Concordia Sagittaria

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Concordia Sagittaria
comune
Concordia Sagittaria – Stemma
Concordia Sagittaria – Veduta
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Veneto-Stemma.png Veneto
Provincia Provincia di Venezia-Stemma.png Venezia
Amministrazione
Sindaco Claudio Odorico (lista civica Per Concordia) dal 26-5-2014
Territorio
Coordinate 45°46′00″N 12°51′00″E / 45.766667°N 12.85°E45.766667; 12.85 (Concordia Sagittaria)Coordinate: 45°46′00″N 12°51′00″E / 45.766667°N 12.85°E45.766667; 12.85 (Concordia Sagittaria)
Altitudine m s.l.m.
Superficie 66,84 km²
Abitanti 10 716[2] (31-12-2010)
Densità 160,32 ab./km²
Frazioni Cavanella, Paludetto, Sindacale, Teson[1]
Comuni confinanti Caorle, Portogruaro, San Stino di Livenza
Altre informazioni
Cod. postale 30023
Prefisso 0421
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 027011
Cod. catastale C950
Targa VE
Cl. sismica zona 3 (sismicità bassa)
Cl. climatica zona E, 2 649 GG[3]
Nome abitanti concordiesi
Patrono santo Stefano
Giorno festivo 3 agosto
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Concordia Sagittaria
Posizione del comune di Concordia Sagittaria nella provincia di Venezia
Posizione del comune di Concordia Sagittaria nella provincia di Venezia
Sito istituzionale

Concordia Sagittaria (Cuncuardia in veneto locale[4]) è un comune italiano di 10.716 abitanti[5] della provincia di Venezia, in Veneto.

Per la Chiesa cattolica, Concordia conserva tuttora la storica dignità di sede di cattedrale, benché attualmente la residenza del vescovo della diocesi di Concordia-Pordenone sia a Pordenone.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Importante centro romano Iulia Concordia, fondata nel 42 a.C. presso l'incrocio della Via Annia con la Via Postumia. In epoca romana fece parte della Regio X Venetia et Histria. Dopo le invasioni barbariche entrò a far parte del Ducato Longobardo di Cividale; nel Medioevo fu parte integrante prima della Marca del Friuli e poi del Patriarcato di Aquileia. Nel 1420 venne annesso assieme all'intera regione friulana alla Repubblica di Venezia. Nel 1838 Concordia venne scorporata dalla "Patria del Friuli" per essere aggregata alla Provincia di Venezia. Si tratta di un centro da sempre sospeso tra Veneto e Friuli: anche oggi, pur essendo amministrativamente veneto, gli abitanti autoctoni parlano un dialetto di tipo friulano occidentale (il "friulano concordiese") e possiedono tradizioni di origine friulana[senza fonte].

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[6]

Etnie e minoranze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Gli stranieri residenti nel comune sono 493, ovvero il 4,6% della popolazione. Di seguito sono riportati i gruppi più consistenti[7]:

  1. Romania Romania, 105
  2. Marocco Marocco, 63
  3. Albania Albania, 39
  4. Macedonia Macedonia, 37
  5. Serbia Serbia, 37
  6. Moldavia Moldavia, 36
  7. Ucraina Ucraina, 27
  8. Kosovo Kosovo, 25

Persone legate a Concordia[modifica | modifica wikitesto]

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
2007 2008 Pietro Signoriello - Comm. pref.
2008 2009 Marco Geromin Democratici per Concordia Sindaco
2009 2009 Maria Carmela Librizzi - Comm. pref.
2009 26 maggio 2014 Marco Geromin lista civica Sindaco
26 maggio 2014 in carica Claudio Odorico lista civica Per Concordia Sindaco

Galleria fotografica[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Comune di Concordia Sagittaria - Statuto.
  2. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2010.
  3. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF) in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Ente per le Nuove Tecnologie, l'Energia e l'Ambiente, 1 marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  4. ^ Antica leggenda di Concordia Sagittaria scritta e tradotta in dialetto dagli alunni della Scuola primaria "Ottaviano Augusto". URL consultato l'11 novembre 2011.
  5. ^ Fonte: ISTAT - Bilancio demografico al 31/12/2010 [1].
  6. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  7. ^ Bilancio Demografico e popolazione residente straniera al 31 dicembre 2010 per sesso e cittadinanza, ISTAT. URL consultato il 21 ottobre 2012.