Lido di Venezia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Lido
Vista del Lido dalla Laguna
Vista del Lido dalla Laguna
Geografia fisica
Localizzazione Laguna Veneta
Coordinate 45°23′02″N 12°20′55″E / 45.383889°N 12.348611°E45.383889; 12.348611Coordinate: 45°23′02″N 12°20′55″E / 45.383889°N 12.348611°E45.383889; 12.348611
Superficie ca. 4 km²
Altitudine massima m s.l.m.
Geografia politica
Stato Italia Italia
Regione Veneto Veneto
Provincia Venezia Venezia
Comune Venezia-Stemma.png Venezia
Demografia
Abitanti 17.265 (16-06-2011)
Etnico lidensi
Cartografia
Mappa di localizzazione: Laguna di Venezia
Lido

[senza fonte]

voci di isole d'Italia presenti su Wikipedia

Il Lido di Venezia (anche detto semplicemente Lido) è una sottile isola che si allunga per circa 11 km tra la laguna di Venezia ed il mare Adriatico, delimitata dai porti di San Nicolò e Malamocco, collegata alla città ed alla terraferma solamente mediante vaporetti di linea e motozattere per il trasporto di veicoli (ferry-boat).
È una delle poche isole della laguna su cui sono presenti strade carrozzabili; è presente anche un piccolo aeroporto turistico.
Con la vicina isola di Pellestrina costituisce una municipalità del comune di Venezia.

Il toponimo Lido si riferisce, nello specifico, al centro abitato principale, distinto da altre località dell'isola come Malamocco e gli Alberoni.

Storia[modifica | modifica sorgente]

In antico noto come Lido Bovense o di San Nicolò (ma anche Lido di Olivolo o di Rialto o semplicemente, Lio), risultava limitato, a sud, dal porto di Malamocco, poi interrato (ora lo stesso nome è dato al porto degli Alberoni).

Dai tempi più antichi, nella parte settentrionale dell'isola sorgeva l'abbazia benedettina che in seguito servì per ospitare le spoglie di San Nicolò, patrono dei naviganti. Non lontano dalla chiesa, un piccolo appezzamento era assegnato sin dal 1389 dalla Repubblica di Venezia alla sepoltura degli Ebrei (il cimitero, di notevole interesse, è oggi restaurato e reso visitabile).

Mentre Malamocco fu uno dei centri principali della Laguna (ma un terribile cataclisma, forse un maremoto, la fece decadere nel XII secolo), la parte settentrionale non fu mai molto abitata. Solo nel Seicento vide svilupparsi un abitato attorno alla nuova chiesa di Santa Maria Elisabetta, ma ancora a metà Ottocento l'isola era un'area campestre coltivata ad orti. Anche per questo fu molto apprezzata da poeti e scrittori, che la scelsero come meta o residenza (si ricordino George Gordon Byron e Thomas Mann).

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica sorgente]

Il litorale dell'isola è caratterizzato dai settecenteschi Murazzi, opera di difesa dal mare, che si estendono dagli Alberoni fino quasi al piazzale del Casinò. Qui sorgeva un tempo il vecchio forte delle Quattro Fontane (prima metà XIX secolo), ma dagli anni trenta è stato sostituito da costruzioni moderne come il Casinò appunto e dal Palazzo del Cinema, sedi ideali per i numerosi eventi culturali e mondani ospitati dalla città tra i quali spicca per importanza la Mostra del Cinema.

Verso il centro dell'isola, l'architettura si fa ricca di edifici in stile liberty e di parchi verdi. Via di comunicazione principale è il Gran Viale Santa Maria Elisabetta, la larga strada alberata che percorre perpendicolarmente l'isola dalla laguna al mare. Nella zona si intersecano alcuni canali, in effetti suddividendo il Lido in sub-isole similmente ad altre località della Laguna.

L'antico centro di Santa Maria Elisabetta si affaccia sulla laguna e conserva parecchi edifici di fine Ottocento oltre all'omonima chiesa. In questa località, fiancheggiando la laguna si incontra il Tempio Votivo, eretto dopo la prima guerra mondiale in memoria dei caduti e dove riposano le spoglie di Nazario Sauro e Giovanni Grion.
Percorrendo la riviera San Nicolò, fiancheggiata da edifici liberty, si raggiunge la località San Nicolò dove si trova la più grande fortificazione dell'isola (il Ridotto del Lido) e dove è possibile ammirare l'antica chiesa, ricostruita nel Seicento: il giorno dell'Ascensione è qui che la Serenissima celebrava lo Sposalizio del Mare, cerimonia che ancora oggi si ripete annualmente nel mese di maggio.

Nella parte opposta dell'isola, sul lato del mare, si trova invece il Lungomare, molto suggestivo, consiste in un lungo viale che costeggia la spiaggia fiancheggiato da pini marittimi che dalla zona dell'ex Ospedale Al Mare, a San Nicolò, conduce sino all'inizio dei Murazzi.

La spiaggia[modifica | modifica sorgente]

La spiaggia nei pressi dell'Hotel Excelsior

La spiaggia del Lido deve la sua fama alle dune naturali di sabbia fine e dorata ed all'acqua pulita e ferma, resa tale dalla protezione delle due dighe foranee di S. Nicolò (a Nord) e quella detta degli Alberoni (a Sud), e dalle numerose altre dighe che partono dalla riva di fronte ad ogni stabilimento balneare dette pennelli.
Alle due estremità si allungano appunto nel mare le due dighe summenzionate che limitano i canali d'ingresso alla laguna per i trasporti marittimi che si dirigono al Porto di Venezia.

Le opportunità offerte dal Lido sono varie, dagli arenili "liberi" di S. Nicolò e degli Alberoni, caratterizzati dall'habitat faunistico naturale delle antiche dune sabbiose, fino agli scogli dei "Murazzi" e agli stabilimenti balneari della parte centrale dell'isola, caratterizzati dalle tipiche capanne, grandi cabine con la veranda e la tenda aggiunte alla struttura chiusa, che portano i colori caratteristici dello stabilimento a cui appartengono.

Il primo stabilimento risale al lontano 1857: il "Grande stabilimento balneario eretto sull'Onda viva del Mare". La parte centrale dell'isola cominciò ad animarsi di visitatori, che si fecero sempre più numerosi.

Centri abitati[modifica | modifica sorgente]

Gli abitati dell'isola (da nord a sud) sono:[1]

  • Lido, 15.154 ab.
  • Malamocco, 1.134 ab.
  • Alberoni 977 ab. (porto di partenza/arrivo del ferry-boat per la vicina isola di Pellestrina e per la città di Chioggia)

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica sorgente]

Dal 1900 al 1940 al Lido fu attiva una rete tranviaria, elettrificata nel 1907 quando venne presa in gestione a cura della Compagnia Italiana Grandi Alberghi.

Dal 1941 al 1966 la funzione della tranvia fu svolta da una rete filoviaria, gestita dalla Azienda Comunale Navigazione Interna Lagunare (ACNIL).

Sport[modifica | modifica sorgente]

L'attività sportiva svolta maggiormente al Lido è quella del calcio, con l'A.S.D. Lido di Venezia Calcio, che milita nel girone N di Seconda Categoria, si occupa del settore giovanile per l'area del veneziano e vanta collaborazioni con le più importanti realtà regionali. Fu fondata nel 1999. L'A.C.D.F. Net.Uno Venezia Lido è una squadra femminile è la continuazione del Nettuno Lido che nel 2010 ha cessato ogni attività come prime squadre maschili e calcio femminile Nettuno Lido che oggi è una società di solo settore giovanile. La compagine femminile nella stagione 2010/2011 ha disputato il campionato di serie C giungendo seconda nel suo girone e venendo ammessa nella successiva stagione 2011/2012 al campionato nazionale serie A2 dovendo però retrocedere a fine stagione nuovamente in serie C . Nel 2012/2013 la serie C regionale è trasformata in interregionale e il Net.uno vince il girone e conquista il ritorno in A2 che dalla stagione 2013/2014 prenderà il nome di B Nazionale questo comporterà per regolamento il dover lasciare il campo storico dell'isola e il probabile approdo per le gare casalinghe allo stadio di Sant'Elena P.Luigi Penzo. Sull'isola vi sono anche due squadre di calcio amatoriale.

Nelle varie palestre del Lido di Venezia si svolgono attività di pallacanestro; due sono le principali società: la Virtus Lido, fondata nel 1965, e la Venezia Basket Club. Pallavolo con la società P.G.S. Hyades, fondata nel 1988, che si occupa ora anche di karate. Tiro con l'arco con la società Arcieri del Leon, dalla quale è uscita l'olimpionica di Seoul 1988 Giovanna Aldegani, classificatasi 14ª nella finale assoluta. C'è una bocciofila vicino al palazzo del Casinò, nata nel 1919. Ci sono tre società tennistiche: T.C. Ca' del moro, T.C. Venezia e T.C. Lido. Il Circolo ippico veneziano San Marco, nato nel 1960, e il nuovissimo Circolo ippico Lido del 2007. Diverse palestre per il fitness e il culturismo. Un circolo di bridge.

A Città Giardino sono presenti un campo da rugby, dove gioca il Rugby Lido Venezia, il quale milita in serie C, e un pattinodromo, abilitati e utilizzati anche per gare internazionali; agli Alberoni si trova un enorme campo da golf, utilizzato anch'esso per competizioni importanti.
A Ca' Bianca si trova una piscina regolamentare per la pratica del nuoto, di recente costruzione. Tra i nuotatori famosi, nati al Lido di Venezia, si segnalano Rossella Pescatori (più volte campionessa italiana e nazionale nei 100 e 200 rana) e il fratello Fabrizio Pescatori (Campione del Mondo di nuoto di fondo a Perth 1998).
Inoltre, come in tutte le località della laguna, sono presenti società remiere per la pratica della voga, del canottaggio e della canoa (la Canottieri Diadora a Ca'Bianca, la remiera di Malamocco a Malamocco e il Club Nautico San Marco alle Terre Perse).

Per quanto riguarda il ciclismo, il 17 maggio 1997 la prima tappa del Giro d'Italia 1997 si è conclusa al Lido di Venezia con la vittoria di Mario Cipollini. Dodici anni dopo, il 9 maggio 2009, si è svolta la prima tappa del Giro d'Italia 2009 sotto forma di cronometro a squadre, che ha visto trionfare il britannico Mark Cavendish del Team Columbia.
Vengono inoltre praticate con frequenza la pesca sportiva e le immersioni subacquee. Tutte queste attività rendono il Lido di Venezia uno dei luoghi dove si pratica attività sportiva a 360 gradi.

Galleria fotografica[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ http://www.comune.venezia.it/flex/cm/pages/ServeAttachment.php/L/IT/D/D.5f4777e4eb35111383f4/P/BLOB%3AID%3D8719

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

  • Il telegiornale del Lido di Venezia, un importante progetto multimediale con uscita settimanale che si occupa delle principali notizie sul Lido e Venezia Lido di venezia TV

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]