzo.

Il resto del comune è localizzato nell'entroterra e va a comprendere le foci del Brenta ed Adige, con numerosi altri fiumi minori e canali, a Sud e il litorale interno lagunare fino alla Valle di Millecampi a Nord-Ovest di Chioggia. Rilevante è inoltre la presenza della riserva naturale Bosco Nordio fra le due frazioni di Sant'Anna e Cavanella d'Adige, che fornisce un raro esempio di quella che era la macchia del litorale alto adriatico che nei tempi antichi contraddistingueva gran parte del territorio di tutto il Golfo di Venezia[5].

Per quanto riguarda il rischio sismico, Chioggia è classificata nella zona 4, ovvero rischio molto basso.[6]

Clima[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Stazione meteorologica di Chioggia.

Il Clima di Chioggia è quello tipico della Pianura Padana anche se con temperature un po' più miti per via della vicinanza al mare. In base alla media trentennale di riferimento 1961-1990, la temperatura media del mese più freddo, gennaio, si attesta a +2,9 °C, quella del mese più caldo, luglio, è di +23,8 °C[7]. Le precipitazioni si fanno più intense in primavera ed autunno mentre in inverno la neve non è molto frequente e duratura a causa del salso proveniente dal mare e dalle acque lagunari. La nebbia d'inverno e l'afa d'estate sono frequenti grazie anche all'elevata umidità della zona. I Venti principali sono la Bora, lo Scirocco, che causa il fenomeno dell'acqua alta, ed il Libeccio.

Dal punto di vista legislativo, il comune di Chioggia ricade nella "Fascia climatica E" con 2.313 gradi giorno[8], dunque il limite massimo consentito per l'accensione dei riscaldamenti è di 14 ore giornaliere dal 15 ottobre al 15 aprile.

CHIOGGIA Mesi Stagioni Anno
Gen Feb Mar Apr Mag Giu Lug Ago Set Ott Nov Dic Inv Pri Est Aut
T. max. mediaC) 5,1 6,7 10,8 15,9 20,9 24,4 27,3 26,7 23,1 17,7 11,2 6,5 6,1 15,9 26,1 17,3 16,4
T. min. mediaC) 0,7 1,7 5,5 9,7 14,1 17,5 20,2 19,9 17,1 12,1 7,1 2,3 1,6 9,8 19,2 12,1 10,7
Acqua Alta a Chioggia con le passerelle installate, sullo sfondo la Loggia dei Bandi e il Monte di Pietà

Anche Chioggia è colpita dai picchi di marea particolarmente pronunciati (noti in tutto il mondo con il termine Acqua alta) che si verificano con particolare intensità nella laguna di Venezia, tali da provocare allagamenti nelle aree urbane. Generalmente quando il fenomeno dell'acqua alta colpisce Venezia, Chioggia segue le stesse sorti, senza però far nascere un significativo impatto mediatico, ma con identiche conseguenze negative a case, palazzi e attività commerciali.

Il fenomeno dell'acqua alta è fronteggiato con un determinato protocollo atto a prevenire gli effetti negativi derivanti dal fenomeno stesso: le acque sono monitorate costantemente dal Centro Maree del Comune di Venezia che coordina il sistema di allertamento di base caratterizzato dall'allarme acustico di tipo elettromeccanico, il suo suono segnala una marea superiore ai 110 cm; l'eventuale ripetizione avvisa di una previsione superiore ai +140 cm ed una terza ripetizione è associata alla previsione di superamento di quota +160 cm.

Il sistema di difesa alle acque alte prevede un servizio di posa passerelle come avviene a Venezia, il servizio segue un preciso protocollo che determina i percorsi rialzati in relazione all'altezza della marea. Il fenomeno è inoltre fronteggiato dal Baby Mose, costituito da paratie mobili situate nei canali di accesso alla città allo scopo di impedire alle maree sostenute di inondare il Centro della Città, ad esclusione delle acque alte eccezionali che saranno fronteggiate dal MOSE, opera ancora in fase di costruzione.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Le origini[modifica | modifica sorgente]

La leggenda sulle origini di Chioggia si collega a quella di Enea, mitico eroe troiano fuggito alla distruzione di Troia che navigò per il Mediterraneo per poi stanziarsi nel Latium. Con Enea partirono anche Antenore, Aquilio e Clodio che, a metà del viaggio, si separarono dal loro concittadino per dirigersi verso la laguna veneta fondando rispettivamente Padova, Aquileia e Clodia. A prova di questa mitica fondazione vi è il simbolo della città, un leone rampante rosso su argento, scelto da Clodio stesso in ricordo della sua città natale, ed il nome della città stessa.

Da ritrovamenti archeologici[9] e studi recenti[10], si può ipotizzare la nascita della città intorno al 2000 a.C. dai Pelasgi, popolo di navigatori originario della Tessaglia, che avrebbero colonizzato numerose città nelle coste Adriatiche. Il nome Chioggia quindi deriverebbe da Cluza, "costruita artificialmente", da spiegare con la natura insulare-lagunare della città che senza modificazioni umane sarebbe stata sommersa dalle acque ad ogni alta marea. Altri nomi presenti nella città sono di indubbia origine preellenica, come Lusenzo canale e laguna che si trova fra Chioggia e Sottomarina, Bebe, antica torre che serviva da avamposto al confine fra territorio Veneziano e Padovano, Perotolo ed Evrone.[11]

I primi insediamenti della città di Chioggia, quindi, sono da localizzarsi verso l'attuale foce del Brenta, che all'epoca era un'altra delle porte della laguna, con il nome di Brondolo, nelle isoletta di Vicus a levante della Fossa Clodia, canale che corrisponde ora alla Laguna del Lusenzo, e nell'Evrone, che corrisponde a porto di Chioggia.[12]

Storia antica[modifica | modifica sorgente]

Certo è che la città fosse già presente in età romana.[13] Ne è prova la struttura tipica del reticolato geometrico che contraddistingue Chioggia, formata da un "Cardo", l'attuale Corso del Popolo, e da un "Decumanus". Come per tutte le città venete, Chioggia faceva parte della "decima regio", che comprendeva anche l'Istria.

Le prime fonti storiche ci provengono da Plinio il Vecchio che "Naturalis Historia", descrive la zona lagunare veneta come "la terra dei fiumi" dicendo inoltre che:

« "... risalendo dal Delta Padano, dopo Adria, porto etrusco che aveva dato il nome al Mare Adriatico, si incontrano le foci originate dalla sovrabbondanza di acque dette "Fosse Filistine" nelle quali si riversano l'Adige che scende dalle Alpi tridentine ed il Togisono (Bacchiglione) che scende dalle campagne di Padova. Parte di queste acque alimenta anche il porto di Brondolo, come i due Meduaci, Minor e Major (i due rami del Brenta) ed il Bacino di Chioggia (Fossa Clodia-Canal Lombardo) alimentano il Porto Evrone. A queste acque si mescolano anche quelle del Po»
(Plinio il Vecchio, Naturalis Historia)

Chioggia era importante soprattutto per le sue saline e il suo centro di produzione del "Sal Clugiae" considerato uno dei più pregiati da Cassiodoro e Plinio stesso. Nonostante ai giorni nostri non vi siano più saline in funzione, in antichità la produzione di sale era l'attività più importante per l'economia della città che impegnava quindi gran parte della popolazione e delle forze a disposizione. Nelle acque di Chioggia vi erano fino a 72 recinti acquei, detti anche "fondamenti di salina", che andavano dal porto della città alle rive adiacenti ai domini Padovani, che riuscivano a produrre circa 216 volte il bisogno dell'intera popolazione per un anno.[14] Il sale prodotto infatti era indispensabile per i commerci e il suo pregio permetteva agli abitanti di poter acquistare qualsiasi altra merce difficile da reperire nelle terre lagunari. Il "Sal Clugiae", sale di Chioggia, era considerato un bene dello Stato, che porterà la confederazione veneziana a combattere numerose volte contro Padovani, Ferraresi, Romagnoli e Bolognesi, in quanto imposto come unica merce di scambio per i commerci, a discapito di altri tipi di sale meno rinomato.[14]

Con il lento declino dell'Impero Romano, cominciarono ad arrivare anche le prime popolazioni barbare che in molte occasioni non si fecero scrupoli nel razziare e devastare le ricche terre dei Romani. I primi a invadere il veneziano furono i Visigoti che nel 401 d.C., comandati dal loro Re Alarico, cercarono di spingersi fino al Piemonte subendo però numerose sconfitte, mentre nel 404 seguirono Alani e Vandali. Solo 7 anni dopo, i Visigoti ritornano in Italia e scendendo dalla Venezia arrivano fino a Roma prendendola e saccheggiandola.

Tra tutte le invasioni, la più memorabile è quella degli Unni nel 452 d.C. che, comandati da Attila, presero e distrussero Aquileia, Padova, Verona e numerose altre terre della regione. La paura suscitata da tale violenza, portò ad un grande fenomeno di migrazioni delle popolazioni dell'entroterra verso le isole lagunari portando al gran popolamento delle città già esistenti e alla nuova fondazione di città come Rivo Alto, prima pallida comparsa della futura e gloriosa Venezia. Numerose furono le famiglie Padovane, Monselicesi e Atestine che si trasferirono a Brondolo prima e a Chioggia creando quello che sarebbe stato il tessuto sociale principale dei secoli a venire.[15]

Storia medioevale[modifica | modifica sorgente]

L'orologio della torre di S.Andrea, il più antico al mondo (recenti studi hanno dimostrato la sua pre-esistenza a quello di (Salisbury)[16], Gran Bretagna

Nel 568, il popolo dei Longobardi fece la sua comparsa nel suolo italico scendendo dalle Alpi Giulie e passando nella Venezia comandati dal loro Re Alboino. In meno di un secolo si ebbe, quindi, la fine dell'Impero Romano d'Occidente, la dominazione Erula, quella Ostrogota, quella Bizantina e infine l'inizio di quella Longobarda. Per quanto riguarda Chioggia e le altre città lagunari fino a Grado, furono si dominate dalle popolazioni precedentemente nominate, eccezion fatta per i Longobardi che non riuscirono mai a conquistare i territori, ma mantennero comunque un importante indipendenza, causata dalla dipendenza del lontano Impero di Costantinopoli. Si formò così il primo Stato veneziano, composta dalle più grandi città del litorale adriatico governate da tribuni. Le isole più cospicue erano: Grado, Bibione, Caorle, Eraclea, Equilio, Torcello, Murano, Rialto, Malamocco, Poveglia, Chioggia Maggiore e Chioggia Minore. Le Chioggia Maggiore corrispondeva all'attuale Chioggia all'interno della laguna, mentre la minore corrispondeva pressappoco all'attuale Sottomarina vecchia affacciata sul mare. Ogni città era autonoma e governata indipendentemente, salvo alcuni casi di interesse comune dove le decisioni erano prese di comune accordo.

Per cercare di fronteggiare le invasioni da parte dei Longobardi che abitualmente si presentavano nelle terre veneziane, nel 697 si riunirono ad Eraclea tutti i tribuni, nobili e vescovi delle città. Da tale consiglio ne uscì una nuova magistratura che fino alla caduta della Serenissima, resterà la più alta carica istituzionale: il Doge. Grazie al primo Doge, Paoluccio Anafesto, i confini della Repubblica furono finalmente definiti con esattezza ufficializzando l'indipendenza delle terre lagunari. Chioggia quindi poté stabilire i suoi domini dal porto stesso della città fino alle sponde dell'Adige, e dal mare di Bebe a Conche con la libertà di coltivare, pescare, fabbricare e piantare saline.

Palazzi in stile veneziano dai colori vivaci si affacciano sul Canal Vena, che taglia longitudinalmente Chioggia ed è uno dei più pittoreschi della città

Con la fine del Regno Longobardo, iniziò quello dei Franchi con a capo Carlo Magno, che assegno il regno d'Italia a suo figlio Pipino nel 781 d.C. L'indipendenza della Repubblica non era ben gradita al nuovo Re tanto che nell'809 dichiarò guerra alla confederazione veneta assalendo tutte le isole che davano sul mare, comprese le due Chiogge che assalite per terra e per acqua non poterono resistere a lungo. Fortunatamente i bassi canali lagunari riuscirono a fermare Pipino che non riuscì quindi a conquistare la sede dogale, che era stata per l'occasione spostata a Rialto. Al termine del conflitto la Repubblica Veneta era salva, anche se gravemente colpita in molte sue città, tra le quali Malamocco che non riuscì più a riprendersi fino a quasi scomparire del tutto in pochi secoli. Per Rialto invece fu l'inizio dell'ascesa, con le migrazioni che seguirono la piccola isoletta si ingrandì al punto che venne designata come città rappresentativa di tutti i veneti cambiando il suo nome in Venezia.

Con la calata degli Ungari Chioggia subì un'altra pesante distruzione in meno di cent'anni, dato che dopo la guerra di Pipino, non ci furono più allestimenti di difesa a Sud della città. I chioggiotti si trovarono a fronteggiare l'armata ungara completamente da soli, poiché la difesa veneta si radunò ad Albiola, attuale San Piero in volta.

Chioggia faceva allora parte della diocesi di Malamocco, antica capitale della Repubblica, ma una serie di eventi naturali quali l'abbassamento del suolo, burrasche eccezionali e l'erosione del mare, cancellarono lentamente la città che si spopolò e finì sommersa. Essendo diventata Chioggia la città più importante della diocesi, nel 1110 si decise di spostare la sede vescovile proprio nella città del sale, portando anche le reliquie dei santi martiri Felice e Fortunato, ancora oggi patroni della città.

Negli anni a seguire per Chioggia ci fu un periodo di prosperità, intervallato da qualche piccola guerra con i rivali Padovani e Trevigiani e dall'arrivo del Barbarossa che nella città firmò il "trattato Clodiano" nel 1177, preliminare di quello di Venezia che sancì un breve periodo di pace fra Impero e Comuni italiani. Dal punto di vista politico ed amministrativo, si passò dai tribuni al podestà, un messo della città di Venezia rappresentante della Repubblica nelle città più importanti, che segnò l'inizio della supremazia di Venezia sulle politiche interne delle altre città venete.

Notizie storiche[modifica | modifica sorgente]

Canal Vena -pittoreschi comignoli

Una pagina importante della storia della città avvenne durante la cosiddetta guerra di Chioggia (rievocata nel Palio della Marciliana), l'ultimo scontro tra Repubblica di Genova e Serenissima Repubblica di Venezia.

Nel 1379 la città cadde in mano a Genova, per poi essere riconquistata dall'intervento veneziano nel 1380.

Nel 1438 venne fondato quello che è considerato il primo cantiere navale del mondo, il Cantiere navale Camuffo, trasferito poi nel 1840 a Portogruaro.

Chioggia fece parte della Repubblica di Venezia fino al 1797, anno in cui cadde in mano alle truppe di Napoleone Bonaparte.

Nel 1812 Domenico Poli fondò a Chioggia il Cantiere Navale Poli.

In seguito al trattato di Campoformio, nel 1798, la città passò in mano all'Austria, sotto la cui sovranità rimase tranne che per un breve periodo in cui subentrarono nuovamente i francesi, fino al 1866, anno in cui Chioggia venne annessa al nascente Stato Italiano alla fine della terza guerra di indipendenza, quando, malgrado le sconfitte militari subite dalle forze italiane, con la notevole eccezione delle formazioni garibaldine, grazie all'alleanza con la Prussia, il governo austriaco fu costretto a cedere il Veneto e parte dell'odierno nordest all'Italia.

Durante la seconda guerra mondiale rischiò il bombardamento a tappeto da parte dell'aviazione alleata. Solo grazie alla rivolta dei cittadini i nazifascisti si arresero e il 27 aprile 1945 la città venne liberata dalle forze alleate.

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

La città di Chioggia è la quindicesima fra le ventisette città decorate con Medaglia d'Oro come "Benemerite del Risorgimento nazionale" per le azioni altamente patriottiche compiute dalla città nel periodo del Risorgimento italiano, ovvero tra i moti insurrezionali del 1848 e la fine della prima guerra mondiale (1918).

Medaglia alle Città Benemerite del Risorgimento Nazionale - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia alle Città Benemerite del Risorgimento Nazionale
«In ricompensa del valore dimostrato dalla cittadinanza nell'episodio militare dal 22 al 23 marzo 1848 ed in genere nella difesa dell'estuario veneto. Chioggia insorgeva il 18 marzo 1848; il 23 gli Austriaci abbandonarono la città, nella quale venne proclamata, il 24, la Repubblica. Di qui in avanti, Chioggia seguì le sorti di Venezia.»

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica sorgente]

Palazzo Municipale e Loggia dei Bandi invase dall'acqua alta.

Carlo Goldoni - che abitò per alcuni anni a Palazzo Poli - ha ambientato in questa città una delle sue commedie più conosciute, Le baruffe chiozzotte, rappresentata per la prima volta al Teatro San Luca di Venezia nel 1762.

Così lo stesso Goldoni la descrive[17] nella prefazione alle Baruffe:

« Chiozza è una bella e ricca città venticinque miglia distante da Venezia, piantata anch'essa nelle Lagune, isolata ma resa Penisola per via di un lunghissimo ponte di legno, che comunica colla Terraferma. Ha un Governatore con il titolo di Podestà, ch'è sempre di una delle prime Case Patrizie della Repubblica di Venezia, a cui appartiene. Ha un Vescovo colà trasportato dall'antica sede di Malamocco. Ha un porto vivissimo e comodo e ben fortificato. Evvi il ceto nobile, il civile ed il mercantile. Vi sono delle persone di merito e di distinzione. Il Cavaliere della città ha il titolo di Cancellier Grande, ed ha il privilegio di portare la veste colle maniche lunghe e larghe, come i Procuratori di San Marco. Ella in somma è una città rispettabile. »
(Carlo Goldoni, Le baruffe chiozzotte)
Chiesa e campanile di S.Andrea apostolo situate nel Corso del Popolo.

Il centro storico di Chioggia, se osservato dall'alto, appare a forma di lisca di pesce. La città viene denominata la Piccola Venezia per le caratteristiche urbanistiche della zona antica molto simile a quella di Venezia, il capoluogo veneto a cui la città è collegata.

A Chioggia - sorta di isola collegata alla terraferma da poche strade - sono presenti, quindi, al pari di Venezia, calli, campi e canali. Il principale - dal punto di vista turistico, per la tipicità dei palazzi e delle chiese che vi si affacciano - è il citato Canal Vena, attraversato da nove ponti, per molti versi simili a quelli presenti a Venezia.

Il più imponente è il Ponte Vigo che chiude il canale a ridosso della laguna conducendo alla piazza omonima prospiciente la stazione dei battelli diretti a Pellestrina e nella quale troneggia un'alta colonna sormontata dal leone marciano, simbolo dell'orgoglio veneto ma ironicamente chiamato dai veneziani el gato (il gattone) perché di dimensioni molto inferiori a quelle del leone di Venezia, causa di forti litigi, le famose "baruffe", tra veneziani e chioggiotti, questi ultimi ritenendosi offesi dal disprezzo che tale appellativo preclude.

Gli altri canali che attraversano o racchiudono perpendicolarmente Chioggia sono il Canal Lusenzo, a sud, il Canal Lombardo, a ovest, e il Canale San Domenico, a est. La parte più esterna della città viene chiamata Riva Mare anche se in realtà non si affaccia sulla laguna; il nome deriva dalla sua posizione protesa, appunto, in direzione del mare[18].

Architetture religiose[modifica | modifica sorgente]

La porta di Santa Maria, accesso meridionale alla città.
Il capolinea degli autobus dell'Isola dell'Unione

Numerose sono le chiese cattoliche presenti nel territorio.

Cattedrale di Santa Maria Assunta[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Cattedrale di Santa Maria Assunta (Chioggia).

Santa Maria Assunta è il duomo di Chioggia e la cattedrale della diocesi omonima.

Basilica di San Giacomo Apostolo[modifica | modifica sorgente]

La Basilica contiene il ceppo su cui (secondo una leggenda popolare) si sedette Maria con in braccio Cristo morto, e il quadro che, sempre secondo la tradizione, ritrae la scena (dell'artista non si sa il nome perché si pensa fosse un dono del Divino). La chiesa contiene anche alcuni affreschi e le sculture dei "Sette Doni". Vicino alla Basilica si trovano la Pinacoteca e la Chiesa dei Rossi, o della Santissima Trinità, con un chiostro privato all'interno.

Chiesa di Sant'Andrea[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Orologio della Torre di Sant'Andrea.

La chiesa di Sant'Andrea, risalente al XVIII secolo, ha al suo fianco una torre in stile romanico - detta Torre dell'Orologio - risalente all'XI-XII secolo e, un tempo, torre di difesa e di avvistamento militare. Possiede al suo interno l'orologio da torre più antico al mondo realizzato da Giovanni Dondi dell'Orologio (recenti studi hanno dimostrato la sua pre-esistenza a quello di Salisbury)[16]. All'interno dell'edificio religioso è presente una Crocifissione di Palma il Vecchio (1480-1528) e il battistero attribuito al Sansovino.

Chiesa della Santissima Trinità[modifica | modifica sorgente]

Il complesso si è sviluppato a partire dal 1528 per iniziativa della Confraternita dei Battuti del Santissimo Crocifisso, che venerava l'antico "crocifisso snodabile" in nicchia sopra l'armadio, alla parete di fondo. L'Oratorio fu costruito nella seconda metà del Cinquecento, mentre il soffitto fu tappezzato di ‘telerì tra il 1596 e il 1602 con dipinti di Palma il Giovane, Pietro Damini e Andrea Vicentino. Nel 1703-1707 fu costruita l'attuale chiesa, a croce greca, in luogo di quella cinquecentesca, ormai fatiscente. Ospita oggi la pinacoteca della città.

Chiesa di San Domenico - Santuario del Cristo[modifica | modifica sorgente]

La chiesa sorge su una piccola isola, separata da Chioggia dal canale di San Domenico. La fondazione della chiesa risale al XIII secolo e fu amministrata prima dai domenicani e poi dai gesuiti. La chiesa fu radicalmente modificata nel '700 e nell''800. L'interno della chiesa è a singola navata, con presbiterio ed alcune cappelle laterali. Vi sono conservati alcuni dipinti di pregio, tra cui San Paolo stigmatizzato, ultima opera conosciuta di Vittore Carpaccio e Crocefisso che parla a San Tommaso d'Aquino del Tintoretto.

Società[modifica | modifica sorgente]

Evoluzione demografica[modifica | modifica sorgente]

Abitanti censiti[19]

Particolarità dei cognomi[modifica | modifica sorgente]

Chioggia rappresenta un caso demografico unico in Italia: l'elevatissimo tasso di omonimia tra i due cognomi principali, Boscolo e Tiozzo (più di diecimila residenti portano questi cognomi), ha indotto l'ufficializzazione nel registro dell'anagrafe dei detti, soprannomi popolari utilizzati in tutto il Veneto per distinguere i vari rami di una stessa famiglia. In ogni documento ufficiale, patente di guida e carta d'identità compresi, questi detti- alcuni dei quali molto bizzarri - vengono dunque inseriti a tutti gli effetti di legge, accompagnando la vita giuridica dell'interessato[20].

Per fare alcuni esempi, dei Boscolo si distinguono, tra gli altri, i Forcola, i Bachetto, gli Anzoletti, i Gioachina, i Cegion, i Bariga; dei Tiozzo i Caenazzo, i Fasiolo, i Napoli, i Campanaro, i Brasiola, i Pagio.

Cultura[modifica | modifica sorgente]

Istruzione[modifica | modifica sorgente]

Università[modifica | modifica sorgente]

Dal 2001[21] Chioggia ospita una sede distaccata dell'Università degli Studi di Padova, nel Palazzo Grassi situato sulla riva del canal Vena, non molto distante da Ponte Vigo. Questa sede accoglie il corso di studi in Biologia Marina, qui dislocato per la sua vicinanza al mare, e il Museo di zoologia adriatica Giuseppe Olivi, che espone la più antica collezione di animali marini del mar Adriatico. Sull'Isola di san Domenico invece, vi è la stazione idrobiologica Umberto D'Ancona, sede di ricerca dell'Università stessa.

Musei[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Museo Civico della Laguna Sud.
Il ponte di Vigo è l'ultimo ponte ad attraversare, a ridosso della laguna, il Canal Vena.
La pinacoteca.

Di rilievo culturale è il Museo Civico della Laguna Sud situato vicino alla cattedrale e a breve distanza dalla porta di Santa Maria, in Campo Marconi 1. Ospitato nell'ex convento di San Francesco fuori le mura, documenta l'evoluzione storico-ambientale e sociale del territorio chioggiotto.

Palazzo Grassi invece, nei pressi di ponte di Vigo, ospita il Museo di zoologia adriatica Giuseppe Olivi: un museo universitario aperto al pubblico, che offre l'opportunità di conoscere l'ambiente marino adriatico e i suoi organismi e di vedere da vicino un esemplare di squalo elefante di 8 metri.
Altro museo: il museo diocesano d'arte sacra. Ospita opere di Paolo Veneziano, Cima da Conegliano, Palma il Vecchio, Andrea Brustolon e l'ultima opera del Carpaccio, traslata dal santuario di San Domenico.
Presente anche una pinacoteca: la pinacoteca della Ss.ma Trinità nell'oratorio omonimo del 1500. Contiene tele di Andrea Vicentino e Pietro Damini.

Media[modifica | modifica sorgente]

Stampa[modifica | modifica sorgente]

I quotidiani locali venduti in città, che trattano di cronaca locale sono due: la Nuova Venezia e Il Gazzettino. Anche il Corriere della Sera edita un quotidiano locale: il Corriere del Veneto venduto come dorso veneto della famosa testata nazionale. A differenza degli altri quotidiani, il Corriere del Veneto non tratta di cronaca locale clodiense in maniera continuativa, ma solo in caso di notizie particolarmente rilevanti. Altri periodici diffusi in città sono: Il Dialogo (free press), La Piazza (mensile).

Eventi[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Palio della Marciliana.
  • In maggio si svolge la tradizionale Festa Popolare dedicata a Maria Ausiliatrice presso l'oratorio salesiano sito nella zona sud della città.
  • In giugno rievocazione storica in stile medievale (La Marciliana) con cortei storici e competizioni tra le antiche "contrade".
  • In luglio la Sagra del Pesce attrae numerosissimi turisti che possono scegliere tra ben 4 stand gastronomici menu caratteristici chioggiotti.
  • Nel 1979 Chioggia fu sede di una puntata della celebre trasmissione Giochi senza frontiere[22].
  • Nel 1984 il regista Salvatore Samperi girò le riprese del film erotico Fotografando Patrizia con Monica Guerritore. Da notare il primo piano della Porta di Santa Maria nei titoli di testa.
  • Nel 1990 Chioggia fu sede di una tappa del Festivalbar, all'epoca notissima manifestazione canora estiva.

Persone legate a Chioggia[modifica | modifica sorgente]

Geografia antropica[modifica | modifica sorgente]

Frazioni[modifica | modifica sorgente]

Brondolo[modifica | modifica sorgente]

Brondolo è una frazione del Comune di Chioggia, posta circa a 4 km a sud della stessa, contigua alla frazione di Sottomarina e delimitata a sud dal fiume Brenta.

Sant'Anna di Chioggia[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Sant'Anna di Chioggia.
La ferrovia Adria-Chioggia collega anche le frazioni di Cavanella d'Adige e Sant'Anna.

Sant'Anna di Chioggia è una frazione del Comune di Chioggia, posta circa a 8 km a sud della stessa e compresa tra due fiumi, il Brenta e l'Adige.

Ca' Bianca[modifica | modifica sorgente]

Dista 10 km dalla città clodiense (7 km in linea d'aria) ed è estesa per 730 metri.

Il centro del paese è costituito da una chiesa (dedicata a San Rocco), ad agosto si svolge La Sagra di San Rocco che è organizzata dal comitato parrocchiale.

Il territorio su cui sorge il paese è pianeggiante ed è caratterizzato prevalentemente da campi coltivati (le maggiori colture sono mais e barbabietola), alcune zone residenziali con notevoli villette e villette bifamiliari.

Ca' Bianca è collegata a Chioggia tramite la SP 7 e con il servizio di trasporto urbano dell'ACTV (linea 3).

Ospitava una base missilistica americana.

Ca' Lino e Isola Verde[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Isolaverde.

Ca' Lino e Isola Verde di Chioggia rappresentano una frazione della città di Chioggia, in provincia di Venezia. Distano, rispettivamente, 7 e 9 km dalla città clodiense (3 e 5 km in linea d'aria) e risultano essere collocate tra i delta dei fiumi Adige e Brenta, messi in comunicazione tra di loro da un canale chiamato "Busiola" che li unisce da sud verso nord.

Isolaverde (già Isola del Bacucco), è una località balneare affacciata sull'adriatico e rappresenta geograficamente un prolungamento naturale della spiaggia di Sottomarina interrotto dalle acque dalla foce del fiume Brenta

Ca' Lino e Isola Verde sono collegate a Chioggia tramite la SS 309 (Romea) e con il servizio di trasporto urbano dell'ACTV (linea 5).

Ca' Pasqua[modifica | modifica sorgente]

Ca' Pasqua di Chioggia è una frazione della città di Chioggia, facente parte della provincia di Venezia. Dista 6 km dalla città di Chioggia.

Cavanella d'Adige[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Cavanella d'Adige.

Il paese sorge sulla riva sinistra del fiume Adige che sfocia a Est, ad una decina di km, nel mare Adriatico e si trova al limite di separazione tra la provincia di Venezia da quella di Rovigo, situata a circa 13 km a sud di Chioggia, 4 a nord di Rosolina e 13 a nord di Porto Viro. Nei pressi dell'abitato si trova Riserva naturale Bosco Nordio nonché la Laguna di Caleri, fra la foce dell'Adige e quella del Po di Levante. Da Venezia dista 63 km, 44 da Rovigo, 60 da Padova e 22 da Adria.

Valli[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Valli (Chioggia).

Il paese sorge in terraferma sulla riva sinistra del fiume Brenta in corrispondenza di Valli sfocia in laguna con il braccio di Montalbano, situata a circa 13 km a ovest di Chioggia è attraversata dalla statale Romea.

Il centro del paese è costituito da una chiesa dedicata alla natività di Maria di cui, a settembre, si svolge una sagra commemorativa organizzata dal comitato parrocchiale.

Il territorio su cui sorge il paese è pianeggiante ed è caratterizzato prevalentemente da campi coltivati e alcune zone residenziali a villette bifamiliari.

Sottomarina[modifica | modifica sorgente]

Litorale di Sottomarina.
Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Sottomarina.

Sottomarina (in lingua veneta "Marina", in latino: "Clodia Minor") è un'importante località turistica e frazione del comune di Chioggia. La località, che fa parte integrante del tessuto urbano della città, è importante meta turistica balneare nel periodo estivo.

Economia[modifica | modifica sorgente]

La principale risorsa e fonte di sviluppo è la pesca che fa di Chioggia uno dei porti marittimi più importanti dell'Adriatico.

Altra fonte di reddito per questa città è data dalla produzione agricola di radicchio (Rosa di Chioggia).

Importante è l'attività portuale, che grazie al collegamento ferroviario (linea dedicata Verona-Rovigo-Adria-Chioggia) riesce a dare un valido supporto per lo scambio merci; dall'estate 2005 il porto grazie al servizio traghetti diventa anche terminal passeggeri con rotte verso la Croazia, a Spalato, per il trasporto non solo di merci ma anche di persone e autovetture.

Altre forme minori di reddito presenti nella città di Chioggia sono date dalle industrie del tessile, del legno e dalla molteplice presenza di piccoli cantieri navali (comunemente chiamati dalla gente del posto "squeri"), che si occupano della realizzazione e riparazione di pescherecci e barche in legno.

Turismo[modifica | modifica sorgente]

A Chioggia, più precisamente nelle frazioni di Sottomarina e Isolaverde, è presente un lido. La spiaggia di Sottomarina si estende dalla bocca di porto di Chioggia, fino alla foce del fiume Brenta, mentre la spiaggia di Isolaverde si estende dalla foce del fiume Brenta fino alla foce del fiume Adige. Lungo tutta la spiaggia vi sono rinomati stabilimenti balneari, i quali sono una risorsa economica per la città. La spiaggia è raggiungibile mediante il Lungomare Adriatico, una lunga via che consente di proseguire da Viale Mediterraneo verso gli stabilimenti balneari e le vie interne.

Non meno importante è il turismo culturale.

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica sorgente]

Un autobus urbano nel centro storico di Chioggia
La stazione ferroviaria di Chioggia

L'area urbana di Chioggia-Sottomarina costituisce una rete del trasporto pubblico locale in gestione ad ACTV. Recentemente il capolinea urbano che ospita tutte le corse circolari e pure quelle delle frazioni è stato spostato da Ridotto Madonna (Brondolo, area sud della città) all'Isola dell'Unione (Chioggia centro, area nord del territorio urbano) con l'intenzione di creare un polo di interscambio tra mezzi privati e mezzi pubblici (intesi sia come autobus, sia come natanti), sullo stile di Piazzale Roma anche se in dimensioni molto limitate.

Dal 1º luglio 2008 è stato introdotto un servizio innovativo per l'utenza: per collegare le frazioni e minimizzare il disagio provocato dalla ristrutturazione aziendale avviata nel gennaio 2008, è attivo il servizio Pronto?... Bus, un sistema di corse a chiamata in fasce orarie prefissate di cui tutta l'utenza può disporre con le stesse tariffe della rete ordinaria.

Mappa del SFMR, La Padova-Chioggia è inserita nella Terza Fase di interventi (versione 30 aprile 2008)

L'opera più imponente prevista nel piano del Sistema Ferroviario Metropolitano Regionale è la costruzione di una nuova strada ferrata da Padova a Chioggia passando per Padova Roncajette, Ponte San Nicolò, Legnaro, Piove di Sacco, Civè, Cà Bianca.[senza fonte]

Per quanto riguarda il trasporto extraurbano, è da ricordare la linea operata da Busitalia che collega Chioggia e Sottomarina alla città di Padova. Tale linea, effettuata tutti i giorni dell'anno, ha una cadenza di mezzora nei giorni e orari di punta, che sale a un'ora nei periodi di morbida.

Amministrazione[modifica | modifica sorgente]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
9 agosto 1988 29 luglio 1991 Lucio Tiozzo "Fasiolo" PSI sindaco [23]
29 luglio 1991 19 giugno 1992 Alberto De Muro - commissario prefettizio
30 luglio 1992 24 maggio 1993 Piero Gallimberti DC sindaco [24]
27 luglio 1993 6 dicembre 1993 Giuseppe Garzoni - commissario prefettizio
6 dicembre 1993 1º dicembre 1997 Sandro Boscolo "Todaro" Liga Veneta-Lega Nord sindaco [25]
1º dicembre 1997 28 maggio 2002 Fortunato Guarnieri centrosinistra (liste civiche) sindaco [26]
28 maggio 2002 12 giugno 2007 Fortunato Guarnieri centrosinistra (liste civiche) sindaco [27]
12 giugno 2007 1º dicembre 2010 Romano Tiozzo "Pagio" centrodestra (liste civiche) sindaco [28]
1º dicembre 2010 31 maggio 2011 Vittorio Capocelli - commissario prefettizio
31 maggio 2011 in carica Giuseppe Casson centrosinistra sindaco [29]

Gemellaggi[modifica | modifica sorgente]

Sport[modifica | modifica sorgente]

Oltre al giocatore di rugby Marco Bollesan, la città ha dato i natali a due grandi giocatori del Torino Football Club, Aldo e Dino Ballarin,[31] entrambi morti nell'incidente aereo che coinvolse la squadra del Grande Torino a Superga (vedi sciagura di Superga). In ricordo della scomparsa di Dino e del fratello Aldo Ballarin, il comune di Chioggia ha intitolato il proprio stadio comunale con il nome dei due atleti.

La principale squadra di calcio della città era la Chioggia Sottomarina, che aveva militato in Serie D. Ora è la Clodiense a portare i colori della precedente squadra e, anch'essa, gioca nella Serie D.

Tra gli sport più praticati nella città di Chioggia figurano le arti marziali: esistono infatti numerose palestre tra Chioggia e Sottomarina dedicate a queste discipline. Uno sport molto interessante e praticato è la vela. A Chioggia si svolgono manifestazioni regionali, e sono numerosi i corsi organizzati dai circoli del luogo e da associazioni nautiche di altre città del Veneto, tra cui la vicina Padova.

Ultimamente si sta diffondendo velocemente il beach tennis. Molti appassionati giocano assiduamente in molti bagni tra cui il Sand beachclub e il lido Mare Blu, dove vengono organizzati molti tornei avvincenti.

Galleria fotografica[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2010.
  2. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF) in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Ente per le Nuove Tecnologie, l'Energia e l'Ambiente, 1 marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  3. ^ AA. VV., Dizionario di toponomastica. Storia e significato dei nomi geografici italiani, Milano, Garzanti, 1996, p. 204.
  4. ^ Comuni veneti per popolazione. URL consultato il 7 luglio 2011.
  5. ^ http://www.parks.it/riserva.bosco.nordio/%7Csito ufficiale riserva naturale Bosco Nordio
  6. ^ Ordinanza del Presidente del Consiglio dei Ministri numero 3.274 del 20-03-2003.
  7. ^ erg7118.casaccia.enea.it/profili/tabelle/177%20%5BChioggia%5D%20capoluogo.Txt Tabella climatica
  8. ^ confedilizia.it - Clima Veneto. URL consultato il 22 aprile 2012.
  9. ^ Mura di contenimento e palafitte per la bonifica degli isolotti lagunari nella laguna del Lusenzo ed ancore in bronzo egee nei pressi dell'Isola di San Domenico.
  10. ^ Tale origine di Chioggia è validamente documentata da Vincenzo Bellemo nel "Il territorio di Chioggia" tip. Lodovico Duse, Chioggia 1893
  11. ^ M. Marcozzi, Chioggia, pp 7-9.
  12. ^ L. Padoan, cap V pp 15-17
  13. ^ M. Marcozzi, pp 15-28.
  14. ^ a b L. Padovan, cap XXIII.
  15. ^ L. Padovan, cap IX
  16. ^ a b c [1], Il Gazzettino 1º dicembre 2005.
  17. ^ Fonte: Auditoriumcasatenovo.com.
  18. ^ Video anni sessanta su Chioggia e Sottomarina (YouTube)
  19. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  20. ^ R. C., I «detti» sono cognomi, il Viminale «salva» migliaia di Boscolo in Corriere del Veneto, 14 novembre 2009. URL consultato il 26 febbraio 2011.
  21. ^ Fonte.
  22. ^ Jsfnet Italia - Edizione 1979
  23. ^ Eletto il 29 maggio 1988.
  24. ^ Eletto il 7 giugno 1992.
  25. ^ Eletto il 21 novembre 1993.
  26. ^ Eletto il 16 novembre 1997.
  27. ^ Eletto il 26 maggio 2002.
  28. ^ Eletto il 27 maggio 2007.
  29. ^ Eletto il 15 maggio 2011.
  30. ^ Info sul Gazzettino online.
  31. ^ Aldodinoballarin.com riporta ulteriori informazioni sui due giocatori.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Plinio il Vecchio, "Naturalis Historia", I secolo d.C.
  • Cassiodoro, "Epistulae theodericianae Variae", 525 d.C.
  • Comune di Chioggia, Chioggia: rivista di studi e ricerche, Veneta editrice, 1998.
  • Lorenzo Padoan, "Memorabili di Chioggia", Libreria editrice, 1997.
  • Mario Marcozzi, "Chioggia, l'XI e la XII isola della Serenissima", Multigrafica editrice, 1969.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Veneto Portale Veneto: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Veneto