Poveglia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Poveglia
L'ospedale
L'ospedale
Geografia fisica
Localizzazione Laguna di Venezia
Coordinate 45°22′54″N 12°19′54″E / 45.381667°N 12.331667°E45.381667; 12.331667Coordinate: 45°22′54″N 12°19′54″E / 45.381667°N 12.331667°E45.381667; 12.331667
Superficie 0,072788 km²
Geografia politica
Stato Italia Italia
Regione Veneto Veneto
Provincia Venezia Venezia
Comune Venezia-Stemma.png Venezia
Cartografia
Mappa di localizzazione: Laguna di Venezia
Poveglia

[senza fonte]

voci di isole d'Italia presenti su Wikipedia
L'isola di Poveglia

Poveglia è un'isola della Laguna Veneta posta a sud, di fronte a Malamocco lungo il Canal Orfano, che collega la bocca di porto di Malamocco con Venezia. La sua superficie è di 7,25 ettari, è quindi un'isola abbastanza grande nel contesto lagunare. Conta undici fabbricati.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Anticamente era denominata Popilia, probabilmente per la sua vegetazione (dal latino populus "pioppo") o in relazione alla vicina via Popilia-Annia, fatta costruire dal console romano Publio Popilio Lenate. Nelle antiche mappe cinquecentesche l'isola appare nominata anche nella forma Poveggia.

A seguito dell'invasione longobarda del VI secolo e della distruzione delle città dell'entroterra (in particolare Padova ed Este), divenne uno dei centri di reinsediamento delle popolazioni in fuga verso le coste. Divenuta borgo e sede di un castello, il centro contribuì efficacemente, tra l'809 e l'810, alla resistenza di Metamauco, l'antica capitale del ducato di Venezia, assediata dai Franchi. Gli abitanti di Popilia, per l'attiva parte avuta nella difesa dall'invasione franca, ricevettero una serie di privilegi, quali l'esenzione dalle tasse, dal servizio militare e dal remare nelle galee.

Nell'864 vi si insediarono le famiglie dei 200 fedelissimi servi di Pietro Tradonico che, in seguito alle rivolte scaturite dall'uccisore del doge, qui avevano ottenuto dal successore Orso I Partecipazio la concessione di terre e valli, con l'obbligo di censimento annuale e di atto d'omaggio da compiersi il secondo giorno di Pasqua, ed il diritto ad avere come governatore un castaldo ducale, affiancato da 27 consiglieri locali.

Poveglia era un centro florido, sia dal punto di vista economico che demografico. Le famiglie locali (Musso, Boyso, Barbalongolo ecc.) erano impegnate nella pesca e nella salinatura, con interessi anche a Chioggia e a Pellestrina. A livello ecclesiastico, faceva capo alla pieve di San Vitale[1]. La prosperità del centro è pure testimoniata dall'insediamento, durante il dogado di Bartolomeo Gradenigo, di un podestà la cui giurisdizione si estendeva anche sulle vicine Malamocco e Pellestrina[2][3][4].

La decadenza di Poveglia coincise con la guerra di Chioggia allorché si decise di evacuarne la popolazione a Venezia. Nonostante la costruzione di una fortificazione (ottagono Poveglia), l'isola fu ugualmente occupata dall'ammiraglio genovese Pietro Doria che da qui bombardò il monastero di Santo Spirito[5]. Al termine del conflitto Poveglia era completamente devastata e i suoi abitanti, in origine diverse centinaia, erano ridotti a poche decine[2][4].

I Povegliotti, tuttavia, mantennero per secoli la propria identità anche se ormai residenti a Venezia. Tradizionalmente impiegati nella pesca, furono fra i pochi a poter anche commercializzare i loro prodotti svolgendo la professione di compravendi pesce[6]. Assieme a quelli di Nicolotti e Arsenalotti, il loro rappresentante aveva il privilegio di sedere sul Bucintoro accanto doge nel corso della festa della Sensa[7]. Ebbero, inoltre, una propria confraternita (intitolata, non a caso, a San Vitale) con sede nella chiesa di San Trovaso e poi in quella di Sant'Agnese, nella cui parrocchia si concentrava la gran parte dei Povegliotti[8].

La Repubblica si interessò più volte al recupero dell'isola, offrendola ora ai camaldolesi (1527), ora agli stessi povegliotti (1661), ma ottenne sempre dei rifiuti[2]. Solo più tardi si decise di sfruttarne la vicinanza al porto di Malamocco (allora unico accesso alla laguna adatto alle grandi navi) adibendola a stazione per il rimessaggio e la sosta delle imbarcazioni e per l'immagazzinamento di attrezzature di bordo. In seguito le sue funzioni si orientarono sempre più verso fini sanitari: assegnata al Magistrato alla Sanità, dal 1782 le sue strutture servirono al controllo di uomini e merci e, all'occorrenza, da lazzaretto (le isole del Lazzaretto Vecchio e del Lazzaretto Nuovo erano divenute inadeguate). In due occasioni, nel 1793 e nel 1798, ospitò gli equipaggi di due imbarcazioni ammalati peste (furono probabilmente le ultime manifestazioni della malattia a Venezia)[2][4].

Mantenne le funzioni di stazione per la quarantena marittima per tutto l'Ottocento e fino al secondo dopoguerra. Nell'ultimo periodo gli edifici furono in parte adibiti a convalescenziario geriatrico, ma dal 1968 anche questo utilizzo venne dismesso e l'isola fu ceduta al Demanio[4][2].

Per un periodo i suoi terreni furono assegnati a un agricoltore, mentre gli edifici andavano progressivamente in rovina[2]. Da allora l'isola è stata oggetto di vari progetti di recupero che tuttavia non sono mai stati attuati.

Nel 1997 il Centro Turistico Studentesco e Giovanile presentò un piano per la realizzazione di un ostello della gioventù; nel 1999, di conseguenza, il Ministero del Tesoro escluse Poveglia dai beni da vendere ai privati e la riconsegnò al demanio perché venisse concessa al CTS, ma l'iniziativa non andò in porto[2].

Dal 2003 l'isola è gestita, come altre, da Arsenale di Venezia spa, compartecipata dal Comune di Venezia e dall'Agenzia del Demanio[9]. Nel 2013, assieme a San Giacomo in Paludo, Poveglia è stata messa in vendita per essere recuperata a fini turistici[10]; il 6 marzo 2014 l'Agenzia del Demanio inserisce l'isola in un elenco di beni in un "invito pubblico ad offrire"[11], cioè tramite asta con riserva di valutazione della convenienza economica a vendere da parte di una Commissione istituita all'uopo.

Nell'aprile del 2014 è nata un'associazione senza fini di lucro, Poveglia - Poveglia per tutti, con lo scopo di partecipare al bando del demanio per aggiudicarsi il possesso dell'isola per 99 anni e permetterne l'uso pubblico.[12]. Il 13 maggio 2014, giorno dei rilanci dell'invito pubblico ad offrire per Poveglia del Demanio, Luigi Brugnaro, patron di Umana, ha fatto l'offerta migliore di 513 000 euro[13]. La Commissione del Demanio ha però ritenuto incongrua l'offerta[14] e l'imprenditore, di conseguenza, si è opposto a questa decisione annunciando il proprio ricorso al TAR[15]

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica sorgente]

Dell'antica pieve di San Vitale resta il solo campanile, risparmiato dalle soppressioni napoleoniche perché adibito a faro[2][4]. L'orologio della torre, risalente al 1745 e oggi privo delle lancette, è opera di Bartolomeo Ferracina[16].

La chiesa di Poveglia fu un luogo di culto di una certa importanza in quanto vi si conservava un crocifisso in gesso e stucco del XV secolo ritenuto miracoloso; si trova oggi nella parrocchiale di Malamocco[17]. È andato perduto invece il Cristo condotto al Calvario, dipinto di Giulia Lama[18].

Diverse fonti indicano in Poveglia il luogo ove, nel 1510, fu seppellito Giorgione di Castelfranco[19][20][21][22][23], ma non c'è certezza. Un'altra fonte indica ad esempio l'isola del Lazzareto Nuovo quale luogo di sepoltura[24]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Luigi Lanfranchi, Gian Giacomo Zille, Il territorio del Ducato Veneziano dall'VIII al XII secolo in Storia di Venezia, Vol. 2, Venezia, International Centre of Arts and Costume, 1958, p. 34.
  2. ^ a b c d e f g h Archivio fotografico delle isole lagunari - Poveglia.
  3. ^ Franco Rossi, Bartolomeo Gradenigo in Dizionario Biografico degli Italiani, vol. 58, Roma, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 2002. URL consultato il 3 ottobre 2013.
  4. ^ a b c d e Giovanni Caniato, Eugenio Turri, Michele Zanetti, La laguna di Venezia, Cierre, 1995, pp. 431-432.
  5. ^ Giovanni Nuti, Luciano Doria in Dizionario Biografico degli Italiani, vol. 41, Roma, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 1992. URL consultato il 3 ottobre 2013.
  6. ^ Giuseppe Tassini, Curiosità Veneziane, note integrative e revisione a cura di Marina Crivellari Bizio, Franco Filippi, Andrea Perego, Vol. 2, Venezia, Filippi Editore [1863], 2009, ISBN 978-88-6495-063-1.
  7. ^ Federica Ambrosini, VIII - Cerimonie, feste, lusso in Storia di Venezia, Vol. 5 - Il Rinascimento. Società ed economia, Teccani, 1996.
  8. ^ Archivio di Stato di Venezia - Fraterna di S. Vitale, S. Trovaso (Gervasio) e S. Protasio dei povegliotti, scuola a S. Trovaso (SS. Gervasio e Protasio), 1417 - 1805
  9. ^ Dal 27 maggio 2013 la società è in liquidazione per l'uscita dalla stessa dell'Agenzia del Demanio.
  10. ^ Poveglia e San Giacomo concessioni difficili in la Nuova Venezia, 12 aprile 2013, p. 20. URL consultato il 3 ottobre 2013.
  11. ^ http://www.agenziademanio.it/export/download/demanio/AsteGare/140410_Avviso_V2.pdf
  12. ^ www.povegliapertutti.org Manlio Lilli, Venezia, Sos per l'isola di Poveglia. URL consultato il 16 aprile 2014.
  13. ^ Brugnaro compra l'isola di poveglia in il Gazzettino, 13 maggio 2014. URL consultato il 13 maggio 2014.
  14. ^ Poveglia, l'isolotto gioiello della laguna non sarà svenduto
  15. ^ Vera Mantegoli, Poveglia della discordia, Brugnaro ricorre al Tar in la Nuova Venezia, 25 giugno 2014, p. 17. URL consultato il 9 settembre 2014.
  16. ^ Paolo Preto, Bartolomeo Ferracina in Dizionario Biografico degli Italiani, vol. 46, Roma, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 1996. URL consultato il 3 ottobre 2013.
  17. ^ Marcello Brusegan, Guida insolita ai misteri, ai segreti, alle leggende e alle curiosità delle chiese di Venezia, Newton Compton, 2004, pp. 363, 366, ISBN 978-88-541-0030-5.
  18. ^ Maria Elena Massimi, Giulia (Giulia Elisabetta) Lama in Dizionario Biografico degli Italiani, vol. 63, Roma, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 2004. URL consultato il 19 ottobre 2012.
  19. ^ CATHOLIC ENCYCLOPEDIA: Giorgione
  20. ^ The Project Gutenberg eBook of Giorgione, by Herbert Cook, M.A., F.S.A
  21. ^ http://books.google.it/books?id=8pMxAQAAMAAJ&q=giorgione+poveglia&dq=giorgione+poveglia&hl=it&sa=X&ei=CO1jU-KKPM6b0wXi7IAY&redir_esc=y
  22. ^ http://books.google.it/books?id=mT6cugTMf2cC&q=giorgione+poveglia&dq=giorgione+poveglia&hl=it&sa=X&ei=CO1jU-KKPM6b0wXi7IAY&redir_esc=y
  23. ^ http://books.google.it/books?id=nNmB-GsVAFEC&pg=PA130&dq=giorgione+poveglia&hl=it&sa=X&ei=CO1jU-KKPM6b0wXi7IAY&redir_esc=y#v=onepage&q=giorgione
  24. ^ Il Giornale dell'Arte - Giorgione Gasparini, Figlio Di Giovanni

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Diehl, Charles: La Repubblica di Venezia, Newton & Compton editori, Roma, 2004. ISBN 88-541-0022-6
  • Romanin, Samuele: Storia documentata di Venezia, tipografia Pietro Naratovich, Venezia, 1861.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Venezia Portale Venezia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Venezia