Le baruffe chiozzotte

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Le baruffe chiozzotte
Commedia in tre atti
Autore Carlo Goldoni
Lingua originale dialetto veneziano
Prima assoluta fine gennaio 1762
Teatro San Luca di Venezia
Personaggi
  • Padron Toni (Antonio), padrone di tartana peschereccia
  • Madonna Pasqua, moglie di padron Toni
  • Lucietta, fanciulla, sorella di padron Toni
  • Titta-Nane (Giambattista), giovine pescatore
  • Beppe (Giuseppe), giovine, fratello di padron Toni
  • Padron Fortunato, pescatore
  • Madonna Libera, moglie di padron Fortunato
  • Orsetta (Orsolina), fanciulla, sorella di madonna Libera
  • Checca (Francesca), altra fanciulla, sorella di madonna Libera
  • Padron Vincenzo, pescatore
  • Toffolo (Cristoforo), battellaio
  • Isidoro, Coadiutore del Cancelliere Criminale
  • Il Comandador, Messo del Criminale
  • Canocchia, giovine che vende zucca arrostita
  • Uomini della tartana di padron Toni
  • Servitore del Coadiutore
 
« Sior sì, balemo, devertìmose, zà che semo novizzi; ma la sènta, lustrìssimo, ghe voràve dir dó parolètte. Mì ghe son obbligà de quel che l'ha fatto per mì, e anca ste altre novizze le ghe xé obbligae; ma me despiase, che el xé forèsto, e co'l va via de sto liógo, no voràve che el parlasse de nù, e che andasse fuora la nomina, che le Chiozotte xé baruffante; perché quel che l'ha visto e sentìo, xé sta un accidente. Semo donne da ben, e semo donne onorate; ma semo aliegre, e volemo stare aliegre, e volemo balare, e volemo saltare. E volemo che tutti posse dire: e viva le Chiozotte, e viva le Chiozotte! »
(Lucietta, atto III, finale)

Le baruffe chiozzotte (o Le baruffe chioggiotte o ancora, semplicemente, Le chiozzotte)[1] è una commedia scritta da Carlo Goldoni.

La sua prima messa in scena, annunciata per stampa da Piero Chiari sulla Gazzetta Veneta il 23 gennaio 1762[2], avvenne al teatro San Luca di Venezia alla fine dello stesso mese di quell'anno; fu poi ripresa in occasione del successivo carnevale veneziano.

Viene considerata una delle più riuscite opere goldoniane e fa parte - insieme ad altri capolavori come I rusteghi e La casa nova - delle cosiddette commedie di ambientazione veneziana, lavori conclusivi dell'esperienza italiana dell'autore prima del trasferimento a Parigi.

Il testo è stato trasposto per il teatro in musica in un'opera omonima di Gian Francesco Malipiero.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Opera corale, ambientata nella città lagunare e centro di pescatori di Chioggia (una Chioggia peraltro maggiormente lasciata intendere piuttosto che descritta nel senso letterale del termine), Le baruffe chiozzotte mette in scena - come commedia d'ambiente popolare ma anche commedia di conversazione (dove la parola si fa strumento di espressività teatrale) con pesanti debiti verso la commedia dell'arte - le schermaglie amorose di un gruppo di popolani inseriti in un contesto familiare e sociale particolarmente articolato e mossi da sinceri affetti dell'anima che bene descrivono una visione della coralità della vita[3]

Ad essere rappresentate sono figure del più basso strato sociale - i pescatori e le donne che stanno loro intorno - ma non per questo prive di una loro vivida umanità per le quali - nella visione della critica - ogni aspetto della vita diventa esso stesso commedia dalle lucide sottolineature esistenziali.

Sinossi[modifica | modifica wikitesto]

Lo spunto iniziale alla commedia viene, com'è del resto anticipato dal titolo, da una baruffa scatenata dal battelliere Toffolo, reo di aver civettato con alcune giovani. Lucietta, promessa sposa al pescatore Titta-Nane, è al ricamo ma accetta di buon grado la fetta di zucca arrostita che Toffolo le offre. Il gesto non è però gradito da Checca, oggetto dei corteggiamenti del battelliere Toffolo.

A interrompere questa prima disputa è l'arrivo della tartana di padron Toni.

Con il ritorno dalla pesca hanno avvio momenti di vita quotidiana (la vendita del pesce, le donne che riabbracciano i loro uomini) mentre, quasi ineluttabilmente, per le calli proseguono i pettegolezzi, preludio di nuovi litigi.

Lucietta si lascia andare ad alcune confidenze sulle avventure di Toffolo e lo stesso fa un'altra giovane, Orsetta, con un altro dei pescatori, Beppo: alla fine, nella baruffa sono coinvolti quasi tutti i mariti, i fratelli e gli amici del borgo. Beppo e Titta-Nane, a questo punto, prendendosela con Toffolo, dichiarano la loro intenzione di rompere il vincolo di fidanzamento.

A Toffolo non rimane che andare in Cancelleria per chiedere un intervento super partes del coadiutore del Cancelliere criminale, Isidoro, il quale interroga le ragazze rendendosi conto ben presto che si tratta di semplici putelezi, ovvero di cose di poco conto, ragazzate, si direbbe.

Dopo un ulteriore incontro con i maschi del villaggio, la disputa verrà accomodata fuori dalle aule di giustizia. Isidoro troverà una fidanzata per Toffolo e prima che la giornata si concluda, in un clima di festoso lieto fine, verranno celebrati ben tre [quasi annunciati] matrimoni: quello di Lucietta con Titta-Nane, quello di Orsetta e Beppo e quello di Checca con Toffolo.

Le rappresentazioni[modifica | modifica wikitesto]

Baruffe goldoniane, realtà come commedia

Chioggia, ponte sul Canal Vena
Chioggia - Calli e canali di questa città della laguna veneta meridionale fanno da scenario alle Baruffe

Composta in veneziano frammisto a parole ed accenti tipici di Chioggia (alcune parti sono in versi e comprendono scene di pura pantomima, peraltro in sintonia con gli schemi drammaturgici dell'autore), Le baruffe chiozzotte è stata l'ultimo lavoro scritto da Goldoni prima dell'interruzione della sua attività di commediografo a Venezia.

Fu scritta subito dopo Sior Todero brontolon ed ebbe curiosamente come interprete di una delle figure principali (quella di madonna Pasqua) l'attrice Bresciani originaria della Toscana ma che - parole dello stesso Goldoni - aveva bene penetrato il modo e la pronuncia veneziana e che riusciva bene sia nelle commedie di tono sostenuto che in quelle volgari[2].

La commedia figura ancora nei cartelloni di molti teatri: dopo un appannamento in termini di popolarità registrato nell'Ottocento, ha avuto un rilancio nel XX secolo grazie soprattutto ad una celebre edizione messa in scena a fine anni cinquanta - e registrata dalla allora debuttante televisione italiana - con protagonista l'attore Cesco Baseggio.

Fra i principali attori italiani che l'hanno interpretata - anche nell'allestimento diretto nel 1964[4] da Giorgio Strehler - si ricordano Lina Volonghi, Gianni Garko, Carla Gravina, Ottavia Piccolo, Corrado Pani, Tino Scotti, Mario Valdemarin, Giulio Brogi, Elio Crovetto, Ludovica Modugno, Donatella Cecarelli, Giasncarlo Mauri, Virgilio Gottardi.

Baruffe come commedia dell'arte[modifica | modifica wikitesto]

Ammirata da Goethe, che ebbe modo di assistere ad una sua rappresentazione in una replica del 1786 durante il suo viaggio in Italia[2][5], la commedia tende ad un recupero, da parte del suo autore, di un mondo popolare e reale, quindi ai limiti del pittoresco e comunque lontano da quella borghesia nobiliare allargata al medio ceto composta da locandiere e cavalieri fino ad allora messa in scena in altre opere (Le massere, I pettegolezzi delle donne e Il campiello, per citarne solo alcune).

L'unica figura non popolare della commedia è quella del coadiutore Isidoro - deus ex machina al quale si dovrà la ricomposizione delle baruffe con il lieto fine coronato dalla celebrazione di ben tre matrimoni risolutivi per il buon esito della vicenda - nel quale è possibile intravvedere il punto di vista, in soggettiva, dell'autore stesso, imbarazzato forse a prendere le distanze in maniera non equanime dai protagonisti principali, ovvero il popolino chioggiotto.

Chioggia, Canal Vena

Secondo quanto riferisce lo stesso Goldoni nelle sue Memorie, al debutto le Baruffe fecero registrare un notevole successo tanto che la commedia venne replicata per sette sere consecutivamente, cosa rara all'epoca. In realtà, la critica ufficiale dell'epoca e posteriore ha smorzato l'enfasi goldoniana riferendo di un successo discreto, anche se non eccellente[2].

È da tenere in conto anche il fatto che l'autore si trovava al centro, al tempo del debutto dell'opera, di un contenzioso artistico[2] con un autore coevo, Carlo Gozzi, che lo accusò esplicitamente di aver rappresentato in modo eccessivamente cordiale le bassezze del popolo: è pensabile che tale querelle non abbia giovato alla commedia in termini di buona stampa, procurando inoltre al suo autore il biasimo dei ceti maggiormente conservatori.

L'essere stata composta in vernacolo ha inoltre probabilmente impedito alla commedia goldoniana - almeno stando a certa critica - una maggiore diffusione, quanto meno nel passato, poiché dalla metà del Novecento, a parte le traduzioni in lingua inglese e in lingua tedesca e relativi allestimenti, vi sono state innumerevoli messe in scena in quasi tutti i paesi del bacino mediterraneo e nella ex Jugoslavia, in primo luogo in Croazia (con il titolo di "Baruffe tra pescatori") con azzeccate 'localizzazioni' nelle cittadine dalmate, in primo luogo a Spalato e a Ragusa (anche: Dubrovnik).

A parere del già citato Goethe, in ogni caso, non vi è dubbio che si tratti di un capolavoro - o meglio di un lavoro scritto da mano maestra[6] - tanto che gli elogi si sprecano, se è vero che:

« Anch'io posso dire finalmente di aver visto una commedia! Hanno rappresentato oggi, al Teatro San Luca, Le baruffe chiozzotte ... I personaggi, tutta gente di mare; abitanti del luogo, con le rispettive mogli, sorelle e figliuole. I soliti chiassi di questa gente, nei momenti di gioia come nell'ira, i loro pettegolezzi, la vivacità, la bonomia, la volgarità, l'arguzia, il buonumore, la libertà dei modi, tutto è egregiamente rappresentato. Anche questo lavoro è di Goldoni; da parte mia vi ho assistito con immenso piacere, tanto più che proprio ieri ero stato a Chioggia e gli orecchi mi ronzavano del vocio di quei marinai e di quegli scaricanti e i loro gesti mi stavano innanzi agli occhi. Qualche allusione particolare mi è certo sfuggita, ma nel complesso ho potuto tener dietro il lavoro benissimo. »

Per poi aggiungere:

« Non ho mai assistito in vita mia ad un'esplosione di giubilo come quella cui si è abbandonato il pubblico a vedersi riprodotto con naturalezza. È stato un continuo ridere di pazza gioia dal principio alla fine. Bisogna anche dire che gli attori hanno recitato a meraviglia. Si erano distribuite le parti a seconda dell'indole dei rispettivi temperamenti e come si vede abitualmente nella vera vita del popolo »

Baruffe sotto tutte le latitudini[modifica | modifica wikitesto]

Lo stesso Goldoni spiega[6] come il termine baruffa sia lo stesso tanto in linguaggio Chiozzotto, Veneziano e Toscano, significando confusione, una mischia, azzuffamento di uomini o di donne, che gridano, si battono insieme. Queste baruffe - annota ancora Goldoni presentando la sua opera - sono comuni fra il popolo minuto, e abbondano a Chiozza più che altrove poiché di sessantamila abitanti di quel Paese ve ne sono almeno cinquantamila di estrazione povera e bassa, tutti per lo più pescatori o gente di marina (nelle sue memorie Goldoni non esiterà infatti a definire la commedia popolare e plebea[2]).

L'ambientazione a Chioggia non è casuale e ha, anzi, una valenza specifica poiché - nelle parole dello stesso autore - questa è una città rispettabile. Specificando poi che:

« E non intendo parlare in questa Commedia che della gente volgare, che forma, come diceva, i cinque sesti della popolazione. Il fondo del linguaggio di quella Città è il Veneziano; ma la gente bassa principalmente ha de' termini particolari, ed una maniera di pronunziare assai differente. »

Chiosa ancora Goldoni, con la sottolineatura di non voler dare grammatica Chiozzotta:

« Accenno qualche cosa della differenza che passa tra questa pronunzia e la Veneziana, perché ciò ha formato nella rappresentazione una parte di quel giocoso, che ha fatto piacer moltissimo la Commedia. Il personaggio di Padron Fortunato è stato de' più gustati. È un uomo grossolano, parla presto, e non dice la metà delle parole, di maniera che gli stessi suoi compatrioti lo capiscono con difficoltà. Come mai sarà egli compreso dai Leggitori? E come potrà mettersi in chiaro colle note in pie' di pagina quel che dice di quel che intende dire? La cosa è un poco difficile. I Veneziani capiranno un poco più; gli esteri, o indovineranno, o avranno pazienza. Io non ho voluto cambiar niente né in questo, né in altri Personaggi; poiché credo e sostengo, che sia un merito della Commedia l'esatta imitazione della natura. »

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ ISBN 88-06-06783-4
  2. ^ a b c d e f Fonte: Classicitaliani.it - Giuseppe Bonghi: Introduzione a Le baruffe chiozzotte di Carlo Goldoni / Testo della commedia.
  3. ^ Approfondimento su Rcvr.org.
  4. ^ Dettagli su Archivio.piccoloteatro.org.
  5. ^ Ebbe a commentare, Goethe, in quella circostanza:
    « Ho assistito allo spettacolo con infinito piacere tanto più che ieri sono stato a Chioggia e gli orecchi risuonano ancora dell'allegro brusìo di quella gente, le cui espressioni e i cui gesti son qui, dinnanzi agli occhi miei. »
  6. ^ a b Fonte: Apriteilsipario.it.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]