Pietro Tribuno

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Pietro Tribuno
Doge di Venezia
Doge Pietro Tribuno.png
In carica 887-911
Predecessore Pietro I Candiano
Successore Orso II Participazio

Pietro Tribuno (... – 911) fu, secondo la tradizione, il diciassettesimo Doge della Repubblica di Venezia.

Nipote di Pietro Tradonico, proveniva da una delle famiglie più importanti del Ducato. Succedette a Pietro I Candiano.

Il suo dogado si caratterizzò per una poderosa invasione degli Ungari, che riuscì vittoriosamente a respingere attraverso varie opere di difesa (tra cui le mura di Rialto). Nonostante ciò, la città di Altino venne distrutta, come testimoniato da un placito dell'anno 900: «ecco che venne l'abate del monastero di Santo Stefano altinate, Joanicio, sopraggiunto nel pianto e con angoscia ad esporre i danni del suo cenobio e che i suoi possedimenti erano stati spopolati, poiché i coloni erano stati uccisi dagli ungari o erano fuggiti».

Per i suoi meriti fu acclamato come "liberatore" dal popolo e l'Imperatore d'Oriente lo fregiò del titolo di protospatario.

Durante la sua reggenza iniziò la costruzione del Campanile di San Marco.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Doge di Venezia Successore Flag of Most Serene Republic of Venice.svg
Pietro I Candiano 887-911 Orso II Participazio