Casinò di Venezia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ca' Vendramin Calergi
Ca' Vendramin Calergi.jpg
La facciata di Ca' Vendramin Calergi, sede del Casinò di Venezia
Ubicazione
Stato Italia Italia
Regione Veneto Veneto
Località Venezia
Indirizzo Lido di Venezia
Informazioni
Condizioni In uso
Realizzazione
Proprietario Comune di Venezia
 

Il Casinò di Venezia è la casa da gioco più antica d’Italia, d’Europa e del Mondo.

La Storia[modifica | modifica sorgente]

La prima casa da gioco veneziana, (il Ridotto di San Moisè), è nata nel capoluogo veneto nel 1638. Alla fine degli anni Trenta del Novecento, viene inaugurato il Casinò di Venezia al Lido. Negli anni Cinquanta apre anche la sede del Centro Storico a Ca' Vendramin Calergi, un palazzo che si affaccia sulla principale via d'acqua di Venezia, il Canal Grande, dove tuttora il Casinò di Venezia dimora. Nel 1999 è stata inaugurata una nuova sede, Ca' Noghera, primo casinò all'americana aperto in Italia.

Le due sedi[modifica | modifica sorgente]

Attualmente le due sedi del Casinò di Venezia sono Ca’ Vendramin Calergi, palazzo rinascimentale affacciato sul Canal Grande in pieno centro città, residenza di dogi e ultima abitazione di Richard Wagner, e Ca’ Noghera, una moderna struttura di oltre 5000 mq, vicino all'aeroporto Marco Polo.

I giochi[modifica | modifica sorgente]

A Ca’ Vendramin Calergi si trovano tavoli da gioco di tradizione francese (Chemin de Fer, Punto Banco, Roulette Francese), di matrice americana (Caribbean Poker, Fair Roulette, Black Jack) e slot machines. A Ca’ Noghera sono presenti oltre 550 slot machines ed i principali giochi di tavolo americani e francesi: Fair Roulette, Black Jack e Caribbean Poker, Punto Banco, Chemin de Fer e Roulette Francese. È presente, inoltre, una poker room dedicata ai tornei di Texas Hold ’em Poker.

La gestione[modifica | modifica sorgente]

In Italia il settore del gioco d’azzardo è soggetto ad una rigorosa regolamentazione da parte dello Stato; l’autorizzazione alla gestione delle case da gioco - in deroga alle leggi penali vigenti - è concessa a soli quattro enti pubblici, tra cui il Comune di Venezia. Il soggetto giuridico autorizzato all'esercizio del gioco d’azzardo nel territorio comunale di Venezia è il Comune di Venezia, quale unico destinatario dell’autorizzazione del Ministero dell’Interno del 16 luglio 1936. A partire dal 1997 la gestione della Casa da Gioco è stata affidata a CMV, società interamente partecipata del Comune di Venezia, mediante la stipula di una convenzione ai sensi della quale CMV tratteneva, a titolo di remunerazione dell’attività di gestione della Casa da Gioco, una quota degli incassi di gioco realizzati. In data 1 Ottobre 2012, tutti gli asset operativi - escluse le Sedi - della Casa da Gioco sono state trasferiti da CMV ad una newco denominata Casinò di Venezia Gioco S.p.A., cui è stata altresì affidata la gestione del Servizio per effetto del subentro alla convenzione in essere.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Marcello Brusegan. La grande guida dei monumenti di Venezia. Roma, Newton & Compton, 2005. ISBN 88-541-0475-2.
  • Guida d'Italia – Venezia. 3a ed. Milano, Touring Editore, 2007. ISBN 978-88-365-4347-2.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]